venerdì 27 settembre 2013

94

La Famiglia Mezil: stagione 1, episodio 1

La Famiglia Mezil erano I Simpson, ma vent'anni prima dei Simpson. Uno dei più flippotrippissimi, ingiustamente dimenticati cartoni arrivati in Italia nei primissimi anni 80, di cui, ricorderanno gli antristi di vecchio corso, hai già parlato a queste coordinate diversi anni fa. Solo che della famiglia Mezil, soltanto perché era un cartone ungherese e non nippoamericano, non parla più nessuno. Diciamolo, è una fot*uta vergogna. Diciamolo, è ora di basta. E siccome ti sei accattato sulla baia per due spicci tutte e tre le stagioni del cartone in divviddì, parte ora ufficialmente l'operazione R.F.M.G.A.C., Riscopriamo la Famiglia Mezil Grazie all'Antro, Caz*o. Così, belli agguerriti, ché quella paginetta striminzita di Wikipedia in cui non c'è manco un suntino degli episodi grida vendetta, grida. E allora? Allora un po' alla volta andremo a vedere di cosa parlassero quelle tre serie così diverse tra loro, e scopriremo perché il giovane Aladar era un role model infinitamente più molto tanto fichissimo di molti minchietti giapponesi coevi. Gli antristi più giovani non si lascino distrarre dal tratto acerbo e prestino attenzione: stanno per scoprire un mondo così psichedelico che neanche il rock per drogati di fine anni 60. Quelli più anziani come il sottoscritto, invece, si muniscano di fazzoletti per l'imminente momento mariomerolo. Tutti pronti? Con me […]

La prima serie della Famiglia Mezil (in magiaro Mézga család), intitolata Messaggi dal futuro e lunga 13 episodi esattamente come le altre due, va in onda per la prima volta in Ungheria nel 1969 e arriva su Rai Uno nel 1980, all'interno del contenitore per ragazzi 3, 2, 1... contatto! (Paolo Bonolis, Marina Morra, Sandro Fedele, pioggia di bruschette). La storica sigla "Guarda guarda che famiglia" (di M. D'Adda e F. Godi, cantata dalla Fantomatic Band) è però successiva, dell'82, e sei quasi certo che le prime puntate andarono in onda con una versione più corta della marcetta originale. Quella che da noi si sentiva nella breve sigla di coda, e che stai fischiettando come un idiota da giorni, visto che ti si è installata nel discoduro mentale. Ma torniamo alla sigla iniziale
che si chiudeva con la famiglia riunita davanti al televisore sul divano del salotto. Ricorda niente? Tema di questa stagione 1 sono i marchingegni che Em Zi Trem, pronipote dei Mezil che vive nel futuro, invia ad Aladar. 
La prima puntata della serie 1, "Contatto con il futuro", racconta appunto come Aladar si sia messo in contatto con Em Zi Trem. Dopo aver tentato di far sballare il cane con un peperone.
I Mezil sono una famiglia proletaria, tanto che Cristina (in originale Kriszta) non ha i soldi per andare dal parrucchiere o per un disco nuovo. Pure lo spaccato sociale, rendiamoci conto.
E siccome Aladar non ha i soldi per i suoi esperimenti, smonta dei pezzi a caso del televisore, mentre la sorella smonta i testicoli del resto della famiglia con i suoi dischi beat a volume 11.
E, oh, sarà stato un po' Aladar, sarà stato molto il Capitano, ma quel cartello con teschio, tibie incrociate e nome l'hai voluto uguale pure te.
Impossibilitati a vedere la puntata del giallo - la qual cosa fa inalberare la signora Paula Mezil, sempre pronta a dare del pistola al marito - e DOPO ESSER RIMASTI TUTTI FOLGORATI, cane incluso, per tentare di riparare il televisore,
i Mezil vanno dal vicino Maris. Un PAZZO FURIOSO
che rinchiude i nuovi ospiti nello sgabuzzino insieme a quelli arrivati prima.
 Buttandoci pure una mano morta a madre e figlia a uffo, così.
Il signor Sandor non se la prende, se ne torna a casa felice di essersi liberato di moglie e figlia e trova Aladar a smanettare con un macchinario ottenuto usando la radio di famiglia, un ombrello e l'orecchio del cane Fofi. Ci siete ancora? Bene. Smanettando con le frequenze, Aladar trova una voce molto strana: ancora non lo sa, ma è in contatto col futuro. Ora, questa cosa del collegamento radio fantascienzo veniva mostrata con degli effetti che ti mandavano fuori di testa:
si partiva con un vortice di Smarties, chiaro riferimento all'LSD ingurgitato dagli autori in quantità industriali, accompagnato da un rumore tipo il frinire di cento grilli
Poi il vortice occupava tutto lo schermo, in un sovrapporsi di colori tipo riunione condominiale in una comune di hare krishna, mentre il rumore aumentava d'intensità e si fondeva ad altri suoni.
Seguivano altri pallini e rumori, sempre più veloci, sempre più ipnotici. A questo punto, chi non era a terra in preda alle convulsioni o non aveva visto Dio e si era andato a rinchiudere in qualche setta,
arrivava a vedere finalmente la città del trentesimo secolo.
Qui vive il barbuto Em Zi Trem, cioè Mezil 30, il Mezil del Tremila, che parla una lingua tutta smozzicata e per farsi comprendere da Aladar e Sandor deve attivare un traduttore automatico.
Fantascienza vera, eh, mica fischiett. Em Zi Trem sta studiando la storia "dell'era atomica" e per questo ha contattato i suoi antenati.
Dice: ma è catananno e ancora studia? Eh. Ha 125 anni, ma l'istruzione nel trentesimo secolo è obbligatoria fino a 200 anni dopo la riforma Gel Min. Ma Aladar non è molto entusiasta di questo ponte venutosi a creare con il futuro.
Se ne sta lì, con l'aria scojonata, sentito un parente del Tremila li hai sentiti tutti. Sandor chiede al lontano nipote come riparare la televisione, e quello consulta la sua enciclopedia su uno schermo
 WIKIPEDIA NEL 1969.
Indossato il suo casco per lettura e traduzione del pensiero, Em Zi Trem scatta una foto con le onde sarcacchie dello schema di costruzione della TV e crea un accrocchio grazie al "telecostruttore immediato".
Ed eccolo il canovaccio di tutti gli episodi della prima serie: invenzioni strambe teletrasportate nel passato con "la posta luce" e destinate a combinare grandi disastri.
Come questa inquietante TV MOSCA.
Le mosche presenti sullo schema, al momento della scansione dal futuro, hanno creato un mostro. Tipo quella storia del teletrasporto e di Jeff Goldblum che gli cascano le recchie? Tipo.
La telemosca distrugge mezza casa, e perciò tocca al sempre scojonato Aladar tirar fuori la fionda con la quale Sandor abbatte il mostro
Un essere tecnorganico in agonia, che agita ancora una zampetta lì al suolo, e tutti sono felici e orgogliosi,
perché la TV dell'epoca non si faceva fante pippe manco su Rai Uno.
Em Zi Trem manda allora ai parenti rompiballe un altro accrocchio, una specie di collana che, collegata alla corrente, 
trasmette degli ologrammi dei programmi TV, tipo questa cantante ungherese seSSi.
Sandor corre a raccattare la moglie dal gentilissimo serial killer della porta accanto, il signor Maris, trovandole fortunatamente ancora vive.
Ma dopo che quello ce le ha tirate fuori dallo sgabuzzino, la cantante ha finito e si passa a un documentario sull'inondazione di una vallata. Una storia di superpompe idrovore, ma per piacere non facciamo battute facili giusto perché si parla di Ungheria. La casa si fintoallaga, devono staccare tutto, e la signora Paula Mezil chiude l'episodio tirando fuori il suo tormentone: se avesse sposato Puffi Würstel, ora avrebbe avuto un negozio intero di televisori. Bella stronza.
Sigla di coda, con tutta la famiglia che per tutta una roba metareferenziale si infila nel televisore, da Sandor al gatto Griffia. Che in originale si chiamava Maffia, e per questo guardava sempre tutti di traverso. E questo per oggi è tutto. Il prossimo passo dell'operazione R.F.M.G.A.C. muoverà dalla seconda serie, con i viaggi fantascienzi di Aladar a bordo della sua astronave gonfiabile? Andrà a ripescare le ciniche puntate della terza, con i Mezil in viaggio per il mondo? O qualche altra invenzione assurda di Em Zi Trem, ravanando negli altri 12 episodi della prima stagione? Boh, non ci hai ancora pensato. Ma basta che si torni a parlare dei Mezil, e ti sta bene tutto. Diffondete il verbo.

94 commenti:

  1. l'ingresso finale nel televisore mi ha fatto pensare che anche Cronenberg abbia visto la famiglia Mezil prima di girare Videodrome.
    Alastor era il mio eroe: aveva il cane, l'astronave gonfiabile, tutti quegli aggeggi meccanici e il teschio sulla porta: cosa puo' desiderare di piu' un ragazzino?
    Adesso vado, che i cofanetti sono disponibili anche sul sito Amazzonico e sono costretto a comprarli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aladar...non Alastor. Sara' stato il mio eroe ma il nome non lo ricordavo!

      Elimina
  2. Dei Mezil purtroppamente non ho alcun ricordo, ma ho vaghe reminiscenze di un altro cartone est europeo, dal tratto sempre molto approssimativo. E qui si ferma la mia capacità mnemonica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao...il cartone potrebbe essere "Gustavo", in effetti trasmesso in Italia sino ai primi anni 80....ma forse mi sto incartando!

      Elimina
    2. Santocielo che mi hai fatto scoprire! Ma non è il cartone che dicevo. Grazie per la flippotrippissima segnalazione.

      Elimina
    3. Mmmh... Baltazar?
      Oppure Mitri Dimitri :D

      Elimina
    4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  3. Grande Doc, questo cartone animato comunista/giacobino/sanculotto meritava la gloria dell'Antro.
    Tutti questi spunti, poi ripresi da ben più fortunati cartoni familiari, non li avevo mai colti... i miei ricordi più nitidi sono però per la seconda serie ed i viaggi gonfiabili di Aladar... la terza serie me la ricordo trasmessa sulle reti di Pernascone (o forse in un'Italia 1 ancora di Rusconi..boh), forse all'interno del primo Bim Bum Bam, dove avevano tralocato Sandro, Marina e Paolo.. la sigla originale magiara in versione cantata mi era stata proprio rimossa...

    Una menzione a parte per i doppiatori italiani... mitici quei "Aaladaar" e "Cristiiinaaaa" della signora Paula

    RispondiElimina
  4. no,ma quella con l'astronave che si gonfiava con il selz? e il mondo medievale bidimensionale dove avvelenano quello ? le cultura in pastiglie del mondo che va velocissimo.. sono in preda a una violenta tempesta di ricordi. Menomale è venerd'

    RispondiElimina
  5. Nebbia assoluta, non ricordo di avere mai visto questa serie o di averne sentito parlare. I miei ricordi in campo cartoon televisivo partono dai tempi in cui Paolo era già Pìolo ed era passato alle reti del Male... però che trip 'sta roba! XD

    RispondiElimina
  6. Io di questo cartone non ho nessun ricordo ma sicuramente Cronenberg l'ha visto!!!

    RispondiElimina
  7. Cosa hai tirato fuori!!! Me li ricordo i Mezil, il razzo gonfiabile e adesso anche Em Zi Trem. Il momento è più che mariomerolo, anzi mi sto fisicamente mariomerolizzando al ricordo.

    RispondiElimina
  8. ora so da dove arrivano BADILATE di citazioni! Hai capito gli ungheresi!?

    RispondiElimina
  9. Diamine Doc. il cartone lo ricordo ma non sapevo che fosse ungherese, eghè mia suocera è ungherese e mia moglie italoungherese quindi è facile che loro l'abbiano visti in lingua originale, stasera indago!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prova con il titolo originale del cartone (Mézga család). O con le foto.

      Elimina
  10. L'essere tecnorganico in agonia me lo sogno stanotte.

    RispondiElimina
  11. Aladar era il mio modello di vita da ragazzino e spero di esserci riuscito :-)

    RispondiElimina
  12. il fatto di aver visto e di ricordare perfettamente questo cartone mi fa sentire membro di una elite fottutamente ristretta...facciamo una loggia Mezilica...inventiamoci un saluto segreto! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è già! Se conosci il gesto del minollo, sei a posto...

      Elimina
  13. Li ricordo benissimo, la prima e la seconda serie le adoravo, la terza era molto sul così-così per i miei gusti personali, e credo che anche per qualcun altro visto che non c'è stata la quarta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cosa strana è che le tre stagioni non furono prodotte e mandate in onda una dopo l'altra. La prima serie è del '69, la seconda (con i viaggi nello spazio di Aladar) è del '72, la terza del '78.

      Elimina
    2. forse dipende dal fatto che, come i cartoni Disney d'altri tempi, andavano disegnati a mano e richiedevano un sacco di tempo... e questi non credo avessero i budget e la disponibilità di personale di una Disney!
      Magari è per quello... boh!

      Elimina
  14. Paolo Pugliese nostalgico27 settembre 2013 09:38

    Ma guarda cosa sei andato a trovare. La famiglia Mezil. Serie bellissima e divertentissima della quale non mi sono mai perso una puntata, a casa dei nonni, con la tv in bianco e nero. Prima di andare a piangere di là per la nostalgiacanalismariomerola, ti segnalo un altro cartone di culto, geniale e divertentissimo: Gustavo. Te lo ricordi, Doc?

    http://www.youtube.com/watch?v=_Eb6eGFmVDU

    RispondiElimina
  15. oh non so voi ma a me sto cartone quando ero rEgazzino mi metteva l'angoscia esistenziale.

    RispondiElimina
  16. Ma Mezil è una crasi di Mesut Ozil?

    RispondiElimina
  17. Era un ricordo un po' confuso (tipo: un cartone strano, con quella grafica un po' così, stop), ma la sigla finale, l'ingresso nella tv, è stata la mia madeleine...

    RispondiElimina
  18. Mai visto e sentito questo cartone ungherese ma il ragazzino è uguale a Dennis la Minaccia, basta cambiare solo il colore dei capelli.

    RispondiElimina
  19. Ho un vaghissimo ricordo di un episodio col bambino che arriva in un pianeta bidimensionale: bellissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. http://www.youtube.com/watch?v=1BWZmTf7w7A (doc, link dal tubo van bene no?)

      Elimina
  20. Me la ricordo molto bene la Famiglia Mezil. Mi ricordo in particolare l'episodio di Aladar che va sul pianeta dove tutto procede a ritmo accellerato.

    RispondiElimina
  21. Ma la fionda di Bart è copiata pure quella!!!

    RispondiElimina
  22. Non credo di averlo mai visto neppure per sbaglio (olè, sono nel gruppo dei giovani) ma posso dire con certezza che non è proprio il mio genere XD
    Questa volta passo allegramente ^^

    RispondiElimina
  23. Aladar e' anche il nome del protagonista di Dinosauri, della Disney.
    Onestamente ho riesumato vaghi ricordi di questo cartone solo grazie al post....ma sono interessatissimo al recupero, visto che appare un prodotto di rara psichedelia.

    RispondiElimina
  24. Finalmenteeeeeeeeeeeeee! Io e alcuni (pochissimissimi) amici non facciamo altro che ricordare la famiglia Mezil al cospetto di persone che ci guardano scioccate senza sapere di cosa si parli.
    E' un vero gioiello questo cartoon, la seconda seria è la mia preferita: da bambino invidiavo Aladar per il suo razzo gonfiabile e per la possibilità di visitare tutti quei mondi 'fuori di testa'.
    Grande Doc!

    RispondiElimina
  25. Grande, lo ricordo anche io con tantissima nostalgia! Doc, anche se vado OT e a rischio linciaggio, leggeremo mai qualcosa sulla serie telefilm "l'uomo da 6 milioni di dollari"?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, può essere. Giusto per risentire il suono che produceva durante i salti: tutututututuuuuu.

      Elimina
  26. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  27. Grande, lo ricordo anche io con tantissima nostalgia! Doc, anche se vado OT e a rischio linciaggio, leggeremo mai qualcosa sulla serie telefilm "l'uomo da 6 milioni di dollari"?

    RispondiElimina
  28. Non li conoscevo per nulla.
    Non ho mai avuto la possibilità di beccarlo in qualche rete locale.
    Buono a sapersi!

    RispondiElimina
  29. La scena finale del televisore e il riferimento all'astronave gonfiabile hanno fatto scattare l'impolverato e atrofizzato circuito mentale.
    Grazie per avermelo ricordato.

    RispondiElimina
  30. Ho anche io i cofanetti Yamatovideo, e devo dire che anche rivisti oggi sono cartoni pieni di inventiva, con in più il fatto che le stagioni durano poco (solo 13 episodi). Fatto questo che evita alla serie di diventare troppo ripetitiva. Forse solo la terza serie scade un po'. ma probabilmente per il fatto che l'idea di base non è convincente. Bravo Doc che peschi queste perle per gli incolti Ggiovani antristi.
    P.S.
    La mosca/tv è probabilmente una citazione del film "L'Esperimento del Dottor K"
    P.P,S.
    Per quanto riguarda il cinema non riesco a non fare il PDF ;)

    RispondiElimina
  31. Mamma mia Doc che mi hai tirato fuori! Il prossimo post, sulla mitica puntata sul pianeta bidimensionale,bellissima, bruschettissima, mariomerolissima😉

    RispondiElimina
  32. Grandissimo Doc! Diffondiamo il verbo.

    Da anni, tra me e i pochissimi amici che se la ricordano, citare la Famiglia Mezil è un tormentone che usiamo per fare un esempio di qualcuno fuori di testa.
    Di questa prima serie non ho ricordi. Ricordo super-vaghissimamente che adoravo la seconda serie e mi affascinava/irritava la terza, per via (mi pare) degli episodi non autoconclusivi.

    Comunque l'animazione dell'est Europa è un mondo vastissimo, da noi quasi totalmente sconoscuto.

    RispondiElimina
  33. Io ricordo che i Mezil all' epoca erano un grosso successo.
    Lo guardavo sempre , anche se era un cartone lontanissimo ( per disegni, trama) dalle mode dell' epoca.
    Le analogie con i Simpson ci sono, mi chiedo se Groening lo conoscesse ( e vogliamo parlare di Grattachecca e Fichetto che è una copia sputata di Squeek the mouse del nostro Mattioli ??).

    RispondiElimina
  34. Applausi a scena aperta per la famiglia Mezil.
    Peccato che ora sia entrato nel trip di Youtube, ma di questo ne vogliamo parlare??? Quando ho sentito la musichetta mi si è aperto un mondo di ricordi...
    http://www.youtube.com/watch?v=dqpMlDdCPVQ

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tofffsy e l'erba musicale!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! BOOOOOOOMMMMMM!
      Questo inserto batte la mariomeritudine del post del Doc 10-0, a parer mio! (Per non parlare del tasso di psichedelia)
      Cosa non mi hai ritirato fuori dai dendrini cranici!!!!

      Elimina
    2. Sì, ok, ma puoi evitare la selva di punti esclamativi da forum di regazzini, per piacere? Pensavo che per gli ultratrentenni l'uso ne fosse vietato dalla legge.

      Elimina
    3. Considerando la regressione immediata che mi ha provocato, erano volutamente e stilisticamente acconcissimi.


      (Giusto Cielo, se siamo diventati bacchettoni!) :P

      Elimina
    4. Te l'ho già spiegato anche in privato: hai atteggiamenti da troll. Non te ne rendi conto, ma sai essere anche più fastidioso dei troll veri. Perché quelli sono dei poveri minus habens e ci si fa una risata su, che gli vai a dire, ma mi aspetto che una persona colta si comporti in modo adeguato. Un giorno caschi dal pero e chiedi link per torrent, come se non sapessi perché non si fa. Un altro sono i punti esclamativi da bimbominchia. Un altro ancora te ne esci con i tuoi commentini teoricamente simpatici. E non vado a rivangare quelle storie vecchie, dei flussi di coscienza e di quelle altre cavolate che conosci bene. Vedi qualcun altro comportarsi così, qui dentro? No e sono centinaia di persone. Nessuno ti obbliga a leggere questo blog, né tantomeno a commentare le cazzate che scrivo. Ma se vuoi farlo, devi comportarti a modo come gli altri. Ho chiuso un occhio un sacco di volte, ma comincio ad averne fin sopra i capelli di quello che scrivi e di come lo scrivi, perché, giuro, sei uno di quelli che fanno passare la voglia. Non lo ripeterò più.

      Elimina
    5. Oki Doki.Passo e chiudo.


      T.F.A.

      Elimina
  35. 'Sti Hippies Ungheresi! Troppo avanti... troppo...

    RispondiElimina
  36. Non so perché ma il bis-bis-bis nipote vecchio mi ricorda qualcosa....Matt Groening citazionista!

    RispondiElimina
  37. che ricordi la famiglia Mezil, li vedevo tutti, si sono un vecchietto

    RispondiElimina
  38. Non conosco sta serie...
    Però che la puntata in cui Bart si fonde ad una mosca per colpa del teletrasporto, che sia una epic cit carpiata di Groening?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no vabbè, lì si va più in là nel tempo...
      http://it.wikipedia.org/wiki/L%27esperimento_del_dottor_K.

      Elimina
    2. Vabbè, dai, lì si cita La Mosca. Più che altro, abbiamo sgamato Cronenberg. Tutto il suo cinema viene dalla Famiglia Mezil, diciamolo. Daviduzzo uno di noi.

      Elimina
    3. (Fuor di gag: la Mosca è un remake del film degli anni Cinquanta citato da Andrea e Dablas. Dieci anni dopo, gli allucinati autori della Famiglia Mezil hanno voluto omaggiare il The Fly di Neumann)

      Elimina
  39. se piglio chi ha inventato la famiglia io lo faccio blu
    se piglio chi ha inventato la famiglia gliela canto su

    RispondiElimina
  40. Capolavoro!!! Basta, non dico altro.

    RispondiElimina
  41. Palmambrogio Guanziroli27 settembre 2013 12:58

    Famiglia moderna, tragedia all'antica...

    E dopo iniziava Dusty il canguro.

    RispondiElimina
  42. Questo non lo ricordavo o è troppo anche per me (classe 1982) o l'ho proprio rimosso...

    Comunque Grande!!

    RispondiElimina
  43. Fantastico post Doc. Davvero da magigi momenti mariomerola...
    La serie che più ho amato è stata senza dubbio la seconda, ma tutte e tre sono state epiche!
    Tuffo nel passato, e lacrimuccia commossa.

    RispondiElimina
  44. Momento Mariomerolo altissimo per me, grazie Doc. Una "rinfrescata" me l'ero fatta un paio d'anni fa, altrimenti oggi starei piangendo a dirotto.

    RispondiElimina
  45. Sì, ricordo, visto giusto qualche puntata; ricordo che parecchi anni dopo seppi che era un cartone ungherese.
    Un pochetto m'impressionò la scena del "microniano" punto con lo spillo, tanto da ricordarla ancora adesso. Meglio Voltron e MOTU per i miei gusti...
    Rimanendo sul perturbante, Doc, posso sperare in un bel post su Moby Dick 5? Sul tubo si trova soltanto la sigla e UNA puntata :( :(
    Sempre in tema di richieste, un bel post sull'Attacco dei giganti, così posso scrivere un bel commento?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scrivo il commento nel post di venerdì scorso? Oppure mi sa che hai già scritto un post all'Attacco e me lo son perso :( :(

      Elimina
  46. doc, prima o poi farai anche Sanpei?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non era uno dei miei cartoni preferiti, ma prima o poi non lo escludo.

      Elimina
  47. Rockeggiano i Mezil! Suonano come la bibbia dei cartoni comicici, devo vederli

    RispondiElimina
  48. @Degenerato al massimo
    Quella del prelievo di sangue la ricordo pure io e altrettanto distubante trovai la scena.
    La seconda serie con Aladar non mi piaceva gran chè, anche se so che è una ( forse LA) serie più amata dei Mezil.
    La piccolo la trovavo troppo naif e non sense, e non mi piaceva il cambio di registro rispetto alla prima serie ( ovvero il protagonista era solo Aladar cresciuto alle prese con avventure fantastiche e il resto della famiglia ciccia)
    Adesso, da adulto , mi piace di più.
    Però da piccolo la mia preferita era la terza che andavano in giro per il Mondo ( peccato per il cambio di doppiatori).
    Ma vedo che anche a te , Doc, da piccolo impressionava la scena delle palline colorate che simulavano le onde radio che viaggiavano nello spazio.

    RispondiElimina
  49. Doc, perché non fai un post sul primo episodio di Don Dracula ?
    Probabilmente molti antristi manco sanno chi è, però le scene da perculare in un tuo post ci sono tutte !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ce l'ho in lista da quando ne abbiamo parlato la prima volta, un anno fa o forse più. È una lista lunga, ma prima o poi ci arriviamo.

      Elimina
  50. Questo è uno dei tanti di cui ho sempre sentito parlare e non ho mai visto nulla quando era il momento.
    Ma giusto per sapere, Doc... la cel del cane che passa in PRIMO PIANO davanti ad Aladar e alla gamba di Kriszta nella prima immagine, viene dall'originale? Incredibile che non se ne siano accorti...

    RispondiElimina
  51. il fatto che questo post non sia nel tag " il primo episodio non si scord... eh?" mi preoccupa alquanto... :o

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ho scritto, questo è il primo di una serie di post sui Mezil. Fa rubrica a sé :)

      Elimina
  52. "Aladar trova una voce molto strana: ancora non lo sa, ma è in contatto col futuro."
    Che poi è la base della trama del film del 2000 "Frequency, il futuro è in ascolto", con Jim Caviezel (prima che diventasse Gesù e facesse altri film dimmmer--avigliosa fattura). Tra questa e la citazione del divano dei Simpson deduco sempre più che gli americani sono dei copioni...

    RispondiElimina
  53. Vacca putrella se me la ricordo, come ricordo la serie dedicata solo al figlio che con il missile gonfiabile sgattaiolava la notte sul tetto di casa con il cane.

    RispondiElimina
  54. Il termine stagione è fuori luogo

    RispondiElimina
  55. Grande amarcord! Il cartone più geniale di sempre!!!

    Ogni puntata c'era una trovata al limite del delirio! :-) Anni luce avanti per la sua epoca!

    RispondiElimina
  56. Uff, avevo scritto un commento di tristezza per il bambino (io) che guardava la famiglia Mezil inconsapevole della brutta piega che avrebbe preso la sua vita in futuro e poi ho cliccato su "esci" piuttosto che "pubblica... comunque, grande cartone da ricordare a chi c'era e presentare a chi non c'era.

    RispondiElimina
  57. Finalmente: è ora che la famiglia Mezil abbia il suo giusto spazio! Altro che i Griffin o gli altri prodotti originarotfl di MacFarlane.
    Doc, ma ricordo che con l'andare delle puntate man mano alcune hanno risvolti malinconico-sociali inaspettati e "maturi" per un cartone di rEgazzini (tipo ad es. alcune puntate allucinate di Lamù). Ti risulta?
    Ah, una cosa che non si finirà mai abbastanza di dire: LA SIGLA! QUELLA SIGLA, signori! Che una volta entrata in testa non ne esce prima di almeno 24-48 ore!

    RispondiElimina
  58. Me la sono riguardata di recente, io ricordo la casa gierevole tutta automatizzata...Un sogno che loro naturalmente faranno finire in va**a...Però era un bel cartone, peccato non abbiano fatto altre stagioni.

    RispondiElimina
  59. Doc, ho diffuso il verbo sul mio profilo fb, perché ricordo bene questa serie di cartoni. Ero un giovincello! Infatti i commenti migliori si riferiscono al fatto che ora sono diventato molto simile a Sandor. :)

    RispondiElimina
  60. Ginny Hermione8 ottobre 2013 09:57

    Mentre digito sto risentendo la sigla su Youtube, e segnalo fra i risultati correlati, per chi volesse vederseli, alcuni episodi. Mi sa tanto che vado anch'io a rivedermeli.

    RispondiElimina
  61. Mamma mia quanti anni, in effetti i Mezil erano i Simpsons di quegli anni. Devo dire che di tutte le serie preferivo la prima e la terza, la secondo con Aladar cresciuto sembrava più uno spin.off ante litteram. Anche se devo dire che all'epoca sarebbe piaciuta anche a me avere un'astronave gonfiabile ed esplorare lo spazio.

    RispondiElimina
  62. Grande! Spero in un seguito che i Mezil, anche tra gli over 35, sono ricordati da pochi, almeno basandomi su vari miei amici. Alcuni anni fa, mi pare il 2004, da queste parti (Campania Infelix) furono rimandate tutte e 3 le serie da una rete privata, mi pare Canale Napoli 21 o Telecapri... Spero in un prossimo episodio.
    PS: Ma questo post può anche essere classificato come "la prima puntata non si scord..."?

    RispondiElimina
  63. STUPENDI!!!! Quanti ricordi... da piccina il mio cartone preferito!!!

    RispondiElimina
  64. Questi hanno il cane parlante come i Griffin! Plagiati sia da Matt Groening che da Seth McFarlane!

    RispondiElimina
  65. A mio modesto parere, i disegni de "La famiglia Mezil" ricordano quelli della nostrana Maria Grazia Nidasio.
    Lo penso solo io?

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails