mercoledì 24 maggio 2017

52

Le pubblicità fuorvianti di Topolino (stagione VII, parte II): aprile 1988

Exogini pubblicità 1988
È un '88 un po' così, ma soprattutto Guesch Patti, il '88 del pianeta Terra. Le pubblicità fuorvianti di questo Topolino 1689 (10 aprile 1988, 1.500 lire) ne sono un esempio lampante, tra Exogini, Transformers, Capitani del Potere e... Four di Ciao Ciao paninaro?!? Eh [...]

Sul fronte Transformers, nella primavera '88, tiravano ancora tantissimo i Combiner. Qui Computron, formato dai cinque Tecnobot, che pur non allacciando le scarpe a un Devastator o un Predaking, comunque era meno scrauso di quanto possa sembrare in foto. Oh, con tutto il comandante gramalo col capoccione. 
I Masters erano invece in caduta libera verso il Mavattenearaccoglierelemaruzze, tanto che nella linea di giocattoli finirono per apparire perfino i personaggi del - perdonate il termine - film live action I Dominatori dell'Universo. Qui Blade, Saurod e Gwildor, anziché menarsi, stanno lì a scambiarsi vaghe e logorroiche minacce, come i vecchi al bar che giocano a tressette. 
Nel mentre, la Mattel provava a spingere il western fantascienzo di BraveStarr, con il suo cavallo parlante rompicoglioni, TrentaTrenta, 
ma tanto i rEgazzini italiani erano tutti presi a giocare con gli Exogini, nelle loro bustine, nei cestelli e nelle piramidi. Del perché fossero fighi gli Exogini e di quali fossero i "misteriosi alieni" più memorabili di tutta la ghenga, si diceva in questo post dedicato qui
I tante gambe, mostrilli orribili nonché pupilli della lobby delle scarpe da tennis, anche in versione "SPECIALS", cioè con le facce da tossicodipendenti. "I matti musi che piacciono a tutti", leggiamo. Il tante gambe muso giallo vittima di default di atti di razzismo. 
Un paio di concorsi a caso, per vedere cosa si regalava in quel 1988. Tecnologia del tardo Cretaceo come le macchine fotografiche a scatoletta da gita delle medie, i walkie talkie, la radio con microfono e un set telecamera e video sempre della Fisher-Price, che sembra un macchinario usato dai marines coloniali di Aliens. 
L'Istituto per la valorizzazione del gelato italiano (sic) aveva organizzato invece un concorsone con i Giochi della Gioventù. In palio sacche e accappatoi con il logo dei giochi (bruschette), macchine fotografiche Polaroid, videocamera e TV Philips, computer Commodore PC-10 III, i misconosciuti IBM compatibili della Commodore, prodotti parallelamente al Commodore 64 e agli Amiga. 
Per venderti la Buggy Gig Nikko, questa pubblicità tentava la via sicura della supercazzola tecnologica. Modelli "progettati dal computer, realizzati dai robot...". E poi vince Skynet, bastardi. 
Ma l'iperbole era anche in agguato negli ad MicroMachines, in cui la lente d'ingrandimento in omaggio era "favolosa" e le macchinine "perfette in ogni dettaglio perché realizzate con un nuovo procedimento esclusivo". Dico solo due parole come vicesindaco. 
Intanto il futuro era "più vicino" con Capitan Power e le sue scaramucce con Lord Dread. Per saperne di più sui fighissimi Combattenti del Futuro, c'è questo post qui. C'è un vecchio post per qualsiasi cacchio di cosa, in questo covo di deboscia? Pare. 
Si avvicinavano ad ampie falcao, oltre al futuro, gli Europei di Calcio in Germania Ovest, quelli in cui gli azzurri sarebbero stati asfaltati in semifinale dall'Unione Sovietica, a sua volta arata nella finalissima dall'Olanda di Gullit e van Basten. Lo ricordi come un europeo mitologico, ma si giocava solo in 8. Due gironi da quattro squadre in tutto. A Euro2016, per dire, le nazionali partecipanti erano 24. Ma comunque. Si avvicinavano gli Europei e si moltiplicavano di conseguenza sul Topo gli articoli a tema e le pubblicità di palloni. La mondo proponeva l'accoppiata Tango (/INCHINO) e Azteca, il pallone dei Mondiali messicani dell'86, con tanto di concorso con in palio un GIRO DEL MONDO NEI PARCHI DISNEY (California, Florida, Tokyo). Pensi che il vincitore sia tipo morto di gioia.
La Diadora rispondeva con Samba, riproduzione in gomma del pallone usato da Juve, Inter e Nazionale. Non credi di averne mai visto uno dal vivo, là fuori, intothewild dei parchetti.
"A Maple Town ci puoi arrivare con facilità", cantava la sigla del relativo cartone. Non si trovava evidentemente in Calabria, Maple Town, se no col pazzo. 
Un concorsone degli sciroppi Toschi regalava bottiglione di tutti i gusti, come lo "sciroppo di granatina", che fa anni 80 almeno quanto gli scaldamuscoli. 
Ma buttiamo un occhio pure alle rubriche. A una delle tante pagine di Mercatino presenti in questo numero, con il Club Amici del Commodore 64 (ma solo per chi era in possesso di un disk drive. Razzisti) e i mitici "scambi di materiale" su cantanti tipo Madonna, A-Ha, Duran Duran, Vasco, Europe, Michael Jackson e il Trio della Sila. 
Ma c'era anche una campagna di sensibilizzazione sui pipistrelli, sponsorizzata dal WWF e dalla Wayne Enterprises, 
e c'era la rubrichina in cui si spiegavano i termini dei paninari (abbiamo un post anche sui Paninari su Topolino, regia? Certochec'è, ciapa: Tio Pepe, che Floppy!). Questa volta si parlava di frittole, nel senso di "panella, sfitinzia, squinzia". Occhio, però, che la sfinzia non sia dodola, qualunque cosa voglia dire, santo cielo. Ma, con grande magnanimità, si spiegava anche il significato sfuggente dell'avverbio forte: "cuccare forte, cannare forte, melonare forte". Quello che non è ben chiaro è cosa diavolo c'entri il Four di Ciao Ciao, se non che forse cannava forte pure lui. Per forza poi parlava in quel modo strano. 
Ma ne approfitti comunque per saltare da Ciao Ciao al Ciao di Italia 90. Scopriamo qui che l'orrida mascotte dei "mondiali di Roma del '90", perché li hanno giocati solo lì, certo, è stata ideata da un 43enne di Como che ha ricevuto 60 milioni di lire "e una vigorosa stretta di mano del presidente della Repubblica Francesco Cossiga". 
"Mio papà dice che piacerebbe anche a lui una macchina che cambia colore quando la lavi". Beh, le auto che hai avuto te, negli ultimi quindici anni, sono sempre state così. Passano dal grigio sporco al nero quelle rare volte in cui le porti al lavaggio. 
I LEGO Light & Sound, Luce e Suono, con effettini audio e luminosi, che non sono quelli emessi dal bambino che si illumina di gioia immensa perché gli hanno regalato il LEGO grande. Mattoncini speciali montati su camion dei pompieri (chissene), auto della polizia (bah) e TRASPORTATORE PLURIMODULARE ASTRALE FANTASCIENZO BELLIFFIMO. LEGO Spazio for the win, sempre. 
Nintendo ti ammollava una pistola Zapper in omaggio grazie a una macchinosa storia di coupon. Allora, per praticità, il Nintendo 8-bit era indicato ufficialmente come "Control Deck del video-sistema Nintendo". 
Chiudiamo con un'altra roba così dannatamente anni 80, una penna multicolore sotto steroidi, la Waker Biribiro a 10 colori, ciascuno legato a un PROFUMO diverso. Peso medio dell'oggetto, ventidue chili. Cosa verrà fuori dal disegno misterioso? Provate a indovinarlo. Poi oh, se proprio non ci riuscite, sotto trovate la soluzione.

...

...
[LA SOLUZIONE]


GLI ALTRI POST DE LE PUBBLICITÀ FUORVIANTI 

52 commenti:

  1. mitica la tipa che vuole corrispondere con "ragazzi/e dai 15 anni in su (soprattutto svedesi)" ma si raccomanda "scrivete in italiano"..
    e DOC anche le mie macchine da 15 anni a questa parte da grigie diventano nere lavandole...
    pensavo di avere l'esclusiva...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. invece la mia macchina non cambia colore nemmeno dopo il lavaggio, rimane grigio sporco e amen

      Elimina
    2. lavaggio? cioè quando piove!

      Elimina
    3. Ma anche la ragazza "molto allegra" che ha una gran VOGLIA di corrispondenza di ogni età non è male!! Piccole ninfomani crescono...

      Elimina
    4. da me invece quando piove si sporca!!
      @daniele malizioso,all'epoca era una cosa innocente (forse :D)

      Elimina
  2. Lorenzo Dal Santo24 maggio 2017 10:43

    La Frittola, in dialetto vicentino, é sia un tipo di dolce carnevalesco che uno dei soprannomi dei genitali femminili.
    'La frittola va davvero forte' is the old 'La patatina tira'.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Confermo, si usa anche nel veneziano e nel padovano :D Chissà se i paninari l'hanno importato da noi o viceversa

      Elimina
    2. Nella locride invece è la carne di maiale cotta nella cardara, una specia di paiolo di Panoramix: cotenne, testa e quinto quarto.
      Quanti ricordi...

      Elimina
    3. a Palermo la frittola è una prelibatezza dello street food... interiora di varia provenienza, bollite, rosolate...

      Elimina
    4. Quindi su Topolino, nell'88, si parlava di pheega o di fast food. Bene.

      Elimina
    5. Ahhh! Ecco perché a Frittole (1400, quasi Milleccinque), "In chiesa le donne guardalle fisse!"... Quella di Vitellozzo era una contorta e sottile allusione.

      Yes-ter-day! BOM! Na na na na-na-na far away!

      PS: per spiegare cosa c'entrasse Four coi paninari, ho ora un flashback. Ricordo che in quel periodo, durante "Ciao Ciao", egli si atteggiasse così, con tanto di slang e di giuMBotto Moncler.

      Elimina
  3. Ah, la piramide degli Exogini! (scoprii Ultimate Muscle tipo vent'anni dopo)
    Ah, le Micro Machines!
    Ah, la Biribiro profumata!

    Troppi ricordi!!!!

    RispondiElimina
  4. Ma perché al povero capo dei Technobot hanno messo il capoccione di Computron anche se è lì da solo?

    Eccolo qua con la sua faccia vera:
    http://tfwiki.net/mediawiki/images2/9/94/Scattershot_toy.JPG

    RispondiElimina
  5. Nessuno ha notato il titolo della prima pagina del The Star (proprio sopra il terrificante Ciao di Italia 90)? Cioè, a conoscere bene l'inglese da rEgazzini under 10 si sarebbe scoperto che il tale Smith si è beccato sei anni per l'omicidio dell'amante sposata!!! Traumi a palla!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io me ne sono accorta subito, ed è talmente discrepante col tono ridanciano dell'articoletto che decanta The Star, che non sapevo se ridere o sbattere la testa sul tavolo... XD

      Elimina
  6. Quella videocamera Fisher-Price è stata da poco recensita su uno dei miei canali youtube preferiti (e che ti consiglio vivamente Doc), the 8 bit guy. E... beh, è peggio di quello che sembra, altro che cretaceo.

    RispondiElimina
  7. la Biribiro... mioddio... l'ho avuta e credo di ricordarne ancora pure gli odori...

    RispondiElimina
  8. Notare l'entusiasmo del bambino dietro ai sciroppi Toschi..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sta per uccidere il fotografo a bottigliate.

      Elimina
  9. Saurod dei Masters lo trovavo stupendo ed in quanto tale, secondo la legge boba fetta, inutile nel film.
    Il pupazzo poi non ho la minima idea di come abbia fatto a superare i test per la sicurezza: sprizzava scintille dalla bocca più di un accendino modificato, il che lo rendeva un'arma da sparare sul viso degli altri bambini O_O

    RispondiElimina
  10. Four che parla di figa con Braschi mi mancava. La penna multicolore profumata mi ha scaraventato in un trip di ricordi scolastici pazzesco, culminato con il mio zainetto di Cattivik con luce rossa intermittente incorporata (primi anni '90).

    RispondiElimina
  11. Volevo commentare su Computron, ma vedo che hanno già dato. Per amor di completezza, allora, aggiungo che fecero la stessa cappellata anche sui Terrorcon, sul cui capo-team infilarono la capoccia del Gestalt (Abominus).

    Ah, e comunque per me il Tamarindo fa più anni '80 della granatina (mai sopportato, peraltro).

    RispondiElimina
  12. I quintali di exogini dio santo con la piramide dal dentista ancora mi ricordo! (e pure gli starcom :D)

    Le biribiro le ODIAVO maledette penne da femmina :D

    RispondiElimina
  13. Troppi ricordi... non ce la faccio

    RispondiElimina
  14. Anche qui ricordo ogni pubblicità a memoria...però ho quasi pianto, perchè avevo il pupazzetto di Blade e me ne ero completamente scordato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono quasi sicuro di ricordarmi anche proprio il Topolino da cui sono state prese a memoria

      Elimina
  15. IL combiner fantascienzo era figo, ci gioca mio figlio dopo averlo raccattato in soffitta. Non siamo a livelli di Barracuda e tutta la cumpa dei Cars ante litteram, ma è bellissimo comunque!!

    RispondiElimina
  16. Che flash l'articolo sui pipistrelli me lo ricordo!! La titanica Biribiro era lo scettro delle due barra tre scassamaroni compagne delle medie, a volte la utilizzavano per farti disegnini profumati sulle mani o sulle braccia.

    RispondiElimina
  17. Cavoli qui sono in pieno target essendo nato nel 78,mi ricordo più o meno tutto,di Exogini ne avevo una balucco e ne ho ancora molti superstiti,posso dire che possedevo molte dei giochi pubblicizzati,micromacchine,Maple Town,Lego lucie suoni,ecc ecc.
    Sempre bello Doc viaggiare nei ricordi

    RispondiElimina
  18. Mia madre mi appioppò la penna multicolore dicendo "senti che cambia anche odore", ma no, era tutta puzza chimica uguale. E io ho anche perso tempo inalando sostanze tossiche per carpire la differenza!

    RispondiElimina
  19. Si sono riattivati così tanti ricordi che devo potenziare la memoria o rischio un blocco definitivo 😊 La Biribiro... mamma mia...

    RispondiElimina
  20. Ma già nel '88 c'era da tutelare i pipistrelli? Minc*a, credevo fosse un problema più recente. Ché ai tempi qui ne svolazzavano un sacco, mentre ora se ne vedono davvero pochi. Non sapevo che già 30 anni fa dovesse intervenire il WWF :-\

    La pagina del mercatino è un trip bruschettoforo mica da ridere! Avevo rimosso gli annunci per il mercimonio di materiale sulle star preferite in cambio di adesivi, ritagli, pennarelli, gommine o materiale di altri famosi. In epoca pre-Internet era lo standard, per procurarsi foto e articoli sui personaggi preferiti (extra rispetto alle cose che uscivano in edicola, cioè). Adesso apri il web e ci riempi gli hard-disk, ma allora era tutto così naif (e incosciente, con frotte di adolescenti che lasciavano in giro nomi e indirizzi alla portata di tutti °_°). Che ricordi, Doc!

    I gusti di sciroppi più anni '80 di tutti (qua si portava/porta la Fabbri) sono indubitabilmente orzata, tamarindo e granatina. Mai bevuti da bambina, onestamente, ma mi ci sono appassionata con vent'anni di ritardo. Scoprendo di adorare il gusto del tamarindo, che trovo super-dissetante. Il problema è che ormai da qualche anno è difficilissimo trovarlo nei negozi, troppo retrò... ;__; Invece a volte sugli scaffali fa la sua comparsa la granatina (che però non mi piace) ed è riapparso pure l'anice! Anche quello molto d'antan, eh!

    (Ironia: mentre scrivevo questo messaggio, in radio è pasato lo spot della Cedrata Tassoni, che ha lo stesso, memorabile jingle dal 1982

    https://www.youtube.com/watch?v=3l4dZIa8N0k

    Bruschette!!! )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cedrata tassoni rulez, ricordiamolo.

      Elimina
  21. I Giochi della gioventuuù, che bruschetta a tradimento!
    Ancora ricordo i miei allenamenti alle medie, con abnegazione degna di un cartone giappo.
    Ci vinsi pure una medaglietta :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io pure, ho ancora la medaglietta, ma NON RICORDO per cosa.
      A occhio, non dev'essere stata una gara memorabile, appunto...

      Elimina
    2. ce l'ho anche io, facevamo al palazzaetto dello sport a Roma :D

      Elimina
    3. io pure sono stato medagliato per i 100 mt piani e i 100 mt ostacoli allo stadio delle palme di palermo.Non so come abbia fatto visto che prima di entrambe le gare mi addormentai alla fine della pista

      Elimina
    4. La mia medaglietta me l'hanno data per una gara con mini alianti, costruiti durante le ore di educazione tecnica col mitico e fragilissimo legno di balsa, (tanta) croce e (poca) delizia di quegli anni.
      Ecco perché non sono mai diventato un modellista...

      Elimina
  22. Fiero possessore, ai tempi, di Computron G1. Scattershot, il capo cumpa, non ha capabomba. Nell'immagine gli hanno messo la testa del combiner; in realtà è un transformer molto bello anche perché ha la doppia trasformazione: astronave e cannone.
    Vorrei tanto comprami il Warbotron di Computron di cui ho già 2 pezzi, Afterburner e Nosecone, ma costicchiano. Farebbero un figurone insieme in forma combiner di fianco a Devastator e Bruticus, soprattutto adesso che gli metterò vicino il MP di Starscream.

    PS: il mio Afterburner appare nel post di Lucca 2015.

    RispondiElimina
  23. Gli exogini sono stati una grande passione, tant'é che anni fa, in un impeto di nostalgia guaglionica ne comprai alcuni su ebay. Avevo anche due Kosmogeni, i cugini poveri.

    RispondiElimina
  24. Il turbo Panther ... quanti ricordi. Me lo ero fatto regalare per natale, salvo poi scoprire di essere negatissimo nell'usare il radiocomando. E' diventato un costosissimo soprammobile

    RispondiElimina
  25. Quanti ricordi, articolo che capita a faCiolo dato che ho ritrovato gli exogini dopo ere geologiche sepolti in garage dai miei.
    Computron ce l'avevo. Come tutti i combiners (meno devastator ovviamente) il robot centrale era parecchio più pheego degli altri. Combinati insieme, niente di che, ma Scatterbot/Scattershot era veramente ben fatto ed era uno dei pochi transformer bandai con tutti gli arti mobili. Peccato per le poche apparizioni in G1, "a gestione Captain/Rodimus".
    Bravestarr pheegata pazzesca, seguivo sia i cartoni su odeon che il fumetto su Magic Boy. Con 30/30 scalzò in un attimo i master giù dalla classifica delle mie action figure preferite. Non ho mai capito perché la serie non ebbe un grosso seguito.
    Turbo Panther fatta di popò. Regalo di compleanno, dopo mezz'ora prese uno spigolo a tutta velocità e il paraurti davanti si spaccò. Dopo pochi mesi toccò all'attaco di una ruota anteriore.
    Ricordo che il nome dell'omino portasfiga dei mondiali lo fecero scegliere ai giocatori del TOTOCALCIO in una selezione di nomi sfortunati. Io scelsi Dribbly perché mi sembrava il meno pezzente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rodimus È IL MALE.
      Bravestarr era grande, mi è rimasto il pupazzo di Thunder Stick!
      Ti ricordi le confezioni speciali di lui e del cattivo con gli zaini laser?

      Elimina
    2. Nuuuuu momento mariomerolo! Lo zaino era il TOP nonché il motivo principale (o buona scusa) per prendere pure Tex Hex, oltre al Bravestarr con la faccia da Poncharello (e pure 30/30 sennò pare brutto che deve andare a piedi).
      Thunderstick non ce l'avevo però avevo Handlebar verde pisello col braccio ingessato che lanciava il piattino delle offerte.
      Rodimus va capito, il problema suo e di Cerebros è che chiunque in confronto a Optimus Prime sembra una pheeghetta. Comunque della G1 terrei tutto (ma eviterei il doppio epilogo), delle altre serie non so.

      Elimina
  26. Puàh.. Quindici annate '1988' non valgono tre mesi di un anno a caso tra il mitico '1982'e il badassico (cit.) '1986'.
    Prima metà degli anni ottanta vince sempre e comunque!
    P.S. Dell'ottantotto salvo solo gli Exogini.

    RispondiElimina
  27. Penso che i 60 milioni al 43enne di Como siano stati dati, non tanto per l'orribile mascotte, ma per convincerlo ad accettare una stretta di mano da Cossiga....

    RispondiElimina
  28. Queste pubblicità hanno la mia stessa età :D
    Le ricordo davvero tutte!

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails