domenica 15 aprile 2012

52

Con quella faccia troppo da Renato Pozzetto

Pozzetto il ragazzo di campagna
Il sondaggismo di ieri, prima che te ne dimenticassi, prima che una buona fetta della giornata finisse spesa a litigare con i menu e l'inventario di The Witcher 2, doveva essere un sondaggismo sui film di Renato Pozzetto. Ma tanto c'è che era tutta una bieca scusa, ché alla fine ti andava solo di scrivere due righe su uno dei film più di ridere di tutti gli anni 80. Taaaaac. [...]
Il ragazzo di campagna telefonata Severino
Il ragazzo di Campagna (Castellano e Pipolo, 1984) è probabilmente l'apice di un certo modo di fare comicità che in quegli anni aveva in Pozzetto e nella sua faccia da bambinone distratto il primo e anche l'unico esponente. Ma è anche, incidentalmente, a) uno dei pochissimi film, assieme a Una Pallottola Spuntata, che al cinema ti hanno fatto ridere dall'inizio alla fine, e b) uno dei pochissimi film che hai visto al cinema con tutta la famiglia. Son passati quasi trent'anni, nostalgia Canalis, va' come vi siete fatti vecchi. Era una storia semplice, quella del contadino quarantenne Artemio che si innamora della bella Angela a Milano (la fisioterapista Donna Osterbuhr), e semplici erano quasi tutte le sue gag, dal cugino Severino Cicerchia che lo riconoscevi dalla "voce" al trattore carozzato-farina, dal cieco Cannavale a quello che pensava la madre di Artemio delle donne diplomate. 
Il ragazzo di campagna madre Artemio
"Allora l'è un putanun!"
Semplici, ok, però immortali come questa:

 o questa:

"Quarant'anni passati qui i mezzo agli zulu a consumare la mia giovinezza, ma andate affanculo!"
Quando fai quarant'anni, giuri che la rimetti su uguale a casa tua. Così, per vedere se se lo ricordano anche loro, quel pomeriggio al Garden di una vita fa. Casomai a voialtri fosse venuta voglia di rivederlo per la quarantesima volta, invece, beh, non vi si è detto niente.
Beato te, contadino, eccetera.



52 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. I film di Renato Pozzetto per me rappresentano "i film della domenica sera tutti insieme alle 20:30 davanti alla tv" rigorosamente anni 80.
    Questo è un cult ma avendoli visti praticamente tutti i miei due preferiti sono Una casa stregata (con una notevole Guidi (che dio l'abbia in )Gloria e una citazione a Hulk versione telefilm! e soprattutto Da gande: un affresco degli anni 80 e dello stile di vita di un bimbo delle elementari in quegli anni li ovvero NOI! Io guardo oggi il film e vedo me con tutte manie,modi di fare e soprattutto il mondo che mi/ci circonadava!

    RispondiElimina
  3. Per me, il film con Pozzetto è Saxophone, sarà che c'è anche Cochi, ma la scena nella chiesa è qualcosa di inarrivabile :D

    RispondiElimina
  4. Ce la faccio a riguardarmelo prima di pranzo? Ma sì che ce la faccio. Taaac.

    RispondiElimina
  5. Forse anche uno dei migliori film di Pozzetto, anche nel senso di "ben invecchiato".

    RispondiElimina
  6. Fico d'India :D o Mani di fata :D

    RispondiElimina
  7. Il Ragazzo di Campagna è stupendo per mille motivi di cui due fondamentali:
    1) mostra le campagna nei pressi del paese dei miei nonni paterni e mi ricorda le gite estive in bicicletta;
    2) mi ricorda quando ero un fiulino (bambino detto in milanese), c'era ancora la Milanodabere e con i miei andavo a prendere l'aperetivo (io analcolico) il sabato alle 18,30 circa e l'happy-hour non esisteva.

    Ragazzi tutti da Gattullo a prendere un aperitivo con Cochi e Renato.

    RispondiElimina
  8. La patata bollente.
    Non solo perché faceva morire dal ridere, ma anche perché era anche anni luce avanti nel trattare certi temi. C'era piú rispetto per gli omosessuali in quel film di qualsiasi roba fatta nei trentatrè anni da allora...
    E poi dipinge il nostalgico quadro di quando le lotte sindacali erano ancora roba seria. Ché il Gandhi che va dal direttore a fare la prova finestra e dirgli che deve mettere le manINE nelle tascONE (stupendo, come sintetizzare la situazione in quattro parole) per cacciare fuori i soldi per i depuratori è epicamente comico. O comicamente epico, fate voi:
    http://www.youtube.com/watch?v=jlk0I4ox2Mo
    Senza contare gli sfottò trasversali a certa cultura sinistroide, col Gandhi fissato coi film russi sull'epopea del popolo (maronn...)

    RispondiElimina
  9. quando passa il treno, e' sempre uno spettaccolo, vi siete chiusu fuori, vi sieti chiusi dentro, CAPOLAVORO

    RispondiElimina
  10. Ormai mi partite in automatico. Anche quando NON è un sondaggismo, parte comunque il televoto.

    Ho creato un mostro.
    http://www.youtube.com/watch?v=YVkUvmDQ3HY

    RispondiElimina
  11. Libidine... anzi no.... e la Madonna!
    Per me il suo film migliore è "Lui è Peggio di Me"

    RispondiElimina
  12. il TAAAAC! che è diventato poi emblematico per i rigorini pro-milan (e per tutte quelle squadre aiutate spudoratamente dal sistema, Farça in testa). Per esempio ieri sera TAAAAAC! rigorino per il Farça per vincere e mantenersi a -4 da LUI!

    Tornando alla cinematografia: "il treno è sempre il treno!" lo dico ogni volta che vado alla stazione, "ma si chiama Margherita?" quando c'è qualcuno disinibito nel mostrare il suo mal d'orecchie, mentre la prima volta che sono andato a Milano (2 anni fa, giusto per farmi la foto con la degembions... avevo 23 anni TRUE STORY) ad ogni via mi ricordava il film e ridevo solo come un coglione (dalla vigilessa solerte che si esprimeva a fischi, alla scena dello stadio dove l'Inter le suona alla Juve coi tifosi che poi menano anche a Pozzetto (i bei tempi senza tessera del tifoso, lagrime napulitane!).

    Ah, non dimentichiamo la scena dell'arrivo a Milano con il trattore (e il fanale? eh non c'è! e nemmeno l'altro fanale c'è! eh no! e la patente? mai avuto il piacere...), il colloquio di lavoro, la presentazione dell'appartamento pieno di angoli (venga venga!), il fabbro/ex Sandrino il Mazzolatore, la scena all'ospedale con 2 nel letto (ma te li sei mangiati tutti? eh, tu male stai!), il cinema porno con il commento in diretta... insomma, un classico che da piccolo ho rivisto fino a consumare la vhs!

    Poi al secondo posto "Da Grande" con la futura signora Gabbidana (rigore pa'a) da Roma.

    RispondiElimina
  13. aargh dimenticavo "è un'amica di Platinì!"

    per gli altri film degni di nota di Pozzetto, oltre a "Da Grande" direi "Mia moglie è una strega", "Un povero ricco", "è arrivato mio fratello" (l'altro suo film di cui so ogni scena a memoria!) e il crepuscolare "Papà dice messa"

    Poi ci sono i film condivisi come "Le comiche", "Infelici e Contenti", "7 chili in 7 giorni", "Ricky e Barabba" e, dulcis in fundo, l'ultimo grande film comico italiano "Grandi Magazzini" dove il nostro alla fine capisce che "ci piace il pesce" (Ma Valsecchi... per lei è sig. Valsecchi! [...] molliamo gli ormeggi per lande desolate, facciamo rotta per CESENATICO!)


    PS: doc, dopo l'abbuffata Pozzettiana ti consiglio un altro cult che potrebbe farti scrivere FIUMI di post: "Acapulco, prima spiaggia a... sinistra" con la coppia Gigi & Andrea al loro top, anche più di "Mezzo destro mezzo sinistro", il gemello (nato come sequel in verità) dell' "Allenatore nel Pallone"!!!

    RispondiElimina
  14. Per me il meglio rimane la casa stregata :-)
    Da "AAAAAAAHquila!" a
    "Facciamo un gioco! Allora, tutte le Doriane da una parte e gli Juventini dall'altra!"

    ahahahahah

    RispondiElimina
  15. E la sveglia di Artemio? Armaduk! E poi il gallo, il lavandino ghiacciato, la finestra senza vetri, il pinguino nell'armadio...
    E la torta della Mariarosa: "ti ta sè un toro, e lei è vergine" "in tutti i sensi" "continua così che ti faranno santa, non dovrebbe essere difficile, ciao...ah aspetta, la torta..."
    E l'entrata in San Babila in trattore, Artemio al lavoro con l'ape carica di letame: "praticamente una giornata di merda", il grande spettacolo del Borgo Trecase: "ieri però aveva più carrozze", e la battuta che personalmente sto ripetendo a tutti in questi giorni: "basta acqua, basta!!!"
    Ragazzi è impossibile anche solo conteggiare tutte le battute di questo film!

    RispondiElimina
  16. "Il ragazzo di campagna" è meraviglioso, proprio uno di quei bei film comici di una volta, che sì ci ridevi fino al mal di pancia, ma avevano una loro dignità che ormai il cinema italiano in genere (salvo rare eccezioni) ha perduto.
    Ricordo che quando lo (ri)scoprii, mi lasciò a bocca aperta "La patata bollente": correva l'anno 1978 e si parlava di omosessualità con ironia ed intelligenza, evitando di calcare troppo la mano sulle macchiette (ma facendone comunque un elemento di comicità efficacissimo e mai offensivo). Oppure (ma non era propriamente un film comico) "La moglie del prete": anche quello, col suo finale aperto, mi lasciò non poco stupita. Roba così, oggi, non se ne sa più fare. Tristezza vera, altro che semplice nostalgiacanalis.

    RispondiElimina
  17. Gli interisti sono brutti e cattivi anche nei film :P

    Sul tubo c'è il film completo,quasi quasi me lo riguardo

    RispondiElimina
  18. GirellaLover:
    "Sul tubo c'è il film completo,quasi quasi me lo riguardo".

    Bravi, non leggiamoli i post, mi raccomando. :((

    RispondiElimina
  19. O.T. https://fbcdn-sphotos-a.akamaihd.net/hphotos-ak-ash3/536021_387719977916628_240743712614256_1295647_710188801_n.jpg

    RispondiElimina
  20. Suvvia doc non mi fare il precisino,mica ho messo il link...
    Dire che un film è presente sul tubo è come dire che la lega ruba,lo sanno tutti ;-p

    RispondiElimina
  21. Anche per me i migliori sono Il ragazzo di campagna e Da grande. Quest'ultimo poi ha tutto un retrogusto particolare, soprattutto se visto ora, perché cattura l'inizio del declino dell'Italia, con i genitori disperati perché non sanno come spiegare ai figli che un certo tenore di vita non se lo possono permettere, mentre le sirene del consumismo ("Il Lego grande!") martellano incessantemente.

    Mi è piaciuto anche "7 chili in 7 giorni", ma soprattutto per l'idea del crossover con il mio vate Verdone, e per la lotta con il bimbo chiattone ("Quanto mi fa incazzaaaareeee!").

    Alessandro, ma a te Verdone non piace? Non mi sembra tu ne abbia mai parlato.

    RispondiElimina
  22. @GirellaLover: *coff*ultimo link del post, dove dice che non ci si è detto nulla*coff*

    ;-)

    RispondiElimina
  23. l'ho appena visto per la prima volta, e non ho riso neanche tanto.
    Anzi piu' che una comica, ci ho visto una critica alle campagne ormai vuote e spoglie e alla citta', frenetica ed invivibile, piu' altre particolarita' di cui non ho voglia di ammorbarvi.

    Sara' che dopo che vidi Oh! Serafina alle 2.00 del mattino al'eta di tipo 11 anni, rimasi scioccato da una non so quale scena( mi pare ci fossero in mezzo degli uccelli, di piu' non ricordo) e da li' prendo Pozzetto sempre con molto ditacco.

    Lo preferisco in film come le comiche,grandi magazzini e (strano ma vero) Riky e Barabba.

    RispondiElimina
  24. Vabbè, ma qui ci si dimentica dell'inarrivabile 7 chili in 7 giorni con la combo Pozzetto-Verdone, il mitico Piedipiatti, il ricco d'azione Com'è dura l'avventura, il primo Le Comiche, ma quanti film bellissimi ha fatto il Renatino?
    Tre tigri contro tre tigri... XD

    RispondiElimina
  25. "Da Grande" fu tale, da essere fin copiato dagli americani con "Big" interpretato da Tom Hanks.

    Poi in un blog fumettaro, non si può non citare "Questo & Quello", dove nel suo episodio Pozzetto è un'autore punk di fumetti molto Gore/Splatter. Se non ricordo male, nel suo studio s'intravedono dei numeri di Frigidaire.

    E il suo studio e il carrozzone che ci viveva a seguito, sembrano proprio quelli letti nelle biografie dei ragazzi di Frigidaire (Pazienza, Scozzari, Tamburini, ecc.) ancora ai tempi del Male, e ancora prima nella Traumfabrik. Considerando che a quei tempi erano VERAMENTE sulla cresta dell'onda, non mi stupirebbe che gli autori si fossero ispirati a questi.
    Oppure semplicemente c'era l'idea dell'autore di fumetti horror, perchè assieme a Manfredi e Pozzetto, al soggetto c'era pure Zapponi, l'altro genio assieme ad Argento ad aver creato Profondo Rosso.

    Sue erano le idee della scena di Natale dove avviene l'omicidio del marito dell'assassina. Piuttosto che il bambolotto del film.
    Una delle cose più d'orrore di sempre!

    Di "Questo e Quello" sono indimenticabili i dialoghi di Pozzetto con la sua capra Margareth. Soprattutto quando si fanno il bagno assieme nella tinozza! :DD

    RispondiElimina
  26. La scena migliore di Pozzetto è tutta la sequenza della motocarrozza modificata e la trattoria semivuota in io tigro tu tigri egli tigra...
    Film, lui è peggio di me, l' accoppiata Celentano/Pozzetto mangia in testa a tutti.
    Quel treno per Yuma!
    http://youtu.be/e_ISrG0sDqA

    RispondiElimina
  27. Che poi Renato Pozzetto è chiaramente il padre segreto di Julio Cesar.

    RispondiElimina
  28. Pozzetto che bestemmia in "sono fotogenico" lo vogliamo ricordare?

    RispondiElimina
  29. perchè quando prendeva bastonate e diceva sempre "No alla violenza negli stadi!"

    Dove bestemmiava? mi manca!

    RispondiElimina
  30. E di questa scena non ne vogliamo parlare?
    http://www.youtube.com/watch?v=Z5NeYFVgam8

    RispondiElimina
  31. La patata bollente è sicuramente quello che merita di più per serietà, ironia e la Fenech!

    RispondiElimina
  32. Su la patata bollente a Pozzetto e' accaduto un incidente nella scena in vasca da bagno con la Fenech... Je venuto duro e ha dovuto chiedere una pausa...

    RispondiElimina
  33. Vedo spesso Pozzetto essendo di Laveno. E' incredibile vedere come sia sempre lui, invecchiato certo, ma uguale nei modi al Pozzetto degli anni 80.
    Ricordo lo scorso ferragosto vederlo arrivare in Vespa e chiedere di un tabaccaio. Alla risposta che erano tutti chiusi sentirlo esclamare "eeee la madonna!!!" non ha prezzo!

    RispondiElimina
  34. A me Pozzetto non ha mai fatto ridere tantissimo, ma di lui il film che mi piaceva di più era "la casa stregata" con Gloria Guida e Gaetano, l'alano nero di 2 quintali e mezzo.
    E dove Pozzetto si trasforma in Hulk.
    Tò, guardatevelo và

    http://www.youtube.com/watch?v=ZDlEg5sSAIM&feature=related

    RispondiElimina
  35. Anche se sono cresciuto con atri per me il più bello è anche uno dei suoi ultimi successi.
    Da grande.
    Solo un attore (e non solo comico) di grande talento poteva interpretare così bene un bimbo, rende il tutto davvero credibile, pur con una premessa così irrazionale. Un tesoro di film.

    RispondiElimina
  36. Sam: Gaetano, l'alano che parlava napoletano, mi faceva morire.

    RispondiElimina
  37. La casa stregata!
    La suocera:"dimmi che sono la tua zoccola!"
    Lui:"zo cco la!"
    Ahahahahahah!!!

    RispondiElimina
  38. Grande Pozzetto lo adoro e credo di aver visto tutti i suoi film più volte, propendo anche io per il ragazzo di campagna che è sempre stato il mio preferito ma c'è una scena di Testa o Croce in cui mi ha sempre fatto piegare in due, quando ritorna al paesello in barca, cioè questa
    http://www.youtube.com/watch?v=uwmhaNWjC2c

    RispondiElimina
  39. i miei momenti di Pozzetto preferiti:

    La Patata Bollente: quando canta "Se mi lasci non vale" (e qui c'è il coro)

    La casa stregata: La scena dello stagnaro in cui (non si sa quanto involontariamente) si cammuffa da Super Mario. ("Ho fatto tardi perchè ho 'nfrociato co la machina, li mortacci sua...")

    Piedipiatti: l'inseguimento iniziale in cui riproduce in maniera esilarante i clichè degli action cops americani (culmine quando apre la porta col calcio stendendo la vecchia dall'altra parte).

    Il feud con Paolone Fabbris in 7 Chili in 7 Giorni.

    Sono Fotogenico: quando fa la comparsa nel film di Monicelli (siete tutti stronzi...stronzo..stronzo...lui non è stronzo: è una testa di cazzo), anche per il fatto che quella sequenza racchiude il top del cinema italiano (oltre Pozzetto e Monicelli c'erano Vittorio Gassman, Edwige Fenech e Ennio Antonelli).

    Poi i vari Da Grande, E' Arrivato mio Fratello, Ricky & Barabba, Grandi Magazzini, Fico d'India, Mani di Fata...la lista sarebbe lunga. Tra i suoi buddy movies il mio preferito è Uno Contro l'Altro, Praticamente Amici assieme a Tomas Milian.

    RispondiElimina
  40. Doc, sapevi che l'alano Gaetano ("e domani ti trovi un lavoro serio, altro che il barman!") era davvero di proprietà di Pozzetto?
    Oltretutto era sempre lui il ca...vallo affrontato da Valsecchi, anche se la padrona l'ha fatto castrare...

    RispondiElimina
  41. @Doc
    Ricorda :

    " i cani nun parlano" :D

    RispondiElimina
  42. SOno indeciso con le comiche... ma credo che il suo miglior film è "Il Ragazzo di Campagna". Almeno per me!

    RispondiElimina
  43. Il film definitivo di Pozzetto è questo:
    http://www.youtube.com/watch?v=ZDlEg5sSAIM&feature=related

    RispondiElimina
  44. Io odio il cinema italiano in toto, eppure questo film lo trovo un capolavoro. Nonsense quanto basta (i pinguini all'inizio, le unghie dei piedi, la televisione con la lampada dentro) e critica alla "complessità/frenesia della vita di città". Ed erano gli anni '80!
    Ma anche e soprattutto per lui, l'inarrivabile Pozzetto.
    I vari tentativi di lavoro sono MITICI: "Lei cambierebbe un fustino del suo per due dei miei?" "Io sì, ma quello là non vuole!"

    Muoio dal ridere ogni volta!
    E non mi succede nemmeno con Balle Spaziali o Frankenstein Jr.

    RispondiElimina
  45. Genio Renato, a Stracult Pozzetto dichiarò che molte gag furono inventate lì sul set, citando ad esempio quella delle "unghie rotanti".
    E oggi dovremmo ciucciarci le commediole romantiche scritte da Brizzi o i filmacci di Vanzina, che per la cronaca negli anni 80 qualche film carino lo hanno anche tirato fuori.

    RispondiElimina
  46. davvero indimenticabili i film di Pozzetto!

    RispondiElimina
  47. Sono in ufficio e rido soltanto leggendo le citazioni dei suoi film...mitico! Una scena che uso sempre è quella di "vuoi una forchettata?" "Sì grazie" ZAC!

    RispondiElimina
  48. @Gardus Un povero ricco è un capolavoro. L'attore che mangia gli spaghetti (il suo ruolo in tutti i film che ha fatto è mangiare) lo prenderei a calci nel coolo per tutta Milano, lo odio.

    RispondiElimina
  49. Borgo tre case
    fraz. di
    Borgo dieci case

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails