giovedì 18 agosto 2011

20

Il Dottor Pepper non è in sede

Doc, doc, doc, doc, doctor beat pepper
Ieri sera. Mentre fai la valigia, mentre il Clàsico di ritorno finisce nel peggiore dei modi, con l'insopportabile capo della banda del formicaio portato in trionfo, mentre scendi giù un attimo per prendere qualche soft drink nocivo e dal tasso di zuccheri vergognoso dal distributore automatico. C'è questa lattina color bordeaux girata di schiena e sei convinto che sia una Cherry Coke, ma invece ne viene fuori un po' a sorpresa e molto a tradimento una Dr Pepper. La Dr Pepper, senza il punto, che in Italia si è vista solo nell'89, e per tipo tre, quattro giorni. Come Alejnikov alla Jubentus. [...]
Le spettacolari lattine di Iron Man 2 per l'uscita di Iron Man 2, uffa
La Dr Pepper, quella che ha quel gusto indefinito, quell'aroma artificiale (rapala) che qualcuno dice sia alla fine una roba perfettamente a metà strada tra la Cherry Coke e la Vanilla Coke, ma che invece no, senti, è proprio un'altra cosa. La Dr Pepper, la prima bibita gasata al mondo, che erano tipo quattro o cinque anni dall'ultima volta, che manco ti ricordavi più il sapore, che la vendono in tutto il mondo tranne che in Italia, Serbia, Russia, Ucraina e Thailandia.

La versione Diet. Godzilla la usava per rimorchiare
Perché la Coca-Cola, che distribuisce in Europa la bevanda (prodotta negli Usa dall'ex gruppo Dr Pepper/Seven Up, oggi Dr Pepper Snapple dopo la condanna a morte per impiccagione di Fido Dido), ha capito che agli italiani ci piace solo la Coca-Cola. Quella normale, liscia, da circolo del bridge in pizzeria. Tutto il resto, tutte le sue magnifiche varianti e cugine acquisite, qui sono purtroppamente un no-no. Il solito popolo di tradizionalisti della fungia.

20 commenti:

  1. Dio quanto la luvvo la Dr Pepper... Me ne spediresti mica qualche lattina (già che sei in Spagnolandia, anche qualche confezione di pan bimbo sarebbe molto gradita)? :D

    RispondiElimina
  2. L'avevo provata 5 anni fa, la prima volta a nuova yorki...spettacolo...la adoravo, ho sempre sperato in un grande ritorno nel paese stivalico, ma sto ancora aspettando...e comunque anche se accadesse sono convinto che farebbe la fine di tante fanta...comunque se mi dici che in Spagna c'è probabilemente la prima o la seconda di settembre si fa una scappata ad Ibiza...quindi me ne farò una scorta decennale che mi basterà più o meno per una settimana...

    RispondiElimina
  3. Mah, la coca cola negli ultimi anni mi pare peggiorata parecchio. Le scorte di 7-up mondiali stanno finendo, ho tristemente ripiegato sulla pepsi twist. Ma il Dottor Pepper ce l'ha la laurea ?

    RispondiElimina
  4. NickZip: sorry, ma sono già a metà del viaggio di rientro. Se ti può consolare, nel distributore non c'erano altre lattine bordò, e non l'ho vista comunque da nessun'altra parte nelle due settimane precedenti

    Quanto alla laurea, sure. Una delle tante teorie sull'origine del nome (mistero del quale si occuperà prossimamente una qualche trasmissione su Rete4), quella ufficiale della compagnia, è che sia un omaggio al Dottor Charles T. Pepper, chirurgo e amico del creatore della bibita.
    La fine del mondo, comunque, è vicina.

    RispondiElimina
  5. Buona la Dottorpepper. Anch'io l'ho provata negli usa e ha effettivamente un sapore tutto suo. Doc, in tua assenza qui è spuntata in edicola una collezione di MAGLIETTE degli eroi Marvel. Fai un salto in edicola appena torni a casa, così poi ci dici.

    RispondiElimina
  6. Mi era giunta voce. Cioè, mi era giunta voce che fossero una mezza sola. Ho già chiamato comunque l'edicola, denghiu.

    RispondiElimina
  7. DOC e della root beer che mi dici? Hai mai provato? Ti ha fatto abbastanza schifo?

    RispondiElimina
  8. La provai in America e la sputai tutta per terra con indicibili smorfie di disgusto... pare un tamarindo superzuccherato con del cherry dentro... disgustosa

    RispondiElimina
  9. Ho provato la Dr Pepper e alcune varianti di Coca Cola la scorsa primavera a Londra, morale: mi hanno fatto una più schifo dell'altra... la Dr Pepper in particolare sapeva di sciroppo per la tossa all'amarena con troppo zucchero... bah

    RispondiElimina
  10. In effetti mi piace tantone anche la Root Beer... :D

    RispondiElimina
  11. Root Beer alcolica mai provata, per le ragioni che ormai sapete, quella soft in lattina una sola volta. Non mi dispiacque.

    Matteo, Emanuele: se non abbiamo la Dr Pepper oggi in Italia, la colpa è anche un po' vostra. Sappiatelo.

    RispondiElimina
  12. In edicola è apparsa anche la raccolta dei personaggi dei fumetti in 3d.
    Solo nei supermercati dove vado io la Coca Cola è quasi solo light o zero o senza caffeina e non c'è più la classica?

    RispondiElimina
  13. Che comunque è meglio la pepsi della coca cola

    RispondiElimina
  14. La Root Beer! Mamma mia! La mi esperienza con quella cosa è stata probabilmente ancora più traumatica di quella con la Dr Pepper. Ero in questa steak house a San Diego e insieme a una mucca intera ordino una Root Beer, ovviamente convintissimo che fosse una birra... e invece mi vedo arrivare questo gigantesco bicchiere ghiacciato con dentro del gelato sommerso da una liquido colore coca cola e sovrastato da un chilo di panna montata e ovviamente era qualcosa di ultradolce simile ancora una volta allo sciroppo per la tosse, così dolce che dopo averne bevuto un sorso il mio colesterolo mi ha fatto un applauso (cit.).
    Quindi sì, sono felice che certe cose non siano arrivate da noi XD

    RispondiElimina
  15. Mettiamo su una bella petizione alla Coca-Cola! Di quelle inutili, che non servono a nulla! :)

    RispondiElimina
  16. Se siamo sicuri che è una roba inutile, che non serve a nulla, io ci sto

    RispondiElimina
  17. Doc, son contento che sei uomo di mondo e viaggia in lungo e largo per il globo terracqueo.
    Ma meno male che tutte le varianti della Coca cola e suoi surrogati non sono arrivati qui è solo un bene, e aggiungo, un motivo ci sarò.
    Tu dici che è colpa nostra, io rispondo che è merito nostro.
    Accontentati degli Oreo.

    RispondiElimina
  18. La Cherry Coke in Spagna ha vissuto una breve ma intensa esistenza nell'ormai lontano 1995.
    Purtroppo piu che la bevanda in se il pubblico ha apprezzato maggiormente (e ballato...io c'ero) il simpatico motivetto techno creato appositamente per promuovere la bibita in questione.
    Godete Forte.

    http://www.youtube.com/watch?v=yPvZtErTmAI

    RispondiElimina
  19. è letale... e mi piace!
    La gustossissima dottor pepers!

    RispondiElimina
  20. Sperimentai la Dr Pepper il giorno prima di cominciare il 2°liceo (classico), quindi mercoledì 20 settembre 1989 (era il periodo che le scuole, nel Profondo Sud, cominciavano nell'ultima decade di settembre, in linea con il clima). Che dire? Una cocacola iperaddolcita...
    Qualche mese dopo, a mo' di "panettoni di San Biagio", nei supermarket si poteva trovare un fardello al prezzo di una bottiglia (da un litro e mezzo), ma io ero già ritornato alla Coca Cola.
    Un fan della Dr Pepper era (e magari lo è ancora) il chitarrista e compositore Pat Metheny.

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails