"Àu!"

Ti vengono in mente almeno quattro ragioni per cui, oggi come oggi, si dovrebbe fare incetta delle copie ancora in circolazione di Michael Jackson's Moonwalker. E poi farne un bel falò natalizio in piazza, con tanto di struggenti carrellate alla Frank Capra. E no, il fatto che con il coin-op la versione casalinga non avesse nulla a che fare non è in cima alla lista. Così come non lo è il terribile look di Jacko (ma che allora, in quella torride estate del 1990, aveva il coraggio di rappresentare l'apice del cool, ricordiamolo), con il calzino a vista. O la presenza di quella stupida scimmia (Bubbles? Bobbles? Puzzle Bobble?) che la popstar si portava all'epoca sempre dietro. No. La cosa più inquietante è che, novello Joe Musashi, Jackson deve salvare nel gioco delle bambine rapite. Povere fanciulle che lo ringraziano (con quel "Michael!" talmente stridolo che ti porta a capire perché siano state rinchiuse in degli scantinati) tutte contente e sicure e piene di gioia di vivere. Perché ancora non hanno messo piede a Neverland, ecco perché.

In foto: Moonwalker per Mega Drive. Un gioco che, oggi come oggi, hai come l'impressione che a Jackson non lo dedicherebbero più.


Commenti

  1. A me piaceva :)
    Eccezionale quando si trasformava in Jacko-robottone...

    RispondiElimina
  2. Eh. Anche a me piaceVA. E pure un casino. Il punto è che, a rivederle 17 anni dopo, certe cose non ti portano il solito, scialbo e scontato (SSS) effetto nostalgia. No. Ti portano a vergognarti un bel po'.

    RispondiElimina
  3. Uno dei pochissimi giochi che possedevo per la mia primissima console.

    Ci sono affezionato per forza perchè l'altro era il terribile California Games.

    RispondiElimina

Posta un commento

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usarli. Metti la spunta a "Inviami notifiche"per essere avvertito via email di nuovi commenti. Info sulla Privacy

SEGUI LE ANTRODIRETTE SU TWITCH