giovedì 15 dicembre 2016

99

Rogue One: A Star Wars Story, la recensione senza spoiler

Rogue One Star Wars Recensione poster
O "Come Rogue One: A Star Wars Story (d'ora in avanti solo Rogue One), pur essendo tutt'altro che un film perfetto, ti ha divertito e credi abbia svolto egregiamente il suo compito". Niente spoiler (che poi ROTFL, era tutto scritto, ma comunque niente spoiler) [...]
Partiamo proprio lì, dal compito. Appartieni alla minoranzadem di quelli che hanno apprezzato Il Risveglio della Forza, un anno fa, essenzialmente perché faceva quello che ti aspettavi facesse: rimettere in pista la saga dopo il disastro della seconda trilogia, unendo il vecchio e il nuovo, passando di mano il testimone tra personaggi storici catanannizzati dal tempo e giovanotti indisponenti con il caccia scoppiettante. Lo dicevi un anno fa, lo ripeti oggi in tutta tranquillità, ché non ti preme tuffarti nella grande marmellata polarizzatissima di quello che si porta dire su FB su questo o quell'argomento nerd. Hai una tua testa, cerchi di usarla, se il tuo parere non collima con quello di una o di un miliardo di persone fa niente. È solo un parere. Il mondo gira lo stesso, la vita di chi ha la maturità sufficiente da capire che i film sono solo film, pure (in genere basta compiere i dodici anni, ma oh, Internet e Facebook vivono in modo diverso, ok). Fine della premessona, torniamo a Rogue One. Il suo compito, in buona sostanza, qual era? Aggiungere un tassello nuovo alla storia di Star Wars? Presentare una nuova avventura dall'esito incerto? Lanciare dei personaggi a cui affidare le sorti della saga? No, no e, uh, no.
Rogue One nasce con il solo, manifestissimo scopo di scimmiare i fan della serie. Chi si lamenta del fan service in Rogue One, in senso assoluto, ha tutto il diritto di farlo, ma è come chi si lamenta della presenza del mare a Rimini. Non c'è nulla di incerto, è tutto scritto, appunto, perché che quei piani della Morte Nera siano finiti poi a una principessa vestita da monaca coi capelli a doppio tortano rotante lo sa pure tua nonna. Rogue One esiste - oltre che per far soldi, come aggiungerà alla discussione chiunque sia rimasto imprigionato per gli ultimi novant'anni in una realtà parallela in cui Hollywood è tutta una grande onlus - perché ora che le porte della stalla sono aperte, ogni fan vuole una dose maggiore di TIE fighter e assaltatori e camminatori AT-AT e Star Destroyer sul grande schermo. Vuole altre mega battaglie da terzo atto condite da spacconate, atti di eroismo e robot rompiballe indispensabili. Vuole quello che per anni e anni ci hanno dato solo fumetti, romanzi e videogiochi, però al cinema. Vuole la droga vera al posto di tutto quel metadone. E Rogue One tutto questo te lo scodella davanti agli occhi, aggiungendoci di suo uno spettacolo visivo INCREDIBILE. Il punto semmai è: il fan, uno come, boh, tipo te, è pronto a pupparsi tutto questo, solo dodici mesi dopo il film precedente? 
Come tanti, hai sperato che l'acquisizione della baracca da parte di Disney volesse dire un'espansione finalmente verticale della saga di Star Wars, dopo i francamente urticanti tentativi di Lucas di stretcharla all'infinito solo in orizzontale, rivendendoti dieci volte lo stesso film via via più sminchiato da aggiunte discutibilissime (#eufemismone). Solo che per buona parte della prima parte, per molto tempo del primo tempo di Rogue One sei rimasto sulla tua poltroncina... frastornato. Non sei abituato, perché non lo è nessuno, a questo sovraccarico-di-guerrestellari. Dopo la sovraesposizione di Episodio VII, un anno fa, presente pure negli spot dei dentifrici per cani, Rogue One è arrivato in sala con un hype infinitamente minore, per tante ragioni. Perché son passati solo pochi mesi e perché, chiaro, un nuovo capitolo è un nuovo capitolo, uno spin-off è uno spin-off. Ma non è solo questo, che al limite è un fattore puramente esterno al film stesso, a far strano.
È che all'inizio ti hanno fatto strano proprio la pellicola e il suo corso. Ci sono tanti, forse troppi personaggi, tanti salti dall'uno all'altro per presentare rapidamente la squadra, e questi tizi qui sono una carrellata di stereotipi. Ok, siamo d'accordo: Star Wars, se parcheggi un attimo il mito e l'alone da religione nerd, e vai ad analizzarne le storie, non è che abbia mai brillato per originalità, ma l'abile samurai cieco? Il tizio grosso con l'armamento pesante? Il tecnico smilzo? Manca Pretty Jane il Cigno... ah no, aspe', c'è. Ecco, ti sei sentito per diversi minuti spaesato come la faccia di Felicity Jones, la Jyn Erso protagonista di Rogue One. Imbambolata nel corso degli eventi, più che per carenze espressive dell'attrice inglese, perché credi si volesse rendere proprio lo spiazzamento tipico dell'ennesimo figlio del destino della serie riscopertosi tale a tradimento. Però c'è un elemento che accompagna tutto il film sin dai primissimi minuti: il fatto che Rogue One è una pellicola tetra, oscura, un luogo di tenebra in cui le battute son poche e distanti e si parla tanto di speranza perché questa gente ha solo quella a cui aggrapparsi. Un film nero come la terra del pianeta natale di Jyn o le corazze bellissime delle guardie di Krennic, in cui ciascuno sa qual è il suo ruolo e come non possa sottrarsi a ciò che deve fare. Chiamalo destino, chiamale via della Forza, perché, ancora, è tutto già scolpito nella pietra e nell'ologramma celestino di un droide che parla coi fischi.
Ed è grazie a quel filo conduttore color notte che nella seconda parte il film, a tuo parere, decolla come un caccia stellare truccato da Cenzino, il mago dei preparatori di motorini malaguti. Quella gente lì ha fatto cose terribili per la Ribellione e ora deve portare a termine una missione impossibile, diventando eroi. Jyn, improvvisamente, comprende il suo ruolo e non è più la ragazzina smarrita di prima, con lo sguardo perso nel vuoto: che lo voglia o meno, è una leader adesso. E allora tu pensi Dai, ora lo dice. E lei lo dice: brivido per vecchi fan induriti dagli anni e dai chilometri e da tutte quelle foto di Lucas vestito da boscaiolo che rideva alla faccia tua. Qualcuno potrebbe far notare a questo punto che la transizione figlia smarrita - leader determinata sia troppo veloce. Osservazione lecita, se smettiamo di ricordare gli intensissimi tre secondi di dolore che servono a Leia Organa nel primo film per metabolizzare la riduzione in coriandoli del suo pianeta natale. Star Wars è una favola fantasy e non è ovviamente un caso che il suo capitolo finora più oscuro sia quello più amato dai fan: sofferenza e morte si sposano benissimo con l'avventura galattica più della principessa salvata dal cavaliere figo e da suo fratello. E qui la sofferenza insomma, ché il tempo è quello che è, ma di morte ce n'è quanta ne vuoi.
Si arriva così alla battagliona del terzo atto, perché le battaglione del terzo atto stanno a Star Wars come gli zii che esprimono pareri non richiesti stanno all'albero di natale su cui fanno gli espertoni: inevitabili. E lì, lo ripeti, madonna. Si diceva alla vigilia che il regista, Gareth Edwards, è il Gareth Edwards dell'incerto Godzilla di due anni fa, dimenticando che il problema di quel Godzilla era il pochissimo Godzilla, e che rare scene in cui il lucertolone prendeva la parola spaccavano qualsiasi cosa. Ad Edwards non era venuto mica corto lo spettacolo per mancanze sue. Qui, lo ripeti, il circo di laser è qualcosa di spaventoso, dove hai trovato fuori luogo solo in più occasioni le musiche di Giacchino. Ispirate a quelle di Williams e perciò con l'animo del tarocco costosissimo. Alla tua scimmia fregava comunque il giusto, galvanizzata dai lampi della battaglia. Dice: è tutto fan service. Quegli AT-AT che fanno tremare il terreno di quell'insolito campo di battaglia, Darth Vader, quei caccia e quei bombardieri e quegli incrociatori lì, è tutto fan service. Buongiorno to Ciccio: è uno spin-off, Sherlock, e pure uno spin-off agganciato a quanto viene immediatamente dopo.
La storia precede Episodio IV di un battito d'ali di farfalla cosmica: era naturale tirare in ballo nomi, volti, cose, città e animali domestici già noti. Serve a dare contesto, a ricomporre il quadro, non solo a far saltellare i fan sulle poltroncine. È, come recita il titolo, una storia di Star Wars, ma non una ambientata in un quadrante remoto della galassia non cagato dall'Impero secoli prima: è il prequelone della prima trilogia, subito prima della prima trilogia. Che fai, fai finta che Vader sia dallo pneumologo? Che Tarkin sia a farsi una lampada?
Ecco, semmai uno dei problemi del film, per quanto di relativa importanza, è che si è voluti aderire troppo ad alcuni elementi visivi della prima trilogia invecchiati come il cucco. Il casco di Vader e soprattutto il sottocollo sono più plasticosi che mai in alta definizione, e i volti in CGI di due certi personaggi non sembreranno mai quelli veri, ma solo quello che sono, accrocchi fatti al computer. E se quello è un problema difficilmente risolvibile, per le ragioni di cui sopra (che fai, li inquadri solo di spalle? Da trenta metri? Magari Vader un po' più in penombra, ecco), gli schemi del funzionamento della Morte Nera con grafica 8-bit sugli schermi giganti magari li avresti verniciati un minimo di antiruggine. Tipo qualche roba in wireframe, toh, al posto delle mazzarelle bianche, non credi avrebbe fatto incazzare troppo i fan. O forse sì, boh. Comunque son piccolezze. I problemi veri del film sono semmai, a tuo parere, l'inizio e un antagonista superminchione come Krennic, ma fa niente pure quello, in definitiva. 
Perché nel complesso, pur con i suoi difetti, Rogue One ti è piaciuto: fa quello che doveva fare e ti ha divertito, mettendo pure giù uno spettacolo pazzesco. Perciò promosso. Aveva un compito molto più facile di Episodio VII, per la trama già di fatto pronta e le aspettative molto minori, ma l'esecuzione funziona e il tassello mancante spiega alcune cose. Compresa la dabbenaggine imperiale epidemica. Ah, si può dire che finalmente c'è un droide parlante rompiballe che è riuscito a starti simpatico, oltre ad avere un design fighissimo? Si può dire: salutate con la manina K-2SO (per gli amici K-2), che è un eroe e un guerriero (anziché un caghella dorato, metti), emblema perfetto dell'anima nera di Rogue One.




Rogue One A Star Wars Story
Recensito da: DocManhattan DocManhattan Data: December 15 2016
Voto: 4,5


99 commenti:

  1. Lo vedo domani quindi perfetta recensione senza spoiler. Grazie come sempre Doc!

    RispondiElimina
  2. Completamente d'accordo con te su tutto. Ma sulle figure in CGI avrei preferito meno esposizione.
    La seconda di spalle, magari solo il profilo per un attimo e poi di nuovo di spalle a dire la sua unica battuta avrebbe avuto un nonsochè di magico. Tanto si sarebbe riconosciuta comunque.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dunque, scusate se subentro tardi ma l'ho visto "solo" oggi.
      Di quale figure in cgi si parla? Perché la seconda ha effettivamente un capoccione, ma il tizio vecchietto e segaligno mi è sembrato talmente convincente che pensavo avessero usato riprese del vecchio film!

      Elimina
  3. doc visto ieri sera alla proiezione di mezzanotte,mi e piaciuto tantissimo dall'inizio al finalone "nella luce",gli omaggi si sprecano e come tu hai detto il fan Service è abbondante (il riflesso delle lenti rosso scuro di lord fener come nel primo film),sono stato spiazzato dal fatto che si sia scelto di usare il nome originale VADER ma chissene la sua scena ha letteralmente bucato lo schermo insieme al terzo atto con quella vera star wars,un abbraccio e auguri per il compleanno

    RispondiElimina
  4. Hello Doc! Me lo vedo domani sera (rigorosamente da solo!) al cinema senza 3D che odio profondamente. Mi rileggerò domani notte la tua rece e vediamo se collima con la mia.
    A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Visto ieri sera con attese molto molto alte e... niente. Soddisfattissimo! Vado con le mie opinioni. Occhio agli SPOILER:



      Film bello, cupo, dritto, duro e "cattivo". Ci si ferisce, si muore, ci si sporca. Molto vicino agli anni 70 e alla trilogia originale come immagini, fotografia e cinismo. E lo si nota immediatamente dai capelli (pettinature con la riga di lato!) e dai baffoni. Pochi sorrisi e poche battute per alleggerire il climax ma il film fila dritto e prende il volo (ottimo Doc, questa te la rubo!) nella terza parte che letteralmente vola via e si chiude con 10 minuti che scimmiano abbestia.

      Pro:
      - fan service esagerato che mi ha esaltato da morire. E non sempre fine a se stesso (solo la scena in cui si scontrano con il galeotto Evazan che poi morirà ucciso da Ben Kenobi a Mos Eisley mi è sembrata l'unica forzatura vera e propria). Ma le inquadrature sulla vedetta, i caschi, le divise,... Un richiamo dietro l'altro a quei tre film leggendari con immagini a volte fatte pari pari.
      - la tecnologia analogica. Tutto ha cavi, spine, cuffie, bombole,... Nulla è digitale o wireless. Bellissimo!
      - il mondo è sporco, sgranato e disperato. La ribellione è "povera" e utilizza il reciclo, fa freddo, piove,... Tutto molto realistico e disperato. Nulla è asettico e pulito come nella seconda trilogia. Qua c'è decisamente più "cuore".
      - le facce in CGI di Tarkin e di Leila sono una bomba. Si può discutere sull'utilità di far vedere la principessa in viso e non di spalle. Ma quando l'hanno inquadrata e Carrie Fisher è apparsa giovane è letteralmente venuto giù il cinema.
      - ci sono gli AT-AT!
      - si capisce (finalmente!) perché la Morte Nera, che dovrebbe essere indistruttibile, ha in realtà quel leggerissimo difettuccio di costruzione.
      - Bello il portale per accedere al pianeta Scarif. Anche se per un attimo mi è venuto in mente Balle Spaziali col codice d'apertura 1-2-3-4-5!
      - Gli ultimi 10 minuti di film valgono più di tutta la seconda trilogia messa assieme. E tutto questo ROGUE ONE è superiore al Capitolo VII uscito l'anno scorso.

      Contro:
      - il cattivo, al solito, è un pirlone. E muore pure da coglion@zzo. Si sa che scrivere un buon cattivo è molto difficile. Ma qua per avere pathos e una minaccia reale bisogna riesumare Tarkin e Vader. I quali, naturalmente, si mangiano ogni scena.
      - La Jones è una cagna maledetta giusto per dirla alla Renè Ferretti. Zero appeal, zero carisma, zero espressioni. Perfino il "discorsetto motivazionale" è un po' moscio.
      - Tutta la prima parte è abbastanza lenta e si fatica a carburare. Saw Gerrera (Whitaker) è un po' buttato là. Due-scene-due giusto per dargli un background e un legame con Jyn. Ma il tutto è scritto col pennarello grosso e pescato dal cestone dei personaggi "padri adottivi duri che svezzano i figli a pane e fucili ma sotto sotto gli vogliono bene" che trovi in offerta da Piccol a pochi euro.
      - i Trooper mi fanno cascare le braccia. Come sempre: o cecchini o ciecati. Una via di mezzo no? Idem per i piloti degli Star Destroyer. Ovvio che i ribelli vincono facile oggi volte! Lottano alla morte contro degli incapaci!
      - La fantasia degli sceneggiatori è veramente limitata. O si deve distruggere la Morte Nera (ep. IV e VII), o si deve abbattere uno scudo difensivo (questo, il VI e pure nel V anche se è l'impero che deve distruggere lo scudo su Hoth). Ma come? Tutto qua? E che cavolo! Solo i Cavalieri dello Zodiaco e le loro perenni corse contro il tempo li battono.

      Ok, questa è la mia modestissima opinione e per il voto concordo col Doc. Se il risultato finale fosse una bombetta del genere, io sono per "Ogni anno uno Star Wars!".

      Elimina
  5. "Aveva un compito molto più facile di Episodio VII, per la trama già di fatto pronta".

    Diciamo che anche Episodio VII ha avuto la trama, già di fatto, pronta.

    ;-) saluti

    RispondiElimina
  6. Appena uscito hype a mille. Concordo con quanto hai detto e scritto. Avrei preferito che quel personaggio non si girasse però tant'è e anche le grafiche e i computer sapevano di "antico" e forse una sverniciatina ci voleva ma credo che quello che Edwars volesse essere più fedele possibile con i film della Prima trilogia e non creare salti.
    Bello e tetro al punto giusto dopotutto non è dall'oscurità che rinasce la
    Speranza?

    RispondiElimina
  7. Visto stasera, piaciuto molto. Ma molto molto. La sola scena finale (quella con la porta incastrata) vale il prezzo del biglietto.

    RispondiElimina
  8. Uscito dal cinema con la scimmia in modalità berserk.
    Le mie maggiori perplessità rimangono il protagonista maschile un po' troppo calato nello stereotipo del bello e dannato, e vabbeh, le truppe imperiali che passano dalla modalità "panzer division" a quella "sturmtruppen" senza soluzione di continuità.
    Cioè, francamente, ma vogliamo parlare di che minchia si fumano i piloti degli star destroyer? Scene che manco in tangenziale con la nebbia... ;-)
    Comunque bello bello bello.

    RispondiElimina
  9. Mi è piaciuto molto. Non è mai facile secondo me conoscere il finale, quindi non sarei tanto d'accordo sul compito così facile. Secondo vero compito di Rogue One è quello di espandere l'universo e esprimerne il potenziale al pubblico. E che non è che se non c'è uno Skywalker non ci si diverte eh. Anzi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai, hai capito bene il senso di quella frase :). Si sapeva esattamente sin dall'annuncio che cosa sarebbe successo e perché. Non i singoli fatti e la sorte dei singoli tizi, ma la vicenda sì. E oh, bella forza, è un prequel della storia di fantascienza più famosa della galassia. E questo è oggettivamente più facile che partire senza un plot. Poi che abbiano svolto bene il tutto lo testimonia il mio apprezzamento per il film nel suo complesso. Potevano tirarne fuori una storia superpezzente, si sono mossi fortunatamente nella direzione opposta.

      Per il secondo punto: beh, ok, ma è uno spin-off. Il fatto che debba espandere qualcosa è implicito nel suo stesso titolo :) Poi, a fare i fiscali, ci sarebbe da dire che allarga pochissimo il quadro, spostando l'inquadratura indietro praticamente di due metri, subito prima di Episodio IV. Ma è figo per questo: non ci dev'essere per forza uno Skywalker, ma se intrecci la vicenda con volti, luoghi e astronavi note la gente si gasa di più e, con un po' di impegno, prequel e quanto viene dopo diventano davvero un tutto unico, con in più quella coerenza - per me anche un filo troppo spinta - stilistica che nel salto da prima a seconda trilogia mancava completamente, facendo sembrare il vecchio nuovo e viceversa.

      Elimina
    2. Si è verissimo Doc. A me faceva un po' paura sapere già la fine e mi sembrava quasi più facile partire da una situazione nota ma con finale aperto, come ad esempio il prossimo su Ian Solo.

      Comunque sono stati davvero bravi. Chi si aspettava un approccio fin troppo light nelle mani Disney invece fortunatamente trova una pellicola molto più scura.
      Ma c'era da aspettarsi qualcosa di diverso dall'"Impero Dell'Immaginario" ?
      (ZAAN ZAAN ZAAN ZAN ZAZAAN ZAN ZAZAAAAAN).

      Elimina
    3. Che poi uno Skywalker, per 5 minuti totali ma con una "furia cieca" nel finale, c'è. :)

      Elimina
  10. Ammetto di essere stato con zero aspettative, ma da oggi sto leggendo ondate di critiche positive. C'è molto hype!

    RispondiElimina
  11. Mi rendo conto che sono parecchio diversi, ma K-2 mi ha ricordato HK-47 di Knights of The old Republic

    RispondiElimina
  12. Bellissimo.
    Questo è Episodio IV meno 10. Mi ha emozionato, mi ha colpito e mi ha intristito e per i fan di Star Wars Rebels c'è anche il richiamo che ho adorato... :D

    RispondiElimina
  13. Ohmmioddio Darth VADER. Sono letteralmente schizzato in piedi dalla poltrona. E ho urlato.

    RispondiElimina
  14. Appena uscito, sto ancora tirando su con il naso. Mi è piaciuto davvero. Poi devo essere onesto seppur in CGI, rivedere Peter Cushing recitare in una delle tue saghe preferite è stato come rivedere un amico di vecchia data che non pensavi avresti mai rincontrato, per cui mi sono emozionato un pò. P.s ma solo a me l'ironia di K-2SO mi ha ricordato costantemente Sheldon Cooper? In ogni caso buona visione a tutti quelli che devono vederlo.

    RispondiElimina
  15. Visto stasera e concordo con il tuo giudizio Doc!! Nell'insieme ne è venuto fuori un bel film.

    RispondiElimina
  16. "Chi si lamenta del fan service in Rogue One, in senso assoluto, ha tutto il diritto di farlo, ma è come chi si lamenta della presenza del mare a Rimini"
    A mettere mare e non sabbia hai perso un'occasione Doc.

    A parte questo un paio di domande:
    Come rende in italiano K-2SO?
    So che in inglese gli presta la voce l'inarrivabile Alan Tudyk, ma è anche vero che in Italia abbiamo dei doppiatori con i controcazzi.

    Io Gareth lo conoscevo per Monsters prima di Godzilla, e di quel film dai ritmi lenti l'ho apprezzato tantissimo per la regia, e soprattutto per la fotografia.
    In passato i vari Star Wars (anche i primi, partano i fischi) non mi hanno mai convinto troppo sotto questo aspetto. Quanto hanno tarpato le ali a Gareth?

    Più in generale la domanda è: per uno che non è un gran fan di Star Wars quanto è godibile questo film di suo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "ma è anche vero che in Italia abbiamo dei doppiatori con i controcazzi."

      Senza nessuna polemica, mi permetto di dire che *secondo me* questo è un un po' un preconcetto. Forse una volta era vero, negli anni 80, ma ora decisamente non più. E me ne rendo conto da quando - per scelta e per necessità - guardo film solo in lingua originale: vedere l'equivalente doppiato è un pugno nello stomaco.
      Credo che la qualità media del doppiaggio italiano attualmente sia veramente bassa (ma ammetto di non vedere film doppiati in altre lingue per fare paragoni).

      Elimina
    2. "ma è anche vero che in Italia abbiamo dei doppiatori con i controcazzi." è la tipica frase di chi non hai mai sentito i doppiatori delle altre nazioni, se non i film doppiati dalle tv ucraine negli anni 70. Se volete farvi un'idea la disney rilascia ogni anno un dvd con le canzoni dei film di animazioni doppiate in una trentina di lingua, e solo leggendo nei commenti su youtube vi rendete conto di come per il resto del mondo i doppiatori italiani non siano mai fra i migliori. Ma se lo diciamo noi...
      https://www.youtube.com/watch?v=YejdbW4S2fI

      Elimina
    3. Oh, Perlex, calma, però.
      Non c'è bisogno di fare gli aggressivi per esprimere il proprio dissenso. Vedi il commento precedente di Nail, perfettamente composto. Si può dire tutto e il suo contrario, ma i modi sgarbati lasciamoli alle terre degli sgarbati :)

      Elimina
    4. In effetti doc mi scuso, rileggendo il post mi è venuto più antipatico di quanto non fosse l'intenzione

      Elimina
    5. A volte capita a tutti, non volendolo, me ovviamente incluso. No prob.

      Elimina
    6. I doppiatori sono grandiosi in Italia,sono gli adattatori ad essere dei veri cani.
      Senza voler scomodare gli episodi più eclatanti come il Klingon Boggle che diventa Risiko e Bender di Futurama che diventa una Macchinacheera quando diventa una Werecar,a me è sembrato ridicolo dire Rogue UNO quando su tutti i poster c'è scritto Rogue One.

      Elimina
    7. La scelta di tradurre "one" e non "rogue" dimostra tutta l'illogicità del doppiaggio/adattamento. Sono andato al cinema solo perchè avevo il biglietto gratuito ma non vedo un film doppiato da anni. Mi è sembrato di vedere una puntata di Dragon Ball leggendo il labiale

      Elimina
  17. http://i2.mirror.co.uk/incoming/article9465693.ece/ALTERNATES/s615/PROD-In-A-Galaxy-Not-So-Far-Away-Star-Wars-Fans-Descend-On-London-Ahead-Of-Rogue-One-A-Star-Wars-Sto.jpg

    RispondiElimina
  18. Secondo me è bello, ma tirato fuori dal discorso star wars lascia una serie di personaggi che mi ha lasciato un pro freddino.
    La protagonista...boh non mi ha preso per nulla
    Il cupo ribelle un po ci ha provato, il pilota imperiale poverino non pervenuto.
    Il dono ai cinesi che aprono il borsellino, con Ipman cieco e il guardaspalla carroarmato ambulante anche fuori luogo.

    Il droide era figo :D Ecco quello si :D
    Il problema dunque per me nasce nella poca empatia con i personaggi che mi ha fatto penare poco per le loro sorti.
    Si è fatto un gran lavoro comunque per cercare di rendere oggi, anche "graficamente", la tecnologia anni 70 del primo film ed è sicuramente un plauso: però questo provoca al solito l'accostamento di ipermoderno con la morte nera che spara come nel primo film che un po fa sorridere :)

    Per i volti dei due "omini in CG" per me si è preferito spendere budget altrove, perchè non ci credo non fosse possibile farli meglio, quello con più minutaggio ha un effetto comico fatto davvero male.

    RispondiElimina
  19. Non ho visto il film, ma onestamente tutti questi personaggi femminili incupiti, un po' Ellie-like, e fatti con lo stampino, iniziano a starmi seriamente sui maròni.

    RispondiElimina
  20. Io andrò a vederlo giovedì prossimo.. impossibile trovare posti nella sala IMAX nei primi giorni.

    Comunque, Doc, io non credo proprio che siano stati in pochi ad apprezzare episodio VII, a me è piaciuto :)
    Ed è piaciuto, direi, alla maggior parte dei fans, ad esempio le percentuali di rotten tomatoes sono molto buone. Chiaramente non è piaciuto a tutti.
    Forse il problema è che fa più rumore una persona che non è d'accordo e si lamenta, che 100 persone che concordano in silenzio.

    RispondiElimina
  21. Stasera! Stasera! Stasera!
    HYPE A 1000000000000000!!!

    RispondiElimina
  22. Per fare il C3PO della fungia, è solo una la figura in CGI... avevo la vista un po' offuscata da qualche bruscolino, ma ho visto che nei titoli dei coda era accreditata un'attrice diversa...

    RispondiElimina
  23. Meraviglioso. Ho atteso per decenni un film così intenso, palpitante e "puro" legato all'universo di SW. Nel web si parla, con una nota quasi di disprezzo, di "un film di guerra legato all'universo di Star Wars". Forse viene anche dal marketing ufficiale. Che stupidaggime! La saga di Star Wars non narra forse di una guerra tra ribelli e Impero, jedi e sith?!? Ha mille volte più senso questo prequel della "nuova trilogia", che qualche pregio lo ha, e surclassa anni luce in ogni senso quell'obrobrio di episodio VII. C'è più Forza, più atmosfera, più "magia SW" in un quarto d'ora di Rogue One che nelle due ore e fischia del ciarpame approssimativo, banale e stopposo firmato JJ Coso. Capace con un colpo di spugna di accelerare, banalizzare e svilire il percorso iniziatico della Forza adattandolo alle doti cognitive della "selfie generation".

    Drammatico, palpitante, coinvolgente. Ho amato Rogue One, girato e recitato in maniera sublime. Attori in parte a 10.000 giri, se penso a John Boyega e Oscar Isaac in epVII mi viene da ridere / piangere. Il dramma è che ce li porteremo avanti almeno per altri due film, mentre per forza di cose il team Rogue One finisce qui. Beh, grazie di cuore. Sono ancora incantato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande recensione mi hai pompato a mille !!! Condivido su episodio 7 che pur risvegliando la forza ha addormentato me !

      Elimina
  24. Quanto é imperiale sto film?
    Che a me piacciono le distopie, dei buoni che vincono e vincono bene non me ne frega niente, quanto é distopico?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di interessante il film mostra anche il lato oscuro della ribellione e come questa prospetticamente sia assimilabile al terrorismo

      Elimina
    2. Uhhhhhhhhhh...adesso si che la loli drizza le antenne!

      Vabbeh, allora magari una possibilità gliela dò se capita.

      Elimina
  25. "Rogue One è una pellicola tetra, oscura, un luogo di tenebra in cui le battute son poche e distanti e si parla tanto di speranza perché questa gente ha solo quella a cui aggrapparsi." e cacchio, è pur sempre l'epoca in cui una dittatura repressiva e fondamentalista sta imperversando. E quella "speranza" è l'unica cosa che hanno gli abitanti di quel quadrante: altrimenti come si fa a considerare quel cazzillo di Like una "new hope"? :D

    RispondiElimina
  26. Tutto bello, tutto giusto, ma c'è una cosa che non mi torna e che discutendone con altri sembra aver infastidito solo me (e il mio compare di cinema).
    Sono l'unico a trovare insopportabile il personaggio di Jyn?
    Non per questioni di simpatia.
    Scritto proprio male.
    Mary Sue della peggiore specie, che agisce e soprattutto influenza la storia solo perché c'è una sceneggiatura che dice così?
    Insomma protagonista perché "sì", leader priva di carisma o abilità, ma appunto, elemento trainante perché "ehi, il copione dice così".
    Senza contare chicche come i pesantissimi siparietti col padre, il personaggio di Whitaker, potenzialmente interessantissimo, ma montato con l'accetta dentro la storia o tutto il mcGuffin ridicolmente complicato recuperare i piani.
    Elementi che appunto, sono banali, ma che in un impianto tecnicamente di prim'ordine suonano malissimo nel mettere in pista "la sporca dozzina" in salsa Jedi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E se ti sembra (e un po' lo è, vero) inutilmente complicato questo giro per recuperare i piani, prova a dare un'occhiata a quello incasinatissimo della versione old canon :D
      http://io9.gizmodo.com/the-obscenely-complex-way-the-rebels-stole-the-death-st-1790153881

      Elimina
  27. Fanservice? Cioè si vede la protagonista sotto la doccia?! :D

    Ma chi era lo stilista dei trooper neri dell'immagine 6? Rob Liefeld? Mancano solo le sacchette a giarrettiera...

    Ma soprattutto. Meenchia è già passato UN ANNO??!!? Ma non era tipo ieri che leggevo la rece? Sono anche andato a controllare la data...

    PS: ho scoperto da poco l'esistenza della trilogia originale "Despecialized version": un lavoro immane fatto da alcuni fan in maniera del tutto amatoriale, uguale e contrario a quello fatto da Lucas in anni e anni di metodico scempio, in modo da tornare allo splendore delle versioni originali, con le loro incongruenze, i loro effetti speciali brutti e financo i loro colori giallino-Technicolor. Sciapò.
    Pare che Lucas abbia chiesto "Ma perchè l'avete fatto? Io vi avevo dato uno Star wars migliore!"
    E' proprio perchè non lo capisci che non sei più a capo di un'azienda che si chiama come te...

    RispondiElimina
  28. Mi è piaciuto, ma.... Ci devo pensare a freddo. Forse è proprio il fanservice che non mi ha convinto troppo :I

    RispondiElimina
  29. Andrò a vederlo sabato col furfante e forse qualche amico. Confido bene.

    Comunque a me episodio 7 non è piaciuto per nulla..
    infatti [SPOILERINI]

    Tutti i personaggi nuovi sono privi di profondità e antipatici ( tranne Finn ... che è solo privo di profondità).
    L' unico interessante è il Trota ma viene proprio buttato lì.
    i personaggi vecchi sono utilizzati male ( Ian solo da catetere, Leia ridotta a un siparietto ridicolo, r2d2 in modalità provvisoria per il risparmio energetico)
    La trama è copiaincolla ai limiti del ridicolo, ed i nuovi spunti in compenso non hanno un cavolo di senso ( perchè se luke sparisce la mappa è in due pezzi di cui uno alla base e l' altro in giro come quest item? )
    Perhè la spada laser di luke è in giro come un drop di diablo, perchè finn la sa usare e la danno a lui? ma checcazz di senso HAAAA???? )

    [endspoiler]

    ecco ora che ho finito di urlare perquotendomi le orecchie per la mancanza di senso di episodio 7 ( che mi ricorda comunque la trama senza senso di batman contro superman, un altra pellicola che inanella inarrivabili picchi di logica [SPOILER Superman accusato di massacrare una tribù di beduini usando un KALASHNIKOV WTF roba che manco quando si drogavano alla marvel negli anni ' 70]

    RispondiElimina
  30. E...niente Doc, volevo veramente andarlo a vedere, perche' il trailer buttava benissimo e la tua recensione ha confermato le impressioni.
    Finalmente un film di Star Wars piu' adulto, cupo e maturo. E disperato.
    Ma per (m)azzi e smazzi vari, in questo non ci riesco proprio.
    Forse con l'anno nuovo, quando si saranno calmate le acque, tanto credo rimarra' in circolazione almeno per un po'.
    Tutt'al piu' me lo vedro' la prossima estate, quando lo ridaranno in qualche cinema di paese.
    Perche', come dici tu, certi film VANNO VISTI AL CINEMA. PER FORZA.

    RispondiElimina
  31. Ad uno a cui non è piaciuto molto Episodio VII... o meglio che lo ha trovato solo meh, lo consiglieresti?

    Perchè sono molto combattuto.

    Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il 7 ha fatto schifo anche a me, ho adorato 4 5 6 da piccolo ma adesso mi sembrano invecchiati. Se condividi vai a vederlo.

      Elimina
  32. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Attento che hai spoilerato di brutto... non siamo a San Remo!! ;)

      Elimina
    2. Vero, mi scuso con chi non l'avesse ancora visto e avesse letto il mio commento

      Elimina
  33. Stiamo attenti, per cortesia, a spoilerate del genere. Usate sempre il tag a inizio commento quando serve. Questo l'ho eliminato prima che facesse danni tra chi il film non l'ha visto...

    RispondiElimina
  34. Non lo vedrò, quali che siano le qualità del film!
    Sarò maschilista, ma non riesco proprio a immedesimarmi in una protagonista femminile, che posso farci ?

    RispondiElimina
  35. Visto all'anteprima di mezzanotte (brava UCI Cinemas, tra l'altro c'è una offerta e se paghi con paypal puoi pagare il biglietto 5,90 ,o almeno fino a l'altro ieri era così)

    Visivamente molto potente, alcune scene veramente da pugnetti chiusi di gioia!
    Io sono pienamente soddisfatto, più di ep. 7 (che comunque mi è garbato).
    Le uniche due cosette:
    -sulle musiche si poteva osare di più
    -avrei preferito 5 minuti in meno di combattimenti aerei (su gente di cui non mi importava granche), e 5 minuti in più di caratterizzazione dei protagonisti

    RispondiElimina
  36. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  37. Allora, a me è piaciuto, così come mi era piaciuto episodio VII.

    Per me la Disney sta facendo esattamente quello che avrebbe potuto (non necessariamente dovuto) fare Lucas già vent'anni fa, ovvero sta cavalcando l'onda, avendo rispetto per i materiali originali, offrendo spunti in più da cui partire.

    Due righe di PRO e CONTRO per questo film.

    PRO

    1) E' una storia semplice. Magari vado controcorrente, ma di questo film sapevamo tutti la fine (e ci mancherebbe) eppure non è scaduto nel tentativo di mettere chissà quali colpi di scena.

    La storia inizia, si sviluppa, i tasselli vanno a posto e fine. Bene, bravo, bis.

    2)i personaggi. Hanno tutti un lato oscuro, eppure funzionano benissimo nel ruolo degli eroi senza l'effetto EEHHH che ho provato in Suicide Squad.

    3) I riferimenti a ciò che verrà sono giusti e non invadenti. Non so se li ho beccati tutti, dovrò approfondire!

    CONTRO

    Due cose abbastanza marginali.

    1) come già sottolineato da altri, si è indugiato troppo sul generalissimo ricostruito con gli effetti speciali. Ok, lo hai inquadrato, hai fatto capire che esiste, non serve poi a granché nel film, basta. Invece abbiamo intere sequenze che sembrano scelte dal curatore degli effetti speciali per metterle nel curriculum.

    2) Il platform. Star Wars si porta dal primo questa cosa del platform, arrivata all'esasperazione nella nuova trilogia.

    Il "comodissimo" stoccaggio dati dei cattivi, con, ehm, le manopole per recuperare i dati... Ecco, lì avrei fatto qualcosa di diverso. Avrei preferito pure una cosa alla Mission Impossible, invece che rendere "impossible" una roba che dovrebbe essere quasi banale.

    3) il bidone dell'immondizia sulla schiena del tank del gruppo! :)

    Ah, può essere il primo film dove non si vede manco l'ombra di una spada laser da lato chiaro?

    RispondiElimina
  38. Visto ieri sera per evitarmi spoilerate, mi è piaciuto.. e molto

    ROVINATORE
    (anche se verso la fine, quando è iniziato final destination rogue one mi sono tornate in mente le parole di qualcuno che magari inconsciamente ha rivelato l'inevitabile realtà.. nessuno di loro ci sarà nel cast di episodio IV)
    ecco più che prendermela per qualcosa che stava accandendo e già sapevo è stato prendermela perchè sono un inguaribile romantico e mi spiace quando schiattano tutti PERCHE' è giusto cosi.. il jackie chan della situa mi piaceva molto.

    belli i vari cammei ed esaltante sentire Bail che chiama Wedge per un compitino :D

    mi sono perso l'astronave di jarrus, spero che magari nel prossimo spin off riescano e vogliano inserire qualche personaggio di rebels.. non sarebbe male.

    Spiazza anche la mancanza della sigla iniziale... tutti aspettavamo quel momento per canticchiarla chiudendo gli occhi e tornando bambini.. ma anche in questo caso.. DOVEVA essere così quindi... ce stacciamo...

    Rogue one dimostra che se si ha carta bianca viene fuori qualcosa di bello.. e non avendo l'obbligo di iniziare una trilogia, ne esce un film davvero piacevole e ben fatto.

    Ultimo appunto sulla cgi..
    allora su leia ok.. quando si è girata ha fatto effetto Fiona di Shreck.. ma per quanto riguarda Tarkin.. che dire.. io non me ne sono proprio accorto.. anche perchè mi ero dimenticato della sua dipartita.. pensavo fosse semplicemente un attore molto somigliante.. di certo sapendolo a priori (della sua morte) avrei notato certamente gli artefatti... (a me sembrava solo paurosamente scavato dalla vecchiaia)

    RispondiElimina
  39. Mi è piaciuto, svolge egregiamente i compiti che Doc ha ben descritto nella recensione. Avrei dato più minuti ai ribelli nella parte introduttiva ma oh, degustibus...
    L'unica cosa su cui non sono d'accordissimo è sul fatto che Jay diventi una leader, ma d'altra parte parte nemmeno la ribellione sembra organizzatissima...

    RispondiElimina
  40. Il film di per sé è godibile, forse un po' troppo alla "platoon" per i miei gusti, però va bene così. Ma la domanda che mi sono posto a fine visione è questa: è eticamente giusto resuscitare attori morti e farli interpretare digitalmente da altri attori al solo fine di deliziare i nostri occhi? Il povero Peter Cushing sarebbe fiero della sua prova attoriale in Rogue one se potesse vederla?
    P.S. per favore basta con queste eroine disney a capo delle ribellioni, personalmente non ne posso più

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si resuscita un personaggio, credo, non un attore.

      Elimina
    2. Hanno resuscitato un attore che fa quel personaggio

      Elimina
    3. Se uno scrittore scrive un romanzo utilizzando contesto e personaggi di un altro scrittore morto, non ha resuscitato lo scrittore, ma i personaggi. Per questo io ci vedo Tarkin, non l'attore, l'attore è deceduto, nessuno pretende di credere che sia lui.

      Elimina
    4. È un esempio fuori contesto, se uno non ha i diritti per certe operazioni si chiama plagio; la mia domanda era un'altra, però lasciamo perdere

      Elimina
    5. Non lo ritengo fuori contesto (e ovviamente mi riferivo ad uno scrittore che i diritti li detiene). Se vuoi lasciamo perdere, ma l'argomento è interessante.

      Elimina
    6. in realtà questo è un problema giuridico che c'è da un pò... pensate alle bandiere col Che, alle magliette con Marilyn Monroe, e che so io... gli eredi hanno diritto ad una royalty?

      Elimina
    7. No, mi spiace ma è un problema etico, e di non poca rilevanza. Uno scrittore che resuscita un personaggio creato da un altro autore può farlo, ma il suo romanzo non potrà mai portare la firma dell'autore originale.
      Un attore profonde tutta la sua arte nel caratterizzare un personaggio, "rubargli" il volto così com'è stato fatto in Rouge One sarebbe come mettere la firma di Arthur Conan Doyle sotto la sceneggiatura della serie Sherlock di BBC.

      Elimina
    8. Il mio dilemma etico più che altro è se la famiglia dell'attore riceva un compenso per questa "nuova interpretazione" e se possa avere voce in capitolo sulla presenza del familiare deceduto all'interno del film.
      Perchè allora tra 20 anni quando questa tecnologia sarà meno costosa e alla portata di tutti cosa succederà?Avremo film Porno con Haudrei Hepburn e Marylin Monroe?Usate senza alcun diritto d'immagine.

      Elimina
    9. Al di là del dilemma etico, credo comunque che questa mimmata degli attori in digitale ci porterà solo altre vagonate di inutili remake/reboot/prequel etc., in questo periodo in cui le trame originali sono terribilmente in crisi le case ci si butteranno a testa bassa.

      Elimina
  41. Piaciuto molto, molto di più rispetto al ruffianissimo Ep. VII: il fan service mi sta bene, se fatto con intelligenza, misura. Certo che l'inventiva e l'originalità abitano da un'altra parte...

    RispondiElimina
  42. Appena stato a vederlo e concordo con quasi tutto quello che hanno scritto Doc e lo Zio Portillo. Come capitolo principale di saga non funziona (e non ne ha la pretesa), come telefonatissimo anello di congiunzione con il IV Episodio sì ed anche egregiamente. Insomma, per dirla col commento dell'amico che era con me: "spiega cosa fanno i poveri peones mentre la gente altolocata si prende a spadate laser"! Ai vari commenti aggiungerei un altro pro e un altro contro !SPOILERONI!:
    Pro: la scena di Darth Vader che fa brutto sulla nave ammiraglia catturata dei ribelli è da orgasmo istantaneo!
    Contro: alcuni momenti della battaglia finale sembrano forzati per prolungarne azione e drammaticità (devi disabilitare uno scudo planetario e spari ALLO SCUDO anziché alla stazione che lo genera? Che è lì vicino eh, mica sulla luna degli orsetti di Endor!).
    Insomma, promosso, tranne un paio di cosucce, via. Peggio della faccia di Kylo Ren non poteva comunque essere!

    RispondiElimina
  43. Piaciuto molto poco.
    Fantastiche le ambientazioni e la storia. Eccezionali le ultimissime sequenze.

    Il resto è appena sufficiente. Il montaggio si nota troppo nel suo spezzare i momenti della storia in malo modo, sopratutto durante la battaglia finale. Battaglia che ho sofferto nella sua lunghezza e mancanza di coinvolgimento emotivo.

    I dialoghi forzati e innaturali non aiutati da un doppiaggio fastidiosissimo su alcuni personaggi.

    Era dall'Attacco dei Cloni che non uscivo così insoddisfatto da un film di Star Wars.

    Confido molto in episodio VIII (Il Vii per me è stato fantastico, operazione geniale e riuscitissima sotto quasi tutti i punti di vista).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedo con piacere che c'è qualcun altro che la pensa come me..

      Elimina
  44. Visto venerdì sera, solo io ed i miei bimbi con un amico e la sua bimba.
    Siamo usciti esaltatissimi tutti e cinque. Bello, disperato e al tempo stesso speranzoso. Solo un paio di
    [ROVINATORE]



    - Il discorso motivazionale con musichina di sottofondo potevano lasciarlo perdere, troppo "independence day" dei poveri
    - Mi è piaciuto molto il ruolo della spia dei servizi segreti e la sua coscienza sporca, avrei spinto un pelino di più
    - Ma perché quel modo così complicato di dare i piani segreti ai ribelli? Non si potevano spedire col pilota disertore?

    [/ROVINATORE]

    Per il resto un film che ha spazzato via i capitoli 1,2 e 3 in un niente. Pure il 7, salvo che sono troppo curioso di vedere come virerà (se virerà) la storia di capitolo 8 dopo questo bellissimo spin-off (tipo l'influenza di Winter soldier su Civil War di Captain America).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. da quanto ho capito Erso non aveva una copia dei piani.

      Elimina
  45. Decisamente promosso, mi è piaciuto molto di più di Ep. VII. Ma vorrei tanto sapere come mai è così difficile evitare le megamimmate tipo "leva risolvitutto" e, soprattutto,

    [MINIROVINATORE]

    dove ha pescato lo sceneggiatore quell'assurdo sistema di recupero dei backup, dato che hanno cos' tanti droidi che gli escono pure dalle orecchie

    [/MINIROVINATORE]

    Concordo sui dubbi nell'uso della SFX per i personaggi, se per gli umani i difetti sono tutto sommato comprensibili nel caso di Vader la resa rispetto agli Ep. V e VI è penosa, sembra di avere a che fare con una action figure.

    RispondiElimina
  46. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  47. Sono andato a vederlo. Bambino di 5 anni fermo immobile sul sedile, gli è piaciuto da impazzire.
    Per quanto riguarda me.A mio avviso, con la sensibilità di oggi, è il miglior film di guerre stellari di sempre . Inclusi episodio 4 5 e 6.
    Perchè?
    [spoiler]
    Perchè ai bianchi buoni contro i neri cattivi non crede più nessuno.
    Perchè ormai la guerra la vediamo tutti i giorni al telegiornale e gli stormtroopers impranati fanno ridere. E sono veramente imbranati .
    Perchè le battute tra Ian Solo , Luke e Leia fin che si spara sembrano giochini da asilo, per non parlare delle baggianaate di Finn.
    Perchè i fan sono cresciuti e la serie deve crescere o morire.
    Perchè l' impero fa finalmente paura e non ridere.
    perchè è star WARS e ormai la guerra lo sappiamo com'è anche da casa, con youtube , purtroppo. Il contrario è fare un film per ragazzini coi pupazzoni.
    I personaggi sono semmplici, delineati con pochi tocchi efficaci, poche frasi ad effetto, ma molto più verosimili delle marionette ridicole di episodio 7, dei decerebrati dei primi 3 ed anche meglio di molti personaggi secondari della trilogia originale, semplci macchiette senza spessore, carini ma vuoti, vedi Lando, Chewebacca e tanti altri che avrebbero meritato di più ma una votla era già tanto così.Alcune scene poi sono veramente ad effetto, ad esempio l' assalto al carro armato nel deserto con la bambina che ha perso la mamma... non ditemi che non vi è venuto un brivido lungo la schiena pensando ad oggi. Come diceva Fallout, war never changes.

    L' inizio quando Cassian uccide l' informatore. Dov'è finita la ribellione scalcagnata ma bonaria degli anni '70? è finita come i nostri sogni di una guerra buona e giusta, diventata una guerra per evitare il peggio, che si accetta solo per un fine più grande , ma che ci tormenta.


    Il dubbio di Cassian quando sta per uccidere Erso, il dubbio di Jyn su Cassian, la paranoia di saw gerrera,lo squallido arrivismo degli imperiali degno dei politici corrotti di casa nostra, lapaura dei ribelli che rende la speranza necessaria.
    Tutto s'interseca creando un conflitto verosimile, umano, orrendo ed epico.

    Anche la trama ha decisamente senso, non ha buchi o stupidate o deus ex machina che tirano avanti gli eventi , ed i temi sono chiari : vendetta, speranza ( prima volta in cui si parla di speranza su un film di star wars), coraggio, fiducia.

    Le scene di battaglia poi sono girate con cognizione di causa, i cattivi stanano i buoni usando le granate, utilizzano la copertura finalmente in modo efficace ed uccidono quando sparano. Darth vader in una sola parola: inarrestabile.
    Panico nella scena della porta.Panico quando arriva. Panico quando avanza.

    Insomma un vero capolavoro della fantascienza, non per tutti , ma se è piaciuto a me ed a mio figlio di 5 anni immagino possa piacere a molti , mi auguro che modifichi in meglio quella schifosa patacca di cartone che è episodio 7.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se al Doc spesso faccio (facciamo) i complimenti per i post, questa volta li faccio a te.
      A memoria mia il tuo è uno dei migliori commenti mai scritti qua sul'Antro. Complimenti!

      Elimina
    2. Mah i confronti a distanza di anni (millenni) sono sempre molto difficili.

      Alla fine degli anni '70 le guerre c'erano eccome e di sicuro era percepibile ora come allora il disastro che provocavano (nel 77 la guerra in Vietnam era finita da pochissimo).

      Quindi dubito che Lucas volesse realismo, Star Wars (i primi) sono una favola fantasy/fantascienza con forti rierimenti misticheggianti (l'eroe dei mille volti).

      Il tentativo di rendere i nuovi star wars con un taglio drammatico è una scelta evidente, riuscita ridicola nel VII e vagamente più credibile in questo episodio, non so se l'operazioe gli riuscirà.
      Nel complesso mi pare un tentativo fiacco, ibrido, perchè i personaggi son rimasti macchiette (il rappettaro-harkonnen-ribelle estremista non se po' vede') come trovo patetico che nei due casi in cui Cassian potrebbe veramente dannarsi, complicando il personaggio, mettendolo di fronte alla realtà della guerra, alle scelte a cui essa contringe, lui venga salvato magicamente da qualche evento che gli uccide l'obiettivo prima che possa farlo lui o che il suo dilemma interiore venga eleborato.

      L'intento drammatico c'è, ma ai personaggi non viene concesso di scenderci dentro, ci si limita ala crudezza delle uccisioni, ad ammazzarli senza scavargli dentro. Ma insomma, non mi aspetto da Star Wars una complessità su quel fronte, non è il tipo di film, non è il tipo di rischio che una produzione milionaria si prende.

      Piuttosto a me di vedere altri Star Wars non frega più di tanto, sarebbe molto più interessante vedere nuove opere prime, ma trattasi di speranza vana.

      Elimina
    3. @Zio : grazie ;)

      @alphac: Che non ti sia piaciuto rogue one mi sta bene, ognuno dice quel che gli pare , ma non mi pare corretto che tu venga a farmi le pulci sulla recensione; la tua opinione te la sei scritta più sotto , pace ed amen.

      Elimina
  48. Diciamo che mi è piaciuto, mi è piaciuto se lo guardo come un film di fantascienza "generico". Molto meglio di tanta robaccia uscita ultimamente, rimane un film molto Mc Donald's: tutto grasso e gusto artificioso e poco contenuto (come gran parte dei film sci-fi degli ultimi anni).

    Sul resto non dico nulla, da un punto di vista narrativo è poco meglio di quella roba orribile che han fatto con Force Awakens.

    RispondiElimina
  49. Visto ieri sera concordo con tutto quanto è stato già detto in recensione e commenti,è uno splendido film di guerra ambientato nell'universo di Star Wars,un film che non è che "funziona anche se non ci sono jedi",ma funziona PROPRIO perchè non ci sono jedi a rubare l'attenzione e la storia lasciando le altre "classi" (per dirla in gdrrese) in sottofondo.
    In Rogue One finalmente "gli stella pilota" e tutti gli altri membri che hanno portato avanti la resistenza per anni hanno il loro riflettore puntato addosso in un film che riprende tutti i canoni del film di guerra e dei 7 Samurai di Kurosawa.
    Un film VITALE per Star Wars che mostra come la distruzione della MN fosse in effetti un "inside job" come spesso ironizzato su internet per perculare il plot hole grosso come il cannone della MN lasciato da Lucas in Episodio IV.
    Voglio solo spezzare una lancia in favore della colonna sonora di Michael Giacchino che ho trovato perfette per ogni momento,per me è stato più Williams lui di Williams in ep VII dove l'ho trovato un pò sotto tono.

    ROVINATORE

    Apprezzabilissima l'idea di usare la CG per Tarkin e Leia al posto dei classici trucchi di regia delle spallo stare di spalle o in ombra o delle classiche scusanti "non può rispondere al telefono perchè è in bagno" che si usano quando manca l'attore di un personaggio chiave.
    Sono certo che tra anni seguiranno l'esempio di Lucas e rilasceranno una versione di Rogue One con la cg di quei personaggi migliorata.

    Ho amato l'idea di inserire i cristalli Kyber,spero vivamente che questo comporti anche un film sulla Vecchia Repubblica un giorno.

    A proposito di Fan Service ma solo io ho notato che agli altoparlanti della base ribelle chiamano il "Generale Syndulla"?
    Hera Syndulla è un personaggio del cartone Star Wars Rebels,una Twi'lek pilota della nave stellare Ghost.

    RispondiElimina
  50. Comunque,so che questa domanda rimarrà senza risposta perchè sono arrivato tardi a commentare ma:

    Rovinatore


    Ma il progetto della Morte Nera non era già stato completato in Episodio II e la costruzione iniziata alla fine di Episodio III?
    Come mai il padre della protagonista era così vitale allora?
    Io l'ho interpretato come:il progetto era già stato ideato da Palpatine ma durante la costruzione sono sorti dei problemi inaspettati che solo Galen Erso poteva risolvere.

    RispondiElimina
  51. Visto ieri e devo dire che è proprio uno spettacolo imperdibile. Veramente ti riempie gli occhi. Una sola cosa non mi è piaciuta: il doppiaggio di Darth Vader.. Tu Doc che ne pensi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho visto da poco e sono venuto a leggere tutti i commenti per vedere se questa cosa era stata rilevata da qualcuno...solo uno a quanto pare...concordo con te, il doppiaggio di DV è la cosa peggiore del film secondo me, moscio e fuori personaggio!

      Elimina
  52. Sono finalmente riuscito a vedere il film. L'ho trovato molto divertente e ben fatto, il battaglione finale è stato un fomento e i personaggi nuovi hanno fatto saltare la scimmia davanti lo schermo più e più volte. Bello.

    RispondiElimina
  53. e Doc... diciamola tutta, K2 è figo anche perché ricorda un certo robot di Miyazaki ;-)

    RispondiElimina
  54. Lo vedrò stasera con colpevole ritardo 😅

    RispondiElimina
  55. Non so, ai titoli di coda la scimmia mi ha letteralmente scongiurato di rivedere Episodio IV...
    Direi che il suo "sporco" lavoro Rogue One lo ha fatto alla grandissima.
    Infinito Doc, totalmente d'accordo con te!

    RispondiElimina
  56. io lo guardo in settimana :D
    poi vi dico

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails