giovedì 8 aprile 2010

4

Retrogaming mon amour 2: il MegaDrive

Ah, il MegaDrive.
Le partite col Dave a Street Fighter II, i giochi import da 120milalire ordinati per posta, le pubblicità in tivvù con Zenga e Mancini che mandavano a fanculo gli spettatori, la sòla pazzesca di Captain America & The Avengers, i giochi con Topolino e quelli con Paperino, Strider e FIFA, soprattutto Golden Axe.

Certe cose, come nella pubblicità della carta di credito (che c'è quello al ristorante che si alza in piedi e grida evvai 2 a zero e alla tipa bionda che lo guarda tutta delusa ci dice ma vaffanculo cosa cazzo vuoi che l'Inter viene prima di te e di tutto il resto, stronza) non hanno prezzo.
Oppure sono 30 euro scarsi, con MasterCard Blaze [...]
 
Per evitare facili ironie, sarà bene precisare che il MegaDrive Blaze, questa versione moderna ed economica della console Sega, è solo il quinto esemplare di MD a fare il suo ingresso in casa tua (dopo, in sequenza: un MD, un MD II, un Nomad e un MD Blaze portatile). E che te l'hanno pure regalato.
Detto questo, quello che l'intraprendente ditta albionica con i suoi bravi agganci nel mercato dello sfruttamento dei lavoratori cinesi offre, per la menzionata trentina di euro, non è poi male.
La console è così piccola che la puoi comodamente scagliare all'indirizzo dei tuoi nemici con un semplice gesto del polso, i pad nella scatola sono due (e tutti e due a sei tasti), ci sono 15 giochi già inclusi nella memoria della macchina (da Shadow Dancer a Sonic & Knuckles, da Golden Axe a Golden Axe, passando per Golden Axe) e, soprattutto, l'accrocchio ingolla senza fare troppe storie giochi PAL, giappi e financo genesis.
Insomma, una roba pratica e poco costosa da avere sottomano per quando ti colga improvvisa la voglia di ripescare qualche vecchia gloria dell'import costatati belle centinaia di milalire a suo tempo.
Unico problema: la resa dei colori, con quel cavetto composito dimmerda lì, fa un po' cagare. Ma, ehi: tu ricordi un tempo remoto in cui il tuo primo MegaDrive lo attaccavi al Mivar quattordicipollici della stanzetta con la presa antenna. E se non settavi bene la frequenza, sullo sfondo mentre giocavi apparivano le immagini di TeleSpazio Calabria 2.


In foto: il MD Blaze assalito con fare molesto dai tuoi giochi MegaDrive. Nel mucchio spiccano Golden Axe, Golden Axe e un altro Golden Axe.

4 commenti:

  1. 'grafica da sala giochi'..ma a chi la volevano dare a bere?!?
    Però quante asciate del Nano Gurt e magie in testa fatte da xena princiCessa guerriera..
    crj

    RispondiElimina
  2. Beh, rispetto a quello che c'era in giro all'epoca.
    Golden Axe su MD era alla fine Golden Axe. Su Amiga era una cosa ridicola, su C64 una poesia futurista.

    RispondiElimina
  3. Ricordo che all'epoca, un mio amico anche lui C64-munito pretendeva che io craccassi il gioco per poter permettere partite in doppio.
    La fantascienza proprio.

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails