martedì 7 marzo 2017

48

Supervillain nazisti Marvel e DC (o: perché il Teschio Rosso è più moderato di Trump)

Questo listone sui supercattivi Marvel e DC nazisti è in cantiere da una vita, almeno dai tempi di quello dei super-eroi sovietici tristi. Metterci mano per completarlo, ieri notte, ti ha fatto uno strano effetto, perché leggere uno dei peggiori pezzi di melma del Marvel Universe dire, mesi prima, le stesse cose che va ripetendo oggi il presidente dei cacchio di Stati Uniti d'America è, uh, una bella botta. E allora, dalla Wonder Woman mistress con la frusta alla versione ariana dei gemelli Lannister, passando per tizi con la svastica praticamente ovunque e a volte una faccia sulla panza, ecco una carrellatona di più o meno improbabili villanzoni nazi. "Nazisti... odio questa gente". E chi non lo fa, Indy? Ok, tipo un sacco di teste di pazzo su Facebook, ma lì dice che si può fare, nessuno ti dice niente, è tutto occhei [...] 

TESCHIO ROSSO
Non possiamo che partire dal Teschio Rosso, la nemesi di Capitan America, e come lui nato molto prima del resto del Marvel Universe. Johann Schmidt viene creato da Joe Simon e Jack Kirby su Captain America Comics #7 (ottobre 1941). Morto e risorto più volte, pure in un corpo clonato dell'odiato Steve Rogers, oggi il Teschio è più inquietante che mai.
In uno dei primi albi di Captain America: Steve Rogers, la nuova serie di Cap partita la scorsa estate, lo si vede arringare una folla di sempliciotti e persone stanche della propria vita infelice, facendo leva su un populismo da quattro soldi. Gli immigrati, vengono a comandare a casa nostra, ci rubano il lavoro, eccetera eccetera. Di quelle robe che, tipo, ti fanno vincere le elezioni e diventare presidente della più grande superpotenza del pianeta. La paura vende ancor più delle tette, dice. Ma capadigommarossa ne ha anche per la vecchia Europa, il suo continente d'origine:
Mettetegli una felpa addosso o una parrucca 
della Le Pen ed è perfetto, oh.
ADOLF HITLER
Ma Cap non ha preso a cazzotti per una vita (editoriale) intera solo il pupillo di Hitler, il Teschio: ha iniziato la carriera rifilando papagne direttamente allo psicopatico con i baffetti (Captain America Comics #1, marzo 1941), mentre Bucky si faceva le foto ricordo, il minchietta.
GLI ZEMO
Poi ci sono gli Zemo, padre e figlio, Heinrich (The Avengers #4, marzo 1964) e Helmut (Captain America #168, dicembre 1973), fissati con la superiorità della razza bianca, incappucciati, armati fino ai denti. Praticamente come qualsiasi contadino dell'Alabama iscritto al KKK. 
BARONE STRUCKER
Il Barone Wolfgang von Strucker ha fatto anche lui la sua prima apparizione, come Zemo padre, nel '64 (Sgt. Fury and his Howling Commandos #5, gennaio 1964). Ex gerarca nazi, Strucker diventa il leader storico dell'Hydra e muore pure lui più volte di un Kenny McCormick. E dopo tutti questi anni, ancora non ha scoperto che esistono le lenti a contatto, oh: razza suprema un cacchio, ché c'hai mezzo neurone, c'hai. 
MASTER MAN
Andando avanti, in questa lista di nazipirla - NON NECESSARIAMENTE ESAUSTIVA, OCCHIO: ci sono tutti quelli che ti sono venuti in mente, non tutti-tutti. Non frantumate the mazzarell - troviamo Master Man (Giant-Size Invaders #1, giugno 1975), un nazista AMERICANO che si sottopone a un siero del super-soldato per diventare un anti-Cap. N'altro.  
Di Master Man ce ne sono stati almeno tre, compreso il nipotino dell'originale (Max Lohmer, Captain America vol. 5 #20, settembre 2005).
Ma COME dimenticare quello scappato di casissima del Master Man di Heroes Reborn, trasformato dalle grandi doti artistiche del buon Rob Liefeld nell'ennesimo clonazzo fratocugino di Cable? Per non farsi mancare nulla, era convinto di essere DIO e voleva trasformare la California nel suo regno. Prima, però, un paio di piedi normali magari, eh, Mastermè? 
OVERMAN E I NEW REICHSMEN 
Facciamo un attimo un salto in casa DC, dove avendo già un Superman è stato facile tirarne fuori delle versioni alternative villanzone in mondi in cui i nazisti hanno vinto la guerra. Eccone qualcuno a titolo di esempio: l'Overman creato da Grant Morrison su Multiversity e almeno seconda o terza versione del personaggio (c'era quello di 52, nel 2007, e un Overman non nazi su Animal Man. A ogni modo, sempre farina del sacco senza zeri di Morrison) con tanto di cugina-clone (Overgirl) e di una sua Justice League nazi, i New ReichsmenBrünhilde, Leatherwing, Blitzen, Martian, Underwaterman. Finale con voltagabbanone.  
JLAXIS 
Sempre dal multiverso DC (e dalle pagine della serie 52 di dieci anni fa) arriva la JLAXIS, o Die Gerechtigkeitliga, formata da Superman in versione Biondo di Luzzi, Brunhilde moretta, Hawkman, Hawkgirl, Flash e da un altro Leatherwing
con tanto di svastica sul pipistrello e qui disegnato dal socio Fabrizio Fiorentino (la metà buona del team di Ethan?) su Countdown to Adventure #4 (gennaio 2008).
AXIS AMERIKA 
La prima Axis Amerika appare su Young All-Stars #1 (giugno 1987) ed è guidata da un Superman calvo, Der Ubermensch, e formata da membri provenienti dai paesi dell'Asse: l'ennesima valchiria, chiamata Gudra, il gufo cornuto Die Grosshorn Eule e il suo giovane assistente nonché figlio Die Fledermaus, l'uomo proiettile giapponese Kamikaze, Sea Wolf e l'arciere italiano Usil, che giusto per farci fare figure dimmerda grida "Italia Fascista!", in italiano, ogni due per tre. In seguito è apparsa una seconda versione del team, Axis America (con la C), formata da americani biancosuprematisti e con quelle altre idee della cippa in testa (JLA #81, luglio 2003).
CAPITAN NAZI 
Captain Nazi debutta una ventina d'anni fa come villanzone di Capitan Marvel (Power of Shazam #5, luglio 1995) e, soprattutto, come INCARNAZIONE VIVENTE DEL NAZIONAL SOCIALISMO. Che, per una qualche ragione, sceglie come proprio avatar in carne, ossa e faccia da idiota un tizio che indossa le tutine verdi smesse da Poison Ivy, i guanti da massaia e le spalline con frange da capo di una banda di paese. 
GEMELLI FENRIS
Torniamo sulla sponda Marvel. I gemelli Andreas e Andrea von Strucker sono i figli del Barone Strucker e come lui convinti della superiorità della razza bianca eccetera eccetera. Però sono tornati agli occhiali. Legati da un rapporto morboso, ai confini di casa Lannister e degli usi Targaryen, hanno sempre avuto un gusto per l'abbigliamento alquanto discutibile. Nel senso che Andreas se ne andava in giro negli anni 90 vestito come un pensionato ricco monarchico,
sua sorella come una professionista della statale. 
HATE-MONGER 
Anche di Hate-Monger, il Seminatore d'Odio, ce ne sono stati diversi, alcuni dei quali cloni di Hitler, altri no, in almeno un caso un essere di pura energia col cappuccio. Di fondo, sempre amanti di costumi ridicoli, come questo tizio incappucciato con le ginocchiere da venti chili (anno 2001),
come il Seminatore d'Odio e di LOL delle origini, letteralmente uno straccione (Fantastic Four #21, dicembre 1963),
o come quest'altro tizio qui, un Cap versione nazi, preso a calci in culo da un Punitore Cap (per i dettagli).
ARMLESS TIGER MAN 
Ehi mamma, guarda, senza mani! Armless Tiger Man è un combattente tedesco che usa solo denti e calci, visto che non ha più le braccia. Nasce in una storia dell'Angel della Golden Age, su Marvel Mystery Comics #26, ed è perciò uno dei pirla più anziani di questa lista (dicembre 1941).
BRAIN DRAIN 
Quello del cervello dello scienziato nazista - se non dello stesso Hitler - piazzato su un corpo robotico è un tema molto caro ai videogiochi e ai fumetti di supertizi che si menano. Prendi Brain Drain, vecchio pistola (Giant Size Invaders #1, giugno 1975) in tempi recenti preso a pizze in faccia pure da Squirrel Girl. Per dire. E sì, Squirrel Girl è fortissima eccetera eccetera, ma non sopporti né lei né il suo dannato scoiattolo. 
ARNIM ZOLA 
Zola (Captain America #208, aprile 1977) è un altro scienziato tedesco che per sopravvivere al passare degli anni decide di trasferire la sua mente in un robot. Però sbaglia clamorosamente alcuni passaggi del tutorial e finisce con lo starsi sullo stomaco da solo. Tra i cattivi di Mazinga c'era sempre una porta aperta per lui, in compenso.
SWARM 
Nemico di terz'ultima fascia dell'Uomo-Ragno, Swarm (Champions #14, luglio 1977) è l'ennesimo scienziato al lavoro per Hitler trasformatosi in uno sciame d'api per il sogno, mai taciuto, di impollinare Poison Ivy, un giorno, in qualche crossover. Credici.
U-MAN 
Le pagine della testata anni 70 degli Invasori, essendo quelle storie ambientate nella WWII, erano ovviamente piene di super-uomini nazisti di ogni tipo e in tutte le salse. Come U-Man (Meranno, Invaders #3, novembre 120%), il nazista di Atlantide... 
WARRIOR WOMAN 
...come Warrior Woman, una Wonder Woman fetish armata di frusta, sposa per ordine di Hitler di Master Man (Invaders #16, maggio 1977)...
BARONE SANGUE
...e come il Barone Sangue, un VAMPIRO nazista (Invaders #7, luglio 1976). Com'era diventato un vampiro?
No, niente, il testadiminchia è andato in Transilvania a scoperchiare la tomba di DRACULA. La storia in cui Cap gli mozza la testa con lo scudo? Da brividi.  
IRON CROSS 
Ma c'era pure Iron Cross (Invaders #35, dicembre 1978), un Iron Man tedesco con l'armatura celeste melvino e il pickelhaube in testa. 
SUPER AXIS 
Naturalmente, tutti questi malandrini formavano il loro super-gruppo per affrontare gli Invasori, Super-Axis, guidati e spesso controllati dalla telepate giapponese Lady Lotus. Appunto mentale: il prossimo listone lo facciamo sui supertizi nipponici di Marvel e DC.
Oppure su Hansi, la ragazza che amava la svastica, che non c'entra con Marvel e DC ma è un fumetto CRISTIANO che condanna nazismo e comunismo, promuovendo i valori biblici. No, sul serio. Copertina leggermente fuorviante.
CAPITAN AMERICA 
Chiudiamo con il Cap che dice Hail Hydra, che avrete visto in giro per l'Internet ovunque l'estate scorsa o di cui avrete letto sull'albo italiano di Cap. Se lo avete fatto, sapete perché Cap dice quella frase e CI CREDE. Se non lo avete fatto... beh, fa niente, tanto non è necessario per apprezzare la stupidera che ne è venuta fuori. I MEME su Hail Hydra circolati per settimane un anno fa sono fantastici, ne posti giusto qualcuno:
 e naturalmente: 

48 commenti:

  1. Quanto mi piacciono le storie della Golden Age dei comics amierrigani, con tutti quegli eroi impavidi e (in questo caso) i Nazi a rappresentare il male. Un po generaliste ma l'idea di un protettore che ci salva da una minaccia e riconducibile all'idea stessa dell'eroe Americano, cioè di quel popolo che, relativamente giovane, non avendo una propria mitologia è costretto a crearsene una nei tempi in cui serve più strettamente. Adoro Gli All Star Winner e soprattutto gli All Star Squadron e tutte quelle storie con i dirigibili, la gente che fa il saluto romano vestita col mongomery anche in pieno deserto e i super eroi che arrivano sempre al momento giusto! Sono un malinconico... ;)

    Se posso contribuire (Doc come sempre lo faccio per il piacere di farlo e non per precisineria, sia chiaro ^_^) cito un paio di personaggi DC dichiaratamente nazi:

    Il Baron Blitzkrieg, una specie di Iron-man superforte nazista spina nel fianco dell'All Star Squadron

    http://static1.comicvine.com/uploads/original/2/20224/1854788-fp_franke_cotu_01_014.jpg

    poi divenuto donzella nei tempi moderni che col nome il nuovo potere ci stava meglio:

    http://static4.comicvine.com/uploads/square_small/0/1932/1260182-awesome_baroness_blitzkrieg3a.png

    Nell'universo alternativo DC noto come Kingdom Kome ci sono almeno un paio di tizi orgogliosi del proprio retaggio nazional socialista, uono è un tale Von Batch:

    http://www.writeups.org/wp-content/uploads/Von-Bach-DC-COmics-Kingdom-COme.jpg

    sinceramente non l'ho capito, credo che sia vestito tipo da Ussaro, ma parla tedesco ed ha un atteggiamnto estremo.

    L'altro ha un nome eloquiente e si chiama Swastika:

    http://static4.comicvine.com/uploads/scale_small/0/9241/512246-0000.jpg

    mi fermo qui sennò non finisco più ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Zione!
      La cosa interessante di Swastika e degli altri giovincelli che si menano in Kingdom Come è che non è volutamente chiaro all'inizio chi sia buono e chi cattivo. Sono metaumani che se ne fregano delle conseguenze delle loro zuffe, e per questo gliele fanno girare a Superman :)

      Elimina
    2. Che poi Kingdom Come è quasi uno sfottò dei comportamenti anabolizzati di un'altra casa editrice di supereroi... :)

      Ne approfitto per dirti: gran bella listona!

      Moz-

      Elimina
    3. In assoluto una delle mie preferite di quell'epoca. Si in effetti è singolare l'uso che gli autori fecere dell'archetipo del Nazista (se di archetipo si può parlare), per simboleggiare l'uso prettamente muscolare che si faceva di certi eroi dell'epoca. Tanto che nella stessa storia a contrapporsi sono appunto i vecchi eroi bucapalloni della Silver Age uniti agli eredi di quella che era la Golden Age

      Elimina
    4. Anche se Kingdom Come dovrebbe fare un bel saluto di ringraziamento alla miniserie dello Squadrone Supremo...

      Elimina
    5. Kingdome Come mi folgorò, quando uscì in 4 parti su PlayMag... era qualcosa di innovatissimo per me, poi tutta quella simbologia...
      Certo, a rileggerlo oggi, salvo totalmente solo la prima parte (stupenda) il resto è bello ma non invecchiato benissimo.
      Mi avete dato l'idea per un post XD

      Moz-

      Elimina
  2. Non ho letto la storia del Capitan America Nazi, non m'interessa farlo, mi sento sporco anche solo ad aver visto quell'immagine...meno male che a stemperare la meenchiata sono arrivati i Meme sull'internetto, che alcuni sono puro genio (VIVA MEXICO!).

    Parlando del Barone Sangue hai menzionato la storia di Cap che lo decapita con lo scudo, porca vacca me la sono persa!
    Mi sai dire quando è stata pubblicata (e soprattutto SE è stata ripubblicata in Italia, magari sui Marvel Masterworks o collane simili?)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sure, Captain America 253-254 (1981). Prima pubblicazione in Italia, Capitan America & i Vendicatori #8 (Star Comics, agosto 1990). Storia del grande Roger Stern, disegnata da John Byrne.

      Elimina
    2. A mio modesto parere (specifico che si tratta di una mia osservazione), la Marvel con le ultime storie si è accorta di aver un'attimino caxxxxxto fuori dal vaso. La storia di Capitan Naziamerica, pur fornendo spunti potenzialmente interessanti, si è trasformata nella solita minxxxxxata che alla fine non si sa come finisce o dove voglia andare a parare (manco fosse un manga degli anni '90 ancora in corso di pubblicazione). Alla fine si sta trasformando tutto nell'ennesimo "Dark Reign", ma sta volta infilato in un cul de sac che manco Back in Black di Spiderman, dove tutto si risolverà a castagnole ad agosto.
      Non per niente, se sono veri certi rumors che girano, la nuova saga marvel ("Generations"?) probabilmente farà tornare tutto allo status quò che manco Rebirth per la DC. Si pensa.
      Io spero di si...

      Elimina
    3. che fosse un' idea del menga era chiaro a tutti , tranne a chi l' ha concepita , come quando ho pensato di aprire una bottiglia di vino con le chiavi di casa procurandomi 24 punti di sutura.

      Elimina
    4. @Doc: Grazie!! Devo recuperarla al più presto.

      @Zione: E' per queste cose che anni fa decisi di troncare con la Marvel, e ad ora non me ne sono pentito.
      Certo leggiucchio qualcosa ogni tanto, magari un N.1 qua e là, ma di questi stravolgimenti ad minchiam di sessi e ruoli non me ne frega davvero nulla di nulla.
      Riprenderò in mano un albo Marvel quando e se tutto tornerà allo status quo, per ora la loro nuova generazione di fenomeni se la possono infilare su per il Cubo Cosmico

      Elimina
    5. @Zione:la cosa interessante, però, è che questo Cap non vede se stesso come malvagio. E' realmente convinto che la sua ideologia sia giusta. @Riccardo:complimenti!

      Elimina
    6. Occhio che abbiamo la new entry che non ti aspetti:

      https://www.bleedingcool.com/2017/03/06/magneto-joining-hydra-secret-empire-nick-spencer/

      Elimina
  3. Se i nazisti reali fossero stati all' altezza dei supervillain che qui li rappresentano, probabilmente nel ' 39 la guerra l' avrebbe vinta la Polonia con l' uso risolutivo della cerbottana col riso. INdubbiamente l' idea del cattivo legato ad un regime politico ed ideologico fa pena di per sè visto che fanno schifo bipartisan sia i cattivi buoni che quelli rossi. Forse , a mio avviso , è ancora peggio il rooster dei comunisti perchè con la cortina di ferro della russia nulla si sapeva, e da quel poco che passava uscivano solo luoghi comuni degni di una puntata dei Super Wings o di un tweet di Donaldo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, il'idea del regime politico cattivo è senza dubbio abbastanza leggerina, considerando comunque l'uso propagandistico che se ne faceva all'epoca e per il quale certi eroi nascevano. Nella Justice League di De Matteis viene appunto sbeffeggiata questa cosa, anche se in questo caso ci sono, ovviamente per l'epoca, i Russi e lo stato dell'est inventato.
      Quello che invece mi è sempre piaciuto è l'idea... romantica se vuoi... di questa contrapposizione, un po come nella gerusalemme liberata del Tasso, dove ci sono per forza i buoni e i cattivi (per altro veramente esistiti) e dove alla fine il bene in qualche modo trionfa. Poi che gli States abbiano un redneck come presidente (per motivi giusti e sbagliati che siano) o cosa abbia veramente "smosso" ideali che abbiano spinto il mondo a spararsi 2 guerre è chiaramente un'altro paio di maniche... ^_^

      Elimina
    2. La mentalità americana è molto manichea quindi gli servono degli archetipi chiari. I nazi sono perfetti perché sono cattivi per definizione.

      Elimina
    3. Cari Zione e Drakkan , con me sfondate una porta aperta. Ma secondo me il mondo del comic non coglie la tematica nel modo giusto. Faccio un esempio , leggetevi i vecchi fumetti di Godlike, o il gioco di ruolo, oppure il supplemento per Golden Age di Mutants and Masterminds. Quelli sono veri cattivi nazisti, verosimili e terrificanti; e questo perchè chi li ha concepiti ha una concezione del nazismo che va oltre il depliant e tocca la storia. Altrimenti finiamo poco sopra a Braccio di Ferro che mena Hitler.Approposito Doc è tanto che non ci delizi con la Bianconi!!

      Elimina
    4. Ah comunque io non sono un esperto conoscitore di questi personaggi... magari hanno più spessore di quanto gliene riconosco..

      Elimina
    5. Devi distinguere i personaggi nati negli anni 40, in fumetti di propaganda, o la carne da cannone di Invaders, e altri venuti dopo (o le loro incarnazioni più moderne, che è lo stesso). Il Teschio Rosso è un grande villain perché ha uno spessore psicologico enorme. È un Joker molto più lucido, ma non per questo meno malato. È odio sotto una maschera, con il brutto vizio di giocare con la realtà. È, come visto, oggi fin troppo aderente al mondo vero dei tiggì per non dare i brividi.

      Elimina
  4. Già detto altrove ma voglio ribadire: i listoni tematici che scrivi sull'argomento Marvel-DC sono sempre spettacolari, le cose più belle dell'Antro.

    Comunque i meme di Cap ricordano vagamente quelli di un certo politico nostrano su una certa foto, la realtà a volte supera la fantasia, da destra e col medio alzato.

    RispondiElimina
  5. Orrore,che schifo.. Meno male che tutti questi tizi orrendi sono presi a pedate nel culo e a schiaffi

    RispondiElimina
  6. Io dopo Armless Tiger Man propongo di chiudere l'internet per mezza giornata.

    RispondiElimina
  7. Segnalo a proposito The Unquotable Trump (https://unquotabletrump.tumblr.com/) di R. Sikoryak, quel genione che tempo fa mise a fumetti i ToS di iTunes (http://itunestandc.tumblr.com/)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono delle copertine varamente geniali, grazie Many.

      Elimina
  8. Questi listoni giordano sono sempre interessanti perché "t'imparano" un sacco di cose.
    Teschio Rosso l'ho sempre trovato un personaggio interessante e mi era piaciuto il fumetto sull'infanzia di Teschio Rosso che mischiava la sua storia con l'eliminazione delle SA a favore delle SS.

    Per inciso come fa a bere Zemo con il passamontagna?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Usa la cannuccia, però di nascosto.

      Elimina
    2. Il padre sicuramente, il figlio beh, dovremo si deve ancora capire se ha ancora le labbra.

      Elimina
  9. Come dimenticare gli Esiliati? (Exiles http://marvel.wikia.com/wiki/Exiles_(Criminal_Group)_(Earth-616))e la mitica Sciarpa di Baldini?

    RispondiElimina
  10. Una curiosità, se qualcuno può aiutarmi:ma il siero che beve MasterMan è più efficace di quello di Cap (dato che il nazi si scazzotta con Namor...)? E perché i nazi non lo hanno usato su larga scala? Comunque, almeno Helmut Zemo si libera dall'ideologia nazista (e più che altro dal conflittuale rapporto con la figura paterna) e diventa un personaggio decisamente più sfaccettato. Quanto al Teschio, non l'ho mai sopportato. E' così monoliticamente malvagio, così privo di sfumature, così aberrante, che non riesco ad apprezzarlo. La scena in cui narra a Cap dell'euforia che lo prese quando fece la sua prima vittima (una ragazza ebrea che respinse le sue avances e che lui, preso da rabbia, uccise a palate), la gioia malata che traspariva dal suo volto riuscì all'epoca a turbarmi molto.

    RispondiElimina
  11. Penso che l'unico che abbia scritto un nazi non antagonista (o almeno ce lo diventa per forza di cose) in un fumetto è Araki nel Le Bizzarre avventure di Jojo - parte 2.

    RispondiElimina
  12. Non centra a causa dei limiti che hai posto per la lista, ma gli Uber di Gillen e White?

    RispondiElimina
  13. X Babil: riguardo a Jojo, Von Stroheim era un nazista fatto e finito (non scordero' mai la scena in cui devono scegliere tra i prigionieri un volontario da dissanguare per riportare in vita Santana Si offre un ragazzino, e lui risponde: "Bravo ragazzo! Anche se non appartieni alla razza eletta, ammiro il tuo coraggio. Liberate lui e giustiziate tutti gli altri!!")
    Aveva un suo senso dell'onore, per quanto distorto e aberrante. Lui e Joseph divennero amici e collaborarono per sconfiggere Kars e compagnia bella, ma credeva ciecamente nel terzo reich.
    Da ignorante posso dire che li trovo tutti quanti piuttosto ridicoli, fatta eccezione per il Teschio Rosso (che in questa versione e' VERAMENTE inquietante: sembra uno degli invasori di Essi Vivono, e non c' e' piu' nemmeno il buon Rowdy Roddy Piper a prenderlo a schiaffoni...)

    RispondiElimina
  14. Riguardo a Jojo, e' pur vero che Joseph e Von Stroheim diventano amici e collaborano per sconfiggere Kars e company, ma certi atteggiamenti sono inequivocabili...
    Basti vedere quando devono scegliere tra i prigioneri un volontario da dissanguare per riportare in vita Santana: si fa avanti un ragazzino che decide di sacrificarsi per salvare il resto dei suoi compaesani.
    E lui fa: "Complimenti, ragazzo! Anche se non appartieni alla razza eletta, ammiro il tuo coraggio. Come ho gia' detto, sopravvivera' solo il migliore. Liberate lui e giustiziate tutti gli altri!"

    RispondiElimina
  15. Se posso, aggiungerei che ricordo Hauptmann Englande, versione nazi di Capitan Bretagna, forse con tutta una versione nazi di Excelsior (formazione C. B., Megan, Nightcrawler, Kitty Pride, Fenice Rachel Summers..... Sbaglio?

    RispondiElimina
  16. Be', io segnalo questo:

    https://twitter.com/PresVillain

    RispondiElimina
  17. Alcuni sembrano talmente scapoati di casa che vengo preso salla irrefrenabile voglia di leggere le loro storie ! Soprattutto quelli anni 50 hanno un gusto veramente lisergico. Grazie Dic per il listone

    RispondiElimina
  18. E si ringe di nuovo...
    la storia del baron sangue decollato la lessi sulla spiaggia su una raccolta star comics di Capitan America e i Vendicatori, tra le elementari e le media. Byrne + Union Jack= Storione. Tra l'altro il buon Byrne è un tantinello fissato con il bdsm, eh?
    Uber Man ricorda tantissimo un avversario di Zenith di Grant Morrison...ennesimo omaggio/citazione dello scozzese?

    RispondiElimina
  19. Questi post mi piacciono troppo : )
    Facendo un rapido salto in casa IMAGE, ci sarebbe Brainape, nemico di Savage Dragon, il gorillone con il cervello di Hitler.
    https://savagedragonwiki.wikispaces.com/Brainiape

    RispondiElimina
  20. Ne segnalo un'altro paio di quelli importanti, categoria "il buono di questo fumetto l'ho inventato io":

    Capitan Svastica, villanzone nazi che uccide il protagonista del fumetto (un tale Comet) facendone incazzare il fratello che diventa una specie di Batman iperviolento: Hangman

    http://vignette1.wikia.nocookie.net/pdsh/images/2/2c/CaptainSwastika.jpg/revision/latest?cb=20141104095551

    http://3.bp.blogspot.com/-0YCf_ikvGS0/UjT-cG4osOI/AAAAAAAAqQU/XGzczphFlPI/s1600/swas1.PNG

    ----------

    Ironjaw invece uccide la famiglia di quello che sarà il suo arcinemico Crime Buster

    http://static1.comicvine.com/uploads/scale_small/2/27783/937994-ironjaw.jpg

    RispondiElimina
  21. C'erano anche i DNA Diktators, cloni gemelli di Hitler comparsi nell'orripilante "Superman - At Earth's End", vera pietra miliare del cattivo gusto anni 90: http://www.marshmallowsupernova.com/2008/10/superman-vs-evil-hitler-twins_26.html

    RispondiElimina
  22. A proposito di Reichsmen... ma Blitzen non era una delle renne di Babbo Natale? O_o

    Armin Zola, a parte la faccia sullo stomaco, ha pure un simbolo equivoco sul pacco... °_°

    L'esistenza del fumetto su Hansi mi ha messo in crisi, lo ammetto... O_O

    RispondiElimina
  23. Io voto per i nazisti dell'Illinois...:-)

    RispondiElimina
  24. Erano sei anni che aspettavo questo post :)
    Ricordo ancora il commento al precedente... Grazie DoC :D
    Mi hai fatto fare un paio di belle risate

    RispondiElimina
  25. Io ricordo l'Uomo Ragno Star Comics 110 dove il povero Peter si trovava a combattere uno SKINHEAD TRASFORMATO IN UN BLOB DI CARNE FUSA in compagnia di quello scappato di casa di Rocket Racer!
    Allego prova fotografica https://www.fumetto-online.it/ew/ew_albi/images/STAR%20COMICS/URsc110.jpg

    RispondiElimina
  26. Un momento: ma SWARM è lo stesso (stesso... vabbè, riscritto per i mocciosi) essere fatto di api che compare in un episodio de "L'uomo ragno e i suoi fantastici amici"???

    RispondiElimina
  27. Ad essere pignoli Capitan Nazi è stato creato dalla Fawcett negli anni 40.

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails