lunedì 3 novembre 2014

102

Lucca Comics and Games 2014, il fotovideo reportaggio

foto Cosplay Lucca Comics 2014
La prima buona notizia è che sei sopravvissuto a questa Lucca Comics and Games 2014. La seconda buona notizia? È stata una gran bella fiera, ti sei divertito un frappo, hai incontrato un sacco di amici, fatto cose, visto gente, speso mezzo stipendio. Cose così. E sì, nel caso ve lo stiate chiedendo, la cosplayer bona in apertura è il solito trappolone per catturare biecamente l'attenzione dei più superficialonissimi. Si va col fotovideoreportaggio? Si va! [...]

He-Man/Nino D'Angelo col fisico e Zatanna, idem
Partiamo proprio dai cosplayer. Ce n'erano come ogni anno venti milioni, 19 milioni e novecentonovantanovemila dei quali di Assassin's Coso, il costumino di zorro degli anni Duemila. Non hai avuto tempo e modo e pazienza per fotografare tutti quelli fighi che hai visto, ma oh. Carrellatona:
Il flippotrippissimo cosplayer "Super Los Santos", con in mano una copia di un certo libro,
una delle tante Malefica incrociate tra giovedì e sabato,
El Fuerte di Street Fighter IV (applausi),
una cosplayer molto carina di Mario (purtroppo il flash è fuggito insieme alla preposizione articolata),
Kaneda/Renatoooo arrivato in sella alla sua moto
(una vera muturetta funzionante!),
Mr. T pity the fools che si vestono da Assassin's Coso.
Una banda intera di Solaire di Astora da Dark Souls. Praise the su... aspetta un attimo: chi è quel tizio al centro? Oh, ti levi?
Ecco, così va meglio. Praise the sun!
I vincitori totali della fiera: il trio Mokujin maschio, Heiachi, Mokujin femmina da Tekken. Il signore al centro era davvero un uomo in là con gli anni ma muscolosissimo (ri-applausi).
 Una vagonata di cosplayer di Deadpool,
Vendicatori di ogni tipo: al centro, com'è giusto che sia, Pantera Nera.
Di quest'uomo e del suo esilarante fumetto torneremo a parlare magari nei prossimi giorni, ma intanto va' che Signor White. Di cosplayer del protagonista di Breaking Bad ne hai visto anche altri, tra cui un sosia IDENTICO, più o meno della stessa età di Bryan Cranston e con le stesse rughe sulla fronte.
Pegasus e Phoenix con le loro prime armature
(è seguita discussione sulla disciplina olimpica del burronismo).
La Banda Bassotti, ché già l'idea è una pheegata che fa il giro.
L'antrista Damiano, nei panni di Ciccio Martin.
 La signorina Tardis ride alle battute sconce del Dalek.
Un uomo via via rivestito da pezzi di armatura ogni volta che smoccolava in fiera per le file troppo lunghe per bagni e autografi (metallo!). E a proposito di armature e metallo, il premio dedizione e sofferenza di quest'anno:
(purtroppo il video della cippa non sembra funzionare. Non potete sentire lo sferragliamento)
Il fugace incontro con Leo, circondato dai ragazzi del fan club di Rat-Man (appropò, si ringrazia Daniel per la foto)
e protetto da una severa immagine del Plazzi.
Quel genio compreso di Daw,
Zerocalcare, il cui cosmo è arrivato a un livello sufficientemente alto da permettergli di usare il potere della mano da disegnetti più veloce dell'occhio umano. Tra i tanti autori con cui hai avuto modo di scambiare due chiacchiere o solo un ciao (Giacomo Bevilacqua, Alessandro Vitti, Emiliano Mammucari) un grazie in particolare a Casty per la grande disponibilità. Oltre ad essere un grande autore, è anche una grande persona.
E questo invece, se ne parlava ieri sui socialcosi, è il Genuino Momento Emozione™ dell'incontro con Frankie Hi NRG, tuo mito da oltre vent'anni. Frankie con la maglietta di Frankie. Cortocircuito di lacrime napulitanTe.
Sezione Vintaggerie. Partiamo dalla sontuosa mostra su robottoni e altri personaggi degli anime classici allestita in una chiesa nell'area Japan Town. Una roba da lasciarci gli occhi.
(il celebre Gundam Supermercato)
(l'altrettanto famoso Gundam Paris Hilton)
C'erano anche le maschere di vari eroi dei tokusatsu,
compresa quella di Leopaldon!
A proposito della qual cosa, questo sei te in contemplazione di un robottino vintaggio di Leopaldon comprato da un antrista.
Action figure inquietanti di un passato sfortunatamente non sepolto pietosamente dal tempo.
Le tre statue giganti dei classici di Nagai, Mazinga Z,
 il Grande Mazinga
e Goldrake, con il suo piccolo aiutante giallo. Ai piedi di ogni robot c'era un cartello con cui si chiedeva gentilmente ai signori visitatori di non montare su quella cacchio di pedana, grazie,
ma hai come idea che il messaggio non sia arrivato proprio a tutti-tutti. Un altro po' di vintaggerie e statue paIura (ma con soggetti vintaggi) immortalati in vari stand della fiera:
(Rendiamoci conto)
(un mini-coglione)
Sezione Varie ed eventuabili. Il diorama della Fattoria McKenzie, nella mostra su Lupo Alberto.
Questa invece era la mostra su The Walking Dead, curata da un soggetto poco raccomandabile.
Il divieto di giocare con palloni alieni, all'ingresso del parco di Japan Town.
La notizia del giorno sul Tirreno di venerdì: parte la differenziata porta a porta nella periferia sud.
La Nazione risponde con un avvio super in regalo.
Il giorno dopo è già balletto sui numeri dell'affluenza. Secondo la questura sono centododici.
L'X-Wing e i droidi davanti al capannone di Star Wars.
Ri-Goldrake, costretto dalla crisi a vendere panini.
Un Dylan Dog manichino, un istante prima che distrugga con una ginocchiata il suo galeone, in preda alle solite crisi di nervi ingiustificate.
Il capoccione enorme de L'attacco dei giganti, usato dai più come punto di riferimento per orientarsi nel padiglione Napoleone. Oh, ci si vede sotto al capoccione. È di fronte al capoccione. Dove cacchio sei finito? Ah, dietro il capoccione. Il capoccione di tua sorella.
Nelle due foto qui sopra, i caschi in metallo esposti in uno stand dell'area Games, incluso quello di un CapIronThorHulk autografato dal Sorridente.
Yoda di Lego
 e il Millennium Falcon in papercraft.
Sempre nell'area Games, Farenz sommerso da centinaia di discepoli ansiosi di mettere le mani sul suo libro (parliamo presto anche di quello).
Negli stessi, frenetici istanti e a un metro da lì, nascosto in un angolino c'è il Manuel Preitano, che sta disegnando sulla cover di un Uomo-Ragno.
La ressa è incredibile, la temperatura pure, così Farenz ricorre a un potere che solo i veri videogiochisti conoscono:
far sparire un capo d'abbigliamento con un battito di mani. Fortuna che si è fermato lì e le mani non le ha battute più...
Il disegno di Manuel con dedica all'antrista Bluecyber74, intanto, è venuto fuori così: Spider-Manhattan in compagnia di Spider-Mirkos. Occhio al gesto del minollo.
Al sabato le vie di Lucca erano intasate da una massa compatta. Si procedeva a un'ubriacante velocità di un chilometro l'anno, e molti visitatori venivano trascinati coattamente in aree della città e della fiera che non volevano visitare. A decidere dove andare non era il singolo, era la massa. Basta con gli egoismi da nerd, si pensi al collettivo. Ai lucchesi non interessati alla fiera e non ostaggio della folla, rintanati in casa in attesa che passasse anche quest'anno la stagione delle piogge monsoniche di nerd, fregava sega.
Soprattutto a questi.
Lo zainetto più tanto molto bellissimo del mondo. Quando qualcuno gli passava accanto, il fucile laser sussultava. Spettacolo.
E poi sì, sabato pomeriggio il popolo antristico è confluito nella sala grande di Palazzo Ducale per la presentazione di Atomico.
Su cosa sia Atomico e quali siano i suoi piani per conquistare il pianeta torniamo, a beneficio di chi non c'era, asap. Intanto grazie a tutti quelli che sono venuti, rischiando di perdere autobus e treni e amici. Hai incontrato antristi che seguono il blog da tanti anni ma non avevi mai avuto modo di conoscere di persona, e soprattutto tanti amici. Grazie a tutti, anche per il milka oreo e le chiacchiere post-conferenza.
Fine serata con (un pezzo, si doveva andar via, purtroppamente) del concerto di Maurizio De Angelis degli Oliver Onions. Pioggia di bruschette, mentre ci si avvicinava al parco, per l'ultimo valzer di H7-25, seguito da Bulldozer, Dune Buggy, Sandokan.
E questa, domenica mattina, un secondo prima che andassi via, è la cumpa antristica dei tuoi coinquilini a Lucca: Drakkan, Bluecyber74, la piccola Maria Elena che ti guarda perplessa. Un grazie anche a Giovanna, la moglie di Drakkan, per la pazienza avuta quando a cena o colazione le vostre discussioni scivolavano inevitabilmente verso nerdolandia.
E poi niente, ti sei infilato in un aereo e sei tornato a casa. Ma alla stazione di Pisa c'era questo messaggio, chiaramente lasciato lì dagli antristi provenienti da una dimensione parallela aliena.
Questa è invece la pila dei fumetti tirata fuori dalla valigia. Solo i fumetti, ché il pupazzame salterà fuori a tradimento nei fumettini scemi. Prevedi GROSSI straordinari per la rubrica Microletture. #Macroletture.

102 commenti:

  1. Grandi ragazzi, alla prossima vedrò di esserci!!!!

    RispondiElimina
  2. ma grazie...
    servizio essenziale per chi non può esserci

    RispondiElimina
  3. È stato un piacere conoscerla Doc.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piacere mio, e complimenti per il cosplay! :)

      Elimina
  4. E' tutto molto bello ,grazie di esistere.

    RispondiElimina
  5. Ho come l'impressione di essermi perso 3/4 delle esposizioni. Per fortuna sono riuscito a fare tutto ciò che mi ero programmato di fare, vale a dire:
    - Conferenza stampa di Joe Dever per farmi autografare i librogame di Lupo Solitario;
    - Mini sessione di D&D basic con Frank Mentzer (e relativi autografi sulla mitica scatola rossa... ). Solo per questo poteva già immolarmi.
    - Incontrare finalmente qualche antrista.

    In ogni caso, no, non si può andare avanti così, perché a Lucca, certo, ci si lasciano gli occhi, ma pure un rene, qualche vertebra e la funzionalità del sistema nervoso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, perdermi Joe Dever per il casino allucinante del padiglione Games è stata la ciliegina sulla torta

      Elimina
    2. Peccato, davvero. Dever era forse il più fattibile tra i vari, dato che è rimasto per tutto il giorno allo stand Vincent Books abbastanza isolato e tranquillo. E' una persona davvero gentile e disponibile, di solito non lo dico facilmente. Comunque torna ogni anno dato che le app gliele producono in Italia e che il 60% del fatturato dei suoi gamebooks arriva dall'Italia :)

      Elimina
    3. Speriamo nel prossimo anno allora, grazie per le info :-)

      Elimina
  6. Ommmioddio! Una roba che avevo rimosso ma che ha fatto partire l'imbruschettamento, in questa foto http://2.bp.blogspot.com/-Pyav5Zvy0Qc/VFcbYmP02pI/AAAAAAABMXE/2IM84WHLq1A/s1600/55-foto-video-lucca-comics-2014-vintaggerie.jpg L'uomo torcia con il pigiamino flambè!!! Ce l'avevo ma non me ne sono mai ricordato finora :D Thanks per il fotoreportaggio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buon divertimento in compagnia della Nostalgia Canalis:
      guarda un po' qui

      ;)

      Elimina
  7. Antrista fan della Banda bassotti3 novembre 2014 10:43

    Ciò che rendeva veramente pheega la Banda Bassotti è che giravano per le mura, circondavano i cosplayer e suonavano la sigla/l'ost dei loro personaggi. Domenica li ho sentiti fare un Heidi, un Holly e Benji, un Lupin (il calssico tema musicale "papparappààà-papapààà") e una sigla dei Flintstones su una coppia di Fred e Wilma molto ben fatta. Geni assoluti.

    RispondiElimina
  8. Ci sono stato, per la prima volta, quest'anno.
    In realtà sono un "fan" molto casual e non mi piace fare la fila per i padiglioni. Tuttavia, è innegabile che si tratti di un evento bellissimo.
    Lucca, poi, è una città spettacolare.
    Sabato ho avuto anche io molti problemi di "viabilità" tra l'evento in sé ed i disservizi di Trenitalia, ma per il resto è un'esperienza da ripetere.
    Io ed alcuni amici ci stiamo già organizzando per l'anno prossimo.

    RispondiElimina
  9. E quest'anno posso dire che c'ero :)
    Nascosta sotto un infinito cosmo di timidezza che mi ha impedito di interagire e salutare (ma non di morire dal ridere ad ogni "P" amplificata dal microfono), ad applaudire il Playmobil Boia e soprattutto la bella idea "Atomica" che avete avuto!
    Braverrimi!!

    RispondiElimina
  10. Renatoooooooo! :D

    RispondiElimina
  11. Nei due giorni lucchesi Destino ha voluto che negli orari buoni per gli incontri antristici fossi dalla parte opposta della fiera (lo sapevo che non dovevo farmi accompagnare da quella vecchia testa di metallo di Victor).
    Comunque Lucca C&G merita sempre una visita anche a costo di lasciarci parte dello stipendio. (^_^)

    RispondiElimina
  12. Ci sono stato Giovedi, e come sempre impazzito.. meravigliosa e boh.. indescrivibile .. Doc la prossima volta vedrò d' esserci.. Abitando a 10 km da Lucca è obbligo ;) Grazie del Reportage!

    RispondiElimina
  13. Avrei avuto il piacere di incontrarti per un saluto, Ale, ma la Fiera è una creatura prepotente che quando ti assale ti avvinghia e trascina via....

    RispondiElimina
  14. La fiera di Lucca è dal punto di vista fisico uno sforzo sovraumano, ma quando lo fai con gli amici diventa quasi una passeggiata, ho detto quasi eh. Posso dire solo che è stata una gran figata e ringrazio il Doc e la famiglia Drakkan per tutto. Chi lo sa magari si potrà ripetere con i baby antristi! ;)

    RispondiElimina
  15. Ma solo io trovo assurdo fare una manifestazione del genere all'aperto in mezzo a una città invece di farla in un palazzetto o in un congresso fieristico come tutte le altre CON del mondo???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Inizialmente veniva fatta in due padiglioni in periferia, poi il centuplicarsi dei visitatori e degli eventi ha spinto l'orgaizzazione a pensare all'attuale soluzione.
      Un incubo per i lucchesi, un incubo per chi deve arrivare...

      Elimina
  16. Grazie della serata doc! Sono stato davvero felice di poterti incontrare :) Alla prossima

    RispondiElimina
  17. Ecco Itlas ha anticipato anche il mio commento; leggevo ieri sulla pagina FB del Leo "Nazionale" il commento verso la situazione di sabato, situazione ben colta dalla foto del Doc; io sono stato a Lucca, purtroppo mai per la fiera ma da turista, e mi ricordo che è si spettacolare, ma anche stretta e piccolina, in quanto città medievale.

    Indubbiamente la rassegna ha un grande fascino svolgendosi lì, ma ricordo già da qualche anno le discussioni e le polemiche sul fatto che ci sia veramente troppa gente per gestire le cose per bene; ammiro chi c'è andato perchè io, anche ammesso di poterlo fare (e quest'anno non potevo), avrei rinunciato proprio per questo motivo, la stessa ragione per la quale a malincuore rinuncio ormai da qualche anno a Torino Comics, che pure ho in casa.

    Doc nella tua doppia veste di ospite/visitatore come la vedi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono abbastanza vecchietto da esser stato due volte, da giovine, alla vecchia Lucca, quella nel palazzetto + tensostruttura. Ma ho visto anche fiere nel mondo intasate più del sabato lucchese, pur essendo organizzate in spazi appositi. L'area games, del resto, era in un padiglione gigantesco, hanno ampliato rispetto all'anno scorso le vie di passaggio (o almeno io ho avuto questa impressione), eppure era una bolgia infernale. Non è un problema di facile soluzione, temo...

      Elimina
    2. qui non si tratta solo di intasamento,qui si parla anche di cosplayer che devono stare all'aperto a novembre magari mezzi svestiti,si tratta di pregare che non piova,si tratta che il Lucchese medio si trova la propria città e viabilità modificata e la propria città invasa.
      A me da otaku se vivessi a Lucca farebbe anche piacere ma se la manifestazione fosse basata che so..sui trattori o sul bridge penso che bestemmierei in tutte le lingue del mondo.

      Elimina
    3. Trascuri l'indotto che a centinaia e centinaia di lucchesi porta del guadagno in quei giorni, Itlas. Quelli non si lamentano "dei Comics", anzi. Per i cosplayer, non vedo dove sia sinceramente il problema: la fiera si è sempre tenuta a novembre, e anche nella sua vecchia incarnazione si passava all'esterno da un'area all'altra. Solo che allora non c'era gente svestita e il problema non si poneva. Delle due una: o si resta nei padiglioni, e lì il freddo non arriva, o si va in giro ma più coperti. Ci sono cosplay dentro i quali si crepa di caldo, se si riserva a Lucca, questa Lucca, un costume che ti lascia scoperto a novembre, beh, si è consci dei rischi. Detto questo, fintanto che restava il sole in cielo il clima in questi giorni era caldo, e i cosplayer a braccia o gambe scoperte non sembravano preoccupati dal clima.

      Elimina
    4. Anche io penso che i lucchesi siano a)abbastanza abituati ormai e b) appunto contenti, perlomeno i tanti "fornitori di cibo/alloggio", del passaggio di così tante persone; io dovessi andare, però, farei probabilmente il venerdì.
      Non sono un misogino, anzi, e le manifestazioni "di folla" mi piacciono, però a questo livello è più forte di me, nun ce la fo.
      Ma, per capirsi, c'era da fare ore di coda anche per i padiglioni o solo per autografi e dediche varie? perchè nel secondo caso lo posso capire ed ha senso, nel primo allora mi vien da pensare che la logistica sia migliorabile.
      Sul come concordo con te Doc, non è mica facile da risolvere.

      Elimina
    5. Ah! Quanta nostalgia per la fiera nelle tensostrutture, tutta bella concentrata, di fine anni '90/primi 2000... Oggi, oserei dire, impossibile da ri-fare.

      Elimina
    6. Problema antico come il mondo o almeno come Lucca Comics.. che la manifestazione sia stata "sparsa" per la città è stato fatto proprio per favorire i negozianti del centro, quando si sono finalmente resi conto che tutta quella massa di gente era meglio cercare di sfruttarla invece che limitarsi a guardarla storto: certo,a chi si ricorda delle edizioni al Palazzetto ( magari le prime, quando ancora nemmeno c'erano i padiglioni esterni) tutta quella folla resta pure un po' sulle scatole (ho letto vari commenti di gente che si lamenta del fatto che non si può più parlare come una volta ecc. ecc.) ma bisogna ammettere che nelle ultime edizioni "raccolte" il casino era altrettano (se non di più) ingestibile, adesso almeno si ha la possibilità di trovare un punto in cui rilassarsi un po'.Ormai la fiera è un meccanismo che si autoalimenta e attirerà sempre più gente, tornare ai tempi in cui c'erano un migliaio di persone al giorno semplicemente non è possibile.

      Elimina
    7. Secondo me Lucca Comics è così bella e attira più gente di altre manifestazioni analoghe proprio perchè è fatta così. La prima volta che ci sono stato (ultimo anno nel tendone) ricordo di aver pensato "Quanto sarebbe più bella dentro la città..."
      La bolgia è infernale, ma immaginate di essere un nerd, che so, statunitense e di vedere una manifestazione tipo ComiCon in una città italiana strabiliante come Lucca... Da lasciarci il cuore!
      Alcuni ricordi sparsi:
      1) Io e morosa (non ancora moglie) entriamo spaesati in un info point per chiedere dove sia la fiera: al banco una ragazza sclerata al telefono con un'amica fa: "Guarda, 'un ce la fò più! Tutti 'sti bischeri de' Hòmics, bischeri dappertutto!"
      Non abbiamo avuto il coraggio di dire che erano entrati altri du' bischeri e siamo usciti di nascosto...
      2) Svolto un angolo e mi trovo davanti Brian Froud. Ripenso a Bubo, Gogol e Jareth e piango.
      3) Un tipo sta litigando con una vigilessa per un divieto di sosta. Nel mezzo della discussione, da dietro il camper spunta fuori Batman che chiede: "Ci sono problemi?"

      Elimina
    8. Quoto!!
      Sono 21 anni che vado a Lucca e ne ho visto la crescita esponenziale,se non trovano una soluzione fra poco esplode la città..
      Forse fare come fa il Romics e come faceva a fine anni 90 Lucca stessa,ovvero 2 edizioni l'anno potrebbe aiutare a smaltire un po l'afflusso di gente.
      Facendo un solo giorno di fiera faccio delle scelte:certi padiglioni tipo il games li salto a priori o cerco di venire il primo giorno come quest'anno.
      Certo devo rinunciare a molti incontri/raduni/quel che è ma almeno riesco a girare tutta la fiera con calma e se trovo qualcosa che voglio comprare lo posso controllare con calma :)

      Elimina
  18. Piacere di averti conosciuto Doc, grazie per la dedica sul libro! Volevo far bella figura intavolando una colta discussione di un'ora e mezza su fumetti, cartoni e robe nerd, ma poi mi sono fatto prendere dalla sindrome della rEgazzina che finalmente incontra Simon Le Bon: elettroencefalogramma piatto, unica frase pronunciata: "Autografo... qui su chiappa destra... Grazie arrivederci".
    Mi spiace di non esserci stato sabato, leggerò asap cos'è questo "Atomico" di cui tutti parlano in città.
    Bella la fiera, di venerdì poi si girava abbastanza (anche mia moglie e il pupo sono riusciti ad avventurarsi un po' fuori dalle mura...). Nella mia incetta di disegnini ho trovato un (incredibilmente!) ignorato dalla folla Giuseppe Palumbo, un (altrettanto incredibilmente!) ignorato Tuono Pettinato, la bravissima Valérie Vernay (hai poi letto "La memoria dell'acqua"?...) e i mitici Daw e Giacomo Bevilacqua. Zerocalcare ancora impossibile da avvicinare a meno di un chilometro, per Leo Ortolani idem (speravo in un disegnino microscopico... ma un paio di autografi gli anni scorsi sono riuscito a strapparli!)
    Alla prossima!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella è un'altra cosa stramba (ma spiegabilissima) da fiera del fumetto: per gli eventi in cartello file di chilometri, poi autori di pari o maggiore livello lì indisturbati con cui puoi fare (fortunatamente) due chiacchiere in tutta tranquillità. Una lunga tradizione al riguardo che per me parte da Mazzuchelli (Lucca '92, santocielo) e finisce per far rima a Sara Pichelli, lì a disegnare tranquilla giusto perché si trovava a uno stand minore.

      Elimina
  19. Non c'ero, ma guardando le foto è come esserci ... e l'anno prossimo LUCCA non mi sfugge :-) e Poi con il progetto ATOMICO sarà Fiera Tutto l'anno !

    RispondiElimina
  20. Qua si stanno già smuovendo mari e monti per esserci in un giorno con un tasso di tachioni (quando la scala W.I.L.D.E. era ancora lontana nel futuro ;D) sufficientemente alto.

    P.S. Giovanni in lacrime nuovo meme antristico NOW!

    RispondiElimina
  21. Io venerdì dovevo essere a Lucca e invece l'ho passato in ospedale attaccato a una flebo (prima e unica volta che entro in un pronto soccorso negli ultimi 10 anni). Quando si dice il culo.

    RispondiElimina
  22. Bello bello bello, i tuoi reportage sono sempre filippotrippissimi.... ora non ti resta che divulgare il progetto ATOM agli assenti..... ;)

    RispondiElimina
  23. Bellissimo reportage.. xD

    PS: Quella figure di Manson ce l'ho... ne vogliamo parlare?! Ahahaha!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solo se hai un'ottima scusa al riguardo :D

      Elimina
    2. Non ne ho una.. a parte che l'ho comprata tanti anni fa... ehm.. ^^

      Elimina
  24. Grande fiera anche se invivibile sabato!
    doc, non ho avuto tempo per i saluti post conferenza ma ero presente e una spilletta sono riuscito a sgraffignarla!
    kentozzi libero.

    RispondiElimina
  25. Doc una domanda: le action figure di Giant Baba, Inoki e Tiger Mask erano custom per caso? il corpo sembra quello dei bressler della Jakks Pacific...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non saprei :( Ho scattato quelle foto alla velocità della luce, tanto che di alcuni soggetti mi son reso conto solo tirandole giù dal telefonino.

      Elimina
    2. Mi sa che sono custom allora. Purtroppo le figure dei wrestler della NJPW e AJPW sono piccole, non hanno articolazioni e sono alquanto brutte

      Elimina
  26. Appunti sparsi:
    1) il photobombing con Leo e il Doc mi è venuto bene, spero abbia aiutato per la resa epica dello scontro fra titani;
    2) davvero stupenda la sala lego al junior palace, con roba da svenire, ci sono andato 3 volte in due giorni, così, giusto per rendere l'idea;
    3) discorso affluenza: pare che quest'anno si sia toccati la soglia delle quattrocentomila presenze nell'arco dei quattro giorni di fiera, con il sabato a farla da padrone, come sempre. Anche io sono andato a Lucca da turista in un periodo fuori fiera e posso dire che i luoghi dove si svolge la fiera (cioè dove ci sono i padiglioni) sono quelli giusti. Sono spaziosi e permettono l'afflusso di masse enormi. Alcune strade sono effettivamente strettine, in quanto cittadina medievale, ma come tali vengono escluse dalla fiera come percorsi principali. Poi se qualcuno vuole percorrerle per evitarsi la calca ben venga. Ho notato anche una maggiore distanziamento (?!?!) fra l'area japan e l'area comics che creava il maggior disagio a livello di intasamento delle strade e che probabilmente ha aiutato ad evitare sovraffolamenti da ambulanza
    4) non ho ben capito il nome dei tre PPPProgetti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 1) LOL, me n'ero accorto.
      4) Nice try :)

      Elimina
  27. Anche quest'anno muoio di invidia per non esserci stato T_T

    C.

    RispondiElimina
  28. Dimenticavo... Menzione d'onore per la tipa che si è rotto l'osso del bacino nel tentativo di scalvare le mure per saltare la coda

    RispondiElimina
  29. Ho visto 1/10 di quello c'è c'era da vedere, non sono riuscito a vedere il doc e gli altri antristi e il ritorno è stato un inferno, ma la mia prima volta a Lucca mi ha convinto a tornare l'anno prossimo, magari di venerdì! Certo che tornare a casa alle 5 dopo una serata alcolica, ripartire dopo 4 ore di sonno farne altrettante di viaggio per arrivare in fiera alle 2 del sabato...non è proprio il massimo!

    RispondiElimina
  30. Io non ne potevo più del sovraffollamento degli altri anni, così con una scelta previdente degna di Furio Zòccano sono andato solo giovedì.
    Pro: relativamente poca gente, sono andato ovunque mi interessasse con calma.
    Contro: i cosplayer erano solo una minima frazione e mancavano ancora all'appello svariati autori (il che mi ha impedito di comprare l'albo dell'Uomo Pigro, visto che The Sparker avrebbe portato di persona le copie appena stampate solo venerdì, AUGH!).
    Nel complesso sono contento della mia scelta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquillo, penso che nel giro di qualche giorno/settimana, anche l'Uomo Pigro sarà ordinabile sul suo sito http://www.thesparker.com

      Elimina
  31. Dimenticavo di ringraziare ancora il grande Manuel Preitano x avermi fatto quella bellissima copertina rischiando la vita. Grazie Manuel sei un grande!

    RispondiElimina
  32. Che cacchio è "ATOMICO"???

    Già mi è salito lo scimmione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Domani mattina. Domani mattina spieghiamo tutto in un post per chiunque non fosse lì sabato pomeriggio. Stay tonnato.

      Elimina
    2. E' da sabato sera che cerco notizie sui social cosi. Hai minacciato anche gli astanti di Lucca per non farli parlare ?

      Elimina
    3. Tutti corrotti a suon di spillette e milka oreo...

      Elimina
    4. Così sappiamo di più su Kendra.
      Forse.

      Elimina
  33. È sempre un piacere vedersi Doc :D
    P.s. Ho già iniziato a tastare il terreno per spargere la voce sul Progetto Atomico...appena avremo un articolo definitivo da diffondere, avvierò la Grande Macchina dello Spam©
    ;)

    RispondiElimina
  34. Doc, nonostante il breve scambio di battute, è stato un grande piacere conoscerti e salutarti di persona. sono dovuto andare via ppppoco ppprima della fine della conferenza causa bus, ma il PPProgetto è veramente interessante e avrei voluto anche fare due domande, che rinvio al post dedicato, e scambiare qualche oreo. Ma comunque mi va benissimo così!
    PS: Il cappotto nero era bellerrimo, complimenti!
    PPS:la mia ragazza ha detto che sei un figo, hai fatto colpo, Doc!

    Alla prossima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo il Manuel (Preitano), col cappellino e quel cappotto sembravo un cosplayer di Watch Dogs :D

      Elimina
  35. Premetto che l'ultima volta che sono stato a Lucca prima di quest'anno la manifestazione era ancora al palazzetto, ma delusissimo: organizzazione penosa, assolutamente incapace di gestire il flusso di persone o di organizzare un minimo il tutto. Entrate in città, sparpagliatevi ovunque ma fondamentalmente, spendete e arrangiatevi. Una vergogna.
    E ovviamente, chiunque faccia il furbo e in una situazione di caos del genere si diverte a saltare le file si merita di morire male e gonfio. Soprattutto se ha dei bambini a seguito e quindi mi fa avere delle remore a trattarlo come il cialtrone che è e a smerdarlo di fronte agli dei e agli uomini.

    RispondiElimina
  36. Chiedo scusa per l'intromissione, ma imho in "Luigi è a lavoro" non manca nessuna preposizione articolata :-)
    Ci sarà anche una componente dialettale, ma "Luigi è a lavoro" significa "Luigi non è qui, è sul luogo di lavoro", leggermente (ma significativamente) diverso da "Luigi è al lavoro", che sì, può avere lo stesso significato, ma anche quello di "Luigi sta lavorando, qui accanto". E nella situazione illustrata, io direi che il cartello voleva invece significare "io sono qui da sola, perchè Luigi non ha potuto prendere un giorno di permesso"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusami, Giuda, trovo interessante il tuo commento. Davvero. Ma non resisto alla tentazione di usare la nuova GIF animata. Non volermene :D
      [IMG]https://lh3.googleusercontent.com/rBtUoQ4KEXXuUwhBeknzll88DoPcNvao97SNwmmVJynO=w400-h190[/IMG]

      Elimina
    2. LOL!
      Le gif sull'Antro! Prevedo altri motivi per tirare giù l'internetto... :-D

      Elimina
    3. Doc, volertene? io sono estasiato!!!!
      Un Pdf? Oui, c'est moi :-D

      Elimina
  37. Lucca è sempre Lucca.
    Cioè, è la seconda fiera AL MONDO per numero di visitatori, di molto superiore alle tanto rinomate ComiCon americane! Cioè, parliamone.

    Vivo all'estero da quasi 9 anni quindi non ho mai provato la "nuova" mostra, quella per le vie della città.
    Però sono abbastanza vecchio da essere stato in quella dentro il Palazzetto dello Sport (solo Comics, niente Games all'epoca). Che ricordi! Anche al tempo era tutto uno spintone. Mi ricordo l'anno che qualcuno del Fumettando di Pisa (storico negozio della mia città) mi consigliò di leggere i fumetti di questo tizio nuovo, tale Leo Ortolani. Che ovviamente mi piacquero tantissimo e quando venne a Lucca con il suo primo editore, mi feci fare un bel disegnino di Ratman e la dedica sul numero 1 della prima edizione (quella Foxtrot, ben prima di quella Panini. Si trova su Ebay per 250 carte al momento, per dire...)

    Bei ricordi anche per i mercatini semi-illegali fuori del palazzetto, che in epoca pre-internet (metà anni 90) avevano roba mai vista altrove, con i pazzi che compravano roba in Giappone per 2 spicci e la rivendevano a peso d'oro. Oppure gente che spacciava vhs con Goldrake manco fosse eroina... :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I piratini! Noi li chiamavamo cosi', ma c'era gente che tipo vendeva le salviette prese nei ristoranti di Tokyo (dovrei avere ancora delle VHS con gli episodi di Gundam registrati in TV, duplicate talmente tante volte che il rumore video ormai era quasi più del segnale :-D )

      Elimina
    2. Fino a un paio d'anni fa la seconda per affluenza era Angoulême in Francia,non so l'anno scorso ma quest'anno di sicuro l'ha superata .

      Elimina
  38. curioso di sapere com'è il libro super robot files e soprattutto di capire com'è strutturato, che mica l'ho capito! schede? foto? parla dei modellini o dei cartoni? vabbè, spero che me lo farai apire tu :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne parliamo presto, ché ho preso anche altri due libri sullo stesso argomento... ;)

      Elimina
  39. Mitico doc, il vederti è sempre un piacere, ma se ti mando la mitica foto di ciclope che ti ho mostrato, fai un altro post solo per metterla come immagine in testa? :-D

    RispondiElimina
  40. Che dire di questa Lucca, fantastica. Ci sono stato per la prima volta nel 2006 alla veneranda età di 15 anni e non ne ho più potuto fare a meno, 9 anni di emozioni. Sono i quattro giorni più belli dell'anno, quattro giorni fantastici. E quando finisce ti senti un po' come la pubblicità delle crociera, "se sei stato al LC&G sarà difficile tornare alla vita di tutti i giorni".
    Secondo alcuni giornali si è arrivati alle 400 mila presenze, tra paganti e visitatori, numeri non da poco. Ho visto moltissime persone infuriate con l'organizzazione per le code che ci sono state. Purtroppo credo che questo sia il prezzo da pagare per un evento del genere. L'atmosfera che si respira in città è unica e non la sacrificherei per un'organizzazione da classica fiera in un capannone enorme. Dal mio punto di vista credo che quest'anno la manifestazione sia stata organizzata in maniera molto buona e spiego anche il perché. La dislocazione del ex japan palace nella nuova location è stata fantastica (per spazio e ambiente), chi ricorda il japan palace degli anni passati mi può dar ragione. Il Real Collegio era diventato troppo piccolo per tutta quella gente. L'utilizzo di stand riservati a panini e bonelli ha diluito di gran lunga le presenze nello stand editori di piazza Napoleone, che era comunque pieno al solito.
    Se devo dire una cosa che continua a non piacermi è il padiglione dei games. Non capisco perchè non si decidono a dividere l’area videogames dal resto. Tutta la gente dello stand era verso il lato videogiochi, dove non si riusciva a camminare, mentre anche domenica pomeriggio ho girato tranquillamente nella zona dei giochi da tavola.
    Infine ci sarebbe da parlare del problema dei treni. Sabato sono stato tre ore in fila dalle 19 alle 22 circa) prima di tornare in albergo (alloggiavo a Montecatini). Ho vissuto la stessa situazione negli anni precedenti, in proporzioni minori però. Ho visto tanta gente prendersela con trenitalia, protezione civile e forze dell’ordine che poverini, hanno fatto, a mio avviso, un lavoro SUPERBO anche quest’anno. Purtroppo la rete ferroviaria è quella che è e non possono passare 36 treni contemporaneamente, ma evidentemente l’italiano medio esperto in logistica ed organizzazione queste cose non le sa.
    Nonostante tutto, anche questa edizione è stata fantastica. E lo è stato ancora perchè ho potuto incontrare dal vivo te, Doc.! E con te anche il simpaticissimo e disponibilissimo Nebo. È stato un onore scambiare due chiacchiere con voi, anche se l’emozione era forte, lo ammetto. Grazie ancora (ad entrambi, anche Farenz che ho incontrato il giorno dopo) per le dediche sui libri. Grazie davvero :)
    A testimonianza di tutto allego la mitica foto che stamperò e metterò in esposizione in casa!
    Alla prossima Doc!
    http://imageshack.com/a/img905/2725/YMUPCZ.jpg

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spezzettare l'area Games in più padiglioni più piccoli potrebbe essere un'idea... ma anche lì: se metti tutti i videogiuochi in un unico padiglione, delirio concentrato. Se li semini in più padiglioni (ammesso che ai publisher la cosa vada a genio), tanti microdeliri. Boh. Grazie per esser passato!

      Elimina
    2. русский спамер3 novembre 2014 18:25

      Se la tua prima edizione e' stata quella del 2006, non puoi commentare sulla "fiera in un capannone enorme" :-P

      Io sono andato a Lucca Comics la prima volta nel '91 a 13 anni, all'edizione primaverile, location ed edizioni me le sono passate tutte, ma ho smesso di andarci l'anno stesso in cui hanno deciso che metterla in citta' era un'idea geniale: peccato che sia un'idiozia galattica, e renda la fiera assolutamente invivibile e caotica in modo osceno.

      Elimina
    3. Doc hai ovviamente ragione, ma secondo me un buon 70% di chi entra nel padiglione games lo fa per l'area videogiochi e non mi sembra giusto per chi vuole visitare l'area boardgames. Dividere e magari ampliare gli spazi liberi nel padiglione dovrebbe essere una soluzione da prendere in considerazione! Per il resto di anno in anno si fa un piccolo passo in avanti, speriamo per il meglio per l'anno prossimo.

      All'utente con il nick cirillico (credo), hai ragione ma a me l'atmosfera della città medievale piace un casino :) Cmq giovedì e venerdì sono stati perfetti e la fiera è stata godibile al massimo. Ho girato tutti gli stand con calma e senza sgomitare, file scorrevoli senza problemi. Sabato è stato un delirio e infatti (avevo previsto la situazione) sono stato quasi sempre in giro per la città a fare foto, senza tanti impegni.
      A chiunque mi ha chiesto (e chiederà in futuro) info sulla fiera consiglierò di andarci nei primi giorni e di evitare il week end
      p.s. Nella primavera del '91 non ero neanche nato, fai tu! :D

      Elimina
  41. Scusa Doc, ma Silver Surfer non l'hai incontrato?

    https://www.flickr.com/photos/127937043@N02/15693624481/

    RispondiElimina
  42. Ma l'He-Man che ha spopolato venerdì ero io! Mi avranno chiesto 60 foto con l'immancabile posa plastica e la spada levata al cielo gridando: Per il Potere di Greyskull!
    PS: ho anche comprato l'omonimo libro già che passavo di lì!

    RispondiElimina
  43. Finalmente son tornata anche io! Doc, grazie per il tempo speso insieme e per l'aver sopportato la mia mossa della patella sullo scoglio. Il tempo passato con te è sempre piacevolissimo e spero di aver modo di potermi di nuovo accozzare a Mantova.
    E ovviamente grazie anche a tutti gli altri antristi! Per me ormai Lucca è già sinonimo di raduno antristico e conseguenti chiacchiere con tutti gli elementi fantastici che compongono questo gruppo di deboscia. Vi Vi Bi.

    Non vedo l'ora di osservare le reazioni dell'internetto (e poter dire: io c'eroooo!!!) ad Atomico. Avanti tutta!

    RispondiElimina
  44. ci sono stato tre giorni (da venerdì a domenica) e devo dire che programmandomelo prima sono riuscito a vedere e comprare (sigh) tutto quello che mi interessava, sul discorso casino bisognerebbe aumentare l'area games o meglio dividere games dai video games mantenendo le dimensioni, esempio carducci x i games e altra tensostruttura uguale da altra parte x i videogames, x il muoversi della città evitare le sessioni fotografiche in mezzo alla strada (odio i cosplay), se questi si vogliono esibire che lo facciano in un padiglione a parte (ben lontano da comics e games) e poi girano gli stand vestiti come persone normali

    RispondiElimina
  45. Appena ti ho visto ho rischiato il momento bimbameenchia, evitato per un pelo ahaha. Però dato che sarei stato lì con te a parlare per ore di qualsiasi cosa, ho proposto un tuo tour itinerante per la penisola dove noi ti ospitiamo e tu (e qui ti cito) "fai a tutti una capa tanta". Io ci farei un pensierino :D
    (Il libro lo leggo appena posso, e ho già minacciato i miei genitori di leggerlo, visto che potrebbero sicuramente apprezzarlo più di me. Spero di riuscire a farti sapere se gli è piaciuto prima o poi!).

    RispondiElimina
  46. Doc nemmeno ci ho provato a avvicinarmi agli standz per la folla immane presente (e per gli impegni fotografici che avevo)

    Ci vediamo in Mantova :)

    RispondiElimina
  47. Purtroppo non sono riuscito a beccarti, né al raduno né al padiglione Games, ma è stata una gran bella fiera! E bellissima la foto di Renato con la sua moto, anche noi lo abbiamo visto e lo abbiamo tenuto fermo mezz'ora per fargli una foto, visto che era buio ed era difficile regolare la luminosità! XD

    RispondiElimina
  48. Lacrime napuletante, dopo 5 edizioni consecutive ho dovuto saltare il 2014 per impegni lavorativi :( sarà per il prossimo anno... spero!

    Rimango sconcertato però, ogni anno mi sembra che si sia raggiunto il limite di capienza possibile e puntualmente l'anno dopo i numeri aumentano. Mi chiedo se a un certo punto la fiera imploderà o si andrà avanti fino a raggiungere il mezzo milione di presenze (almeno)

    RispondiElimina
  49. Anche per me era il battesimo a Lucca Comics, che figata! Mai visti tanti nerd tutti orgogliosamente insieme.
    Venerdì per me era già incasinato, non oso immaginare cosa doveva essere sabato.
    Sono contento di averti conosciuto, mitico Doc, sono il cosentino d'adozione. Vivo in Francia, ma non te l'ho detto per non rischiare che non mi autografassi il libro :)

    RispondiElimina
  50. Peccatissimo non esserci stato, mannaccia! Oh, ma prima o poi ti stano Doc! Curioso di saperne di più su Atomico, ci si risente domani.

    RispondiElimina
  51. Bellissimo fotoreportaggio DOC, anche senza il tracobetto della cosplayer bona mi ci sarei fiondato subito a leggerlo!!!! Complimenti proprio, una volta o l'altra devo scendere ad un Lucca Comics, è che sono troppo disorganizzato e lontano, ma ci vorrei proprio venire! :-) Io e la signora Pigeon stiamo ancora ridendo per la GIF PdF :-D

    RispondiElimina
  52. E anche quest'anno sono sopravvissuta al Lucca Comic & bagno di sangue! Sono stata lì solo il sabato e sono riuscita a:
    . Assistere all'incontro Leo vs Silver
    . Assistere al decennale di Le anime disegnate di Luca Raffaelli, che ha raccontato che Miyazaki e Takahata sono dei super pdf :-D
    . Farmi trascinare dalla folla nel padiglionw napoleone, dove ho conosciuto Paco Roca e i miei ex concittadini della Tunué.lui meraviglioso come i suoi libri *_*
    . Perdermi l'antroraduno per un soffio visto che sono rimasta nella sala Wired fino alle 17 T_T

    RispondiElimina
  53. Sopravvissuto allo stand Panini di sabato ormai posso resistere a qualsiasi cosa, nulla mi spaventa :)

    ottima fiera Venerdì e Domenica, invivibile e impossibile da gestire il sabato da dopo le 11 in poi (prima sono entrato addirittura al games senza morire asfissiato), ho aggiunto molti alla mia personale lista "nerd a cui rifileresti un destro" a testimonianza che gli ignoranti ci stanno in ogni "categoria" purtroppamente.

    Molto piacere l'aver potuto incontrare la simpatica banda di coinquilini lucchesi, nonostante li abbia portati al ristorante dove sarebbero riandati anche il giorno dopo :D

    Sto sistemando ma ho il video, fino alla morte delle batterie, avvenuta ovviamente alla presentazione dei singoli ppppppprogetti, di Atomico, appena lo sistemo lo metto su da qualche parte ;)

    RispondiElimina
  54. Che bello leggere questo post, non sono mai riuscito a venire a Lucca ma prima o poi ci riuscirò. Che bello che deve essere stato incontrare Frankie un mito anche per me e che bello leggere di discussioni nerdofile che ultimamente mi mancano molto.
    Ma prima o poi...

    RispondiElimina
  55. Devo fare i complimenti a tutti i cosplayer che sono stati bravissimi!
    Un'ovazione va a Kaneda/Renato... anche se quei capelli ricordano tanto Antonio Conte :)

    RispondiElimina
  56. Nicolas Cage mi ha appena contatto e si è reso disponibile per una seconda stagione, che faccio accetto?

    RispondiElimina
  57. Doc tieni presente che la mattina di sabato c'era un ragazzo che aveva lo squalo di batman panzon... vintaggio con un cartello con su scritto " ZAN ZAN ZAN!!! LO SQUALO!!!" Gli volevo chiedere se era antrista!

    RispondiElimina
  58. quando farai un raduno nell'unico giorno vivibile della fiera verrò anch'io, ovviamente parlo del GIOVEDI

    RispondiElimina
  59. ...e ovviamente in foto vengo di spalle :D
    Almeno si vede il nick :P

    (ammetto che i Milka Oreo li ho provati io stesso quel giorno per la prima volta, prima di regalarti l'altro pacchetto. Mi sa che, come per il gelato-Mars non ne farò più a meno! :D )

    Mi spiace non aver potuto rimanere più a lungo dopo la presentazione sabato sera, ma dovevo scappare col Fuma e Al'x per la pizzata del fan club di rat-man... :S
    Ci si vede a Milano, quando ripassi di qui! :)

    RispondiElimina
  60. Ma quindi da The Sparker sei andato? Io ho comprato tutti i volumi di vita di Mecha, gli ho chiesto anche Ninja Nasuto e Mermemmelo, ma non li aveva :P
    Comunque e' stata un piacere incontrarti al punto accredito giovedi', Doc...meno piacevole la conferenza di Katsura, ma lascerei perdere..

    RispondiElimina
  61. Sabato invece la folla ha deciso per me dove andare e non sono riuscita a raggiungere il luogo dell'incontro...-.-

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails