giovedì 11 novembre 2010

12

TRON + PORN = PRON

Il fatto che si stia girando una versione pornereccia di Tron Legacy intitolata Pron rientra nell'ordine naturale delle cose. Ci mancherebbe. Il problema è che, cioé, se come clone zozzo di Olivia Wilde ti affidi a una cessa del genere, dov'è che esattamente vuoi andare? [...]
La cessa deperatissima qui sopra risponde al nome d'arte di Zoe Voss, già tra le protagoniste di "Sex & the City: a Porn Parody", e nota nell'ambiente come la reginetta dell'interracial. Che non è una roba che ha a che fare con le tratte regionali di trenitalia. Diretto dal celebre regista Sam Hain e forte della partecipazione di Anthony Rosano, già candidato all'Oscar per il sofferto ruolo di un agente della CSI in "Hollywood's Nailin' Sarah Palin" e per la sua superba interpretazione di Stoner Fuck in "Grand Theft Auto: XXX Parody", PRON arriverà sui monitor dei peggiori nerd all'ultima spiaggia tra qualche mese. Tra le scene clou, si segnala già quella denominata "Glow Job". Ma torniamo a guardare un attimo la protagonista femminile.
Questa è Zoe Voss:
E questa è l'originale, Olivia Wilde in Tron Legacy:
SUPER-MEGA-GIGA-UBER-EPIC FAIL




VEDI ANCHE:

12 commenti:

  1. Paragone davvero improponibile. Olivia Wilde a questa tizia se la mette sotto con un'occhiata.

    RispondiElimina
  2. Il che apre tutto un mondo di possibili giochi di parole abbastanza biechi, diremo.

    RispondiElimina
  3. Non so se faccia più ridere Glow-Job..

    O Rosano....

    Decisamente Rosano..

    RispondiElimina
  4. Jacopo, mi devi mandare quella mail per il libro, altrimenti non so dove scriverti.
    Cioé, se ti va ancora, eh. Non sei obbligato :)

    RispondiElimina
  5. Da donna, posso dire che è più brutto perfino il divano...

    RispondiElimina
  6. da uomo posso dirti che non questa Zoe non la butto via neanche per scherzo. Del(le) maiale non si butta niente, d'altronde.

    RispondiElimina
  7. Neanche a me in verità. Ci vuole il sondaggio!

    RispondiElimina
  8. Giovani, giovani...
    Il punto non è la tizia di per sé. O il fatto che voi abbiate dei gusti opinabili. Ma che non puoi spacciare questa tipa come clone pornereccio di Olivia Wilde.

    RispondiElimina
  9. Zoe Voss un cesso????
    Quando ti tocchi, a chi pensi?
    A quella culona coi riccioli di nome Antonella Clerici?


    giovanni

    RispondiElimina
  10. Forse ci stava di più Aletta Ocean (E qui parte la diatriba da intenditori della solitudine).

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails