mercoledì 29 marzo 2017

36

Robot, giochi, cavalieri e pirati spaziali: nippoacquisti di un certo livello, 2017 edition

Godzilla vs Evangelion
Perché ormai, al rientro dal pellegrinaggio annuale in Giappone, è consuetudine anche un post in cui tiri fuori dal trolley tutta la roba che hai comprato. La gente vuole sapere, la gente vuole il gol. Premetti che questa volta il 90% degli acquisti, tipo, era tutto per PiKi, da un mini yukata belliFFimo alla qualunque dello Studio Ghibli. E pure che hai avuto poco tempo per girare i negozi nerd, ché dopo due anni di cure massicce di Mandarake e affini per scrivere la guida, sei finito tipo in rehab. Tanto è vero che gli antristi al seguito hanno comprato più roba di te - Michele ti ha già inviato la foto del suo bottino, quando arrivano le altre ne tiri fuori una piccola gallery sui socialcosi - il che include anche dei partecipanti al tour che non avevano mai preso un Gunpla e a furia di sentirvi parlare di mobilesuitti assemblabili hanno ceduto al lato oscuro della BandAHI. Insomma, hai creato dei mostri. Da questa parte, Dottor Manhattenstein, prego, prego. Detto questo, これ, passiamo alle foto, con una verve e una determinazione da omino carrarmatino, però ancora con le rotule [...]

Delle t-shirt avete già visto le foto sui socialcosi, ma comunque. Soggetti: Tiger Mask W, Tiger Mask IV, Go Nagai 50th Anniversary, Jagger di Hokuto no Ken, maglietta commemorativa per il Gundam di Odaiba. Ne hai viste millemila altre bellissime, soprattutto di Evangelion, ma trovare una XL (che corrisponde spesso a una banalissima L di nosotros) è un'impresa, col fatto che i giapponesi sono in buona parte smilzi. E dire che fino a due anni fa ti andavano pure le M nipponiche. Grazie mille, amico cortisone che non sei servito a una mazza di niente se non a farmi diventare l'omino michelin, eh. Ma comunque: il prossimo match di cartello sarà te con la maglia di Tiger Mask (una delle due) contro Zelda. Spoiler per i bookmaker: vincerà il cane panzone, come sempre.
Solo due acquisti sul fronte pupazzame, ma erano due robe che cercavi da tempo. DX Chogokin VF-27y Lucifer, un caccia valkyrie che ti piace un casino, trovato a un prezzaccio per "scatola danneggiata" (micro ammaccatura su uno spigolo, che quando ti hanno mostrato il "danno" ti è è partita una risata diabolica ed eri già lì che sventolavi yen come un Fry di フトウラマ). L'altro scatolotto è Megrez dei Cavalieri dello Zodiaco, l'ultimo Myth Cloth di Asgard che ancora ti mancava (almeno di quelli di cui ti frega qualcosa, il che non include Hilde dei Polaretti, Alcor il gemello candeggiato e Pegasus Odino). Anche qui, "scatola rovinata per finta" = 60 euro, per un esemplare mai aperto! Il povero commesso del Mandarake Complex non ha fatto a tempo a finire la spiegazione che gli stavi già scagliandogli addosso la carta di credito, con una mira e una forza tali che oh, tizie bone di Occhi di Gatto soocare, a un certo punto. 
...
...
Era così per dire, non fate i maiali, torniamo alle foto. #Eghe, pure voi.  
Quei soliti venti chili di libri e fumetti. Da sinistra verso destra: un libro di illustrazioni de Il Castello Errante di Howl, il Roman Album di Devilman, il primo numero del manga di All Out! per il fratello rugbista, un'edizione a colori e di grande formato del primo numero di Ken il Guerriero, la terza parte di una serie di volumetti di recap sul cartone di Harlock (vedi qui), i numeri dal 2 al 4 di Capitan Harlock Dimension Voyage, una rivista sul Puroresu e un mook su Godzilla con tutte le apparizioni del mostro e dei suoi compagni di merende radioattive, dalle origini a oggi. L'hai già detto che vai sempre in fissa con queste mini-enciclopedie nipponiche, sì? Sì, l'hai già detto. 
Queste sono delle cartellette portadocumenti, un'altra roba che compri sempre in quantità industriali, perché occupano poco spazio, pesano poco e sono belliFFime. Da sinistra: Godzilla vs Evangelion, in stile poster da B-Movie anni 50, ancora Godzilla vs Evangelion (per chi non lo sapesse, l'ultimo film di Gozì, Shin Gojira, l'ha diretto Hideaki Anno, per questo all'Evangelion Store c'erano tremila gadget che mescolavano le due IP), Dragon Ball e Kiki - Consegne a domicilio. Uno dei pochissimi gadget Ghibli presi per te e non per il piccolo terremoto. Per gli altri, vedere sotto. 
Gran mucchione 1. Da sinistra: mascherina da ninja per dormire in aereo (e protagonista di un'altra figura dimmerda considerevole, dopo quella sul treno con la signora sorridente), un mazzo di carte di Kiki (c'era pure quello di Una tomba per le lucciole, per una partita tra amici in allegria prima di tagliarsi le vene), due macchinine in metallo della Tomica (Mechabuton di Time Bokan e Lancia Stratos. Non torni mai dal Giappone senza una Stratos di qualche tipo), carte di un trading card game di Gundam, mini Porco Rosso, cartoline di Lady Oscar, con e senza il povero zerbino Andrè, adesivi dei Kinnikuman, adesivi dei Cavalieri d'Oro dell'Orcodiaz. 
Quella scatolina di Gundam è un EX 09 Superior Dragon, mobile suit tamarrazzo convertibile in drago, della linea SD, con piccole parti da assemblare. Foto in arrivo sui socialcosi nei prossimi giorni. Niente Gunpla, ché non c'avevi più spazio, ma il Barbatos Lupus 1/100 l'hai già preso da wargarv. Il Barbatos con la clava è ancora più Sgarbatos. 
Gran mucchione 2. Adesivi metallizzati bellerrimi dalla mostra di Nagai: Goldrake, Jeeg, Devilman. Calamite varie di Godzilla. Fazzoletto/bandiera con il Tiger Mask del manga. Altre card e adesivi. Super Bomberman R per Nintendo Switch, The Puroresu (handheld Bandai sul bresslinz, finalmente trovato a un prezzo non assurdo), penne di Goldrake e Grande Mazinga, spillina di Jeeg. Oh, quasi dimenticavi: e il Playmobil Barbone, che durante il viaggio ti ha vomitato sui vestiti. Cominciamo bene. 

36 commenti:

  1. Grandi acquistoni, complimenti.

    Il Vf-27 è bello ma l'hanno fatto solo in due colorazioni discutibili, rosa per il Lucifer e verde melvato per il carne da connone (molto più brutto). Megrez affaronissimo, complimenti. Trovarlo a quella cifra è difficile. Essendo uno di quelli a corpo bianco ha lo svantaggio (o il vantaggio se lo vuoi usato) che il corpo si può macchiare a contatto con l'armatura quindi per averlo perfetto non deve essere mai stato assemblato o quasi.
    La maglietta con Jagger vince tutto, bellissima.

    PS: "ho preso poca roba..." mi dicevi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, rispetto ai viaggi precedenti è poca :D
      Megrez è nuovo, mai aperto. Il Lucifer mi piace proprio per quel colore, magenta e viola, così diverso da altri valk. Oh, son gusti! :D

      Elimina
    2. Sai che ho gusti classici e personali (dileggiati dalla cumpa) sia sullo stile sia per la colorazione dei robottoni in genere infatti non mi convincono i Gundam super elaborati. Per esempio mi sono appeno preso, sempre dall'ottimo Wargav, 2 gunpla da Gudam Origini: il GunCannon RCX-76-01 e il GunCannon RCX-76-02. Mi faceva figo la coppia.

      PS: il Lucifer sono stato tentato più volte di comprarlo anche io.
      PPS: quando ti vorrai disfare del VF-25f di Alto io ci sono :D

      Elimina
    3. Il Lucipher ce l'ho ed è meraviglioso, hai preso anche la versione "semirenewal" chiamata 1.5, che è la più recente ed ha una serie di migliorie rispetto all'originale, oltre che essere venduta SOLO in bundle con le super parts.

      Megrez OTTIMO, senza viaggio in Nippolandia altrimenti bisognava ricorrere al cero acceso al saintino (ahahaha....emh vabbe) o al mercato dei cloni tarocchi, per trovarlo a prezzi decenti. Il cavaliere preferito di Danilo, ancora ringrazio infinitamente comunque per aver ricevuto il mio preso all'epoca in nippolandia sempre con qualcosa di rovinato (AHAHAHAAH si vabbe come no :D)

      Per le Valk ho belle fresche due DX frontier hayate Custom e in arrivo le draken, che sono uno spettacolo.

      Elimina
  2. Ma non ci fai vedere anche il pupazzame Ghibli per la piccola Piki? Che a noi interessa anche (quando non soprattutto) quello!

    OT ma neanche tanto: Switch devo quindi dedurre che sia senza Region Lock? Ufficiale? L'accendiamo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yepa, region free. E no, i regali di PiKi sono solo per lei, sorry (e già comunque sparsi per mezza casa...).

      Elimina
  3. non vedo l'ora...le recensioni dei giocattoli sono i pezzi che preferisco, c'hanno dentro una passione per queste cose incredibile, cioè a me interessa tutt'altro ma quando le recensisce il doc me ne frega.

    RispondiElimina
  4. Devo ancora leggere tutti gli altri reportaggi di questo giappotour antristico, me tapiRo.
    Rimedierò quanto prima, ma per tradizione aspettavo il report degli acquisti.
    Così pulisco il cell dalla bavetta e leggo tutto il resto ;)

    RispondiElimina
  5. Arriverà anche il post con i film visti in volo al ritorno?

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. ma sono solo io o lo scatolo di bomberman è enorme?

    RispondiElimina
  8. ma sono solo io o lo scatolo di bomberman è enorme?

    RispondiElimina
  9. sbavo durissimo per il DX chogokin (che tra l'altro manco riesco a trovare nelle fiere >:( )

    RispondiElimina
  10. Maestro, a giugno mi recomi in nippolandia per voyage marriage, ho acquisito la illustrissima guida nerd di tokyo per divorziare a tempo record ma non ho trovato consigli sugli alloggi: potresti darmi delle dritte ?
    ciaO!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buona fortuna, trovare posto è sempre più un casino, grazie alle comitive infinite di cinesi... :(

      Elimina
    2. Prova a dormire in capsula , almeno dopo avrai qualcosa da raccontare!!

      Elimina
  11. Tutto bellissimo,le penne di Goldrake e Mazinga le vorrei tantissimo!

    RispondiElimina
  12. La maschera da samurai con i denti dorati accanto a porco rosso?
    Ma il playmobil boia è rimasto inglobato in una cosplayer gipponese quindi? #CiaoneItalia

    RispondiElimina
  13. Io perfortunapurtroppo avevo il limitatore con me, altrimenti avrei comprato la qualunque.

    Ad ogni modo le penne di Goldrake e Mazinga te le invidio fortissimo perché non le ho viste. :_(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Erano parecchio infrattaterrime, in effetti.
      Troppa, troppa roba.

      Elimina
  14. Un buon bottino direi!! Le magliette sono veramente figherrime! Ma il Playmobil Boia alla fine è rimasto li in giappolandia con la sua tittosa morosa?? ;)

    RispondiElimina
  15. la Stratos Alitalia con il numero 1, quasi sicuramente è quella di Munari che vinse il Montecarlo 1977... anno in cui - come si sa - la diabolica Fiat decise di ritirare l'arma vincente, per lanciare la 131 Abarth!!! ...ma la Stratos se ne fregò e continuò a essere vincente fino al 1981! (n.d.PDFF che sta per precisone della Fiat/Fungia)

    RispondiElimina
  16. Noi deboscia si aspettava un gol del genere, in effetti. Arigato, Doc-sensei!

    RispondiElimina
  17. Se la XL nipponica corrisponde ad una nostra L, posso già scordarmi di acquistare T-shirt in un eventuale viaggio in Giappone (>_<")

    Il resto di acquisti è da salivazione aumentata a sproposito, come ogni volta (^_^)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo grossomodo si le taglie le devi considerare almeno una in meno (l=m, Xl=l etc)

      Elimina
    2. Stesso ragionamento vale per le t-shirt prese dai siti cinesi. In quel caso la L corrisponde anche alla XXL.

      Elimina
    3. Il mio maestro di king fu dell' epoca mi diceva sempre con somma soddisfazione che era valido anche per le conchiglie proteggi testicoli

      Elimina
  18. Ah Doc, hai scritto talmente tante fantastiche cazzate durante il viaggio che non ci siamo nemmanco accorti che eri partito ... viva l' uomo carroarmato!!

    RispondiElimina
  19. nippoacquisti di un grandissimo livello direi. Attendo con ansia la recensione del valkyrie lucifer.

    RispondiElimina
  20. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  21. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  22. Anche tu,vedo, sei un fan delle cartellette portadocumenti: anche io ne riporto sempre qualcuna, diciamo.
    Belle le penne e, soprattutto, la spilla di Jeeg: sono gli oggetti che di solito prediligo alle varie mostre di anime e manga che ho visitato là in Giappone. Lo shop finale rules, meno il portafogli euroyen.
    Belle le magliette: è un vero peccato che Uniqlo abbia smesso di farle, quello tratte da anime e manga. Spero che riprenda. Anche se ne ho davvero troppe, oramai.

    RispondiElimina
  23. Gundam Crossover Universe ( il gioco di carte ) e' una bomba ! Peccato che Bandai abbia deciso : regolamento disponibile on line in inglese e carte rigorosamente in Giapponese senza alcuna traduzione . Alcuni gruppi stanno lavorando ad un fan sub ma le carte sono circa 4000 .....

    RispondiElimina
  24. Tutta roba fica, ma il "Godzilla vs Evangelion" se li magna tutte :D

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails