martedì 19 agosto 2014

46

Gunpla, il tuo primo fail (plus: il segreto di Char)

Dopo la giUoia del Gundam RX-78-2 3.0, la tamarresuberanza del Sengoku Astray Gundam e l'imponenza del Geara Doga, l'erede dello Zaku, la tua quarta esperienza con un Gunpla Master Grade si è conclusa purtroppo in un fail dalle proporzioni enormi. Di quelli che fanno male nel portafogli. Eppure, come nelle storie da programmi che raccontano le sfighe umane, tutto sembrava esser iniziato sotto i migliori auspici. Segue (in una manciata di foto, ché oggi quassù la rete va e viene, ma soprattutto va) la triste cronaca della tua (dis)avventura con l'MSN-06S Sinanju Master Grade, versione OAV [...]
Innanzitutto, come sempre, spieghiamo di che diavolo di mobile suit si sta parlando. Il Sinanju è un modello di Neo Zeon apparso nella serie di OAV Mobile Suit Gundam Unicorn, evoluzione dell'MSN-06S Sinanju Stein, 
rosso come i MS di Char e pilotato da un Char-wannabe dal nome improponibile su una scala da zero a stefaninosoderbergh: Full Frontal
(copia genetica della Cometa Rossa, o qualcosa del genere, ma con un taglio di capelli decisamente più tamarro, da discoteca vintaggia). Bene, torniamo al suo mobile suit. 
La linea complessa di questo modellino, tutte quelle parti mobili e i fregi dorati
che richiamano quelli delle uniformi di Zeon, ti hanno spinto a scegliere questo model kit come quarto Master Grade al quale dedicarti. Si tratta nella fattispecie della seconda versione del modellino - la "versione Anime" o "OAV", codice M167, uscita nel marzo 2013 - con alcune differenze e migliorie rispetto alla precedente (codice M116, del 2008). E in effetti all'inizio è andato, come dicevi, tutto alla grande. I fregi dorati sono disponibili nella confezione sia come waterslide - decalcomanie da far scivolare sul punto esatto dopo averle pucciate nell'acqua - sia come meno impegnativi adesivi tradizionali. 
Quasi ogni linea dorata che vedete sul modellino è in pratica un adesivo a parte, quindi comporre quegli elementi su scudo, pettorale, collo, ginocchia e polsini richiede molto tempo, ma è dannatamente gratificante, perché la resa finale è molto buona. Basta solo stare attenti in seguito a maneggiare con cura quelle parti per non far staccare gli adesivi o spostarli.
I problemi sono sorti con lo scheletro del modellino: durante il montaggio, quella plastica grigia ha iniziato a mostrare segni di stress alla minima pressione. Il dramma si è consumato quando dovevi incastrare il busto del modellino al bacino: senza una ragione apparente, il perno che collega le due parti si è spezzato. Hai rimediato in qualche modo, dopo una serie di improperi e sudate fredde da antologia, tirando via il pezzo rotto con una pinza e sostituendolo con una vite, ma ormai il danno era fatto.
Se infatti il modellino da solo resta perfettamente dritto, a pieno carico, con il suo enorme booster pack (munito di quegli orridi serbatoi a forma di tampax, l'unico elemento che non ti piace della linea del mobile suit), lo scudo e le armi, tende a inclinarsi leggermente su un lato, e comunque non è ben stabile. Non è purtroppo tutto. Non c'è stato verso di far agganciare sul bacino la seconda "cinta di perline" (quella più in basso), perché i rispettivi agganci erano troppo corti e le molle che reggono gli anellini tendevano a staccarsi. Hai dovuto ricorrere alla colla, il che non è mai un bene.
Com'è come non è, il risultato finale non ti soddisfa. Nonostante la figosità oggettiva di alcuni elementi del kit, a cominciare dalle armi
in particolare lo scudo in tutte le sue diverse configurazioni, con o senza asce e parti traslucide attaccate, il Sinanju resterà nella scatola dei bocciati. Niente vetrinetta dei robottoni per lui
(vetrinetta nella quale il MG precedente, il Geara Doga, si è ambientato già benissimo, invece). Poi oh, magari ha detto sfiga proprio a te, e ti è capitata una copia del kit con la plastica grigia fallata, ma non è che tale eventualità ti faccia sentir meglio. Da un kit che costa sensibilmente più della media dei Master Grade (l'hai pagato settanta carte su Amazon) ti aspetti la perfezione ingegneristica suprema e materiali di qualità, non che una delle parti più importanti di tutto il kit si spezzi da sola, senza alcun motivo, perché la plastica impiegata è super-suscettibile. Sono cose che non sono neanche lontanamente cose. 
Ah, a proposito di Char (nei vecchietti come te scorre potente la tentazione di chiamarlo sempre e comunque Scia), stavi guardando l'altro giorno il primo dei tre film di riepilogo della prima serie di Gundam, quella classica. 
E c'è che, beh, la Cometa Rossa non solo guida uno Zaku che vira più che altro sul rosa,
ma nell'incontro scontro con Sayla Mass si presenta con QUESTA uniforme. Anche Sayla veste di rosa, ok, ma solo perché viene pure lei da Zeon ed è la sorella di Char. Ora, secondo voi, quale entità malvagia ha finanziato la rivolta di Zeon contro la Federazione?

GLI ALTRI POST SU GUNPLA E GUNDAM

46 commenti:

  1. Non ho ne tempo ne pazienza per i Gunpla...e poi la paura di iniziare "male" come in questo caso e' forte..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cio' non toglie che invidio abche questa tua passione..

      Elimina
  2. Pattex ripara-plastica. Funziona.

    RispondiElimina
  3. I gunpla non mi avranno mai, ciò non toglie che i MS di UniP0rn siano terribilmente tamarri, prendono a calci quel realismo che era stato una caratteristica fondamentale della prima, storica serie.

    Char anche in rosa va tre volte più veloce degli altri...

    ... a picchiare il suo colorista, s'intende.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E oh, mi si è scassato l'alimentatore del Mac e la Rete ha iniziato a fare le superbizze: il post di oggi è gentilmente offerto dal credito che vantavo con il Karma...

      Elimina
    2. Allora grazie al Karma Atomico :D

      Elimina
    3. Karma Antro-mico semmai :-)

      Elimina
  4. Che due sfere, firefox mi ha cancellato il commento..
    Io ebbi un problema con il perno dello scudo del mio F91; in pratica l'aggancio al supporto del braccio era troppo piccolo, cosicchè lo scudo ruotava su se stesso al minimo movimento del braccio; in pratica uno "scudo rotante" che mandava a "donnine di facili costumi" tutto il bilanciamento del gunpla..girano assai.

    Nella terra di chi è in ufficio ci si stava preoccupando per l'assenza del post quotidiano, oh noi ci si è abituati bene, che si sappia.. ;)

    RispondiElimina
  5. I Gunpla, nei kit, comprendono un pratico Sprue/runner di moccoli multilanguage. Solo che non si vede...finchè non ti parte il bisturi nel dito, o si spezza qualcosa.
    :D

    RispondiElimina
  6. Il Sinanju, benché sia relativamente recente e molto curato ( nonché un equivalente in Unicorn del mitico Sazabi di Char's Counterattack ) è dannatamente bastardo da montare. Purtroppo in questo genere di kit, ogni tanto scappa qualche copia difettata alla fabbrica, bastano pochi punti di debolezza nella plastica ed è il dramma.
    Poi ci sono i pazzi come questo che controllano/limano/aggiustano/riprogettano/colorano tutto il modello pezzo dopo pezzo http://www.gunjap.net/site/?p=96611
    Per giunta versione Katoki che è più bastardo ancora.

    RispondiElimina
  7. Non mi sono mai cimentato in assemblaggi del genere (in assoluto... tranne forse coi lego & meccano), tuttavia dalla tua descrizione penso di poter immaginare la sensazione di frustrazione che possa conseguire ad errorucoli del genere e me ne dispiaccio assai!

    Sarà che oggi qui c'è un tempo dimmé e mi sento molto in simpatia con qualsiasi forma di depressione umana... Sole dove sei... #leggermenteOT #c'avevovogliadiscriverequalcosa

    RispondiElimina
  8. Perché non organizzi una visita guidata(a pagamento)alla tua collezione personale?Diventeresti milionario in euro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché solo chi conosce il gesto del minollo può accedere alla mia sala dei trofei.

      Elimina
  9. Da quando hai iniziato a mostrare i gumpla mi sono sempre chiesto: Ma dato che le parti sono contate, possibile che non abbiamo pensato a produrre dei pezzi di ricambio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da quel poco che ho potuto vedere con due modelli, si limitano a qualche pezzo extra per parti minori come le giunture.

      Elimina
  10. Bellismo !!! Doc perdonami la domanda,che magari ti è gia stata fatta,ma dove hai acquistato i model kit in questione ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo, come scritto, su Amazon. I tre precedenti dai miei pusher abituali di pupazzoni o in fiere/sulla baia.

      Elimina
  11. Purtroppo la rottura del perno del torso è un problema riconosciuto e molto frequente sia nella ver. Ka che OAV.
    Una vite non è però la soluzione adatta, bisogna ricostruire il perno.

    @Van: il servizio di vendita/sostituzione di parti danneggiate esiste. Devi peròpassare attraverso un rivenditore che lo faccia. Ma in questo caso non si risolverebbe il problema.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se il problema era già noto dalla versione precedente, sono stati dei manigoldi a non usare una plastica più rigida per la versione OAV...

      Elimina
    2. Il problema non è tanto nella rigidità della plastica quanto nella forma del perno, per limitare l'attrito l'hanno reso troppo debole. Fra le due versioni hanno cambiato la plastica, da ABS (ver. KA: articolazioni più dure ma che tengono meglio la posizione) a PS (ver. OAV: più facile da muovere, ma tengono meno la posizione), ma non la forma.
      Per i modellisti, sapendolo, non è un grosso problema risolverlo. Immagino la frustrazioni di chi li vuole montare a secco.
      In ogni caso concordo, una pezza ce la potevano mettere.

      Elimina
    3. Non potrebbero fare questi particolari in metallo?

      Elimina
  12. Con il mio secondo modellino della serie HG mi si è presentato un problema simile ma fortunatamente meno grave. In pratica, dopo aver studiato a lungo le istruzioni e osservato con attenzione i pezzi, risultava che il busto non si agganciava al bacino, ma vi si posava semplicemente sopra, rendendo il tutto molto instabile, avendo un semplice perno che si limitava a non far cadere la parte superiore. Insoddisfatto dalla cosa, quando ho finito di montare tutti i pezzi ho recuperato una di quelle giunture in gomma che avanzava e, modellandola rozzamente con il taglierino l'ho infilata sul perno del bacino ed incastrata nella corrispettiva parte del busto.
    Ottimo risultato, grande posabilità e solidità.
    So che è un semplice modello HG, ma è sensibilmente più complesso di quello che ho montato in precedenza.
    Agevolo le foto con commentini scemi di chiara ispirazione atomica.

    https://www.facebook.com/media/set/?set=a.10203328290521000.1073741834.1622753743&type=1&l=e228b680cb

    RispondiElimina
  13. Maledetto Doc, quindici anni fa avevo montato un Gundam e lasciato li' a prendere la polvere.. questi tuoi articoli mi hanno fatto tornare la scimmia ed ora sto finendo il guncannon MG.. meno male che c'e' la moglie a tenermi a freno.. ^_^

    RispondiElimina
  14. Doc, ma tutta la roba che ti compri la scarichi poi dalle tasse o la signora Manhattan sta lì con la calcolatrice a fare i conti? ;)

    RispondiElimina
  15. E pensare che da anni voglio comprarmi il sinanju ma causa costo desisto sempre....e tu me lo rovini così!
    Vabb'è sbagliando si impara e se non hai buttato il perno rotto puoi ancora sistemare tutto...ma non è semplice da spiegare in poche righe...diciamo che devi armare il perno col metallo perchè la plastica una volta rotta non torna mai com'era prima senza un aiutino.

    Momento Pdf che non dovrei avere ma mi costringi a farlo: Quello che usa Char non è rosa! E' salmone! E ce ne passa. Ho fatto un kit vintage dello Zugok di Char e l'accoppiata salmone-rossoscuro è molto azzeccata. Col rosa sarebbe stata "meh"...

    RispondiElimina
  16. Corrotto dai post e dall'amore per l'UC mi sono lanciato sul HGUC con dei Dom .... Speriamo che vada tutto bene .... E confermo per la tuta rosa di Char, ma il rosa e' colore ufficiale a Zeon

    RispondiElimina
  17. Fenquando non uccideranno l'algida, gli OAV di gundam con un possibile ritorno di Zeon saranno sempre sugli scaffali...

    PS (leggermente Off-topic): faranno una nuova serie di gundam e hanno richiamato pure Tomino:
    http://www.gundamcore.it/news/gundam-reconguista-in-g-nuovo-video/

    RispondiElimina
  18. cavoli so bene come ci si sente e quindi hai tutto il mio sostegno, son cose fan girare gli emenicoli

    ma il perno non riesci ad incollarlo con un po' di supercolla? io con una cosa simile ho risolto così e regge ancora

    magari potresti anche rinforzarlo creando uno strato "esterno" di colla

    RispondiElimina
  19. Ero rimasto che il montaggio procedeva alla grande e che ti piaceva molto, non avevo immaginato che ci fosse un "in cauda velenum". Per il pezzo rotto ricordo quando ho comprato Ryo del Fuoco e si è sfracellato giù dalla mensola, 2 m in caduta libera con conseguente rottura di un gancettino della "gonna" dell'armatura. Munito di super attak e pinzette ho fatto il miracolo sistemando quel maledetto gancetto, preservandone anche l'elasticità per l'incastro.

    PS: l'ho detto che assomigliavano a due applicatori della tampax XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io ero rimasto all'ammore mi spiace dell'accaduto visto che te lo ho anche consigliato.
      Per ripararlo puoi provare i servizi che ti hanno indicato per ordinare le parti, ma imho con un trapano a punta sottilissima fai due forellini su perno e supporto e ci infili due chiodini di ferro tagliati, poi rinforzi tutto con colla e non dovresti più avere rogne.

      Elimina
  20. Ehi Doc, dopo i tuoi esordi sul blog mi son dedicato pure io ai gunpla orientandomi (con sommo masochismo) sulla serie Real Grade.
    Contando che col primo (l'RX-78-2 of course) ho dovuto ricorrere alla colla per un paio di dettagli che ho incautamente spezzato, comprendo il tuo rammarico.
    I Real Grade fanno la loro porca figura ma a incollare tra i 150 e i 200 adesivi minuscoli con le pinzette ci perderò la vista.
    In compenso lo Zaku di Char m'è venuto benissimo nel tripudio del suo rosa. :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora non solo l'unico pazzo che ha iniziato con un Real Grade :) Da bravo suddito del ‘Principato dell'Algida Stronza’ (cit.) ho optato per il buon vecchio Zaku ‘Sturmtruppen’.
      Il montaggio dei RG alla fine non è nulla di tragico, ma richiede tanta tanta tanta pazienza e dalla mia esperienza è meglio dedicarcisi un’oretta alla volta (specie se lo si monta dopo una giornata di lavoro) per evitare svarioni da stanchezza. Alla fine mi ero preso talmente bene che ho anche tentato un po’ di ‘weathering’ per rendere meglio l’effetto ‘Zaku usato garantito’ e mi sono divertito un sacco.
      Qui il mio M13 mentre mi invita gentilmente a lavorare sulla tesi. http://i46.photobucket.com/albums/f112/Matteo_Dutto/IMG_20140820_110447_zps7e9b1324.jpg e anche http://i46.photobucket.com/albums/f112/Matteo_Dutto/IMG_20140820_110447_zps7e9b1324.jpg
      Sto montando un MG Red Astray (il frato-cugino del Gunpla tamarro del Doc), ma per ora non mi sto divertendo come con lo Zaku RG ed i suoi millemila pezzettini di colori diversi che si mimetizzano col pavimento quando cadono dal tavolo.

      Elimina
  21. Dipingili! Il risultato di una pittura anche a livello infimo, rispetto alla plastica nuda è esaltante, fidati. Un paio di barbatrucchi che si imparano presto ed ottieni delle meraviglie. Poi colla per plastica e piccoli attrezzi da modellisti sono quasi necessari...

    RispondiElimina
  22. Ciao Doc, da recente gunpla-addicted (RX-78 2 ver 3 e Zaku II MS-06J ver 2 completati, Macross Valkyrie e Sazabi in coda) mi sono scontrato con problemi simili ai tuoi (pezzi persi o rotti) e grazie all'Internet ho trovato questo servizio che permette di ordinare parti singole per i vari model kit:
    http://parts.genteikits.com/

    I tempi sembrano lunghi ma forse vale la pena fare un tentativo. HIH!

    RispondiElimina
  23. la cosa che mi fa rosicare dei Gunpla è che non esistono pezzi di ricambio...o almeno pezzi di ricambio facili da reperire...se ti si rompe un connettore (a me è successo con il "ginocchio" dell'unicorn hg) alé, butti tutto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà Bandai offre un esauriente servizio di rifornimento pezzi di ricambio al ragionevole prezzo di 3.00 $ al pezzo, ma tocca passare da un rivenditore.
      Per esperienza non ti mandano ricambi originali per modelli che son stati rimpiazzati da una nuova versione a pari "grade" e alcuni modelli, non chiedetemi perchè non sono supportati se non a pacchetto intero e chiaramente alcuni pezzi hanno prezzi maggiori...

      Ovvio che la ragionevolezza si perde quando stiamo affrontando un Master Grade e il problema è già conosciuto, in più un servizio più accessibile aiuterebbe chi si vuole cimentare in diorama e altre complicazioni modellistiche simili.
      Ad esempi se miserve solo la testa di uno Zaku mi prendo solo quella.
      Col rilancio della linea Gunpla spinto dall'anime "Gunpla Battle Fighters" si sperava in un approccio più modulare visto l'accenno agli "Upgrade", ma purtroppo è rimasta una speranza.

      Elimina
  24. Ma... Sinanju non è l'arte marziale del maestro di Remo Williams?! :D

    Cheers

    RispondiElimina
  25. Grazie per aver riacceso la fiamma!
    Il mondo dei Gumpla l'avevo proprio rimosso.
    Io mi fermo all' HGUC anche per motivi economici.
    Sono migliorati parecchio rispetto ad una decina di anni fa e ad un prezzo ragionevole hai la qualità di quelli che un tempo erano kit avanzati, ma alla prima fascia di prezzo.
    In più per chi vuole sperimentare tecniche avanzate anche di fronte a clamorose fail la perdita economica è accettabile. Comunque mai buttare via niente, un modellino danneggiato trattato a dovere può essere un ottimo elemento per un diorama.

    Sia per i rammendi che per coprire le "inestetiche linee di giunzione" io uso il "plastic cement". Fonde assieme molti tipi di plastiche, ed è facile da rimuovere quando scappa la mano.

    RispondiElimina
  26. per quanto visivamente cazzuto risulti il Sinaju, credo che il Sazabi rimanga ancora imbattuto.

    RispondiElimina
  27. Cavolo: sono sempre possenti come modelli!

    RispondiElimina
  28. Per carità di Gort, rendi giustizia a quei poveri MG e dagli una passata di trasparente opaco. La plastica lucida proprio non si può guardare... >_<

    RispondiElimina
  29. Ma quandè che fanno stampanti 3d decenti, così mi faccio tutti i Master Grade in casa senza pagare un euro ( perché pagare 70 carte 4 telai di plastica pre-colorata è un furto )? :P

    RispondiElimina
  30. Doc, sto per diventare il tuo Instant Hero di oggi - e usando solo 29 caratteri:

    bandaiactionkit [chiocciola] bandai.co.jp

    E' l'indirizzo cui scrivere per ricevere direttamente i pezzi di ricambio, ovviamente descrivendo accuratamente di cosa tu abbia bisogno. Io l'ho usato quando mi sono trovato con un cavetto in meno nel kit supergigaelettroradiocomandato della Yamato, e me l'hanno spedito gratuitamente in pochi giorni con tante scuse. Magari ha influito anche il fatto che sia il "gunpla" più enorme in catalogo, ma fossi in te ci proverei.

    Se ora non sai come ringraziarmi, puoi pure endorsare sfacciatamente i miei ebook. :)

    RispondiElimina
  31. Vedo un NU Gundam in vetrinetta?!?

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails