martedì 2 agosto 2011

49

Wonder Woman: il pilota della serie tivù che non vedremo mai più (ma tu hai visto lo stesso)

Il serial che poteva essere la sintesi perfetta tra Ally McBeal e Walker Texas Ranger
Quella della nuova serie TV dedicata a Wonder Woman, con tutto il metro e ottanta di Adrianne Palicki come protagonista, è una storia tristemente nota: lo scorso ottobre la divisione tivvù della Warner e il David E. Kelley di Ally McBeal, Boston Legal e The Practice (che noi tutti odiamo profondamente perché è sposato dal '93 con Michelle Pfeiffer), fanno comunella per realizzare un nuovo telefilm sull'amazzone da proporre ai vari network. Ma la risposta delle reti a cui sottopongono l'idea spazia da un dito medio a un fermo gesto dell'ombrello. Solo la NBC, alla fine, si mostra interessata e ordina il pilota. Siamo già a gennaio 2011, ma quando pochi mesi dopo, a maggio, il primo episodio è pronto, qualcuno nel consiglio di amministrazione della NBC viene colto da un malore. No, questa Wonder Woman "che fa la vigilante a Los Angeles ma è anche un'industriale e una donna moderna e cerca di bilanciare al meglio i vari aspetti della sua personalità" non piace a chi dovrebbe piacere. "Abbiamo preso i pesci in faccia con Heroes", si dicono i vertici del network, "figurati con questa minchiata". E così la nuova serie di Wonder Woman muore prima ancora di essere arrivata in tivvù per un solo episodio. Questo pilota, pagato ma non voluto da NBC, come una pizza poco cotta, avrebbe dovuto finire distrutto, non avrebbe mai dovuto vederlo nessuno, ma grazie ai tuoi potenti mezzi* sei riuscito a procurartelo lo stesso. Questa è la sua inquietante storia... [...]
*l'hai cercato su gùgol

Partiamo già malissimo, con un logo über-pezzente, da zozzoparodia, che se il buon giorno si vede dal mattino...
Ma fermi tutti, un attimo, ché qui ci sono delle emozioni. In una famiglia di americani poveri ma orgogliosi e che si vogliono un mondo di bene (nel linguaggio dei serial americani: gente di colore, colore nero) è grande festa perché il figliolo è stato ammesso al college. Quando tutto d'un tratto il ragazzo inizia a perdere sangue dagli occhi e dalle orecchie. Dice: stanno dando un video di Lady Gaga su emtivvì? No, è una malattia misteriosa! Zan-zan-zan-zaaaan!
Stacco. Hollywood Boulevard: Wonder Woman sta inseguendo un tizio in mezzo al traffico. È la scena di cui avete visto tutte quelle foto, con la Wonder Woman con degli assurdi pantaloni lunghi da cavallerizza che salta da una macchina all'altra. E sono salti lunghissimi a gambe divaricate, che fanno molto wuxiapian e parecchio sì, vabbè, ciao
Alla fine dell'inseguimento Diana riesce a catturare il malandrino con il suo lazo d'oro...
...ma invece di usarlo per far confessare al tipo i suoi crimini, se ne serve giusto per atterrarlo. Dopodichè, senza alcuna ragione apparente, pianta al poverocristo UNA SIRINGA NEL COLLO
Wonder Woman fa ritorno alla sua base, la sede della Themyscira Industries. Il mondo la conosce infatti come Diana Themyscira, CEO di una multinazionale che non si capisce bene cosa faccia. Ad accoglierla, quando esce dal suo aereo invisibile che però non è invisibile e sembra più che altro una macchinina a pedali della Ceppiratti, ci sono la sua assistente Etta Candy (Tracie Thoms) e il suo socio/consigliere Steve Trevor (Justin Bruening). Entrambi le fanno presente che andarsene in giro per Los Angeles a fare la vigilante, ammaccando cofani e picchiando gente, quando sei a capo di un'azienda non è una grandissima furbata in fatto di pubbliche relazioni
Lei, Diana, ci rimane malissimo
Per consolarsi, si rifugia nella sua SECONDA IDENTITA'. Cioè, il mondo sa che lei è Diana Themyscira, ma per starsene un po' per i fatti suoi le basta farsi chiamare Diana Prince, indossare un paio di occhialini da segretaria e ritirarsi in un piccolo appartamento
Dove trascorre le sue serate in compagnia del gatto (che ovviamente si chiama Sylvester), mangiando patatine e piangendo davanti ai film d'ammmore, mentre ricorda il fidanzato che l'ha piantata quando lei ha lasciato NY per venirsene ad ellèi. Manco più nei film di Meg Ryan
Il giorno dopo, alla Themyscira Industries Diana riceve la visita della madre del ragazzo di colore. Il giovine non è l'unico affetto da questo misterioso male, che ha colpito anche altri soggetti della stessa età
Dietro c'è ovviamente la solita droga sperimentale prodotta dalla solita industria farmaceutica malvagia, la Cale-Anderson Pharmaceuticals della perfida Veronica Cale, interpretata da Liz Hurley. Sì, Liz Hurley quella che è diventata famosa perché quando era fidanzata con Hugh Grant lui se ne andava a mignotte in giro per Los Angeles e perché, in tempi più recenti, ha sposato un indiano così ricco che al matrimonio come bomboniera ti regalavano uno yacht da trentasei metri con tutto l'equipaggio
Poco dopo è in corso un consiglio di amministrazione della Themyscira Industries, e Diana sta ancora rimuginando sulle macchinazioni della Cale, quando a un certo punto prende la parola e urla che non sopporta proprio la nuova bambola di Wonder Woman, per quelle tette giganti che le hanno fatto
e sì, usa proprio la parola "tits". Almeno due volte. Ma Trevor e gli altri le spiegano che, ciccia, l'azienda campa sul merchandising, e la bambola te la devi tenere così
Lei, Diana, ci rimane malissimo
Ma ecco che arriva, a sorpresa, la visita della Cale. Detto che la Hurley parla nel solito inglese strettissimo praticamente incomprensibile...
...si intuisce già quel sottotesto vagamente lesbo nella tensione tra le due donne che, a detta di Kelley, sarebbe dovuto diventare uno dei motivi trainanti del telefilm. No, sul serio. Comunque. La Cale dice a Wonder Woman che non ha prove per accusarla come sta facendo, e che quindi farebbe meglio a tenere chiusa la ciabatta
Lei, Diana, ci rimane malissimo
Prende il suo aereo non troppo invisibile, con gli interni in pelle customizzati...
...e va a trovare in ospedale il ragazzo di colore. Che per essere uno moribondo sembra messo abbastanza bene, e passa tutta la scena a fissarle le tette
Ma nello stesso ospedale c'è anche il malvivente pelato che lei ha accoltellato con quella siringa, un galoppino della Cale. Diana convince con un paio di minchiate il suo amico detective a lasciarla passare (in una scena che sembra tratta di peso da un episodio della Dottoressa Giò con Barbara D'Urso)
e poi, dopo avergli fatto sbirciare pure a lui un po' le bocce, TORTURA il poverocristo pelato con ferocia
L'amico detective sente le urla e, una volta tornati sul tetto, davanti all'aereo non troppo invisibile che si è misteriosamente rimpicciolito a lasciarlo lì, le fa un rimbrotto pazzesco sul fatto che lei non possa usare questi metodi, eccetera eccetera
Lei, Diana, ci rimane malissimo
Non sapendo che pesci pigliare, Wonder Woman va a questo punto a cena con un senatore che sembra lo Chef Tony. Il senatore, amico della malvagia Cale, prima la blandisce con una serie di complimenti da vecchio marpione, poi le fa capire che se non la pianta di fare la vigilante, Washington le sarà molto presto addosso
Lei, Diana, per una volta sorride. E qui volevi aggiungere una battuta, però te la risparmi, altrimenti le lettrici dell'Antro poi ti scrivono che sei il solito maschilista, e non è vero
Ma alla Themyscira la sua assistente rompitasche l'avverte che il ragazzo di colore è morto. Dopo aver visto le bocce di Wonder Woman il suo cuore debole non ha retto, pare. Diana è incazzatissima. Segue scena di vestizione tipo quella del cartone animato di Rambo
Con uno sguardo intenso, prossimo alle lacrime napulitante, Wonder Woman vola con il suo aereo giocattolo fino alla sede della Cale, decisa a farla finita una volta per tutte
Entra nell'azienda, uh, scardinando la porta del garage, e l'inquadratura dal basso alla Beppe Recchia ci mostra che ora ha quell'altro costume, quello classico con le mutandone
Diana vuole raggiungere i laboratori e trovare le prove della colpevolezza di Liz Hurley, ma prima deve superare la sicurezza dell'industria farmaceutica
che OVVIAMENTE È COMPOSTA DA UN GRUPPO DI CULTURISTI CON I PANTALONCINI DA CICLISTA E LE MAGLIETTINE DA PALESTRA
Diana ne picchia molti, saltando di qua e là con quei salti ridicoli appesa alle corde, e alcuni li uccide direttamente. All'ultimo tizio, una povera guardia giurata, dopo aver deviato i suoi proiettili con i braccialetti, TAH!, PIANTA UN TUBO DI FERRO IN GOLA
La Cale si mette in mezzo, facendo presente che tra effrazione, violenza privata, omicidio preterintenzionale e omicidio volontario della guardia giurata ce n'è già per una trentina d'ergastoli, ma Wonder Woman la appiccica letteralmente al muro urlandole Mavafangule, e scopre il laboratorio dove vengono condotti dei test su tutta una serie di cavie umane
Arrivano la polizia e il suo amico detective, e tutto è risolto, tranquilla, vai pure, qui ci pensiamo noi, cioè a togliere di mezzo i cadaveri e tutto
Diana torna alla Themyscira Industries, dove, per il fatto che ha scoperto i piani della Cale e ucciso tutti quei culturisti, viene accolta da tutti i suoi dipendenti con un lungo applauso
un lunghissimo applauso
92 minuti d'applausi. "E' un bel direttore!", si sente urlare dal soppalco là in fondo. "Una santa!". "Il montaggio analogico!"
Diana è raggiante. Tutto è bene quel che finisce bene?
Ma manco per niente. Perché dal passato spunta poche ore dopo il suo ex boifriendo, il tipo newyorkese che ora fa il detective a Los Angeles ed è andato lì a far finta di farle un paio di domande. Diana ha lo sguardo di una ragazzina innamorata. E' al settimo cielo, finché non scopre che lui a Los Angeles si è trasferito da sei mesi, solo che non ha trovato proprio il tempo, guarda, di farle una telefonata
Lei, Diana, ci rimane malissimo
questo prima di accorgersi che il detective ha un anello al dito. Perché in quei sei mesi lì il tempo per una telefonata non l'ha trovato, ma per sposarsi un'altra invece sì
Lei, Diana, ci rimane malissimo, ma proprio di un malissimo che mamma mia, non ti dico
E l'episodio poteva benissimo chiudersi qui. E invece c'è il finale tristissimo da commedia rosa, di quelli che anche nelle commedie rosa ormai non si portano più da almeno cinque, sei anni. Diana torna a vestire la sua identità di Diana Prince, nell'appartamentino da single col gatto Sylvester, il bicchiere di vino rosso, le luci soffuse, le solite cose. Accende il mac e aggiorna il suo profilo di Facebook
Lunga inquadratura della voce single
Altrettanto lunga inquadratura del campo successivo. Sì, il suo unico amico è il gatto. E' una donna sola e disperata
Il finale è da vene tagliate a furia di strofinare i polsi sullo spigolo della porta: mentre alla tivvù parlano di Wonder Woman, questa donna forte e risoluta che ammazza tutti e nessuno ci può dire niente, la vera Wonder Woman piange sul divano mentre si ubriaca con una birretta. Fantasma di Frank Capra, vatti a nascondere
Guarda, è un vero mistero il motivo per cui la NBC non abbia voluto concedere una chance a questa enorme, deliziosa puttanata.
Alla fine, in ogni caso, resta che la Palicki sarebbe stata una Wonder Woman grandiosa. No, davvero. Molto più ragazzona di campagna e meno regale della divina Lynda Carter nella serie degli anni 70, d'accordo, però come protagonista del telefilm poteva funzionare. Le mancava solo il telefilm tutt'attorno.

49 commenti:

  1. Perfetta soprattutto per le bocce...

    RispondiElimina
  2. ...sono d'accordo. Peccato che faccia davvero schifo tutto il resto, molto bella la coroncina che indossa, palesemente fatta con la carta stagnola.

    RispondiElimina
  3. Fantastico... con gli applausi aggiungerei anche "...gli occhi della madre!..."

    RispondiElimina
  4. ma roba che pure l'armatura di Pegasus era più credibile. (ma no qqquellaaaa del cartone eh... quell'altra, quella llà del primo fumetto)

    RispondiElimina
  5. Ci sono rimasto malissimo...

    (Beppe Recchia santo subito)

    RispondiElimina
  6. Il lazo, invece, come si apprezza nella quarta foto, quando non è realizzato con effetti speciali trovati nelle patatine è una corda ottenuta intrecciando cinquanta cordoncini dorati delle caramelle Sperlari di una volta. La Sperlari, quando l'ha saputo, ovviamente c'è RIMASTA MALISSIMO.

    RispondiElimina
  7. Ma LOL un po' mi spiace perchè sarebbe stato bello vedere qualche puntata XD

    P.S.
    Adesso però voglio sapere la battuta maschilista... tanto di antriste se c'è ne sono tante saranno due, che qua si parla solo di cose nerd, guardiamo in faccia la realtà...

    RispondiElimina
  8. Eppure non capisco come abbiano potuto affossare il progetto: guardate l'espressività, la profondità del personaggio, la padronanza della scena. Impossibile non innamorarsene subito,..
    Come, il protagonista NON è il gatto?
    Ooops, scusate.

    RispondiElimina
  9. Oh, ma lo sapete che dopo avere letto che non lo realizzeranno, CI SONO RIMASTO MALISSIMO?

    ;D

    P.s.:mi hai salvato da una lunga giornata di tristezza lavorativa, grazie!

    RispondiElimina
  10. Emanuele, credo che la battuta sarebbe stata la reiterazione dell'ultima frase prima dell'immagine... ;)

    RispondiElimina
  11. Sono stupefatto! No, non dalla pezzentità (...) del telefilm, quella ce la si poteva benissimo aspettare, viste le produzioni più recenti.
    Sono stupefatto dal fatto che l'abbiano soppresso. Cioè: mandano in onda talmente tante di quelle cagate, che non vedo come questa potesse essere diversa dalle altre, al punto di essere bocciata già dal pilot. Cioè, Doc, hai mai visto una puntata de L'uomo invisibile? Dai, almeno qui ci sono le tette: non poteva essere peggio!

    @Emanuele: la battuta la puoi capire leggendo tra le righe. Più precisamente nella riga tra "Washington le sarà molto presto addosso" e "Lei, Diana, per una volta sorride" xD

    RispondiElimina
  12. Emanuele: non ci faremo sentire molto e saremo pure in minoranza, ma anche a noi gentili lettrici dell'antro piacciono le cose nerd :D

    RispondiElimina
  13. O MY MOTHERFUCKIN' GOD, WHAT THE FUCK IS THIS SHIT?!
    Aberrante, rabbrividiamo. Brrr.
    Si salva solo lei che è carinissima, manco bbona o sorca o fregna, carina, anche se il costume che le divide le zinne tipo i missilitetta di Aphrodite A o Venus proprio no...

    PS
    DOC, ieri ho visto CAP, ho scritto 2 righe (ma 2 proprio) tra i commenti dell articolo tuo..

    RispondiElimina
  14. Adriano, il linguaggio.
    Non è che ogni volta dobbiamo per forza inserire tutti i sinonimi di bona, ma proprio tutti tutti, eh.

    Dai, su, fate i bravi. :)

    RispondiElimina
  15. Che poi una cosa non mi torna, se lei sta a capo di una società e un botto di persone sa della sua identità... cacchio ne ha bisogno a fare di un segreta???
    Misteri del Marketing...

    "è un bel direttore!".
    Ancora mi sto rotolando per la stanza dal ridere. Villaggio Genio quando scrisse i 2 libri di Fantozzi.

    RispondiElimina
  16. AHAHAHAHAHAHAAH
    Doc, con questa recenZione hai veramente superato te stesso!

    Adesso fermati un attimo e aspettati.

    RispondiElimina
  17. Comunque, parlando di sessismo: naturalmente una donna senza un uomo non può che essere una fallita piangente, anche se è un fenomeno capace di prendere a calci in culo i grizzly. Cioè, un uomo (come brusuèin o Tonino Stark) vivono senza problemi senza legami fissi. Ma una donna, se non c'ha il fidanzato, è un rottame che passa le serate sul divano sognando l'ammore, of course.

    RispondiElimina
  18. Ma chiaro. Quello è il motivo per cui hanno preso l'autore di Ally McBeal e Boston Legal. Ma, come scrive il doc, sono soluzioni vecchie che non hanno il coraggio di usare più neanche nelle commedie sentimentali

    RispondiElimina
  19. @ferruccio: ma in fondo anche per i masculi, se hai un'armatura strafica o un mantello da pippistrello, ma non sei un trombeur des femmes, non sei nessuno. Sessismo maledetto!

    RispondiElimina
  20. Allo Chef Tony son scoppiato a ridere e i miei colleghi si son chiesti se fossi pazzo :D

    (hint: lo sono)

    RispondiElimina
  21. Meno male che sto telefilm non si è visto nemmeno su Marte, allora. Dai frame che hai postato, sembra un telefilm tedesco degli anni '90 ma senza Rex. E quando lei è in costume sembra sempre recitare in una qualche porno parodia o in uno spot della tim (sempre degli anni '90).

    RispondiElimina
  22. Ma la donna è diversa da un uomo: gli uomini sono di carattere più tenebroso, misantropi di natura ( sarà un motivo se gli sfigati della Terra che vivono soli come cani al 90% sono maschi), a loro non frega nulla se si bombano ogni tanto donne che li frequentano per i loro soldi ( sempre se sei un Tony Stark o Bruce Wayne).
    Per le donne è diverso: le donne vogliono sentirsi amate, desiderate , protette dal loro patner ( anche se sono in grado di spaccare un muro con un pugno) non gli basta il bufalone occasionale da servire a letto.
    E per tornare in zona nerdismo, diciamo che il motivo per cui il telefilm di WW è stato cassato è uno solo.
    Diana doveva portare la mutanda a stella subito dall' inizio, non solo verso la fine.
    Sono errori che si pagano, eh!

    RispondiElimina
  23. Io direi di fare una colletta e produrlo NOI questo piccolo capolavoro

    RispondiElimina
  24. @gabbre: io ci sto, ma solo se organizziamo la comparsata della divina Linda (grande Doc)

    RispondiElimina
  25. Comunque lei ha più l'aria da Wonder Girl che da Wonder Woman, sembra molto più giovane di Linda Carter all'epoca...

    RispondiElimina
  26. Nella prima foto è uguale a Moana.

    RispondiElimina
  27. Uhè Ragzzi, ho appena visto su Italia 2 "La regina degli uomini pesci" un capolavoro del trash che a confronto stà Wonder Woman sembra un colossal firmato Spielberg.
    Se il DOC lo vedeva ne tirava fori un post epico.

    RispondiElimina
  28. Non riesco ancora a riprendermi per il "è un bel direttore". Per una volta, qualcuno alla nbc l'ha imbroccata evitando un altro inutile scempio alla già fin troppo stuprata continuity (?) DC.
    Forse gli sceneggiatori sono stati vittime di di un progetto troppo ambizioso: condensare Bruce Wayne, Tony Stark, Eddard Stark, Ozymandias (per i modellini) e le bocce.
    Giudizio critico: tavanata amazzonica !

    RispondiElimina
  29. Quando ho saputo che lo tagliavano, ci sono rimasto MALISSIMO!

    RispondiElimina
  30. Aridateci Xena, Buffy, Scully, Sidney Bristow e le sorelle Halliwell!
    Però potevano farne una serie con protagonista il micio... di sicuro lui sa recitare.

    RispondiElimina
  31. Dove si puo' vedere la puntata?

    RispondiElimina
  32. Ho aspettato fino all'ultimo che apparissero o John Cage della Cage & Fish, o Evan Stone: in entrambi i casi tutto ciò avrebbe acquisito una ragione di esistere. E invece.

    Ci sono rimasta malissimo.

    RispondiElimina
  33. Io invece voglio fare il bastian contrario. Non è che perchè la tv è piena di puttanate, allora bisogna sorbirci per forza anche questa ennesima cagata colossale. A me poi il costume di Wonder Woman non è mai piaciuto.

    RispondiElimina
  34. concordo con @Paolo.
    Pienamente su tutto

    RispondiElimina
  35. Il rientro nell'azienda con applauso di tutti i dipendenti è di una pezzenteria suprema.

    RispondiElimina
  36. Sono sconvolto dalla bellezza di questo post.

    Dovresti navigare nell'oro (e chi mi dice che tu non lo sia già?) come autore di successo di qualunque cosa..

    Te li meriti tutti questi settantacinquemilioni di visite all'ora. Ma tremo perché tra poco tornerai a parlare di Inter :(

    RispondiElimina
  37. "Che tu non sia navigato nell'oro". Ho reiventato l'Italiano. Grazie.

    RispondiElimina
  38. Uikipidia riporta che la Palicki è nel cast del sequel di G.I.Joe... quindi la ritroveremo inguainata in un costume succinto su grande schermo :D

    RispondiElimina
  39. Se avesse fatto lo sguardo del "Ci rimane malissimo" alla dirigenza della NBC, alla notizia che non era più interessata alla produzione e messa in onda del tf, a quest'ora staremmo facendo il riassunto della prima stagione, e le aspettative per la seconda, lanciatissima annata.

    E il fatto che questa cosa non avverrà ... mi fa rimanere malissimo.

    RispondiElimina
  40. JacoPOP: :*
    (Sabato si ricomincia!)

    RispondiElimina
  41. Io il telefilm di WW voglio ricordarlo sempre così

    http://img191.imageshack.us/img191/79/galleryenlargedadrianne.jpg


    o ancora meglio così

    http://i54.tinypic.com/2h68qix.jpg

    RispondiElimina
  42. Sam, se vedesse il tuo commento, lei, Adrianne, ci resterebbe MALISSIMO.

    RispondiElimina
  43. Doc, perché non ti prendono per scrivere fotoromanzi?

    RispondiElimina
  44. Ma querllo che le tocca il culo è Spilbergo ? :P

    RispondiElimina
  45. Ma nessuno nota il fatto che qui Wondy tortura e uccide a sangue freddo mentre nei fumetti è la compassione fatta persona dopo Supes?
    Dopo tutto il suo soprannome è The Spirit of Truth.(si, ho scoperto Wonder Woman grazie alla recenzione di Linkara di Amazon's Attack).

    RispondiElimina
  46. Peccato che non han fatto la serie... Si chinava in avanti due volte a puntata, ascolti alle stelle e la lira si impenna ;-)

    RispondiElimina
  47. Credevo che questo telefilm toccasse il fondo poi, questa sera, ho visto ‎"Avengers Grimm" e ho capito che capolavoro del cinema fosse! XD

    Sembra incredibile ma gli americani hanno scoperto (probabilmente sviluppando nuove terribili armi di distruzione di massa, per impedire agli altri di averle) apparecchiature in grado di scavare ben oltre il fondo! :O A meno che la "terribile arma" non sia proprio questo film, da mostrare ai nemici. Nel qual caso andrebbe aggiunta almeno una clausola alla Convenzione della moglie di Artù. ^____^

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails