venerdì 11 ottobre 2013

89

Voglia di Vincere (Nuovo Cinema Guaglione)

Prima di entrare nel mito e restarci fino alla fine del mondo, prima che la saga di Ritorno al Futuro diventasse la commedia fantascienza definitiva, potentissimo catalizzatore di bruschette oculari e oggetto di citazioni a nastro ovunque, Grande Giove, Michael J. Fox girò quest'altro film, questa storia di un giovane licantropo fichissimo intitolata in originale Teen Wolf. Ma la commedia arrivò da noi dopo Ritorno al Futuro, e così il distributore italiano decise di cambiare il nome del protagonista da Scott a Marty: per legarlo in qualche modo a Marty McFly... e perché Scott era e resta un nome da coglione! Ah! (BOOM). Voglia di Vincere non l'hai visto al cinema in quell'aprile dell'86, ma su videocassetta e nei perenni giri sulla rete giovane dell'impero del Male arrivò a diventare un tuo personalissimo oggetto di culto: il popcorn movie scemo anni 80 al certo per certo, da mandare a memoria. Non era Ritorno al Futuro, non c'era la DeLorean, ma ti insegnava le cose importanti della vita. Ossia: quando hai un grande potere, le responsabilità lasciacele a quella nerchia di Peter Parker e sciàlati di brutto [...]

La storia, scritta dal Jeph Loeb noto a tutti gli appassionati di fumetti USA (autore tra le altre cose anche del soggetto di Commando e di un frappilione di altri film) è la più classicissima delle classicissime: Scott/Marty Howard è un liceale come tanti a Sperdutoville. Conduce la sua vita da soggettone con i libri sotto braccio, innamorato ovviamente della bionda stronza della scuola
e per questo lento a notare le attenzioni della brunetta della porta accanto, Boof. Pur essendo alto un metro e un barattolo, gioca nella squadra di basket del liceo. Una formazione talmente scarsa da chiamarsi Fighet*e.
Per sua fortuna, Marty/Scott ha un amico come Stiles: gli occhiali da sole portati anche di notte, le magliette con le scritte sceme, la grande capacità di tirar fuori capolavori del nonsense come quella battuta sull'aspirapolvere e il professore di biologia. Un mito d'uomo e tuo personalissimo role model per anni. Ma nel condurre la sua esistenza da giovine medio degli anni 80, nel cercare il modo per dar sfogo alla sua voglia di vincere, Marty non sa del grande segreto custodito gelosamente per generazioni dalla sua famiglia:
e cioè che suo padre è Romano Prodi. Un Romano Prodi licantropo, però, esattamente come lui e tutti gli altri maschi di casa Howard. Il cugino pugile pippa, Ron, tutti.
Marty può trasformarsi a piacimento in un mostruoso Uomo-Lupo, dunque. E cosa fai quando ti ritrovi dotato di un incredibile, terrificante potere come questo?
Ti diverti alla grande, fratello, 'zzo di domande! Ciupa, Pietro il Parcheggiatore!
 Tipo che diventi l'idolo della scuola con walkman vintaggio nelle orecchie
E il signore dell'air guitar facendo surf sul tetto di un furgone in movimento, IMPARANDOCI così in un colpo solo a tutti i giovini il rispetto per i Beach Boys e le pratiche sborone inutilmente pericolose. Narra la leggenda che uno dei primi responsabili del MOIGE, nel rivedere il film in TV, si sia cosparso di benzina, dato fuoco e lanciato dal terrazzino urlando frasi a caso di Ken il Guerriero.
Ma anche: l'uomo con il superpotere dello STACCE™ con occhi infernali definitivo
e ovviamente il campionissimo della squadra di basket, che da Beavers è un attimo che ti diventa calamita per beavers
Colpo partita: triplo filotto reale ritornato con pallino, già che si trova ci dà pure una botta alla bionda stronza. Che peraltro, diciamolo, è la cugina brutta di Patsy Kensit. Ma poi Marty/Scott/Gino capisce. Capisce che non può essere sempre il lupo. E lo capisce dalla bolletta di 7.000 dollari di energia elettrica per tutte quelle ore ad asciugarsi col phon dopo la doccia. Allora decide di tornare ad essere se stesso. Per fargliela vedere alla bionda che rimane stronza, al preside che ancora rosica per storie di gioventù e SOPRATTUTTO al grande pezzo di melma Mick, il figo ignorante, quello che nella sfida di basket dell'andata gli aveva detto che erano tutti delle seghe, risparmiandogli pure il mezze.
E così Marty vuole giocarsi l'ultima partita contro i Dragons essendo semplicemente Marty. Cioè Scott. Cioè Gustavo.
Mick viene espulso per faccia da pezzo di melma non regolamentare e ci sono i due tiri liberi finali col punteggio ancora in bilico, da gran finale sportivo di qualsiasi cacchio di film americano a tema vagamente sportivo. Marty però non è solo su quella lunetta: con lui ci sono tutti i rEgazzini oppressi e i soggettoni del mondo. Tutti quelli che almeno una volta, giocando contro dei pezzi di melma più forti, quella voglia di vincere ce l'hanno avuta, razzo. Marty è il primo Rocky e Rocky Joe e Daniel LaRusso e Nino D'Angelo: quando il secondo tiro libero si infila in quel dannato canestro, è il delirio. Ciupa, preside rancoroso! Ciupa, Peter Parker! Ciupa, faccia di melma cornuto! Ciupa, bionda stronza della scuola!
No, ferma! Era solo per dire!
Titoli di coda su Marty che si limona il suo vero amore come ogni action hero che si rispetti, sorrisoni da finale di film scemo degli anni 80 tra il pubblico, fine. Fine nel senso di fine, perché poi l'innocuo cartone animato sotto bromuro e soprattutto il terrificante sequel
Voglia di Vincere 2 (Teen Wolf Too)
quello con il cugino di Scott/Marty che faceva pugilato, non sono mai esistiti. Se qualcuno vi viene a dire di averli visti in TV, tappatevi le orecchie e urlate più forte che potete LALALA NON SENTO LALALA. Ah, dice che MTV ne ha fatto anche una serie TV per i giovini nel 2011, mandata in onda da noi su Fox. Non ne hai mai visto neanche mezzo episodio, non conti di farlo nell'immediato ("immediato" = prossimi 50 anni). 

E ora tutti a sentirsi Surfin' USA. Meglio evitare se siete in autobus, però. Hai visto mai.

NELLE PUNTATE PRECEDENTI DI NUOVO CINEMA GUAGLIONE:
La storia infinita
Labyrinth

State buoni se potete
Uno sceriffo extraterrestre... poco extra e molto terrestre
 

89 commenti:

  1. ...e chi di noi dopo Teen Wolf non ha sognato di fare surf/air guitar sul furgoncino? Quella cosa di bombarsi le piu' belle della scuola invece gia' si sognava da prima.

    RispondiElimina
  2. Quindi 'great scott' , qui tradotto in bontà divina/grande Giove, in realtà significa grande cogli0ne ? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì. A Doc Brown i licantropi ci facevano schifo.

      Elimina
    2. chiudete l'internet, abbiamo un vincitore!

      Elimina
    3. No, per dire, va avanti per molto questa cosa sul nome?

      Elimina
    4. Scott, sei un bravo guaglione, ma ti sei scelto il nick sbagliato, diciamolo. Anche se sei un utente storico dell'Antro, propongo un cambio di nick: l'Ex Scott. O meglio, Scott-Ex...
      No, niente, lasciamo stare... :D

      Elimina
    5. Oh, che volete, prima della svolta nazi a me Ciclope piaceva!

      Elimina
    6. Comunque, proposta respinta.

      Elimina
  3. GRAAAANDEEE VOGLIA DI VINCEREEEE!!!!
    E GRANDE STILES,era un mito per noi giovini degli anni 80,la parte dove surfa sul bus è MITICA!!

    diciamolo,Stiles è FLIPPOTRIPPISSIMO!!!!

    Ora,non per fare il PDF,ma io ricordo benissimo che le prime volte che lo vidi,non ricordo se in VHS o in TV,il personaggio si chiamava Scott,se non ricordo male il nome fu cambiato in Marty da Mediaset quando uscì Ritorno al Futuro 2 per cavalcare l'onda,esattamente come rifecero i titoli di Casa Keaton copiandoli da Ritorno al futuro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo l'Internet parrebbe (dico "parrebbe") di no: la scelta sarebbe arrivata a monte, al cinematografò. Considerando che Voglia di Vincere è uscito in sala 6 mesi dopo RaF I, potrebbe benissimo essere. Io, di sicuro, ricordo Marty sin dalla prima visione TV. Ci vorrebbe a questo punto qualcuno che l'ha visto al cinematografò.

      Elimina
    2. Il fatto Doc è che io ricordo si chiamasse Scott,tant'è che quando lo riguardai tempo dopo e lo sentì chiamare Marty ci rimasi dimm...

      Ho fatto delle ricerche,potrei ricordarmi male io perchè VdV lo vidi da piccolo,poi tempo dopo ho visto il seguito che non è mai stato girato e lì ci si riferisce a Michael J Fox come Scott,quindi potrebbe essermi rimasto impresso quel nome e quando rividi Voglia di Vincere 1 parecchio tempo dopo mi ricordavo che il personaggio si chiamasse Scott e non Marty e rimasi sorpreso a sentirlo chiamare così.

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    4. Io questo film l'ho visto solo una volta, nell'86 al cinema con mia sorella (che, poverina, invece di andare al cinema a limonare col moroso era costretta a scarrozzarsi dietro pure me) e ricordo effettivamente che il protagonista si chiamava Marty (mi ricordo la cosa perche' avevo visto Ritorno al Futuro pochi mesi prima). Poi puo' anche essere che in realta' nell'86 io fossi in una vasca per esperimenti in Canada e che il programma Arma X mi abbia impiantato dei ricordi falsi...

      Elimina
    5. Anche io l'ho visto al cinema, ed effettivamente ricordo che il nome fosse Marty. Ho visto al cinema pure il seguito mai girato, e dato che li il personaggio di Fox viene chiamato Scott, è probabile che l'arcano nasca dal seguito mai girato.

      Elimina
    6. Anche io ricordavo che il nome fosse Scott, ma a questo punto devo immagino che a portarmi fuori strada sia stato addirittura il cartone animato ancora più del secondo film (di cui non ho memoria), in un sovrapporsi di ricordi allucinante.

      Elimina
    7. da aggiungere che nella scena in cui la stronzetta bionda pesca il bigliettino sopra c'è scritto "Scott", e ci si chiedeva chi cacchio fosse, visto che il protagonista era Marty!

      Elimina
    8. ricordo benissimo che già nella recensione di 'Ciak' (che allora era la bibbia dei ragazzetti cinefili) all'uscita del film si parlava del cambio di nome del protagonista per cavalcare il successo di 'Ritorno al futuro'. Forse anche per questo l'ho sempre un po' snobbato, considerandolo come il suo fratellino minore

      Elimina
    9. Ok Doc scusa se riprendo un argomento vecchio ma ho svelato l'arcano:é sicuramente come dici tu,la prova sta nella locandina italiana del film che già cita ritorno al futuro

      http://www.locandinebest.net/imgk/voglia%20di%20vincere.jpg

      Elimina
    10. "Te l'avevo detto! Te l'avevo detto!"
      http://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/c/c2/Wheelie.jpg

      :D

      Elimina
  4. Credo sia uno dei pochi film di Michael J. Fox che non ho mai visto. In compenso, come scrivevo ieri, vado a vedermi Ritorno al Futuro Parte II quando riesce al cinema.

    RispondiElimina
  5. ormai ci siamo: 2 anni e qualche giorno e Marty (con futura signora e Doc) arrivereranno ad Hill Valley.

    Che si sbrighino coi volopattini e le scarpe autoallaccianti veramente funzionanti! e i moduli a conversione hoover!

    RispondiElimina
  6. Mi ricordo di questo film anche per la strana scelta del titolo cosi' anonimo che fa pensare alla tipica storia sportiva americana (che in parte e'). Poi sulla maglietta nella locandina ho visto la scritta "Teen Wolf", ovviamente il titolo originale, e li' ho capito che il processo di adattamento e traduzione non e' una scienza esatta, nel senso che ogni tanto segue scelte discutibili. "Scusa, ma non potremmo dare un titolo piu' accattivante, tipo 'Giovani Lupi' o 'Un lupo alle superiori?". Ma no, oggi nei titoli il lupo el va no (cit.), e poi c'e' Michael Fox, il film si vende da solo.
    Da segnalare che la forma lupina di MartyCiclope e' la piu' brutta mai vista in un film, sembra uno scimmione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. PDF mode on

      Il trucco è un omaggio a quello di Lon Chaney Jr. nel film THE WOLFMAN del 41

      http://www.donthangaround.com/wp-content/uploads/2012/08/wolfman.jpg

      In america è un superclassico,citato mille e mille volte,Wolfman con Anthony Hopkins e Benicio del Toro è il rifacimento di questo film.

      PDF mode off :)

      Elimina
    2. Vero, ma resta ugualmente un omaggio parecchio brutto. Sembrava Teen Sasquatch (il Big Foot) XD

      Elimina
    3. @Azel: per una volta, il nomefantasiosoitalico ci sta tutto. Detto che non avrebbero mai potuto usare il titolo originale per una commedia per giovini italiani ("Tin-che? E che è?"), Voglia di Vincere ci sta tutto. Nella frase simbolo del film, Marty dice all'inizio: "Il fatto è che ho una gran voglia di vincere".

      Elimina
    4. Ma no, credo che il film sia un omaggio comico al classico b movie del 1967 " i was a teeneger werwolf"

      http://en.wikipedia.org/wiki/I_Was_a_Teenage_Werewolf

      anche il titolo originale del film di Fox sembrerebbe confermarlo.
      Cmq per me la commedia tipicamente 80 yankee era Porkis e la rivincita dei nerd, a cui questo filmetto non è degno di pulire la pellicola.
      Lo trovo anche sessista , con Scott che ciomba con la bella struonza, mentre la sua innamorata non si concede con altri perché deve mantenersi pura per l'eroe.
      Ricordo ancora il trailer tv ita abbastanza spiazzante che lo reclamava come un filmetto sportivo per ragazzi senza alcun elemento horror ( c'era giusto una scena di due secondi dove inquadravano gli occhi di Scott licantropo che si incacchia).

      Elimina
  7. Che poi, diciamolo, "Teen Wolf Too"... "Giovane Licantropo 2" ma anche e soprattutto: "Giovane Licantropo pure io!", come pare dire quello della locandina, con quella faccetta "non sono un'amore anche io?". Trishtezza.

    RispondiElimina
  8. Uno dei miei film preferiti dell'infanzia!
    Il surf sul pulmino è uno dei momenti più flippotrippissimi della storia del cinematografò!

    RispondiElimina
  9. Altro film mitico con il grande J.Fox, visto tipo un centinaio di volte.
    Sto seguendo la serie prodotta da MTV e devo dire che non è male, rispetto al film è molto più dark e seriosa, tranne che per Stiles che anche qui è un soggettone!

    RispondiElimina
  10. Bel film.
    Sicuramente atipico per il menefreghismo del protagonista e di come viene trattata la sua "identita' segreta".

    E in piu' ci da pure una botta alla stronza della scuola,e scusatemi se e' poco.

    RispondiElimina
  11. Applausi e bruschette negli occhi. Mi aggiungo al coro di quelli che subito dopo la visione, sono saliti sul tetto dell'auto di papà (parcheggiata, che va bene 15enni scemi, ma uno spiraglio di buon senso...) surfinUSAndo a manetta! :)

    RispondiElimina
  12. Questo film è bellissimo! E si gioca il numero di passaggi sul canale giovane insieme a quello della ragazza rossa che la famiglia si scorda il compleanno e passa un giorno di melma ma alla fine quello figo arriva col lo spiderone rosso e se la porta via dal un matrimonio noioso dove lei faceva la damigella vestita malissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Paolo Pugliese11 ottobre 2013 10:31

      Bella in Rosa?

      Elimina
    2. :) no... è "Sixteen Candles - Un compleanno da ricordare"!
      XD

      Elimina
    3. Oddio! I film di John Hughes e del Brat Pack! A quando un post, Doc?

      Elimina
    4. http://www.youtube.com/watch?v=89Ou-iK2_kQ

      Elimina
    5. Da "Dogma" di Kevin Smith.
      Guardati tutto il film, fatti un favore.

      Elimina
  13. Bell'articolo
    ma...
    ma...
    ma... DOC?! Ma nemmeno un minimo cenno al terrificante blooper nella scena finale? Quando sugli spalti si vede un tifoso ciccione che ha il pistulino al vento e nervosamente si tira su la patta dei pantaloni??? ha fatto storia!!!
    controllare per credere http://www.youtube.com/watch?v=27iccX8Gm_M

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cosa più incredibile? C'è chi dice che non era un tifoso. Ma una tifosa: http://www.slashfilm.com/did-a-background-extra-expose-himself-in-teen-wolf/

      Elimina
  14. Ma lo stronzo della squadra di basket avversaria è quello che cresciuto finirà a fare il dr. Wilson, l'amico di House? La faccia sembra quella ma non ho voglia di aprire imdb...

    RispondiElimina
  15. ah che porte si aprono, Caro Doc...
    io e mio fratello lo avremo visto 30 volte e confermo tutte le sensazioni qui riportate...
    ...la scoperta dei Beach Boys, la meraviglia del surf sul tetto, la compagna di scuola brunetta che alla fine vinceva sulla biondona tipo Blair de L'albero delle mele...

    e il povero Jason Bateman che non soltanto aveva avuto la sorella vera Justine scippata dal reaganiano di Casa Keaton...ma, dopo aver recitato in un telefilm casalingo pure lui (Casa Hogan mi pare...) si avviò nel cinema proprio come sostituto di fox...

    E infine la solita notazione da lancista: molti ricorderanno che Voglia di Vincere fu anche il titolo dello sceneggiato Rai (nel 1987) in cui G. Morandi era il pilota ufficiale della Lancia Martini, impegnato tra sfide sportive e sentimentali, a bordo della mostruosa Delta S4, appena dismessa dalla squadra ufficiale per il noto cambio di rgolamento ed il passaggio dai gruppi B ai gruppi A...
    saludos...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Paolo Pugliese11 ottobre 2013 10:35

      Me la ricordo quella fiction, così come il più o meno sequel "Voglia di Volare", sempre interpretato da Morandi insieme ad un'attrice giovanissima, bellissima e biondissima che in tutti e due gli sceneggiati interpretava sua figlia adolescente e che fu uno dei miei sogni da sedicenne in piena tempesta ormonale...

      Elimina
    2. vanessa gravina?
      (da wiki..)

      Elimina
    3. Paolo Pugliese11 ottobre 2013 12:19

      No.
      Si chiamava Linda Celani e recitava il ruolo della figlia Andreina. All'epoca la trovavo carinissima.

      http://www.ivid.it/fotogallery/imagesearch/images/voglia_di_volare_gianni_morandi_012_jpg_cuqy.jpg

      Elimina
    4. belli i denti da coniglietto.
      mi hanno sempre fatto s***o

      Elimina
    5. e si difende ancora bene
      http://www.ivid.it/fotogallery/ismod_index.php?i_section=detail&i_categoria=3&i_id=104931

      Elimina
    6. ...scusate per il continuo offtopic....sono andato a rivedere qualche puntata dello sceneggiato rallystico sul tubo... la ricostruzione del mondo ralllystico degli anni 80 e della tragica stagione 1986 è quasi passabile (si evita di parlare dei morti).. Morandi come pilota fa abbastanza ridere...le vicende sono inverosimili.
      Restano le belle immagini (fonte "Belle Epoque Video") della mostruosa Delta S4 e delle altre vetture in azione...quando la Lancia faceva paura...oggi fa solo ridere!

      In una scena fanno volare una Delta S4 in un burrone...mi confermano che la macchina fu lanciata e distrutte per davvero... una delle sole 200 costruite distrutta per una scena di uno sceneggiato... una stradale oggi, se la vendono, vale dagli 80.000 euro in su....una delle 17 allestite per le squadre Martini, Jolly Totip, Grifone...non ha prezzo...

      Doc, lo facciamo un bel post sullo sport automobilistico dell'epoca guagliona?

      Elimina
  16. Doc. esco un' attimo fuori tema, ho appena sentito che Agents of the shield è stato confermato e portato dalle previste 13 puntate a 22.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se è per questo la Rising Tide del nord America,un gruppo ecologista internazionale,ha chiesto alla Disney di non usare più questo nome per il suo gruppo di terroristi,vedremo come andrà a finire :D

      Elimina
  17. Sono sicuro che all'inizio della recensione a Ciclope sono ronzate le orecchie. Poverino!

    RispondiElimina
  18. Mitico Doc! Ho rovinato la cassetta a furia di mandarlo indietro! La serie di Mtv non è affatto malaccio. Conserva poco l' aspetto degli anni 80, lo cala perfettamente in un epoca piu contemporanea, rendendolo anche piu "maturo", ad esempio Stiles, l' allegro raCazzone, viene approfondito e scritto in maniera ottima sia nel rapporto con Scott che con il padre. Prova a dargli un' occhiata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. concordo nel dire che la serie Tv non è male...anzi...e lo sport praticato dal protagonista è decisamente USA ANNI 80...ovvero LACROSSE

      Elimina
    2. L' unico residuo degli 80, in effetti! Però è anche vero che l' aspetto lupo nello sport è al minimo sindacale. Nel film, ovviamente, è piu centrale sia per motivi di script che di rivincita. La serie si sposta piu sul rapporto dei lupetti.

      Il padre prima o poi rispunterà fuori, ne sono sicuro! ;)

      Elimina
  19. Paolo Pugliese11 ottobre 2013 10:28

    Magari adesso mi sparate a vista, ma a parte l'omaggio ai film di licantropi degli anni '50 e '60, sia per il look del protagonista che per il titolo (c'è il cult "I was Teenage Werewolf"), trovai questo film stupidotto e volgarotto quando lo vidi, non ricordo se in vhs o se trasmesso in tv. Ricordo anch'io che la pellicola fu interpretata da MJF prima di Ritorno al Futuro e recuperata dai distributori italiani in seguito al suo successo, programmandola nei cinema a maggio/giugno del 1986, che in quegli anni (quando non c'erano ancora le multisale, ma i vecchi cinema afosi d'estate) era il deserto della distribuzione cinematografica, con pochissimi film in cartellone, tutti bruttissimi.
    Comunque, a distanza di tanti anni (sarà stato il 1987 o giù di lì) da quell'unica volta che lo vidi, sono sicuro che a rivederlo oggi potrei ampiamente rivalutarlo ed apprezzarlo, sia per quella bella, nostalgica, atmosfera di film pop-corn degli anni '80 dove essere adolescente era un'avventura memorabile, sia perché rispetto alle commedie americane di oggi, tutte irrimediabilmente cretine e/o pecorecce (il cinema comico USA è morto almeno da 15 anni) apparirebbe quasi un capolavoro.

    Da sottolineare un paio di punti:
    1) I momenti più belli del film per me sono tre: la scena epica della cavalcata con surf/air guitar sul furgoncino, quella della richiesta di birra al barista cafone con la voce di Regan MacNeil e infine la classica rivincita dei perdenti nella partita di basket, senza poteri.

    2) Esilarante l'idea del padre licantropo.

    3) Diciamolo: la bella stronza della scuola era un cesso a vento, soprattutto se confrontata alla dolcezza acqua e sapone da ragazza della porta accanto (altro classico), interpretata dalla carinissima Susan Ursitti, scomparsa dai cinema negli anni '90.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pure io me lo ricordo un po' troppo stupido, ad essere sinceri.
      Ricordo divertente la scena in cui tutta la famiglia rivela di essere composta da licantropi, ma poi la trovata veniva annullata dal fatto che tutti accettavano come niente che lui fosse un lupo mannaro. Non è l'assurdità di base che mi infastidiva (anzi), ma il fatto che in quel modo il film si incanalava poi in una serie di situazioni sempre più prevedibili e soprattutto poco divertenti.

      A conti fatti l'ho sempre trovato un film piuttosto moralista e decisamente ultra-conformista.

      Poi boh, può darsi che con il filtro della nostalgia potrei rivalutarlo anch'io. Certo, come ha già scritto qualcuno, il confronto con la volgarità dei teen movie degli ultimi anni andrebbe tutto a suo favore.

      Elimina
  20. Una cosa che non ho mai capito, ma mai nel senso di nemmeno da bambino, è perchè in questi film i protagonisti correvano sempre dietro alla cosidette belle della scuola, che a me han sempre lasciato freddissimo, mentre ignoravano le tipe stile la brunetta acqua e sapone che mi sembravano delle gran gnocche XD

    @Paolo Pugliese
    Sottoscrivo tutti e tre i tuoi punti ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dark ti assicuro che capita anche nella realtà,quando ero alle scuole medie mi innamorai follemente di una ragazza che era considerata la più pheega di tutta la scuola, tra parentesi stava assieme al più grosso e cattivo della scuola, intanto la moretta più carina della mia classe mi moriva dietro ma io avevo solo occhi per la suddetta bellissima della scuola (che però era mora anche lei), quando alla fine mi diedi per vinto con la bella e mi resi conto della morettina era troppo tardi, lei aveva dribblato su un'altro ragazzo! :( true story

      Elimina
    2. Eh, la classica brutta storia che diventa lezione di vita :-/
      Una pacca sulla spalla di massima solidarietà ;-)

      Elimina
    3. :) forse meglio così dato che il tizio grosso e cattivo alcuni mesi dopo la lasciò incinta.....

      Elimina
  21. "Colpo partita: triplo filotto reale ritornato con pallino, già che si trova ci dà pure una botta alla bionda stronza."
    Doc qui non è che mi hai steso, mi hai proprio annichilito

    RispondiElimina
  22. come sempre Doc , tu je dai di brutto !!! Lo sai che ci hai creato dipendenza, no? Bravo, bravissimo.... per caso in lista hai anche Explorers???

    RispondiElimina
  23. Viaggio indietro nel tempo e senza DeLorean!!
    Ancora prima di Ritorno al Futuro Michael J. Fox era il mio mito per "Family Ties" nonostante i circa 30cm di differenza di altezza. CON Ritorno al Futuro diventò il Mio Migliore Amico di Sempre e da lì in poi fu una serie di continue conferme: "Il Segreto del mio successo" (correre più veloce degli altri), le disgrazie sul piano personale e la determinazione nella lotta contro la sua malattia. Ho pochi eroi ma uno di questi è alto 1 metro e 63 e dimostra diciotto anni anche ora che ne ha 52.

    E Voglia di Vincere... figuriamoci! Ero in fissa per il basket, Gigi la Trottola aveva migliorato i miei voti in educazione fisica (true story) e Michael J. Fox mi fa un film in cui è un nanetto che spacca a basket... settebello, ori, carte, primiera e tre scope... non gli si poteva dire niente.

    RispondiElimina
  24. Lo ricordo poco perché da piccola per me esisteva solo Ritorno al futuro e basta.
    Se lo dovessi riguardare ora, dopo aver visto le prime tre puntate di The Michael J. Fox Show in cui il nostro, poverino, è ovviamente invecchiato da morire e, purtroppo e soprattutto, anche preda degli effetti del Parkinson, credo piangerei per giorni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da quando ho letto la sua autobiografia Lucky Man, ogni volta che lo vedo in TV (in Good Wife, ad esempio) non solo lo stimo di più, ma al MJF ci voglio proprio bene, ci voglio. C'ha 52 anni, è una star di Hollywood con tanto di stella sulla Walk of Fame, ma è uno di noi.

      Elimina
  25. Un film del mio primo amore Michael J. Fox (insieme a Ford versione Indy) che non ho mai visto? Mi cospargo il capo di cenere e recupero al più presto.

    RispondiElimina
  26. Voglia di vincere ha creato una delle mie frasi ad uopo:
    Niente problemi esistenziali perchè secondo me sono tutte stron*ate, e se sei finocchio io il coolo non te lo do!
    http://youtu.be/NfaNoLF_YmE

    RispondiElimina
  27. "No, ferma! Era solo per dire!". Muoro.

    RispondiElimina
  28. Grande post Doc!
    Te la butto lì: ma "Piramide di paura" lo vedrò mai in questa rubrica guagliona?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Voto anch'io per "Piramide di Paura"!

      Elimina
    2. Mi aggrego anche io. "Piramide di Paura" era/è fighissimo!

      Elimina
    3. +1 per Piramide di Paura

      Elimina
  29. Doc, mannaggia te! Questo e' uno dei miei film preferiti della ggggioventu' assieme a "The Karate Kid".
    Non ho resistito: sono dovuto andare a rivedermi tutta la partita di basket finale con una puuuutente "Win in the end" in sottofondo; i due tiri liberi dentro il cesto, la palla non tocca ancora terra che parte la musica di coda:
    "Funny how sometimes life just changes overnight
    Magically everything you do turns out so right
    Just like that
    You pull rabbits out of your hat"
    Un tuffo al cuore e mi sento venti anni meno. Grazie Doc! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. P.S. Sempre preferito Boof all'algida strUnza

      Elimina
  30. Paolo Pugliese11 ottobre 2013 19:08

    Il videoclip con colonna sonora

    http://www.youtube.com/watch?v=W4kfwhUm3O8&list=PL4AD0B3F47E0E6855

    RispondiElimina
  31. teen wolf il telefim è carino,ma non è per l antro.Troppi omaccioni con fisici scolpiti.Dubito che possa piacervi..a volte mi vergogno anche che mi piaccia!

    RispondiElimina
  32. Questo film lo avevo registrato in audiocassetta (con il registratore attaccato alla televisione, non avendo il videoregistratore) solo per sentire "Stayin' alive" dei Bee Gees... meno male che avevo otto anni.

    RispondiElimina
  33. Lacrime di scompiscio frippotrippato su Romano Prodi babbo del lupo MJF! Non ce l'ho fatta più, grazie Doc mi hai tirato su una giornata di mazzate!

    Film mitico da rivedere, rigorosamente ogni volta (poche) che passa in tv per avere l'atmosfera vintaggia anni 80 (io senza vhs!). Ma uno dei miei film preferiti di MJF, tolta la sacra trilogia, è "Il segreto del mio successo"!

    RispondiElimina
  34. Doc, ma io ti amo! E' il film che per me fa il paio con Ghostbusters!!

    Tant'è che (piccolo anneddoto personalicchio) ad una festa di Halloween abbandonai per un anno l'uniforme da Acchiappasilvioni indossando le orecchie a punta di Scott\Marty (orecchie, denti canini presi da un sito di tucchi da teatro professionale, pelo e tutto).

    Alla mia entrata in discoteca una folla di gente dalle scalinate iniziò ad urlarmi: "Lupo! Lupo! Lupo! Lupo!" come nella scena in cui Scott\Marty decide di giocare da umano.

    Son soddisfazioni.

    RispondiElimina
  35. Un film che non ho mai visto...
    Chiedo perdono!

    RispondiElimina
  36. Quando si parla di MjF ritorno immediatamente alla mia adolescenza.quando all'epoca ('89\'90) lo passavano in tv a scuola se ne parlava x ore.Io volevo essere Micheal j Fox.Mi vestivo come lui camminato come lui e ripetevo le battute dei suoi film.Poi sono cresciuto ho letto la sua biografia e ho conosciuto un grandissimo uomo.Voglia di Vincere è insieme ad un altro manipolo di film come Ghostausters Karate kid i goonies gremlins e Ritorno al futuro il simbolo della mia gioventù.grazie.ma vogliamo citare l allenatore Janoz e le sue sue tre regole x vivere felici ?????Lacrime napuli

    RispondiElimina
  37. Doc, quando hai tempo, cerca " che fatica essere lupi" ( aka full moon high) di Larry Cohen uscito nel 1981, ben 4 anni prima del film che tutti conosciamo .
    Certe analogie con il ben più famoso film di Fox sono incredibili, a partire da un ragazzo che usa i suoi poteri licantropici per far vincere la sua squadra di football!
    Credo di averlo visto da ragazzino su Odeon ( quando Odeon era una gran bella rete).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Me lo ricordo!!!!!lo vidi anch'io su Odeon :)

      Elimina
  38. Io sono un caso a parte, ho visto solo quello il cui protagonista sembrava il mio amico Ultraman, quindi presumo che abbia visto proprio il film che non è stato mai girato.
    Dopo 27 anni direi che è il caso di rimediare...

    RispondiElimina
  39. anche questo visto al cinema.
    essere cresciuto in un paesino col cinema parrocchiale aperto solo fine settimana, e il non avere una bella cippa da fare fra la fine dei 70 e la fine degli 80 ha avuto i suoi vantaggi.
    poi è arrivata la voglia di gnocca e il basso elettrico.
    ma quella è un'altra storia.

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails