lunedì 23 settembre 2013

75

Rush, la recensione

Rush film Niki Lauda recensione
Non hai fatto a tempo a conoscere il Niki Lauda ferrarista, pre-incidente. Il pilota austriaco lo ricordi già in McLaren, senza un orecchio e con metà faccia fusa, a inizio anni Ottanta. Rush, il nuovo film di Ron Howard, è come sapete la storia della sua rivalità con l'inglese James Hunt. E di come nella vita finisci malissimo, se provi a metterti contro Thor [...]
"À uì uè la fortuna viene a me, uì uè uà la fortuna viene qua"
Rendere interessante uno sport drama/biopic incentrato su eventi noti a tutti non dev'essere molto semplice. Howard decide perciò di partire proprio da lì, dalla griglia di partenza di quel drammatico Gran Premio al Nürburgring nell'estate del 1976, per poi raccontare come e perché ci si sia arrivati, spingendo al massimo sulle differenze caratteriali - vere: Lauda era per tutti "il computer", l'inglese veniva al contrario soprannominato "Hunt the Shunt", lo Schianto, per il suo stile di guida aggressivo - tra i due protagonisti. 
I veri Lauda e Hunt in una foto dell'epoca
Questo al punto di romanzarne anche un pelo troppo l'odio reciproco, visto che i due rivali trovarono nella realtà il tempo di diventare amici e forse non si davano dello stronzo ogni tre secondi. Ma comunque.

L'ispanico-tedesco Daniel Brühl e una dentiera da topo sono Niki Lauda, Chris Hemsworth è James Hunt. I baffi di Clay Regazzoni sono andati invece all'onnipresente Favino.
La storia (s)corre in mezzo alle turbolente vicende in pista, con qualche ricorso a un simbolismo fin troppo elementare (la fissa di Hunt per l'accendino = giovine che vuole bruciare troppo presto, il ragnone nero = il Destino che ti sta per arrivare dritto sulla nuca), ma fa niente: Rush è un film di Medjugorje. Una regia e un montaggio semplicemente splendidi nello srotolare il dramma umano che si va compiendo, nel portare su schermo tutti i brividi, la sboronaggine e la follia regalati dal guidare un accrocchio da 500 cavalli negli anni in cui gli incidenti si portavano via in media almeno un pilota a stagione. Una regia e un montaggio che ti diventano poi, attenzione, da sangue al naso quando a parlare sono i motori.
Se amate le auto, se vi fanno arrapare i giochi pieni di dettagli come i Gran Turismo, se siete tra quelli che non si abbioccano sul divano dopo cinque giri di un GP, Rush ha del p0rnografico: vi farà esplodere il cervello.
Non aspettate che arrivi in home video: correte a vedervelo in un cinema di quelli decenti, con lo schermo gigante e l'audio a spaccacuore, perché altrimenti non è mica la stessa cosa. E oh, a proposito di robe arrapanti, c'è la presidentessa così
e così:
Serve aggiungere altro? Appunto.
Una storia che già di suo era incartata nell'epico, raccontata bene e impreziosita dalle più ZOMGiche scene al volante mai viste. Se uno è un essere umano un minimo sensibile e non un mostro tipo spettatore della d'Urso, anche con quel piccolo magoncino finale. Bello-bello e film per tutti, regazzini e Regazzoni.

75 commenti:

  1. Da appassionato (cronico) di motorsport attendevo questo film... Con molto scetticismo.

    Ora dopo aver visto uno score decente su Metacritic e sopratutto aver letto la recensione DOC del Doc, non mi resta che andare (di corsa) al cinema.

    Thanx Doc!

    RispondiElimina
  2. Anch'io ero scettico, non fosse altro perche' questo film e' incentrato di piu' su Hunt, che non era degno di pulire la visiera di Lauda. A questo punto lo vado a vedere con piu' ottimismo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È incentrato sulla rivalità tra i due, ma il vero protagonista, per quello che succede e come succede, è ovviamente Lauda.

      Elimina
    2. grazie Doc, un motivo in piu' per vederlo.

      Elimina
    3. in realtà credo abbia ragione dan. hunt ne esce comunque come il protagonista. lauda è quello sopravvissuto che racconta (anche se in questo formalmente il film è un pò confuso). però val la pena di vederlo. la 312 t2 da sola è da orgasmo cosmico.(è un'originale eccetto quando si schianta...cosi dissero). la cosa comunque più fastidiosa sono le nemmeno troppo velate critiche a ferrari ed alla ferrari.quando tutti facevano in quel modo...

      Elimina
  3. Io! Io! - alza la mano come alle elementari -
    Io sono quello che russava grosso al quinto giro di un GP di F1!!!
    Che fossi entusiasta me l'aspettavo,visto la performance particolarmente strappona della Presidentessa in questo film...Ma addirittura plebiscitario!
    E' davvero cosi' valido?

    RispondiElimina
  4. Aggiungerei che questo film ha una colonna sonora meravigliosamente composta da Hans Zimmer, e anche questo è un grande punto in più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella la colonna sonora, paura-paura gli effetti. Come scritto, se volete andarlo a vedere, sceglietevi un cinema decente.

      Elimina
    2. Io purtroppo questa domenica non sono potuto andarlo a vedere e cercherò di recuperare domenica prossima, sperando che il multiplex della mia città continui a programmarlo in orari decenti. RUSH è il film di apertura stagione che sto aspettando con più aspettative e trepidazione. Il motivo è proprio il riassaporare le atmosfere della Formula 1 degli anni '70, scandite da varie leggende come appunto Niki Lauda, che era ed è ancora oggi il mio pilota preferito (avevo il suo poster in cameretta). Poi, bisogna dirlo, Ron Howard come regista è tecnicamente ineccepibile e come narratore ha quel giusto tono epico senza mai scadere nel sensazionalistico. Non vedo l'ora di andare a vederlo.

      Elimina
  5. Recensione catartica la tua, Doc. Poche battute e poche prese in giro.
    Mi sa che è emozionante davvero

    RispondiElimina
  6. Quando Lauda non riusciva a vincere urlava al sedile della Ferrari "e la smetta di toccarmi il c*lo!"

    Però sto film non me lo perdo... Presidentessa a parte, ovviamente!

    RispondiElimina
  7. da appasionato di f1 (quella vera) ho la scimmia per questo film da quando ho letto del progetto anni or sono, sto aspettando che esca nel mio cinemino sotto-casa che un film del genere non lo guardo di certo nella multisala piena di truzzetti che parlano tutto il tempo (togliere le macchine di sangue dalla camicia è un casino)

    RispondiElimina
  8. Sicuramente andrò a vederlo, certo che già la presidentessa è da sangue al naso se poi anche il film è bello allora dovrò portarmi del cotone per fermare l'epistassi!!!

    RispondiElimina
  9. mi sa che sto cornutone di autista di pulman se l'è visto ieri sera ed è ancora fomentato cazz!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. O magari ha visto Speed e si è immedesimato troppo.

      Elimina
    2. o magari sta solo giocando pure lui a GTA V...

      Elimina
  10. stupendo!
    momento-fomento su quanto potrebbe succedere con un film simile su Gilles Villeneuve!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già. Peraltro, mi sono dimenticato di scriverlo nel post, ma per come è raccontato, il film poteva benissimo essere un reboot con i controcosi dei Fantastici Quattro ;)

      Elimina
  11. Uì uè uà la fortuna non va là. I fondamentali doc, i fondamantali. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potrei anche offendermi.
      Primi dieci secondi:
      http://www.youtube.com/watch?v=XbLfZMvDCjU

      Elimina
    2. Quando ci hai ragione c'hai ragione. Ma Niki Lauda avrebbe usato la formula fantozziana. :)

      Elimina
  12. Ma sai che mi aspettavo che lo stroncavi perchè c'era troppa poca Olivia? :D
    Comunque bel film, è piaciuto anche a me.

    RispondiElimina
  13. Non riesco a trovare il tempo per andarlo a vedere e per me questo e' un dramma visto che Rush mi era il film più atteso dell'anno...

    RispondiElimina
  14. L'ho visto ieri sera, e DIO MIO. Da brividi, meraviglioso. Ed io non è che sia una vera e propria appassionata di F1, eh...ricordo solo le domeniche da bambina (e rEgazzina), tra gli anni '90 e i primi 2000, con babbo e fratellino (devo a loro l'infarinatura tecnica e storica che mi ha ulteriormente fatto apprezzare il film, di per sé già estremamente coinvolgente) incollati alla tv per le varie competizioni, con un entusiasmo che alla fine contagiava anche me. E forse, anzi, sicuramente, anche questi bei ricordi hanno parecchio contribuito all'effetto finale del Genuino Momento Emozione, tutto con le maiuscole, che mi ha portata ai lucciconi. Io, quella che fa la dura che al cinema non si commuove (quasi) mai. Davvero, davvero un gran film. E concordo col Doc, va visto al cinema. Sarà bello pure in home video, ma la prima visione va vissuta anima, corpo e cuore di fronte al grande schermo.

    RispondiElimina
  15. A me non interessano la F1, la Moto GP o simili, però questo film mi ispira parecchio ed è una buona scusa per portare al cinema mio padre, che lui è appassionato di F1!

    RispondiElimina
  16. Ma Lauda la dice la frase mitica?
    "Io conosce Alfa Romeo?"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. So' triste e sconsolato.
      Hai un mess su Fb riguardo i cell degli anime, tra 1 ora sto a Fiumicino che parto alle 15:25....

      Elimina
  17. Hype da mesi per questo film.
    Ho visto un intervista a Ron Howard in cui spiega che non è un appassionato di F1 ma è la rivalità e la storia dei personaggi coinvolti che l'ha portato a fare il film...beh che dire, quando uno è un gran regista può anche filmare cose di cui gli frega relativamente e fare un grande risultato. Poi ci sono le scene al ring...essendoci andato diverse volte non oso immaginare cosa potesse essere guidarci una F1 di quell'epoca.
    Si va stasera.

    RispondiElimina
  18. Di Lauda da piccolo avevo un immagine mitica perché compariva nell' anime di Gran Prix il Campionissimo ( perennemente mascherato).
    Magari sto film lo vado a vedere.

    RispondiElimina
  19. Davvero un bel film, è piaciuto un sacco anche a me che non amo particolarmente la Formula 1, non è solo per addetti ai lavori.

    OT: quando ricominceranno le missioni dell'AIP? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono dei problemi teNNici con i commenti. Appena li risolvo ripartiamo.

      Elimina
  20. basterebbe solo la scena in cui Niki/Bruhl è al volante non di una Ferrari o di un'Alfa ...bensì di una splendida Lancia (Flavia) 2000 i.e.....

    Il ocntesto è ricostruito n maniera esemplare...il dettaglio è riprodotto al massimo del possibil... manca Forghieri e figure come il Grande Vecchio, LCDM e Audetto si vedono appena... ma non è un male: tutto è incentrato sulla rivalità (esagerata e mal riprodotta) tra i due...

    Qualche piccola imprecisione (nel 74 non c'era la T2 ma la B3 - sentire chiamare Peterson PIterson), ma una goduria totale... le ragazze a difiuno totale di F1 si sono divertite come pazze... mancava solo Takaya Todoroki e la sigla cantata dai Superobots con la voce di Rino Martinez...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamolo: si vede la vera protagonista di quel mondiale '76: la Tyrrell a sei ruote!

      Elimina
    2. Io mi ricordo la Todoroki special a 8 ruote,ma quella è un altra storia,che comunque si svolgeva in quegli anni,e che aveva uno dei personaggi in comune con questo film.

      Elimina
  21. Me lo son proprio gustato, davvero un bel film.

    RispondiElimina
  22. Doc, e della mignottona Natalie Dormer nelle vesti di infermiera non dici nulla?
    Visto ieri mattina in una sala pressoché deserta, con le donnicciole che sbadigliavano in continuazione e i maschietti con la bava; io ero l'unica femminuccia a farmi un po' gli occhi con Hemsworth e la lacrimuccia a fine film.
    Mo ci torno con papà e nonno, ferraristi iper convinti, che sbavano già al pensiero

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ormai le propongono solo personaggi reclinabili, povera ragazza.

      Elimina
  23. Ma Favino funziona come Merzario o è il solito manichino?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Favino è Clay Regazzoni, non Merzario :)

      Elimina
    2. @Helldorado: Mi sono sbagliato, ma il senso era evidente, non cera bisogno di fare la maestrina dalla penna rossa, oltretutto senza rispondere alla mia domanda.
      @Doc: Grazie, quindi è come pensavo. :/

      Elimina
    3. Scusa, non volevo ferirti...

      Elimina
  24. Ma è per tutti tutti (tipo i miei figli di 10 e 12 anni)?

    RispondiElimina
  25. Ma è per tutti tutti (tipo i miei figli di 10 e 12 anni)?

    RispondiElimina
  26. Quoto Lorenzo e gioco al ribasso, e per un figlio di 8 anni appassionato di gare automobilistiche?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sotto i 14 eviterei. Per le scene di sesso, ma soprattutto per la sequenza di Lauda che brucia vivo nell'abitacolo e, come scrive GG qui sotto, le cure in ospedale a cui si sottopone.

      Elimina
    2. Grazie, dovrò affrontare il figliolo dopo aver montato l'hype a mille :-(

      Elimina
  27. no, credo non sia proprio per tutti. Nulla di grave: ma c'è una aspirazione di sangue dai polmoni senza anestesia, e un bel po' di sesso. Fate voi

    RispondiElimina
  28. Molta gente me ne sta parlando bene. Dovrei vederlo

    RispondiElimina
  29. ah! ma Daniel Brühl è quello di inglorious bastards! ma soprattutto quello di goodbye lenin!

    RispondiElimina
  30. Ok, smollo l'infanta da qualche parte, tipo a casa con suo papà e volo a vederlo. Hai presente quelle che non si addormentano ai GP, quelle che se sentono odor di benzina e rombi di motori ecc.ecc. Eccola qua! Volo. Volo a vederlo, lo so già che poi mi commuovo, uno che fa quello che ha fatto Lauda, come minimo due lacrime le merita. Altro chè Ragioniere. ragioniere un cazzo, con rispetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Biondesita, una di noi.

      Elimina
    2. grande biondesita! io ed una mia amica eravamo le uniche due donne in corteo a festeggiare il mondiale vinto dalla Ferrari nel 2000 dopo 21 anni di attesa. Domani sera cinema sicuro!

      Elimina
  31. Grazie per la prima foto con commento da ducaconte Semenzara: mi hai svoltato la settimana che era partita di merdissima

    RispondiElimina
  32. Visto ieri, concordo: buon film, da vedere. E per fortuna non in 3D e molto 70's.

    Ma soprattutto, dove era Takaya Todoroki??

    RispondiElimina
  33. La vera domanda è: "quanto deve aver chiesto Merzario per utilizzare il suo nome?"

    RispondiElimina
  34. Anche io non ho ricordi del Lauda pre-incendio per una questione d'età ma per me Lauda sarà sempre quello così fico da entrare in un cartone animato e da aver addirittura una barzelletta (cattivissima) tutta su di lui.

    PS Non so se è perchè ero giovane ma la Formula1 di allora era fichissima e quella di oggi mi annoia dopo 4 giri! Sorpassi ai box...ma andate a fanculo vah...Villeneuve sorpassava 10 volte in un giro e speronava pure se gli rodevano...

    RispondiElimina
  35. Sì, ma cosa ne pensa Lauda del film? Gli è piaciuto? Pare proprio di sì.
    http://www.youtube.com/watch?v=vItX0eCycdM&feature=share&list=PLMQr6ytoVqY5VNgZyOuNtmDl0eb4nFHHb

    RispondiElimina
  36. Nisba,i motori non mi attizzano per niente,stavolta non passo per il CinemAntro.

    RispondiElimina
  37. Visto ieri sera...la prima sequenza mi ha fatto venire un dito di pelle d'oca! veramente un gran film, non saprei trovarci un difetto...anzi uno sì, non si vede abbastanza la tyrrel!

    RispondiElimina
  38. Da non fan della F1, il film mi è piaciuto parecchio, anche se più nella scene sulla pista che in quelle fuori. C'è qualche tempo morto, ma la seconda parte attacca alla poltrona. Io non conoscevo la storia nei dettagli, non mi sono informato nemmeno e forse questo ha contribuito, ma certi momenti sono davvero emozionanti. E si, o si vede al cinema oppure fa niente.

    RispondiElimina
  39. Sarà il primo capitolo di una saga? Adesso vedremo anche dei film sulle rivalità fra Senna e Prost, fra Schumacher e Hakkinen, fra Vettel e Alonso? Il destino di ciò che ha successo è sempre generare figli e figliastri e quindi io mi sto già preparando psicologicamente per uno strascico di questo tipo.

    RispondiElimina
  40. Un film su Senna meriterebbe, Uno su Gilles anche. Ma il SorSciumàcher e il biondino... mhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhmmm, catanannico anzichéno.

    Rush l'ho visto ierisera, se riesco me lo riguardo stasera e in mòna anca sparagnàr (perdonate il francesismo): bellobellissimo, il momento commozione finale ci stava tutto, a trovarci delle pecche per forza ci metterei dentro il doppiaggio mal "caratterizzato" (non pretendo che il doppiatore di Bruhl avesse un accento todesco, ma meno da voce sentita ovunque nei film un po' si).

    Ma se i difetti son quelli ci si passa sopra tranquillamente con tutte e sei le ruote della Tyrrel

    RispondiElimina
  41. D'accordissimo sulla rece: visto al cinema fa una grande impressione.
    Per fare un confronto storico invito tutti a procurarsi "Grand Prix", film FANTASTICO di Frankenheimer del 1966, e fare confronti. Sul DVD uscito in italia ci sono interessantissimi documentari su come fecero le riprese: FACENDO GUIDARE LE MACCHINE AGLI ATTORI (ok, non erano formula 1, ma comunque macchine da competizione modificate.).....

    RispondiElimina
  42. Mi autorispondo con un pò di link:

    http://www.motorsportretro.com/2011/04/grand-prix-film/
    http://rickmcginnis.blogspot.it/2012/08/grand-prix-1966.html
    http://www.blu-ray.com/news/?id=6537

    RispondiElimina
  43. Comunque l'ho visto nel weekend appena trascorso e devo dire che è grandioso, altri film sulle corse come "Giorni di tuono" o "Driven" mi avevano invece fatto l'effetto di una camomilla corretta con lo Xanax. Forse perché questa è una storia vera. Comunque mi è piaciuta molto la scena in cui Niki incontra la sua futura consorte, lui è senza auto e lei gli dà un passaggio; e lui, da tutti gli strani rumori che fa il veicolo della donzella, capisce che resteranno a piedi molto presto anche se lei "ha appena fatto il tagliando". Chi di noi è in grado di capire a orecchio se il proprio mezzo di trasporto sta agonizzando?

    RispondiElimina
  44. Matt the shatt17 ottobre 2013 11:06

    Non l'ho ancora visto, però da un servizio sul film e sulle riprese del film mi è sembrato di capire che alla fine cercano di far passare Hunt come l'eroe e il fenomeno di turno, quando invece sappiamo tutti bene che il vero fenomeno lì era Lauda. Ed infatti Lauda ha vinto sia prima sia dopo gli eventi del film, mentre Hunt non ha più vinto neppure una coppa smeralda alla tombola del bar sport sotto casa... confermate questa impressione passata dal servizio che ho visto in tivvu?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah, direi di no, almeno per come l'ho visto io: se lo andrai a vedere avrai quindi una bella sorpresa! :-D

      Elimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails