mercoledì 28 maggio 2014

70

Sì, ma chi diavolo sono i Guardiani della Galassia?

Chi sono i Guardians of the Galaxy
Che è la domanda che si sono posti più o meno tutti quelli che hanno sentito parlare di questo nuovo film Marvel, Guardians of the Galaxy, ma che non seguono i fumetti Marvel. O non li seguono più da un po' di tempo. Perché un conto è parlare di Iron Man, l'Uomo-Ragno, Hulk e in una certa misura degli X-Men, icone pop note a livello globale, altro di questa squadra dello spazio composta da... un procione parlante? Un albero umanoide? Una tizia verde? Il cugino di Kratos? Come promesso, andiamo perciò oggi a spiegare chi sono i Guardiani della Galassia, da dove vengono, e che fine abbia fatto la squadra che li ha preceduti [...]
La prima squadra dei Guardiani della Galassia fa il suo debutto nel Marvel Universe alla fine degli anni 60, su una testata che contiene storie inedite e ristampe: Marvel Super-Heroes #18 (gennaio 1969). Testi di Arnold Drake e disegni del grande Gene Colan.
La storia è ambientata in una realtà alternativa del 31° secolo (Terra-691), quando quattro uomini, ciascuno l'ultimo sopravvissuto della propria specie, si alleano per sconfiggere gli alieni Badoon. I quattro uomini, che vediamo qui sopra, sono, da sinistra a destra: Vance Astro (in seguito noto come Major Victory), un terrestre spedito in animazione sospesa  - dopo averlo panato in una speciale pelle protettiva - su Alpha Centauri in un viaggio durato secoli; Martinex, essere cristallino proveniente da Plutone; Charlie-27, un tarchiatissimo soldato di Giove; Yondu, l'arciere dalla pelle blu, nato su Centauri IV.
Negli anni che seguono, i Guardiani tornano indietro nel tempo e appaiono qui e lì nel Marvel Universe ordinario, con comparsate su albi come Marvel Two-in-One #4 e 5 (luglio-settembre 1974), nelle storie dei Difensori (1975) e soprattutto su Marvel Presents,
dal numero 3 al numero 12 (febbraio 1976 - agosto 1977). La squadra si è arricchita strada facendo di due nuovi elementi:
Il tizio col pigiama dell'Hellas Verona è Starhawk, sorta di Hawkman spaziale del futuro (ha ricevuto i suoi poteri da un dio falco). Prima apparizione: Defenders #27 (settembre 1975).
Questa peperina tutto fuoco qui è invece Nikki, che canticchiando L'Ultimo Bicchiere (oh, è gente che vive nel futuro) arrivava da Mercurio. Prima apparizione: Marvel Presents #4 (aprile 1976). Con questa formazione definitiva a sei membri, i Guardiani della Galassia affrontano il loro nemico più potente. Insieme ai Vendicatori.
L'essere divino Korvac, creazione dei Badoom, è infatti il perno della Saga di Korvac, una delle storie più belle mai raccontate dei Vendicatori, e in assoluto la tua preferita. Pubblicata su Avengers #167 - 177 (gennaio - novembre 1978), la Saga di Korvac contiene un po' di tutto,
da un accenno di Civil War a una delle formazioni più nutrite degli Avengers mai viste.
Lo scontro finale con Korvac, nel quale l'essere aggide tutti i Vendicatori, è talmente epico da fare il giro due volte. Ricordi ancora quando, giovincellissimo, ti capitò tra le mani una ristampa del Thor e i Vendicatori Corno contenente l'ultimo capitolo della storia. Fu come scoprire l'arte partendo da Michelangelo.
Tornando IT: dopo esser stati tutti allegramente aggisi insieme ai Vendicatori (ma poi Thor/Donald Blake, Dragoluna e un magnanimo Korvac rimettevano tutto a posto, tranZilli),i Guardiani della Galassia continuarono il loro tour del Marvel Universe.
Comparsate a pioggia in altre storie dei Vendicatori, su Marvel Team-Up #86 (ottobre 1979), su vari numeri di Marvel Two-in-One (1980).
Nel 1990 arriva la prima serie dedicata ai Guardiani, Guardians of the Galaxy, che durerà 62 numeri, fino al luglio del 1995.
All'inizio le storie sono scritte e disegnate, con due piedi sinistri, da Jim Valentino, il che rese per una qualche ragione popolare l'elegantissimo artista dai tratti gitani, che di lì a poco sarà uno dei membri fondatori della Image.
Nel corso della serie, la squadra dei Guardiani apre le sue porte a nuovi supertipi, tutti parecchio zingari su una scala da zero a personaggi dei primi anni 90.
Abbiamo infatti Talon (da Guardians of the Galaxy #20, gennaio 1992), inumano proveniente da Attilan, creato da Valentino perché non gli avevano permesso di infilare Wolverine in squadra. No, sul serio.
Questa signorina qui è invece la seconda Yellowjacket / Calabrone, Rita DeMara (prima apparizione, da supervillanzona, su Avengers # 264, febbraio 1986. Nei Guardiani da Guardians of the Galaxy #34, marzo 1993).
Replica è invece una skrull e un'altra creazione di Valentino. Entra nella cumpa su Guardians of the Galaxy #9 (febbraio 1991).
Aleta Ogord, aka Miss Cleavage Stellato, era un personaggio di Steve Gerber (Defenders #29, novembre 1975). In squadra da Guardians of the Galaxy Annual #1 (1991).
Infine abbiamo Firelord, ex araldo di Galactus proveniente da Xandar e armato di cotton fioc infuocato (prima apparizione: Thor vol. 1 #225, luglio 1974. Con i Guardiani da Guardians of the Galaxy #4, settembre 1990).
Su Guardian of Galaxy Annual #2 (1992) debutta inoltre una squadra spin-off, protagonista poi di una sua miniserie di quattro numeri: Galactic Guardians. I membri dei Guardiani Galattici, oltre a Martinex, Firelord e Replica, dei quali abbiamo già parlato, sono Mainframe (versione futura di Visione), Spirit of Vengeance (Wileaydus Autolycus, un Ghost Rider del futuro), Phoenix (un tizio noto come Giraud che ha ereditato il potere della Fenice) e Hollywood, quel tipo al centro col mullet e il pizzetto bianchi, che altri non è che una versione un po' più anziana di Simon Williams, Wonder Man. 
Flash Forward. La squadra odierna dei Guardiani della Galassia, quella per intenderci che sarà protagonista del film, debutta durante la saga Annihilation: Conquest nel 2007, crossoverone sugli eroi cosmici della Marvel scritto da Dan Abnett e Andy Lanning. I due autori ripescano alcuni eroi dello spazio del Marvel Universe e formano un nuovo team, cui viene dedicata una nuova serie: Guardians of the Galaxy vol. 2, durata 25 numeri (giugno 2008 - agosto 2010). La serie, a differenza di quella dei vecchi Guardiani, è ambientata nell'Universo Marvel principale (Terra-616) e non in un futuro alternativo.
Il leader della squadra è Star-Lord, aka Peter Quill, poliziotto dello spazio figlio di una terrestre e di un alieno, creato da Steve Englehart e Steve Gan su Marvel Preview #4 (gennaio 1976).
Protagonista di varie apparizioni negli anni 70 sulle testate antologiche della Marvel,
Peter è tornato di recente a indossare anche un costume concettualmente molto simile alla tutina spaziale degli esordi.
Accanto a Star-Lord, tra i membri fondatori dei Nuovi Guardiani della Galassia troviamo: Adam Warlock (creato da Lee e Kirby su Fantastic Four #66, settembre 1967), storico personaggio cosmico del Marvel Universe
Drax il Distruttore (Iron Man #55, febbraio 1973), tramutatosi negli anni in un cosplayer verdognolo di Kratos
Quasar, Phyla-Vell, sorella nata anche lei in provetta del Capitan Marvel Genis-Vell (Captain Marvel vol. 4 #16, dicembre 2003. Su Guardians of the Galaxy #12, maggio 2009, il personaggio cambia il suo nome in Martyr)
Gamora, figlia adottiva del supervillanzone cosmico Thanos (aka: il tizio che appariva nella scena post-credits di The Avengers), assassina super-skillata e molto topa. Prima apparizione: una storia scritta da Jim Starlin su Strange Tales #180 (giugno 1975).
Rocket Raccoon, il procione che scalciaculi e tira giù i nomi. Creato da Bill Mantlo e Keith Giffen su Marvel Preview #7 (estate 1976), nasce come omaggio al brano dei Beatles "Rocky Raccoon", ed è infatti proprio questo il suo nome all'inizio. Ma quando il personaggio riappare su The Incredible Hulk #271 (maggio 1982), viene spiegato che "Rocky" era il diminutivo del suo vero nome, "Rocket".
Rocket diventa protagonista nel 1985 di una sua miniserie di quattro numeri, scritta sempre da Mantlo e disegnata - scusate e se è poco - da Mike Mignola. Seguono varie apparizioni in testate come Quasar e Sensational She-Hulk, fino al ripescaggio durante Annihilation Conquest nel 2007.
Con la nuova squadra dei Guardiani ha a che fare sin dalle primissime battute anche Major Victory / Vance Astro, membro come abbiamo visto della formazione originale. È proprio parlando con Astro dei suoi Guardiani della Galassia che il nuovo team guidato da Star-Lord decide di adottare quel nome (Guardians of the Galaxy vol. 2 #2, giugno 2008). Visto che non l'hai ancora scritto, Vance Astro ha un suo corrispettivo più giovane nell'Universo Marvel principale, il Vance Astrovik noto come Justice degli Avengers. 
L'ultimo dei membri della primissima ora dei nuovi Guardiani è Groot. Creato da Stan Lee, Jack Kirby e Dick Ayers su Tales to Astonish #13 (novembre 1960), è un albero senziente della specie Flora colossus. Lasciate alle spalle le manie da alieno invasore delle origini, oggi è un membro dei Guardiani e probabilmente l'ultimo della sua specie. Pronuncia sempre e solo una frase: "I am Groot!",
anche se in passato parlava un sacco. Magari è tutto uno scherzone. Chi te lo dice.
Altri eroi si sono uniti in corsa alla squadra del 2008: Mantis (da Guardians of the Galaxy vol. 2 #7, gennaio 2009), che gnocca non lo è diventata con il processo di gnocchizzazione delle eroine Marvel negli anni 90, in quanto lo è sempre stata. Non a caso gli alieni Kree la consideravano la "Madonna Celestiale". Nata in Vietnam e tedesca da parte di padre (il Libra dello Zodiaco), fu creata da Steve Engleheart e Don Heck su Avengers vol.1 #112 (giugno 1973).
Bug nasce come personaggio dei gloriosi Micronauti, sulla serie Marvel dedicata a Baron Karza e compagni di merende. Il suo nome, quando appare su Micronauts #1 (gennaio 1979, di Bill Mantlo e Michael Golden) è infatti Galactic Warrior, come l'omonimo pupazzino Takara. In realtà l'aspetto era completamente diverso da quello del giocattolo, così il nome fu cambiato in Bug e il personaggio restò nel Marvel Universe. Il regista di Guardians of the Galaxy, James Gunn ha rivelato in una intervista che in uno script precedente del film c'era anche Bug. 
Jack Flag è un'ex spalla di Capitan America (se ne parlava qui), e finisce con i Guardiani (Guardians of the Galaxy vol. 2 #9, marzo 2009) dopo aver guidato un'evasione dalla Zona Negativa su una sedia a rotelle. È una storia lunga.
Dragoluna (prima apparizione, come Madam MacEvil, su Iron Man vol.1 #54, gennaio 1973) è un altro personaggio cosmico in giro da una vita per il Marvel Universe. Potete telepate, è una terrestre cresciuta su Titano. In fatto di gusti sessuali è come Oberyn Martell, non butta via niente. Così è stata legata sentimentalmente a Devil, Quasar, Thor e un sacco di altra gente, tra cui la citata Martyr, sua compagna nei Guardiani.
Cosmo è infine un cane sovietico intelligente e telepate smarrito nello spazio negli anni 60. Si occupa della stazione interdimensionale Knowhere (in italiano Ovunque), base della squadra ricavata dalla testa di un Celestiale alla deriva ai confini dello spazio e del tempo.
La squadra dei Guardiani originale, quella del 1969, fa inoltre alcune comparsate nella serie, nei numeri #12–17 e #25. La seconda testata dei Guardiani della Galassia chiude come detto con il numero 25, dopo che le sue vicende si sono intrecciate con quelle dell'albo Nova (scritto sempre da Abnett e Lanning) nei crossover "War of Kings" e "Realm of Kings".
Una nuova testata dei Guardians of the Galaxy, il vol.3, debutta in seno al rilancio Marvel NOW! nell'aprile del 2013. Scritta da Brian Michael Bendis e disegnata anche e soprattutto dall'italiana Sara Pichelli, la serie presenta un team formato da Star-Lord, Drax, Gamora, Rocket Raccoon e Groot. Tra i nuovi arrivati nella cumpa c'è, per un certo periodo di tempo, anche Iron Man, con la sua nuova armatura primavera-estate-spazio. Dice: vabbè, sicuro Tony ha provato ad orientalizzarsi Gamora. E in effetti è vero:
 ci ha PROVATO.
Angela (Guardians of the Galaxy vol. 3 #9, febbraio 2014) è un personaggio creato da Neil Gaiman e Todd McFarlane per Spawn #9 (marzo 1993) e al centro di un lunghissimo contenzioso tra i due autori per il possesso dei diritti. Alla fine l'ha spuntata Gaiman, che tornando alla Marvel se l'è portata dietro al posto di una scatola di cioccolatini.
Gli ultimissimi acquisti (albo Guardians of the Galaxy Free Comic Book Day, roba di pochi giorni fa) dei Guardiani sono il Venom / Flash Thompson
 e Capitan Marvel, Carol Danvers (ex Ms. Marvel, Binary e Warbird).
La formazione attuale dei Guardiani è pertantamente questa, ritratta sulla cover dell'ultimo numero della serie (il 14) accanto ai volti dei vecchi Guardiani. Il che chiude il cerchio. E chiude anche il post, ché si è fatta una certa.

70 commenti:

  1. Grazie, Doc! Post splendido, lo stavo aspettando, anche perchè dei Guardiani moderni non conosco una cippa!

    RispondiElimina
  2. Nonostante il tono molto scherzone dei vari trailer, mi da un bel feeling questo film. Speriamo che Marvel riesca ad integrare bene con il resto della continuity e che si risollevi un po' la Fase 2 che con i primi titoli (Iron Man 3 e Thor 2) aveva un po' languito.

    Cheers

    RispondiElimina
  3. Finalmente doc, ho cercaro sull'internet chi fossero, ma ci sono le solite cose pezzenti come i post dei poveri dei costumi dell'uomo ragno

    solo l'antro ti impara le cose

    RispondiElimina
  4. OT - ma il Quasar originale, di cui a me, e forse solo a me, piacevano le storie (quelle disegnate da Paul Ryan), che fine ha fatto?

    Io di guardiani della galassia conosco solo quelli originali, dalle storie strampalate e figlie dei fiori che di piu' non si puo', questo film sara' una sorpresa su tutti i livelli, quindi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quasar muore durante Annihilation, e Phyla-Vell successivamente ne prende il nome. Poi torna in una specie di forma fantasmino nella serie di Nova. In Realm of Kings (o forse prima) torna definitivamente nel suo corpo, e si unisce al nuovo cazzutissimo gruppo dei Devastatori (con Ronan, Surfer, Beta Ray Bill..e un altro paio di pezzi grossi spaziali) nelle due miniserie ad essi dedicati...non ho più notizie da allora :P

      Elimina
    2. grazie! mi sono perso un po' di roba...

      Elimina
  5. Dei GotG sapevo poco o nulla, ma sembrano il gruppo misto del Parlamento! Direi che sono un esempio vivente del principio "so bad it's good", spero che si applichi anche al film.

    RispondiElimina
  6. Grazie mille Doc, molto istruttivo.
    Anche se devo dire che a metà post non ci capivo più un beneamato, tanto oscuri e complicati appaiono i riferimenti a uno come me che non legge di supertizi da più di vent'anni.
    Per lo stesso motivo mi dicono poco o nulla anche i film relativi all'argomento, ma questo mi ispira, forse perché mi sembra più un film di fantascienza amabilmente caciarona che di gente col costumino che si prende a cazzotti.


    RispondiElimina
    Risposte
    1. "fantascienza amabilmente caciarona che di gente col costumino che si prende a cazzotti."

      Che attualmente è l'atmosfera che permea la serie a fumetti (e che a me piace molto)

      Elimina
  7. Fantastico post!! Ottimo riassuntone! Nel vol. 3 le origini di Peter Quill vengono un attimo risistemate e la presenza di papà l'imperatore si fa parecchio pesante.

    Resta irrisolto il mistero di come il buon Peter sia uscito dal Cancerverse...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già doveva essere morto lì, e invece è tornato. E doveva essere morto lì anche Thanos, e invece è tornato. E doveva essere morto lì anche Drax (indovinate? è tornato). Ma Rhicard Rider, Nova, che cacchio di fine ha fatto?

      Elimina
    2. speriamo che anche lui se la cava... considerando chi è il protagonista attuale delle serie di Nova (facepalm)

      Elimina
  8. Jim Vale è arrivato al momento giusto. 'Nuff said. Un undergrounder con un tratto seducente come uno stuzzicadente senziente ricavato da Groot mentre le tue gengive sono minacciate dalla pancetta e non puoi sorridere alla ragazza che finalmente, dopo eoni di corteggiamento, è a cena con te.
    I GdG di Gerber e Milgrom ( so come suona oggi considerato quello che si pensa di Milgrom dalla mini di Kitty Pride & Wolverine in poi ) erano davvero interessanti con la rilettura di Steve della America dei Seventies
    ( la squadra finisce su di un pianeta manicomio dove gli indigeni replicano i comportamenti dei terrestri ) . Belle anche le storie dei Defenders in team up con i ragazzi di Astro ( testi sempre di Gerber , disegni di al Buscema ).
    Un team nato per essere una risposta alla Legione dei Super-Eroi della DC che, nelle giuste manine , è stato interessante come spesso capita quando si tratta di una serie stealth su cui gli autori possono sperimentare ( allora si poteva , come notava Klaus Janson in una vecchia intervista in cui spiegava il mood del periodo in cui la Marvel pubblicava il primo Deathlok ). Oggi non è possibile farla fuori dal vasino e tutto è progettato su carta millimetrata. Peccato.

    RispondiElimina
  9. Visto trailer
    Scimmia saltella
    Attendo il trenino samba nel blog di Leo Ortolani
    Ottimo post, Doc :-)

    RispondiElimina
  10. Ma questa cosa di piazzare le lucette ovunque? Ok in un costume, ma incastonate su Groot? Spero sia un re-design motivato da qualche avvenimento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si era sotto Natale e non avevano abeti disponibili...

      Elimina
    2. E' Bendis. Di come erano fatti i personaggi nelle gestioni fatte prima di lui non gliene mai fregato una cippa.

      Elimina
  11. Ok doc, ma la saga da recuperare della nuova formazione, qual'é?
    Grazie in anticipo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Annihilation/Annihilation Conquest/Realm Of Kings/War Of Kings/Thanos Imperative
      Il primo lo stanno ristampando dal mese scorso in una nuova edizione. Non ci stanno I guardiani ma viene reintrodotto li star lord e cmq e' una lettura imprescindibile per potersi poi gustare le altre.

      Elimina
    2. Okidoki, grazie mille!
      PS finissimo il costume della donna calabrone, con la freccia che indica "il più sacro dei suoi orifizi" [cit]

      Elimina
    3. Vero, era figo Calabrone 2, peccato sia stata l'unica pirla morta veramente durante "vendicatori la traversata" tutti gli altri erano fantasmi dello spazio (retrocontinuity di vendicatori per sempre, mentre del Tony Stark giovane di un'altra linea temporale e portato nel presente prima di Heros Reborn... se vai alla marvel a chiedere che fine abbia fatto si tappano le orecchie e cominciano a gridare "trallalalalalalalalalala")

      Elimina
  12. Grazie Doc. La mia conoscenza dei Guardiani si fermava i trailer del nuovo film marvel. Ora ho le idee più chiare. Dev'essere un bel casino mettere insieme un post del genere...

    RispondiElimina
  13. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  14. Sarà che dietro c'è Bendis (e disegni della Pichelli che adoro), ma per me la nuova testata di Guardians of the Galaxy è una delle poche cose buone uscite da questo Marvel NOW! insieme al nuovo Nova (che fa tanto Peter Parker prima maniera).

    PS
    Nel film ci voglio credere, anche se il tono mi sembra un po' troppo scherzone... spero non si riveli un "Vacanze di Natale nella galassia" (cit. leo)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buffo, perchè la run di Bendis ha fatto girare i maroni a molte persone in rete che si erano affezzionati alle storie di Abnett e Lanning. Questo perchè, come al solito, Bendis ha caratterizzato i personaggi in maniera inconsistente rispetto alla gestione precedente.

      Elimina
  15. Bel post Doc, ma una piccola rettifica da Ultra PdF:
    Il primo gruppo messo assieme da Starlord nella miniserie Annihilation Conquest: Starlord è formata da:
    Starlord, Rocket, Groot, Mantis, Bug, un certo Capitan Universo terrestre e Deathcry. Questi ultimi due però moriranno subito nella miniserie.

    Successivamente su Guardians of the Galaxy 1 debutta la formazione ufficiale con Starlord, Rocket, Mantis, Groot, Drax, Gamora, Cosmo, Warlock e Phyla :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yep, I know. Ma visto che fino al numero due di quella seconda serie non si chiamano ancora Guardiani della Galassia e che c'erano in ballo già duemila nomi, ho saltato il passaggio.

      Elimina
  16. Si tutto molto interessante, ma la mia domanda è: sono belle letture?
    P.s. Il film mi ha già mandato in scimmia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissime, Ominoverde. Fantascienza cazzuta E caciarona allo stesso tempo. I cattivi, poi, sono fighissimi.

      In più in parallelo ai guardiani c'è Nova Prime, che scalcia culi e MINI SPOILER

      tira uno stacce della madonna a tony stark.

      Doc: grazie per il post! :)

      Elimina
  17. Ecco il post che cade a fagiuoolo. Me lo stavo chiedendo giusto ieri, giuro.
    Grazie! Per questo e per tutti gli altri posts passati.

    RispondiElimina
  18. Questo è uno di quei post che divoro, e dopo mi sento in pace con il mondo.
    Certo Doc. che scrivere questo tipo di post è un lavoraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah, non più di tempo. Un'oretta e mezza per fare tutto :)

      Elimina
    2. Sei un grande, è che c'hai tutte quelle informazioni nel cranio!
      Vai Brooklyn!

      Elimina
  19. Bene bene, un pò di storia non fa male. Avevo letto qualcosa dei Guardiani su Annihilation, poi dopo prima visione del trailer ho iniziato a seguire i Guardiani con l'ultima testata frutto del Marvel NOW! (che poi è la stessa che usano per il film) e direi che mi gusta

    RispondiElimina
  20. Rocket Rocket Rocket Rocket Rocket Rocket Rocket Rocket Rocket Rocket Rocket Rocket Rocket Rocket Rocket Rocket Rocket Rocket Rocket Rocket Rocket Rocket Rocket Rocket Rocket Rocket Rocket

    RispondiElimina
  21. Sì ma...chi sono i Guardiani della Galassia??

    RispondiElimina
  22. Grazie Doc che ci impari le cose! Non avevo la più pallida idea di chi fossero i Guardiani, ma il loro design spacca e io sono già pazzo di quella specie di Ser Didimus con mitragliatrice pesante...
    Magari questo film può riuscire ad essere una specie di Guida Galattica con tante mazzate?... Magari...

    RispondiElimina
  23. Tra parentesi... si è già detto che Skye di agents of shields potrebbe essere mantis?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Raul mi spieghi meglio questa teoria?

      Elimina
  24. Grazie Doc! Vado subito a organizzare un'operazione di Search&Rescue del Marvel Gold che raccoglie la "Saga di Korvac" disperso tra le montagne delle mie cose arretrate da leggere..

    RispondiElimina
  25. Con il dovuto rispetto da PdF, ma i guardiani della galassia si formano già in Annihilation, darli come fondazione nel successivo Conquest mi pare uno sgradevole errore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh, no. Alcuni personaggi appaiono in Annihilation, ma è solo in Conquest che Star-Lord assembla la squadra (che ancora, come detto nei commenti precedenti, non si chiama Guardiani della Galassia e che ha alcuni effettivi diversi). Nello specifico, ciò avviene su Annihilation Conquest: Star-Lord numero 2 (in Italia su Annihilation Conquest #3). Se servono altre sgradevoli precisazioni, chiedi pure ;)

      Elimina
  26. Grazie Mille!!! Ho avuto finalmente modo di conoscerli.

    RispondiElimina
  27. Grande post Doc!
    Segnalo anche questo articolo di Evil Monkey che mi piace molto:

    http://conversazionisulfumetto.wordpress.com/2013/03/07/marvel-spaceballs-i-guardiani-della-galassia-di-abnett-lanning/

    RispondiElimina
  28. Serviva proprio in vista dell' uscita del filmozzo,e in quanto io a digiuno di comics non proprio di prima linea.
    Groot e RR già i miei preferiti senza shadow of doubt.

    RispondiElimina
  29. Io non li conoscevo per un niente infatti.
    E' stata una lettura particolare, probabilmente non come sarebbe stato seguire gradualmente, il perché e il percome delle modifiche alla squadra originale, decisamente. Poi è chiaro che nei 45 anni che separano l'origine fumettistica dal film a questo e a quell'altro autore viene voglia di creare i propri supertizi in costume sgargiante, e a quanto pare ben più di quanto ci si possa aspettare........ma il tutto sembra essere troppo complicato, più complicato delle motivazioni che servirebbero per spiegare il fatto che Ciclope, dopo 50 anni, è ancora il leader degli X-MEN.

    RispondiElimina
  30. a breve, mi pare dopo l'estate, dovrebbe partire negli usa "Guardians 3000", nuova serie sui guardiani del futuro...

    RispondiElimina
  31. Ok, mi trasformo in PdF anche io per i GotG, il mio gruppo marvel prediletto. Inizialmente (leggasi Conquest) Groot parlava e manco poco, tuttavia successivamente come detto inizia a pronunciare solo "Io sono Groot!" La cosa viene spiegata (da Rocket mi pare) con il fatto che dopo che si è immolato per salvarli ed è rinato in germoglio, gli organi vocali non si sono ancora rigenerati del tutto. La faccenda viene tuttavia dimenticata ed anche ritornato adulto non riprende a parlare a modo. Una seconda spiegazione la fornisce infine Maximus durante War of Kings dicendo che in realtà la specie di Groot attraverso quella frase intende tutta una serie di concetti che l'orecchio umano non riesce a percepire (stile Ent insomma) e Groot in realtà era un geniale scienziato. Per altro da quel momento anche Rocket inizia a capire quello che Groot dice quando fino a poche vignette prima l'intera squadra andava "a naso" per comprendere quello che voleva il loro compagno legnoso. Quale sia la verità è un mistero che non ci è dato sapere...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. русский спамер28 maggio 2014 21:29

      E Groot non e' nemmeno l'ultimo della sua specie, visto che ce n'e' un intero pianeta pieno :-)

      Elimina
  32. oddio ed io che prima di questo post ero convinto che i guardiani fossero gli infinity watch di adam warlock e di tutte quelle storie piene di supertizi con guanti e gemme dell'infinito.... alla tua bontà d'animo non strapparmi la tessera di antrista doc...

    RispondiElimina
  33. Per un qualche motivo mi confondevo i Guardiani della Galassia con la Infinity Watch. Probabilmente perché anche lì c'erano Drax e Gamora (e Rocket mi ricordava un po' il personaggio di Pip the Troll).

    RispondiElimina
  34. Da amante mariomerolo della prima squadra e delle saghe galattiche di starlin, in cui compaiono vari pg di questi nuovi GoG ma in altre vesti (epopea di warlock, infinity watch, storie varie dell'infinito), non riuscirò mai a farmeli piacere troppo. Anche se già all'epoca sta storia di thanos amicicio redento della warlock&co, tra cui drax, il cui unico obiettivo nella vita (il motivo per cui venne creato da crono) era proprio quello di far fuori il traditore thanos, mi fece storcere il naso. Ma si sa che alla marvel prima o poi finisce sempre tutto a tarallucci e vino (ha cercato solo più volte di sostituirsi alle alte entità universali, che vuoi che sia).

    RispondiElimina
  35. Gran bel post, davvero!
    Avevo solo qualche nozione, in parte dalla serie "The Avengers: Earth's Mightiest Heroes", dove compaiono nella formazione del film, presentati - mi pare - come i vendicatori del XXX (XXXI?) secolo.

    RispondiElimina
  36. Ciao Doc!!!

    Scusami tanto per l'assenza ma sono stato parecchio impegnato,piano piano sto recuperando i vari post.
    Come al solito un gran bel pezzo di cultura fumettistica,ricco di informazioni che non conoscevo.

    P.S. Sono felicissimo per te per l'arrivo del Mini-Doc.Un'abbraccione!

    RispondiElimina
  37. Poco conosciuti ai tempi poco conosciuti oggi ma la domanda è: non è un azzardo buttarsi per un film su una testata/personaggi un po' ai margini del marvel universe?
    Vojo dì...ok una parentela alla lontana con i vendicatori ma ai fini dell'espansione cinematografica del Marvel Universe che beneficio potranno mai dare? E sopratutto attireranno i non nerd ? Non vorrei spaventarvi ma la fuori c'è gente che ancora si chiede perchè superman non è nei vendicatori

    RispondiElimina
  38. Posso dire che non ci ho capito un.........??!!?

    RispondiElimina
  39. Paolo Pugliese nostalgico28 maggio 2014 17:43

    La prima serie dei Guardiani della Galassia (quella apparsa sull'antologico Marvel presents/Marvel Super-Heroes presents) fu pubblicata in Italia dalla Corno tra il 1979 e l'80, sulla bellissima rivista gigante GLI ETERNI, canto del cigno della storica casa editrice di Luciano Secchi. E' una serie che ricordo con molto piacere ed affetto, sia per le storie di Steve Gerber che erano quasi sempre fuori di testa, in bilico tra l'inquietante e il comico surreale, sia per i protagonisti che erano invece "diversi" dai canoni dei personaggi Marvel dell'epoca. Mi piacevano molto outsiders come Vance Astro che se gli si bucava la tuta moriva incenerito a causa dell'età secolare, oppure Martinex l'uomo diamante, oppure l'arciere Yondu (che apparirà nel film in un cameo), con quel look alla Killraven e le sue frecce senzienti che viravano e seguivano il bersaglio. I disegni ricordo che non erano male e recentemente mi pare che la Panini abbia pubblicato tutte queste storie in un omnibus. La serie GoG di Jim Valentino la ricordo ancora con terrore: la Play press la pubblicò in volumi, dei quali comprai solo il primo. Rimasi schifato per storie e disegni che rasentavano il pacchiano e il ridicolo involontario. La roba più recente me la sono persa a causa dei sopraggiunti limiti di età per provare interesse. Comunque, dalle news che girano in rete, la Marvel ha annunciato una nuova serie dei Guardiani con i personaggi originali, che dovrebbe intitolarsi Guardians 3000.

    RispondiElimina
  40. Fantastico. Ci speravo e avevo anche richiesto un poo così!
    Nel frattempo per entrare nel "clima" dei Guardiani mi ero già procurato tutto Annihilation Conquest, qualche volume della prima e della seconfda serie e stavo continuando a "cercare". Però non mi era affatto chiaro su quale numero e di quele serie appariva la squadra del film per la prima volta. Grazie!

    RispondiElimina
  41. Grazie Doc, ora si va al cinema con un po' più di cognizione di causa :)

    RispondiElimina
  42. Ho sempre avuto dei buchi sui guardiani della galassia!
    Ottimo post riassuntivo!

    RispondiElimina
  43. Gran bel post, grazie
    Impressionante vastità di conoscenza

    RispondiElimina
  44. Grandiosa la citazione di Nikki! "L'ultimo bicchiere e me ne andrò che non ne posso più di tutte queste storie finte che si basano sui films e non ti danno mai qualcosa più di un freddo vuoto!"

    RispondiElimina
  45. Procioni scalcia coooooooli uber alles ! Speriamo in un buon film che il gruppo non e' male per niente

    RispondiElimina
  46. Io mi sono pisciato addosso quando starlord vecchio dice a hollywood che il suo gruppo si chiama I RANDELLATORI DEL FANTASTICO . XD

    RispondiElimina
  47. Ma volendo iniziare a leggerli, dove recupero i numeri della serie dell'anno scorso?

    RispondiElimina
  48. Post utilissimissimo, grazie Doc!
    Una curiosità: quante di queste informazioni provengono dalla tua enciclopedia "incorporata" e quante hai dovuto ricercare ex novo su wikipedia e simili?

    RispondiElimina
  49. Ho letto tanto Marvel dal 1994 al 2000 e sblisga, quindi i GotG me li sono persi ben bene prima e dopo.Grazie per il riassunto.

    So che centra poco, ma una volta visto nel post Jack Flag non ho potuto resistere (da supporter di Capitan America) e ripensare a Free Spirit, che a me piaceva tanto (ah, si.. ANCHE come sidekick di Cap :-D ). Perché se la sono completamente dimenticata?!? Nessuno ha più notizie? :'(

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails