lunedì 7 maggio 2012

47

Le pubblicità fuorvianti di Topolino (stagione II, parte XIII): aprile e ottobre 1990

Sì, tua sorella
Fischiettando All around the world di Lisa Stansfield, senza farci vedere, ci andiamo a sciroppare le pubblicità fuorvianti di due numeri del '90: Topolino 1794 e 1821 (15 aprile e 21 ottobre 1990, una bella 2.000 lire cadauno). Ché mica volete fischiettare Disperato di Marco Masini, no? Infatti [...]
I Connectors (in originale Socket Poppers), i mostrilli componibili della Matchbox. Prendi la testa del giocatore di football Bomber (anche se quello era Bulldozer. Bomber era il pugile), il piede del "Dr. Dracula" (sede transilvana del CEPU), il braccio del bressler Tanz, la recchia metallica di Crom che va alla malora da solo, e montando e smontando... niente, facevano cagare uguale. 
Gig Tiger Double Dragon
Aaaaahh, i Gig Tiger. E non è un aaaahh di nostalgia, ma di dolore. Dolore fortissimo. Che meravigliosa, infiocchettatissima incoolata che erano i Gig Tiger: i nomi di grandi classici da sala (oltre a personaggi specchietto come l'Uomo-Ragno, La Sirenetta e Robocop), infilati in giochini LCD pezzenti tipo quelle cinesate che impazzavano nelle cartolerie di ogni dove quattro o cinque anni prima. Ma a un prezzo chiaramente sei volte superiore. Ne hai ancora una decina in casa, se contiamo le QUATTRO copie di quello di Golden Axe
Lasciate perdere un attimo i fruttini drogati del girotondo, e guardate i premi del concorso Santa Rosa: una Turtle gigante, il Sega Master System II e l'inquietantissimo padre del furry: il Pisolone
La linea Forza Campioni della Tonka. Quella in cui Baggio e Van Basten erano GEMELLI, o grazie alla quale potevi metterti sul comodino anche Crippa, Francini e Fusi. O il sopracciglio di Bergomi che urla "Hai fatto bene a sottolinearlo Fabio, Milan merda"
Un attimo, giusto un attimo, per spernacchiare per l'ennesima volta l'iconografia ufficiale di Italia 90 (Ciao, ricordiamolo, non era il nome della mascotte, era il commento)...
 ...e passiamo a vedere come sta il nostro amico He-Man della serie fantascienza dei Masters. Non quella fantasy-fantascienza classica, quella successiva, fantascienza e basta. "Optikk e Lizorr sono penetrati nel settore K-5 per distruggere le riserve energetiche di He-Man". Ossia due pomodori ciliegino di Pachino da bruschetta. Prego notare che il pezzentissimo velivolo dell'ex signore di Eternia si chiama Bolojet, tanto è difficile da digerire. Bella altalena, imè, complimenti
Meanwhile, nel meraviglioso mondo dei Lego Spazio: "veicolo magnum polizia spaziale", "trasporto galattico prigionieri", "monorataia interstellare". QUESTA è fantascienza. Prendere e soocare, Mattel
Fino a qualche minuto fa non ricordavi assolutamente questa linea di aerei da guerra Gig con una maniglia infilata su per il coo... postbruciatore. Suoni veri, distintivo della squadriglia vero, per sentirsi dei veri Top Gun SENZA DISTRUGGERSI L'ESISTENZA
Aprite gli occhi! Drizzate le orecchie! E per l'amor del cielo fermatevi lì!
Anche la Mattel, che ormai arrivava seconda anche quando gareggiava da sola, voleva le sue Micromachines. Ecco dunque le occhiolino Mini Racers occhiolino, con la loro gara mozzafiato "che non si ferma mai!". Mai-mai? Un rigo sotto leggiamo "ad ogni giro devi essere prontissimo a rilanciarle, altrimenti la corsa si interrompe". Ah, ecco. E ancora: "una sfida velocissima, contro gli amici o da solo, in automatico". Gare di pugnette?
 La dolce fantasia dei Chupa Chups al gusto di stupefacente
"Bella Ballerina", che con quei prosciutti se ti presenti a una scuola di ballo ti mettono fuori il cartello "Spiacente ma siamo al... LOL ma ti sei vista?"
Barbie Tanti Auguri, budubùm, con il suo anello portafortuna con una pietra diversa per ogni mese. Per quello di quaglio la pietra era color melvino pallido con sfumature cilmo
Ora. Capisci che pubblicizzare dei cazzo di compassi non debba essere la cosa più semplice del mondo. Davvero. Cioè, che diavolo ci facevi con un compasso, oltre che tirarlo fuori nelle lezioni di educazione tecnica (esisterà ancora, l'educazione tecnica?) e usarlo per cercare di uccidere i tuoi nemici? Però, dai, su. Koh-I-Noor, pure te. Già c'hai questo nome dimmerda. Il balaustrone idolo del rock'n'roll ti fa una tristezza tale che ora ti prendi una piccola pausa, vai a fare colazione e cerchi di non piangere troppo
Ultima occasione! La radio a forma di precisino della fungia! Con il papillon da venti chili delle feste! Ma anche sticacchi!
E a proposito dell'odioso precisino della fungia, premi per tutti con il concorso dello yogurt Topolino della Polenghi. Ma guardate un attimo la faccia di Topolino. Guardate quegli occhi, e cercate di non precipitare nell'ORRORE
Lo zainetto pezzente Sergio Tacchini in regalo col Dash. Che "va di moda", c'è scritto. Quello che non c'è scritto è in quale scuola di Tirana
Transformers Pretender: fuori mostro di gomma, dentro robot, dentro ancora Alfano
La bussola di Zum, il delfino sfruttato da quei due rompimeenchia e dal nonno barbuto
Oltre un metro e mezzo! Il Kilometrico Boomer! "El super roooolllo de Chicle!". Solo che "scherzare con gli amici" non vuol dire appiccicare la cicca sul sellino della mia mountain bianchi Bianchi presa ieri, all'anima de li mortacci vostri. Indimenticabile il super-eroe con due testicoli sul petto 
Come cercare di rivendersi il mito Ferrari senza usare la parola Ferrari. E un veicolo vagamente riconducibile alla Ferrari
Una nostra vecchia conoscenza: Jovanotti testimonial del Nintendo NES, quando ancora girava con un cappellino in testa e incitava la gente a fottersi il simbolo metallico dai cofani delle Mercedes 
Il Volaquik, il punto forse più basso della parabola discendente dei gadget del Nesquik. Si era partiti, dieci anni prima, con le astrotrottole e le astronavine magnetiche dei Superamici, si finisce a questo accrocchio che al primo soffio (forza!) la pallina volava via per la stanza, al secondo (ok, meno forza!) non si schiodava dal canestrino, al terzo (ok, vaffanculo tu e Mr. Quick) finiva nel cestino
Della nuova puntata di Saint Seiya Omega, le avventure di Piddu del Toporagno e di quegli altri giovani, volitivi minchietti, parliamo presto. Intanto gustatevi i pupazzini della serie classica: brutti di un brutto che fa il giro, diventa quasi bello vintage, ma quasi, non ci arriva, torna indietro e resta orribile. Andromeda è il più gonfio di tutti. Probabilmente erano gli ormoni
E chiudiamo con questa AGGHIACCIANTE pubblicità dei Baci Perugina. "Più baci, più piaci", recita il noto claim. Sopra alla foto di una ragazza che fugge, inseguita da TRE UOMINI E UNA DONNA. All'anima della tiracazzi L'amore


LE ALTRE PUBBLICITÀ GANGBANGHE DI TOPOLINO



47 commenti:

  1. Il gonfiore di andromeda chiaramente dovuto alla pillola anticoncezionale...

    RispondiElimina
  2. Terribile nostalgia quella dei Gig Tiger!
    Io avevo quello di Bugs Bunny, una tristissima e coloratissima schifezzuola il cui unico scopo era quello di raccogliere carote e superare il proprio record di volta in volta. Mah.
    Ecco perché correvo, quando potevo, a casa di mio cuGGino per rubargli quello di Robocop. Che era sicuramente moolto meno triste.

    RispondiElimina
  3. La bussola di Zum!!

    Ammazza quanto Galak mi sono mangiata per averla!!
    I cavalieri dello zodiaco erano di una ciofeca anche nella finitura non sono mai riuscita a comporre l'armatura di Pegasus sob!!

    RispondiElimina
  4. Qui sono proprio ricordi a gogo!
    I giochetti tiger? Mamma mia, ero un appassionato di quella roba e ce l'ho ancora sparsa per casa. Mi ricordo che il primissimo che avevo era stato After Burner, poi La Sirenetta (capita! XD) seguito da Double Dragon (senza però riuscire mai a fare 50 mila punti XD), Robin Hood e Jurassic Park!
    Avevo anche i Connectables, il mostriciattolo verde chiamato Grumo. Dovrebbe essere sparso per camera, letteralmente.
    Avevo pure il turtle gigante, regalo di Natale tipo del 1991 o 92.
    E riguardo ai Cavalieri dello Zodiaco...quelli brutti di un brutto che fa il giro...il primo che ho avuto era stato Kanon di Gemini seguito da una versione ultratarocca di Baian del Cavallo del Mare.
    E in tempi recenti (2007-2008) ho trovato nell'ordine prima il Cavaliere di Dragone Nero a 19,99 €uri e poi Aldebaran del Toro a...udite udite...la bellezza di 9 €uri. Dove? Alle fiere spagnole!

    RispondiElimina
  5. Mi sa che un paio di connectors ce li avevo...

    RispondiElimina
  6. Posso portare questa testimonianza: l'educazione tecnica fino a 17/18 anni fa esisteva ancora.

    RispondiElimina
  7. I Lego Spazio! ne avevo un botto, con quelle ruote gigantesche che eran buone come cucchiaio per ravanare nel cestone dei pezzetti Lego :D

    RispondiElimina
  8. Allora con ordine, jeeg tiger di altered beast (che oh, manco era brutto per i miei gusti debosciati :D) presente!

    Lego astronave polizia (piccola, magari quella cosa enorme in foto) presente! e mi piaceva da pazzi, non so perchè, il modulo prigione con le sbarre "laser" trasparenti rosse apribile.
    Ah coi pezzi della nave lego e un vecchissimo set spazio che aveva solo pezzi standard e non quelli con le forme fighette di quelli in foto, ci costruii il gatchspartan dei gatchaman, rigorosamente trasformabile in tutti e 5 i moduli....certo ce ne voleva di fantasia ma vabbe, ricordo che con un pupazzetto di spock e le costruzioni ero capace di costruirgli i peggio veicoli (dei parallelepipedi tutti uguali con tipo una differenza)

    Cavalieri vintage presente(molto pochi, due o tre, ma sbavavo per il dragone che non ho mai avuto)!
    Si erano orribili ma all'epoca si reputavano "fighissimi" anche se te ne accorgevi benissimo che non c'era un cacchio di cavaliere che ci assomigliasse manco vagamente al disegno sulla scatola :D
    Mi sono rifatto "da grande" con ventordici fighissimi myth cloth e iniziando ora la piaga degli myth cloth ex (che sto cercando di prendere con parsimonia)

    RispondiElimina
  9. Mi chiedo chi non abbia (ancora oggi) almeno un pajo di copie dei GiG Tiger di Golden Axe, perdinci!

    Tutta l'emozione, di una sala giochi, in una mano.

    RispondiElimina
  10. Scusate i cavalieri saranno pure stati brutti però lacrime napulitane dai.
    Io mi sono emozionato solo a guardare la scan sopra.

    RispondiElimina
  11. Uuuh i Gig Tiger! io ne ho ancora un paio a casa, però i miei erano da "femminuccia" a tema dei film disney!

    Ps queste pubblicità mi fanno ricordare che un pò mi mancano i post di Kentozzi XD

    RispondiElimina
  12. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  13. Della Gig Nikko avevo la Turbo Duello (nera).
    Ci voleva del coraggio a scrivere che la Gig Nikko era la "N.1 NEL MONDO". Quelle macchinine, nelle pubblicità, facevaqno dei numeri assurdi mentre nella realtà andavano sull'erba solo se era appena tagliata, bastavano quattro margherite per bloccarla (anche senza l'intervento di Lusi).

    I Gig-Tiger erano scandalosi, mi ricordo Double Dragons: omino fisso che tirava i calci in modo da sembrare una ballerina che faceva il Kan Kan.

    @Doc
    Un'ultima cosa, mi fai un post sugli Exogini. Nel 1987 erano il massimo per un bimbo di sei anni che andava in prima elementare.

    RispondiElimina
  14. A proposito dei Cavalieri... A 7 anni tiranneggiavo mio cugino più piccolo per poterci giocare! Però il Cavaliere di Taurus lo nascondeva sempre (era il suo segno e ne era gelosissimo).
    Quanto al Volaquick, avevo rimosso questa vetta della stupidità gadgettistica!

    RispondiElimina
  15. Super-LOL per la chiusura del post. L'amore. :D
    Ah, saltando di post in post, fai bene a leggerteli i libri di The Hunger Games.

    RispondiElimina
  16. Lego bellissima! Avevo il veicolo a decollo verticale!

    ps: giusto per vantarmi un po': dalle mie parti quand'ero piccolo partecipai ad un concorso per costruzioni lego: una volta non vinsi, una volta vinsi. E vinsi proprio con una roba componibile sullo stile fantascientifico di questa lego.

    pps: Ah, i gig tiger! Avevo after burner: era perfetto, dato che lo sfondo blu cielo andava sempre bene e il gioco era sempre lo stesso ma solo più difficile. Poi lo prestai ad un mio amico. Avete presente i cristalli liquidi? Ecco, quando tornò in mio possesso erano tutti fuori dal loro posto.
    (ma era un vero amico, mi comprò il gig tiger di sonic, anche se non fu la stessa cosa...)

    RispondiElimina
  17. Ma gli occhi della topo-radio sembrano pac-man... o sono orbo io?

    RispondiElimina
  18. L'Educazione Tecnica ora si chiama Tecnologia alle Medie.
    È l'unica informazione che sono riuscito ad estirpare dalla professoressa ragguardevolmente vecchia, mentre facevo una breve sostituzione nella sua classe, nelle sue ore, poichè era troppo concentratata a fissare lo striminzito pacco dell'alunno tamarro di turno, al banco dello stesso. Che questo mito brufoloso c'aveva già la manica corta in classe, nell'inverno da paura di quest'anno... E allora come fai a resistergli, dico io?

    RispondiElimina
  19. Lunga vita ai GIG Tiger!!!
    Avevo proprio quello di Karnov riportato nella pubblicità. Ed è l'unico che non sono mai riuscito a finire. Quelli dei miei amici li ho finiti tutti ma il mio non sono mai riuscito.

    RispondiElimina
  20. Ommioddio.

    Non solo possedevo una Ala Rossa (vinta chissaquando, poi persa chissaddove) ma il Gig-Tiger di mio cugino è stato il mio primissimo approccio coi videogiochi. Lacrime, sincere lacrime napulitane.

    Laddove la nostalgia sconfigge la pezzenteria.

    RispondiElimina
  21. Alla frase: "...brutti di un brutto che fa il giro, diventa quasi bello vintage, ma quasi, non ci arriva, torna indietro e resta orribile" sono morto.... Come al solito, tristezza a palate, malinconia, bei tempi andati... Avevo una decina di pupazzini dei Saint, con le loro articolazioni orrende e le proporzioni sfalsate... I Gig Tiger erano una droga, li ho sfondati a suon di giocarci... avevo anche quella ciofeca del Nesquik!!! Che tempi ragazzi, che tempi...

    RispondiElimina
  22. Ve li ricordate quelli prima-di-tutti, prima dei Gig-Tiger, ve la ricordate lo spot degli Sciacciapensieri Polistil?

    Perchè gli Schiacciapensieri non se li ricorda nessuno... :-/

    C'erano ancora quelli più primitivi, con solo le lucine led, che s'accendevano, tipo quello del calcio.

    RispondiElimina
  23. I GIG Tiger erano bellissimi, per circa una settimana.Ne avevo due un terribile gioco di sottomarini di cui non ricordo il nome e il fantomatico Double Dragon 3.
    Costavano una barca di soldi e il bimbetto dello spot che li teneva in mano tutti avrà ricevuto dai sei a sette milioni di accidenti misti da parte mia.
    E su quella foto dei Cavalieri dello Zodiaco ci ho perso duemila diottrie...

    RispondiElimina
  24. Elisabetta: lo so, lo so. Ci sono un po' di robe il programma per i prossimi giorni, ma Kentozzi sta preparando il suo grando ritorno.

    Helldorado: non si vede una mazza neanche sulla pagina vera, tranquillo.

    Per tutti i nostalgici di Gig Tiger, Schiacciapensieri, Game & Watch:
    toh, un vecchio classico

    http://pica-pic.com/#/the_terminator/

    Non c'avevate mica da fare qualcosa oggi, no?

    RispondiElimina
  25. Infatti! Ricordavo proprio quello :D :D

    RispondiElimina
  26. @Doc
    Questo è attentato alla produttività lavorativa. Già al suo minimo il lunedi' mattina.
    Non usciremo mai dalla crisi.

    RispondiElimina
  27. argh, mi salvo che ho da fare bellissima quella pagina con i game & watch di donkey kong e zelda e quello mai visto da me di Arale!.

    Ah i compassi, aperti e piegando il portamine a 90 gradi, erano utilizzati come spettacolari educative e soprattutto sicurissime pistole con punta ad ago.

    RispondiElimina
  28. La chitarra della pubblicità del balaustrone è una copia tarocca della Music-Man di Eddie Van Halen...
    body e magneti scopiazzati (male) alla Fender Telecaster paletta Music Man e livrea 5150EVH...
    http://danherron.files.wordpress.com/2007/09/5150-guitar.jpg?w=404&h=538

    RispondiElimina
  29. Li avevo un paio di Connectors ! il dinosauro di sicuro, forse anche l'indiano


    Comunque Sirio vintage non era così orrendo, ogni volta che andavo a casa del mio compagno di classe guardavo quel pupazzino per interi minuti

    RispondiElimina
  30. Cazzo doc questo è un vro colpo allo stomaco, mi sa di averli da qualche parte questi due topolino, come un po' tutti quei giornaletti delle annate che vanno dal '90 al '92...anzi se vuoi te li recupero scannerizzo qualcosa e te li spedisco...

    RispondiElimina
  31. Il Coinc:
    grazie, bello, ma la scorta ci vorranno mesi per esaurirla.

    RispondiElimina
  32. il cavaliere della bilancia...tutte le volte che montavo chirurgicamente l'armatura e arrivavo agli ultimi pezzi l'omino tornava a essere magicamente niudo...

    RispondiElimina
  33. Io ho un grande dilemma: all' epoca i die cast dei Cavalieri costavano 35.000 lire , mentre le ultime ristampe ( uguali identiche alle versioni del 1990) le ho beccate a max 14 euro...... che sono 28 .000 delle vecchie lire.
    Ora mi chiedo: come è possibile che lo steeso pupazzo, con le stesse parti metalliche, le stesse plastiche ecc.. lo paghi oggi meno dello stesso pupazzo uscito più di 20 anni fa ?
    Ma le materie prime come il metallo non dovrebbero essere più costose dopo tutti questi anni ?
    Allora mi viene da pensare che la GP, nel 1990, coi CdZ ci mangiasse alla grande, altro che la Lega.

    RispondiElimina
  34. Doc, mi hai illuminato la memoria come l'NZT-48 di Limitless! Io avevo un Gig-Tiger, anzi IL Gig-Tiger per eccellenza, il Tiger After Burner, con tutta la plastica attorno che veramente faceva figo (soprattutto per un bambino nella sua infanzia priva di qualsivoglia gingillo elettronico). Vedasi foto in link per ricordare, e piangere... sigh...

    http://www.handheldmuseum.com/Tiger/Afterburner.htm

    E devo qui arrivare al punto dolente, in perfetto stile precisino della fungia, che nulla c'entra col topic... adesso indosso le orecchie nere da pantegana...
    Ho visto un tuo video sul PC-Engine, e ho dovuto staccare quando, con orrore, ho sentito la tua pronuncia... Engìne, con l'accento sulla "i"... e ho pensato: un videogiocatore con i contro-catsi come Dr.Manhattan che non ha mai giocato a Daytona USA, che inizia con l'indimenticabile frase: <>?... no, non può essere, non ci credo, forse forse mi - sbaglio, forse ho preso un'a-bbaglio...

    Basta, giuro che non scriverò più nulla. Scusa Doc, ma non ci dormivo la notte!

    RispondiElimina
  35. Ecco, mi tocca aggiungere la frase tra < e > perchè ovviamente non ci capisco una mazza e non sapevo che pasticciavo tutto. La frase è: Gentleman, start your engine.

    RispondiElimina
  36. Eljee81: Eeeeeh, lo so, lo so. Ho iniziato a chiamarlo Engìn (il PC Engine, non il motore ammerrigano) da ragazzino, e non ho mai smesso. Non aiuta il fatto che la pronuncia giappa sia Pì-sssszì èn-gìn

    RispondiElimina
  37. Doc, con "PicaPic" hai potenzialmente minato la mia già scarsissima sanità mentale (oltre ad avermi regalato l'ispirazione per un nuovo post sul blog... ;) ).

    Per entrambe le cose (ma più per la seconda...), GRAZIE! :)

    RispondiElimina
  38. Si scrive Gig Tiger, si legge "quanto tempo ho speso dietro certe cavolate da piccolo, non avevo proprio niente da fare". Però l' emozione è tanta... Credo che la mia collezione all' epoca fosse al 90% composta da imitazioni farlocche di quelli della Gig, se possibile ancora più scarsi degli originali...

    RispondiElimina
  39. Il pisolone!
    L'ho sempre desiderato da piccola *_*

    PS anch'io sto aspettando Kentozzi :D

    RispondiElimina
  40. donkey kong!!!!!!!!!!

    Il primo avuto era di un sonnambulo da non far cadere (credo di averlo ancora da qualche parte)

    E ne ricordo uno (del cugino ricco) che si poteva giocare in due e aveva tipo gli antenati dei joypad, il nome é perso nei recessi della memoria.....

    RispondiElimina
  41. io da qualche parte ho ancora matthaus

    RispondiElimina
  42. I giochi Tiger (dove GIG era distributrice) sarebbero stati incredibili, ma dieci anni prima...mi ricordo anche la martellante pubblicità in TV, che tristezza.

    Italia '90: dopo l'ingoloriosa fine dei padroni di casa, finiti a giocare la finalina di Bari, aggiudicandosi il terzo posto, e dopo la costruzione di opere che sono cadute in disuso...mi sale la tristezza!

    Compasso e radio di Topolino: sembrano pubblicità degli anni '60. E magari, la radio di Topolino è venduta su eBay a mille euro!

    Orrendo il Topolino della pubblicità Polenghi, magari disegnato senza licenza Disney. Anzi...sicuramente...

    Zaino Sergio Tacchini: avresti rischiato boicottaggio ed ostracismo dalla classe se snon avessi portato l'Invicta.

    Galak: il cioccolato non mi dispiaceva, ma di Zum non m'importava però sono d'accordo che l'animale veniva sfruttato.

    Volaquik: enfisema assicurato!

    RispondiElimina
  43. I Connectors...erano anni che cercavo il nome di quei pupazzetti, e non li trovavo da nessuna parte, grazie Doc. :°°°

    RispondiElimina
  44. L'amico mio aveva il Gig Tiger di Golden Axe, ma non c'era tutta la magia della sala giochi in una mano: non c'erano i tamarri, non c'era Remualdo a cambiare i gettoni, non c'erano la carambola col panno stracciato e così via. La Freccia Rossa ce l'ho ancora nascosta da qualche parte, ma non ho più il telecomando; non ci ho mai giocato decentemente, perchè all'epoca comprammo delle batterie ricaricabili che duravano circa 10 minuti. Per 80.000 ore di carica.

    RispondiElimina
  45. La Galak era la mia merenda dell'intervallo , che nostalgia^^

    RispondiElimina
  46. Andavo pazzo per i Matchbox, peccato che non li ho mai avuti... un grande rammarico :(

    RispondiElimina
  47. La monorotaia interstellare è ancora un trauma irrisolto per me: avuta in regalo per Natale a casa dei nonni; impiegato TUTTO un pomeriggio solo per montarla e farla girare; corsa colma di entusiasmo a chiamare il parentame (che visto l'ingombro della costruzione si era spostato altrove, carte-munito, per non intralciare i lavori) per far ammirare il CAPOLAVORO; con l'ultimo passo colpisco impercettibilmente il tavolo in modo sufficiente a far crollare TUTTO.

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails