giovedì 30 giugno 2016

154

Un ricordo di Bud Spencer. Col sorriso

Non ti piacciono i necrologi. Trovi non abbiano molto senso le collane infinite di R.I.P. e di vai a fare questo e insegnare quest'altro agli angeli. Sono - raccontava Zerocalcare in una striscia arcifamosa - una sorta di rito collettivo da social network, a causa del quale tutti si scoprono fan irriducibili di un cantante o di un attore di cui magari avevano sentito o visto a stento mezzo lavoro. Cinque o sei o dieci anni prima. Con l'unico risultato di far venire la nausea ai fan veri. Con Bud Spencer, però, è diverso. Per tutto quello che i suoi film hanno rappresentato per un paio di generazioni di italiani, e non solo. Hai però voluto lasciar passare qualche giorno prima di scrivere qualcosa al riguardo, per una ragione ben precisa: volevi ricordarlo con il sorriso, per quello che decine di sue pellicole, da solo o in coppia con Terence Hill, ci hanno lasciato. Si chiama "felicità" [...] 

Lunedì sera si era tutti tristissimi per la notizia, ovvio. Con il valzer strappacuore di Uno sceriffo extraterrestre... che girava nella testa e ti annodava un groppone da venti chili in gola. Il pensiero razionale - ha campato 86 anni, ha avuto una vita piena di successi, nello sport prima e nel cinema poi, non se n'è andato ancora giovane come Ultimate Warrior e tanti altri - contava poco, perché per certe cose, in certi momenti, la testa semplicemente non conta niente. Tre giorni dopo, però, c'è caso che la si inizi ad ascoltare quella vocina lì, perché, beh, è vero. Carlo Pedersoli non c'è più, ma si è lasciato alle spalle un patrimonio comune per noi tutti, un pezzo d'Italia fatto di battute che conosce chiunque, di gag semplici e ripetibili e rivedibili all'infinito, di momenti Rocky Joe in cui i poveri, i bambini, gli sfigati, gli italiani, gli amici degli ippopotami e i Jerry Calà trionfavano sugli stronzi, gli affaristi, i soldati americani vigliacchi, le bande di teppisti e sgherri, i mafiosi, i cacciatori di piccoli extraterrestri. E il pubblico dietro, a trionfare insieme a loro, con le braccia al cielo. 


Una delle cose che ti ha sempre colpito dei film di Bud, ovviamente a cominciare dai tanti girati in coppia con Hill, è la loro universalità. Da rEgazzino c'è sempre una fase in cui credi che un certo tipo di film appartengano solo alla tua generazione, perché a scuola ne parlano tutti e magari i tuoi alla tele la sera prima hanno visto invece altro. Poi scopri magari tua nonna che ti dice ridendo Ah, è un film di quei due? Ora volano un bel po' di cazzotti! O che tuo padre è un fan dei Trinità, anche se non ne avevate mai parlato prima. I loro film erano essenzialmente delle pellicole in cui menavano qualcuno, ma era una violenza cartoon, di ridere, totalmente innocua. E lo si percepiva chiaramente, tanto che il wrestling per molti genitori era una cosa turpe, le legnate altrettanto coreografate sui set di Bud e Terence no, quelle erano ok. Il biondo a fare il figo con le stecche da biliardo e i numeri da stuntman, Bud a rifilare carocchie sulla testa, e il terzo membro del trio, i pezzi degli Oliver Onions, a galvanizzare tutti come manco nella riscossa in campionato della Longobarda.

 

Perché ci sono poche cose che ci mettono d'accordo tutti, come la nazionale (ma solo quando vince), la pizza e le giornate di sole calde il giusto, e i film di Bud Spencer fanno parte di questo ristrettissimo circolo. Sono storie di rivalsa a suon di papagne, e in quanto tali non girate solo per noi. Se provi a far vedere Non ci resta che piangere a un tedesco, magari non capisce che diavolo ci trovi di così divertente. Prova invece a parlargli di Più forte ragazzi o Lo chiamavano Trinità. Quando hai iniziato a girare per lavoro e - più o meno contemporaneamente - sei arrivato su Internet, hai scoperto che in un sacco di paesi quei film godono dello stesso successo, hanno ricevuto il medesimo patentino di cult. Il riscatto a mezzo papagna, le gare di birra e salsiccia, la partita a poker con il greco, le storie di un vecchio pugile o giocatore di football che ha lasciato tutto ed è diventato un lupo di mare, prima che la vita lo rispedisca a menare soldati americani, sono un messaggio universale. Han fatto ridere tutti per quarant'anni, continueranno a farlo chissà per quanto, senza manco quel velo di tristissima consapevolezza dei Fantozzi. Si rideva e basta, e si canticchiava The Sheriff e Dune Buggy, e si metteva come suoneria il tema di Trinità. Per rompere i coglioni agli altri in treno, ok, ma che c'entra. 



Ecco, se state sorridendo nel leggere queste quattro cavolate e nel mandare in play, uno dopo l'altro, i pezzi dei fratelli De Angelis sparsi nel post, siete perfettamente in sintonia con lo scopo del medesimo. Non rattristiamoci per Bud, tiriamo fuori il sorriso delle grandi occasioni e teniamocelo stretto. Bravo, sei caduto bene! diceva lui in un suo spot, con quel vocione a cui non eravamo abituati, se non quando cantava Grau grau grau o El Indio Chaparral.
 

Allora facciamo che siamo caduti tutti bene. Che abbiamo assorbito la botta per la notizia e, dopo la fisiologica fase di tristezza e di valzer da rapimento di marzianini, vogliamo tornare a fare quello che i suoi film ci han fatto sempre fare, pure quelli bruttarelli, tipo Superfantagenio. Sorridere, e di conseguenza essere felici. Questo signore napoletano corpulento ci ha regalato momenti di felicità per una vita intera, come poche altre cose al mondo hanno saputo fare, e ora vogliamo restare tristi? No, dai. Non è bello. Sorridiamo e continuiamo a immaginarlo mentre ordina una frittata con dodici uova o mena qualcuno per finta, con quegli effetti sonori da caterpillar. Anzi, no, da bulldozer: 



E se non ha funzionato manco la montagna di Bulldozer? Se siete ancora troppo tristi? Svuotate la mente e concentratevi su questa immagine: Bud in mezzo a gente dalle camicie terrificanti, mentre distrugge il coro dei pompieri facendo scorrere le dita sul labbro 

 
EH! 
Sorridete. Forte. Perché a lui avrebbe fatto piacere così e perché se non sorridete finite magari per sbaglio in mezzo ai cattivi e vi beccate una papagna pure voi.  
 

154 commenti:

  1. Bud Spencer non è stato solo un attore,Bud Spencer è stato un EROE della nostra infanzia.
    Con lui se n'è andata un pezzo di essa,un pezzo importante.
    Mi sento come se fossero morti Mazinga o L'Uomo Ragno,ma questa volta non ci saranno re-boot,re-tcon ne purtroppo re-surrezioni.
    Questa volta c'è solo tanta tristezza perchè Carlo Pedersoli ci ha lasciato.
    Bud Spencer no,Bud Spencer non ci lascerà mai perchè sara sempre dentro tutti noi.

    Quanto al successo internazionale anni fa non ne sapevo nulla ma poi cominciando a frequentare community internazionali come 9gag ho visto che Bud e Terence sono amatissimi da tutti gli europei e dai sudamericani,in questi giorni non sono mancati votatissimi post in suo onore e ricordo.
    Persino il Washington Post gli ha dedicato un articolo.

    https://www.washingtonpost.com/news/morning-mix/wp/2016/06/28/thank-you-actor-olympian-pilot-and-politician-bud-spencers-last-words/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusatemi se torno su un post vecchio...ma ho trovato questo bellissimo omaggio che volevo condividere con voi

      http://img-9gag-fun.9cache.com/photo/aZpMwMn_700b_v1.jpg

      Elimina
  2. Mannaggia Doc, ero riuscito a tenere fino ad adesso!!!! Ma qui le bruschette volano ancora ad altezza faccia!!!! Forse e' il realizzare che se ne parte un pezzetto d'infanzia...
    Promesso che lo rileggo tra altri 3 giorni e sorrido forte!!!!

    RispondiElimina
  3. L'unico commento che vorrei mettere, è un cuore gigante.
    E lo farei sorridendo.

    RispondiElimina
  4. La tristezza per la dipartita di Bud Spencer è quella della consapevolezza che il tempo passa e le cose finiscono.
    I miei genitori andavano al cinema a vedere Trinità col prete che metteva la scopa davanti al proiettore nelle scene in cui Terence hill e le due mormone fanno il bagno. Io li guardavo quando li passavano in TV , generalmente nel periodo estivo con mio padre di fianco . I miei figlii se li guardano da cloud premendo un pulsante con me e mio padre. Una catena cinematografica che ci unisce tutti , giù per generazioni, e che anche mio nipote, se mai ne avrò ,li guarderà magari con occhiali da virtual reality o nel razzo per Saturno o dentro un bunker antiatomico.

    Eppure il tempo passa per le persone , perchè alla fine anche il Talos partenopeo si è piegato al tempo , perchè polvere alla polvere e toccherà a tutti quanti, a meno che qualche geniale scienziato non si inventi qualcosa , ultima e probabilmente vana speranza della nostra cultura positivista.

    Toccherà anche a noi che non siamo stati campioni di nuoto, piloti di elicottero, cow boy e giocatori d'azzardo, che non avevamo De crescenzo come vicino di banco, che non parliamo 6 lingue.

    Eppure ci ha reso i giorni più felici e soprattutto ci ha uniti trasversalmente nell' apprezzare quel che è, alla prova del tempo, arte.


    Il tempo passa, ma non per i capolavori; si può leggere ancora oggi Shakespeare e Dante ( no Manzottini non si sopporta) ; si apprezzano sempre e dovunque, e da qui il loro status di opere d'arte in barba ( letteralmente ) alle mode.
    E quindi addio Bud! La tua parte l'hai recitata bene , da protagonista e per un minutaggio importante; ormai le luci si accendono , ma noi non possiamo arrabbiarci.


    RispondiElimina
  5. L'Uomo che inventò, ciò che in seguito il Maestrò ribattezzò, il trucco della folaga !
    Se l'Ultimo Valzer è una di quelle musiche bellissime e potenzialmente tristissime, il coro dei pompieri è una di quelle cose che, nella sua semplicità, ti fa ribaltare dalle risate. Bud Spencer spaziava, letteralmente, in tutto. Quei casi in cui il "larger than life" è totalmente meritato e, in qualche senso, anche letterale ;)
    Per tutte le risate e insegnamenti a suon di papagne che ci hai dato Bud, non saremo tristi e porteremo un po' di te per il resto della vita, e se saremo bravi cercheremo di trasmetterne anche alle future generazioni. Grazie.

    RispondiElimina
  6. Bellissim pezzo Doc, esattamente quello che ho pensato io: appena saputa la notizia ho cercato le gag, le frasi, le espressioni (quattro in croce, ma usate sempre al momento giusto e nel modo giusto), le musiche e le botte che hanno plasmato la nostra infanzia. E ho riscoperto, non che ce ne fosse bisogno, che fanno ridere oggi come allora, a un quarantenne come a un diecenne (se esiste la parola), perché c'è il senso di rivalsa veicolato dai cazzotti col suono dei palloncini scoppiati ma c'è anche una "comicità universale", gestuale, di tempi e di pugni a martello che arrivano nel modo giusto, al momento giusto, liberando una risata che sapevi che sarebbe arrivata, ma quando è il momento perfetto allora è la risata perfetta.

    Sapevo che all'estero questi film erano molto amati, non sapevo che ad esempio in Germania e altrove esistono edizioni Bluray che qui ci sogniamo, ma non fa nulla, tanto le scene tagliate nel dvd di trinità le sappiamo a memoria e girano nella nostra testa come un film parallelo.

    Un ultima doverosa citazione per il "quinto elemento" che rendeva mitici i film di Bud e Terence: i "cattivi" o meglio, i "prenditori di pugni", indimenticabili e divertenti quanto i protagonisti :)

    RispondiElimina
  7. minuto 10:30 della press conference a Cannes di "The Nice Guys", domanda del giornalista tedesco. espressione di Russel Crowe :)
    https://youtu.be/-e1HxDS-bn8?t=10m31s

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa te la rubo eh ;D p.s. com'è il film?

      Elimina
    2. Rasselcro' uno dei noi! Bellissima

      Elimina
    3. a me è piaciuto abbastanza. action-comedy noir senza pretese, con l'unico scopo di divertirti per un paio d'ore. è abbastanza uguale a "Kiss Kiss Bang Bang" (che è dello stesso regista).

      Elimina
    4. Russel già mi piaceva,adesso ha la mia stima!

      Elimina
  8. Sto male, malissimo, perchè a marzo ho perso mio padre, ed in questi mesi, ogni cosa mi ricorda lui, ( ad esempio penso al commodore 64 e ricordo quando lui giocava con me), soprattutto la morte di Bud Spencer, il primo ricordo di un suo film, è il primo ricordo che ho, di guardare un film con mio padre. Ricordo ancora cosa mi disse, che avremmo visto un film dove si rideva e dove c'era un omone grosso che picchiava e proteggeva i deboli, poggio' la tv ( una 14 pollici b/n ) sul tavolo e ci sedemmo, avro' avuto si e no 8/9 anni, guardammo altrimenti ci arrabbiamo, e da allora ogni volta che trasmettevano i suoi film, lui mi chiamava e li guardavamo insieme....

    RispondiElimina
  9. A Swabish Gmund, Germania, c'è una via a suo nome da tempo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sempre in Germania ci fu un referendum per dare un nome ad un tunnel e vinse lui a mani basse, ma poi i comuni interessati decisero che non fosse il caso.

      I crucchi lo venerano quasi quanto noi.

      Cheers

      Elimina
  10. Il mio ricordo personale è legato ai film di Piedone in pellicola visti in camera dei miei genitori con il proiettore e lo schermo grigio. Poi tutti i suoi film visti e rivisti in TV. Se n'è andato un grande ma non ci ha lasciati.

    RispondiElimina
  11. per la PRIMA volta in vita mia ho pianto come un vitello per la dipartita una persona famosa, l'altra sera. ok era dopo un accumulo di emiozioni dovute alla partita, ma è durata ore. un pezzo importante e bello della mia infanzia che non c'è più. io anche ci provo a sorridere, ma faccio fatica...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cura è una sola: maratona di film. Quello che Bud Spencer ci ha lasciato nessuno ce lo può togliere.

      Elimina
    2. mi sembra una grande idea ;)

      Elimina
    3. e birra e salsicce Bonzo! e una bella fagiolata da mangiare rigorosamente col manico di legno!

      Elimina
    4. birra e salsicce già in programma per domani sera. l'idea era per la partita, ma a sto punto due piccioni con una fava

      Elimina
  12. questo se posso me lo tatuo: storie di rivalsa a suon di papagne
    comunque ti rinnovo i miei complimenti e la mia stima, come tratti certi argomenti fa emergere che tipo di persone sei :) grande Doc

    RispondiElimina
  13. Grazie DOC, anche io voglio sorridere in suo onore, per ringraziarlo di quando andavo al cinema alle medie di pomeriggio ed eravano in due in tutta la sala.
    Poi ha avuto una vita piena, ci ha regalato tante risate, non credo si possa fare di meglio... ah sì : infrangere un record nel nuoto :-D

    RispondiElimina
  14. E' un altro pezzo della mia infanzia che se ne va... I film annuali della coppia erano il mio appuntamento fisso al cine con mio nonno che in perfetta cadenza Genovese mi arruolava con un: "ninin anemmu au cine a vedde Buddi Spencer e Terence ill".
    Ovviamente allora nessuno pronunciava correttamente le parole straniere...
    Poi da buon Genovese conosceva il proprietario del cinema e quindi entravamo gratis ;-D

    E' triste, ma e' cosi', quando scollini i 40 comincia a succedere sempre piu' spesso: il mondo dove sei cresciuto perde i pezzi e ne arrivano altri nuovi che saranno bellissimi per ragazzini di adesso ma che sembrano palta a te.

    Ma come hai giustamente detto Bud e Terence sono di tutti e per tutti ed io ho gia' cominciato a trasmetterne il divertimento alle mie bambine che se la ridono di gusto, e non hanno ancora visto il coro dei pompieri e nemmeno la scena che io ritengo la piu' divertente di tutte con protagonist Bud: quella di Due superpiedi quasi piatti, dove sono nol bar e Terence finge di essere paraplegiico e per difendere Bud che finge di essere sordomuto lo apostrafa con un: Lasciatelo stare e' solo un povero mentecatto..." per poi aggiungere una frase che vorrei fare mia come saluto: "Grazie omone!".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella scena mi fa morire dal ridere solo a pensarci. Grazie Carlo, grazie Bud, grazie OMONE; sto ridendo con le lacrime agli occhi :'D

      Elimina
  15. Bellissimo ricordo e i sorrisi ci sono, ma vedo anche male il display del telefono, annebbiato... Una parte di me sarà sempre al cinema dell'oratorio a lanciare la fantasia in avventure senza tempo, dal sapore delle cose buone che sono state la linfa dell'infanzia... Niente... Adesso il display proprio non riesco più a vederlo...

    RispondiElimina
  16. Grazie Doc per questo splendido ricordo!

    RispondiElimina
  17. Mi spiace solo che la critica non l'abbia mai davvero apprezzato come spesso succede; tant'è che ha avuto pochi riconoscimenti ufficiali. Ma alla fine il riconoscimento più importante è quello del pubblico che continuerà ad amare lui e i suoi film per anni e anni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. « Al mio funerale sarà bello assai perché ci saranno parole, paroloni, elogi, mi scopriranno un grande attore: perché questo è un bellissimo paese, in cui però per venire riconosciuti qualcosa, bisogna morire. » Totò

      Elimina
  18. Dico solo che quando l'ho scoperto ho pianto, ma dopo 2-3 giorni mi resta solo il sorriso che mi lascia sempre quando lo vedo in tv o in qualche foto tipo "cercare Banana Joe fototessera" :)

    RispondiElimina
  19. Bellissimo ricordo; Bud fa parte della nostra cultura collettiva (e non solo nostra: anche io rimasi sorpreso quando scoprii che degli amici francesi sapevano benissimo chi fossero Trinità e Bambino), e infatti ora, e per una volta non è retorica, sembra se ne sia a andato un vecchio amico. E nonostante tutto sì, meglio far vincere il sorriso, perché appunto era un amico e si sa, chi trova un amico... :)

    RispondiElimina
  20. Bud...
    mi sono sentito come se aversi perso uno zio, uno di quelli con cui sei cresciuto e ti portavano sempre a fare casino quando venivano.
    Potrei elencare mille ricordi, ad esempio di come ci si riuniva in famiglia per vederli.
    Nel mio piccolo la sera dopo ho messo su infinity "non c'è due senza quattro", e ce lo siamo rivisti con mio padre, divertendoci come 30 anni fa, con le uniche differenze che stavolta ero a casa mia e con quel filo di malinconia in più.

    Grazie Doc per questo ricordo

    RispondiElimina
  21. Il figlio ha detto che le ultime parole del padre sono state: Grazie di tutto.

    No Bud, Grazie a te. Sempre e solo GRAZIE A TE.

    Cheers

    RispondiElimina
  22. Dai suvvia basta con queste bruschette, brindiamo a Bud rigorosamente con birra, salsicce e gli immancabili fagioli

    RispondiElimina
  23. Posciano i suoi schiaffoni risuonare all'infinito.
    Doc,ci sono margini per farlo presidente ad honorem dell' Antro?
    ps:Voglio una sua action figure e un suo videogioco fatti come si devono.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono abbastanza sicuro che a San Gregorio Armeno una statuina del presepe di Bud e Terence l'avranno fatta ;D

      Elimina
    2. ed il Doc un annetto fà ha recensito l'action figure di Bulldozer :-)

      Elimina
    3. Ci andrebbe qualcosa di sontuoso in stile Hot toys :D

      Elimina
    4. https://lochiamavanotriniteam.itch.io/schiaffifagioli

      Elimina
  24. Bud è stato il vero supereroe italiano, in ogni film lui e Terence erano invincibili, nessuno li feriva erano i più forti a menare, i più furbi a fare i piani, i più simpatici per le battute.
    I film di BudSpencereTerenceHill (sì una parola sola perché erano come un unico a persona tanto erano affiatati) sono le favole moderne, come hai detto tu doc, passate da padre in figlio è che tutti possono e vogliono guardare.
    Bud ha avuto una vita piena, è riuscito in tante cose (nuoto, volo, cinema) ed è stato un signore fuori e dentro "il palco" siamo felici per lui... e siamo felici per noi per averlo conosciuto.

    RispondiElimina
  25. Avevo tra i 6 e gli 8 anni, ogni anno la ditta dove lavorava mio padre organizzava in un capannone la festa di Santa Lucia per i figli dei dipendenti, in una di queste occasioni era stato invitato Bud, che all'epoca era naturalmente solo il mio eroe.
    Dopo averlo guardato da lontano per quasi un ora (ero di una timidezza mortale) prima di andarmene trovai il coraggio di andare da Lui attirare un attimo la sua attenzione e dirgli " Ciao Bud io adesso vado...."
    Ricordo che stava parlando con altri adulti, si chinò mi mise un braccione sotto il sedere mi tirò su e mi diede un bacio sulla guancia.
    Penso che ricominciai a parlare un paio di giorni dopo.
    Sono passati 30 anni ma quella emozione rimane esattamente nello stesso punto di allora.
    Ciao Bud, grazie.

    RispondiElimina
  26. Si ragazzi il Doc ha ragione,ricordiamolo con un sorriso,mentre tira sberloni o prende a calci in culo i militari durante il ballo tirolese in Bulldozzer.
    Ciao Bud,ci hai dato tanto e ci mancherai tanto

    RispondiElimina
  27. Io so cos'è. Quando muore un'icona dei nostri ricordi più belli come lo è stato Bud e i suoi film, ci prende lo sconforto di sapere che oltre ai bei tempi che furono se ne andato anche uno di quei protagonisti dello stesso. E allora ci si sente più tristi perchè la consapevolezza che quei tempi non torneranno più diventa ancora più marcata.

    Gelato al pistacchio per tutti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No... non ce l'ho il pistacchio... C'ho la vaniglia, il cioccolato, fragola, limone, e caffè.

      Elimina
  28. con la promessa che la cosa non finisca qui: la memoria di bud penso debba, DEBBA, essere onorata con tipo la top 10 scene epiche, la top 10 dei film, la top 10 della qualunque. Sondaggismi, pizzette e tutto il resto. Lo chiede l'Europa.

    RispondiElimina
  29. LA tristezza si comnatte con delle risate fortissime e grazie Doc, per avercelo ricordare . Vorrei citare un amico che ha scritto " Oggi è morto Carlo Pedersoli, perchè BUD SPENCER vivrà per sempre nei suoi film e con Noi !"
    Ed ora via di corsa alla Dune Buggy

    RispondiElimina
  30. Anche io pensavo che Terence Hill e Bud Spencer fossero una cosa tutta italiana con qualche appassionato estero ed invece con piacere ho visto la BBC dare la notizia della morte di Bud come breaking news in contemporanea con l'Italia, e la mattina dopo su bbc breakfast hanno pure dato un servizio speciale.
    P.S. Russel Crowe ci guadagna punti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tra l'altro, scherzi a parte, Crowe ha il fisique (e faccion) du role :D

      Elimina
    2. "avrò la mia viennetta, in questa vita o nell'altra"

      Elimina
    3. Tutta ricoperta di pistacchio...

      Elimina
  31. ecco, Bud e Terence sono come i supereroi Marvel, ma PIU' dei supereroi Marvel: non hanno grandi poteri, non hanno grandi responsabilità ma non sbagliano mai, mai un momento di debolezza, sempre al servizio dei deboli e della giustizia.

    senza contare la semplicità con cui tutt'ora uniscono persone, generazioni e popoli diversi: non ho memoria di una così grande unanimità nel giudizio di qualcuno, se ci si aggiunge che in fondo i loro film erano davvero solo "delle pellicole in cui menavano qualcuno" e nonostante questo sono dei veri capolavori eterni di semplicità.

    condivido il "grazie Omone!"

    RispondiElimina
  32. Sorrido forte mentre sfreccio su una dune buggy rossa con cappottina gialla!!

    RispondiElimina
  33. Bud é stato per tutti noi il papà, lo zio, l'amico che avremmo voluto avere al nostro fianco nelle piccole battaglie quotidiane di quando si era bambini.Credo che tutti, in qualche momento dell'infanzia, ci siamo immedesimati in H7-25 e avremmo voluto avere accanto uno sceriffo come lui e magari un Super Raggio Fotonico.Un abbraccio al Grande Drago Buono(cit. 2 superpiedi...)!!! Ciao Bud!

    RispondiElimina
  34. Bud é stato per tutti noi il papà, lo zio, l'amico che avremmo voluto avere al nostro fianco nelle piccole battaglie quotidiane di quando si era bambini.Credo che tutti, in qualche momento dell'infanzia, ci siamo immedesimati in H7-25 e avremmo voluto avere accanto uno sceriffo come lui e magari un Super Raggio Fotonico.Un abbraccio al Grande Drago Buono(cit. 2 superpiedi...)!!! Ciao Bud!

    RispondiElimina
  35. Mi sento più malinconico oggi, rispetto a lunedì quando ho saputo della notizia..come quando finisce una cosa bella, sei un po' triste perché finisce, ma nel contempo hai fatto il pieno di felicità per quanto di bello c'è stato..

    Bud era anche il mio eroe, e da piccolo pensavo che mio papà un po' gli assomigliasse, con la barbona ed un po' di pancia; mio figlio è ancora piccolo per vedere i film, ma presto conoscerà anche lui Trinità e Bambino, Bomber, Bulldozer e tutti gli altri.

    "Non dirò non piangete, perché non tutte le lacrime sono un male".
    Grazie di cuore, Bud.

    RispondiElimina
  36. Ma no Doc, non mi stai sul pezzo! Sono passati 3 giorni, su internet è come 3 anni, non frega già più niente a nessuno!
    Scherzo ovviamente, ottima scelta aspettare che passi un po' la caciara.

    Pure io li guardavo sempre con Papà quei film...

    RispondiElimina
  37. Ricordare il mio primo film di Bud spencer è impossibile ma di sicuro posso dire che Altrimenti ci arrabbiamo è il film che ho visto più volte in assoluto nella mia vita. Un attore poliedrico che faceva ridere con Terence Hill ma, allo stesso tempo, lanciava messaggi sociali non indifferenti. Basti pensare a Banana Joe, ma, in maniera meno fantasiosa, il primo Piedone tutto ambientato a Napoli. Se poi uno vede Porgi l'altra guancia arriviamo proprio all'apologia della teologia della liberazione.
    Certo da bambino certe cose non le cogli, ti concentri sul coro dei pompieri o sullo sceriffo che salva il piccolo H7-25 ma crescendo ti rendi conto che non volevano solo farti ridere ma insegnarti qualcosa. Sono riuscito pure a perdonargli la candidatura con Forza italia che per me è una sorta di condanna a morte.
    Io sono ateo ma nonostante ciò spero che Bud, come in uno dei suoi film meno riuscito, abbia comunque almeno un piede in paradiso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche per me forza Italia è una condanna però devo dire che in Lui non ci vedevo quell'alone di fastidio che vedo in tutti quelli che ci fanno parte.
      A Lui si perdona tutto,era e rimane un Grande

      Elimina
  38. Ogni tanto qualcuno se ne va, ma per alcuni, quello che hanno fatto resta per sempre.

    Certo, poi c'è quella brutta storia della parentesi politica, ma chiudiamo fortissimo gli occhi, tappiamoci le orecchie e facendo finta di niente canticchiamo Dune Buggy come non ci fosse un domani.

    RispondiElimina
  39. Sono parecchi anni che non vedo un film di Bud ma da bambino, come tutti i bambini, ci andavo matto.
    Nei film trovavi una violenza mai violenta, scusate l'ossimoro, ma non saprei come dirlo diversamento. Ricordo che alla fine di qualche suo film mi ero pure commosso e i film/cartoni che mi hanno commosso nella mia vita sono meno di 10 (o forse di 5).

    Ieri ho sentito un intervista del figlio che ricordava una apparizioni pubbliche del padre, credo ai mondiali di nuoto di Roma. Fu chiamato a premiare un campione e il giudice internazionale non sapeva chi fosse ma quando è entrato sul podio per la premiazione il palazzetto si è alzato in piedi.

    RispondiElimina
  40. Rega', ho visitato la salma ieri al campidoglio... non sapete che pace e che serenità c'era in quella stanza.

    RispondiElimina
  41. Maledetto Joaquin Phoenix che nell'ultima clip, pensando di non essere riconosciuto perchè più magro cerca di uccidere Bud e Terence! ma non sa che il dinamico duo (non quell'altro eheh) sa bene come risolvere queste situazioni, daje, più forte ragazzi!

    RispondiElimina
  42. E' incredibile vedere come ci siano generazioni diverse, ceti sociali diversi, maschi e femmine accomunati dallo stesso tipo di ricordo e sentimenti quando si parla di bud&terence ed i loro film.
    Io lo commemorerò continuando come sempre a guardarli mangiando fagioli direttamente dalla padella oppure birra e salsicce...e il mio piccolo, che ha 8 mesi e ride come un matto quando vede quel barbone tirare cazzotti, spero avrà gli stessi dolci ricordi del suo papà con il nonno, un'ora e mezza di risate e buoni sentimenti, molto più genuini di certe paraculate tipo gli ultimi film del comico toscano che non fa ridere più nessuno.

    RispondiElimina
  43. Un altro mito della mia infanzia che se ne va...
    Grazie, Bud. Per tutto quanto.
    Se sono ciò che sono, lo devo anche ai tuoi film.
    Ci mancherai.

    RispondiElimina
  44. Grazie, è stato bellissimo

    RispondiElimina
  45. io vorrei ricordare anche un altro mito: Glauco Onorato che ha dato l'inconfondibile voce a Bud e che se n'è andato pochi anni fa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Indubbiamente le voci di Bud Spencer e Terence Hill hanno contribuito enormemente al successo delle battute, specialmente Terence Hill con quel tono sardonico, sempre in bilico tra l'ingenuità e il paraculismo :D

      Elimina
  46. Quando ho letto la notizia lunedì notte su Mondo di Nerd i primi 5 necrosocial a caso su cui mi è cascato l'occhio erano identici a quelli resi immortali da Zerocalcare nella striscia citata dal Doc, a quel punto mi si è sovrimpressa la "morte" di Uan e ero indeciso se essere triste per Bud o felice per una leggerezza riconquistata. Poi mi sono fatto prendere dal Jeoffry che è in me e ho abbracciato entrambe le sensazioni...

    RispondiElimina
  47. Dico solo che a mio figlio di 8 mesi, io e mia moglie facciamo il coro dei pompieri, lei con la voce in falsetto ed io con le dita sulle labbra...il nostro bimbo ride, ride come un matto e quando finsice ci guarda con gli occhioni speranzosi, implorandoci di ricominciare..Questo era, è e sarà sempre Bud, un uomo nato nel 1929, che nel 2016 fa ancora ridere i bambini!
    P.S..Ma Doc, con Piki non lo hai mai fatto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma allora io e la mia compagna non siamo i soli dementi a farlo! E anche mio figlio ha 8 mesi e reagisce allo stesso modo :)

      Elimina
    2. Lo facciamo anche noi . Adesso che sono più grandi ( ben 2 e 4 anni) , alla sera ogni tanto gara di birra e salsiccie ( con la fanta al posto della birra); e ogni tanto i fagioli alla Terence Hill , col pane e tutto, da mangiare possibilmente ancora sporchi di terra, prima della doccia.

      Elimina
    3. Mia figlia che ha poco più di 2 anni ha dei gusti molto marcati. Il coro dei popopieri non l'ho ancora provato ma se canti una canzone che non gli va ti stoppa subito con "nononono non mi piace". Per ora i suoi must sono Gordian, il ritornello, e Nanà, sempre e solo il ritornello cantoto in loop. Prenderla in braccio e cantarle "super super super girl è Nanà che non ha età..." è una delle cose che mi rende più felice in assoluto.
      Quando era neonata gli cantavo il tema di Giù la Testa steccando spesso su alcune note troppo alte per la mia voce.

      Scusate sono andato OT.

      Elimina
    4. Il piccolo mangia anche 8 wurstel di fila e un biberon di aranciata. Poi fa gli occhi piccolissimi ed è allergico al sigaro. No, per dire.

      Elimina
  48. Dico solo che a mio figlio di 8 mesi, io e mia moglie facciamo il coro dei pompieri, lei con la voce in falsetto ed io con le dita sulle labbra...il nostro bimbo ride, ride come un matto e quando finsice ci guarda con gli occhioni speranzosi, implorandoci di ricominciare..Questo era, è e sarà sempre Bud, un uomo nato nel 1929, che nel 2016 fa ancora ridere i bambini!
    P.S..Ma Doc, con Piki non lo hai mai fatto?

    RispondiElimina
  49. E invece quel pezzo di infanzia per me non se n'è andata, è ancora lì! Non mi passerà mai la voglia di andare dalle persone con cui sto bene (la Zietta, i cari, i colleghi del lavoro, gli amici di sempre e quelli di adesso e soprattuttamente voi!) e, come alle elementari, dire "l'hai visto quando carica lo scappellotto e quello fa la capriola? "STRISH!!!!""

    Grazie Bud, grazie tu non sai quanto, e te lo dico con lo stesso sorriso di quel monello che si sbellicava dalle risate quando ti vedeva pichiare i cattivi e mangiare l'aragosta a quella tavolata in Africa a cui avrebbe voluto tanto partecipare...

    RispondiElimina
  50. Anni fà lessi che Terence Hill per prepararsi alle scene in cui si magnava tanto rimaneva digiuno un paio di giorni, invece Bud no, per lui quella era la normalità; mitica e mitologica è stata anche la gara delle uova durante le riprese di Bulldozer

    http://www.budterence.tk/repdelpapa/intervista5.htm

    Grazie di tutto Bud.

    RispondiElimina
  51. Raramente scrivo commenti sul blog causa vita reale e mia intrinseca pigrizia nel pigiare tasti, ma oggi credo farò uno sforzo.
    Bud Spencer ha collegato tra loro intere generazioni di italiani con i suoi film. Ricordo ancora quando andavo a casa di mio nonno da piccolo e il televisore era sempre aperto su rete 4, con spesso e volentieri un suo film in onda, è guai a cambiar canale, sennò veramente volavano papagne.
    Credo che la grande forza dei suoi film sia proprio lo scaturire nella mente di chi li guarda vecchi ricordi d'infanzia, dove l'unica preoccupazione era giocare e rompere le palle nel quartiere con i tuoi amici-mostri.
    Tutto è destinato a scomparire, tranne le leggende, soprattutto se magnano fagioli e menano i cattivi.

    RispondiElimina
  52. Sorriso e lacrime. Grazie, Doc. Lo aspettavo.

    P.s. 15 anni fa Maurizio Milani ha fatto un pezzo su di lui, purtroppo yt l'ha cancellato e chissà chi ce l'ha. Sarebbe un'ottima commemorazione.

    RispondiElimina
  53. Da bambina i film di Bud e Terence mi piacevano molto. Non posso dirmi una cultrice, né una di quelli che sanno le battute a memoria, ecc., ma il momento in cui ci si metteva tutti davanti alla tv (di solito in estate) a guardare il "dinamico duo" menare cazzotti a destra e a manca senza che nessuno si facesse mai davvero male, era una sorta di rito familiare gioioso e atteso.

    Non so come, erano arrivate tra le mie mani due figurine con i primi piani dei due attori (ma esisteva un album, per caso? Io non ho ricordi in proposito °_°), e allora ebbi la splendida pensata di attaccarle sulla nostra cassetta della posta, lato cortile, per poter continuare ad ammirare i miei idoli anche mentre ero fuori a giocare coi miei amichetti.
    Ovviamente i miei genitori non la presero benissimo (ai tempi abitavamo in condominio e le cassette erano nuove di pacca, montate da appena uno o due anni). Mia madre provò inutilmente a staccarle, ma la transgenicissima colla degli anni '80 ebbe la meglio e, a parte rimuoverne i bordi in malo modo, non riuscì nell'impresa: i volti di Bud e Terence restarono appiccicati per quasi un decennio allo sportello della buchetta, scolorendosi via via e, ci giurerei, strappandoci un sorriso ogni volta anche al momento di ritirare le bollette.

    Ecco, la prima cosa a cui ho pensato, lunedì sera, quando ho letto la notizia della morte di Bud su Google News, è stato a quello: a una cassetta della posta nuova e di un metallo brillante, negli anni '80, "sporcata" da due figu.

    Ciao, omone. Grazie anche a te!

    RispondiElimina
  54. Un post semplice e felice, era quello che ci voleva, grazie a te e al grandissimo Bud ;)

    RispondiElimina
  55. Io ci provo a ricordarlo con un sorriso, solo che poi arrivano i sub-umani a tirare in ballo la sua appartenenza politica (es "Eeeeeh ma era di destra" oppure "Eeeeeh ma non è stato celebrato abbastanza perché era di destra") e li mi sale il nazismo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In una perfetta scena in stile Bud & Terence, prima della fine della frase "Eeeeeh ma era di destr..." sarebbe arrivato il pugno a martello con conseguente "afflosciamento" dell'idiota di turno.

      Elimina
  56. doc splendido epitaffio,mi hai tolto le parole di bocca,lunedì è stato un giorno strano,esaltazione per la nazionale e a fine partita marzocchi che mestamente annuncia la morte di Bud Spencer, è calato un velo di tristezza sul nostro trionfo,se ne andato un pezzo della mia infanzia e ora mi sento più vecchio.

    RispondiElimina
  57. Ecco, mi sembrava di averla superata bene e invece proprio leggendo l'articolo in cui ci consigli di ricordarlo con il sorriso mi hai fatto versare qualche lacrima, cosa che mai mi era capitata per una persona che non conoscessi di persona...

    RispondiElimina
  58. Possibile che abbia ancora ogni tanto il groppo in gola... concordo con te quando ti riferisci alla timeline di facebook... magari qualcuno ha visto il film di traverso una sera... non è un vero appassionato...
    In Germania sono strani, conosco un ragazzo cresciuto a Stoccarda, quando gli nomini Ken il guerriero, Jeeg Robot (ma tutti i robot) e così via non sa nemmeno cosa siano però Una volta ero a Stoccarda da lui a capodanno e davano Piedone l'Africano ... ci rimasi, in Germania sono cult.
    Io ci sono cresciuto, veramente, ho un ricordo di me che guardavo altrimenti ci arrabbiamo a casa di un cliente/amico di mio padre ed avevo 6 anni.
    Crescendo son sempre rimasti con me quei film totalmente spensierati... erano belli per quello, non c'era un momento in cui pensavi che andasse male, arrivavi diritto alla fine del film con il sorriso, mai un minimo pensiero brutto. La violenza era parodistica e si vedeva, erano gag non azioni violente.
    Crescendo i film sono rimasti, dalle videocassette sono diventati dvd e hard disk esterno fino a microsd e vlc sul cellulare... ma i film sono rimasti quelli.
    Io fin dal primo momento sono con il groppo in gola e pubblico immagini... e non ho nemmeno bisogno di guardare su internet o su hard disk gli spezzoni del film da cui sono tratte perché li so a mente. Perché io ci sono cresciuto con lui, anzi, quei 2... mi ricordo ancora quando da più piccolo rimanevo a casa da solo che i miei erano in vacanza... mentre cucinavo, pc sulla finestra e film di Bud e Terence, anche senza guardare, ascoltando e basta e ridacchiando per le battute sceme... "allacci la cintura! - non vedi che è allacciata?" in nati con la camicia... giusto per fare un esempio... oppure "ehi, te l'ha mai detto nessuno che con le braccia ingessate si guida male?" "certo che noi siamo nati con la camicia - ma tu dovevi nascere con quella di forza" via basta piango.
    Grazie per tutto Bud.

    RispondiElimina
  59. Sono contento che hai scritto qualcosa tu , perché non ci ho voluto pensare in questi giorni . Faccio finta di nulla per non scoppiare a piangere come una casalinga durante tempesta d'amore . Ma in fondo lo so.
    Era nella mia lista persone da ringraziare prima di morire . Che a volte , pochissime , ci sono dei tizi famosi che sono come della famiglia ,anche di più . Ti fanno ridere, ti insegnano le cose giuste e le cose sbagliate, a dirimere le questioni a Birra e Salsiccia (vinco con le birre ma perdo sempre con le salsiccie... è il sangue friulano ,non c'è niente da fare ) anzichè a papagne sulla capoccia ,ma se proprio servono ti insegnano pure quelle .
    Era una persona buona .
    Non mi viene neanche il dubbio di chiedermi se lo era davvero .

    RispondiElimina
  60. Basta dirti Grazie, Doc?
    Grazie per il ricordo di Bud Spencer ^^

    RispondiElimina
  61. Pensando solo alla scena del coro dei pompieri... lo definiscono cinema di serie b... trash... ma quanto può essere definita trash una scena tanto bene architettata e interpretata e quanto invece sono vera spazzatura alcuni film e serie di oggi? Ciao Bud eri un grandissimo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. infatti. Ho letto un' intervista a Terence Hill, diceva che per girare pochi secondi di una scenda di scazzottate ci mettevano anche una giornata. Riguardando oggi con occhio critico ad esempio Altrimenti Ci arrabbiamo, dopo molti anni di arti marziali, posso dire tranquillamente che attori, gli stunt man , i maestri d'armi e la regia fossero di primissimo livello. Ad un esame superficiale, par facile fare le skazzottate alla minkiona... e invece...

      Elimina
    2. Come sempre è molto difficile far "sembrare" le cose facili ;) Tra l'altro leggevo che la scena della partita di carte in "Continuavano a chiamarlo Trinità" l'hanno girata in TRE GIORNI, con Tony Binarelli che prestava "le mani" a turno ai vari personaggi per fare quei numeri con le carte che solo uno come lui poteva fare :D

      Elimina
  62. Bud è arrivato anche in sudamerica. Ho visto i miei ex compagni di corso belorizontini rendere omaggio a Bud... e puff, è partita la saudade dei sorrisi & cazzotti, con le scritte rigorosamente in font Estro. O Mirisch, per chi si accontenta.
    E tralaltro leggo gli ebook sul kobo in Estro... tutto torna, ecco.

    RispondiElimina
  63. "E' il signore che vi manda da noi"
    "No, passavamo per caso"

    Sorrido

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Salve, fratelli!" "Glielo hai detto tu, che siamo fratelli?"

      Elimina
    2. "Lavorerà fino a rompersi la schiena, dissoderà i campi, seminerà e raccoglierà il frutto del suo lavoro, taglierà boschi, costruirà case, e alleverà bestiame. Quando al calar della notte tornerà a casa distrutto dalla fatica, giulivo e felice verrà nel Tuo tempio a cantare la Tua gloria. Grazie per avere ripreso il nostro nuovo fratello nel Tuo gregge. Rendilo meritevole della Tua pietà ...e illumina la sua esistenza con la luce del Tuo spirito. Amen. "

      Elimina
  64. Ciao Doc, purtroppo ho scoperto tardi il tuo blog ma mi sto facendo dei ripassoni dei tuoi vecchi post che manco all'esame di 5° geometra dopo cinque anni a fare una mazza... comunque tornando a noi, non sono un tipo che commenta spesso ma leggendo questo articolo mi sento il dovere morale di ringraziarti. Sono uno dei tanti a cui la notizia della morte del Signor Pedersoli ha dato una mazzata che potrebbe tranquillamente essere paragonata ad una delle tante dei suoi film, non mi vergogno neanche a dire che lunedì sera ho pianto ed è stato strano, perchè attori e cantanti della mia infanzia se ne sono già andati ma nessuno mi aveva fatto stare così. Sarà forse il genere di personaggio che ha creato o la sua faccia da buono, ma fatto sta che ormai quando sento una canzone degli Oliver Onion non posso fare a meno di farmi lucidare gli occhi.
    Ti voglio ringraziare però perchè quello che hai scritto, per davvero mi ha fatto più sorridere che intristirmi e ora forse lascerò più spazio a quelle vocine di cui dicevi, perchè sì, Bud la sua vita l'ha vissuta lunga e piena di soddisfazioni e a noi non rimane solo che ridere ancora delle sue avventure e tramandarle più possibile agli altri!
    Alla prossima Doc!

    RispondiElimina
  65. A malincuore, sorrido. Che le sue papagne stendevano i carrarmati.

    RispondiElimina
  66. Difficile tantissimo sorridere, ci provo ma mentre ero riuscito a farmi scivolare la cosa abbastanza bene in questi giorni....niente a rivedere tutto e sentire l'infanzia che scorre tra le dita e ricordare con chi ho visto tutti questi film e quando...beh bella botta complimentissimi come sempre...e sorridiamo via :)

    RispondiElimina
  67. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  68. Leggo da tanti anni i supereroi, ma è da quando sono nato che vedo e rivedo i film di Bud Spencer, Terence Hill, Stallone e Schwarzenegger. I veri supereroi come ho sempre detto nel corso degli anni per me sono loro e rimangono loro.
    Bud e Terence mi hanno cresciuto, ma soprattutto mi hanno sempre reso felice che a conti fatti è la cosa più importante e difficile al tempo stesso in questo mondo, le citazioni a loro non si sono mai sprecate con amici e paerenti, e sono sempre state all'ordine della settimana, ieri come oggi.
    Io a questi due mi sento di volergli bene e anche se non dovrei è più forte di me, solo a scrivere queste cose mi viene ancora il groppone alla gola, ma alla fine "Più Forte Ragazzi!" Altrimenti quelli si arrabbiano :)

    RispondiElimina
  69. complimenti, bel post.
    Hai detto le cose che andavano dette.
    E complimenti anche a chi ha defenito quei film "favole moderne".
    Guardavo mia figlia, quasi 10 anni, che per la prima volta vedeva "chi trova un amico trova un tesoro" alzarsi ridendo ad rifare la scena del capo pirata che scappando incocca di testa il gong della tribù.
    E mi sono reso conto che sono veramente senza tempo.

    RispondiElimina
  70. Bud Spencer ha messo in scena quegli eroi che tutti noi da bambini avremmo voluto diventare. L'omone burbero fuori e tenero dentro, con le manone di cemento per i cattivi e il sorriso buono per i deboli, i bambini e, diciamocelo, anche per la gnocca.
    Carlo Pedersoli è andato avanti, Bud Spencer rimarrà in eterno, almeno fino a quando ci sarà dentro di noi un pezzetto del bambino che dal divano di casa rideva a crepapelle vedendo il suo eroe che prende i cattivi a schiaffoni a due mani.
    Grazie di tutto!

    RispondiElimina
  71. il miglior post possibile, doc!

    RispondiElimina
  72. Normalmente quando se ne va un personaggio famoso dico ok spiace, ma oh..succede e poi alla fine mica era un parente! Stavolta però è diverso sapete?non ci riesco. È vero..non lo conoscevo personalmente però Bud era uno di famiglia i suoi film hanno accompagnato la mia infanzia e ricordo ogni battuta con tanta tenerezza perché a Bud Bambino Spencer non potevi non volergli bene dai...come si fa? Ora da neo quarantenne saluto una parte di me,di noi se vogliamo e ripenso alle domande stupide che facevo a mio papà buonanima da bimbo "chi è più forte Bud Spencer o Hulk hogan?" Hahaha che ingenuità, ma che bello. Grazie Bud sei stato un grande mi mancherai. Davvero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, perché domande stupide. Domanda lecita: era più forte Bud Spencer, ovviamente
      http://docmanhattan.blogspot.it/2014/12/le-action-figure-dei-legion-of-doom-e-di-Bud-Spencer.html

      Elimina
  73. Normalmente quando se ne va un personaggio famoso dico ok spiace, ma oh..succede e poi alla fine mica era un parente! Stavolta però è diverso sapete?non ci riesco. È vero..non lo conoscevo personalmente però Bud era uno di famiglia i suoi film hanno accompagnato la mia infanzia e ricordo ogni battuta con tanta tenerezza perché a Bud Bambino Spencer non potevi non volergli bene dai...come si fa? Ora da neo quarantenne saluto una parte di me,di noi se vogliamo e ripenso alle domande stupide che facevo a mio papà buonanima da bimbo "chi è più forte Bud Spencer o Hulk hogan?" Hahaha che ingenuità, ma che bello. Grazie Bud sei stato un grande mi mancherai. Davvero.

    RispondiElimina
  74. Probabilmente non è un pezzo della mia infanzia tanto quanto per altri, però mio nonno in estate mi faceva vedere i loro film e mi ricordo di parecchie risate fatte assieme a lui e mio padre, soprattutto guardando Lo chiamavano Trinità e Botte di Natale.
    Ciao Bud, grazie di tutto.

    RispondiElimina
  75. Dopo 3 giorni, anche se condivido il pensiero del Doc, la tristezza non mi ha ancora lasciato, purtroppo.
    Bud era veramente un eroe, non lo dico solo io, non lo dicono solo gli amici che stanno commentando questo BELLISSIMO articolo, firmato dal sempre impeccabile Doc.
    Lo dice il mondo intero, perlomeno quello che conta, quello dei veri fan, che da giorni stanno riempiendo il web di messaggi e ricordi da bruschettona spaziale.
    Per me il giorno in cui l'ho incontrato e conosciuto (lui, il suo altrettanto mitico doppiatore Glauco Norato e i mitici Oliver Onions!) rimarrà il più emozionante della mia vita. Se posso permettermi qualche precisazione, i suoi film non sono "roba da due generazioni": li adorava e guardava sempre mio nonno (classe 1920!), li adorano i figli dei miei coetanei (che oggi hanno meno di 10 anni).
    Quante generazioni sono? Otto? Nove? Ecco. Roba che nemmeno Fantozzi e Goldrake, e scusate se è poco.
    Poi parliamo del suo successo all'estero: vi sembrerà strano, ma in Germania e nell'America latina i mitici Bud e Terence sono MOLTO più famosi e amati che in Italia!
    Perché stiamo parlando di un eroe: una persona che, solo con le sue espressioni, tirava fuori da ognuno di noi un "senso di giustizia" che nemmeno Polymar.
    Quando una persona, un artista, suscita in chiunque simpatia, amore, affetto, buoni propositi, pace interiore, c'è solo un termine per definirlo: EROE.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. QUOTO OGNI SINGOLA PAROLA!

      Elimina
    2. La sorella di mia nonna, che per me è stata una terza nonna, CLASSE 1911, quando c'era un film di Bud Spencer in tv chiedeva a noi di cambiarle canale che "ghè l'umun che dà i pugn" (c'è l'omone che dà i pugni). Ecco adesso mannaggiavvoi mi sono commosso.

      Elimina
  76. ed io che pensavo che ero pazzo perche mentre leggevo il post ho cominciato a piangere...grazie bud...grazie x tutto!

    RispondiElimina
  77. Lo ricorderemo sempre sorridente e sornione

    RispondiElimina
  78. E sì, uno schiaffo in faccia da lui me lo sarei preso volentieri...

    RispondiElimina
  79. uno dei miei più grandi desideri da piccolo (e poi anche da non tanto piccolo...)? avere una dune buggy rossa con cappottina gialla...e lo dico sorridendo tantissimo!
    e quella padellata enorme di fagioli...buonaaaaaaa

    RispondiElimina
  80. Lo chiamavano Bulldozer è stato uno dei primi film "dal vivo" che ho visto al cinema. Trinità è il primo western che ho guardato in tv assieme a mio padre. Tutto il resto al momento è confuso in un enorme vortice di sorrisi, papagne e momenti di riscossa. Grazie Bud.

    RispondiElimina
  81. Dico solo che a Bud Spencer gli ho voluto bene sul serio. Avrei voluto incontrarlo una volta per dirglielo ma non ho avuto il coraggio di avvicinarmi al cancello di casa sua (e ho fatto bene a non dare fastidio penso).
    Gli ho voluto bene per i film ovviamente ma anche per essere stato uno dei rari motivi di vicinanza tra me e mio padre, di risate con gli amici a citare i film a memoria o nel mangiare fagioli con mio cugino con le stesse battute ed espressioni.

    RispondiElimina
  82. Altrimenti ci arrabbiamo rimane uno dei miei film preferiti! Insieme a Bud sono cresciuta con mio fratello Simone che mi ha insegnato ad amare i suoi film. Il ricordo di quelle risate lo porteremo sempre nel cuore. Grazie Bud!

    RispondiElimina
  83. altrimenti ci arrabbiamo best film EVAH! voto per nominarlo presidentesso dell'antro o almeno santo patrono!

    RispondiElimina
  84. il primo film che mio figlio ha visto, capito, appassionato e con cui ha riso a crepapelle è stato "Altrimenti ci arrabbiamo", a 3 anni di età.
    Poi sono arrivati i vari cartoni animati, ma quando gli ho detto (oggi ha 8 anni) che Bud era andato a mangiar fagioli dagli angeli, ha spento l'ipad che riproduceva "Teen Titans Go!" e si è messo a guardare il suo film preferito con occhi lucidi.
    Arrivato alla scena della "birra & salsicce" è tornato a sorridere.

    Ciao Carlo, mi piace pensare a quando ti ho incontrato in ascensore (probabilmente nel '79, avevo 6 anni, quindi pensate a quanto poteva essere piccolo l'ascensore) tu abbia capito quanto ti ammirassi, ma che non riuscivo a spiaccicar parola dall'emozione.
    ... e per colpa delle dimensioni delle tue enormi mani.

    RispondiElimina
  85. Grazie Doc,
    anche se sappiamo che odi i necrologi in questo caso bisognava davvero fare uno strappo alla regola dato l'amore sempre dimostrato da l'Antro tutto per questo amorevole omone.
    Tra le tante colonne sonore e canzoni che gli Oliver Onions hanno scritto a me piace molto ricordare la colonna sonora di "Piedone l'Africano", da bambino la canticchiavo sempre:

    https://www.youtube.com/watch?v=U5A7PkAwF6Q

    RispondiElimina
  86. Se cercate Russel Crowe su Google, il primo risultato parla di Bud Spencer :)

    Io me lo immagino... a fare "Guarda là!" e il gesto dell'ombrello alla Morte... perché lui se n'è andato ma resterà sempre con noi, uno di noi.

    RispondiElimina
  87. Come al solito, vuoi dire qualcosa e c'è qualcuno che lo dice prima e meglio; "stranamente", anche stavolta, quel qualcuno è il Doc. Le buone vibrazioni di quei film non andranno mai via. E la bara che va, sulle note di Dune buggy, è il finale più epico che si possa immaginare, altro che i vichinghi in fiamme sulle loro barchette.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una bara rossa, con la cappottina gialla...

      Sono arrivato in fondo a tutti i commenti, DOPO aver letto questo articolo, e quello sullo sceriffo extraterrestri (prima di questo)...

      E boh...
      Ogni tanto il monitor si velava...

      Concordo con ogni parola che avete scritto...
      Cosa aggiungere altro.

      Ciao. Omone.

      Elimina
  88. Bel post Doc e bella compilation di musiche. Sin da bambino guardavo sempre i film con Bud e Terence, ed anche quando facevano i film in solitaria. Seguivo pure le serie tv di Bud con la versione di lui più seria. Penso che gli unici due film che non sono mai riuscito a vedere completamente fossero quella di lui come Bomber e l'altro che fa il pugile e ha a che fare con la mafia. Ma sì rimmarrà sempre nel nostro cuore facendoci sorridere con i suoi schiaffoni dati ai cattivi come su Trinità con i banditi messicani che schiaffeggiavano gli amish.

    RispondiElimina
  89. Solo un parola: Grazie!
    Anzi due: Grazie Doc!

    Sono assolutamente d'accordo con te e, mentre ascolto ancora The Sheriff, ricordo con un enorme sorriso, lo stesso che avevo quando ero bambino e che avrò ogni volta che guarderò uno dei suoi film. :D

    RispondiElimina
  90. non posso che dire anche io il mio "Grazie omone"

    RispondiElimina
  91. Il 2016 è cominciato male ed è proseguito peggio.

    Prima David Bowie, poi Prince e ora Bud.

    David Bowie è stato il mio cantante preferito dei tempi della mia adolescenza, ma Bud Spencer era qualcosa in più.

    Quando è morto Bowie mi è dispiaciuto tanto, ma lui era per me un grande professionista, una persona che ammiravo, Bud era uno di famiglia, che mi ha accompagnato fin dall’infanzia, si può dire.

    Oggi sono andato al funerale con le musiche di “Io sto con gli ippopotami” nello stereo.

    Buon viaggio verso l’ultima stella, vecchio mio.

    RispondiElimina
  92. In questo momento leggo il tuo post, alla Tv c'è la scazzottata finale di Trinità, musica epica, rido e piango allo stesso tempo.
    Grazie Omone e Grazie Doc!

    RispondiElimina
  93. Credo che Bud Spencer, abbia avuto una vita fantastica. Campione nello sport, attore in film senza parolacce/sangue/volgarità... Quello che, egoisticamente, mi rende triste... È vedere i suoi film (e quelli con Terence) da solo quando, in gioventù, erano invece un appuntamento fisso della famiglia per stare assieme... "Mamma io sono il biondo e tu la ragazza" oppure, "io sono quello che guida" ecc... Inevitabilmente, questi film mi fanno tornare indietro nel tempo, in un tempo che purtroppo non c'è più... Ed ora non c'è più neanche Bud Spencer...

    RispondiElimina
  94. Indimenticabile Bud! Quanti ricordi sono legati a lui e a Terence Hill, i primi film al cinema con mio padre, i giochi con mio fratello (io ero Terence, lui più grosso ovviamente era Bud), tra cui il coro aiutati da nostra sorella che faceva la-la-la-la-lalla... Sicuramente rivedrò i film con mia figlia. Indimenticabile Bud Spencer e grazie al doc per questo meraviglioso ricordo.

    RispondiElimina
  95. Da piccolo mia mamma non me li faceva vedere, diceva che erano "violenti" (ma de che?). Però all'asilo tutti si giocava a Bud Spencer e Terence Hill, facendo "Bssh!" ogni volta che fingevamo di darci un pugno.
    Più avanti ho recuperato qualcosa (flash: il prof di storia che ci porta a vedere "La battaglia di Midway" e io che salto su gridando "Ma quello è Kamasuka!!"), ma è stata mia moglie, che sapeva le frasi a memoria, ad provvedere alla mia educazione al grido di "Non puoi non aver mai visto Trinità!!".
    Adesso stiamo cominciando ad educare il pargolo di 4 anni per evitare che faccia la mia fine, è fantastico vederlo fare le gare di macchinine canticchiando "Dune buggy" o fare gli stessi "Bssh!" che facevo io ("Io sono Terence Hill perché sono biondo, tu papà sei Bud Spencer perché hai la barba e la panza").
    Mi mancherà il vecchio Bud: non riesco però ad essere triste più di tanto, perché è come quando se ne va un vecchio nonno che nella vita ha fatto tutto quello che si può fare e anche di più (leggendo la sua biografia ho esclamato "Cavolo, che vita avventurosa!").
    PS: Terence e Bud li avrei visti tanto bene come Asterix e Obelix, anche se Depardieu ha il naso più adatto...
    PPS: guardando la scazzottata in palestra in "Altrimenti ci arrabbiamo" non ho potuto non notare che le coreografie erano degne di una pellicola di Jackie Chan...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla veneranda età di 33 anni ho finalmente capito come scriverlo. Bssh!

      Grazie Capuleius!

      Elimina
  96. un post meraviglioso, Doc, ma quasi mi fa commuov...aehm, sorridere di piu' tutti i commenti che mi sono letta con grande piacere. Come se ci fossimo ritrovati tutti davanti ad un pentolone di fagiolata per ricordare gli episodi migliori vissuti insieme ad un amico che ci ha lasciati. Perche' questo sono bud e terence, amici, anime belle, dispensatori di bei ricordi. E vedere la bara che arriva in chiesa sulle note di dune buggy, beh puo' essere un'esagerazione, ma a me il sorriso imbruschettato me lo ha fatto venire.

    RispondiElimina
  97. Una pietra miliare della mia infanzia di ragazzino vissuto negli anni 80 che rimane indelebile anche ora. Vi dico solo che nella mia sala Ced abbiamo 2 server chiamati Bud e Terence. Li abbiamo chiamati così perché si sperava resistesssero ad ogni avversità (e lo fanno tuttora!) Un legame indissolubile con i suoi film che seppur conoscendoli a memoria continuo a guardare perché mi ricordano solo cose belle e positive. Credo che questo sia il più bel regalo che Bud potesse lasciarci.
    Bellissimo post Doc e sicuramente azzeccato il significato.
    La sua battuta più divertente:
    "Rubagalline..." pronunciata con la sua tipica espressione imbronciato annoiata...chi la conosce sa come andrà a finire...

    RispondiElimina
  98. il magone... cosa aggiungere che non sia già stato detto da tutti Voi?

    la gag che, fin quando abitavo con i miei genitori e mio fratello, si faceva ogni volta che andava in onda un film di Bud e Terence (o da soli)...
    Io e mi fratello: "no, questo non l'abbiamo visto mai!" (bugia) ...."vediamo questo stasera in TV!"
    mia madre (in evidente minoranza ma ben consapevole della gag): "ah sì?, non è vero... (Rivolta a mio padre che iniziava a ridacchiare) ...e tu niente dici?"...
    Dopo 10 minuti rideva anche lei...ogni tanto guardando mio padre e dicend "guardalo, come ride... ma che ridi?"

    RispondiElimina
  99. Grazie Bud... :')

    RispondiElimina
  100. forse servira' del tempo, pero' in questo momento non riesco a riguardare un qualsiasi loro/suo film senza un velo di tristezza...

    RispondiElimina
  101. Una pietra miliare della mia infanzia di ragazzino vissuto negli anni 80 che rimane indelebile anche ora. Vi dico solo che nella mia sala Ced abbiamo 2 server chiamati Bud e Terence. Li abbiamo chiamati così perché si sperava resistesssero ad ogni avversità (e lo fanno tuttora!) Un legame indissolubile con i suoi film che seppur conoscendoli a memoria continuo a guardare perché mi ricordano solo cose belle e positive. Credo che questo sia il più bel regalo che Bud potesse lasciarci.
    Bellissimo post Doc e sicuramente azzeccato il significato.
    La sua battuta più divertente:
    "Rubagalline..." pronunciata con la sua tipica espressione imbronciato annoiata...chi la conosce sa come andrà a finire...

    RispondiElimina
  102. Io e mio marito ci trasferiamo spesso in nazioni diverse per lavoro. Per fare amicizie appena trasferiti facciamo la serata Trinità: fagioli e chili e proiezione. Vengono sempre tutti, in ogni nazione. E io ritorno sempre come nel tinello di mia nonna a guardare rete4 e mangiare di nascosto. Bud e Terence ci riportano casa lontano da casa.

    RispondiElimina
  103. Io e mio marito ci trasferiamo spesso in nazioni diverse per lavoro. Per fare amicizie appena trasferiti facciamo la serata Trinità: fagioli e chili e proiezione. Vengono sempre tutti, in ogni nazione. E io ritorno sempre come nel tinello di mia nonna a guardare rete4 e mangiare di nascosto. Bud e Terence ci riportano casa lontano da casa.

    RispondiElimina
  104. Sono cresciuto con i film di Bud & Terence, li avrò visti centinaia di volte, grazie anche al fatto di averli in videocassetta. E da qui al rito, ogni volta a casa da scuola per malattia, coperta, divano e film, con la scena della scazzottata che andava avanti e indietro. Per non parlare delle colonne sonore, ripetute come un mantra, anche adesso, con gli amici (qui un assaggio: https://www.youtube.com/watch?v=nKw4uO6rJ_E)

    Come ho scritto su FB, di canzoni tristi ce ne sono diverse, leggo del valzer triste, a me viene in mente la colonna sonora di Lo Chiamavano Bulldozer, ma nella sua versione "sfumata", quando Bud viene lasciato solo dai ragazzi, stufi dei duri allenamenti.

    Non riesco, come scritto più sopra, a non avere un velo di tristezza ogni volta che penso / ascolto / vedo qualcosa relativo a Bud. E vedere la foto di Terence al funerale è stato tremendo, avrei voluto anche io partecipare al funerale per ringraziarlo semplicemente di tutto.

    Rimarrai per sempre nel mio cuore, omone Bud, ti voglio bene. E grazie per aver reso la mia infanzia felice.

    RispondiElimina
  105. Angelo Coniglio1 luglio 2016 18:08

    Caro Bud, da questo mondo te ne sarai pure andato, ma nel mondo dei nostri cuori e dei nostri ricordi ci resterai per sempre. Ovunque tu sia ricorda che ti abbiamo voluto e ti vorremo sempre un mondo di bene, e grazie, grazie infinite per tutte le gioie che ci hai dato e che continuerai a darci ogni volta che avremo la voglia e la gioia di rivederti. Ciao, Grande Drago :-D

    RispondiElimina
  106. Grazie Doc, sono stati giorni strani .. è strano per me - che sono negli 'anta (e quindi, usando pure un parolone, adulto, o quasi, vah!) tornare su questo post per leggere i cento e più messaggi (e questo dice già molto) .. è strano che citiamo continuamente film che hanno tagliato il traguardo dei trent'anni (anche più), ed è probabile che i più giovini non fossero neanche nati in quegli anni, ancora più strano nel mondo odierno dove la memoria delle cose dura mesi, forse anche solo settimane .. probabilmente vale quanto ricordato da molti, tutti: può non piacere un cantante, un attore, ma non concepisco che esista qualcuno (brutta persona!) che non ha almeno un bel ricordo di Bud, e come detto giustamente all'inizio, non possiamo essere tristi verso chi ci ha dato così tanta allegria restando umile e sincero (come solo i grandi) - basta rivedere la consegna del David del 2010 dove i piu' emozionati erano proprio Bud&Terence (oltre alla popolarità mondiale, quanti possono vantare tra i propri fan Jackie Chan?) (ops anche a me il monitor ogni tanto diventa sfocato!)

    Il mio ricordo sono tutte le scene epiche citate, con il valore aggiunto di vederle in compagnia di genitori, fratelli, amici; dovendo sceglierne una (facciamo due) direi il finale di Bomber, braccia alzate e folla inneggiante (qui ci vedo rivincita, lealtà, valori, sacrificio) .. e in maniera similare, forse è stata citata, la scena di Bulldozer, quando il campo di allenamento sulla spiaggia è vuoto (i ragazzi sono andati alla bisca) e Bud guarda pensieroso verso il mare, in sottofondo, versione quasi-strumentale del tema principale -just a good boy- e bruschette volanti che manco Indipendence Day .. è una scena piuttosto breve, che ho riscoperto con il passare degli anni, adessi mi piace immaginarlo così ...

    (piccolo reprise) senza contare che poi, poco dopo incontra Orso: " Che ci fai qui? " , "Mi hai dato un sacco di botte, e io mi affeziono!" .. e poi ancora " Barba o Capelli ? " , " Osvaldo!" ... basta con le bruschette, altrimenti faccio indigestione! (non sono mica come Bud!, altrimenti prenderei una frittata da dodici uova!)

    RispondiElimina
  107. Hai perfettamente ragione DOC. Per giorni sono rimasto chiuso nella mia tristezza per la scomparsa del "gigante buono", ma hai ragione tu. Basta tristezza, lui ci ha fatto ridere e i suoi film continueranno a farci felici, nella loro immortalità. Lui non vorrebbe vederci tristi (e non lo dico per frase fatta), altrimenti tutto il suo lavoro sarebbe stato inutile. Sorridiam, ridiamo, tutti, sempre più forte... Più forte ragazzi...

    RispondiElimina
  108. Ginny Hermione5 luglio 2016 10:51

    Stesa sensazione già provata alla dipartita di Mike Bongiorno o di Raimondo Vianello: ti senti come se se ne fosse andato uno di famiglia. Comunque i film restano e anche visti ventordicimila volte sono sempre divertentissimi. Vai Bud, falli divertire anche di là.

    RispondiElimina
  109. Un mito fatto di semplicità, di ironia e di risate spontanee, grande Bud, grande Terence.

    RispondiElimina
  110. Questa mia aggiunta probabilmente no verrà mai letta, ma ho trovato questo suo bellissimo spot...
    https://www.youtube.com/watch?v=CZyaGA8vS6U

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vista! grazie Pincopaco.. non sapevo dell' esistenza.
      ecco, anche solo guardando lo spot mi son messo a ringere come un' idiota. ma grazie ;)

      Elimina
    2. Vista anch'io! .. ma non è un po troppo violenta ?!! :) .. non la conoscevo, e mi ricondavo poco anche gli altri spot (di un noto chewing gum o di un panettone) .. che dire ... a distanza di un po' mi 'sorprendo' ancora a canticchiare mentalmente il tema di Bulldozer o 'The sheriff' (e anche a dare uno sguardo a questo topic), segno forse di quanto fosse (e sia) forte questo 'imprinting' ... non voglio lanciarmi nuovamente su cose già dette, o nel voler fare dei Listoni (tanto per questo basta youtube), aggiungo solo questo:

      https://youtu.be/pBA67k_AVCU?list=PLA42DBB62F197464E

      .. è un video del noto forum (Bud&Terence) di un'intervista della coppia (caso raro) in cui rispondono alle domande dei fan (caso ancor piu' raro)

      Elimina
  111. Ho tantissimi ricordi di Lui e Terence.. Film che non stancano mai.. non riesco a scrivere nient' altro però che Ciao Omone.. ti ho voluto e ti vorrò sempre bene.. riposa in pace.. e grazie di tutto.
    (e grazie a te Doc del bellissimo ricordo, credo sia uno dei post che più ha unito e fatto commentare tutta la community antristica.)

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails