giovedì 4 agosto 2011

49

La nuova Girella: la fine del mondo è vicina

"La morale è sempre quella". Solo la morale, però
Ieri eri al supermercato, a condurre le tue solite ronde di perlustrazione nel reparto brioscine mentre l'altra metà della famiglia pensava alla spesa quella seria, indeciso se prendere le brioscine del pandistelle oppure le brioscine del pandistelle. Quando a un tratto le hai viste. Pensavi si fossero estinte nel tardo medioevo di metà anni 90. Pensavi non esistessero più, le Girelle Motta. E infatti non esistono più. Quella che vendono ora è la Girella Bistefani, e comprare quella confezione è stato un grosso, grosso, grosso, grosso errore [...]
Trent'anni fa la Girella Motta non era semplicemente una brioscina: era uno stile di vita. Averne una dietro era garanzia di un futuro e soprattutto di una ricreazione migliore. Fanculo ai panini della salumeria sotto casa: c'era la farcitura a spirale della Girella Motta a garantirti che la scuola un giorno sarebbe finita e avresti avuto un lavoro e uno stipendio e avresti potuto andare a fare la spesa per conto tuo e comprare tutte le brioscine che volevi, anche se a casa c'erano ancora tipo altri sei pacchi diversi già aperti, chi se ne frega, fa lo stesso, saranno cazzi tuoi. Un futuro tipo ieri, che eri lì a chiederti Lo prendo questo pacco delle Girelle anche se ora le fa la Bistefani? ché la Motta è morta nel 2009 e i gelati sono andati alla Nestlé e i prodotti da forno invece alla Bauli e uno dice E la Bistefani scusa che c'entra?, ma oh, che ne sai, su uichipìdia non c'è scritto mica. Comunque. La Girella Bistefani fa di tutto per sembrare la vecchia Girella Motta di una volta. Cioè, prima che apri la confezione.

e sempre questa storia (che lei la chiamo Gloria)
Perché fuori c'è scritto grande-grande "La morale è sempre quella fai merenda con Girella!", e ci sono le immagini del Golosastro e della tribù di Toro Farcito proprio come una volta, anche se sono disegnati tutti peggio, e vabbè, e uno pensa che non sia cambiato niente, che non siano passati trent'anni, ma invece sono passati, minchia se sono passati. E infatti quando poi la confezione la apri quello che ti esce è questo:
35 grammi di tristezza infinita.
Nel prossimo episodio: anche al Tegolino e alle merendine Mr. Day non è che sia andata proprio tanto meglio, guarda.

49 commenti:

  1. Spoiler: le merendine Pan di Stelle fanno schifo, e non ti danno nemmeno il punto doppio per vincere la trapuntina con la raccolta premi.
    Fedeltà a Kinder Délice

    RispondiElimina
  2. L'unica merendina che rimpiango è lo yoyo, sempre della motta, mangiato sempre con la solita modalità, aperto a metà e asportandone via il ripieno con un dito :D
    Ma purtroppo da queste parti trovare le merendine della bistefani non è facile :(

    RispondiElimina
  3. e comunque rivogliamo il soldino e la fiesta alla mandorla !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La finestra alla mandorla....che mi hai ricordatooooo....l'adoravooo.

      Elimina
  4. Nessuno si ricorda gli yoyo?
    http://www.fotoanni80.com/wp-content/uploads/2010/08/merendineyoyomotta.jpg

    Quelli mi facevano morire!!! Se mi lasciavano da solo con la scatola quando tornavano ero da solo e basta.

    RispondiElimina
  5. Io, nonostante nella mia infanzia sia stato un avido divoratore di merendine, ne ricordo ben poche, riesco a ricordare solo quelle Mr. Day, forse perché ne avrò divorate una mezza infinità in quegli anni, tipo le ciambelle, quella specie di muffin e tantissimi altri...bei tempi...

    Comunque se devo dire qualcosa della nuova girella beh, è meglio se tenuta nel frigorifero, almeno dopo il cioccolato diventa duro e hai l'impressione di magiare qualcosa di diverso, almeno io soltanto così riesco a mangiarne qualcuna, una volta ogni tanto, quando la voglia di "ritornà bambino" riaffiora.

    RispondiElimina
  6. approvo e sottoscrivo la Fiesta alla mandorla e anche la Tuttifrutti.

    ricordo che ai bei tempi io la girella la mangiavo srotolandola ...
    ..ho provato qualche tempo fa con un clone....operazione impossibile da quanto era asciutta....

    RispondiElimina
  7. ..era buona anche quella tutta ricoperta di cioccolato..come si chiamava ?

    RispondiElimina
  8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  9. Qualcuno si ricorda dei Buondì al cioccolato, cioè TOTALMENTE ricoperti di cioccolato con lo zucchero sopra ?
    Sono estinti ?

    RispondiElimina
  10. la girella era un musta da mangiare "sgomitolandola" :D

    però ricordo anche il SOLDINO...mangiavo subito il tondino di cioccolato fondente e poi il resto nemmeno mi piaceva!:D

    Doc...che ricordi...ma come le trovi !

    RispondiElimina
  11. Ho preso tre diverse girelle: ai tempi d'oro (l'originale), quella di un pó di anni fa (mi era sembrata piccola e lavata nella macchina del bucato talmente poco sapeva di cioccolato) e questa della Bistefani che é ancora piú piccola (sigh) ma in compenso mi sembra che il gusto sia tornato quello di una volta, forse un pó meno "liquoroso". Insomma, peso a parte (é la dimensione di una merenda per bebé), la promuoverei.

    RispondiElimina
  12. adesso che mi parlate del soldino mi è venuto uno di quei flash da reduce del vietnam. Mi ricordo di questa merendina, simile al soldino, solo che sulla monetina di cioccolato c'era stampata la faccia di paperone (o insomma associata alla merendina c'era la faccia dello zio paperone) non ricordo però che merendina possa essere!

    RispondiElimina
  13. Fiesta alla mandorla e tegolino tutta la vita. Certo che hanno scritto "la morale..." in Comic Sans. No comment.

    RispondiElimina
  14. Doc, si faccia un favore. Stia lontano dallo Yo-Yo della fu motta. Quella che ricordavo come una merendina chiaramente farcita di droga di ottimissima qualità è oggi una pezzo di gommapiuma farcito di percolato.

    RispondiElimina
  15. Nel 2002 la Bistefani ha acquisito la Nuova Forneria (nata dall'unione di Motta e Alemagna), nel 2006 le due società si sono fuse formando il Gruppo Buondì Bistefani S.p.A.

    Buondì
    Girella
    Yo-Yo
    Ciocorì

    Questi gli ex Motta prodotti da Bistefani.

    Fonte uichipìdia

    RispondiElimina
  16. La feccenda del tegolino è sporchissima, sarà grosso la metà di quello che mangiavo alle elementari.

    RispondiElimina
  17. Sai quando da piccolo vedi una cosa, poi ti si ripropone da grande e pensi sia più piccola? Ecco, NON è quanto successo con la Girella. Mi è capitata in mano qualche anno fa, e per quanto abbia grossomodo eliminato le focaccine o brioscine o merendine dalla dieta, quando vidi la girella, fu più forte di me...ma quando mi capitò in mano, ebbi la tua stessa sensazione di mix tra delusione e senso di schifo. Più piccola e passata alla famiglia del barba vestito da Babbo Natale con servo che secondo me era Plinio Fernando al maschile...deluso come te!

    RispondiElimina
  18. Grande alternativa alla girella era il tronchetto della montebovi, il ROLL!
    http://www.montebovi.com/it/prodotti/sera/roll/catalogoprodotti.aspx
    Il grande mistero della Montebovi è che fa dei prodotto mediamente bboni che la metà basta con un costo molto basso, fino a poco tempo fa prezzi imposti sulle confezioni financo...
    Di fatto il Roll durava dai 2 ai 3 nanosecondi...

    RispondiElimina
  19. E se fossimo noi a essere cresciuti, e non le merendine a essere rimpicciolite?
    Ad ogni modo, non se la ricorderà mai nessuno, ma il mio rimpianto brioscinico resterà per sempre la Camilla del Mulino Bianco interamente ricoperta al cioccolato.
    Se vi state chiedendo di cosa sto parlando, ma che cacchio siete vissuti a fare fino a ora?

    RispondiElimina
  20. Io sto sbavando solo a leggere i nomi... ho divorato per anni Tegolini (quelli quadrati da mangiarsi un listello alla volta!), i Saccottini, le Camille, li Yo-Yo e Girelle a quintali (chiaramente srotolandole!).

    E vogliamo parlare dei Kinder Brioss e simili?

    Anche il Soldino non era male, tutto quel cioccolato... mmm mi ci facevo fare le teglie con colata sopra la crema pasticcera calda che scioglieva il tutto... che Go-du-ria!

    Sbav!!

    RispondiElimina
  21. premesso che non ero un appassionato di girella (ma della morale si), la storia del soldino è davvero tristissima: circa un decennio fa (vado a memoria) la Mulino Bianco alzò vertiginosamente i prezzi diminuendo il numero di brioscine all'interno di ogni pacco. Viste le lamentele dei drogati... cioè dei consumatori, riportarono il numero a qualcosa di decente con il magico escamotage di diminuirne le dimensioni.
    Che già era un soldino, ora è mezzo soldo bucato.
    Stessa fine fecero altre brioscine - tipo il tegolino.

    Un ip ip hurrà per lo yo-yo (dei tempi) che come conferma eufrasio creava forte dipendenza e voracità!

    RispondiElimina
  22. Ma a parte la grandezza, la girella nuovo stile è buona? Perché altrimenti si può tranquillamente sopperire mangiandone 2!

    RispondiElimina
  23. Saranno anni che non mangio una Girella… sono ancora fermo a quelle Motta.

    Comunque Doc, se vuoi fare un pezzo di denuncia, chiediti che fine hanno fatto i Grisbì alla vaniglia.

    RispondiElimina
  24. cìera un bulletto che all'asilo mi rubava la girella per schiacciarmela da parte...
    da quel giorno non mangiò più girelle..

    RispondiElimina
  25. Doc nemmeno i Saccottini sono più gli stessi, ma il trauma maggiore come hai anticipato lo riservano i Tegolini. La Girella Bistefani non l'ho ancora provata, però sembra miserella.
    A quando un post sui Sofficini pomodoro e mozzarella, oggi l'ombra di ciò che furono?

    RispondiElimina
  26. Io ho visto il nuovo tegolino al supermercato

    RispondiElimina
  27. E' successo, dicevamo, anche con la Fanta. Ci stanno cambiando tutto sotto il naso, facendo finta che non sia cambiato nulla. RIVOGLIAMO I VECCHI SAPORI GENUINI DEI CONSERVANTI E COLORANTI E PESTICIDI RADIOATTIVI DI UNA VOLTA, CAZZO.

    RispondiElimina
  28. Mi vesto da bastian contrario e ammetto che, sebbene mangiassi con piacere merendine varie, e qui devo citare le Nastrine riscaldate al forno, tra una merendina qualunque e un panino imbottito, vinceva sempre il panino, tranne quando c'erano i calzoni!
    Irrinunciabile per il me bambino al mare la fetta di pane con olio e pomodoro.
    Ora comunque un minuto di silenzio per la Girella sconsacrata.

    RispondiElimina
  29. Ah ormai non mi fregano più. Attendo paziente il Secondo Avvento degli Urrà Saiwa con Banana per profeta, ci volessero altri trent'anni, o almeno degli Uao.

    RispondiElimina
  30. Vai Doc, vogliamo un confronto anche col Tegolino... un tempo era spaziale, quadrato, pieno zeppo di cioccolato...

    L'unica cosa buona rimasta è la Crostatina... quella non la batte nessuno!

    RispondiElimina
  31. DOC, visto che tiri in ballo i coloranti ed i pesticidi radioattivi, vogliamo parlare del Billy? con il suo colore fluorescente ed il sapore finto arancia (che probabilmente non aveva visto una sola goccia d'arancia in tutto il processo produttivo).

    RispondiElimina
  32. Veramente io ho ri-scoperto la girella non-più-motta già anni fa, non è una cosa di or ora.
    E sì ho notato la differenza di grandezza (anche se sono convinto che prima mi sembrava più grossa perchè ero io più piccolo), ma e me piace comunque. Non dimentichiamo mai che la memoria fa brutti scherzi, basta pensare a Ocarina of time, come ce lo ricordavamo, e come è veramente. :D

    RispondiElimina
  33. Ma sono l'unico ex-bimbo che trovava gli Yo-yo letterlamente disgustosi? Mamma mia, già solo quell'orribile pastella rinsecchita...

    RispondiElimina
  34. Ma dei plumcake del Mulino Bianco ne vogliamo parlare?

    RispondiElimina
  35. un noto attore australiano5 agosto 2011 12:44

    sono state le prime brioscine che mi son comprato nella mia prima spesa (centinaia di euri in minchiate,e dimenticare cose basilari tipo il pane) quando sono andato a vivere da solo, intrigato dalla nostalgia,dalla confezione retrò col golosastro e dal fatto che erano in offerta 2x1... il peggiore dei cut-off quando ho visto le dimensioni!

    RispondiElimina
  36. La nuova Fanta ha effettivamemte colore e sapore diversi. Ma lì immagino i regolamenti comunitari sulle bibite a base di frutta abbiano in qualche modo influito.

    RispondiElimina
  37. @Pedrito
    Non sei l'unico, le merendine YoYo hanno sempre fatto schifo pure a me.

    RispondiElimina
  38. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  39. Un piccolo "casa Misanthrope".
    Dai tempi delle elementari faccio colazione con latte, caffè e certi biscotti secchi poco noti di una marca poco nota: niente cacao, niente gocce di cioccolato, niente ripieni alla frutta o chissà cos'altro, semplicemente secchi. E deliziosi.
    Circa 5-6 anni fa il dramma: ho cominciato a notare che i biscotti non erano più della stessa tonalità di marrone, parevano cotti di meno, si sbriciolavano troppo facilmente, inzuppati del latte e caffè si sbrindellavano immediatamente accumulandosi sul fondo della tazza ed era un casino recuperare quella poltiglia viscida col cucchiaino.
    E poi il sapore…dio che sofferenza...
    Ci rimasi male.
    Ma tanto male.
    Così male che decisi di scrivere un'email all'azienda produttrice: raccontai delle mie dolorose impressioni, dei cambiamenti che avevo notato nel prodotto, di quanto fossi grato ai miei nonni morti per avermi fatto assaggiare quei biscotti la prima volta (quando erano ancora in vita), di me bambino che facevo colazione due volte, una a casa e l'altra a casa dei nonni perché quei biscotti mi piacevano troppo e non potevo resistere (infatti ero ciccione), descrissi il mio personalissimo rituale della colazione, le modalità con cui facevo spesa al supermercato con particolare riferimento alla scelta dei biscotti e degli snack vari e tutta una serie di aneddoti legati a quei deliziosi biscotti, e lo feci versando così tante "lacrime napulitante" (un quarto del mio sangue è partenopeo, per cui mi viene facile) che in ditta decisero d'inviarmi un pacco con cinque kg di biscotti assortiti, per i quali mi si richiedeva una recensione, unitamente ad una lettera in cui mi spiegavano quanto ci tenessero a me e alla mia opinione e quanto fossero grati per la mia inossidabile fedeltà.
    Ora, caro Doc e cari antristi, siete proprio sicuri che i vostri biscotti preferiti, snack preferiti, bevande preferite, abbiano proprio lo stesso sapore di quando ne diventaste assolutamente dipendenti? Non sarà mica giunto il momento di scrivere una mail?

    P.S: la vicenda ha un lietissimo lieto fine: dopo un periodo discretamente lungo in cui quei pallidi e disgustosi succedanei ne presero il posto (ed io costretto ad una dolorosa diaspora), i MIEI biscotti sono tornati ad essere quello stupefacente concentrato di delizia che ricordavo sin da bambino. LaGrime napulitante. Ma di gioia.

    RispondiElimina
  40. La Motta non c'è più?! :(

    Vabbè la girella sarebbe diventata mignon lo stesso, è successo a tutte le merendine, anche a quelle di aziende in piena salute tipo la Barilla. E' che siamo diventati salutisti e tristi, isti isti isti. :D

    RispondiElimina
  41. dài, la girella è rimpcciolita ma non è poi tanto diversa come sapore. Quello che fa veramente veramente schifo è il ciocorì: sa di plastica cotta

    RispondiElimina
  42. Ma siamo sicuri al 100% che le pastine siano veramente rimpicciolite? Magari siamo noi che siamo cresciuti e non ce ne siamo accorti! XD
    A parte le cavolate, a me il sapore della girella piace anche oggi. E' più amarognola, ma è buona lo stesso, i tegolini invece mi piacciono di più, anche se per sentirne il sapore devi mangiare mezzo pacchetto (3 pastine).

    RispondiElimina
  43. Ecco, per l'appunto: il fatto è che oltre che più piccola, la nuova Girella è molto più amara dell'originale.

    RispondiElimina
  44. Carissimo Doc il tuo post dedicato alla girella mi ha sinceramente ricordato la madeleine di Alla ricerca del tempo perduto di Marcel Proust.
    Possibile che nessuno dei frequentatori di questo antro abbia colto il nesso letterario ?
    saluti

    RispondiElimina
  45. Tristezza a palate. Ormai sopravvivono inossidabili il Trancino, la Fiesta e poche altre.

    RispondiElimina
  46. L'unico dolciume dell'infanzia che mi provoca lacrime nella rimembranza della dipartita sono i biscotti Dolci Fiocchi della Mulino Bianco... se qualcuno ne avesse qualche pacco d'epoca sono disposto a pagarlo oro!
    Ah, il reboot degli yo yo è così penoso? perchè li adoravo...

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails