sabato 27 novembre 2010

7

Storie di vita irreale: Violenza nei videogiochi? Ma quale violenza? Ma che cazzo vuoi?

Mi chiamo Luigi ma tutti i miei amici dell'xbox mi chiamano GiginoXkiller97 [...]
Ieri mia madre è entrata nella stanza mentre stavo ammazzando la gente a black ops con la macchinina telecomandata ascoltando vip in trip di fabbrifibbra a tutto volume e mi ha detto Oh ma li hai fatti i compiti e mica puoi stare tutto il giorno a giocare a questi giochi violenti che fanno male l'ha detto anche Sposini alla televisione e allora io le ho detto No ma' tranquilla poi li faccio i compiti e questo è solo un gioco non mi influenza mica ora per piacere però esci che sono primo a Dominio ma mentre ce lo dicevo un vigliacco figlio di puttana mi ha preso da lontano con una granata lanciata a culo allora io mi sono incazzato e ci ho detto Ma' mi hai fatto ammazzare porco cazzo esci che sennò ti prendo a calci, ti prendo. Allora lei un po' si è preoccupata e mi diceva Gigi Gigi stai calmo non fare così ma come sei diventato aggressivo lo vedi lo vedi che sono i videogiochi Sposini c'aveva ragione ma mentre lo diceva un altro vigliacco bastardo dimmerda mi ha pungicato alle spalle con il coltello allora io mi sono alzato e ho buttato la cuffia e ho iniziato a prendere a calci forte la cassettiera gridando cazzo di nuovo cazzo ti ho detto di andartene te ne vuoi andare cazzo? e lei se n'è andata dicendo però Quando rientra papà sono cazzi tuoi che hai ancora l'età per esser preso a ceffoni ma a me non me ne fotte niente e mi sono chiuso in camera e sono arrivato al secondo Prestigio urlando a tutti in cuffia figli di puttana vi ammazzo vi ammazzo tutti che tipo se c'avevo davvero un Famas con mirino ACOG per sfogarmi uscivo in strada e facevo una strage e poi mi asserragliavo nel bar Felix fino a quando non mi portavano una citroen ds3 con un sacco di soldi e due pornostar come quelle di iuporn vaffanculo. 


ALTRE STORIE:
Oreo: provando inutilmente a uscire dal tunnel
Zulù, i 99 posse, la droga e quella volta che hai fissato una pistola (vera) dal lato sbagliato

Storie di vita irreale: c*zzi e conigli (pochissimi i conigli)

 

7 commenti:

  1. ahahhhah...storie di vita quotidiana! =))
    Essendo una dolce, gentile e aggraziata ragazza io non gioco a questi giochi violenti( il mio ragazzo dice perchè sono femmina e che le femmine non sanno mirare!), cmq anche mentre giocavo a Little big planet avrei ammazzato qualcuno di quelli che mi uccidevano il mio bellissimimiso sacboy!La violenza te la scatenano!!!E poi quando morivo 500 mila volte nello stesso quadro!!~x(

    RispondiElimina
  2. doc ma ti sta piacendo? la campagna l'ho trovata davvero squallida, online si lascia giocare ma sembra meno rifinito di modern warfare 2, soprattutto nel design delle mappe, detto questo ci sto giocando lo stesso e di gigino97 ne incontro sempre una cifra mi fanno tenerezza...

    Il post è uno spaccato di vita molto credibile, ma è successo qualcosa di ben peggiore ad un mio amico durante una competitiva di halo reach. Solito gruppo, becchiamo un team di 4 ragazzini inglesi tutti dal 94 al 97 nel nick, ovviamente in partita si rivelano cattivissimi e schizzatissimi... ci battono tipo 50 a 40, il mio amico arriva al termine della partita sfinito dalle bastemmie, ha finito tipo a -12 nel rapporto uccisioni morti e questi gli si inginocchiavano vicino ad ogni uccisione in ulteriore segno di sfregio... torniamo in lobby e questo inizia a dare la colpa alla connessione, ad halo che "E' UN GIOCO DI MERDA", allora per divertirmi e caricarlo gli dico che no, che questi ragazzini erano davvero forti (mica vero), che alla loro età hanno riflessi molto migliori dei nostri... concludo che c'è poco da fare (mica vero io avevo finito come sempre in +) .. al che sbotta, sempre tra ingiurie varie "LORO HANNO I RIFLESSI IO C'HO IL CAZZO DURO!!!" e dopo pochi secondi tra le nostre risate stacca la connessione... niente di strano ci diciamo, lo fa spesso, e già tanto che non è uscito durante la partita lasciandoci in tre contro quattro.
    Il giorno dopo però ci racconta che ha staccato perchè era entrata in camera la madre, che aveva visto il figlio trentenne, sudato come un maiale, urlare al microfono e conto la tv "IO C'HO IL CAZZO DURO". Quello che può aver pensato quella povera donna lo lascio decidere a voi.

    RispondiElimina
  3. Della serie: "Convergenze parallele"...

    http://concettopiramidale.blogspot.com/2010/08/gta-syndicate-senza-i-cyborgs.html

    PS: Crosslinkato. A buon rendere!!! ;)

    RispondiElimina
  4. Cranberry: uno degli ultimi livelli di LBP, quello in cui dovevi precipitare in una ruota senza finire sulle scariche elettriche, mi ha provocato una SEVERA crisi di nervi. Ti capisco benissimo.

    Ralph: LOL per il racconto, ma di tipi che strippano perché le prendono in un gioco è pieno purtroppo il mondo. Ancora ricevo ogni tanto i messaggi di complimenti alle donne della famiglia da tizi di mezzo mondo a cui rifilo tre pappine a PES. Tornando a Black Ops: mah. Oggi mi sa che lo mollo. Sono a livello 35 e mi sono già scocciato.

    Marte: eggià. Eggià. :)

    RispondiElimina
  5. Ora so per certo che sto Black Ops non fa per me.

    Marte, bello il tuo amarcordo su Syndicate. Peccato che il Pietro Mulinello di adesso sia un povero stronzo megalomane che non sa praticamente più quello che dice e che fa. Almeno prima aveva la scusa di essere un pioniere.

    RispondiElimina
  6. @Doc: Ti gusta il "Goomba" come icona per il link? E' la cosa più simile ad un "fungo nucleare" che ho trovato! :P

    @Kon: "Mulinello" rimarrà sempre il mio idolo (per cose come "Syndicate" e, soprattutto, "Populous II" - entrambi su "Amiga" ed entrambi giocati fino alla consunzione fisica e mentale...).

    Il problema è che ad un certo punto lui e compagnia cantante hanno deciso che non gli bastavano più i "God-Games" tradizionali e che dovevano implementare nei loro giochi futuristici engine ed AI dotate di sensazionali capacità di autoapprendimento per dare vita a videogames dalla struttura talmente aperta che alla fine ti ritrovavi per le mani un software col quale finivi per non fare nulla per tutta la durata del game...

    Leggi: "Black & White", la più grande collezione di bugs venduta come videogioco finito, a mia memoria... L'inizio della fine della "LionHead" che fino a quando si accontentava di essere una volgarissima e bitorzoluta "rana toro", prosperava, ma poi ha voluto gonfiarsi e gonfiarsi per assomigliare ad un leone e... PUM! :D

    "Magic Carpet", "Theme Hospital", "Theme Park", "Daungeon Keeper"... Per questi titoli bisogna incensare la memoria di Peter. Per questi titoli il "Mulinello" ha tutto il diritto di essere megalomane ancora oggi. :D

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails