Uncharted 2: ore 20, lectio magistralis di Naughty Dog nell'aula PS3

Nathan DrakeWalter Nudo annaspa in uno scenario glaciale, mezzo ricoperto di sangue (proprio) e neve. Annaspa, rantola, si inerpica su un vagone spenzolante su un baratro. Si aggrappa a sporgenze traballanti, dà un nuovo significato al concetto di piattaforme arrampicandosi sugli schienali delle poltrone, riesce a tirarsi su e a saltare fuori da un altro vagone subito prima di seguirlo in fondo al crepaccio. Scarocchia sangue, annaspa un altro po' nella neve. Subito prima di venir sballottato, proiettato in aria, cappottato più e più volte all'interno di un'altra carrozza. Basterebbe il prologo, ad Uncharted 2, per guardare dall'alto in basso qualsiasi action adventure prodotta negli ultimi trent'anni. E' quel tipo di immersione totale, quell'interazione orgasmica mano-occhio-schermo che ti poteva tirar fuori solo un Kojima senza troppe pippe. O la migliore Jenna Jameson. Per la prima volta nella storia del videogioco, inoltre, la copertina di un titolo di questo genere rende molto, ma molto meno della scena ritratta. Naughty Dog non si è voluta accontentare di una grafica da stropicciarsi gli occhi, di un'altra storia sesso a cena morte e reliquie a colazione (un po' Bond, molto Indiana Jones), di un sistema di controllo ancora più immediato e intuitivo di quello di Uncharted, in grado di disinnescare qualsiasi rischio frustrazione al primo accenno di piattaforme (prendi nota, Croft. Sì, tu seduta laggiù in fondo, all'ultimo banco). Il cagnaccio californiano ha creato l'action adventure definitivo, calando chi gioca in esaltanti fasi d'azione di cui il treno penzolante dei primi minuti costituisce solo un succulento antipasto. E lo ha fatto, è quel che più conta, senza ricorrere all'escamotaggio facile e fin troppo cheap dei QTE a spron battuto. Alla guida di Nathan DrakeWalter Nudo, affronti l'impossibile, ma lo fai come un vero uomo. In tempo reale, non pigiando due tasti come un NinjaBlade007Spider-Man qualsiasi. Spettacolo, spettacolo, spettacolo.

In foto: Drake's Fortune un cazzo.
Uncharted 2 avrà, chiaro, i suoi difettucci veniali (quegli occhi di vetro di Chloe, per dire, sono un biglietto di sola andata per l'Uncanny Valley), ma signori: dai combattimenti alle battute di Nathan DrakeWalter Nudo (da antologia, lo scambio con Sulley sulle ninfomani in chiesa), non hai trovato una singola cosa veramente fuori posto. Si piazza senza troppi sforzi in cima alla tua lista di giochi preferiti di sempre. Il che, detto da chi ha trovato il primo Uncharted bello ma piuttosto noioso, è abbastanza significativo. Spettacolo, spettacolo, (spettacolo).


TASSO DI TACHIONI: Fuori scala.
10 

Commenti

  1. Finito pochi giorni fa.
    Concordo su tutto: uno spettacolo.
    Purtroppo la esse sibilante della brunetta e la sua voce un pò "hhhhhhhhhhh" e ferruginosa hanno ammazzato quelle tette con lode.

    Nathan, alla fine, sceglie di comodo (sei e mezzo e sto!) e casca in piedi, dai.
    Quella brunetta è una che puoi trombare solamente in Tibet, con la pietra Shintamani sul comodino.
    Per la vita di tutti i giorni ci vuole una a modo, comunque piacevole e che non scassi troppo la minchia. Era uno spoiler del finale, 'nzomma.

    RispondiElimina
  2. Eh, oh: e che facciamo, Fotone, spoileriamo? Che mica si può fare. Che mica ci puoi dire alla gente come vanno le cose. Che poi la gente, tipo, si incazza. Mica ci puoi dire che tanto non vale la pena di dannarsi per quel vecchio scorreggione di Karl Schäfer, che alla fine crepa lo stesso. Non puoi. Che non è bello.

    RispondiElimina
  3. qualcuno sa come si dice RPG in tibetano?

    RispondiElimina
  4. Secondo me si dice RPTGTGBRPG.
    Comunque, restando in tema di spoiler, non riesco a togliermi dalla testa quel "quattro...", sussurrato al tramonto (o alba, bo...) dell'Imalaia, al di là del contesto cipi cipi in cui i due stronzeggiavano per non dirsi apertamente "si tromba adesso o dopo cena?".

    Quattro perchè sarà una tetralogia?
    Quattro come i fantastici?
    O come le fibre che servono a colazione?
    Quattro che?

    RispondiElimina
  5. Quattro lame di uìlkinsonSuòrd
    Quattro stracci di Guccini
    Quattro amici al bar di Paoli
    Quattro Formaggi del Quattro Formaggi di Ammaniti
    Quattro pappine rifilate al Milan in una sera d'Estate dai ragazzi
    Forza Quattro di hasbro
    Quattro salti in pazienza
    Quattro per Quattro

    (Sedici)

    RispondiElimina
  6. Così non fai altro che acuire i mie atroci dubbi.

    RispondiElimina
  7. Al di là dei tuoi (ir)ragionevoli dubbi, io sottolinerei l'imperdibile cammeo del grande regista LiegiBastonLiegi, guest director della cutscene tra il primo e il secondo capitolo del gioco. Quella che si apre con l'inquietante
    "Qualche mese più prima..."

    RispondiElimina
  8. Credo stiate scherzando (anzi, ne sono sicuro), ma quel "Quattro" che i due pronunciano alla fine si riferisce a una battuta di poco prima. Quando la bionda chiede a Nathan quanta paura ha avuto per lei, in una scala da uno a dieci. :)

    RispondiElimina
  9. None. In realtà Drake sta rispondendo a una domanda rivoltagli subito prima da Elena. E cioé: "Nathan, sinceramente, quanto pensi sia zoccola quella Chloe, quella tipa con le doppie punte e la voce che sembrano sassi trascinati sui vetri? Su una scala da 1 a 4, dico".

    RispondiElimina
  10. Ehi, nell'originale la battuta era su una puttana in una chiesa, non una ninfomane. Cenzuraaaa!!!11uno

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usarli. Metti la spunta a "Inviami notifiche"per essere avvertito via email di nuovi commenti. Info sulla Privacy