domenica 28 ottobre 2012

17

Bologna - Inter, 1 - 3: giapponesi nella nebbia

Con l'atteso, devastante, per 80 minuti impercettibile
ritorno in campo di Nagatomo
Il fortino di Stramacciò trasferisce torrette di guardia, abbeveratoi, guide indiane alcolizzate e un libero come ai tempi di Gigi Simoni sotto l'acquazzone di Bologna, per cercare un'altra vittoria che faccia esplodere un po' di fegati e gli permetta di trollare di nuovo Varriale in diretta. Prima di parlare della partita, però, una preghiera: smettiamola con le battute facili sulla Rubentus, ché poi la gente ci rimane male e ti scrive su twitter che... uh, ci è rimasta male. La gara: il primo tempo è un primo tempo fatto di grandissime emozioni, almeno per chi ama abbioccarsi davanti al televisore. Il cronista di Sky, Gerry De Rosa, non fa però a tempo a finire la sua decima frase di elogio consecutiva per la squadra di casa - affidata alla verve realizzativa di Pippardino - che Ranocchia infila di testa su punizione il gol dello 0-1. Dalla stessa zolla di quello segnato da Samuel nel derby: facciamo i gol tutti uguali, tipo videogioco di calcio da bar dei primi anni 90. Vergogna [...]
Per la rubrica settimanale "Teste di Cippa pronte per il Milan", Taider (G7)
Nel primo tempo non succede grossomodo altro, mentre il secondo si apre con il raddoppio di Milito, che scarta il cioccolatino perugina piazzatogli lì davanti alla porta da un contropiede di Palacio. 24° gol su 30 partite per il Principe nel 2012: MONETIZZARE SUBITO. AL 13° il Bologna riaprirebbe la gara con Cherubin, su assist del potentissimo potere gufante lanciato per par condicio sui nerazzurri dal devastante De Rosa: nell'esatto istante in cui glorifica Manonevic, il portierone interista esce a farfalle. Ma al 16° scatta un rissone budspencero tra le panchine e vengono espulsi l'allenatore dei rossoblù Pioli (che di faccia è tipo un Di Natale tra dieci anni), Beppe Baresi, il medico del Bologna e un sacco di altra gente di cui, sinceramente, anche sticattsee. Nella muina, Cambiasso ne approfitta per infilare con un colpo sotto la terza pappina nella porta di Agliardi. Altro giocatore finito, via a gennaio. A questa vittoria manca però un po' di Nagatomo, e il piccolo giapponese col cagotto atomico va vicino alla quarta rete al 42°. Sulla ribattuta Cambiasso potrebbe mettere a segno la sua doppietta, ma c'è quel meenchione di Alvarez, la cui maggiore dote tecnica è sempre quella di trovarsi al posto sbagliato nel momento sbagliato. Poi su Alvarez c'hai da raccontare una cosa, ma facciamo un'altra volta. Finisce 3-1 per le forze del bene, e bella vittoria dai. Anche se il Bologna è mica uno squadrone come il Nordsjaelland, siamo d'accordo.

17 commenti:

  1. Alvarez, non so perchè, è tanto sfigatto che mi sta simpatico, guarda...

    RispondiElimina
  2. Pure a me sta simpatico.
    Quando lo vedo in panchina. :)

    RispondiElimina
  3. La trollata finale :D

    RispondiElimina
  4. Doc non sai gli insulti che mi son preso da mio padre, Bolognese DOC, dopo la partita. Ma arrivati a casa la pace è tornata quando ci siamo uniti nel coro JUVE MELMA. E poi dicono che è la squadra del male, da me risolve le dispute

    RispondiElimina
  5. Kampus:
    Mi dispiace per tuo papà, e ne capisco l'incazzatura. Magari, avessero un attaccante al posto di Gilardino, qualche gol in più lo farebbero pure.

    RispondiElimina
  6. a me alvarez sarà simpatico quando lo vedrò indossare la maglia rossonera...ah e strama non arriverà a mangiare il panetùn ovviamente

    RispondiElimina
  7. Doc , ci vediamo tra due settimane . Preparatevi per Bendtner (che non ha fatto una meenchia finora , ma suona bene come frase ) .

    RispondiElimina
  8. Non centra molto con il biscione milanese, ma vi riporto un commento trovato sul sito della Gazzetta su Rubentus - Catania.

    "11 calciatori 12 panchinari 6 arbitri 1 allenatore = 30 sul campo"

    Questo è puro genio.

    RispondiElimina
  9. Eccomi ancora!

    Esaminando la partita direi che nel complesso ho visto una buona Inter. Se togliamo i primi 20 minuti dove non ero nemmeno sicuro che il Bologna avesse una metà campo sua il resto della partita mi è abbastanza piaciuto. Principalmente ho apprezzato come sono state prese le misure progressivamente al Bologna dopo un avvio decisamente schiacciante.

    Ormai i 3-5-2 con licenza di fare l'incursore per Cambiasso abbiamo visto che funziona, certo nel gioco c'è ancora da migliorare, ma i risultati stanno arrivando. Si concede ancora un pochino troppo in difesa, ma regala qualche azione di un certo livello in attacco. Rimaniamo in attesa che Guarin si renda conto di voler giocare a calcio anche lui perchè aggiungere un giocatore completo come lui a questa squadra potrebbe far fare il salto di qualità a questo centrocampo un po' troppo muscoloso. Però mi hanno fatto notare come questa sia la prima preparazione atletica di Guarin all'Inter e alcuni giocatori un po' soffrono questo cambio, in più ha avuto qualche problemino fisico. A breve dovremmo vedere il vero Guarin e speriamo che sia una piacevole sorpresa!

    Uno dei giocatori che potrebbe guadagnare di più da questo modulo è Nagatomo. I tre difensori dovrebbero togliergli qualche obbligo in fase difensiva e, di conseguenza, dargli qualche libertà di più nella spinta dove è decisamente meglio. Con questi propositi credo che il ragazzo potrebbe darci qualche soddisfazione inaspettata.

    Voci dicono che a Gennaio dovrebbe tornare Longo e che farà lui il vice Milito fino a fine stagione. Il ragazzo ha potenzialità (a me piace tanto), ma è sicuramente una scommessa. Di certo c'è che un'esplosione di Longo risolverebbe tantissimi problemi.

    Alvarez lo vedo sempre più partente a Gennaio, soprattutto perchè in molti sono convinti che in quella zona si potrebbe puntare su Coutinho.

    Questi risultati stanno dimostrando che Sneijder non serve a questa Inter, a meno che non si reinventi in un altro ruolo o decida di iniziare a coprire come se fosse un centrocampista (e non come una punta, cioè nulla) in un 3-4-1-2.

    RispondiElimina
  10. Doc, tifo Bologna e non voglio difendere il nostro attuale centravanti, ma senza Gila i rossoblu oggi giocherebbero con uno tra Acquafresca e Floccari, quindi va bene così...detto questo ci sta perdere con l'Inter, sono ben altre le partite da vincere (tipo Pescara, tipo Siena...punti buttati nel cesso)...adesso speriamo di non fare una figura di melma contro la Giuve, almeno quello...

    RispondiElimina
  11. Becks:
    Acquatiepida, poi, fa picchiare pure i compagni di squadra, e non è bello.

    RispondiElimina
  12. Ci si vede la settimana prossima. Il mio sogno? una vittoria contro l'Inter al 94esimo con gol di mano in fuorigioco. (questa l'ho rubata a Prisco). Goduriaaaaaaaaa

    RispondiElimina
  13. tonimola, quello non sarebbe un sogno, ma la normale amministrazione per voi :P

    RispondiElimina
  14. @Andrea87 Ed il bello è che voi ne siete convinti. Che credete che il solo merito del J sia quello. Questo ci fa godere ancora di più.
    Amali!

    RispondiElimina
  15. Doc, dico la mia sui "favori" alla Juve, consapevole di tirarmi dietro le pernacchie, e di rischiare di drammatizzare una cosa futile come il calcio (futile ma circondata di milioni di euro).

    Reputo serenamente che la maggior parte dei tifosi (probabilmente me compreso) veda sistematicamente solo quel che si vuol vedere, spesso spinti dall'odio antijuventino, ulteriormente esaltato da Calciopoli.

    Cioè da un processo farsa, organizzato dai beneficiari e "impreziosito" da formule giuridiche inedite create ad hoc, tipo l'"illecito strutturale” come somma di atti di slealtà per castagnare il capro espiatorio; squadre colpevoli di vere combine se la sono cavata con buffetti amichevoli, e magari hanno anche avuto accesso alla Champions grazie a una penalizzazione che "casualmente" consentì la partecipazione ai preliminari).

    Quando gli arbitri fanno una cazzata (due, tre, quattro) a favore delle milanesi (e succede spesso) la polemica dura mezz'ora, se è a favore della Juve, partono i tromboni, "Ecco, rubentus, bla bla bla", e dopo tre lustri ancora si parla del rigore di Iuliano su Ronaldo.

    La scenetta in occasione dell'annullamento del gol del Catania è stata un po' triste, e certo non è bello che nei due casi più evidenti (gol assegnato alla Juve e gol annullato al Catania) l'arbitro abbia dato ragione alla stessa squadra. Ma - come sempre - vigono la memoria e l'attenzione selettiva.
    Tanto per dire, la gazzetta (non certo filotorinese) assolve l'annullamento del gol del Catania, e sottolinea la millimetricità (e quindi difficile individuazione a occhio nudo) del fuorigioco sul gol della Juve.

    Come riportato su quella e altre pagine neutre, probabilmente c'era un rigore per il fallo di Legrottaglie su Chiellini (e la partita era ancora apertissima), un rigore e un rosso per Spolli (manata su Pogba), un fuorigioco inesistente fischiato a Bendtner, un rigore e cartellino rosso per Spolli per fallo da ultimo uomo su Giovinco: l'arbitro, forse consapevole dei precedenti errori filojuventini, ha fatto finta di niente. In mezzo a tutto questo, c'era anche un rigore per il Catania. Alla fine, un arbitraggio scadente più che il solito complotto cui pensate voi.

    Il Norshashallalà è campione di Danimarca, il Bologna rischia annualmente la retrocessione in un campionato che da tempo non è il più bello del mondo. Nonostante l'attuale vicecapocannoniere Gilardino (con un gol più del Principe) :-)
    Il fatto che la Juve dòmini (anche senza favori arbitrali) in Italia, e fatichi in Europa, anche
    contro squadre "non blasonate", la dice lunga sul livello del nostro
    calcio. Non credo sia questione di arbitri. E comunque a Norshallalà abbiamo creato occasioni per vincere 6-1...

    Ecco, spernacchiatemi pure. Tanto vi voglio bene lo stesso, anche se tifate squadre antipatiche

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails