mercoledì 11 gennaio 2012

39

Me l'ho imparato sul manuale delle Giovani Marmotte - 2

Era il tema portante di uno strepitoso sketch del comico romano Maurizio Battista. Ma, più che altro, era il dramma di millemila ragazzini in libertà vigilata sul bagnasciuga, con una mano a reggere l'altra dietro la schiena e lo sguardo perso tra le onde e l'infinito. Centinaia di spiagge tutt'attorno allo stivale, milioni di famiglie, sempre lo stesso problema: quante ore dopo la merenda si poteva fare, sto cacchio di bagno? Fortuna che anche in questo caso a dare una mano, a convincere madri secondine apprensive e severi padri direttori dell'istituto di pena, ci pensava il fido Manuale delle Giovani Marmotte. Cioè, più o meno […]

Il fatto è che la casistica presa in esame dal sesto MdGM (1985) era in questo caso evidentemente, purtroppamente un punto riferimento un attimo troppo vago. Cioè, qui non si parlava del Cucciolone o, in subordine, di una doppietta di Camillini supplenti. O di una cofana di brioscine motta. Nemmeno di una fresina col pomodoro con un Billy alla mela. Niente. E, ecco, non sai agli altri, ma il fatto è che a te non capitava molto di frequente di trovarti a fare il bagno dopo aver consumato della verza, un merlano (non credi di aver mai visto un merlano in vita tua, ma potresti sbagliarti), un'anatra e soprattutto del montone. Ok che sei calabrese, ma a tutto c'è un limite, ecchemeenchia.

POST PRECEDENTI:
Me l'ho imparato sul manuale delle Giovani Marmotte - 1



39 commenti:

  1. Chi non ha mai mangiato una bella porzione di montone stufato inspiaggia a Ferragosto....

    RispondiElimina
  2. a me non facevano fare neanche la doccia dopo pranzo, mai sia annegassi

    RispondiElimina
  3. ma cosa cazzo è un " merlano"?

    RispondiElimina
  4. Edit: trovato! No, niente è solo un pesce... "Il merlano o Molo (Merlangius merlangus) è un pesce facente parte della famiglia Gadidae." (da wiki)

    eppure dal nome a me sapeva di frutto (o al limite d'ortaggio)... vabbè

    RispondiElimina
  5. Era in occasioni come queste che la mia abitudine di non fare mai colazione dava i suoi risultati imgliori.
    Comunque dalla mie parti e' abbastanza comune trovare famiglie che tirano fuori una TEGLIA di pasta al forno o equivalente durante il pranzo in spiaggia!

    RispondiElimina
  6. Si portava molto, nell'estate dell'85. Come contorno del montone.

    RispondiElimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  8. Questi mi sa che hanno confuso il comune bagnante con un commensale di un pranzo di nozze in estate XD

    RispondiElimina
  9. E' per questo che esisteva il Super Santos (oltre che fratturare violentemente gli zebedei agli altri bagnanti).
    @Speedwago: la teglia di pasta al forno è il piatto per eccellenza di tutte le giornate al mare.

    RispondiElimina
  10. Non vorrei sbagliare ma credo il merlano sia quello che noi in toscana chiamiamo "morgano". Non è tanto buono è un merluzzo più pastoso.
    Ma che se magnavano ste marmotte a merenda?

    RispondiElimina
  11. ma anche le fragole, in spiaggia ad agosto, vanno via come il pane, eh.

    RispondiElimina
  12. ma l'illustrazione inquieta solo me? con lo zio paperino che si butta in acqua e il nipotino che gli snocciola a tradimento magna cum saccenza che doveva aspettare ancora e che affonderà come un sasso annegando in un mare infestato da merlani?

    RispondiElimina
  13. Mia mamma imponeva a me (e a tutti i bambini del vicinato, che è prof si è sempre visto lontano un miglio) almeno un'ora tra la misera fetta di pane e marmellata che era stata la merenda e il bagno in mare.

    Negli anni successivi ho visto i miei cuginetti sgranocchiarsi pizze ripiene e scatole di merendine già con i piedi in ammollo -.-

    RispondiElimina
  14. Almeno il ghiacciolo o un generico "gelatobiscotto" potevano metterlo

    RispondiElimina
  15. "merlano" è l'offesa del 2012

    domani in ufficio darò a tutti del merlano, vedrete se non mi denunciano


    però potrebbe essere anche un vinello del nord Italia, da servire rigorosamente freddo
    "gradisce un Merlano del 97?"

    sì, suona bene dai

    RispondiElimina
  16. Ehi tu merlano, levale le mani di dosso !

    RispondiElimina
  17. Marò che compresse di pedagogia orticante da manuale della signorina Rottenmeier! Perchè, con la scusa di darti tutte le indicazioni dei tempi di digestione/nuotata (oltre che è un falso mito -come i coccodrilli nelle fogne di New York- la congestione dopo il pasto che ci muori ammare), con questa scusa, appunto, ti rifilano il ricettario delle cose che è bene mangiare per una corretta e bilanciata crescita psicofisica... Brrr... che già da bimbo non puoi 'mbriacarti, non puoi fumare, drogarti (non come i fortunati bimbi dei ghetti di New York, che già si girano le canne con i coccodrilli delle fogne), non puoi dire le parolacce, bestemmiare, vedere le cose porno: ti tolgono pure l'iperobesità infantile! Ma poi lo credo che mangiano e si vogliono cacciare in mare. Cercano il suicidio!
    Meno male che il messaggio pedagogico-buonista di questo post, è compensato dall'immagine di quello precedente, dove vedere un esibizionista ignudo tutto blu, accanto ad un coniglino morbidino, non è proprio scuola Montessori. Ecco, diciamo.

    Vi dico solo che nel nuovo Rat-Man (l'88) uscito ieri, letto 2 ore fa, prima di questo post del Doctor di Manhattan (che anche lui sta con i coccodrilli), il fondatore dell "Scuola di Hogwarts" di Rat-Man è il "Mago MerlANO" °_° "In grado di far sparire zucchine, anche di grandi dimensioni...", "Và che bel ritratto!", "Và come sorride!"...

    Comunque, se ti spari i cibi della tabella 2h (merlano, ciliege, prugne, mele, banane, uova) dopo 2 ore puoi fare si il bagno, ma ti spari fuori una dirrea gialla in mare, che ti vengono a galla i merlani con la pancia all'insù!

    RispondiElimina
  18. ahah, mitico il manuale! E bella la colonna solo per il cavolo, quindi da domani niente più contenitori di cavolo in piscina, che peccato.

    Sempre odiato questa stronzata, ancora oggi devo sopportare tutta la mia famiglia che rompe con sta storia ..
    Che poi chiedo «ma che succede? hai provato? moriii? vomitii?» ma risposte non ce ne sono, se non «non lo devi fare!».

    ps.: testato mangiando roba completamente a mollo (dolci, non pasta o verdure) e sono ancora qui, come tutti i miei amici tedeschi.
    Saremo amici di Gesù ^_^

    RispondiElimina
  19. Uno dei motivi per cui a mia madre perdonerò tutto quando sarà vecchissima e con l'alzheimer è che non mi ha mai fatto aspettare più di 30 minuti per fare il bagno dopo mangiato. Potevo aver mangiato un blocco di marmo ricoperto di burro che ero libero di buttarmi in acqua dopo una mezz'oretta. Grazie mamma.

    RispondiElimina
  20. ma infatti i cugini facevano bene, che l'unico modo era mangiare direttamente a mollo per non dover temere blocchi digestivi o altro. soprattutto a mangiare il merlano direttamente alle sogliole di casa sua.

    lo sguardo di Paperino mostra quanto apprezzi la tempestività del nipotame nel leggere le cose sul manuale giusto un attimo dopo il momento opportuno.

    p.s.: NO SPOILER SU RAT-MAN a TRADIMENTO, grazie U_U

    RispondiElimina
  21. Se servono scansioni da il Manuale di Quio Quo Qua e Il Manuale del Gran Mogol (tipo Come Evitare di Starnutire, Come Pulire le Carte da Gioco e i Dischi, Come Salvarsi dalle Valaghe Nuotando nella Neve) non hai che da chiedere, Doc!

    RispondiElimina
  22. @ buonsenso. Pardon, per Rat-Man, se succede avvertirò o eviterò direttamente (ma era veramente singolare questa cosa del merlano °_°)

    Ma non è un spoiler, non c'entra con la trama, è solo una battuta, è solo una risata. È come se fosse spoiler una barzelletta che non conosci, e non potessi dirla per questo :D . Comunque scusa, starò attento (così imparo ad essere moderatore^^)

    RispondiElimina
  23. Ma se sei calabrese il limite magari è la parmigiana multistrato atomica, accompagnata sobriamente da una fettina panata leggermente strafritta e come dessert, scaledde a go go che ci stanno sempre bene ed essendo fritte danno un tocco di gusto ad uno scarno pranzo da spiaggia.
    Naturalmente soppressata e savuzizza per merenda, altrimenti patisci la fame e altro che un'ora prima di rientrare in acqua... ti serve un reattore nucleare per uscirne vivo! :D
    Sul manuale delle giovani marmotte mancava in effetti la sezione dedicata ai tempi di digestione del cibo puramente calabro (strabuono epperò...).
    Naturalmente si fa per scherzare!!!
    :D

    RispondiElimina
  24. Che poi fa ridere la leggenda che muori se fai il bagno dopo aver mangiato. Come se... boh... facendo il bagno il cibo si gonfiasse rischiando di farti esplodere.
    In realtà è solo il corpo che richiede energie per la digestione, per la fatica e un maggiore sforzo dovuto alla nuotata e per riscaldarsi dato che l'acqua è spesso molto più fredda rispetto a "fuori".
    Il massimo che possa succedere è lo svenimento o i crampi e l'affogamento come conseguenza di una delle due cose. Non è che si muore proprio sul colpo.

    Fortunatamente essendo sardo e abitando a due passi dal mare già a 11 anni me ne andavo tranquillamente al mare con gli amici che di certo non mi dicevano di rimanere fuori dall'acqua dopo aver mangiato qualcosa. : D

    RispondiElimina
  25. Siccome per mia madre c'erano da aspettare 3 ore sia se mangiavo una fetta di pane col pomodoro (la mia merenda da spiaggia) che una megafrittellonastraunta, io prima mi lanciavo in acqua, e poi, ancora fradicio e gocciolante, facevo la fila al bar.
    Che poi se c'era da aspettare c'era sempre un cabinato di Final Fight in qualche angolo.

    RispondiElimina
  26. Dalle mie parti girava la... leggenda metropolitana (chiamiamola così, non trovo altri termini) che non correvi alcun rischio se ti rituffavi in mare prima che cominciasse la digestione... quindi noi ragazzini si era soliti ributtarci in acqua mentre ancora si masticava l'ultimo boccone dello sfilatino farcito con la nduja, l'auricchio piccante e la parmigiana di melanzane...

    RispondiElimina
  27. A questo punto voglio anche la scansione dei Quindici (soprattutto del volume "fare e costruire" :D)

    RispondiElimina
  28. Mi hanno sempre insegnato il contrario.
    Se ti tuffi appena mangiato non schiatti.
    Non sono mai morto

    RispondiElimina
  29. Doc tu lo sai, noi calabroni in spiaggia portiamo non meno di una teglia di lasagna/pastalforno/cannelloni e l'immancabile cocHomer a rinfrescarsi in acqua, che aiuta a digerire...quindi il bagno lo si poteva fare anche subito.

    RispondiElimina
  30. notare che paperino normalmente non porta nè mutande nè pantaloni però come costume ha una roba integrale da testa a piedi.

    RispondiElimina
  31. Ho sempre pensato, sempre, che nulla battesse la F.T.C. (Famiglia Tradizionale Calabrese) nelle gare di cibo portato in spiaggia.

    Finché non ho visto i messicani trascinarsi carretti interi la domenica sulle spiagge di Santa Monica. Non. Avete. Idea.

    RispondiElimina
  32. Merlano.
    Me lo segno. Mi tornerà assai utile.

    RispondiElimina
  33. Mah... prima di essere un omoragno, da pargolo, ero un omopesce (che si, ora che lo leggo suona proprio bruttissimo): arrivavamo in spiaggia di prima mattina e già ero in acqua. Riuscivo verso sera, quando per asciugarti ci metti un'eternità, e quindi fracicavo sempre i sedili della vecchia fiesta squadrata di papà, nonostante lo spesso strato di asciugamani.

    Naturalmente a pranzo i paninozzi farciti con le fettine panate venivano prelevati e consumati in acqua. Spesso facendomeli recapitare da mammaragno direttamente in acqua (santa donna).
    Quando poi si andava in vacanza a San Lucido o a Paola, dal panino si passava ai piatti di pasta e ai tranci di salame, quindi quei 5 minuti dall'acqua si doveva uscire per forza.

    La sera ero stato così tanto a mollo che c'avevo la pelle che sembravo Benjamin Button appena nato...

    Quindi o sta cosa è una colossale bufala montata su da genitori che dopo pranzo volevano rilassarsi senza dover stare con i radar e gli occhi sgranati appresso i figli ammollo, oppure io sono già morto in un bagnasciuga calabrese da almeno 30 anni e non me ne sono accorto.

    RispondiElimina
  34. Il montone mi ha ucciso (la battuta, intendo, non l'animale) (cioè, non la battuta, non c'è nessuna battuta sul montone, la presenza del montone nella lista, quella mi ha ucciso) (oddio, no, scusa, la battuta sul montone in effetti c'è, quando ti scusi che sei calabrese) (anche se mica ti devi scusare che sei calabrese, mica è colpa tua) (NO, ASPETTA, NON VOLEVO DIRE QUESTO! NEL SENSO CHE NON C'E' NIENTE DA SCUSARSI). Vado, che è meglio.

    RispondiElimina
  35. Sul "Merlano" sono rimasto interdetto un paio di minuti; poi mi ha aiutato "Google"...

    PS: 'Sto "Merlano" m'ha sconvolto talmente tanto che sulla pagina seguente "Melone" l'ho letto "Merlone" e, pensando fosse un'altro pesce, l'ho cercato inutilmente per altre due ore su "Google"!!!

    Sarò scemo?! :D

    RispondiElimina
  36. ho appena magniato un pasticcio di rognoni e del cinghiale in salamoia. quanto devo aspettare? :D

    RispondiElimina
  37. non ti devo piu' leggere a lavoro ho capito... Non riesco a non rotolarmi in terra dal ridere... prima il post sugli scout, ora questo... rischio il licenziamento...

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails