sabato 19 febbraio 2011

29

Una sola canzone da genuino momento emozione©

Michael Stipe nel '91, quando ci aveva ancora qualche capello
Per l'ormai consueto appuntamento con la discussione nostalgica del sabato si entra oggi in tackle scivolato vigliacco, attenzione, direttamente sui sentimenti. Il solito uomo con la solita pistola puntata alla tua solita tempia (la sinistra), ormai di famiglia, ha preteso questa volta un anno e una canzone legati a un solo, genuino momento emozione© di quando eri ragazzo. Un pezzo che magari lo ascolti ora e ti sta pure sulle palle, però ti ricorda inevitabilmente di quando si era giovani e senza problemi e senza pure una lira in tasca. Si trascina dietro questo bagaglio di ricordi e cose che sembra siano passati vent'anni, ma in realtà, cazzarola, sono passati davvero vent'anni. Ancora assonnato, con il freddo del metallo della canna sulla tempia, hai fatto solo a tempo a sussurrare: "Novantadue, Losing my religion dei R.E.M.", prima di perdere conoscenza […]
Dilettante
Che è del febbraio 91, ok, ma tu avevi scoperto ufficialmente il gruppo di Michael Stipe solo alla fine di quell'anno. La primavera successiva, mentre andavano a nastro nel walkman le canzoni di questo settimo (ottavo?) e per te clamorosamente primo album dei R.E.M., mentre chiunque incontrassi ti diceva furbo, con l'aria di Mike Bongiorno durante la manche finale di BIS, lo sai che significa R.E.M.? e tu rispondevi solo guardandolo storto, mentre l'Italia affondava nel fango, con le zampe legate dalle pastoie della prima Repubblica in attesa che Silviuzzo nostro venisse finalmente a portare una ventata di nuovo, di fresco e di pulito che neanche il Coccolino, ti ritrovasti in qualche modo vertice alto di un triangolo isoscele con due ragazze del corso H. Maria Chiara e Alba, una castano scura quasi mora, l'altra biondissima. Maria Chiara e Alba. Alba e Maria Chiara: carine da sole, assieme una fottuta canzone di Vasco Rossi. Finché è durata, finché il tutto è rimasto sospeso nei momenti elettrici delle scelte lasciate lì in attesa, hai vissuto il tuo personalissimo spin-off di Beverly Hills 90210. Poi, naturalmente, da grande fan di Asimov e Tognazzi qual eri, hai tentato un periglioso equilibrismo bruciandotela con entrambe. E vabbé.
SuperTognazzi, all'epoca il tuo maestro spirituale
Oggi, quando senti Losing my Religion dei R.E.M. che sìchecelosoperchésichiamanocosìgrazie, ti ricordi di quei giorni lì, di quanto i R.E.M. abbiano saputo effettivamente fare in seguito molto di meglio, e anche che eri un bel pirla. E questa, se vogliamo, è la tua canzone da genuino momento emozione© di quando eri ragazzo. Ora non facciamo i timidi e tirate fuori le vostre: un anno, un brano, se vi va un perché. Visto il contesto, vale tutto. Per una volta siete cioè liberi di citare gli 883 senza ricevere insulti e sputi.
Dichiari ufficialmente aperto il TeleVoltron.

29 commenti:

  1. Devo dire che Losing my Religion è anche per me una canzone del cuore... mi ricorda l'estate fantastica del '91, passata costantemente insieme ai miei migliori amici tra spiaggia e Amiga (e qui si che scatta la lacrimuccia...).
    Certo che se devo scegliere la canzone della vita, quella che te l'ha cambiata profondamente per i decenni a venire e se ci pensi ti emozioni davvero, il primo posto non può che andare a "Enjoy the Silence" dei Depeche Mode, del 1990. Vederne il video per caso su una tv locale (presentato da una giovanissima e sconosciuta Federica Panicucci), mentre tra l'altro aspettavi che cominciasse "Cara Dolce Kyoko" :), con Dave Gahan vestito da re che cammina per paesaggi incontaminati su quel groove incalzante, mi ha folgorato.. in un giorno di quella primavera dei miei quindici anni tutto cambiò, anche se come sempre non me ne stavo rendendo conto. Se prima ero un nerd che dopo la sbornia anni 80 al massimo si concedeva un pò di Simon & Garfunkel in serate intellettualoidi, per gli anni a venire sarei invece diventato un devoto della musica elettronica e delle atmosfere dark e decadenti. Gli effetti si fanno sentire anche a 20 anni di distanza, visto che ancora oggi suono in un gruppo che fa musica di questo genere, ho stretto amicizie durature e ho conosciuto la mia attuale ragazza (con cui sto andando a convivere) proprio grazie alla passione comune per i Depeche Mode. Basta come motivazione?

    RispondiElimina
  2. Una canzone sola? E come fai a sceglierne solo una, pure con la pistola alla testa, quando ormai sei più vicino ai 40 che ai 35 anni e quando il tuo primo ricordo d'infanzia è tua madre che ti canta Montagne Verdi di Marcella Bella?
    Però il gioco è questo, una e una soltanto, e la pistola è carica e non fa cilecca e allora COMFORTABLY NUMB dei Pink Floyd perché... perché... non so perché ...sono fatti miei, avrebbe detto Raz DeGan! Comunque sta tutto dentro quella canzone per me. L'anno è l'89, quando la scoprii (anch'io tardivo) l'anno di tante mie iniziazioni...

    RispondiElimina
  3. PLEASE DON'T GO e le ragazze di NON ME LA DAI

    RispondiElimina
  4. Dimenticavo: http://www.youtube.com/watch?v=WMkCxY1Eyg0

    RispondiElimina
  5. Con "buon compleanno Elvis" e certe notti nei miei 16 anni mi sono MOLTO divertito, anche se poi ho sofferto come un cane....una stupenda estate comunque nonostante TUTTO.
    Augh estiquatsi grande capo

    RispondiElimina
  6. 1995, Don't Speak dei No Doubt, colonna sonora di una fantastica gita scolastica in Grecia.

    http://www.youtube.com/watch?v=TR3Vdo5etCQ

    RispondiElimina
  7. 2009 - March Out of Darkness - Papa Roach: Forse nell'anno più duro della mia vita, ho trovato questa canzone che diceva esattamente come mi sentivo, e altrettanto perfettamente dava una speranza sull'uscire da quel momento no. Penso veramente che se questa canzone fosse stata scritta che so, dagli u2, zeppelin o gruppi con più blasone, sarebbe entrata nella storia della musica.

    RispondiElimina
  8. Non saprei rispondere precisamente, perchè per me la musica non è mai stata veramente "colonna sonora" dei momenti clou della vita, quanto piuttosto sottofondo musicale modello "musichina da ascensore"... :P

    Se proprio devo citare un pezzo, diciamo "Margherita" di Cocciante.

    Motivazioni: Ci sono cresciuto perchè da piccolino, quando si partiva per le vacanze estive, io c'avevo queste due cassettine chiamate "Viaggia In Musica Con Noi Vol. 1 & 2" che contenevano brani di Venditti, Graziani, Conte, Cocciante... Ed io, nella mia insipienza musicale, la consumavo nel mangiacassette della macchina di mio padre.

    Poi, crescendo, c'erano le serate montane durante le quali ci si radunava attorno al musicista di turno per suonare e cantare tra di noi... E "Margherita" (accompagnata da tutta una studiata coreografia di mimica gestuale) era di fatto diventata il mio cavallo di battaglia (assieme ad una barzelletta denominata "Gringo" che, negli anni, è diventata una sorta di recital da 40/60 minuti che ancora oggi mi continuano a chiedere dopo 20 anni di repliche... :D ).

    FUORI CONCORSO: "Certe Notti" del Liga. Una delle mie più riuscite parodie...

    "Certe notti la manina è calda, ed a ben usarla puoi farne anche 6...

    ...Non sempre ci si può fidare dell'Ogino-Knaus, e se ti accontenti godi così-così...".

    =))

    RispondiElimina
  9. novembre 91, skid row, 18 & life

    RispondiElimina
  10. Alunno Martelloni, non andiamo fuori traccia: il tema parla di una canzone da momento emozione da RAGAZZO. Da bambino non vale. E ricordiamo che la regola è UNA SCELTA. Non iniziamo con le liste tipo ragazzini sui forum.

    RispondiElimina
  11. Quoto fortissimo iElEdAn: Comfortably Numb dei Pink Floyd è la canzone della vita, che quando parte il solo finale, che iddio (o chi per lui) abbia in gloria per l'eternità David Gilmour e le sue mani, mi vien su una tale pelle d'oca che poco ci manca mi unisca a uno stormo di passaggio.
    Feci conoscenza coi Floyd intorno al '92-'93, quando mio padre sostituì la sua Saab 900 turbo (che macchina...) con un usato d'eccellenza, un orrido Espace color deiezione metallizzata che, oltre a una tenuta di strada degna di una bicicletta priva di ciclista, aveva anche un sontuoso mangiacassette integrato nella plancia, "a prova di ladro" mi diceva mio padre. Così, durante i tragitti in macchina, ascoltavamo a manetta sempre le stesse due cassette: a) una raccolta dei migliori pezzi dei Floyd (tra cui il succitato Comfortably Numb) e b) Charles Aznavour (in italiano eh, pezzi tipo "L'Istrione", "E Io tra di Voi" ecc ecc...).
    Il passaggio dall'analogico al digitale fu propiziato da un incontro di quarto tipo con un muretto a secco che pensionò "anticipatamente" il monovolume, sostituito con un altro scintillante usato: una Volvo Super Polar fucsia con lettore cd ('ché mio padre c'ha gusto per le quattroruote), grazie al quale feci conoscenza con i Creedence Clearwater Revival, Springsteen, Sinatra ecc ecc...
    C'è però un'altra canzone, che risale ai tempi delle medie, ai tempi delle feste di compleanno delle medie, ai tempi dei primi lenti durante le feste di compleanno delle medie ch'io non sapevo dove mettere le mani e i compagni, quei luridi fetenti, mi scherzavano alle spalle. Essa è (rullo di tamburi)...Time of my Life, dalla colonna sonora di Dirty Dancing.
    Ecco, l'ho detto.

    RispondiElimina
  12. E' sera, 15 anni, aiutato a sistemare un po' della roba del trasloco, stereo appena sballato, non ci sono nemmeno le lampadine attaccate in tutta casa ma la corrente va... cercando tra i dischi ti trovo questo disco anonimo con un prisma incopertina... e pure dietro... lo metto su e inizia un crescendo, il battito cardiaco, lo sferragliare e il primo accordo... solo musica avvolgente, nel buio ci sono io, i vu-meter dello stereo con la loro fioca luce giallastra e i Pink Floyd che mi avvolgono. E' da Breathe è stato tutto uno scoprire altra musica!

    RispondiElimina
  13. metà anni 90, alcol sesso e tanta droga

    TOOL - SOBER

    http://www.youtube.com/watch?v=N_c60Sp7Gtc

    RispondiElimina
  14. 1997 "The Way dei Fastball"
    La prima MTV Italia, un caldo della matonna, e Playstation portata in campeggio. Beautiful.

    RispondiElimina
  15. sarò banale, ma In Bloom dei Nirvana mi ha aperto un mondo. li ascoltavo a ruota ogni pomeriggio e si può dire che siano stati la molla che mi ha fatto iniziare a suonare. li ho scoperti tardino, nel 2002, ma in fondo sono piccinetta :D

    RispondiElimina
  16. Estate del '92, Smell Like Teen Spirits assieme a tutto il resto di Nevermind nell'autoradio della Panda, io e altre tre amiche in giro per la Sardegna. Ahh.

    RispondiElimina
  17. "Too much love will kill you". Conoscevo già la versione cantata da Brian May, per cui non mi aspettavo che su Made in Heaven la cantasse Freddy. Quando è partita nell'autoradio mi sono decisamente "stranito".

    Simone

    RispondiElimina
  18. 1994, Amazing degli Aerosmith (cassetta comprata a Cannes), e la gita di terza media in Costa Azzurra.
    La tipa più carina dell'altra scuola: c'è stata con te ma anche con il tuo compagno di classe.
    Poi, cinque o sei anni dopo, entri all'Agip e la rincontri: "Il pieno?".
    Tutto così ironico.

    RispondiElimina
  19. The Show Must Go On


    Primo mp3 scaricato in tutta la mia vita. All'epoca avevano appena chiuso Napster e iniziava a espandersi Audiogalaxy. Bei tempi andati.

    RispondiElimina
  20. Doc, ti dirò, la musica l'ho scoperta tardi. e per tardi intendo i 17 anni o giù di lì.

    Si, ok, prima c'erano i roxette che ascoltava mia sorella, nick camen, qualcosa sentito alla radio che era anche ganza... poi... poi...

    Poi mi sono ricordato che la mia prima cassettina erano tipo le tracce di Super TURRICAN registrate dalla tv...

    Facciamo la 1-2.

    RispondiElimina
  21. Romeo & Juliet dei Dire Straits, colonna sonora della più grande bastonata sui denti della mia esistenza. E comunque è la canzone più bella della storia, chi dice il contrario è juventino e vota Berlusconi.

    RispondiElimina
  22. the Miracle dei Queen, ma non c'è un motivo particlare fu tutto il contesto in generale!

    RispondiElimina
  23. Uhhm, direi questa
    http://www.youtube.com/watch?v=9NxT9FrpPYQ
    Non so perchè, quando sentii questo pezzo la prima volta mi venne una grande emozione.
    Così, senza motivo.
    E poi il video è tremendamente anni 80!

    RispondiElimina
  24. Cousteau - The Last Good Day of the Year

    Con quella canzone adorata da entrambi ho capito di assomigliare molto più di quanto pensassi/volessi al mio papo/papozzo

    RispondiElimina
  25. Oh cacchio, una canzone...
    Non posso farcela, quindi a parimerito metterò 3 brani.
    1) Hallowed be thy Name degli Iron Maiden
    1) The Idol dei WASP
    1) The Show must Go On dei Queen

    Ce ne sarebbero tanti altri, e la motivazione non esiste, sono le mie canzoni preferite di sempre, quindi...
    \m/

    RispondiElimina
  26. un noto attore australiano21 febbraio 2011 23:27

    troppa roba da scrivere, troppo poco solo un pezzo,per non essere OT dico "change of ideas" dei bad religion che una volta infilata la cassettina appena comprata nel walkman in metrò mi fece sobbalzare e urlare "SI PUO' FARE!"

    RispondiElimina
  27. I want to be free - Queen.
    Ma tutta la loro musica che quell'anno, il '94, mi aiutò a superare una devastante naja udinese.

    RispondiElimina
  28. Amo la musica, letteralmente, non ricordo un momento senza walkan, mangianastri, stereo o lettore mp3 . E come si può

    scegliere una sola canzone genuino momento emozione, quando ce ne sono centinaia che te ne hanno regalati altrettanti di

    genuini momento emozone(ammazza come suona bene stà frase:D)....Ricordo che out of time lo ascoltavo e riascoltavo e ancora

    a darci dentro con stà cassetta che non ne poteva più di girare...ma del periodo che hai detto tu tiro fuori un solo titolo

    .SHINE ON YOU CRAZY DIAMOND. Sì , lo so, wish you were here è del '76 al tempo avevo cinque anni, dunque la song dei floyd

    alla quale mi riferisco viene dal live DELICATE SOUND OF THUNDER e anche dal loro ultimo live PULSE...Arrivava la

    domenica, frequenti la chiesa e addirittura fai il chierichetto oh oh, e con un amico anch'esso dell'entourage parrocchiale

    ti ritrovi a passare la domenica pomeriggio insieme,e quei pomeriggi si aprivano immancabilmente con quella canzone. La

    puntina che scorre nel solco, il tuo amico tiene quel disco e gli altri nel mobiletto del pioneer manco fossero relique,

    ecco, parte l'urlo dei fan e piano piano cresce il meraviglioso tappeto sonoro delle tastiere di Wright e poi arriva...la

    chitarra di Gilmour e l'assolo iniziale che ti fa sempre venire la pelle d'oca...intanto leggi i fumetti di dylan dog che

    sei stato tra i primi a comprare, leggi i primi numeri di zero nippon comix , i fumetti che i tuoi compagni di classe ti

    criticano e anche chi legge al tempo solo roba marvel.Intanto disegni, guardi i robottoni del tuo amico, alcuni di questi

    poi te li regala e inizia così la tua collezione, poi dopo che RUN LIKE HELL termina regalandoti adrenalina che avresti

    voglia di spaccare l'impossibile, dicevo dopo vai con Alessandro a trottare per cercare l'ennesima sala giochi e l'ennesimo

    gioco nuovo...e pensi se mai qualche ragazza ti può adocchiare perchè da buttare via non sei ma timido oltre i limiti della

    decenza lo sei...e il tuo amico ti fa vedere un numero di max dove per la prima volta compare la modella monica bellucci e

    pensi e speri che la ragazza della quale sei cotto si accorga di te..."remember when you were young, you shone like the

    sun"...

    RispondiElimina
  29. Bella domanda infame! Comunque accetto la sfida e provo a rispondere:

    Sono un amante della musica e suono pure degli strumenti. Nonostante i miei generi preferiti siano l'Hard Rock anni '80, il Rockabilly e il Blues, ascolto praticamente di tutto, anche generi che non mi piacciono...perchè voglio rimanere informato su quanto succede e sapere sempre di più (cosa che mi succede anche coi fumetti); detto questo, spero di far capire la difficoltà della scelta xD

    Ma in sostanza, c'è sempre qualcosa che riesce ad avere la meglio sugli altri ed è..."Ho Imparato A Sognare" dei Negrita (album "XXX" del 1997). Scelgo quella perchè ricordo un bellissimo momento delle vacanze estive dove io e miei amici ci siamo messi tutti a cantare questa canzone con una bella birra in mano e lasciandoci trasportare dai ricordi. Non ho mai avuto momenti di questo genere, dato che i miei amici ascoltano generi MOLTO differenti dal mio, e vederli cantare una canzone di un gruppo che adoro...beh, è stato emozionante.

    Il miglior regalo di non-compleanno di sempre.

    - Symo

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails