lunedì 31 ottobre 2011

55

Le pubblicità fuorvianti di Topolino (stagione II, parte V): giugno 1986

Qualche giorno fa l'amico bressler Manuel ti scriveva: "...prendi il numero di Topolino di questa settimana. C'è una storia di Casty coi controcazzi (ok, le prime due puntate, ma vabbè), con una battuta che da sola non solo vale l'acquisto dell'albo, ma mi chiedo anche come abbia fatto a passare la censura. Fallo e capirai". E te, nonostante l'ultima rimpatriata dalle parti di Topolinia fosse stata di una tristezza incredibile, l'hai fatto. E hai capito. Ma ne parliamo dopo. Ora torniamo al 1986, che è rimasto lì ad aspettarci esattamente dove l'avevamo lasciato l'ultima volta, parcheggiato vicino al 1985. Torniamo e ci gustiamo le pubblicità tirate fuori pescando nei Topolino 1592-1596 (giugno 1986, 1200 lire l'uno), sì? Sì [...]
Si parte subito fortOPPORCAPALETTAGLIZOIDS!!! GLI ZOIDS!!! Ora, lasciate perdere gli slogan cretini della Polistil, quel claim sulla guerra da scuole elementari degli anni 70, quel "Macchine mostruose che si muovono nell'Universo" lì in basso, che si sarebbe benissimo potuto spendere l'anno dopo per i primi modelli della Duna. Nel mondo dei Lego e dei Playmobil, gli Zoids erano una roba dirompente come portare Eva Henger a una festa di sosia della Tatcher. Naturalmente quel prezzo lì in giallo "a partire da L. 8.500", si riferiva a tradimento agli Zoids minchietti. Il gorillone e il T-Rex costavano uno sproposito, potevi fartene regalare solo uno e sei stato lì a pensarci troppo
Tanto è vero che quando alla fine ti sei deciso (gorillone, e vaffancuore) alla Standa vicino casa li avevano finiti tutti e due. Puttana la miseria
Un'altra di quelle Ferrari GTO deturpate da Bburago per una questione di iconoclastia e lotta di classe. Questa c'aveva il logo USA for Africa e tutta una serie di bandierine del mondo appiccicate alla come viene viene. Doveva dare l'idea di una Ferrari Benetton. Dava l'idea della valigia di una coppia di turisti bavaresi sulla sessantina abbandonata sui nastri bagagli di Fiumicino
Perché il futuro delle donne isteriche e con problemi gravi di vescica di oggi nasceva molto prima del Tamagotchi
Taron e la Pentola Magica, il nuovo film d'animazione della Disney che non si è incoolato nessuno e che ha incassato due noccioline. Taron. Ve lo ricordate Taron? No? Appunto
Dicevamo la volta scorsa di come ogni singolo Transformers che venisse fuori in quel periodo era un bestione che spaccava tutto e prendeva a frontini la concorrenza, urlando. E infatti. Questo è Convoy, robottone trasformabile in bisarca per portare gli altri Autorobot quando erano tipo stanchi. Il vero nome di Convoy era in realtà Ultra Magnus, perché in Giappone Convoy era il nome di Optimus Prime, che qui in Italia si faceva chiamare invece Commander. Ché i nomi alla Gig li sceglievano lanciando le freccette, ricordiamolo
Ma anche: Pentajet, il robot formato dagli Aerialbot, con le sue gambine tisiche. Dei Transformers grossi e minacciosi se ne occupa mio ziu Antunellu, fiiiit
Dall'altra parte, invece, sulla sponda Bandai, dopo il robottone formato dai mostri e quello con l'auto centrale in configurazione John Holmes, restavano i Rock Lords. In America sarebbero finiti anch'essi nelle fila dei Gobots, mentre qui nella terra dei craxi venivano venduti a sé. Questa idea eccezionale del robot che può trasformarsi in un SASSO
Non in una macchina sportiva o un aereo da guerra o una pistola o un dinosauro. Un sasso (per piacere, leggete la descrizione di questa "macchina di giustizia")
"E se le rocce, le pietre, le montagne si animassero?". E sticazzi?
La barbie Rockstar, nel frattempo, se ne va in giro sulla sua Rockmobile. Si parla addirittura, nell'italiano del maestro Yoda dei pubblicitari Mattel, di "elegante linea". Per una cabrio rosa schocking metallizzato. Ken è davanti, nel portabagagli
Sì, il nuovo C64 calato nella candeggina, col sistema operativo GEOS, whatev. Che però non ci piaceva, in quanto il 64 era e restava il biscottone, aveva già cominciato la discesa verso la tua scrivania un'Amiga 500 (atterraggio previsto tra sette mesi) e questa versione bianca era, diciamola tutta, una roba da nabbi come il tizio nella foto
Sulla carta, quella del Salvachiavi Dodo era un'idea grandiosa. Sulla carta. Perché presupponeva l'esistenza di persone civili che, trovato un mazzo di chiavi in terra, si degnassero di raccoglierlo. Perché presupponeva l'esistenza di persone civili che poi lo infilassero in una buca delle lettere. Perché presupponeva l'esistenza di persone civili
Le Flip Outs che corrono contro gli ostacoli a velocità folle, si ribaltano e non si fanno mai niente, perché il pericolo è il loro mestiere. "E' anche il vostro?", chiede alla fine la solita, irresponsabile, criminale pubblicità Mattel
Il suo nome era Jerrica, e lo sappiamo
Così come conosciamo anche la sua storia. Solo che qui il computer è diventato OLEOGRAFICO. Stampava dei finti quadri a olio fantastici, guarda. Occhio alla chiusura lì in basso a destra: "Ragazze dal cuore rock, attenzione, venite a conoscermi nei vostri negozi preferiti e per ora, vi dico CIAO". Devo proprio andare. Statemi bene. La virgola ve la butto lì a cazzo di cane ché sto scappando, pensateci voi
Che poi, se ci andavi davvero a conoscerle, scoprivi che se nel cartone le Holograms erano tutte delle gran pheeghe, nella loro plasticosa realtà confezionata con cura dalle mani di un bambino cinese avevano una fronte da ciuccio che levati
Jonathan Dimensione Avventura, il grande Ambrogio Fogar, piangiamo
Ma sempre su Canale 5 c'era anche il clone di Quark presentato da Jas Gavr... Jazz Garvos... Resnavoz... quello
Un'altra di quelle finte moto Malaguti per figli di industriali trascurati dai genitori. Figli di industriali molto, molto ricchi, perché si parla di un "veicolo destinato esclusivamente alla circolazione in aree private" e come esempio di area privata si usa l'Arizona settentrionale
I gadget dei Masters, mediamente accettabili su una scala da zero a il temperamatite del Castello di Grayskull lo voglio! Gli zainetti con la faccia da He-Man erano invece uno dei modi migliori per rimediare qualche calcio in culo e sperimentare l'ostracismo in quinta elementare
E parliamone, dei Masters. L'inutile He-Man viene dotato di un pugno di tuono grazie all'incredibile potere delle miccette da pistola giocattolo. Ma parla di pugno "che colpisce a distanza", perché come al solito non ha capito un cazzo
Oppure. Mentre a Skeletor davano ragni meccanici, squali carroarmato e altri veicoli incredibilmente meravigliosi, meravigliosamente incredibili, al biondo Nino D'Angelo di Eternia rifilavano merde come, uh, questo gallinaccio rosso munito di mappamondo. Il Bashasaurus. Baushasaurus nei negozi dell'hinterland milanese
Ecco, L'Orda Infernale invece rullava. C'era Hordak, c'era il cugino senza balsamo di Chewbecca, c'erà il tipo con la faccia da Mimo che sucava (letteralmente), l'esoftalmico carfagno, il doppio leader dei responsabili. Aveva la residenza in un posto chiamato la Tana Spaventosa, l'Orda Infernale
e sì, insomma sembravano abbastanza tosti da conquistarla davvero Eternia. Solo che poi prendevano pesanti gli schiaffi in faccia, non già da Nino He-Mangelo
ma da SUA SORELLA. Umiliati da una Barbie col trucco pesante. Sono cose che non sono cose
Chiudiamo con i MioMiniPony, all'epoca ancora non potente, ubiquo, urticante meme dell'internetto, ma già di un fastidioso che la metà era già troppo e la metà della metà bastava e avanzava. Qui c'è la grande ammucchiata il grande raduno della felicità. Attenzione a dove finiscono i Pegasi "svolacchioni", col loro corno
E qui invece si parla di una doccia di gocce di stelle e altre meenchiate new age da scoppiati. Ma, attenzione, entra in scena Paperocchia, la mascotte dei MioMiniPony, che... "SCACQUEGGIA qua e là". E che cazzo di schifo. Ma cacciatela
Ok, ora riavvolgiamo il nastro e torniamo a quattro giorni fa. Leggi la criptica email del bresslinistico e topoliniano-duro Manuel, vai in edicola, chiedi se c'è questo Topolino 2918 (1 novembre 2011, € 2,30), c'è. E non solo la storia di Casty è 'fittivamente notevole, ma a pagina 60 c'è DAVVERO una battuta incredibile. Hai dovuto rileggere il passaggio due volte perché non ci credevi. Forse fate ancora in tempo a trovarlo in edicola. Trovatelo.
Le Pubblicità Fuorvianti tornano puntuali il ventordici di quaglio. Le puntate precedenti le trovate tutte qui, chiuse dentro al dolce forno harbert.

55 commenti:

  1. Ti prego, per uno che vive in un altro stato e non ha modo di leggere Topolino... Dimmi cos'è questa battuta incredibilmente incredibile T_T

    RispondiElimina
  2. Certo che se lo chiami "gallinaccio rosso" sembra per forza una merda. In realtà era una Ferrari Testarossa leggermente ammaccata con il GPS 3D di serie!

    RispondiElimina
  3. Io però TARON E LA PENTOLA MAGICA me lo ricordo perfettamente.
    Cmq...che canzoni canterà Nino He-Mangelo?

    RispondiElimina
  4. "Paperocchia, la mascotte dei MioMiniPony, che... "SCACQUEGGIA qua e là""..........mammamia ho le convulsioni!!!! Mi sta prendendo un'emboloooooooo!!

    RispondiElimina
  5. AAAARGH!
    Sono arrivato alla fine e ho sbattuto il muso sul muro anti-spoiler.

    Abbia pazienza, Dottore, qui la si legge da oltre-oceano (California!) e per comperare un Topolino tocca prendere l'aereo...
    Se non le e' troppo disturbo, non e' che mica ci potrebbe direpeffavore la battuta?

    Grassie.

    RispondiElimina
  6. "Macchine mostruose che si muovono nell'universo": la Duna e la Multipla?

    Il mio He-Man pugno di tuono venne acquistato su una bancarella di quelle che ormai non si vedono più, ad una sagra di paese dimenticata dal tempo. Quando la micetta esplodeva, oltre a fare un casino d'inferno che di solito era seguito da minacce punitive da parte dei miei genitori, il pupazzo fumava per un quarto d'ora, neanche stesse fumando una Marlboro...

    p.s. il Topolino lo scrocco da mia sorella, imbattibile ed irriducibile, lo compra ancora a trent'anni, nonostante tutto.

    RispondiElimina
  7. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  8. Salvachiavi Dodo, il migliore amico dei topi d'appartamento

    RispondiElimina
  9. giuspe: Hai infranto la prima regola, che è: "non farmi chiudere il blog, grazie".
    Non scherziamo con queste cose.


    Per chi si sta arrovellando: occhio alle tag del post. Se non lo fa prima qualche antrista che COMPRA il numero, vi dico di che si tratta entro sera.

    RispondiElimina
  10. @Dr.Manhattan

    ottimo (cioé, pessimo).

    vedo chi hai giá provveduto.

    sorry per lo scivolone.

    .g

    RispondiElimina
  11. Io ne ho quasi 37 esono fedelmente abbonato.

    La storia di Casty è effettivamente notevole, ha un sapore un po' Romano Scarpa, se non addirittura degli anni '50, e non vedo l'ora di sapere dove va a parare con le altre due puntate.

    La battuta ha lasiato perplesso anche me, quasi non ci credevo ma è stata fantastica! E questo topo "Splendente leader" circondato da sorrisi e positività mi ricorda qualcuno!

    RispondiElimina
  12. Doc hai dimenticato anche che la prima storia è un capolavoro di nonsense di Silvia Ziche!

    RispondiElimina
  13. Battutone politicamente scorrette e Silvia Ziche in grande spolvero?
    Non tentatemi!

    RispondiElimina
  14. Sei di una crudeltà mefistofelica! :)

    Ho centellinato il post parola per parola per godermi il finale in un tripudio di miccette, ed il finale non c'è!

    Rassegnazione. :(

    RispondiElimina
  15. Si chiama "marketing". O "sadismo".
    Mac, comunque, ha ragionissima, perché anche la storia della Ziche con Eta Beta mi è piaciuta. Insomma, un numero che grazie a Manuel mi ha riconciliato con il disneyverso. C'era pure una storia di Indiana Pipps che... no, niente. Quella non mi è piaciuta.

    RispondiElimina
  16. Premessa: Casty subirà l'editto bulgaro.
    I Rock Lords erano qualcosa di stupendamente desiderabile finché rimanevano sullo scaffale...Una volta aperta la confezione ti pentivi della scelta. L'odore di plastica cinese ancora permea la mia stanza e il colore del masso si stingeva dopo due volte che ci giocavi.
    La tana dei nemici dell'igie...di He-Man è uno dei tanti motivi per cui detestai nel profondo del mio cuore un mio compagno di classe (oltre alla sua collezione di Cavalieri dello Zodiaco, la base delle Tartarughe Ninja e l'angolo Super Nintendo che era l'alternativa alla sala giochi, nel senso che comunque ti toccava pagare anche lì per giocare).

    RispondiElimina
  17. Notevoli anche queste. :-)

    RispondiElimina
  18. Grandissime pubblicità!
    Le reclame dei RockLords mi ricordano i tempi in cui Bandai aveva una filiale in Italia ( roba che a raccontarla nessuno ci crede) e poi ci si chiede perchè è fallita vendendo robot che diventano sassi.
    Che io me li ricordo nel film dei Gobot trasmesso due volte da TMC e poi sparito nell' oblio.
    Spero che prima o poi becchi un numero di Topolino con el pubblicità degli Egg Monster.

    RispondiElimina
  19. Stando ai miei ricordi, in Taron e la pentola magica c'erano DUE personaggi che plagiavano Gollum. Tutto il resto era copiato dai Puffi.
    I pupazzini monocolore di Taron li davano in omaggio con i Rice Krispies.

    RispondiElimina
  20. Confermo, la storia di Casty come al solito non delude le attese. Quella della Ziche fa ridere dalla prima all'ultima vignetta e c'e' anche il vecchio Rodolfo Cimino, che presenta più o meno sempre la solita ricetta, ma e' una buona ricetta. Insomma, non ci vuole chissà quale artificio per fare di Topolino un fumetto ancora gradevole. Ah beh, poi se in due tirano fuori una storia come quella di Indiana Pipps...capisco perche' Topolino e' defunto..

    RispondiElimina
  21. "i COMUNELLISTI sono coloro che fanno comunella per criticare il presidente"
    E' Questa la frase incriminata?
    Che delusione......

    RispondiElimina
  22. il migliore cliffhanger di questa stagione doc...epperò a comprare topolino non ci vado comunque, che mi vergogno. Che 2,30 euri so' troppi. Che poi mi tocca comprare focus per darmi un tono con l'edicolante.

    RispondiElimina
  23. Ecco, a forza di rimandare ci è stata comunciata nel peggior modo possibile. Mi sembra di intuire che invece era ottima, a meno di non esser seguace del male...

    RispondiElimina
  24. @Roby
    A me la frase ha deluso in quanto non la trovo di per sè così scandalosa come la annunciava il Doc.
    Mi pare una frase di satira politica come ce ne sono state tante su Topolino.
    Sarebbe stata una svista clamorosa di censura se il Topo fosse ancora pubblicato da Mondadori, ma così ...
    Trovavo molto più "scandalosa" la presenza di Cicciolina ( o meglio, la sua parodia) in Paperino portaborse.
    Però quelli erano gli anni 80, altri tempi.

    RispondiElimina
  25. Beh, Pippo comunista schierato contro il presidentissimo del mondo (un Topolino à la 1984) è una roba abbastanza forte per gli standard della Disney di oggi, lascia stare la Mondadori e gli anni 80.

    RispondiElimina
  26. @Doc
    Ma, non sò se questa storia stile Orwel sia poi così forte per gli standard Disney odierni: mi sa che ci siamo talmente abituati a leggere storie mediocri che appena ne arriva una decente fa più sensazione del solito.
    La storia di Casty ha buone premesse e spotenzialità, forse troppi per durare solo 4 puntate: già nel secondo episodio la storia ha una brusca accellerata e manca di approfondimento.
    Vediamo come finirà mercoledì.
    Rimanendo in tema di storie shokkanti, qualcuno lo ha letto il finale della tanto criticata terza serie di PK?
    Anche lì universi alternativi e colpi di scena, solo che nel finale muore Lila Lay, uno dei comprimari femminili più famosi tra i nerd Disney.
    No, dico, MUORE, esplodendo per salvare Paperino e co.!
    Quando mai si è vista una cosa simile in un albo disney di ieri e di oggi?

    RispondiElimina
  27. @sam
    che stomaco hai per essere arrivato a leggere il finale di frittole?

    RispondiElimina
  28. Tanta tanta roba in questi numeri.
    AHHHHHH Gli Zoids... sbavazz !!
    Ultra Magnus/Convoy/Giopep mi è sempre parso una sola. Ti davano il gemello albino di Optimus Prime/Commander/Tano con tutta quella IMPALCATURA IMMOBILE che si portava appresso. Per fortuna credo ne abbiano fatto anche delle versioni custom decisamente più decenti. Il salvachiavi Dodo !!! Non che bazzicassi le tabaccherie ma io non l'ho mai visto in vendita, segno che anche i tabaccai non credessero nella presenza di persone civili.
    Jonathan Dimensione Avventura, una delle cose belle degli anni 80.

    RispondiElimina
  29. @Nick
    Sono il primo a dire che Frittole non era granchè, ma la storia finale mi è piaciuta assai: colpi di scena, morti clamorose... insomma è così che dovrebbe essere l'ultimo episodio di qualsiasi serie che si rispetti.

    RispondiElimina
  30. Stamane a lavoro ho letto l'articolo e, con un misto di curiosità e nostalgia (non leggevo un nuovo numero del Topo da anni), mi son fiondato all'edicola più vicina e l'ho comprato :D
    Effettivamente leggere di "Comunellisti-Comunisti" e presidenti che rassicurano le folle con "La crisi è passata, tutto va bene, w il partito della felicità" è stato strano... XD
    Rivedere anche Uma ha scatenato un'altra ondata nostalgica (la storia in cui "appariva" era tra gli ultimi numeri che ricevetti come abbonato)...

    Ammetto comunque che mi son divertito nel rituffarmi tra le pagine del Topo :D (unica nota stonata la storia di Indiana Pipps che non aveva alcun senso e il nuovo stile generale, un pò troppo colorato e confusionario per me...sarà l'abitudine, sarà la nostalgia ma a me tutto quel giallo fa venire l'orticaria XD)

    RispondiElimina
  31. quei rocklords li avevo rimossi...
    ma sono venuti prima loro o rokkon e stonedar dei masters??

    RispondiElimina
  32. Oh, ma voi questa pubblicità degli Zoids ve la ricordate?

    http://youtu.be/mhNhIIhcPFA

    La davano ogni mattina su Italia Uno, sarà stato il 1986 o l'87: all'epoca fare colazione era più bello.

    RispondiElimina
  33. Ma vogliamo parlare di questa pubblicità jappo degli Zoid che spaccava abbestia?
    La mandarono in onda pure in Italia, ma solo sul circuito di Junior TV
    Inizia a 0:33

    http://www.youtube.com/watch?v=mhNhIIhcPFA&feature=related

    RispondiElimina
  34. @Misantrophe

    Mi hai fregato sul tempo: però io quella pubblicità la ricordo solo su JTV e mai su Italia 1...

    RispondiElimina
  35. Quello a bordo del Bashasaurus dovrebbe essere l'He-Man con l'armatura che si ammaccava sul petto, o sbaglio?

    RispondiElimina
  36. che meraviglia gli Zoids! Ne avevo solo uno ma era una figata astrale , lo stegosauro, che meraviglia...

    RispondiElimina
  37. il rumore del pungo di tuono di he-man quando mangio troppi legumi riesco a farlo anche io..
    ma non col pugno...

    RispondiElimina
  38. hordak n.1, quel posto lì è incredibile, un mio amico ce l'aveva... ma l'unico problema mi sembra effettivamente il drago. ora, ok l'albero carnivoro, ti passo anche la prigione, ma il tanto millantato mostro di pietra non ho MAI capito dove fosse

    RispondiElimina
  39. Che poi il mostro di pietra era nella triste realtà un fantoccio di gomma (con un odore da derivato del petrolio) da manovrare infilandoci una mano su per il coolo.

    E con una mano impegnata non era affatto semplice sviluppare storie credibili che avessero più di un protagonista.

    RispondiElimina
  40. @Sam: oddio, a me pare di ricordare fosse su Italia Uno, anche perché all'epoca l'antenna del mio condominio beccava solo Rai, Fininvest e un paio di reti locali, ma potrei tranquillamente sbagliare.

    RispondiElimina
  41. Veramente il Mostro di pietra era una specie di trappola a pavimento che incastrava il piede di un povero Masters qualunque. Il drago era paragonabile a un calzino infilato su una mano ma in gomma :P

    RispondiElimina
  42. ok grazie, mi avete chiarito sul mostro di pietra... ora me lo ricordo, purtroppo.
    continuo a considerare il drago come insidia n.1, nonostante fosse effettivamente un calzino da braccio

    RispondiElimina
  43. Comunque avevo he man pugno di tuono, lo scureg ehm il pugno di tuono era una colossale fregatura

    RispondiElimina
  44. Mi hai molto tentato con l'idea di un revival topoliniano dopo ormai cinque anni che l'ho mandato a quel paese vista il degrado manifesto. Ma sarà per la prossima volta.

    Doc, infiniterrime scuse se mi permetto di andare offtopic, ma mi è venuto l'angosciante sospetto che tu ti sia perso il fatto che tale G.Lucas dal 10 febbraio rimanda sul grande schermo una saga fantascientifica a caso di sei episodi. Maperò ora in 3D.

    RispondiElimina
  45. wow, entrambi gli he-man avuto da bambino in un unico post! Ovviamente quello ammaccabile restò ben presto ammaccato a vita perché il meccanismo non resse molto e il pugno di tuono, beh, conoscete genitori che comprano cartucce ai figli per sentirle sparare a ripetizione tutte in pochi minuti? Io no, e infatti il bel gioco durò poco!

    degli Zoid (meravigliosi) ricordo anch'io la promo/trailer/pubblicità mandata in onda ai tempi, anche se la ricordo su qualche rete privata, e da allora ho sempre aspettato di vedere il seguito, visto che finiva sul più bello! penso che youtube mi attenda!

    ah, la battuta e la parodia in sè sono clamorose! Proprio perché Topolino è pur sempre Topolino, mica Linus o Comix! Segno dei tempi!

    RispondiElimina
  46. a proposito, rivedendolo sto scoprendo ora che ho iniziato ad amare i Carmina Burana grazie agli Zoids! vedi tu il mondo! x)

    RispondiElimina
  47. Finita di leggere la storia di Casty, devo dirlo? Fa-vo-lo-sa! E soprattutto ma quante citazioni, quantomeno anche solo a livello di ambienti e atmosfera, ci sono?

    A me sono balzati in mente Capitan Harlock, alcuni racconti di Ballard e un po' di Watchman nel finale.

    E poi Casty ha quel tratto alla Gottfredson che ci sta benissimo in questo tipo di storie un po' dal sapore anni 50 :)

    RispondiElimina
  48. Pippo:"I COMUNELLISTI SONO COLORO CHE FANNO COMUNELLA PER CRITICARE IL PRESIDENTE!
    IO SONO UNO DI LORO!"
    O_O O_O O_O

    Topolino è un piccolo borghese capitalista consumista! il suo unico scopo è far ammalare di borghesia tutti i bambini. BOICOTTATELO!

    RispondiElimina
  49. ma convoy e i rocklord come facevano a spaccare le terga a chicchessia se non avevano nemmeno le ginocchia?

    E poi io avevo uno zainetto tarocco con la faccia di gomma di un simil he-man, e posso confermare che anche il tarocco può farti subire atti di bullismo... tanti... per tanto tempo... tranquilli domani c'ho il colloquio con la psicologa

    RispondiElimina
  50. ... e che invece Taron me lo ricordavo benissimo. Visto che era disegnato da Don Bluth, o era una dei suoi ultimi concept per la Disney, che comunque faceva talmente Dragon's Lair che per forza non te lo potevi perdere. Anche perchè quando quel coin-up laser girava per Trieste a me non mi ci facevano nemmeno entrare nelle sale giochi vietate ai 16 anni.

    RispondiElimina
  51. hahah, sui Rock Lords,non può che farmi venire in mente il film Big, con un Tom Hanks giovanissimo,quando contesta il giocattolo del robot che si trasforma in un palazzo,criticando appunto ,ma chi ci gioca con un palazzo?
    o semplicemente all'epoca andava di moda tirarsi sassi,da qui due giochi in uno :) .w i ricordi

    RispondiElimina
  52. Degli Zoids io avevo il Mammuth ed il Drago Volante, mio cugino invece prese il Gorillone!

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails