martedì 18 dicembre 2012

48

Hyridion, i Super Robot Chogokin all'italiana di Giochi Preziosi

Hyridion robot giochi preziosi
Sono in giro già da un paio di mesi, ma, non fosse stato per una mail dell'antrista Bluecyber74, non te ne saresti mai accorto. D'altronde si tratta di una produzione finita talmente sotto traccia, che in due negozi di giocattoli in cui hai chiesto ti hanno risposto che non ne sapevano niente. Due negozi che li vendevano. Che c'avevano i pupazzetti esposti, sotto una montagna di Dinofroz e Gormiti e quelle altre robe che piacciono ai pochi ragazzini debosciati di oggi che non stanno tutto il tempo a giocare alla pleistèscio come gli altri. Trattasi di Hyridion, una linea di sei robot fintogiapponesi con le "armature in vera lega metallica" prodotti (a Hong Kong) dalla Giochi Preziosi e venduti solo in Italia. Con nomi, design e background che strizzano entrambi gli occhi ai minirobottoni della linea Super Robot Chogokin (i Chogokin più piccoli e articolati, sui 14cm, rispetto alla linea classica Soul of Chogokin) [...]
Hyridion Dantarion
Ne hai presi tre, perché quello rosso simil Getter Dragon (Axus) non ci stava, e gli altri due (il bianco Tridion e il cazzimmocchio cacciato dai Gormiti Synth) facevano pena e schifo. Nella fattispecie, DANTARION, il fratocugino di Gaiking
Hyridion Gorkan
GORKAN, che a parte l'alabarda spaziaTA sembra il robot di copertina del gioco Sega Virtual On Oratorio Tangram, sputato
Hyridion Rayon
e RAYON, che per design e colori ti ricorda giusto quella ventordicina di robot classici diversi. La fonte d'ispirazione è del resto quella, come si evince sia dallo stile con cui sono raffigurati sulle confezioni robot e piloti, sia dal background, più classico dell'ominimo liceo: l'invasione aliena, contrastabile solo grazie ai robot costruiti con la, occhiolino, lega supertecnologica.
Hyridion robot italiani
Che poi l'armatura in vera lega metallica di cui parla la confezione significa busto in metallo e tutto il resto in plastica, eh. L'altezza è leggermente inferiore a quella dei SRC (siamo sui 12 cm), il livello di dettaglio solo discreto, le articolazioni in numero sufficiente. Il punto è che va bene il costo delle licenze, va bene che sono molto più definiti (anche nel packaging) e hanno vari accessori, ma i Super Robot Chogokin costano tra le quaranta e le cinquanta carte. Questi robottini qui li hai pagati invece 9 euro l'uno. Il che lascia aperti due interrogativi: 1) quanti soldi si incoola ogni volta la Bandai?

2) Perché sui cataloghi ufficiali della GP, in quella mezza paginetta in tutto dedicata alla linea, senza convinzione alcuna, Rayon non c'è e Dantarion è chiamato Triton? Quale sinistro mistero si vuole nascondere all'opinione pubblica?

48 commenti:

  1. A proposito di giocattoli Doc: ho visto in un supermercato una linea di giochi che se fosse esistita negli anni 80 avrebbe monopolizzato i sogni dei marmocchi: una serie di costruzioni tipo lego con cui puoi costruire i Transformers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I kreo!!! Bellissimi! A me fanno impazzire i robottini simil omini della lego!

      Elimina
  2. Carne da macello per il twisted theatre!

    RispondiElimina
  3. Fergus:
    yep, sono i Kre-O
    http://www.hasbro.com/kre-o/en_US/

    Krizalid:
    Ah, sicuro :)

    RispondiElimina
  4. Doc un giro a Novegro(MI) la fiera del giocattolo più grande d'Italia,hai mai pensato di farlo?
    Ci lasci un rene per pagare ma il Twisted Theatre ne guadagnerebbe assai XD

    RispondiElimina
  5. Mi spiace essere fuori dal coro ma questi robottoni sono sul brutto, non fosse che non sono legati ad alcun mio ricordo.
    I tarocchi dei lego per me sono eresia e blasfemia, ai Lego devo molto e non li posso tradire così.

    RispondiElimina
  6. GirellaLover:
    Me lo ripeto ogni anno :)

    Drakkan:
    Nessuno mette in dubbio che siano bruttarelli. La questione è capire se le quaranta carte di differenza chieste dalla Bandai siano o meno giustificate.

    RispondiElimina
  7. La differenza di prezzo con i Bandai dovrebbe essere spiegata (almeno in parte) con la questione del pagamento dei diritti. Questi robottini della GP sono figli di nessuno, pertanto diritti sul marchio a terzi = 0.

    RispondiElimina
  8. Certo che sono giustificate, 40 carte in più.

    Non scordiamoci che la Bandai paga pure le serie animate correlate.

    E dopo 40 anni, io sono ancora felice di pagare per la serie del Grande Mazinger del 1974 =^___^=

    Un po' meno per lo Shin Jeeg, ma transeat...

    RispondiElimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  10. Ah i bei topic che mi permettono di sfogare la mia nerdaggine: le antenne di GORKAN sono pari pari a quelle del cyborg di Appleseed.
    Ecco, l'ho detto.

    RispondiElimina
  11. Ma porca pupazza, io li cerco ma non li trovo! :(
    Sognavo già di customizzarli duro (suona un pò male aahahaha)
    Qualcuno sa dove beccarli nella zona di Pavia?

    Gorkan per me è il fratovugino del Gloyzer-X :D

    @Doc
    Su alcuni prodotti SRC tipo DaiGuard, il prezzo è adeguato. Su altri per me assolutamente no.

    RispondiElimina
  12. @Doc
    la questione può essere analizzata in questo modo:
    - Marginalità: essendo una produzione con volumi relativamente bassi, diritti cari e uno studio attento del prodotto il margine unitario deve essere alto per rendere il prodotto appetibile per un colosso come Bandai (parlando dei Soul of Chogokin).
    - Premium Price: la Bandai gode del premium price in Giappone mentre la GP no.
    - Dog (cioè prodotto di nicchia): quando un prodotto lo hai sfruttato fino in fondo ed hai un mercato ristretto lo ricicli in ogni modo. I diritti di robot un po' sfighé li puoi quasi regalare perché quello che ti danno è tutto grasso che cola. Dal canto suo la GP può vendere dei prodotti a basso prezzo su cui non deve fare nulla se non acquistare i giocattoli e rimarchiarli.

    In conclusione è giusta la differenza di prezzo dal punto di vista del produttore che vuole guadagnare bene dove può e si accontenta negli altri casi ma un po' meno da parte del consumatore.

    RispondiElimina
  13. Drakkan:
    Mi hai convinto. Quanto al trovarli, mi si faceva notare su FB che sono stati visti anche in edicola. Tieni presente che, come scritto, li ho trovati in due negozi (gruppo Giocheria) che sostenevano di NON averli e di non averne mai sentito parlare.

    RispondiElimina
  14. Avvistati al parco commerciale i Due Mari a Lamezia Terme, presso Giocheria!
    C'erano anche Axus e Dantarion.

    RispondiElimina
  15. Sti robottini sono bellissimi, non mi dispiacerebbe una serie animata fatta da Iginio Straffi che con le Winx ha portato miliardi in Italia.
    Possono piacere o non piacere, ma costretto dalla mia bimba cinquenne a sorbirmele tutte le sere mi sono affezionato anche io alle avventure di Bloom e socie (che sono di sicuro più gnoccolone delle maghette giapponesi). I robot in oggetto li ho visti un paio di mesi fa (mentre compravo un regalino per un compagnetto d'asilo di mia figlia) nei negozi della catena Toys , quindi lì sarebbe facile reperirli.

    RispondiElimina
  16. Un Axus ci potrebbe pure stare sulla mia libreria. La domanda da profano che ti rivolgo, Doc, è con quale alibi degli omoni maturi come noi entrano in un negozio di giocattoli chiedendo una linea di robot giappo-ispirati senza far trapelare che ne sappiamo un po' troppo per degli adulti che debbono fare un regalino al nipote.

    RispondiElimina
  17. @Nababbo
    Io in genere lancio sguardi tipo "vuoi i miei soldi? Non fare domande"
    XDXDXDXDXDXD

    In genere me ne frego XD

    RispondiElimina
  18. Nababbo:
    Il metodo suggerito da DarkAlex in genere funziona. Te ricorda sempre che io c'ho l'edicolante simpatica che fa le battutone a voce alta sulle serie che compro. "OHHHHH, È ARRIVATO L'UOMO TIGREEEEE, TAIGERRRR MAN, TIGREEEE", eccetera. A quel punto o te ne freghi o commetti un omicidio. Io per il momento me ne frego.

    RispondiElimina
  19. Mi si stava alzando un po' il sopracciglio perchè questi robot non sono abbastanza belli da ingolosirmi (e non sono quelli di cui ho nostalgia) nè abbastanza brutti da farmi ridere. Ma il finale ha abbassato subito il sopracciglio :-)

    RispondiElimina
  20. @Doc:secondo me sottovaluti l'effetto terapeutico di un bel edicolantecidio.

    RispondiElimina
  21. sotto la lanterna c'è questo pettegolezzo incontrollato che la giochi breziosi non navighi in acque solidissime...questi robot sono bruttarelli... 2 + 2 = 4...

    RispondiElimina
  22. Doc, perchè sei concetrato sulle solite partite delle 5-6 squadre big, che fanno un altro campionato, ma se guardi bene il calendario della Serie A, vedrai che il giorno della foto, Rayon era ad urlare nella Fossa dei Grifoni, sparando Hydro-Raggi e sanitari ideal-standard in campo.

    Invece Triton era il suo nome quando era di fede Blucerchiata, per entrare in squadra si è vendutissimo. Cosa non non farebbe la gente per un piatto di lenticchie! Dantarion, dalle minacce che gli DAN un TANTARIONE di botte gli Ultras Tito della Samp, se lo pescano.


    @Nababbo
    Cogli, il momento magico, siamo a Natale, se non è questo il momento giustificato per una adulto a fare razzia nei giocattolai e contemporaneamentissimamente, spacciarsi per zio/nonna/papà/Papa amorevole!

    RispondiElimina
  23. @lochiamavanoilN.20
    mi è giunto questo pettegolezzo da alcuni addetti ai lavori e credo sia fondato visto che Preziosi ha una pessima fama.

    RispondiElimina
  24. Analisi economiche a parte, questi robottini made in italy potrebbero veramente incuriosire qualche regazzino che non vuole per forza debosciarsi davanti ad uno schermo con la pleistescio.
    E magari, ma proprio magari, interessarsi poco più in là agli anime seri di robottoni, senza che ci sia quindi bisogno di un padre girellaro con la sindrome di peter pan che gli faccia fior di pistolotti su come si stava meglio quando si stava peggio ecc ecc...
    Il regazzino così si fa una cultura più consapevole e ci guadagna pure in esaurimento nervoso.
    Quindi congratulazioni alla Giochi Preziosi. Oh, e poi c'è la crisi, andateglielo a dire ad un figlio piccolo di cassaintegrato che è meglio pagare 10 volte tanto per avere i SoC della Bandai.

    RispondiElimina
  25. Diversamente, io penso che il Doc, inserito nel contesto di un negozio di giocattoli, purtroppamente ce l'abbia scritto in faccia: "No. Li acquisto per uso personale...". :D

    RispondiElimina
  26. @Kon
    concordo con te. Però chi è il pazzo debosciato che compra al figlio piccolo i SOC Bandai ad uso di giocattolo comune? O_o (non perchè i Soc siano chissà che oggetti sacrali, non intendo questo: è perchè costano un botto e sono più delicati di un giocattolo normale)

    RispondiElimina
  27. Mah, Preziosi che è uno squalo, mi ricordo quando gli chiedavano, che ora che era nel business del calcio, perchè ancora i giocattoli? Lui diceva che i giocattoli non li lascierà mai, perchè sarà sempre un mercato attivo, poichè per quanto una persona sia senza soldi, un giocattolo ad un bambino lo farai sempre...

    RispondiElimina
  28. Mitico Virtua On Oratorio Tangram! Quante partite sull'altrettanto mitico Sega DreamCast.
    E' lui, infatti: ricopioni della fungia®

    RispondiElimina
  29. Peccato per Axus che, ihmo, è il cchiù bello della banda.

    @Doc: ti trollano pure in edicola, "per il momento" almeno ...
    /musichettadiprofondorossoinsottofondo

    RispondiElimina
  30. Miii e io che pensavo di essere stato il primo a segnalartelo tramite e -mail mesi fa.
    Notare che di stì robottini non c'è traccia neppure sul sito della GP.
    E io non li ho ancora visti da nessuna parte.
    Riguardo al prezzo degli SRC, bisogna dire un paio di cose: la prima, è che ovviamente la qualità di verniciatura, sculpt, accessori ecc... è di gran lunga superiore.
    La seconda riguarda il prezzo: è vero che costano molto per quello che offrono, ma si tratta del prezzo jap che è rimasto invariato nell' importazione Cosmic.
    E la cosa non è da trascurare, perché in Nipponia hanno stipendi in media più alti di noi e quindi per loro 50 carte non sono come 50 carte per un italiano.
    Se li importava un grosso marchio come GP, i prezzi sarebbero stati in linea col potere di acquisto italiano e costati la metà ( avete presente i myth, che costano 60 euro e GP li faceva a meno di 20 ?) prezzo giustificatissimo se si considera la qualità del prodotto e lo si confronta con quello di altre case ( avete presente che schifezze di tranformers Hasbro ti porti a casa con 15 euro ???)
    Cmq, a me Gorkan ricorda di faccia il Gloiser X ....

    RispondiElimina
  31. Non ci crederete ma dopo averli avvistati e messo al corrente il Doc. dell'esistenza di questi simpatici robottini, non li ho più beccati per comprarli.
    @Nababbo
    Settimana scorsa in un grosso negozio di giocattoli facendo regalini a figlio e nipoti vari becco un Goldrake Mini Metal ad un prezzo stracciato, lo prendo arrivo in cassa e il tipo quando arriva a battere il Goldrake mi guarda e mi dice "Scommetto che questo è per te!" Annuisco pago e mi allontano fischiettando dal negozio!

    RispondiElimina
  32. Vado leggermente OT:
    Ma la GP alla fine non ha deciso di introdurre realmente sul mercato Orango-Bot, quel pupazzone ideato dai galoppini di Flavio Briatore in The Apprentice?

    RispondiElimina
  33. Lo Zione Lardass18 dicembre 2012 12:27

    Mi sa che Synth è il cattivo della serie...non ha il pilota..oppure si...però è mostrerrimo :)

    RispondiElimina
  34. mi sembrano bruttini, si può dire che fanno schifo al cazzo?

    RispondiElimina
  35. @Tutti
    La vostra saggezza non sarà sprecata!
    Adesso devo solo trovare un negozio che li abbia in questa città di pizzerie e negozi di vestiti.

    @Doc
    La tua edicolante simpaticissima è una deriva meno imbarazzante del farmacista burlone.
    Temibilissimo quando si cercano imodium o preservativi.

    RispondiElimina
  36. @Nababbo
    Lo scenario "contro il negoziante" mi ha divertito ed ho pensato a questo.
    Scena.
    Si arriva dal commesso
    "buongiorno, volevo sapere se avevate una cosa"
    Commesso: buongiorno a lei, dica pure.
    "dunque...." (fare espressione dubbiosa e prendersi quell'uno o due secondi di riflessione) "...aspetti un momento"
    (ed iniziare a frugarsi in tasca estraendo un foglietto di carta, sul quale può anche non esserci scritto nulla)
    (Corrugare la fronte come la nonna quando prova a chiedere al farmacista un prodotto dal nome astruso)
    "...hyridion: dovrebbero essere dei robottini o qualcosa di simile."
    Ed aspettare la risposta con aria gnorri di chi non sa bene cosa ha chiesto.

    Ecco, così si da l'impressione del "ma guarda che cazzo mi tocca andare a chiedere in giro: cosa non si fa per sti maledetti ragazzini"

    Io però punto sempre sul fregarmene XDXDXD

    RispondiElimina
  37. Acquisto transformers da una vita, figurati se mi perdo per strada la faccia di tolla per due robottini senza nome...

    RispondiElimina
  38. @DarkAlex

    Tecnica usata pari-pari, più volte, sopratutto in edicola e videoteca, agli albori dei video anime!

    RispondiElimina
  39. non avevo letto il prezzo, certo per 9 euro l'uno magari axus e synth... magari ....
    certo bisognerebbe trovarsi una volta l'anno si affitta un capannone, ognuno arriva con un suo robot (va bene qualsiasi serie) e ci si gioca 2 giorni di fila.

    RispondiElimina
  40. Avvistati al Bennet ( Almeno quello vicino casa mia) Tutta la linea Completa. Ad ogni modo, nel prossimo twisted theatre voglio vederli in Azione U_u

    RispondiElimina
  41. Insomma, l'unico a non averne ancora visto un esemplare dal vivo sono io!
    Spero di beccarne a qualche fiera vagonate di pezzi invenduti a 3 euro.

    RispondiElimina
  42. Rayon mi ricorda il Dajoja, Synth e Axus sembrano dei Gormiti, Gorkan mi pare un'incrocio tra Grozer X ed un Gundam, gli altri 2 sono opinabili

    RispondiElimina
  43. dalle mie parti neanche l'ombra. Ho zittito la scimmia con l'ordine online di Axus, Gorkan, Triton ......

    RispondiElimina
  44. ma porc#@ anzichè arrivare Triton/Dantarion mi è arrivato Tridion. E penso per il fatto che hanno fatto c@sino con i nomi. Comunque non sono niente male, meglio di quelle zozzerie simil cinatrasformers da 10-15€ che girano dalle mie parti. Pesano nà cifra tanto che i regazzini li potrebbero usare come armi improprie

    RispondiElimina
  45. Post ritardatario per dire che, da buon collezionista di giocattoli, e sottolineo GIOCATTOLI, non seghe adult collector, gli Hyridion sono stati una piacevole parentesi: 9 euro per un personaggio articolato, in metallo e con le armi pure, contro 14 euro per un transformer di plastica vuota senza accessori alto la metà...

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails