mercoledì 30 marzo 2011

31

La storia di John DeLorean e del suo grande sogno (finito malissimo)

Sì, sì, ok: la scarica da 1.21 gigowatt, il flusso canalizzatore, dove andiamo noi non ci servono strade, i libici e tutto il resto. Ma prima che vera, grande protagonista della trilogia di Ritorno al Futuro, la DeLorean DMC-12 è stata il modello di punta (in quanto l'unico) della DeLorean Motor Company, e soprattutto il sogno di un uomo, quello seduto lì sul cofano, con i capelli tipo Beppe Severgnini. Il suo nome era John DeLorean, e per tenerlo vivo, quel sogno, avrebbe fatto davvero di tutto. Vedi anche alla voce: traffico di droga [...]

Una DMC-12 costava nell'81 25.000 dollari, l'equivalente di 60.000 bigliettoni di oggi
Figlio di un immigrato rumeno e di un'austriaca, John cresce a Detroit, cuore dell'industria automobilistica americana e città in cui Johnny Stecchino ha fatto studiare la moglie. Dopo la laurea in ingegneria industriale, si mette per una qualche ragione (per migliorare le mie doti comunicative, dirà in seguito) a vendere polizze assicurative, poi passa a un paio di grandi aziende dell'auto, fermandosi infine nella grande famiglia della General Motors, dove progetta nel '64 la prima muscle car in assoluto, la Pontiac GTO.
Il nome GTO (Gran Turismo Omologato) era un, occhiolino, omaggio, occhiolino, alla Ferrari 250 GTO
Nel '67 è la volta di un'altra auto che ha fatto furore, la Pontiac Firebird, e poi di altri modelli per la linea Chevrolet. A quel punto quello di DeLorean è ormai un nome che conta a Detroit: guadagna parecchi soldi ed è richiestissimo ovunque. Così nel '73 trova il coraggio per mollare tutto e crearsi una sua azienda, la DeLorean Motor Company.
Assieme al grande Giorgetto Giugiaro progetta questo prototipo per un'auto sportiva a due posti, poi entrata in produzione con il nome di DMC-12. Per tutti è semplicemente la DeLorean: con le sue portiere ad ali di gabbiano, la scocca tutta in acciaio inox diciotto/dieci che ci puoi cuocere sopra con pochissimi grassi, il motore Douvrin V6, frutto di un progetto condiviso da Peugeot, Volvo e Renault e prodotto da quest'ultima. Proprio Renault si occupa per conto di DeLorean di metter su un impianto di produzione a Dunmurry, nell'Irlanda del Nord, per sfruttare i finanziamenti di quel paese. La fabbrica entra a pieno regime a inizio '81, ma fa a tempo a sfornare solo 9.000 modelli prima di fermarsi nel novembre dell'82. Dopo meno di due anni l'avventura della DMC-12 è già arrivata al capolinea: la DeLorean Motor Company viene dichiarata fallita e il governo britannico ordina la chiusura degli impianti. Ma John è già impegnato a quel punto a trasportare droga in giro per il suo paese.
Nel Natale dell'81, un'iniziativa congiunta di DeLorean e American Express mise in vendita dei modelli speciali placcati a 24 carati per tutti i possessori di una carta oro. Ne furono venduti solo due
Nell'estate di quell'anno, si legge sempre su uichipìdia, DeLorean viene infatti contattato da un ex trafficante di droga e informatore sotto copertura dell'FBI, che gli propone un piano infallibile per investire dei soldi nel traffico di cocaina. John, talmente alla canna del gas che, fossero già esistite, si sarebbe bevuto pure le email dei nigeriani con la polverina per moltiplicarti le banconote da 100 euro, accetta, ingoiando l'esca con tutto l'amo. Ad ottobre, un mese prima che la fabbrica sull'altra sponda dell'Atlantico venisse chiusa, John DeLorean veniva arrestato dai federali per traffico di droga.
Dei 9.000 esemplari prodotti, circa 6.500 sono stati venduti e sono ancora oggi da qualche parte, là fuori
A questo punto uno potrebbe chiedersi perché l'FBI spendesse i soldi dei contribuenti per preparare dei trappoloni pazzeschi ai propri industriali in difficoltà, anziché dare, chessò, la caccia agli alieni, e infatti fu grossomodo questa la linea di difesa adottata dagli avvocati di John. Che, per quanto i filmati che mostravano lo scambio di valigette e l'apprezzamento di John per la qualità della coca contenuta in una delle due sembrassero inchiodarlo, venne assolto nell'agosto dell'84. Risolti i suoi problemi con la giustizia, John vuole rimettersi in pista. Anche perché nell'estate dell'85 è uscito questo film in cui una sua DMC-12 è una macchina del tempo e... magari ne avete già sentito parlare. 
Quella storia sulle strade? Beh, era vera
Grazie alla pellicola di Robert Zemeckis, la DeLorean entra prepotentemente nell'immaginario collettivo: è e resterà l'auto della vita per milioni di teenager prima, milioni di trentenni nostalgici bamboccioni poi (presente!). John inizia a cullare allora l'idea di un nuovo modello, la DMC2, e per raccogliere i fondi necessari si mette a vendere negli anni 90 sull'internetto gli orologi della DeLorean Time, al prezzo piuttosto meico di 3.495 dollari cadauno. Ma ogni acquirente aveva in compenso un diritto di prelazione su una DMC2, quando e se sarebbe finalmente uscita.
Leggi: mai
Nel '99 le tante cause legali pendenti sulla sua testa dal fallimento della DeLorean Motor Company 17 anni prima costringono John a dichiare bancarotta. Un infarto si porterà via ottant'anni, nel 2005, lui e il suo sogno di rimettere su strada l'auto che portava il suo nome. E a proposito di sogni, te hai sempre sognato ovviamente di guidarla una DeLorean, ma ti sei dovuto accontentare di poggiarci il culo sopra agli Universal Studios di Los Angeles, anni fa.
Prima che sostituissero quella meravigliosa attrazione con quella cazzata dei Simpson. E che uno degli addetti alla sicurezza ti chiedesse di allontanarti per cortesia dal veicolo in esposizione, grazie.

31 commenti:

  1. Tra l'altro al giorno d'oggi per trovare una delorean su autoscout, ci voglio 22 checchi, fino a qualche anno fa ci si fermava a 8000 €. Chissà se te la fornivano con o senza flusso canalizzatore...

    RispondiElimina
  2. Nel '99 agli Universal in Florida c'era ancora all'entrata del cinema dinamico coi modellini da 6 (mi pare) posti...

    RispondiElimina
  3. wow Doc! gran bel post :) se ti può interessare al Movieland (vicino a Gardaland) c'è una copia della DeLorean di BTTF davvero ben fatta (a differenza ad esempio della copia di KITT, che non ha manco il led frontale :( ) tanto che mi viene il dubbio sia originale...

    RispondiElimina
  4. Ma la DMC-12 non aveva ahche un problemino tecnico di esplosione? Almeno così avevo semtito dire.

    RispondiElimina
  5. Si peccato che il modello di delorean di movieland sia tenuto a CDC (cazzo di cane©), con il mister fusion staccato da qualche buontempone...ed in effetti KITT e na boiata pazzesca (quella di movieland non l'originale).

    RispondiElimina
  6. Un post che mi piace un sacco, da buon trentenne nostalgico bamboccione ho la Delorean cara nel mio cuore ma non ho mai saputo un membro del sig.Delorean. Grazie per aver soddisfatto questa inconscia curiosità...

    p.s. nella prima foto il taglio di capelli assomiglia a quello di Cesare Cadeo targato '80
    http://www.bloggers.it/stranigiorni/itcommenti/telemilano_2.jpg

    RispondiElimina
  7. Ce ne sono relativamente parecchie, di DeLorean in giro. Del resto le cifre di cui parla Il Coinc sono ampiamente abbordabili. La prima cosa che faccio, quando divento uno scrittore ricco, affermato e irascibile, è comprarmi una DMC-12. E' deciso.

    RispondiElimina
  8. Oh, una volta che sono ricco e irascibile me le compro tutte. Chiaro. Solo che una Stratos non la trovi mica facile come la DeLorean.

    RispondiElimina
  9. vabè, ma se diventi ricco, affermato ed irascibile, dov'è il problema? :D :D
    ...poi puoi puntare alla presidenza del consiglio, della repubblica, beatificazione... pare sia un percorso forzato... ;)

    RispondiElimina
  10. La stratos per il giretto domenicale, la Delorean per tutti i giorni :D

    RispondiElimina
  11. La Stratos per il giretto domenicale, la Delorean per il giretto di domenica scorsa. :))

    RispondiElimina
  12. http://www.delorean.com/newbuild.asp

    Ogni tanto ci passo... E per inciso, spesso e volentieri interpreto l'estensione ".ASP" come una contrattura di "ASAP" (As Soon As Possible)... :P

    RispondiElimina
  13. Be' io quella de I Simpson me la sono fatta e non è male... Certo, BttF doveva essere un'altra cosa.
    In compenso, ora c'è il "Doc Brown's chicken fast food".

    RispondiElimina
  14. Vado pesantemente OT con un: "Doc, lo segui RAW?"

    RispondiElimina
  15. Il bresslinz, dici? Mah. Ogni tanto ci provo, quando su scài non fanno proprio nulla d'altro. Ma in genere mi prende subito forte la depressione.

    RispondiElimina
  16. Porcacchia! La Delorean! Proprio ieri ci pensavo... grande post doc! Non ho altro d'aggiungere

    RispondiElimina
  17. Ok allora chiudo l'OT consigliandoti caldamente la visione della puntata andata in onda in usa lo scorso lunedì (28 marzo), visto che che in una scala da uno a Ric Flair, trasuda carisma da tutti i pori.

    RispondiElimina
  18. Sai mica quando la daranno su sky? Nel caso me la registro

    RispondiElimina
  19. La replica dovrebbe essere questa domenica alle 13.45 (considera che è il raw per wrestlemania)

    RispondiElimina
  20. Vedo che l'hanno già scritto, in effetti la De Lorean la producono ancora, googlando si trova il sito. Gli attuali proprietari dei marchi non c'entrano niente con la vecchia gestione ovviamente però vuoi mettere, una DMC nuova di pacca.

    Con questi post vinci facile su di noi nostalgici.

    RispondiElimina
  21. Attenzione, Pila: i tipi linkati da Marte nel suo commento non producono DMC12 nuove, da zero. Si "limitano" ad assemblare su ordinazione pezzi originali comprati in un megalotto (il che spiegherebbe anche che fine abbiano fatto le 2500 vetture prodotte ma non vendute al fallimento della DMC...). Uichipìdia scrive infatti al riguardo:
    "They are not, in fact, creating "new" DeLoreans, but performing complete rebuilds of the car from the underbody with the aforementioned enhancements. As a result, there have been no DeLoreans produced since the factory closed down and all "New Build" cars are refurbished '80's originals".

    RispondiElimina
  22. Mah, per me la DeLorean è uno dei lavori di design più brutti di giugiaro e a livello di prestazioni non era poi un granchè nemmeno all'epoca, sempre che la si voglia considerare una macchina sportiva. In effetti il suo boom di notorietà l'ha avuto proprio coi film di Zemeckis, altrimenti non se la sarebbe cagata proprio nessuno, come era giusto che sia, dopotutto.

    RispondiElimina
  23. giusto... una macchina un po' orenda (con una r sola) ma che col film è entrata nella leggenda...

    riprendo l'OT di poco sopra: doc, hai visto che è uscito WWE All Stars? Che c'è anche Ultimate Warrior? Ce la fai una recensione? ;)

    RispondiElimina
  24. Per RIPRODUZINI DELLA VETTURA PROPIO IDENTICA AL FILM ho trovato sti matti:

    http://www.ebay.it/itm/RITORNO-AL-FUTURO-DE-LOREAN-BTTF-DELOREAN-MILANO-/250497107940

    Sono gli mpsstudios !!

    :D

    RispondiElimina
  25. Resuscito questo post sull'onda di quello sul film: io il culo su una DeLorean non solo ce l'ho messo, ma sono stato anche passeggero (Automotoretrò, Lingotto di Torino 2012). Mi hanno sorpreso le dimensioni molto ridotte.

    Una piccola nota: a parte la aptina mitica e il design avveniristico, ricordatevi però che, automobilisticamente, la DMC-12 era davvero un'auto di merda. Piccola, lenta, scomoda, e si rompeva pure sempre.

    RispondiElimina
  26. Che ne diresti Doc di mettere su una rubrica sulle auto più belle (e magari anche quelle talmente brutte da essere capolavori d'arte moderna) degli anni '70, '80 e '90?

    RispondiElimina
  27. Noooooooooo, hanno sostituito l'attrazione agli Universal Studio!?!?!? Che brutti! Buuuuuuuhhhhhhhhhh. Per fortuna ci sono andato nel 2006 e mi ci sono potuto fare la foto accanto, un po' come il Doc, ma pensare che non c'e' piu', mi riempie di tristezza.

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails