venerdì 15 maggio 2015

85

Mad Max: Fury Road, la recensione senza spoiler

Mad Max Fury Road recensione senza spoiler
Sì, ca*zo. Sì, caz*o. Sì, ca*zo. Sì, ca*zo. Sì, ca*zo. Sì, ca*zo. Sì, ca*zo. Sì, ca*zo. Sì, ca*zo. Sì, ca*zo. Sì, ca*zo. E così via. Prendete un tamburo taiko e percuotetelo selvaggiamente, perché Max Rockatansky è tornato. Dice: ma questo Mad Max: Fury Road non era solo un reboot? Una roba di quelle moderne che poi vatti a fidare? Sì, col ca*zo [...]
Erano quasi vent’anni che George Miller voleva tirar fuori un quarto film di Mad Max. Si era partiti con lui per questo lungo viaggio nel lontano 1979, dall’ozploitation (exploitation all'australiana) pura di Mad Max / Interceptor (1979) a quel seguito pazzesco (Mad Max 2: The Road Warrior / Interceptor - Il guerriero della strada, 1981), e poi giù fino alla buca spaccacerchio di Mad Max Beyond Thunderdome / Mad Max - Oltre la sfera del tuono, con Miller rimasto invischiato nel trappolone del PG-13, dei due film in uno, della minchiata dei rEgazzini del dopobomba che gli smontava tutto il film. Era il 1985, sono passati trent’anni esatti prima di riportare in pista Max, ma visto il risultato, beh, è valsa decisamente la pena di aspettare tutto questo tempo. Per farla semplice, Fury Road ti ha spazzato via. Sei rimasto per tutto il tempo stravaccato sulla poltroncina del cinematografò con gli occhi spalancati a goderti uno spettacolo adrenalinico come pochi. Mentre la colonna sonora spaccamondo di Junkie XL continuava a martellarti i timpani con le sue percussioni, mentre il film - come il tornado visto nel trailer - sradicava e trascinava via ogni timore, passandolo sotto le ruote di tutti quei veicoli lanciati a rotta di collo verso la fine dei tempi.
Innanzitutto, il grande dubbio della vigilia numero 1: è un reboot, Fury Road? Per chi vuole vederlo come tale, sì. Max Rockatansky ha un nuovo volto (il faccione di Tom Hardy) da quando Mel Gibson ha deciso di chiamarsene fuori, e chi non s’è mai visto un Mad Max in vita propria si può gustare benissimo questo nuovo film senza stare a pensarci troppo. Sentendosi un po’ una persona brutta per le proprie mancanze, ok, ma va bene. È un quarto film della saga a tutti gli effetti, Fury Road? Per chi vuole vederlo come tale, sì. Cioè per tutti i fan del vecchio Max che in Giorgione Miller, nonostante quei dannati rEgazzini post-atomici, non hanno smesso di credere. E Giorgione, finalmente con un budget importante che gli desse la possibilità di prodursi, scriversi e dirigersi questo benedetto nuovo film come diavolo gli pareva, non solo ha deliverato un capitolo che scalcia talmente tanti culi che c'era margine per il product placement della preparazione h, ma lo ha impreziosito con una serie di piccoli collegamenti con quelli precedenti. D’altronde, specie se pensiamo a quanto netto fosse lo stacco di ambientazione tra il primo e il secondo film, ci sta tutto che questa sia semplicemente una nuova avventura del Max di sempre.
Passiamo al grande dubbio della vigilia numero 2. Miller ha dato un volto e soprattutto una cresta al mondo postatomico con Mad Max 2, ma sarà stato capace di tirar fuori qualcosa di altrettanto fresco, di visivamente originale trentaquattro anni dopo? Da Mad Max 2 son venuti fuori Ken il Guerriero e tutto il resto, centinaia di film/fumetti/videogiochi del dopobomba: sarà riuscito Miller a reinventarsi la ruota? Sì, l'ha fatto. Fury Road è, visivamente, qualcosa di incredibile. Ci sono talmente tante soluzioni di una potenza tale da lasciare a bocca aperta persino Meeme di Capitan Harlock. I trampoli nelle paludi, i tizi attaccati alle pertiche, i tamburi. E poi i veicoli, chiaro, praticamente tutti. 
Ma non è solo qualcosa che appaga l’occhio e al contempo lo disgusta, tra deformità e miserie umane di un futuro disperato. È la mitologia che Miller ci costruisce attorno, l’epica di questi esaltati asserviti a un supervillanzone dal capello improbabile - ce n’è uno in ogni film della saga, per tradizione - schiavi di un misto di religione norrena, culto del V8, minchiate sparate dal loro leader. Alla fine, se ci pensi, non poteva che essere così: solo George Miller poteva superare George Miller sul suo campetto di bocce.
La strada, un inseguimento, motori da mille cavalli al galoppo, Mad Max al centro della baraonda, della cacofonia di carne e metallo, le uniche cose vive anche se non per molto: un’altra costante della saga, elemento presente in tutti e tre i primi film. Solo che qui quell’elemento diventa il cuore della storia, tutta incentrata su questa folle fuga. C’è stato un momento, dopo una mezz’oretta di film, in cui ti sei chiesto se la struttura fosse in grado di reggere fino alla fine senza annoiare. La risposta? Incollate qui uno di quei Sì, ca*zo dell’inizio. Si vive e soprattutto si muore sulla strada polverosa chiamata Fury Road, con un ritmo che rallenta ogni tanto solo per farti riprendere il fiato e portare sotto i riflettori una gamma di comprimari tra il lascivamente disgustoso e il follemente esagerato. Il fuoco, le esplosioni, un motorstorm di sportellate, devastazione e proiettili tuccio-inciorno-a-te (chi ha visto sa), ma con una tenuta della tensione e dell'attenzione dello spettatore che Petardo Bay se la sogna la notte di San Silvestro. La ferocia dei primi due film, vietati ai minori (fancuore, PG-13), il raccapriccio alla Kenshiro (uno dei figliastri più famosi di Mad Max) dei poveri vessati brutti di fame, radiazioni e cortocircuiti genetici. In mezzo al caos, nel cuore della tempesta, Max e Furiosa, Tom Hardy e Charlize Theron, alla guida del loro circolo della topa.
Ora, la Furiosa della Theron è un’eroina con i controcosi. Una tipa tosta in grado di prendere a cinquine chiunque, nonostante abbia una mano sola. Quegli sguardi, con cui la Theron riesce a comunicare più stati d'animo in due ore di pellicola che molte attrici in un'intera carriera. Divinamente furiosa, furiosamente divina, molto più che una semplice co-protagonista. Il discorso per Hardy è un attimo più complicato. Il suo Max Rockatansky ti è piaciuto, nel complesso, perché in linea con il personaggio: taciturno, scontroso, disperatamente intenzionato a badare solo ai fatti propri, ma senza mai riuscire davvero a fregarsene degli altri. Qualche battuta non ti è sembrata felicissima, ma temi che lì abbia contribuito la voce rifilata ad Hardy nella versione italiana (no, stavolta fortunatamente non c'è Filippo Timi con lo Sforzo). Da rivedere asap in lingua originale. Ma comunque.
Bello, feroce, con una fotografia fantastica e un ritmo forsennato. Visionario, in tutti i sensi. Ben girato, ben interpretato, fresco come non ti aspetteresti mai da un quarto film che gioca in fondo con le stesse bocce dei suoi predecessori ed è frutto della capoccia - essenzialmente - sempre della stessa persona. E invece. All’uscita dal cinema, ieri sera, non riuscivi più a trovare la scimmia. Era stata lì a saltellarti sulla scapola per tutto il film, dov’è che era finita? Ti stava aspettando nel parcheggio, percuotendo un tamburo taiko. Selvaggiamente. Che giornata fantastica.

Mad Max: Fury  Road
recensito da DocManhattan il 2015-05-15
Rating: 5

85 commenti:

  1. Cioè, davvero? Cioè, DAVVERO?!
    Sbrigo la pratica CHILD44, e il prossimo in lista è Max, garanteeto!
    E poi IL REGNO DEI SOGNI E DELLA FOLLIA...
    Che bel mese di cinema, finalmente!

    RispondiElimina
  2. CAPOLAVORO

    Sottoscrivo ogni parola: una festa per gli occhi, per la testa, per il basso ventre. Ho prenotato ieri il raggioblu su Amazzonia, per capirci.
    Furiosa è il miglior personaggio visto in un film da almeno 15 anni a questa parte (sono ufficialmente innamorato), Hardy meglio di quanto mi aspettassi.
    Se ci fosse stato un cameo di Gibson sarebbe stato quasi fuori luogo.
    Mi è piaciuta anche una serie di piccole citazioni ai vecchi film (su tutte SPOILER il carillon).
    Bonus: la rediviva testimonial di telefonia.
    Spezzo una lancia per il doppiaggio, che dai trailer sembrava molto peggio, soprattutto Immortan Joe, ma in definitiva: sì, è da rivedere in originale.

    Una chicca: sapevi che Immortan Joe è interpretato dallo stesso attore che interpretava Toecutter nel primo film?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yep, ma mi son tenuto le curiositades per un "20 cose" ;)

      Elimina
    2. Dio, ce ne sono un milardo, mi sa che ti tocca pubblicare il primo "50 cose". La sai la storia del perchè una delle tipe si chiama Toast?

      Elimina
    3. Bernardo Capriglione17 maggio 2015 23:53

      Tra le 100 cose ;), ci sarebbe la contro-citazione da ken il guerriero: se Buronson ha scopiazzato pari pari da Miller (madonna, io farei una petizione per beatificare questi due signori), Miller si è rifatto con la storia dei "semi": nel manga li conservava un vecchietto, in mad max tocca alla vecchietta :D

      Elimina
  3. OLEEEEEEHH
    Domani si prende un bel tamburo e si corre al cinema.
    Doc, mi hai regalato uno splendido inizio di giornata :)

    RispondiElimina
  4. Doc, oggi non leggo una virgola nè del post nè dei commenti. Vado al cinema stasera in compagnia della scimmia che ho in spalla e non voglio sputtanarmi nulla! Firmo l'atto di presenza co 'sto commento e me ne vado.
    See you tomorrow! Bye!

    RispondiElimina
  5. Ed ecco che la scimmia comincia suonarmi il main theme del trailer sulla testa...
    Questa settimana non potrò andare a vederlo, mannaggia =_="

    Comunque, volendo appunto parlare dei vari trailer, se solo me li proiettano tutti in fila senza aggiungere altro vale il prezzo del biglietto. Me li sono guardati tutti più volte, e quando iutub me ne propina uno sotto forma di pubblicità non riesco proprio a skipparlo. Non so se esiste al mondo un premio per il miglior trailer, ma Mad Max se lo porta a casa quest'anno e per i prossimi 5 o 6 anni almeno.

    *picchia sulla scrivania a tempo, paraparapappa paraparapappa*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente d'accordo. Lo dicevo anche in un commento sulla pagina FB dell'Antro. Per me questo è un film di relativo interesse, non sono un accanito fan della saga, ma la potenza del trailer mi ha colpito in pieno. E visto che la recensione conferma la stessa potenza per tutto il film, mi sa che ci scappa una visione :)

      Elimina
  6. 5 presidentesse sono rare...avevo già programmato di andarlo a vedere ma vorrei sapere una cosa: nei primi due film si respirava un'aria di disperazione (che credo fosse un mix un po' fortuito di riflessi seventies e mancanza di mezzi) che certamente contribuivano a rendere particolari le pellicole, lo troviamo anche qui? Oppure è un'aspettativa errata, da "vuoi mettere i film di una volta"?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se intendi la disperazione come "set costruiti con due spicci e tanta inventiva" no, perchè l'inventiva c'è e straborda anche, ma si vede che sono stati spesi i soldoni per tirarlo su.

      Se intendi disperazione propria dei personaggi allora sì, c'è un'estetica del marcio, del bruciato dal sole, della follia (gioiosa e disperata) che lèvati.

      Elimina
    2. No, non intendevo tanto l'economia scenografica (che comunque a volte aguzza l'ingegno, davvero)...quello a cui penso sono per esempio le scene degli scontri, in cui almeno io sentivo una nota nichilista: era come se la lotta fosse un riflesso condizionato, un tentare di sopravvivere senza una vera prospettiva di futuro... la scena finale del secondo film in questo senso è esemplare.

      Elimina
  7. Questa sera cinema, non mi ferma nessuno.

    RispondiElimina
  8. Visto ieri sera.
    Purtroppo sono vittima del doppiaggio Gianfransuà, ché qui a Bruxelles è o così o in Olandese..
    Comunque si. FILMONE.
    Ci sono alcune situazioni un po' boh, come le visioni di Max, ché chi non ha visto i precedenti film potrebbe non capire. Ma in sostanza sono dettagli. Visivamente è ENORME. Epico, come ho scritto su FB.
    La trama è inconsistente, ma d'altronde anche nei precedenti film era così, diciamo che era Max a fare il film. E quindi ci sta. Ci sta tutto.

    Esaltatissimo.
    Ed ora aspettiamo il gioco, che è in lavorazione da secoli.

    RispondiElimina
  9. L'ho visto ieri sera e ancora sono esaltato. Indiscutibile capolavoro dall'inizio alla fine e sotto tutti gli aspetti!

    RispondiElimina
  10. ehhhhhh e vabbe allora me tocca :)

    Felice di sbagliarmi lo avevo bollato comme ennesimo reboot spaccamaroni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avevo ragione ad essere fiducioso.

      Elimina
  11. Se ne parlava ieri sera con la crew tutta di come questo film, dal trailer moltofigherrimo, potesse nascondere in se l'insidia della mimmosità dietro l'angolo che manco il tammarro che voleva INCUncsdfiuysgdfvuslarti la vespa.

    Invece A) il mio collega di lavoro mi dice Si, cazzo... B) e poi il Doc mi dice Si, cazzooooo......

    Allora mo anche io devo assolutamente dirlo 'sto SI CAZZOOO!!!!

    RispondiElimina
  12. Ciàpa qua Doc, che te lo sei meritato :3

    https://www.youtube.com/watch?v=C7HL5wYqAbU

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :D Ho visto un loro spettacolo dal vivo, anni fa. Sono uscito con una testa così ma esaltatissimo.

      Elimina
  13. Non hai la più pallida idea di quanto mi renda felice questa recensione: The Road Warrior è per me un capolavoro, Hokuto No Ken è esistito grazie ad esso, il mondo videoludico post apocalittico si è ispirato in gran parte ad esso, ecc ecc.
    Non vedo l' ora di vederlo (...)

    RispondiElimina
  14. Visto ieri. Sottoscrivo ogni virgola, punto e si, ca*zo. Perché Fury Road prende per i capelli Mad Max, lo pianta su una V-8 (sempre sia lodata) e lo spara dritto in faccia al pubblico del XXI secolo, tenendo tutto quello che c'era da tenere dei primi 3 capitoli, togliendo tutto ciò che andava tolto, e mettendoci così tanto di nuovo che sembra quasi impossibile aver ottenuto tanto da motori, polvere, sangue, follia e disperazione. Una trama ridotta all'osso e una notevole quantità di suggestioni lasciate alla personale interpretazione dello spettatore non indeboliscono ma anzi rafforzano il film. Mettiamoci pure una Charlize Theron strepitosa nel suo ruolo e un Tom Hardy un po' in affanno ma comunque credibile (l'ombra di Mel Gibson è veramente difficile da tenere lontana): insomma io credo di aver trovato il mio miglior film dell'anno, e la scimmia mi sa pure. Ed ora vado dal meccanico a far montare i tamburi sul retro della macchina, che non si sa mai :D

    RispondiElimina
  15. you just made my day!
    tutti al cinema!!!

    RispondiElimina
  16. Visivamente stupendo. Per chi mastica Warhammer 40k, è come se avessero preso quel pazzo dell'artista John Blanche e l'avessero trasformato in film. Un'invenzione dietro l'altra.

    E per altro c'è un gusto nel linguaggio dei survivor della wasteland davvero incredibile, con un gergo specifico per ogni gang/personaggio.

    RispondiElimina
  17. ,e tocca annacc...si ma come cacchio faccio...anche io ho la pratica bimbo da sbrigare

    RispondiElimina
  18. Oh state convincendo anche me che non ho mai amato questa serie

    RispondiElimina
  19. Se questo film non incassa un fantastiliardo di dollari vuol dire solo una cosa: noi 30/40enni ci siamo arresi! Ci siamo arresi così tanto che abbiamo consegnato il mercato ai 12enni ed è giusto che moriamo gonfi di PG-13.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Riccardo Sabatini24 maggio 2015 20:24

      Purtroppo è così. È tuttora sotto di 15 milioni. Battuto da una cazzo di commedia sui gruppi di canto a cappella del college. Dobbiamo morire gonfi.

      Elimina
  20. Bella recensione, Doc. Anche a me e alla signora Lorini ci è garbatoCI tanto tanto.
    Tanto!

    RispondiElimina
  21. Ora mi fermo un attimo, addomestico la scimmia, aspetto stasera e ....... VAI DI FURY ROAD ! !!!!!!!!! ! Grazie Doc, per la recensione :-)

    RispondiElimina
  22. Buona sera dr Manhattan

    AMMIRO!
    Assolutamente gustoso, film che n ha tradito le mie (alte) aspettative.

    Azzarderei a dire; il 4° film più perfetto di tutti i tempi, anche se sono di parte.
    Anche (2)se ad un certo punto ho realizzato, che altro n era, se non il migliore remake, dai tempi della Cosa.
    Se proprio devo trovagli una pecca, la solita voce narrante che ti introduce alla storia.
    Dovresti intitolare una nuova rubrica di film perfetti:Che giornata Fantastica!

    P.S.
    Se domani incontro Megan Gale, gli chiedo scusa.

    RispondiElimina
  23. 5 su 5!
    Minch..... Mi tocca correre a vederlo!
    Ma penso che andrò lunedì, nel weekend c'è un caos dalle mie parti ehehe

    RispondiElimina
  24. M'hai messo un gorilla colossale adesso!

    RispondiElimina
  25. Qualcuno mi sa dire se da noi è V.M. 14? Ho mio nipote di 12 anni e voglio farlo crescere bene.

    RispondiElimina
  26. E allora dai che stasera si va a vederlo con Drakkan e Blulight e forse Africanora!!! Cosi potremo dire anche noi Sii Ca%%oooo!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho idea che si farà la strana coppia.

      Elimina
  27. Via Doc, avevo letto già su rottentomatoes ma caspettavo la tua rece4nsione a prendere i biglietti. Domani sera al cinema ore 20:00 con annessa donna :)

    RispondiElimina
  28. Daccordissimo con te, film della madonna! La scimmia era diventata un'Ozaru

    RispondiElimina
  29. Grazie Doc. Stasera vado al cine-mad :-D

    RispondiElimina
  30. Film stratosferico, un tripudio di tutto quello che è grande cinema. Doc che tu abbia notato, qualche problemino di mixaggio sull'audio? Un paio di volte non ho sentito cosa dicevano, soprattutto Joe, sovrastato dalla musica e dagli effetti audio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mhh, non mi pare. Piuttosto sono rimasto un attimo (ma solo un attimo) stranito dai cambi bruschi di frame rate, prima di ricordare che mettersi a smanettare con quello è un pallino di Miller :)

      Elimina
    2. Boh, probabilmente colpa dell'impianto della sala, le voci erano particolarmente basse. Forse ci sono un paio di sfondoni nel doppiaggio italiano (recitato piuttosto bene no?), ma fino alla riprova della versione originale non posso confermare.

      Elimina
  31. Devo, devo, devo vederlo al più presto.

    RispondiElimina
  32. Insomma, è tipo Robocop? :D
    Una cosa non ho capito: nelle foto sulle riviste si vedevano colori molto virati sul pallido - slavato (mi piacevano molto), nel trailer ho visto colori molto carichi (l'azzurro del cielo, il marrone del deserto, ecc), che mi piacevano un po' meno: com'è in realtà il film?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Colori carichissimi. Insieme allo score musicale standardizzato per me è uno dei limiti del film, ma lo spettacolo è talmente potente che dopo un po' non ci si fa caso.

      Elimina
  33. Concordo, gran film.
    Almeno una delle tre trilogie sante dei 70 - 80 ha avuto un seguito degno, non inutile (IJ) o peggio dannoso (SW).

    Non so come sia il doppiaggio (posso immaginare), ma avendolo visto in originale dubito molto che abbiano potuto replicare quella specie di brontolamento di stomaco da ultra-macho con cui Hardy pronuncia le sue dieci battute. Roba che all'uscita del cinema, a parlare con la mia ragazza con la mia voce normale, mi sentivo più vicino a una delle cinque fighette.

    RispondiElimina
  34. cavoli ero talmente convinto fosse l'ennesimo reboot de mierda che me ne sono completamente disinteressato


    domanda: è una storia completamente a parte o è collegata alla vecchia trilogia? no perché i vecchi film non me li ricordo più e volevo sapere se mi conveniva recuperarli prima di vederlo o posso fare con calma ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No è indipendente, ma ci sono tantissimi riferimenti alla vecchia trilogia. Una guardata prima di entrare in sala non fa male.

      Elimina
  35. grazie per la rece Doc, dato che non ero molto convinto di questo semi-reboot milleriano. ora la scimmia comincia a farsi sentire e devo accontentarla alla svelta. e chi vive più sennò?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Volevo ignorarlo completamente... ma ora sicuramente andro' a vederlo!!
      PS IMPORTANTISSIMO: La nuova verifica "antiandroidi" captkha, con le selezioni di cibi vari, su Pc funziona benissimo ma da smartphone (almeno dal mio), non mi fa aprire la finestra completamente! Si potrebbe ovviare in qualche modo? Gracias!

      Elimina
    2. ops..la risposta voleva essere generica non diretta a Dartfener! Pardon! :P

      Elimina
    3. Sì che si può ovviare: creati un account e loggati :)
      Scherzi a parte, son robe che decide e piazza lì Blogger, non io. Posso farci nulla.

      Elimina
  36. Allego immagine del sottoscritto appena uscito dal cinema dopo aver visto Fury Road:

    https://41.media.tumblr.com/31b8ab8746927957760c96ea167c635a/tumblr_mmabnevf0E1r0cipdo1_500.jpg

    Assolutamente perfetto.
    Scimmia che è andata nel deserto postnucleare ad uccidere punk.
    Welcome to this crazy time and what a lovely day.

    RispondiElimina
  37. Ma perché tutto questo astio verso il doppiaggio italiano?

    Che magasce ci possono essere?

    Cioè, non lo so, hanno doppiato il rombo dei motori in italiano e non me ne sono accorto?

    RispondiElimina
  38. Uellla!!! La scimmia è salita sul tetto del condominio e sta sradicando l'antenna!
    E mo chi la tira giù.

    Dal dottore c'era una rivista (forse Panorama) con le foto di tutte le auto! Erano meravigliose! Una voglia di comrparmi il modellino di qualcuno..speriamo acquistino i dirtti presto! Ce ne è una gialla con i cingoli!! Spettacolo!

    RispondiElimina
  39. In attesa di questo film, nell'ultima settimana mi son visto per la prima volta i due fenomenali Interceptor, ancora oggi imbattuti nel genere post-atomico.
    Comunque Doc, per quanto riguarda Hardy (attore fenomenale, Bronson di Refn ne è un esempio), so che per lui il set è stato frustrante (sette mesi in Namibia, con Miller che girava tre-quattro secondi alla volta) però poi si è scusato con il regista perchè non aveva compreso a pieno il quadro, e dal canto suo Miller anche ha capito che non è riuscito a creare un set abbastanza sereno. Vabè, l'importante è che non abbia inciso particolarmente sul risultato finale del film, che andrò a vedere a giorni, con una scimmia di dimensioni non indifferenti.

    RispondiElimina
  40. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aggiungo, per fare un esempio, i due "Fuga da..." Il primo è sporco, grezzo, è Il Film!
      L'altro, non mi è andato giù...
      Forse sono "sofistico" io...

      Elimina
  41. Parafrasando il noto ragioniere:
    Mad Max Fury Road É UNA FIGATA PAZZESCA!
    Ai titoli di coda mi sono scardinata la mascella per richiudere la bocca,spalancata dai primi 5 minuti.
    e George Miller ha SETTANT'ANNI.
    uniche due micropulci:
    la voce narrante e il fatto che nonostante ci siano delle donne bellissime non si veda manco un capezzolo,roba che puzza di pruderie ammeregana,considerando che nei capitoli precedenti c'era non proprio sesso ma molta più ciccia esposta...
    Mio modestissimo parere : il capolavoro di Miller.
    e Mereghetti con la sua rece è MEDIOCRE.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, i capezzoli si intravedono ahahah

      Elimina
  42. Caro Doc e cari antristi,
    torno adesso dal cinema. Ho visto la versione originale e in 3D.
    Parlare di scimmia è riduttivo. Ho un King Kong che butta giù dalla torre di Alexander Platz tutte le navi spaziali da Star Wars a Star Treck.
    Un grazie di cuore al Doc per avermi riportato al cinema con la sua rece spettacolare. Era talmente tanto tempo che non ci andavo che nemmeno mi ricordo cos'ho visto l'ultima volta che ci sono stato!
    Buona notte!

    RispondiElimina
  43. Visto ieri sera in 3D, è un capolavoro nel suo genere, credo anche che sia il film dell'anno; l'unica nota un po' negativa è la scelta di Tom Hardy, un attore più inespressivo non poteva sceglierlo secondo me

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bernardo Capriglione17 maggio 2015 23:46

      La scelta di Tom Hardy a mio avviso stona un po', ma non per la scarsa bravura dell'attore, anzi, mi unisco a Doc nell'elogio alla sua interpretazione. Il problema è l'età: è troppo giovane. Questo quarto capitolo si colloca più avanti nel tempo rispetto alla trilogia, ormai del mondo pre-bomba rimangono frammenti confusi. E' impossibile quindi che Max dimostri l'età che aveva nel primo film. Sarebbe stato perfetto Mel Gibson, ma al suo rifiuto credo che Miller abbia fatto di necessità virtù, focalizzando sul mondo che ha creato, il contorno, l'ambientazione, i cattivi. E che cattivi, signori, io non ho parole.

      Elimina
  44. BERNARDO CAPRIGLIONE17 maggio 2015 17:13

    Scusate Signori, è da ieri che cerco le parole adeguate per descrivere cosa mi è successo ieri sera, e cioè CHE AD UN CERTO PUNTO HO AVUTO UN ORGASMO!!! Possiamo pure smetterla di guardare altri film, diventiamo tutti guidobaldo maria riccardelli ed imponiamo la visione di questo film in eterno! Ma vogliamo parlare del simbolismo, l'adrenalina, l'occhio pazzo di Hugh Keays-Byrne...SONO FELICEMENTE SCONVOLTO. GRAZIE, GEORGE MILLER.

    RispondiElimina
  45. 2 cose che (almeno io) non ho letto in giro per confermare che Mad Max è un film d'azione con i controcazzi anche solo per dei dettagli. Naturalmente sono spoiler.
    - Il chitarrista metal. Dio mio che genialiata. Un personaggio il cui unico scopo è perculare tutto una categoria di artisti (e non) che, per mancanza di coraggio ma anche perchè sanno che sarebbe un suicidio per la carriera, resta ferma a fare sempre la solita azione che la società gli ha affibbiato. Chissà quanti chitarristi metal vorrebbe dedicarsi a qualsiasi altro genere musicale ma non vogliono o riescono a farlo. No, rimangono lì, fermi, ha mantenere il proprio status quo nella maniera più ottusa possibile.
    -Le mercenarie. Questo Mad Max è un film fortemente femminista. Per un sacco di motivi anche molto espliciti ma questa cosa che Miller ha preso e scritturato 5 attrici vecchie (o vicine ad esserlo) e le ha rese delle guerriere cazzuttissime io lo vista come una belle bellissima risposta a tono agli ultimi film come Mercenari dove vediamo dei vecchi bolsi imbolsiti che fanno le stesse cose che facevano da giovani. Un tocco di classe avanti 100 anni.

    RispondiElimina
  46. film fuori scala, in una scala che va da qui a Tutto

    Doc, un favore. Se mai ti acchiappi la versione in lingua oroginale, prova a confrontare gli inni dei Figli di guerra (in ITA li hanno tradotti tipo: io vivo - io muoio - io vivo! e i riferimenti al sole) con i versi della haka KA-MATE... perché mi sembrano "un po' troppamente" simili per essere coincidenze. Che poi stiamo parlando di un film che è un concentrato di tribalismo firmato da un australiano, come dire che gli indizi ci son tutti eh... però magari ne abbiamo la conferma :)
    (e te la segni per il "20 cose che non sapevate"!)

    RispondiElimina
  47. Madonna Santa.

    Mai filata di striscio sta saga, più che altro la conoscevo poco, poi ho visto trailer, foto, poster e critiche de sto film e me so fomentato. Tra ieri e oggi mi sono visto i 3 di Mel Gibson e stasera ho visto questo nuovo.
    Penso che il commento perfetto sia CHEBBOTTA.
    Una bomba vera, ti fa stare col fiato sospeso per quasi tutto il film, non ti da manco il tempo di metabolizzare quello che vedi, ficata vera!

    Se devo pensare all'unica nota "stonata", è che forse Max si fa oscurare fin troppo da Furiosa, cioè alla fine lei risulta la vera protagonista del film, ma comunque non è di certo un difetto

    Ma riguardo la collocazione nella trilogia voi che pensate? Perchè all'inizio si vede la V8 (che va distrutta nel 2), però allo stesso tempo lui sente le voci dei bambini del 3...

    RispondiElimina
  48. Iniziamo già coi primi LEGO ispirati al film: https://www.flickr.com/photos/_tiler/17459909720

    RispondiElimina
    Risposte
    1. P.S. Si tratta dell'auto di Nux

      Elimina
  49. Che bomba ragazzi! Voglio diventare un chitarrista col lanciafiamme anch'io. Vero che se lo si considera un sequel Tommaso Durello è un po' troppo giovane ma chissene? È un capofottutolavoro.

    RispondiElimina
  50. Ho aspettato la recensione del Doc e solo allora mi sono convinta a prendere i biglietti: la saga di Max è la mia favorita in assoluto e temevo fortissimamente il pacco.
    E niente, questo film è amore e tamburi taiko e coro della morte <3

    #whatalovelyday

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L' ho visto anchio con una settimana di ritardo e oltre ai tamburi, al coro e alla chitarra (giustamente esaltata in altri commenti qui sopra) punto il dito sul miglior uso del Dies Irae di Verdi mai visto in un film.

      Elimina
    2. Sull'onda dell'emozione, mi si sono proprio inumiditi gli occhi quando è partito il Dies Irae. Madò, voglio rivederlo ORA ç____ç

      Elimina
  51. Esco adesso dal cinema più che felice !!
    Il film è fantastico , potente , e ha una cura per i dettagli esagerata.
    Mette in circolo testosterone in modo quasi primordiale.
    Mi è piaciuto tutto di questo film , a partire da Charlize Theron, direi ,vera protagonista della pellicola.

    #whatalovelyday

    RispondiElimina
  52. Immortan Joe: best villain ever! Tra l'altro non ho capito ancora perchè si chiama così, è una fusione tra "immortal" e "wotan" (odino, in anglo-sassone)?

    RispondiElimina
  53. Visto ieri per la seconda volta, dopo una prima visione travagliata (don't ask...). Un plauso a Miller che dopo 30 anni è riuscito non solo a rinnovare e rendere attuale un genere più o meno inventato da lui stesso, ma addirittura a renderlo nuovamente visionario. È andato oltre pur seguendo lo stesso binario. Il film è l'equivalente cinematografico di un concerto heavy metal, è un'espressione di forza, un lungometraggio che ti sfonda sul piano visivo e uditivo. Protagonisti assoluti sono la carne e il metallo, e una Charlize che sovrasta tutti gli altri attori. Non mi è andata giù la faccia di Hardy per Max, lì ho sentito molto la mancanza di Gibson. Aspetto di vederlo in lingua originale perché in alcuni punti la voce italiana aveva l'effetto Batman di Nolan che non amo particolarmente (l'effetto, non il Batman di Nolan). Veicoli, location, fotografia, scenografia, scene d'azione (cioè il 90% del film) musiche, costumi, tutto geniale. Forse le cose che mi sono piaciute meno e che non mi fanno gridare al capolavoro assoluto sono lo svolgimento un pò troppo lineare della storia, e l'assenza di un cattivo davvero cattivo: Joe è più l'idea di se che altro, il Mangiauomini viene steso da Max con un cartone, si salva giusto il tizio ricoperto di proiettili (geniale come trovata). È sicuramente un capolavoro nel suo genere, e ho apprezzato molto l'uso limitatissimo di CGI: la old school garantisce una fisicita ancora irraggiungibile, non c'è niente da fare. Un consiglio a chi fosse ancora indeciso: vedetelo al cinema, almeno una volta.

    RispondiElimina
  54. Doc, mi son permesso di linkare la sua rece nella mia.
    Ecco la mia SPLENDIDA GIORNATA:

    https://loscalzo1979.wordpress.com/2015/06/05/la-prima-rece-non-si-scorda-mai-mad-max-fury-road/

    RispondiElimina
  55. Visto stasera: bello, bello bello.

    Forse stona un po' il lieto fine, da un film cattivo ti aspetti cose cattive, ma direi che ci può anche stare ;-)

    RispondiElimina
  56. Visto pure io!
    Non al cinema purtroppamente, ma comunque in HD sullo schermo del Pc, in un assolatissimo pomeriggio vacanziero in un polverosissimo paesino su al Sud..a compensare la mancanza del cinema con l'immedesimazione da polvere, sole e carne e metallo (aka corpi sudati al ritorno dal mare in macchine incandescenti!).
    Non posso aggiungere nulla a quanto già detto: capolavoro di suggestioni, adrenalina, fotografia, colori, carne e ferro assortiti.
    Furiosa protagonista assoluta, a colmare anche una leggera mancanza di presenza scenica di Max/Tom (Mel ormai era troppo anzianotto imho).
    Da rivedere asap in lingua originale (doppiaggio ok, ma concordo col doc, certe battute erano un po' meh) e sul villanzone non proprio cattivo ha ragione Alessandro qui sopra, ma era tutta la banda, veicoli e guerrieri sulle pertiche incluse, a dare quel senso di malvagio..e poi Toecutter è pur sempre Toecutter!
    Forse faccio ancora in tempo a vederlo al cinema in qualche passaggio estivo..altrimenti bobbè..me lo riguarderò su Pc!

    RispondiElimina
  57. Ci ho messo un po' ma l'ho visto anch'io, sulla tv, direttamente con l'audio originale (perche' aspettare?). Ma come mi piace la voce di Bane, volevo dire Max, e anche Furiosa e gli altri. Ambientazioni spettacolari, colori intensissimi (soprattuto nella corsa all'interno della tempesta), e straordinariamente e' riuscito a tenermi incollato per quasi due ore, in tempi in cui di solito mi scoccio di un film dopo 15'. Grande Max. E, fra l'altro, mi sta piu' simpatico Tom Hardy che il solito Mel Gibson.
    Una cosa... ma, in pratica, Hardy ha deciso "d'ora in avanti recitero' solo in film in cui devo indossare una museruola, e ho gia' fatto il provino per il remake del Silenzio degli innocenti".

    RispondiElimina
  58. Cioè, ma veramente diciamo? Con il tizio che suona la chitarra-basso sul cofano del camion?
    Ma poi ho visto male io o tutto il film è praticamente un inseguimento in macchina, manco fosse la corsa più pazza del mondo?
    Ma dai...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono d'accordo con te. io l'ho visto ieri, con mooolta calma e devo dire che non mi è piaciuto.
      per me ha ben poco a che vedere con gli episodi precedenti. max è caratterizzato male, tanto che la protagonista del film, a conti fatti, è la theron.
      la trama l'ho trovata molto inconsistente e ripetitiva.
      tecnicamente il film è perfetto, bello da guardare, ma i contenuti, a mio avviso, non sono all'altezza del comparto tecnico.

      Elimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails