lunedì 7 gennaio 2013

67

Le citazioni di Lamù

Lamù, la serie animata, era una serie bellissima non solo perché la sua protagonista era l'eroina più seSSi di tutto il mondo dei cartoni (soprattuttamente con la prima voce). O perché il suo protagonista non era il solito precisino della fungia coi capelli con le punte, ma la versione giapponese e superdebosciata di Alvaro Vitali. O per i millemila personaggi, uno più fuori di melone dell'altro (Kurama? Shutaro Mendo, che all'inizio sembra un tizio nobile e invece era solo un Moroboshi coi soldi e, uh, un esercito privato di nazisti? Il Tritone?). Ma anche e soprattutto perché quando ti mettevi lì a guardarne un'episodio (all'inizio - 1983 - dai nonni a Sorrento, perché lo davano solo su Telecapri), dopo la sigla misteriosa Lamù, la ragazza dello spazio cantata del cantante misterioso, non sapevi mai che diavolo potesse venirne fuori. Allora magari non potevi accorgertene, ma tra una follia e l'altra, una folgorazione di Ataru e Sakurambo che agitava i ventaglietti giapponesi ubriaco, ci stavano anche un frappo di citazioni di altre serie anime o di film di successo: ne hai trovato un elenco su wikipedia e ti sei andato a cercare, episodio per episodio, alcune tra le scene in questione più pheeghe. Dice: tipo? Beh, tipo quelle in cui saltano fuori Ken il Guerriero, Rocky Joe, Creamy, Gundam e Gesù [...]
Episodio 66 (o 43 secondo l'altra numerazione. Siccome i primi episodi erano divisi in due storie da dieci minuti, esistono due conteggi diversi delle puntate, che diventano quindi in totale 195 o 218), "Quei gatti sui tetti che scottano". Ataru e il gatto muscoloso Torajima si sfidano in un incontro di boxe sul tetto della casa dei Moroboshi, per liberare lo spirito di una ragazza gatto. Il match è tutto una citazione di Rocky Joe,
con Sakurambo nei panni di Danpei Tange,
Ataru con l'occhio spento quando rimedia i cartoni
e ovviamente il pugno incrociato finale. Solo che il gatto tigrato guercio c'ha il braccio corto e ciao.
I primi tre film di Guerre Stellari erano citati a nastro, perfino in una delle sigle. Nell'episodio 112 (89), "Accadde una notte tra Ataru e Lamù", gli ammiratori di Lamù (Megane, Chiba, Perma e Kakugari) cadono in una specie di frenesia collettiva e immaginano di vivere delle scene della saga. L'occhialuto Megane diventa così Han Solo al pozzo del Sarlacc (al posto di Luke Skywalker, ma non sottilizziamo), prima che parta un turbine rapidissimo di citazioni, 
che si chiude con questa bella immaginetta TERRIFICANTE qui.  
Episodio 181 (158), "Amo Shinobu!". Il gatto Kotatsu affronta uno dei compagni di classe di Ataru, Kenshiro, 
che in effetti, al di là del nome, ricorda qualcuno
  Naturalmente lo scontro vede vincitore il gatto
Un altro personaggio tirato fuori molto spesso negli episodi era Superman. Nella puntata 209 (186), "Il sogno di Ten", il piccolo, insopportabile cacameenchia sputafuoco indossa il costume del kryptoniano e vola più veloce di un treno e poi dello shuttle. Prima di schiantarsi contro un asteroide di passaggio. (Lolle, sooca)
Superman appare anche nell'episodio 55 (34), "La rivolta dei personaggi", assieme a una miriade di altri tizi famosi. Qui sopra vediamo l'Uomo-Ragno,
 qui Peter Pan
 qui Ultraman
Sempre nella puntata 209 (186), "Il sogno di Ten", per una frazione di secondo salta fuori da un cassonetto questa tizia in bikini con casco, alette e capelli verdi. Sei sicuro di averla già vista da qualche parte, ma non ricordi dove. Vi dice niente?
Episodio 87 (64), "Il cambio di guardia". Sul tetto della scuola gli alunni assistono a un combattimento tra Gundam e uno zaku sul palco di un teatrino
Puntata 105 (82), "Inconvenienti della gelosia". Tutta la banda è al mare: non lasciatevi distrarre dalla dottoressa Sakura e guardate le due ragazze lì a destra: sono Yu Morisawa e il suo alter-ego Creamy Mami
Godzilla e i suoi compagni di merenda atomica sono un'altra presenza più o meno fissa in tutta la serie. Qui - puntata 209 (186), "Il sogno di Ten" - Ataru e Ten giocano con i burattini di Godzilla e Rodan.
All'inizio dell'episodio 93 (70), "Vecchi rancori", c'è una partita di baseball di Tobimaro Mizunokouji, rivale di Shutaro Mendo. Proporzioni deformate e inquadrature sghembe sono un omaggio a Tommy, la stella dei Giants.
Durante una fuga a rotta di collo - episodio 181 (158), "Amo Shinobu!" - Sakurambo incrocia prima un robot, quindi Lupin e Jigen sulla Cinquecento
  e infine... un Gesù in boxer iscritto a X-Factor? Boh.
Puntata 65 (42), "Salsa piccante". Il professor Onsen Mark perquisisce gli armadietti degli alunni: in uno spunta un completo leggermente simile a  quello del bressler Tiger Mask.
Puntata 129 (106), "L'amnesia di Lamù - seconda parte". Mendo tiene prigioniera Lamù, che ha perso i ricordi dopo esser precipitata con il suo ufo. Ataru, Megane e gli altri ammiratori muovono guerra alle truppe (di SS) di Mendo, e Moroboshi entra nella tenuta in sella a una moto da cross, saltando la recinzione come nel film La Grande Fuga.
Episodio 185 (162), "Acquisti per corrispondenza": Lamù appare per qualche istante nei panni post-apocalittici di Nausicaa della valle del vento. Applausi. La prossima volta che qualche giovane appassionato di manga e anime col ciuffo vi dice che le serie di una volta facevano tutte schifo, prendete possesso del primo computer o dispositivo altro collegato all'internet che trovate, aprite un episodio a caso sul Tubo e mostrateglielo.
Poi assumete un'espressione severa e colpitelo fortissimo dietro la nuca con un coppino a mano aperta. È per il suo bene, tranquilli.

67 commenti:

  1. Ah ah, mi piacevano un sacco le chicche come queste in Lamù :) Oltretutto mi pare che l'autrice facesse fare anche delle comparsate ai personaggi di altre sue opere precedenti :)

    RispondiElimina
  2. Ovviamente, da piccolo ne coglievo poche di queste chicche. La citazione di Nausicaa vince a stretta misura.

    RispondiElimina
  3. GRAN BEL POST DOC

    dal titolo ero convinto parlassi delle citazioni delle leggende giapponesi(Kintaro,Oyuki) invece ti giuro che ci sono rimasto di sasso vedendo kenshiro e star wars O.o

    RispondiElimina
  4. Mi son sempre fatto distrarre da immagini tipo la dottoressa Sakura, perdendomi gran parte di queste grandiose citazioni.
    Spettacolare Moroboshi/McQueen!

    RispondiElimina
  5. Elisabetta:
    Esatto. Godai e Kyoko di Maison Ikkoku, ad esempio, appaiono nell'ultimo episodio.

    RispondiElimina
  6. Bellissimo post post-rientro.
    Approfitto per segnalare, per chi non l'avesse visto, il bellissimo lungometraggio "Lamù beatiful dreamer", tramite cui Oshii piega i personaggi di Rumiko Takahashi alle sue poetiche

    RispondiElimina
  7. Non ricordo il numero, ma in una delle ultime puntate compare Ralph SuperMaxyEroe.
    Ricordo che ci rimasi,non pensavo una serie americana minore fosse conosciuta in Giappone

    RispondiElimina
  8. Modalità precisino della fungia: ON

    Attenzione: il pupazzetto alato non è Rodan bensì Gyaos, ovvero il vampirone spaziale nemico di Gamera.

    Modalità precisino della fungia: OFF

    Per il resto...sei cattivo non puoi farci cominciare la settimana con una botta di nostalgiacanalis come questa....

    RispondiElimina
  9. Ottimo post! Segnalo pure Ataru vestito col completino giallo di Bruce Lee nell'episodio dove lotta per conquistare la sorella di Mendo...!

    RispondiElimina
  10. Purtroppo Creamy non riesco proprio a vederla :)

    RispondiElimina
  11. Bei tempi, quando Rumiko Takahashi era un mito con i suoi anime e manga.
    Ho idea che mi devo rivedere tutto Lamù.

    @Doc
    quando è che Leopaldon torna dalle ferie e provvede a dare qualche risposta.

    RispondiElimina
  12. Giusto perché il mio sogno è di partecipare a un post del Doc:

    Credo che Mendo, col suo esercito privato e i suoi atteggiamenti, sia una citaparodia di Yukio Mishima.

    Ecco, adesso posso morire felice :-)

    RispondiElimina
  13. Il citazionismo in Lamù è un argomento quasi infinito.

    Vogliamo parlare di "E poi non ne rimase nessuno", spettacolare citazione di "10 Piccoli Indiani" con tanto di Lamù morta in una vasca da bagno piena di schiuma.

    Lamù era arte. Punto.

    RispondiElimina
  14. Confermo la deviazione bruceliana del mitico Moroboshi in un episodio dichiaratamente ispirato a L'ultimo combattimento di Chen. Ecco le prove dalla regia:

    http://xoomer.virgilio.it/luciote/Nunchaku/Lamu.jpg

    RispondiElimina
  15. E' bello rivedere Chichi (futura moglie di Goku) quando era piccola era meglio, in effetti...
    sempre adorato Lamù... "Sarà una giornata moooooltooooo brutta"...

    RispondiElimina
  16. E cominci così dal nulla a parlare dell'UNICA serie? Ci vorrebbe uno specialone di un mese per rendergli grazie e onore. Tipo: il primo episodio, la serie completa (ah perchè non fai una rubrica anche sulle serie complete oltre che sui primi episodi?). E diciamola esattamente come stava. Si guardava soprattutto, non per capire cosa sarebbe successo ma, nella speranza di vedere una qualsiasi tetta. Nel delirio immenso di questo capolavoro ineguagliabile.

    RispondiElimina
  17. Dico solo un'altra cosa. "Un Natale mozzafiato". Basta?

    RispondiElimina
  18. Lentamente, da anni, mi sto guardando tutta la serie in giapp coi sottotitoli. Continuo a credere che Lamù sia la serie che meglio imbriglia i vettori creativi dei tre decenni '60,'70,'80. C'è semplicemente tutto, c'è una potenza corale che parte dall'ambientazione scolastica per estendersi al mondo intiero della cultura di massa.

    Puntata 29, la gardenia innamorata. Ricordo almeno un altro Superman e Arale. Chissà se esiste un lavoro organico di documentazione delle citazioni.

    RispondiElimina
  19. Ma la ragazza con casco e bikini è proprio Chichi?
    Fantastico post e fantastica Lamù ovviamente!

    RispondiElimina
  20. La tizia con le ali che spunta dal cassonetto mi ricorda sia Wingman di Masakazu Katsura che Dunbine di Yoshiyuki Tomino, due titoli che dal punto di vista cronologico sono compatibili con la messa in onda di quella puntata di Lamù.

    La gattina antropomorfa della prima citazione mi ricorda invece Bagi di Osamu Tezuka, ma non so se all'epoca della messa in onda giapponese di quella puntata Bagi fosse già uscito.

    E non parliamo di tutte le citazioni da otaku delle armi della seconda guerra mondiale, soprattutto di mezzi nazisti come i carri armati Tiger e i bombardieri in picchiata Stuka. Cosa che in effetti mi ha sempre un pò inquietato.

    RispondiElimina
  21. Drakkan:
    E chi lo sa. Chi lo capisce, quello?
    Auguri di pronta guarigione ditica, intanto! :)

    MANf:
    Auguri di pronte condoglianze, intanto! :)

    Fergus:
    Chairaggione. Stasera correggo.

    Wasp:
    La prima, prima o poi, sicuro. Tutte le puntate no way. Parliamo di duecento episodi circa: mi scoccerei tipo al quarto o quinto. Magari, più in là, mi piacerebbe scrivere qualcosa sui film e gli OAV, guardandomeli in fila. Vediamo.

    RispondiElimina
  22. Ok... Ora voglio rivedermi tutta la serie!

    RispondiElimina
  23. Mode PdF ON

    Il cristo citato, non è davvero il Figlio del Megadirettore Galattico, è solo il regista della serie, che si è divertito a ritrarsi così, perchè soggetto al martirio delle scadenze pressanti ^^

    Mode PdF OFF

    RispondiElimina
  24. E inoltre...

    ...Via col Vento?

    http://i47.tinypic.com/nmivq9.jpg

    La Guerra dei Mondi?

    http://i50.tinypic.com/t7mzjc.jpg

    E addirittura Xabungle, sempre di Tomino, il che mi fa propendere maggiormente verso l'ipotesi che la tizia con casco e alucce sia proprio una fatina di Dunbine. (Ma Chichi dove, scusate?)

    http://i48.tinypic.com/vdfiqb.jpg

    Inoltre ricordo di citazioni anche verso 2001 e Star Trek, ma non riesco a trovare immagini relative...

    RispondiElimina
  25. @Kon: no, la gatta non è Bagi. In Giappone la puntata andò in onda il 22 settembre 1982, mentre Bagi uscí il 19 agosto 1984.

    Anche a me la tipa con le alette ricorda qualcosa, ma di sicuro non è Chichi di DB.

    RispondiElimina
  26. Un'altra citazione è quella della serie televisiva Kozure Ōkami (conosciuto in Italia semplicemente come Samurai) in un episodio di cui non ricordo il titolo in cui Ataru si avvelena mangiando un dolcetto preparato da Ran e destinato a Rey. Lamù partendo in cerca di una cura si incontra con alcuni personaggi grotteschi, tra cui anche la parodia del samurai in questione anche qui in compagnia del figlioletto (dotato di un testone enorme per l'occasione).

    RispondiElimina
  27. Kon
    Whoops... E' vero non è Chichi, ma ci somiglia...
    non avevo notato le robe dietro la schiena...
    Se no è uguale, (forse un pò più alta).

    RispondiElimina
  28. Grazie Doc e vediamo quando si degna di rispondere quel Minollo di Leopaldon.

    RispondiElimina
  29. !che spettacolo!
    Grazie per questo post!

    RispondiElimina
  30. Rainbow Stalin7 gennaio 2013 12:46

    Tra l'altro questa è la ragione per cui sono tornato ad apprezzare Lamù (o anche Ranma 1/2, per dire) molto di più in età adulta rispetto a quando ero bambino.
    Alcuni di questi episodi me li persi, ma ricordo distintamente quello di Rocky Joe e quello con i vari personaggi di fantasia. Tra l'altro, mi sa che vidi Ken prima qui che nella serie "vera", per cui feci il collegamento opposto: "ah, ma questo è quello di Lamù!"

    RispondiElimina
  31. E chi ci ha a fatto caso!
    Alcune sono eclatanti, altre le deve vedere con il lanternino

    RispondiElimina
  32. Purtroppo di Lamù ricordo molto meglio il fumetto, di cui ho la serie completa, piuttosto che il cartone, di cui ho visto poche puntate.

    Ma adesso m'è venuta la curiosità di guardare gli episodi citati in questo blog, quasi quasi...

    RispondiElimina
  33. Io mi ricordo che in un episodio (mi pare si intitoli "Ricordi del passato") Ataru si trasforma in Devilman.

    RispondiElimina
  34. Paolo Pugliese7 gennaio 2013 13:59

    Che splendido cartone era Lamù, non solo per l'ironia maliziosa ma anche per le sceneggiature imprevedibili e fuori di testa, così come erano i personaggi, molto macchiettistici nei confronti di determinate categorie umane: il riccastro, l'arrapato, il maschiaccio, l'otaku, la dottoressa bona e via dicendo.

    Ricordo che anch'io (tanti anni fa, ahimè) mi accorsi che qua e là erano inserite citazioni di altri personaggi di anime o manga o anche film. Le citazioni che ricordavo su Ataru-Bruce Lee, Gundam e Dieci Piccoli Indiani (che bellissima puntata, da brivido) le hanno già segnalate.
    Ne aggiungo qualche altra:

    - il riferimento a My Fair Lady (con tanto di abito) nella puntata in cui il professore grasso di Ataru si mette in testa di rendere la figlia maschiaccio del bidello una ragazza elegante e raffinata.

    - la satira verso gli zombie-movie nella puntata nella quale Ataru, Lamù, Mendo, Shinobu e gli altri vengono attaccati da un'orda di patate vampiro-volanti, durante una notte in campagna.

    - il citazionismo di personaggi in armatura come Tekkaman/Kamen Rider nella puntata dell'avvicendamento come capoclasse tra Ataru e L'occhialuto Megane, con quest'ultimo che equivoca pensando ad un fidanzamento con Lamù e si scontra con un'orda di suoi ammiratori indossando un'armatura di sua invenzione, tra l'altro anche molto bella.

    - Il riferimento a Ciclope degli X-Men quanto Perma (mi pare si chiami così) interpreta un personaggio di un film di fantascienza prodotto da Ataru e gli altri in cui indossa occhialetti spara-laser.

    - infine, nella puntata in cui Ataru parte per il pianeta di Lamù a bordo dell'astronave di Ten per impedirne il fidanzamento, mi è sembrato che uno dei suoi pretendenti (il re scavatore) sia una parodia di quel famoso videogioco coin-op degli anni '80, nel quale c'era un omino con piccone che scavava gallerie e doveva far cadere le mele addosso ai mostri che lo inseguivano.

    RispondiElimina
  35. Paolo Pugliese7 gennaio 2013 14:02

    @ Mattley
    In realtà, la citazione è quella del manga LONE WOLF & CUB di Kazuo Koike e Goseki Kojima, dal quale fu poi tratta la serie televisiva che citi.

    RispondiElimina
  36. Intanto, Creamy e io abbiamo avuto una relazione....
    Poi... Sakura mi ha rovinato la vi(s)ta, la puntata al mare dove fanno la sfida al ristorante e lei si presenta con un costume con lo spacco a V che parte dal pube e la carrellara di profilo con tutte le curve al posto giusto ancora riecheggia violento nella mia testa....

    RispondiElimina
  37. @AkulTheSoreLoser ha detto...
    "Vogliamo parlare di "E poi non ne rimase nessuno", spettacolare citazione di "10 Piccoli Indiani" con tanto di Lamù morta in una vasca da bagno piena di schiuma."

    Madonna cosa mi hai fatto ricordare! Questo fu il primo episodio di Lamù che vidi in assoluto senza sapere nulla della serie, tanto che pensai che si trattasse di una serie decisamente drammatica e angosciante.
    (Ovviamente il giorno dopo scoprì che non era esattamente così. asd)

    Ogni tanto, solo nella serie animata, c'erano degli episodi horror-thriller davvero inquietanti.
    Qual'era quello dei protagonisti in vacanza in montagna dove spuntavano quei... boh... tuberi assassini?

    Immeansa Lamù.

    RispondiElimina
  38. Ah, Paolo Pugliese aveva già citato i "tuberi assassini" parlando di patate-vampiro.

    Mi piacerebbe davvero rivedere l'intera serie, dato che il manga, pur straordinario, era più monocorde nel suo tono comico, senza le geniali e sconcertanti deviazioni drammatiche e romantiche dell'anime.

    RispondiElimina
  39. Uomo dal cuore calmo come l'acqua immota7 gennaio 2013 14:44

    @Adriano: ah, quanti ricordi, la puntata dell'abbuffata infernale!

    http://www.youtube.com/watch?v=TYxQYPqovNs

    RispondiElimina
  40. @Uomo dal cuore calmo come l'acqua immota
    Non si fanno certe cose.... Me so sentito male....
    SBAV

    RispondiElimina
  41. "Il tavolo numero 2 si è arreso...."
    Enzo Garinei tra i doppiatori!

    RispondiElimina
  42. Che poi è pure questa una citazione, Le Dodici Fatiche di Asterix....

    RispondiElimina
  43. Accidenti, qualcosina ricordo di averla notata ma non così tante citazioni, è anche vero che mi facevo distrarre dalle curve di Lamù e delle altre donzelle e a dirla tutta credo di non essere riuscito, ai tempi, a vedere tutta la serie completa ma solo episodi a giorni alterni.

    RispondiElimina
  44. @Wasp
    "Un Natale Mozzafiato" va contro tutti i miei principi, sia per come va a finire ma sopratutto perchè all' epoca e purtroppo anche oggi mi da un fortissimo momento emozione© Ataru che non fa volare via Lamù per passeggiare con lei sotto la neve.
    Ripensiamo a Sakura in costume và che è meglio....

    RispondiElimina
  45. Uno dei cartoni più belli di sempre.
    E' l'antidepressivo più efficacia che conosca.

    Mistero assoluto sull'interprete della sigla.Su sigle.net (o un forum simile) si ipotizzava che la velocità di esecuzione fosse leggermente più alta e che a velocità giusta si riconosce....(boh non ricordo più):-P.

    Io ho i primi 3 box,devo decidermi a comprare gli altri °_°'

    RispondiElimina
  46. Il mistero della sigla di Lamù è ancora in corso, ma si sta battendo una pista promettente.

    Per chi volesse tenersi aggiornato, la discussione è sul forum delle sigle

    http://forum.sigletv.net/viewtopic.php?f=1&t=365&start=5725

    RispondiElimina
  47. Lamù era una delle serie anime cult degli anni 80: era uno dei mie cartoni preferiti dell' epoca e il suo principale fattore vincente, come ha rimarcato il Doc , era fosse davvero, ma davvero imprevedibile : le vicende spaziavano dalla commedia sexy al romantico, alla fantascienza, all' horror, alla parodia spicciola e chi più ne ha più ne metta.
    Anche il canovaccio da "guardie e ladri" di molti episodi aiutava.
    Il merito era sopratutto del primo regista, Mamoru Oshii, che intuì che con questi personaggi si poteva fare davvero di tutto.
    Ed ecco arrivare episodi molto belli e anche originali come quello sulla mamma di Ataru, "e poi non rimase nessuno " omaggio ai 10 piccoli indiani della Cristie ( e pure il titolo italiano omaggio quello della prima edizione nostrana del racconto).
    E già che ci sono, vorrei far notare una cosa particolare che nessuno in Italia ha mai menzionato e che svelo in prima tv qui sull' Antro: si tratta dell' episodio 74 " un lavoro affascinante" dove si cita niente meno che il romanzo jap " il meraviglioso paese oltre la nebbia" di Kashiwaba Sachiko, e da cui, anni dopo, Miyazaki trasse il film " la città incantata".
    Infatti Ataru viene assunto come pulitore di schiene in un bagno pubblico molto particolare, come accade a Chihiro nel romanzo della Kashiwaba.
    O almeno, dovrebbe citare il romanzo, se non fosse che stando a Wikipedia, esso è del 1987, mentre questo episodio di Lamù è uscito anni prima.
    Eppure le similitudini tra le due storie ci sono c' è pure il tram solitario come nel film di Miyazaki.
    Qualcuno , a stò punto, direbbe che è MIyazaki che copia, ma sinceramente, non me lo vedo il Maestro intento a guardarsi Lamù ( a Miyazaki fa schifo il 99% dell' animazione jap, le uniche cose che apprezza sono gli anime che realizza lui e l'amico Takahata...)
    Chiamate Giacobbo !

    RispondiElimina
  48. Fa.Gian:
    L'argomento mi ha sempre incuriosito ma... meico, duecentoventordicimila pagine di thread :D

    Sam:
    Saranno stati i cavalieri templari di Nazca.

    RispondiElimina
  49. @Sam
    sei un mito, magari lo scrittore del libro che ha copiato Lamù. La teoria del Doc non è da scartare anche se i Maya non sono affidabili, come è stato ampiamente dimostrato.

    RispondiElimina
  50. c'è una puntata,non ricordo quale dove megane si costruisce un armatura che on chiaro riferimento a star wars per l'elmo è per un altro personaggio di altri cartoni, doc sveli l'arcano?

    RispondiElimina
  51. La serie di Lamù ha avuto un crollo dopo l'abbandono di Oshi in favore di Kazuo Yamazaki, dove abbiamo avuto sì un miglioramento nei disegni e animazione, ma le trame si fanno più noiose e prevedibili.
    Yamazaki cerca di imitare lo stile surreale di Oshi ma appunto imita e basta.
    I personaggi che più risentivano di questo passaggio di consegna erano gente come Sakurambo e Megane, molto diversi dalle versione manga ( Megane spariva dopo pochi capitoli ed è da notare che in originale era doppiato da Shigeru Chiba, attore feticcio di Oshi che compare pure nel live di Kerberos, diretto sempre da Oshi).
    Certo che a pensare che il regista di film come Avalon un tempo ti faceva Lamù e Creamy ( uno dei personaggi della serie è la sua caricatura) .... e a proposito: la tipa con le ali da fatina, mi sa che è un personaggio originale messo lì al momento: spesso mettevano original charater nella serie , invece di personaggi presi da altri anime/manga.
    E poi le fatine in bikini all' epoca erano molto di moda, i giappi le infilavano ovunque si poteva ....

    RispondiElimina
  52. Doc, la discussione ha anche un altra sezione col riassunto, ma in soldoni si può riassumere con:

    non si è trovato NESSUNO che sapesse qualcosa su quella benedetta sigla.

    Tutti gli autori, musicisti, dipendenti di case editrici dell'epoca ecc. ... hanno detto di non avere la più pallida idea.

    Di recente è uscita una nuova pista, sembra che l'adattamento (e sigla, ma non è certo) siano state commissionate dalla "Corona Cinematografica", ditta che, tra gli anni '60 e '90, avrebbe realizzato diversi prodotti per cinema e TV, soptattutto montaggi di film animati pre-esistenti, ma anche prodotti nostrani, tipo il mitico "Il nano e la strega" di Gibba, e documentari.

    Pare che avessero una gestione abbastanza "elastica", questo porterebbe a pensare che Lamù sia stata importata in maniera non proprio... legale, da qui tutte le reticenze incontrate finora.

    L'archivio della Defunta Corona, è però disponibile (a fatica) presso la cineteca di Bologna, e alcuni utenti stanno cercando di consultarla per trovare riferimenti.

    Un primo riassunto delle ricerche fatte, è alla pagina 229, della discussione linkata.

    Ma la storia continua...

    RispondiElimina
  53. E per i più pigri, posto questo stralcio, ma vi avverto che si tratta di una pia speranza, NON CI SONO PROVE CHE SIANO QUESTI I CREDITI DELLA SIGLA, nè che sia una versione preliminare della stessa:


    «Quanto a Marino Vittorio ha sempre scritto musiche di background strumentali e poche canzoni. Certo il titolo "ora è difficile amare" come metrica è perfettamente aderente a "com'è difficile stare"; messi insieme costituirebbero due ottonari in rima baciata.
    dall'archivio SIAE:

    ORA E DIFFICILE AMARE Titolo originale
    Codice ISWC: T-005.863.415-3
    Autori ed Editori Qualifica Codice IPI
    MARINO VITTORIO Compositore Musica (C) 00037352784
    MARINO VITTORIO Autore del Testo (A) 00037352784»

    RispondiElimina
  54. Piccolo momento nostalgia canalis,la prima volta che ho visto Lamù è stato in treno sul braccio tatuato di un ragazzo. Ero piccolissima e viste le cornine e il vestito leopardo per anni ho creduto fosse un personaggio satanico #fervidaimmaginazione

    RispondiElimina
  55. Peccato, attendevo il finale col botto con una citazione alle fettine panate.

    RispondiElimina
  56. Ok, comprensibile in effetti. Per quel che riguarda i film a mio parere, Beautiful Dreamer è un capolavoro. Ho sempre trovato invece un pò deboli gli oav (stesso discorso per Ranma ad esempio).

    RispondiElimina
  57. La puntata di Natale è una delle più belle in assoluto! "Ma ne sono diverse". Appunto!

    PS. C'è una puntata dove la madre di Ataru svenendo passa da un universo parallelo all'altro. Ho sempre sospettato fosse una giga-citazione di qualcosa (Lynch a parte), al di là dei singoli universi. Qualcuno ne sa di più?

    RispondiElimina
  58. Doc. Questo post mi ha svoltato il ritorno a lavoro!
    Lamù sia manga che anime ha una spassosità difficile da eguagliare. Che nostalgia canalissima

    RispondiElimina
  59. Doc. Questo post mi ha svoltato il ritorno a lavoro!
    Lamù sia manga che anime ha una spassosità difficile da eguagliare. Che nostalgia canalissima

    RispondiElimina
  60. Perdona la ripetizione, ma Lamù è LO anime definitivo.

    PS: Mazinger Z

    RispondiElimina
  61. Kate e Julie di Dirty Pair, dall'ultimo episodio.

    RispondiElimina
  62. Fa.Gian.:
    Grazie mille per il bignamino: seguirò gli sviluppi sul forum. Forza ragazzi, usciteci la verità! :)

    RispondiElimina
  63. Posto che il più grande capolavoro della Takahashi sia Maison Ikkoku, che dire? Non basterebbero migliaia di elogi per questa autrice. La nostra generazione non la ringrazierà mai abbastanza, lei e tutti i suoi colleghi che, negli anni '70/'80 ci hanno regalato dei veri e propri sogni. Continuo ad amare i manga e gli anime, ma tra le serie contemporanee e queste "vecchiotte" c'è un abisso. E non si tratta di effetto nostalgia, è un dato obiettivo. Un solo coppino a mano aperta al giovane fan moderno di manga e anime non basta, ci vorrebbe minimo un colpo tipo "Cento coppini sacri di Hokuto"

    RispondiElimina
  64. Anche nei film c'erano delle chicche non da poco, ad esempio in "Beautiful Dreamer" con Darth Vader che si fa visitare da Sakura, la citazione al Frankenstein del 1931 con Ataru-mostro assieme a Lamù bambina, oppure i vari alieni che appaiono nel primo film "Only You" tra cui anche un robottone gigante nella scena del matrimonio che mi ricorda tanto Albegas (sarà per la lettera greca in fronte).

    RispondiElimina
  65. sì, doc. Ma adesso potresti fare la stessa cosa per Gigi La Trottola. Farebbe davvero riderissimo

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails