lunedì 31 gennaio 2011

42

C'è un nuovo Venom in città. E pure un nuovo costume per l'Uomo-Ragno. E sono entrambi ridicoli

No, questo è Venom. Il nuovo costume di Spidey è molto peggio
Vi ricordate di Venom, vero? Il simbionte, l'ex costume nero che l'Uomo Ragno si era portato come souvenir dalle prime guerre segrete, poi diventato il maniaco omicida Venom dopo essersi legato al giornalista fallito Eddie Brock? Sì, quel Venom, quello dei videogiochi e del terzo e pezzentissimo film di Raimi. Quello così anni 90 su una scala da zero a basette di Beverly Hills 90210. Venom. Beh, ora non c'è più. In compenso da marzo ci sarà a spasso per il Marvel Universe questo nuovo Venom, questo tizio che sembra il Punitore dopo una cura di cannoli siciliani, disegnato da un Tony Moore che c'ha pure il coraggio di omaggiare una famigerata cover di McFarlane. E - ocho allo SPOILER - indovinate un po' chi nasconde quella maschera (ruggito)? [...]

Ma dove diavolo sta sparando?!?
FLASH THOMPSON. Sì, QUEL Flash Thompson. Il compagno di scuola di Peter Parker, il bullo che ai tempi del liceo gli rifilava le pallonate in palestra. Lui. Nel frattempo, in quella grande soap opera con i costumini attillati che è la continuity Marvel, Flash è stato un reduce del Vietnam, il fidanzato della Gatta Nera (kudos), un insegnante e di nuovo un soldato in Iraq, dove è stato ferito in battaglia e ci hanno amputato le gambe. O qualcosa del genere. Ora è invece un nuovo super-soldato che lavora per il governo con un costume che sembra quello di Black Tarantula, ma in realtà è il simbionte di Venom. E il vecchio Venom?, dirà qualcuno. Eddie Brock era già sparito dalla circolazione da tempo, perché dopo aver visto il film La Passione di Cristo (sic!), si era pentito e aveva deciso di vendere il suo costume al miglior offerente e devolvere i soldi in beneficenza. 
Il Venom precedente, Mac Gargan: gli hanno tolto il costumino
Il simbionte era finito così a Mac Gargan, lo Scorpione. Siete ancora con me? Bene, perché non è finita.
Perché, tornato a leggere le storie di Spidey dopo qualche anno (alla porcata di One More Day, quella storia di Peter Parker che fa un patto con Mefisto e cancella retroattivamente il matrimonio con Mary Jane pur di salvare quella vecchia baldracca della Zia May, ti sei sentito un attimo preso per il culo e hai interrotto di colpo vent'anni di militanza irriducibile), hai scoperto che nel frattempo:
  • J. Jonah Jameson non fa più il giornalista, ma il SINDACO DI NEW YORK
  • Zia May, la simpatica, adorabile vecchia baldracca ha sposato alla tenera età di 132 anni IL PADRE DI J. JONAH JAMESON
  • Questo fa di Peter Parker e del suo ex nemico JJJ due fratellastri
Era meglio quando provava a sposare il Doctor Octopus, la vecchia stronza
Sì, neanche a Beautiful. Non è finita. Perché Spidey, che ora ha una nuova fidanzata cessa e una nuova vita di cui non frega una cippa a nessuno, lavora in un laboratorio hi-tech dove - how conveniently - lo pagano per farsi i cazzi suoi. Nella qual cosa è rientrata anche la creazione di un nuovo costume ultra-tecnologico stealth con le lucine che cambiano colore:
E cosa deve pensare, povera Felicia. Che sembri un pirla
Un po' come quello della copertina omaggio dedicata all'uscita al cinema di Tron: Legacy (Marvel è ora in mano a Disney, ricordiamolo), con la differenza che QUESTA MERDA è vera e ora fa ufficialmente parte del Marvel Universe, assieme al nuovo Venom che fa ridere i polli.

42 commenti:

  1. Non ho parole per Jameson. La tanto vantata attinenza alla realtà della Marvel è finita nel cesso. Sta diventando come la DC? A quando le città inventate stile Metropolis?

    Il nuovo "Venom" è di una tristezza indegna, mentre il costume dell'Uomo Ragno....ecco...ehm...
    Ora io non so se nessun coglione alla Marvel ci abbia pensato, ma come fa l'Uomo Ragno a tenere il suo inossidabile modus operandi stealth, se ora assomiglia ad un PC con le fibre ottiche luminose?!

    RispondiElimina
  2. Ma perché?
    Perché?
    Perché?


    Io amavo Marvel. Amavo l'Uomo Ragno. E, certo, il passato ci ha dato la sua bella dose di alieni mutaforma, cloni (Ben Really... Really?), ma COSA E' QUESTA MERDA?

    E poi May non era morta (vecchiaccia demmerda)?

    RispondiElimina
  3. Era. Ma poi era venuto fuori che al suo posto era morta un'attrice ingaggiata da Osborn.
    Sì, era una cazzata enorme pure quella.

    Nel mio studio c'è appesa una tavola originale di Marvel vs Capcom 1, disegnata da Castellini. E' l'unica in cui appaiano assieme Superman e l'Uomo Ragno in costume. Solo che Spidey è Ben Reilly e Superman ha il mullet da fresca resurrezione. Ogni tanto la guardo e capisco dove sta andando l'industria del fumetto negli ultimi quindici anni. Hint: non è un bel posto.

    RispondiElimina
  4. Superman col mullet da giocatore di hockey canadese me l'ero perso. E no, non voglio approfondire.

    RispondiElimina
  5. Scandalizzerò molti ma io personalmente preferivo Ben Reilly a Peter Parker. Solo che tutta la saga del clone e suo conseguente periodo come Uomo Ragno, hanno la sceneggiatura di un bambino di 8 anni.

    RispondiElimina
  6. Ecco perchè quando leggevo fumetti, leggevo manga.

    Perchè nel bene o nel male (escludendo Yukito Kishiro che non ha ancora ben chiaro quello che vuole dalla sua vita e da "Alita/Gunnm"... ;) ) sapevi che dopo "X" volumetti (con "X" generalmente < di 50) il tutto aveva una conclusione più o meno logica e festa finita. :D

    RispondiElimina
  7. Non sono mai stato un grande lettore di fumetti, anzi ne ho letti pochissimi.
    Guardando la cosa dal "di fuori" mi sono reso conto che il problema è il fumetto in se stesso.
    Che senso ha portare avanti una storia per decenni senza avere idea di dove andasse a parare, semplicemente aggiungendo minchiate su minchiate solo per buttare fuori un altro numero.

    RispondiElimina
  8. Bravo Marte!
    Sapere che comprerai comics fino a quando non ti stancherai, senza mai vederne una fine (perchè i comics non finiscono... falliscono) è una cosa che io non posso accettare.
    Benchè mi affezioni ai personaggi e alle vicende e un po' mi dispiaccia di vedere la fine di quell'universo creato, mi da la possibilità, dopo tot anni, di cambiare avventure, situazioni, personaggi, mondi e generi.
    Senza stancarmi dei miei eroi, senza passare dall'amore all'odio, senza vedere l'autore che non sa dove andare a parare e trasformare tutto in ciarpame, fanghiglia, per lunghi mesi bui.

    RispondiElimina
  9. @the_SlaveX, il senso che cerchi tu è verde ed ha la faccia di G. Washington.

    @Marte, ci sono anche molti manga che hanno una continuità pluri-decennale, ma che comunque hanno una coerenza di sceneggiatura ben maggiore delle loro controparti ammerdigane. Mi vengono in mente Golgo 13 e Glass no Kamen (sì, parlo del grande sogno di Maya e no, non sono impazzito: è uno dei manga più venduti di sempre, tuttora.)

    Io di Venom conservo ancora gelosamente il numero Zero con la copertina argentata. Tuttavia mi sono stancato abbastanza presto anche di lui e ne ho abbandonato la lettura ben prima che Eddie Brock avesse le sue prime crisi di coscienza.

    RispondiElimina
  10. Pari pari il mio percorso, a "One More Day" ho alzato gli occhi al cielo, ho versato una lacrima per la fine di un'amicizia che andava avanti da decenni, e ho sfanculato Spidey in tre secondi netti.

    Visto tutto quello che è successo da quel momento fino ad oggi, ho fatto benissimo.

    RispondiElimina
  11. Se non altro la Gatta Nera ha sempre un bel culo.

    RispondiElimina
  12. Scusa l mia immonda curiosità Doc, ma quanto l'hai pagata la tavola di Castellini?
    E dove si trova il tuo ufficio, così una notte , con passamontagna in testa, vengo a mirarla con calma, quando non c'è nessuno ?
    Ho sentito, tempo fa , che Castellini lo hanno pizzicato a ricalcare le sue tavole per farne copie e venderle a sprovveduti collezionisti.
    Non sarà che ... XD

    RispondiElimina
  13. Il discorso sui manga mi ha quasi convinto. Non fosse che in vita mia avrò letto non più di dieci, dodici manga veramente interessanti. Poi un giorno o l'altro parliamo pure di quello.

    Sam: quattrocentocinquantamilalire del 1999. E' originalissima, con tanto di patchettine messe dalla marvel per balloon, numero di pagina e una correzione dell'inchiostratore. Ho a casa una ventina di tavole originali, perché all'alba di Ebay erano la mia fissa (tra le mie preferite: una di Batman/Punisher con il Joker, una dei F4 di Alan Davis, diverse altre cose di John Romita Jr. Compresa una di -santo cielo- Starbrand)

    RispondiElimina
  14. @the_SlaveX

    Direi che hai fatto un sunto meraviglioso. Hai perfettamente ragione.

    Per i manga è vero che a volte hanno più coerenza ed in genere partono sapendo dove andare a finire (che è un gran vantaggio), però è anche vero che nei manga spessissimo accadono cose "perchè sì" senza uno straccio di spiegazione dietro. Ogni scuola fumettistica ha le sue magagne.

    RispondiElimina
  15. Madonna mia. Cose che non volevo sapere.

    By uno che ha buttato via tutto all'epoca della storia del clone/Ragno Rosso/sciacallo/porchiddii. No, per dire quando posso reggere le stronzonovità.

    RispondiElimina
  16. OT:
    Doc mi è arrivato il libro!
    Ti ho scritto una mail, ma visti i trascorsi ho preferito fartelo sapere qui.

    RispondiElimina
  17. Giusto qualche giorno fa pensavo di rimettermi a leggere Marvel, giusto per vedere che fine avevano fatto i vari personaggi che seguivo all'epoca (Spidey, Wolvie, Thor in primis).
    M'hai fatto passare la voglia (e ricordare perchè avevo smesso).
    Sic transeat gloria mundi, sob...

    RispondiElimina
  18. La cosa veramente triste è che tra una cazzata e l'altra Marvel ha tirato fuori negli ultimi tempi grandi cose. Le serie dei Vendicatori scritte da Bendis sono divine, e la stessa Amazing Spider-Man è scritta abbastanza bene. E la Civil War di qualche anno fa era meglio di decine di cross-over inutili del passato.
    E' il contorno del tutto a fare spesso e volentieri pena. C'era davvero bisogno di toglier di mezzo Mary Jane? Di far sposare la vecchia? Di fare sindaco JJJ? Non bastavano una volta le storie e le idee, a dare una spolverata agli eroi?

    RispondiElimina
  19. Beh, penso per esempio a Walt Simonson, cui "bastò" pescare a man bassa dai miti nordici (più naturale di così...) per tirare fuori dal cappello una saga di Thor da far tremare i polsi.
    Adesso campano su morti, resurrezioni e cambi di costume. Bobby Ewing continua a fare scuola. :-L

    RispondiElimina
  20. Ragnarok'n'Roll! Ah, bei tempi.

    Ma anche:
    - L'ultima caccia di Kraven
    - Le Guerre ad Asgard di Arthur Adams
    - L'UR 2099 di David e Leonardi
    - Il ciclo con gli X-Men in Australia disegnato da Silvestri (il mio preferito)
    - Le storie di Spidey scritte da Stern
    - I F4 di John Byrne

    RispondiElimina
  21. Amavo Really...troppo...quasi + di Parker!

    RispondiElimina
  22. Ma Flash Thompson non era già stato Venom per un brevissimo periodo, o ricordo male? Non so perché ma lo associo alla vecchia serie di Venom anni 90, che ho in cantina :D

    RispondiElimina
  23. bello. A quando un mix con Sora e compagnia bella di Kingdom Hearts?
    crj

    RispondiElimina
  24. Devil di bendis va letto. La gamba destra è sbagliata, non si può proprio vedere, ma come gliel'hanno messa XD

    RispondiElimina
  25. Il discorso sui manga sarebbe anche vero, ma oramai sono BEN POCHI i mangaka che hanno idea di come vada a finire la loro storia, causa del mercato nipponico stesso: sempre più spesso si inizia un manga senza sapere nemmeno se uscirà un secondo numero, figurarsi sapere dove andare a parare!
    Questa cosa si vide anche con ken il guerriero all'epoca: Hara e Bronson iniziarono con un manga che si chiudeva in pochi episodi (shin, croce del sud etc etc) e il successo li ha fatti continuare con tutte le incongruenze, più o meno tappate, del caso sino ad arrivare alla morte di raul.
    Tarallucci vino bombata a julia e via si riparte verso una nuova avventura, complice il successo editoriale, isola dei demoni: personaggi completamente stravolti e altre pezze sempre più evidenti messe qui e li.

    Finito quest'altro arco narrativo la serie tv si interrompe (grazie al cielo!) il manga prosegue sempre peggio con saghe ridicole, figli di raul avuti non si sa con chi, amnesie, nuove soglie della resistenza del corpo umano trapanato da un black e decker formato famiglia etc etc etc etc.

    Per cui non è nemmeno sempre vero che il fatto che un opera finisca implichi che l'autore sappia già come farla finire e, quindi, in media sia un opera migliore.
    I giapponesi, e lo dico da grandissimo amante di Manga, raccontano delle storie bellissime ma non sono assolutamente capace, tranne pochi rari casi, di fare dei finali all'altezza....non so se per filosofia (tipo il viaggio è più importante della meta) o per incapacità culturale (tipo non semo boni, non ci scassate la minghia :D)

    Di contro in media è verissimo che fumetti "con una fine" sono molto meglio dei comics e del riciclo continuo, senza scomodare le ben note graphic novel, ho trovato esempi pregevoli anche in alcune serie della eura (lanciostory, skorpio), che oltra alle copertine da pugnetta, e a volte anche qualcosa all'interno, offrivano delle serie a fumetti davvero belle e toccanti.

    RispondiElimina
  26. L'aspetto commerciale del fumetto mina al di la ed al di qua dell'oceano... :D

    Un esempio su tutti per i manga: "DragonBall". Che putiferio non è, quella saga, per dire?

    Ma per esempio cose tipo "Nausicaä della Valle del vento" o "Akira" incarnano molto bene il concetto di "romanzo a fumetti" che molte volte è il puro spirito del fumetto giapponese.

    Che poi, diciamocelo, alle volte mi basta solo posare uno sguardo anche fugace su qualche tavola a caso di uno dei 2 (due) volumi di "Devilman" per avere la certezza di essere davanti ad una sorta di "Divina Commedia" del fumetto. E, signori, è tutto li. 2 volumi. :)

    RispondiElimina
  27. atroce, anni e anni che lo seguo, ho dovuto smettere. E ho fatto bene a quanto scrive il doc.

    RispondiElimina
  28. un noto attore australiano31 gennaio 2011 19:21

    Debacle marvel!il nuovo venom è inguardabile, e purtroppo manco è l'unico

    RispondiElimina
  29. "della eura (lanciostory, skorpio), che oltra alle copertine da pugnetta, e a volte anche qualcosa all'interno"

    E giù applausi :)

    RispondiElimina
  30. Manca solo Jenna in mezzo a questo tripudio di Jameson... tanto visto l'andazzo mi aspetto il porno ragno! Quegli anfibi sono la cosa peggiore si potesse mai vedere ai piedi di qualsiasi personaggio Marvel che non sia The Punisher!

    RispondiElimina
  31. Oddio, ma ancora minchiate stanno a fa'?
    Io seguo Spider-Man da sempre (in linea di massima), ma più volte Marvel si è presa un VAFFA da parte mia.
    La prima volta quando hanno detto che Ben Reilly era il vero Peter. Saluti.

    Passano due anni e ovviamente nel frattempo era stato smentito tutto, zia May era risorta (quella morta nel frattempo era l'attrica mandata da Osborn) e MJ aveva perso il bambino che portava in grembo.
    Leggo per un po' le nuove storie, e alcune mi piacciono parecchio. Arriva Straczynsky e sono contento. Ventata di aria fresca senza snaturare il personaggio.

    Arriva Civil War e Peter Cambia costume e rivela la sua identità segreta al mondo, muore Cap, casini vari. Saluti 2.
    Preferisco rimanere solo con Ultimate Spider-Man e tutto l'universo Ultimate, nuovo, fresco, "puro".

    Acquisto due volumi usciti con la Gazzetta per praticamente riprendere a leggere da dove avevo lasciato e trovo uno Spider-Man incazzatissimo che con il costume nero va a fare il paiolo a Kingpin in prigione, infrange la legge e sono contento. Diventa più umano, finalmente cambiano le cose. Nel secondo volume il casino.
    Il patto con Mefisto mi fa storcere il naso. Se fosse stata la fine della serie sarebbe stata splendida. Metafisica, una promessa e la certezza che Peter e MJ si ritroveranno, poesia allo stato puro anche se in un contesto del c***o.
    Leggo l'inizio di brand New Day. Saluti 3.
    E date la sequela di boiate che han fatto finora (grazie per l'update Doc!) credo sia stata la scelta giusta.

    Peccato che nel frattempo anche l'Universo Ultimate naviga in acque che definire torbide è riduttivo. =(

    RispondiElimina
  32. Ultimate Spider-Man. Fino a un certo punto è stata una serie meravigliosa. Fino a un certo punto.

    One more day era un pugno in faccia proprio perché, come scrivi, arrivava dopo un ciclo di storie riuscitissimo: Spidey di nuovo in fuga, braccato da tutti, che rompe il culo a Kingpin. Poi arriva la storia di Mephisto, e ciao.

    RispondiElimina
  33. Ignoravo che il nuovo Venom fosse quello sfigatone di Flash.Credo che andrò a vomitare quello che resta del mio cervello.
    P.S.Pure io ero un gran fan dell'arrampicamuri e pure io ho odiato One more day per quel finale schifoso,ma la cosa che mi ha fatto completamente mollare la Marvel è stata quella crosta di "Death of Dracula" con il Conte che sembra un personaggio di Mortal Kombat!
    P.P.S.Non era male come titolo nemmeno Iron Man di Matt Fraction.
    Il vampirologo che ride

    RispondiElimina
  34. quando ho letto che marvel è attualmente in mano a disney ho capito tutto...ciao ciao marvel

    RispondiElimina
  35. O.O
    Ma...ma...Venom!
    Ho smesso da molti anni di leggere Marvel (la sua mega continuity era catastrofica per le mie finanze) ma Venom!
    Era il mio personaggio preferito!

    ...my god...che schifo...

    RispondiElimina
  36. Flash Thompson, il nuovo Venom? La "Casa delle Idee" da oggi é ufficialmente la "Casa delle Trovate Ignobili".
    Anch'io, dopo circa 15 anni di "militanza" ragnesca, ho definitivamente smesso di COMPRARE (perché per leggerlo, o ri-leggerlo, ci sono sempre i gloriosi cicli degli anni '70 e '80) l'Uomo Ragno dopo ONE MORE DAY. Ho immediatamente intuito che si trattava della FINE dell'Uomo Ragno come lo conoscevamo. Non l'ennesima "svolta epocale nella vita dell'Arrampicamuri" (certo!), bensí in quella di noi poveri lettori della vecchia guardia, che siamo sopravvissuti anche alla famigerata SAGA DEL CLONE per ritrovarci in questo mondo psichedelico (speriamo solo che un giorno decidano di rivelarci che é tutta una allucinazione di Harry, che nel frattempo´ha ripreso a farsi di pillole) fatto di tutine hi-tech e personaggi improponibili, tra vecchi comprimari rasi al suolo(la vecchia zia troia capeggia la triste lista) e nuovi assolutamente ridicoli (persino Ragno-Kid, il ragazzetto sovrappeso con gli arti meccanici, aveva piú dignitá di loro)!

    Cheddire... Un'era é finita, dopo la GOLDEN, e la SILVER mó non ci resta che il bronzo... Anche se sembra appena plastica....

    Ad ogni modo, COMPLIMENTI all'autore PER QS AMENO (per non dire altro) blog, é davvero un piacere leggerlo.
    A dirlo, un Nerd pentito che per anni si é cimentato (e divertito) appresso a una pazzia simile: http://www.heroclip.blogspot.com

    Qualcuno doveva pur farlo!!!!

    A la prox

    RispondiElimina
  37. Ho smesso di comprare fumetti lustri fa, compravo solo UR, ma quando la cosa si era fatta troppo soap opera ho accannato i giochi. Poco dopo la saga del clone mi pare.
    Porca troia che porcate che fanno pur di vendere...
    Ah no, compravo pure Spawn ma solo per McFarlane (citando e parafrasando De Sica quello non bravo -Don Buro a parte-, "So' frocio per McFarlane), poi basta pure lui.
    Oggi se voglio leggermi un buon fumetto mi prendo i volumoni di Flash Gordon di Raymond edizioni F.lli Spada che io ho 35 anni e quelli hanno superato e di molto i 40....

    RispondiElimina
  38. Caspita... Sono totalmente d'accordo con te!!!! ultimamente Spidey fa davvero pena!!!

    RispondiElimina
  39. Sono d'accordo che il nuovo Venom è uno squallore infinito (sarà che io sono rimasta agli anni '90, ma per me Eddie-Venom aveva tutto un altro stile).

    Però non capisco, cos'ha che non va il nuovo costume del Ragno? Cioé, non è che qui si sia passati da un vestito serio a un costumino buffo da supereroe. No, qui si è semplicemente passati da un costumino buffo da supereroe a un altro costumino buffo da supereroe che però ha colori un po' meno simili a un pugno nell'occhio.

    Il Ragno non è mai stato un supereroe da stealth, tranne quando credeva di essere Batman e si è messo il costumino nero per fare il misterioso terrore notturno dei criminali con tanto di pessimismo cosmico, notti piovose e pippe mentali (vedasi: l'ultima caccia di Kraven).
    No, l'Uomo Ragno è il tipo che si mette il vestitino colore ROSSO ACCESO e BLU INTENSO e attacca nemici altrettanto supercolorati in pieno giorno ed alla luce del sole.

    Ora, rosso acceso e blu intenso sono colori che non c'entrano una cippa né coi ragni né con le radiazioni nè con niente. Nero e verde elettrico, invece, danno un po' l'idea di un ragno radiattivo (non perché il nero faccia tanto stealth, ma semplicemente perché se vuoi un colore ragnesco, c'è poco da scegliere: o nero o marrone).

    Insomma, personalmente, i nuovi fumetti di Spidey faran pure schifo ma almeno questo costumino è il mio preferito di tutti quelli che gli ho visto indossare finora.

    RispondiElimina
  40. Ho smesso di leggere il Ragno dopo One More Day...Lo trovo regredito a uno stadio adolescenziale indegno,soprattuto dopo l'ottimo lavoro di Straczinsky...solo tre parole:UNA PROFANAZIONE INDECENTE (a spese del miglior personaggio Marvel)!

    RispondiElimina
  41. Premetto, sono uno di quelli che seguiva Spidey da anni e con One More Day ha detto basta (a parte le ristampe classiche).

    Ieri prendo il primo numero di Venom più per curiosità che altro. Mi aspettavo una cagata con reminiscenze anni '90, invece.. almeno dal primo numero, viene fuori un personaggio con delle potenzialità (e un po' di richiami agli FPS alla Call of Duty).

    Intendiamoci, non è il vecchio Venom, ma visto con l'ottica del personaggio nuovo, non mi dispiace affatto. C'é da vedere come andrà avanti!

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails