venerdì 31 marzo 2017

91

La corsa di Atreyu (Fancuore, Gmork)

Sappiamo come funziona. Quando la gente non sogna più, non crede più, il Nulla avanza. "Inghiottendo la fantasia, quale che sia la vocale su cui piazzi l'accento". Atreyu ha perso la speranza dopo la morte di quello stupido, stupido cavallo, sprofondato nelle paludi della tristezza. Sa che non può battere Gmork, eppure affronta lo stesso la belva. E vince. 

Kyoto, una decina di giorni fa, due e mezza del mattino. Hai appena finito di scrivere un articolo. Sonno zero, pensieri troppi. Scendi a fare due passi, per condurre una piccola ronda fino al conbini di fronte all'albergo: magari vai a sfogliare un po' di riviste o comprare un gelato al tè verde, come fai sempre. Fischietti la prima cosa che ti viene in mente, sostituendo la parola Casbah con Kansai in uno dei più noti successi della band di Joe Strummer. Il silenzio è rotto solo dal sibilo stealth di qualche auto ibrida. L'aria è fresca, ma non gelida. Un venticello leggero solleva le foglie, pettinando gli alberi del viale e i pensieri confusi che ruotano nella tua testa da gaijin. Sei lì anche perché sei fuggito dal nero. Dai nuvoloni cupi, dalla depressione, dalla resa incondizionata agli eventi, dal tuo personalissimo Gmork. 

Ti hanno detto che non potrai più farlo. Che non potrai più correre, nuotare, fare un sacco di altre cose. Che dovrai abituarti a quel dolore che ti morde per tutto il giorno, tutti i giorni, perché non c'è una cura. Non dovresti, nossignore, non dovresti proprio, eppure lo fai. E vinci [...]

Hai addosso una felpa da ninja e i pantaloni della tuta. Ai piedi le solite nike da running. C'è l'aria giusta, c'è il vuoto giusto, c'è che all'improvviso realizzi che se proprio devi convivere con questa belva, lo farai a modo tuo, e che cazzo. 

Inizi a correre. 

Il dobermann ti azzanna subito, facendo del suo peggio. Te ne sbatti, continui. Hai teorizzato più volte il momento Going the Distance di Bill Conti. Il Rocky interiore, lo sforzo che vale una vita. Quando partono gli squilli di tromba e non importa quello che pensi, quello di cui hai paura, quello che dicono gli altri. Non importa niente: chiudi gli occhi, sbatti i pugni uno contro l'altro, come un Hiroshi senza campana nel petto, e lo fai. Questo, incorniciato dalla notte di Kyoto, è esattamente uno di quei momenti lì. 

Giri tre volte l'isolato, disturbando il sonno di un corvo mostro gigante che monta la guardia all'ingresso di un piccolo tempio, immergendo i piedi nel neon blu che copre la base di un palazzo bianco precipitato dal futuro, ricoprendo con un tap tap tap tap sincronizzato con i tuoi battiti il rumore bianco della metropoli che dorme. Il cielo viola ti guarda, ma non ti giudica. 

Qualche minuto dopo sei sotto la doccia. Ce l'hai fatta. Non muovi quasi più le gambe, ma ce l'hai fatta. Il cuore ti scoppia nel petto come due soli all'astroscontro, ti senti il re del mondo. E forse è il vapore dell'acqua bollente che ti si condensa sotto le occhiaie, o forse no, è proprio che stai piangendo. 

Hai steso Gmork. 

Per lo sforzo ti tremano ancora tutti i nervi, ma ce l'hai fatta. È il momento di uscire dal nero, ti dici. Di non fare più di tutto un unico problema e lasciarti mettere sotto. Di non farti più scivolare le cose addosso, in mezzo alla corrente, come hai fatto per mesi. Di rialzare la testa, di riprendere a correre, in tutti i sensi. Di respirare. You gotta believe, come diceva il filosofo Parappa da Fogliodicarta. 

Da quando sei tornato hai corso tutti i giorni. Due chilometri scarsi alla volta, niente rispetto a quelli che macinavi ogni mattina all'alba prima di tutta questa brutta storia, quando correre ti faceva sentire vivo, in pace con il mondo e legittimato ad ascoltare playlist di cui normalmente ti saresti vergognato. Ma pur sempre due in più di quanto pensavi fosse possibile. Stringi i denti e corri. Finché ce la fai, finché non arriva in cuffia l'ultimo brano dei Cure che ti piace davvero, finché quello stupido, stupido cavallo non torna indietro dalla palude, finché ce n'è. 

Arriveranno le crisi, arriveranno i giorni in cui non ce la farai ad alzarti dal letto, i momenti in cui il dobermann ti azzannerà dalle scapole ai piedi, fottuto canecyborg sadico. In cui la tristezza e il nero torneranno ad affacciarsi tra un orecchio e l'altro. Ma non ti arrenderai. È il metodo Atreyu, e funziona. Ti hanno detto che non puoi fare più un sacco di cose, ti hanno detto che devi rassegnarti. La tua risposta, a lungo, è stata: ok. La tua risposta ora è: fancuore, manco per il cazzo.



Quando partono gli squilli di tromba, non importa niente: chiudi gli occhi, sbatti i pugni uno contro l'altro, e ti riprendi la tua vita, un pezzetto alla volta. 



91 commenti:

  1. Eddaje, playlist gasanti a palla e pedalare alla faccia di tutto.

    RispondiElimina
  2. Sì, si può fare per davvero. Bravissimo Doc :)

    RispondiElimina
  3. "Lo chiamavano Jeeg Robot" doveva essere il titolo della tua biografia.
    Felicitazioni Doc!

    RispondiElimina
  4. Grande, semplicemente.

    E a margine, William Gibson è sicuramente fiero di te

    RispondiElimina
  5. Grande !!!! Un abbraccio, e.... grazie!

    RispondiElimina
  6. Congratulazioni Alessandro. E' stato un passo difficilissimo e qui sul club della deboscia siamo tutti con te.

    RispondiElimina
  7. Non ho parole. Stralcio di vita vissuta raccontato in maniera incredibile. Hai tutta la mia ammirazione e rispetto (per quel che vale ;-)).

    RispondiElimina
  8. A c@zzo dritto! Un saluto!

    RispondiElimina
  9. Il chip neuronale del Dottor Manhattan non è adatto alla corsa, ma lui non è studiato in elettrobiologia e corre lo stesso, conquistando stima e rispetto dai debosciati e cinquinizzando quelli che gli dicono di lasciare la corsa a Forrest Gump!

    RispondiElimina
  10. Tieni duro! Siamo tutti con te!

    RispondiElimina
  11. Doc, che bellezza ste parole. Da GME proprio, almeno per me. Io mi sto facendo una stupidissima riabilitazione post intervento, eppure ci sono un sacco di persone che mi dicono che non salterò più come prima, non correrò come prima, etc. Fancuore. E quei giorni che mi sembrerà troppo dura, che avrò tanti doloretti, tornerò a leggere questo post. Hold fast, Doc.

    RispondiElimina
  12. Grande voglia di vivere,complimenti

    RispondiElimina
  13. Da possessore di una malattia con effetti analoghi ti sono molto vicino ma bisogna trovare sempre la forza di alzare gloriosamente il dito medio di fronte a queste situazioni, non rivolgerlo a chi ti sta vicino e ti è caro e andare avanti. Go Go Go Doc !

    RispondiElimina
  14. Grande Doc, il tuo Ghost è molto più forte dello Shell!! Continua così, ma non esagerare!! Te lo dice uno sportivo ormai sul viale del tramonto, tutto rotto e dolorante, stile Tom Berenger in Major League.

    RispondiElimina
  15. Massimo rispetto da parte mia. Per tutto quello che fai e per la tua volontà nel gestire queste situazioni.
    Un flashback davvero emozionante.
    Grazie per avercelo raccontato.

    RispondiElimina
  16. Non lasciare mai che qualcuno ti dica cosa puoi o non puoi fare. Che sia una persona o che sia a maggior ragione un male di qualsiasi genere.
    La vita è una e va vissuta un passo alla volta , sempre avanti.E tu Doc , stai andando alla grande....

    RispondiElimina
  17. 92minutidiapplausi...scritto così,tutto di un fiato,come la tua corsa..

    RispondiElimina
  18. Possiamo conoscere la tua attuale playlist da corsa?

    RispondiElimina
  19. Minchia che bomba sto pezzo.

    Dai doc! Riuscire a riempire la vita di bellezza e di piccole grandi gioie personali è secondo me il vero antidoto ad ogni tipo di morte.

    RispondiElimina
  20. Andrea Pazienza diceva che "indietro non bisogna andarci neanche per prendere la rincorsa".
    personalmente la ritengo una cosa giustissima.
    Rispetto e stima, corri Doc, corri!!!!

    ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. PS.: Doc, metti un po di death metal nella play list che funziona!!!!
      Magai Amon Amarth...

      Elimina
    2. A te, o fratello del Metallo appassionato di fitness:
      https://metalskunk.com/2010/07/12/no-pain-no-gain-10-dischi-spaccosi-per-spaccarsi-in-palestra-prima-parte/

      Elimina
    3. Grande Cattivone, lo metto subbito (con 2 b)!!!

      Elimina
  21. ogni tanto mi ricordi perchè, negli ultimi anni, quando sono schiacciato dal terrore nero, quello brutto e sordo, ti leggo e mi passa tutto. sursum corda ragazzo

    RispondiElimina
  22. E poi ti stupisci se la gente ti vuole offrire una birra... ;)

    RispondiElimina
  23. Così Ale! Un passo alla volta, un pugno alla volta (cit.) Arrendersi mai, e rialzarsi anche quando il dolore non è nei pugni o nei muscoli ma è nel cuore. ;)

    RispondiElimina
  24. In gamba Doc. Se riprendi a fare qualcosa che ti piace non possiamo che incoraggiarti. E pazienza se i post arriveranno un po' piú tardi :D

    RispondiElimina
  25. Con questa canzone devi immaginarti che corri e tutto L'Antro dietro che ti sostiene.... Mai mollare!

    RispondiElimina
  26. un mito! e un grandissimo esempio! vaiiii!!!

    RispondiElimina
  27. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  28. grande doc anche se spesso in silenzio hi tutto il mio sostegno e la mia ammirazione

    RispondiElimina
  29. il dolore che senti è solo la fiamma che alimenta il tuo cuore, il tuo Burning Heart

    Nel codice dei guerrieri

    Non c'è resa

    Anche se il tuo corpo dice basta

    Il tuo spirito grida - mai!

    Nel profondo della nostra anima

    Una quieta brace

    Sai che sei tu contro te stesso

    E' il paradosso

    Che ci conduce

    E' una battaglia di volontà

    Nel fervore di un attacco

    E' la passione che uccide

    La vittoria è soltanto tua

    RispondiElimina
  30. Per la serie MY WAY E FANCUORE A TUTTI.
    Non c'e' playlist che tenga, quando ti parte la musica da dentro, nel momento in cui superi il tuo limite.
    E per quelli della nostra generazione e sempre una di ROCKY.
    Fantastico, c#zzo.
    Non mollare mai , Doc!!

    RispondiElimina
  31. Grande Doc! Mai arrendersi! Bisogna strappare ogni cosa a questa vita con le unghie e con i denti!

    RispondiElimina
  32. Forse sono vecchio e ripeto quel che ho già detto ma comunque piccola nota autobiografistica.
    Anni fa mi feci malissimo alla schiena, dolori su dolori. Andai dall' ortopedico ( considerato un luminare) che mi disse che avevo la schiena finita, che non avrei alzato più niente e avrei fatto meglio a rassegnarmi. E non fu l' unico.

    Siccome l' idea di restare mezzo invalido debole e malmesso per il resto della vita proprio non si addiceva all' immagine che avevo di me , mi sono messo al lavoro e ho trovato una soluzione facendo praticamente tutto il contrario di quello che mi avevano detto di fare i vari allenatori e ( supposti ) esperti vari.

    Adesso alla faccia del primario di ortopedia
    https://www.facebook.com/riccardo.thiella/videos/vb.1097062734/10210418629037509/?type=2&theater
    Sono 48 kg.
    Dolori spariti , alzo quel che mi pare compresa mia moglie quando facciamo ballo acrobatico a casa.
    E ho fatto il muratore un anno.

    E te ne avevo già parlato Doc, se ti interessa ti inizio alla pratica, magari non risolvi una mazza ma un pò di forza in più fa sempre comodo nella vita, tipo se devi aprire le bottiglie del pomodoro , traslocare , distruggere una porta incastrata o minacciare il testa di minkia che importuna tua moglie che è meglio se la lascia stare.


    PS non sono antivaccinista, non sono naturalista, vegano , omeopatofilo o atre minkiate. Sono un ingegnere e credo a ciò che la sperimentazione e la scienza mi dicono . Peccato però che talvolta la scienza ( o meglio l' incompetenza di supposti scienziati ) dica una cosa ed anche il contrario, ed allora devi decidere a quale professionista affidarti , sulla base dell' idea che ti fai usando il cervello.

    RispondiElimina
  33. Doc, sono fottutamente orgoglioso di te! Riprendendo una citazione, un passo alla volta, un pugno alla volta, una ripresa alla volta. E' così che si fa nella boxe. E' così che si fa nella vita.

    RispondiElimina
  34. Una mia amica ha fatto un incidente con lesione della spina dorsale e le avevano detto che non avrebbe più potuto camminare... in 3-4 mesi era di nuovo in piedi.

    p.s.: quindi, Doc, hai rischiato di lasciare i tuoi commilitoni da soli se per caso il dobermann avesse vinto?

    RispondiElimina
  35. Non si tratta di arrendersi, ma di rassegnarsi, cosa probabilmente peggiore, ma per fortuna conosco molte persone che hanno continuato a combattere, nonostante rassegnarsi fosse qualcosa che esse stesse avrebbero voluto.
    Ci vuole una bella forza di volontà per vincere tutti questi pensieri, complimenti.

    RispondiElimina
  36. Grande Doc. Profonda stima e ammirazione!

    RispondiElimina
  37. Razzo, si!
    E, oh, puoi pure brindare alla vittoria con una birra, cosa impensabile tempo fa :)

    RispondiElimina
  38. Un pezzo bellissimo, sia per la speranza e la forza che comunica, sia per come è scritto.. Mia moglie da quasi nove anni combatte con la sclerosi multipla con una forza incredibile. Stiamo insieme da 10 anni e sposati ds 5. E questo post mi ha commosso..
    Grazie

    RispondiElimina
  39. Una volta parlammo di esoscheletro. Lo volevi in adamantino, ti dissi "acciaio e gomma! E pedalare". La gomma la metti ai piedi, ma l'acciaio devi trovarlo dentro di te. Ce l'hai fatta, bravo.
    Solo, non farlo più di notte in un pur civilissimo paese straniero.
    You gotta believe, you ain't gotta be careless...

    RispondiElimina
  40. Beh ma a kyoto é più facile che arrivi Godzilla che ti succeda qualcosa di notte:)

    RispondiElimina
  41. Ti ammiro Doc per come affronti il dobermann.
    Ti leggo da un paio di mesi, ma devo dire che l'antro è ormai un appuntamento serale fisso
    Non mollare!

    RispondiElimina
  42. Grande, Doc! Nulla è scontato, ma se riesci a educare una Piki in carne ed ossa (oltre a decine di milioni di debosciati virtuali) di certo la forza interiore non ti fa difetto _\m/

    RispondiElimina
  43. がんばれ.
    [troppo sintetico,I know, ma giornato no, oggi]

    RispondiElimina
  44. Grande Doc, tieni botta, per te, per la tua famiglia, per fuggire dai killer in moto, per cancellare conigli/cazzetti, per vincere una bambolina al giro inferno, per le luci al neon che si ostinano a rimanere accese sotto una pioggia scrosciante di bit, per il 42, per il dolore che ti ricorda di essere vivo ma tu hai una memoria della luiseveronica e quindi potrebbe pure andare affarferie, per tutto il pesce che prima o poi dovremmo tutti ringraziare per, intanto tieni botta
    E che magari domani vado a correre pure io e dal largo dei miei ciento e passa quili ti dedico un po' del mio fiatone

    RispondiElimina
  45. Lacrime a gli occhi.
    Doc, mi fai gasare come una bestia.
    Continua.
    Continua.
    Continua, pezzo per pezzo!!!
    Un abbraccio immenso.

    RispondiElimina
  46. Doc, che bellezza ste parole. Da GME proprio, almeno per me. Io mi sto facendo una stupidissima riabilitazione post intervento, eppure ci sono un sacco di persone che mi dicono che non salterò più come prima, non correrò come prima, etc. Fancuore. E quei giorni che mi sembrerà troppo dura, che avrò tanti doloretti, tornerò a leggere questo post. Hold fast, Doc.

    RispondiElimina
  47. 8 anni fa mi sono sfasciato e mi avevano detto che non sarei mai stato come prima. Avevano ragione. Sono meglio! Non mollare!

    RispondiElimina
  48. soffro di emicrania aurale,ti arriva addosso di colpo,non riesci a parlare,,ci vedi male,non riesci a usare una mano... e poi ti esplode la testa... poi passa... e non sai quando torna.. pero' te ne freghi e vai avanti..ti capisco...continua cosi'.. scusa l'anonimato.. ma non scrivo mai in rete. J.D.

    RispondiElimina
  49. Respect, Doc.
    La forza di volontà può tutto e lo stai dimostrando.

    RispondiElimina
  50. Grandissimo Doc, conosco la sensazione nel mio piccolo... Quante volte una sfida ci è sembrata insuperabile, quante volte il medico ci ha detto che quella cosa non avremmo più potuta farla? E invece fregacazzi, prendi il coraggio a due mani e la paura a testate... Quindi complimentissimi!

    RispondiElimina
  51. eroico doc, eroico davvero!
    daje e corri, corri contro il vento!

    RispondiElimina
  52. ti voglio bene Doc!
    perchè anche stasera che la mia vita mi sta distruggendo mi vengo a riposare qui nell'antro e trovo questo post(erano due giorni che non passavo...ti ho detto periodo di melma paura del futuro e di aver fatto scelte sbagliate:probabile vagonata di sofferenza e tristezza in avvicinamento che andrà a fare compagnia a quella già presente)...
    e niente trovo questo post e sorrido,di nuovo.
    ti voglio bene Doc grazie per quello che fai.
    corri! che adesso ricomincio a correre anxhe io!

    RispondiElimina
  53. Gli hai fatto male! Adesso ha paura, lo hai ferito, gli hai fatto male capito?
    Vai doc!

    RispondiElimina
  54. Dio mio, un colpo al petto. Ma di quelli che ti fanno bene, anche se stai male. Vai Doc, corri! che noi da qui tifiamo tutti per te, ai lati della strada!

    RispondiElimina
  55. Eccazzo, si! Un passo e un dito medio alla volta, così si fa: stendilo e non permettergli di rialzarsi!
    Go Go Power Doc (ma stai sempre attento, ok?) ;)

    RispondiElimina
  56. https://g.co/kgs/BqEE6w

    Così, Doc.

    RispondiElimina
  57. come si dice? Un passo alla volta...
    Grazie di tutto, sempre

    RispondiElimina
  58. la scena è questa: io in piedi, serio che ti applaude. Che muovo la testa in un ritmico e lento gesto di assenso dedicato a chi merita rispetto e te lo meriti.
    "La volontà vince sul fisico" ci hanno sempre insegnato. Finché non lo provi non lo sai.
    "puoi stare al 100% fisicamente ma se non hai la testa non rendi un razzo". Finché non l'hai sperimentato con il fisico a pezzi e il punto fisso del traguardo all'orizzonte che occupa tutti i tuoi pensieri non lo capirai mai.
    Un abbraccio virtuale da parte mia perché il grande risultato non è solo fare di più quando fai già tanto ma è anche ricominciare quando non speravi neanche.

    RispondiElimina
  59. Lo sapevo che prima o poi sarebbe arrivato il post che ti spinge a "spingere" i tasti per scrivere il tuo primo commento dell'Antro ed uscire dall'ombra! Anche io sono un tuo coetaneo con una figlia di pochi anni che ha ricominciato a correre da pochissimo. Le passioni sono quelle tipiche del più classico degli antristi: videogiochi, fumetti, anni '80 etc. etc. Visto il poco tempo a disposizione, mi tocca correre la mattina alle 6! Non starò a scrivere che la mattina vedi il sole sorgere, la città che si sveglia....io alle 6 ho un fottutissimo sonno e l'idea che dopo devo andare pure a lavoro mi rende ancora più pesante l'allenamento! Questa mattina però verso il terzo chilometro dei 5 percorsi, quando il fiato diventava sempre più corto, per andare avanti ho pensato a questo post ed è servito! Facciamoci forza a vicenda Doc! ogni tanto scrivi dei tuoi allenamenti oppure facciamo una comunity con Runtastic o altre applicazioni simili. Dai che ce la facciamo!! P.S. ma ora che vieni a Roma non ce la fai a vedere anche la mostra Game On 2.0 sui videogiochi vintaggi?

    RispondiElimina
  60. Esco anche io dall'anonimato dopo tempo immemore,come qui hanno già fatto tutti quelli che non hanno ancora un cuore del tutto meccanicizzato,per farti il tifo e unire anche la mia voce all'immenso coro che ti sostiene.
    Sempre avanti,chi si ferma ha perso.

    RispondiElimina
  61. ah ma che belle cose. vita vera, emozioni vere. giù te giù noi.

    RispondiElimina
  62. Rispetto e affetto, Doc. Questa è una delle cose che più mi ha fatto piacere leggere da un bel po'... :-)

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails