venerdì 7 ottobre 2011

43

Drive: c'è che dovete proprio vederlo

Il protagonista è uno che fa lo stuntman di giorno, il meccanico di pomeriggio e l'autista da rapine di notte. Che porta un giubbetto con uno scorpione per tutto il film. Che ha sempre uno stuzzicadenti samurai in bocca. Detta così, sembra la trama di un film trucido con Vin Diesel, e invece ieri sera, quando sei uscito dal cinema, ti sei detto che questo Drive è effettivamente una delle pellicole più arrapanti che hai visto negli ultimi tempi. Cioè, anche senza contare che a un certo punto salta fuori Christina Hendricks in tacchi a spillo […]
Occhio allo scorpione. La colonna sonora scalcia culi e prende nomi. Poi torna indietro per un secondo giro
Il film di Refn, nonostante i tanti omaggi, è l'esatto contrario di un certo modo di fare heist movie, di girare pellicole con la rapina andata per il verso storto, che imperversa sotto l'insegna di Hollywood da almeno vent'anni. Il driver senza nome (Ryan Gosling) è più freddo del Freddo e più glaciale dell'Uomo Ghiaccio, ma non passa il tempo a fare battute a favore di camera. Nei primi otto minuti, ma anche per buona parte del resto del film, non apre praticamente bocca. Si innamora della vicina di casa biondina, ma non sono lì a limonare duro sotto la doccia prima che finisca il primo tempo. È timido. È il cugino biondo e senza la passione per il latte di Leon. Ma è anche qualcosa, scopri, di molto diverso. E perfino quello scorpione sul giubbotto acquista allora un senso. Eccome se l'acquista.
Le prime scelte della produzione erano Neil Marshall alla regia e Hugh Jackman al volante. Ora staremmo parlando di un'altra roba. O, più probabilmente, non ne staremmo parlando affatto
Drive è un film ipnotico, per i suoi ritmi lenti intervallati da scoppi di violenza improvvisi, una fotografia e una regia pazzesche, il crescendo della tensione che a un certo punto arriva, e quando arriva arriva, una colonna sonora con infiltrazioni elettroniche grandiose che gocciolano da tutte le parti, gli specchietti retrovisori, gli sguardi. Tanti specchietti retrovisori e sguardi. Un casino di specchietti retrovisori e di sguardi.
Con una storia così, con personaggi così, in altre mani ne sarebbe venuta fuori la solita zingarata tutta pew! pew! e sgommate, tutta in finto 3D. Un film di Vin Diesel anche senza Vin Diesel.

per dire
Fortuna che Nicolas Winding Refn non era il primo stronzo che passava di lì per caso (anche perché non c'ha la patente), e che Gosling è un mostro. Se non l'avete ancora fatto, Drive andatevelo a vedere. Andateci ieri.

43 commenti:

  1. Già ero tentato di andare a vederlo! Adesso che mi dici tutto ciò Doc. sono praticamente con la gocciolina di sangue al naso e punto tipo Fox terrier verso il multisala!!

    RispondiElimina
  2. Paolo Pugliese7 ottobre 2011 19:50

    Visto e piaciuto anche a me (ti offro una birra, doc).
    Un film consigliatissimo, abbastanza originale e con una sua forza narrativa, che scardina metodicamente tutti i cliché degli action movies di Hollywood, prendendo direzioni non convenzionali, nè prevedibili. Drive ha un'iconografia molto anni '80, arricchita da una spettacolare colonna sonora, con sequenze d'azioni coinvolgenti nella loro realismo, evitando strabordate visive videoclippare e montaggio a zapping. Davvero un film da vedere.

    RispondiElimina
  3. Un film coi controcoglioni!
    Esaltante è il termine giusto, davvero una delle visioni più belle di quest'anno e un'aura di cult che non è solo diceria ma è pura realtà. Puro cinema, pura adrenalina, puro equilibro tra voglia di raccontare una storia e ablità nel renderla sullo schermo. Esci dalla sala con la voglia non solo di limonare qualcuno, ma subito dopo di prendere a calcagnate il tipo stronzo che ti guarda male. Oh, non è poco :D

    Il Nicolas è uno dei registi più FIGHI che l'industria cinematografica possa dire di aver ora su piazza e penso anche io che ci darà enormi soddisfazioni. Un film del genere entra davvero nella memoria per mille ragioni, vuoi il look, vuoi degli attori immensi, vuoi per la colonna sonora da urlo, vuoi per le... quante sono le scene da ricordare? Tipo TUTTE? Da quella dell'ascensore, vetta altissima da restare col mento a terra fino alla fine, all'incipit, al finale, alla scena sulla spiaggia, a quella nel motel.
    Il sangue scorre abbondante, i cuori sanguinano, gli sguardi rimangono a incorniciare silenzi che dicono tantissimo. Le porte restano chiuse e i giubbotti argento e oro diventano più sporchi.
    Gosling sempre più grande se mai ci fossero dei dubbi in un ruolo che vale una carriera.
    Ah, se potessi scriverei tutto questo posto in font viola elettrico.
    Inchino REFNerenziale.

    RispondiElimina
  4. - ritmi lenti (e tanti) e ultraviolenza centellinata col contagocce,
    - sguardi e profili a iosa (inseriti nei ritmi lenti di prima)
    - colonna sonora splendida
    - Ryan Goslin

    bello davvedero

    RispondiElimina
  5. Stavo giusto decidendo se andare o meno al cinema sta sera...

    RispondiElimina
  6. Visto ieri... un film "forte" che ha la sua forza anche e soprattutto nei silenzi... assolutamente MERAVIGLIOSO!

    RispondiElimina
  7. Mi fa piacere che questo film piaccia, in effetti prometteva bene (e poi quel richiamo a "Bullit" mi attira come un'ape al mielie).
    Christina Hendricks? No complaints.

    RispondiElimina
  8. Visto la sera dell'uscita, stavo giusto aspettando che qualcuno da queste parti avesse voglia di commentare. Mi son chiesto: possibile che in tutta la sala solo io mi fossi accorto di ciò che era appena successo? É mai possibile che per una volta che passa un film coi controcazzi nessuno in sala se lo fili ed anzi rompa pure le palle? Commentini, risatine ad insozzare tutta quella poesia, i silenzi, l'adrenalina che pompa e diventa un tutt'uno con la splendida colonna sonora (giá scaricata). Che facessero tutti la fine del tipo nell'ascensore...

    RispondiElimina
  9. doc, ho seguito IN TEMPO REALE il tuo consiglio, e ieri sono andato a vederlo con un paio di amici.
    Ma la cosa dello scorpione non l'ho capita. Me la spieghi?

    RispondiElimina
  10. Il film in questione (ancora) non l'ho visto, ma ancora mi chiedo come faccia la Hendrix a reggersi in piedi sui tacchi a spillo senza cadere per terra di faccia, visto l'evidente squilibrio di masse che la contraddistingue.

    RispondiElimina
  11. red tiger:
    Ok,

    *****SPOILER, OCHO************


    ...


    ...


    Il driver ha un'indole distruttiva: per quanto cerchi di tenerla in un angolo, finisce in mezzo ai casini. Come lo scorpione dell'apologo attribuito a Esopo, che punge la rana a cui ha scroccato un passaggio e affogano tutti e due: è la sua natura.

    RispondiElimina
  12. Kon: molto semplice. Ha messo su un bel coolo.

    RispondiElimina
  13. di Refn vidi già "Valhalla Rising" e "Bronson" con un grande Tom Hardy. pensai subito che avremmo sentito parlare di questo regista e infatti non mi sbagliavo, appena riesco vedrò sicuramente questo capolavoro

    RispondiElimina
  14. Ma non è quel film ambientato a San Francisco dove il protagonista prende possesso dei corpi delle persone al volante?
    Comunque il film va visto anche solo perché c'è un signor attore.

    RispondiElimina
  15. @doc: ecco, ora ho capito. Grazie :)

    RispondiElimina
  16. Non ho trovato nessuno con cui andarci. Dovrò aspettare il DVD, uffa :(
    La colonna sonora, a giudicare da qualche brano su youtube, sembra davvero notevole.

    RispondiElimina
  17. È piaciuto anche a me, e un bravo al giovane Hercules.

    RispondiElimina
  18. OT: La fine del mondo è vicina.

    Il Doc ha rifatto tutti i titoli del menù dell'antro con l'antialiasing! non ci posso crederci!!! :D

    RispondiElimina
  19. eh, son stato costretto. Per inserire le descrizioni nelle barre dei Contents, senza AA non si leggeva niente. A quel punto, già che c'ero, una botta l'ho data anche a tutti gli altri elementini.

    RispondiElimina
  20. infine ieri sono andato al cinema. scelta decisamente azzaeccata.
    Gran film in ogni suo dettaglio.
    Persino le scritte rosa shocking...

    RispondiElimina
  21. Hai visto Doc perchè insistevo per farti andare a vedere questa meraviglia? Gosling monumentale da 92 minuti da applausi, ma non è una sorpresa per chi ha ha visto Blue Valentine e Il Caso Thomas Crawford (Fracture) in cui Ryan alla bella età DI SOLI 27 ANNI riesce a stare al livello di Anthony Hopkins e sottolineo Hopkins mica Martufello.
    E Ora Refn DEVE sfornarci qualche altra perla, mentre Gosling torna suglia schermi a Natale per il già lodato Le idi di Marzo diretto da Clooney, che fa pochi film come regista, ma tutti ottimi.

    RispondiElimina
  22. Scusate qualche refuso nel post, ma un edit proprio non si può aggiungere tra le funzionalità?

    RispondiElimina
  23. kojirardi: sorry, ricordavo che un qualche antrista me ne avesse parlato, ma non ricordavo chi l'avesse fatto.

    Le scritte rosa shocking che cita Gachi-Boy, con quella font lì, sono un omaggio a...?

    Vediamo chi lo sa :)

    RispondiElimina
  24. In un solo post hai infamato Vin Diesel e Nicolas Cage e per questo ti impazzirà la Redbull in frigo!

    RispondiElimina
  25. Un film semplicemente grandioso, e come ha già detto qualcuno, entusiasmante è la parola giusta. Di sicuro se non ci fossi stato tu me lo sarei perso...Ho la frase "real human being" che mi frulla per la testa da diverse ore ormai, e c'è che devo convincere diverse persone a vederlo, e con chi esce deluso sono pronto a interrompere ogni rapporto :D
    Non è che me ne intenda molto di cinema, ma rileggendo il post mi è venuto da ridere al "get ready for one hell of a ride", tanto che c'erano potevano schiaffare un bel "OMG awsum" da qualche parte.

    Riguardo al font, l'unica cosa che mi ricorda è vice city.

    RispondiElimina
  26. Vivere e morire a (Losanghe) Los Angeles?

    Marpo

    RispondiElimina
  27. La font era in effetti diversa da come la ricordavo, ma l'intento era chiaramente quello di citare questo film:

    http://www.youtube.com/watch?v=AZnKXbpO9PM

    RispondiElimina
  28. Mi piacciono un sacco le tue recensioni, ma attenzione, il richiamo del film è questo: http://www.youtube.com/watch?v=mOZPRm5BW0Y notare grafica ripresa e foto!!!
    bacii!!

    RispondiElimina
  29. Mhhh... Però il rosa shocking e le riprese dall'elicottero sono al certo per certo di Risky Business...

    RispondiElimina
  30. Grazie del consiglio cinefilo, l'avrei pisciato alla grande il film, che così, a pelle, mi sussurrava un discreto "sticazzi".

    E grazie pure per l'AA nei titoloni, che i font pixellosi mi disturbavano.
    Anche se le barre dei Contents le preferivo senza scritte. Fanculo l'accessibilità (l'attributo alt ci sta apposta), full image erano più belle e meno spiegone :P

    RispondiElimina
  31. Eh, se quelle barre son rimaste senza scritte per tutti questi mesi era proprio perché mi piacevano in quel modo. Ma alla quarantesima email in cui mi si chiedeva dove pescare il mio profilo o le categorie del sito, mi son detto che ERA ORA DI BASTA.
    Oh, magari tra un po' di tempo le rimettiamo.

    RispondiElimina
  32. Gioventù moderna... sempre la pappa pronta... xD

    RispondiElimina
  33. Io ci sono andata oggi. E per puro caso, ché la scelta iniziale era il film di Salemme (niente in contrario, ma ora come ora tornerei indietro nel tempo e mi schiaffeggerei a sangue pensando a cosa mi stavo perdendo). Poi, come capita sempre quando si sta in compagnia, e tira e molla, scegliamolo bene che se ci pentiamo sono 7 euri e 50 buttati, su consiglio dell'amico un tantino più cinefilo abbiamo scelto Drive. Devo ammettere che temevo fosse un fratellino di fast and furious, e invece è un capolavoro. Poche volte sono uscita così soddisfatta dalla sala, e così anche gli altri spettatori. Se faccio in tempo, una seconda visione ci sta tutta.

    RispondiElimina
  34. L'avevo già visto in anteprima e, a parte la voglia di uccidere almeno metà degli spettatori, il desiderio più grande è quello di rivederlo. Cosa che avverrà questa settimana. Film eccezionale, con una colonna sonora che ti rimane appiccicata al cervello (in senso buono)

    RispondiElimina
  35. Ieri sera dovevo andare a vederlo... ma alla fine abbiamo optato per "Terraferma" di Emanuele Crialese.
    Facciamo una cosa: io vado a vedere Drive, e voi Terraferma. Ok? ;)

    RispondiElimina
  36. Doc, grazie per il consiglio, il film è a dir poco strepitoso.

    Doc sindaco d'australia, subito! :)

    RispondiElimina
  37. visto ieri sera,

    un pò crudo ma ci stà

    grazie Doc!

    RispondiElimina
  38. ieri c'è stata sinergia. la mia morosa non voleva vedere tin tin e mi fa "oh c'è stò film in lingua originale coi sottotitoli che ha vinto cannes". pensava chissà quale intellettulata. ed è finito con lei ed io in silenzio fino al termine dei titoli di coda e per altri 10 minuti buoni. io in silenzio reverenziale lei in schoch per quelle scene lì.
    che film ragazzi che film!

    RispondiElimina
  39. secondo me Gosling è espressivo come un fancoil rotto...

    RispondiElimina
  40. Adoro le tue recensioni, ma in questo caso mi permetto di dissentire. Ad ognuno i suoi gusti...per fortuna.
    far passare questo film come capolavoro mi sembra un pò eccessivo... Trama scontatissima: On the Road-vengeance..insomma nulla di nuovo all'orizzonte. Mi verrebbe da pensare che molti critici ricorrano al cosidetto anticonformismo perchè fa molto radical-chic...in molti casi radical-shit. della serie dove c'è gusto non c'è perdenza, almeno così dovrebbe essere...

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails