giovedì 25 agosto 2016

46

Batman of the Future: Il ritorno del Joker

La volta scorsa, quando hai promesso di passare in rassegna altri film d'animazione del DC Universe, scrivevi che sarebbe stato saggio magari partire dai DUE grandi classici. Intendevi naturalmente Batman: La maschera del Fantasma e il qui presente Batman of the Future: Il ritorno del Joker (Batman Beyond: Return of the Joker, 2000), probabilmente il tuo film a cartoni DC preferito. Perché? Perché l'idea del Batman del futuro qui esprime al massimo il suo potenziale, perché per essere un direct-to-video ha delle animazioni ottime e perché, anche se nessuno lo dice, sostanzialmente ha un'indole da anime giapponese. E non solo per tutti quegli ammiccamenti ad Akira [...]

Hai già spiegato più volte perché il costume di Batman Beyond, la tuta nera senza mantello ma supertecnologica dell'ex teppista Terry McGinnis, sia per te uno dei più fighi di sempre, sorta di risposta in ritardo da parte di Paul Dini e sodali all'Uomo-Ragno 2099. Ma ti piaceva in generale tutto il tono cyberpunk e neo-noir della Gotham del domani (Neo-Gotham City), espresso al meglio qui in un film perfettamente godibile anche per chi non abbia mai visto una singola puntata di Batman of the Future/Batman Beyond.
Perché i punti cardine della storia sono pochi e vengono comunque menzionati nel film: Bruce Wayne è un anziano e scontroso energumeno che vive in compagnia del suo molosso Ace, Terry gli fa da garzone oltre che da giovane sostituto, eccetera.
Solo che all'improvviso torna in scena il Joker. Il che non è possibile, perché Batman lo ha visto morire, molti anni prima. Proprio il modo in cui viene gestito il passato del paladino di Gotham, non solo nel lungo flashback del film ma più in generale in questo mondo e in tutta la serie, resta uno degli aspetti più fighi di tutta la faccenda sia per i fan dei fumetti del Pipistrello che per quelli della prima serie animata di Batman. Che ne è stato delle sue nemesi (alcune delle quali tornano in pista negli episodi della serie). E, per dire, di Tim Drake?
E Barbara, diventata il nuovo commissario della città, non ricorda tantissimo suo padre? Certo che sì. È una storia di fantascienza pura, quella alla base del film, con un plot twist che la prima volta trovasti particolarmente azzeccato, anche se il lavoro di detection di Terry - ti fa sempre troppo strano pensare che in italiano ha la voce del tuo amico Nick Carrassi - si conclude in quattro e quattr'occhio. Oh, c'hai Bruce Wayne lì, è normale che devi andare a prenderti un gelato, rEgazzì. 
È un film insospettabilmente adulto, Il ritorno del Joker. Insospettabilmente perché pur sempre del figlio di un cartone per la TV si tratta, non di una pellicola diretta a un pubblico maturo come possono essere Year One o Assault on Arkham. Tanto è vero che nella sua prima incarnazione fu censurato di brutto, e si arrivo alla release in DVD del cut originale solo tramite un'apposita petizione dei fan incarogniti. Sangue e violenza non mancano, i morti impalati nemmeno, anche se il sempre delizioso stile alla Bruce Timm aiuta a tenere più bassi i toni. Oltre che a rendere tutte le donnine sexy, va' la fidanzata di Terry, Dana, qui sopra. E quelle scene nella discoteca tunz tunz del futuro, tutte virate nel blu, nell'arancione e nel rosso accesi dei faretti, mettono in mostra anche un'altra cosa, lo stile da vendere del film.
Quanto e più della serie, Il ritorno del Joker gioca con tinte e pattern, trasformando poche linee e colori in cartoline del domani. I grattacieli che si stagliano nel cielo viola di Neo-Gotham, l'interno del BatWing pucciato nel rosso fuoco, il costume di Terry che si mescola con le ombre, come un vero demone della notte.
C'è una cosa, però, che dagli screenshot non si apprezza ed è la qualità notevole delle animazioni. A ogni esplosione, a ogni sbuffo di polvere o onda sollevata da un impatto, sembra di trovarsi di fronte a un film anime di quelli fatti bene. E infatti, anche se wikipedia non te lo dice, il film è stato animato dalla giapponese TMS (Tokyo Movie Shinsha), storica compagnia nipponica che ha realizzato decine e decine di anime famosi e collaborato a diverse coproduzioni internazionali.
Il flashback con Harley Quinn e il Joker
Bello, animato bene e... doppiato anche meglio. Prova ottima, ancora una volta, per Mark Hamill e il suo Joker, ma anche per Kevin Conroy e il suo Batman anziano bucapalloni.
Difetti? Boh, se ci sono non gliene hai mai trovati addosso. Forse qualche ammiccamento di troppo ad Akira/Renato, ma ci sta. Batman of the Future: Il ritorno del Joker è uno degli ultimissimi figli di quel futuro che ci piace tanto, quello delle metropoli infinite, dei ponti da percorrere a manetta in sella a una moto come quella di Kaneda, in cui tutto funziona, fino a quando qualcuno non si mette a romperti il pazzo con un satellite distruttore. Quel futuro che di lì a poco, per varie ragioni, non sarebbe esistito più.
Peccato semmai che non ne abbiano realizzati altri, ma Paul Dini era già proiettato verso Justice League Unlimited, serie che avrebbe incrociato in un paio di occasioni il suo cammino con Batman Beyond. A parte La maschera del fantasma (arriva pure quello, ovvio), ci sono diversi altri film del DCAU in canna, ché c'hai la libreria di iTunes e un mezzo scaffale dell'angolo raggiblù pieni. Vi va, sì? Certo che vi va.

PS con [MINI-SPOILER]
...
...
...
ROTFL per catanannharley. 

46 commenti:

  1. La Maschera del Fantasma all'epoca ammetto che mi abbia un po' deluso, ma questo...meraviglioso!
    Ho visto molti altri film d'animazione del DCU ma questo a mio avviso li batte tutti.
    All'epoca non sapevo chi fosse Terry McGinnis, non avevo familiarità col suo mondo futuristico e, beh, è stato bellissimo scoprirlo.
    Ma il vero pezzo forte del film, a mio parere, è la gestione del "ritorno del Joker": angoscioso, doloroso, terrificante, perfetto.
    Lode e gloria ai doppiatori, e ancora una volta anche a quelli italiani, con la nostra voce storica Riccardo Peroni qui al suo massimo splendore, almeno per quanto riguarda il suo Joker.
    Favoloso.

    Lo ricordo a memoria, ma devo recuperarlo in raggioblu in ogni caso.

    RispondiElimina
  2. Doc, a proposito di Batman, il pubblico vuole sapere come va a finire il mimmoscontro col Joker degli anni '60! Il pubblico eh, non io, avviso solo, eh...

    RispondiElimina
  3. Vidi anche questo all'epoca di tele+ (non credo fosse già sky). Piacque molto, anche se la soluzione del mistero non mi convinse del tutto. Da rivedere, con mente più vecchia e più tollerante...

    RispondiElimina
  4. Vedrò anche questo...su tuo consiglio ho visto Assault on Arkham e la sera stessa Suicide Squad...viaggiamo davvero su mondi paralleli, Assault on Arkham è spettacolare, violento e davvero ben fatto, Suicide Squad, per quanto l'abbia trovato divertente, è un film senza impegno, con un montaggio fatto da ubriachi e alcuni dialoghi davvero senza senso. Recupererò anche la Maschera del Fantasma, grazie Doc per avermi fatto scoprire anche questo...sei una fonte di novità per me.

    RispondiElimina
  5. Tanti anni fa cercai di recuperare tutta serie animata di Batman (un cofanetto sarebbe stato il massimo) ma nulla di fatto. Trovai però nel torrente o sul mulo tutta la serie di Batman Beyonde e il film. Bellissima serie e bellissimo film.
    Bello il prologo con il Joker e Batman. Film alla fine maturo con i morti (vedi l'entrata in scena del Joker) e la scena iniziale con Robin nelle mani del Joker.

    RispondiElimina
  6. Concordo su tutto, ma , per quello che può valere e non è davvero sufficiente nemmeno x un caffè, non credo che BB sia una risposta allo Spidey 2099 dei miei amici ed ex allievi David e Leonardi e Williamson perchè il serial in tv - anche considerando il tempo x progettarlo - è di molto successivo allo sgonfiamento dell'effimero - davvero un peccato - futuro "ufficiale " della Marvel. Mi sbaglierò - sono un cavaliere errante nel senso che raramente ne imbrocco una - ma credo che i ragazzi della Warner abbiamo visto tonnellate di Samurai Jack e robe con demonietti stilizzati che guizzano nelle fiamme - forse addirittura il video A Kind of Magic dei Queen -- ed abbiano deciso di attualizzare l'immagine iconica del Bats di Bob Kane sul ciglio del palazzo siccome un gargoyle che abbia preso vita e stia x spiccare il volo.
    E' sicuramente una coincidenza - lo scrivo senza alcuna ironia - che il twist della identità del Joker ricordi la trovata dei miei amici Busiek e Texeira x lo one-shot Spider-Man: Legacy of Evil
    ( da noi su di un vecchio Wiz della Marvel Italia ) in cui il Ragno del presente aveva a che fare con un Green Goblin apparentemente tornato dalla morte.
    Sempre nel reparto a chi può interessare meno di nulla, trovo bellissimo il costume di BB, ma avrei smussato le orecchie portandole ad una lunghezza davidmazzucchelliana, sacrificando il tema del pipistrello in fuga dall'inferno, come direbbero negli States.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che tutte due le storie - quella di Busiek e Tex ed il film di BB - abbiano il loro motore nella famosa orazione dal Giulio Cesare di Shakespeare che copia incollo da wiki anche se non mi fa impazzire la traduzione : Il male che gli uomini compiono si prolunga oltre la loro vita, mentre il bene viene spesso sepolto insieme alle loro ossa. (Antonio: atto III, scena II)

      Elimina
  7. Non mi dispiace questo film, sebbene alcune scelte narrative le trovi parecchio demenziali XD ma in ogni caso lo trovo abbastanza valido, considerando che Batman Beyond non è che mi sia mai piaciuta granché come serie, fighissimo il costume, ma il tizio che c'era dentro mi è sempre stato altamente sulle balle... un michietto ribbelle del quale non mi fregava davvero nulla, ne del suo passato da teppista ne del suo lutto familiare (gli era morto il papà o sbaglio? Ucciso dal Lex Luthor/Norman Osborn di turno mi pare)... e i nemici al 90% mi facevano anche abbastanza cagare alcuni di loro erano versioni annaquate dei villain classici, altri erano abbastanza blandi... tra l'altro ricordo che in un episodio compaiono anche dei Fantastici 4 tarocchi che a fine episodio diventavano cattivi tipo... mah... probabilmente l'unico motivo di interesse erano appunto le versioni anziane di Bruce e Barbara. Probabilmente gli unici episodi a destare il mio interesse erano proprio quelli che si ricollegavano alla serie precedente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Confermo: mai apprezzato il co-protagonista e i nemici malamente ispirati a quelli passati.

      La serie comunque aveva buoni punti di forza come Bruce Wayne anziano ed è stata ripresa anche in alcuni crossover animati, tipo l'incontro fra il Batman originale e il Bruce Wayne anziano.

      https://www.youtube.com/watch?v=PETk8eBbfN0

      Elimina
    2. Allora non sono l'unico a pensare che Batman Beyond è noioso,meno male.
      Come avete detto voi;protagonista,cattivi e storylines altamente noiosi,senza considerare che Batman,a livello iconico,nel futuro non ci azzecca nulla,il fascino di Gotham City è squisitamente retro,facendola diventare Neo Tokyo 3 perde tutto il significato.
      Comunque se volete vedere un batman cyberpunk fatto bene leggete la graphic novel Batman:Digital Justice

      Elimina
    3. La serie mirava al pubblico dei regazzini, quanto e più di quella originale, come testimonia l'ondata di pupazzielli. Il film, essendo pensato per il mercato home video, l'hanno realizzato con un tono più maturo. E WB gliel'ha censurato al primo giro.
      Detto questo, a me di Beyond piacevano gli spunti, ma la trovavo anch'io piuttosto noiosa. Il film ha il vantaggio che in una settantina di minuti si gioca bene le sue carte (a partire dal Bruce anziano, ovviamente) e la trama del ritorno del Joker.

      Elimina
    4. effettivamente Batman Beyond nasce da un imposizione dei dirigenti del network che volevano un Batman più giovane così da poter avvicinare anche un pubblico di bambini.
      La serie però mantenne comunque il taglio adulto di TAS, Terry Mcginnes era un Peter Parker più serioso* e l'atmosfera futuristica era un incrocio tra blade runner e jack kirby.
      Tra l'altro quando arrivò un altra imposizione dal network all'inizio della seconda stagione (chiesero più episodi ambientati al liceo), tirarono fuori una delle puntate più horrorifiche di tutto il dcau.
      http://vignette1.wikia.nocookie.net/dcanimated/images/9/9b/Earthmover.jpg/revision/latest?cb=20070819180710

      ah e i nemici al 95% erano tutti nuovi a livello di origini/poteri/motivazioni, proprio per scelta di non scadere nel banale "2faccie futuristico" "pinguino futuristico" etc.
      (gli unici a tornare furono mr freeze e joker (nel film))

      *la puntata con "i fantastici 3", aveva un paio di sequenze ricalcate paro paro da "capitolo finale", proprio per sottolineare la somiglianza tra mcginnis e parker.

      Elimina
    5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    6. Beh va detto che la trovavo migliore di Teen Titans, quella sì che non mi è mai andata giù. Infantile, con scenette demenziali fuori contesto. Stranamente idealizzata troppo dal pubblico. Io però avevo 10-11 anni quando la trasmettevano. In teoria ero nel target.

      Elimina
  8. Di questo film apprezzo molto lo spin-off erotico a fumetti di Pandora's Box, del cartone invece tutto quello che riguarda il vecchio Batman e non quello nuovo. Sono un tradizionalista.

    Mi sono sempre chiesto, però, come mai il logo spesso sia alternato senza motivo tra quello originale (senza sfondo giallo) a quello attuale classico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Batman anumato di Bruce Tim inizia con il logo su fondo giallo nelle prime 2 stagioni e riprende il costume con il logo nero nella terza (dove ci sono cambiamenti anche a livello di character design. Tuttavia nelle prime stagioni apprendiamo che il Pipistrello ha avuto un'altro costume prima di quello delle prime stagioni con il logo classico, lo si vede in un flashback (a memoria).

      Elimina
  9. Posso aggiungere poco alla recenzione del Doc, il Batman del futuro, nel suo film direct-to-movie, è sempre un capolavoro, un po come tutti i film dell'universo cinematografico DC (che ho visto dal primo all'ultimo essendo io DC maniaco).

    Attendo con ansia "La Maschera del Fantasma" vero capolavoro cinematografico che, quando uscì al cinema, mi spiazzò. Sognavo di vedere altri personaggi DC fatti bene come il film in questione, poi ad un certo punto arrivò la mostruosa Justice League, inferiore come tecnica al vecchio Bats, ma veramente meravigliosa dal punto di vista della sceneggiatura e delle storie. Tra i nuovi films sono molto consigliati anche il Ritorno..., ovvia rilettura del capolavoro di Frank e il bellissimo film che si svolge nella realtà altrnativa di "Gods and Monsters" sempre di Bruce Tim deve Superman, Batman e Wonder Woman non sono proprio quelli che conosciamo... caldamente consigliato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso che Gods and Mosters sia uno dei suoi film più riusciti,ha dimostrato che se la cava alla grande anche con tematiche più adulte.
      Mi piacerebbe ci fosse un seguito che espandesse un pò l'universo con nuovi personaggi

      Elimina
    2. Esistono 3 cortometraggi fatti solo per la tv e per l'web, ogniuno con protagonista uno dei tre eroi della storia, ma non aggiungono molto a quello che è stato detto nel film

      Elimina
  10. Film rivisto di recente!Meraviglioso a livello di animazioni e in grado di rendere pesante come la cappa di un Batman disilluso tutto lo svolgersi della trama. Ho sempre adorato soprattutto alcune dettagli come le pupille itteriche del vecchio Bruce, malconcio sia a livello fisico che esistenziale. Per quanto riguarda le analogie con l'animazione giapponese d'alto lignaggio fantascienzo non si può non notare, soprattutto nelle scene d'azione le somiglianze tra il mastino Ace e Flender il fido compagno multiuso di Kyashan.

    RispondiElimina
  11. Bello, coerente, credibile, rispettoso di tutti i personaggi. What else?

    Non ho ancora visto Batman e la maschera del fantasma, anche se ho visto Batman contro Dracula. CHe non è nemmeno così male, ahche se non si avvicina lontanamente al livello espresso da Batman of the Future: Il ritorno del Joker.

    RispondiElimina
  12. Questo articolo mi ha ricordato del videogioco tratto dal film che ho giocato durante l'infanzia, allora ho pensato di andarmi a vedere qualche gameplay sul tubo per far riaffiorare i ricordi. Figurati se il primo commento non mi spoilera quello che penso sia il colpo di scena principale del film...

    RispondiElimina
  13. Toh. L'ho rivisto proprio ieri mattina.
    WB l'ha messo (legalmente!) su YouTube, diviso in più parti.
    Davvero bello.

    RispondiElimina
  14. Visto in colpevole ritardo soltanto un paio d'anni fa, mi colpì in effetti quell'atmosfera insolita a metà tra Blade Runner e Ghost in the Shell, il dettaglio della TMS completa il puzzle. Hamill e Conroy decisamente più in palla che non in TKJ (non so te, ma in quest'ultimo il buon Hamill mi ha dato la sensazione di non essere uscito dal Joker nemmeno per le parti di Jack).
    La Maschera del Fantasma al contrario la vedi da regazzino fino a consumare il nastro del VHS... ne conservo un ricordo stupendo, con un villain dal design badassico fuoriscala.

    PS: Rick e Morty capolavorò, non l'avrei filato senza il tuo rece-consiglio, thanks Doc (for punk rock)!

    RispondiElimina
  15. Spero vivamente che uno dei prossimi appuntamenti sia Justice League:Gods and Monsters,grande prova di Paul Dini,ha dimostrato che può trattare tranquillamente con tematiche più mature rispetto a quelle da lui mostrate finora,e che non lo fa solo tranquillamente,ma alla grande.

    RispondiElimina
  16. Doc,visto che batman nel futuro ti piace,hai mai letto Batman:Digital Justice?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ma mi fece ai tempi lo stesso effetto di Iron Man: Crash. Non riuscivo a calarmi in una storia disegnata al computer.

      Elimina
  17. Visto che sei lanciatissimo con l'animazione supereroistica in questo periodo, un bel post con le serie consigliate? e pure i singoli film.
    e un caffè, grazie.
    PS: hai visto la classifica sui 50 migliori videogiochi di sempre del TIME?

    RispondiElimina
  18. Alla faccia della serie per bambini: il futuro di Dini e Timm è molto più dark di quello di Miller.
    In TDKR, Batman trova un nuovo Robin, un nuovo esercito, e diventa un simbolo di giustizia contro il crimine e contro un sistema corrotto.
    In Beyond, Bruce Wayne è solo un nonnetto scorbutico, incavolato per il fatto che gli acciacchi gli impediscono di menare i cattivi e salvare gli innocenti al tempo stesso. I due Robin si sono rifatti una vita senza di lui, il resto della League chi la sente più, e anche con Barbara non è più come una volta.
    L'unico lieto fine risiede nell'amicizia con Terry, un nuovo Batman meno astuto, meno carismatico, ma capace di non sacrificare gli affetti in nome della missione, e soprattutto in grado di sconfiggere il Joker ritorcendogli contro l'arma della risata (e questo è il motivo principale per cui pur non avendo mai amato troppo la serie, questo film mi è sempre piaciuto assai ;) )

    RispondiElimina
  19. La considero anch'io una delle migliori opere animate di Batman. E' tra le mie preferite: la vedo sempre quando la replicano sui canali mediaset!

    RispondiElimina
  20. A proposito di Bat-Cartoni , non so se l'avete gia' citato ma in questi giorni leggevo anche del grande ritorno di Adam West : http://www.badcomics.it/2016/08/dc-comics-adam-west-torna-a-essere-batman-nel-trailer-di-return-of-the-caped-crusaders/122274/

    RispondiElimina
  21. Kudos.
    Interessantissimo post, grazie.

    RispondiElimina
  22. La vicenda della censura sulla morte del Joker, al punto di ricreare l'intera scena nel film, è incredibile. Come fanno questi ipocriti ad essere allo stesso tempo il paese che ama più le armi e poi và fuori di testa se si vede una pistola in un cartone?.

    RispondiElimina
  23. ricordo il film. La scena in cui ATTENZIONE SPOILER Tim uccide il Joker e poi crolla piangente tra le braccia di Bruce e Barbara mi segnò molto. A proposito, qualcuno mi sa dire che fine ha fatto, nel futuro di Batman of the future, Dick Grayson?

    RispondiElimina
  24. ma da noi è mai arrivata questa serie? e se sì è arrivata tutta?

    RispondiElimina
  25. Bel film, decisamente. Tant'è che l'ho in memoria in pianta stabile sul pc XD
    Batman Beyond non mi è mai dispiaciuto e mi piaceva in particolare il contrasto fra Bruce Wayne ed il suo modo di essere Batman con quello chiaramente differente di Terry (non parlo di esperienza, ma proprio di approcci e modi di pensare diversi). Quello che non mi piaceva era un dettaglio piccolo ma per me importante: il costume dichiaratamente doveva conferire a Terry superforza, agilità e resistenza. Tuttavia la serie mi ha sempre dato l'idea che gli autori se ne dimenticassero spesso, troppo abituati al Batman senza superpoteri ed infatti nei combattimenti Terry subiva come se questi superpoteri non li avesse affatto. Alla lunga mi aveva fatto cadere gli zebedei invece che intrattenermi. Questo ed il fatto che i nemici per quanto non brutti di per se, non avevano quel non so che di malato tipico di quelli di Bruce/Batman: a differenza loro infatti, di quelli di Beyond non me ne ricordo con precisione nemmeno uno.

    RispondiElimina
  26. Film molto bello soprattutto per le animazioni, dettagliate e spettacolari, e per la trama del Joker. Il problema sta semmai negli strumenti scarsi con cui deve lavorare (come diceva il chirurgo a Joker nel film dell'89).
    Il chara design e' lo stesso di TAS (mi piaceva a 15 anni, ma ora...), e l'ambientazione di Batman Beyond mi mette un po' tristezza: Wayne vegliardo, Batman in pensione, i vecchi villain defunti o ritirati, e un nuovo Batman ragazzino con un costume che proprio non mi va giu'. Tutta questa serie nel complesso e' solo una variante "futura" di un concetto che non ha nessun bisogno di futuro, perche' di per se' puo' andare avanti in eterno.
    E la scena in cui Bat-ggiovane/Future/Beyond/Aldila'/Altola'-al-sudore irride Joker? Curioso sentire Batman comportarsi come l'Uomo Ragno, ma appunto... questo non e' il vero Batman.

    Ah, divertente la rivelazione (SPOILER, non si sa mai...):


    Il chip e' talmente potente che puo' non solo contenere l'intera memoria e personalita' di un altro individuo, ma e' capace di far cambiare in un colpo solo carattere, voce, lineamenti, colore della pelle, capelli, e persino i vestiti, con tutina "villain purple" aderente e capello liscio. E ti cura anche l'alluce valgo!

    In ogni caso complimenti per la rubrica, e' un piacere scoprire tutti questi film animati. Ora dovro' vedere TDKR...

    RispondiElimina
  27. C'è da dire che a noi in fondo è andata bene: dopo essermi documentato mi sono accorto di aver visto solo la versione senza censure, che a quanto pare in Italia è quella andata in chiaro sia in TV che quella distribuita home video.
    Per una volta, dopo anni di censure assurde negli anime, almeno a sto giro le meenchiate non sono toccate a noi...

    RispondiElimina
  28. Doc, sei in missione per conto di Dio??? Cavolo come faccio a trascorrere in maniera decente la mattinata senza i tuoi post???

    RispondiElimina
  29. Doc parliamo di Justice League (serie animata)?
    Ti prego ti prego ti pregoooo...

    RispondiElimina
  30. HO scoperto ieri di avere il DVD NTSC region A comprato tanto tanto tempo fa..

    RispondiElimina
  31. Il film l'avevo visto un po' di tempo fa. Certe scene e la pazzia di Drake sono veramente "pesanti". Ad ennesima dimostrazione che i temi trattati dai super eroi non sono sempre per "regazzini".

    RispondiElimina
  32. Doc comunque guarda che la serie animata di batman beyond viene dopo il film ;)

    RispondiElimina
  33. Faccio notare che la scena d'inseguimento del satellite è diretta da un nippone del quale non ricordo il nome, che fece una scena molto simile proprio per Akira, tra l'altro cercando di superarsi. I riferimenti sono quindi intenzionalissimi.
    La TMS è riconoscibilissima, sia per il modo con il quale fanno i contorni (ed è il motivo per il quale riconosco ogni loro lavoro), sia perchè ogni volta che ci sono disegni in-between il Joker tende ad assumere espressioni e proporzioni di alcune parti del corpo piuttosto tipiche di Lupin, che è animato dallo stesso studio.

    RispondiElimina
  34. Ginovanta, il film è collocato cronologicamente DURANTE la serie. Precisamente dopo i primi due episodi della terza stagione nei quali esiste ancora la Wayne-Powers. Nel film invece l'azienda ha ristabilito il nome di Wayne Enterprises.

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails