mercoledì 21 dicembre 2016

102

20 cose che forse non sapevate su Rogue One: A Star Wars Story

Rogue One Star Wars trivia curiosità collegamenti
E ok, dopo la recensione della settimana scorsa, ecco anche un 20 cose che forse non sapevate su... dedicato a Rogue One: A Star Wars Story. Curiosità, citazioni e connessioni con altri film, della saga... e non. Tipo? Beh, tipo Alien. Ovviamente i trivia su ogni film di Star Wars, come si diceva per i 20 cose de L'Impero colpisce ancora e Il ritorno dello Jedi, sono un'infinità, perciò hai cercato di strizzarcene il più possibile nei 20 slot a disposizione. Ah, ovviamente spoiler a pioggia [...]


20 - Quando Krennic, essendo un inutile inetto, corre a fare il piangina da Vader perché vuole gli siano riconosciuti i meriti del progettone sicuro (#credici) della Morte Nera, scopriamo che Darth Vader abita… in un castello? Costruito su un vulcano? Yep. Non si tratta però di qualcosa inventato per l’occasione, ma di un’idea in ballo da più di 36 anni

Questi concept vennero realizzati infatti da Ralph McQuarrie durante la pre-produzione de L’Impero colpisce ancora. Lo spunto non fu utilizzato per il film, ma venne riciclato in seguito nell’Universo Espanso con il Bast Castle, rifugio di Vader su un ameno pianeta massacrato dalle piogge acide noto come Vjun. Nella nuova continuity il castello sorge proprio su Mustafar, il pianeta vulcanico su cui Anakin Skywalker si trova tantissimo a suo agio, guarda, visto che proprio lì Obi-Wan lo aveva lasciato a fare un bagno di bellezza nella lava in Episodio III.
19 - Il costume designer di Rogue One (e supervisore dei costumi di Episodio VII ed Episodio VIII), Dave Grossman, ha dichiarato che in Rogue One sono stati riutilizzati anche alcuni costumi della trilogia originale. Quindi bozzetti, costumi… e che altro hanno riciclato? Delle sequenze del primo film riesumate dall’archivio Lucasfilm. Come ha avuto modo di apprezzare in sala ogni vero fan, alla battaglia di Scarif partecipano infatti anche Jon “Dutch” Vander e Garven “Dave” Dreis - Gold Leader e Red Leader, alla guida dei loro squadroni rispettivamente di Y-Wing e X-Wing - grazie a del girato del primo Star Wars relativo alla battaglia di Yavin. I due, interpretati da Angus MacInnes e Drewe Henley, sono sopravvissuti quindi alla battaglia di Scarif, riuscendo a mettersi in salvo prima dell’arrivo della Morte Nera… ma entrambi cadranno nella battaglia di Yavin, abbattuti da Darth Vader.
Sempre a proposito dei piloti ribelli, in Rogue One scopriamo come mai il posto di Red Five era vacante in Una nuova speranza, dove quel nome in codice viene preso da Luke Skywalker: il Red Five precedente dello squadrone rosso, Pedrin Gaul, lo si vede schiattare in Rogue One.
18 - Oltre agli squadroni rosso e oro, nella battaglia di Yavin vediamo impegnato anche un Blue Squadron composto da X-Wings. Luke Skywalker e compagni avrebbero dovuto far parte di una squadriglia blu in Episodio IV, ma i limiti tecnologici dell’epoca portavano il blu dei loro caccia Ala-X a fare a cazzotti con il blue screen. Perciò rosso per tutti, e astropedalare. 
Il Leader del Blue Squadron di Rogue One è Antoc Merrick, interpretato dai baffi di Ben Daniels, attore inglese visto in svariati film e serie TV,
in particolare come love interest della signora Underwood nella prima stagione di House of Cards e di recente come il Padre Keane di The Exorcist (il telefilm Fox).
17 - Ma le vecchie conoscenze che appaiono in Rogue One non si limitano ovviamente ai piloti ribelli. Su Jedha la protagonista del film, Jyn, si imbatte in quei due brutti ceffi del Dr. Cornelius Evazan (un ex chirurgo estetico che ha dato di matto. No sul serio) e di Ponda Baba. Poco dopo, gli stessi due tizi proveranno ad attaccar briga con Luke nella Cantina di Mos Eisley su Tatooine (Episodio IV),
dove Obi-Wan Kenobi affetterà un braccio di Ponda Baba. Così, per simpatia. 
Ovviamente non poteva mancare il solito cameo di C-3PO e R2-D2, gli unici personaggi della saga ad essere apparsi in tutti i film (o almeno in quelli canon, e le due pellicole degli Ewoks non lo sono più da tempo). Questo fa di Anthony Daniels (C-3PO) l’unico attore presente in tutti e otto i film.
Nella base ribelle su Yavin 4, tra la calca di Jedda e nella struttura imperiale su Scarif si intravedono molti altri droidi, come un Gonk (o GNK power droid, quello a forma di scatoletta con le gambe), R4-M9, l’astromech R5-X3 e diversi altri.
16 - A casa degli Erso su Lah’mu, all’inizio del film, si vede in cucina un contenitore con del latte blu, la stessa bevanda portasfiga-in-famiglia che tracannano Luke e suo zio in Episodio IV. Per chi se lo stia chiedendo, si tratta di latte di Bantha.
Mmmhhh, appetitoso! 
15 - Chirrut Imwe (Donnie Yen), lo Zatoichi della banda di Jyn Erso, viene indicato da Cassian Andor (Diego Luna) come uno dei “guardiani del Whills”, un culto religioso incentrato sulla Forza. Si tratta di un omaggio a un nome che risale agli albori di Star Wars nella testa di Lucas, quando il regista pensava di intitolare il primo film “The Journal of the Whills”. L’idea era quella di raccontare una storia non solo avvenuta in una galassia lontana lontana un botto di tempo fa, ma che avesse anche un alone di mito alla Tolkien. 
“Journal of the Whills. This is the story of Mace Windy, a revered Jedi-bendu of Ophuchi, as related to us by C. J. Thorpe, padawaan learner to the famed Jedi” si legge su questo appunto di Lucas alle origini di tutto. Il nome Whills fa quindi capolino in varie versioni del copione, prima di sparire del tutto. 
Nel romanzo tratto dal primo film, scritto da Alan Dean Foster, però, l’introduzione si chiude citando il “Journal of the Whills”. Le ultime due foto vengono da questo sito, dove potete trovare una cronaca più dettagliata di tutta la faccenda.
14 - I cristalli Kyber, come quello che Jyn porta al collo, debuttarono in un altro romanzo di Alan Dean Foster, uscito nel ’78: La gemma di Kaiburr (Splinter of the Mind's Eye). Questi cristalli vengono utilizzati sia per le spade laser (quello nella lightsaber di Kylo Ren è scassato, genera troppa potenza e quindi ha reso necessari due “sfiati” laterali, la famigerata elsa laser), 
sia per il superlaser della Morte Nera, sviluppato da Galen Erso, il padre di Jyn. Ecco perché il raggio della Morte Nera sembra una lightsaber gigante. I cristalli Kyber sono di sette colori diversi, il che spiega l'ampia gamma cromatica di spade laser, dal blu di quella di Obi-Wan al viola di quella di Mace Windu…
13 - Ad eccezione del prologo, che si svolge sedici anni prima, Rogue One è ambientato solo pochi giorni prima degli eventi di Star Wars Episodio IV e cinque anni dopo Star Wars Rebels (2014). Star Wars Rebels è la serie animata in computer graphic di Disney XD e i collegamenti con Rogue One sono diversi, a cominciare dalla Ghost/Spettro - la nave della pilota Twi’lek chiamata Hera Syndulla, parte della banda di Rebels - che si intravede all’esterno della base ribelle su Yavin 4 e durante la battaglia di Scarif. A un certo punto, nel covo dei ribelli, si sente citare "il Generale Syndulla", che potrebbe essere sia Hera che ha fatto carriera (anzi, carriHera, oh oh oh), sia suo padre Cham (The Clone Wars).
Un altro collegamento è rappresentato dagli Hammerhead, incrociatori visti nella seconda stagione di Star Wars Rebels oltre che - in una versione leggermente diversa - nel celebre videogioco BioWare Star Wars: Knights of the Old Republic (alias KOTOR) nel 2003. È proprio un Hammerhead a speronare uno Star Destroyer imperiale, mandandolo a spatafasciarsi contro un suo altrettanto imbracchiato gemello dopo aver messo il turbo.
Quando un responsabile delle comunicazioni dell’alleanza ribelle corre ad avvertire Mon Mothma (di lei parliamo più avanti) della battaglia in corso a Scarif, si intravede infine Chopper, nomignolo di C1-10P, l’astrodroide della Ghost in Star Wars Rebels.  
12 - Si tratta del primo film della saga senza lo Star Wars opening crawl, il classico testo che scorre verso l’alto, realizzato nei primi film in modo ESTREMAMENTE analogico. Rogue One è in compenso anche il primo in cui appare sullo schermo il nome di ciascun pianeta. 
Eadu e, sotto, LV-426
A proposito della qual cosa, il pianeta di Rogue One su cui muore il padre di Gyn, Eadu, è un omaggio dichiarato del regista Gareth Edwards a LV-426, il planetoide di Alien/Aliens, mentre il pianeta in cui i ribelli salvano Jyn dal campo di prigionia imperiale si chiama Wobani, anagramma di Obi-Wan
Già, Obi, fa questo effetto. Il pianeta Lah’mu, dove vive all’inizio la famiglia Erso, era già apparso in un recente romanzo collegato a Rogue One, Catalyst: A Rogue One Novel, insieme ad alcuni personaggi chiave del film, come Krennic (Ben Mendelsohn)
11 - Uniformi imperiali bianche come quella di Krennic sono apparse sin dal primo film di Star Wars, dove la indossava (senza mantello da illusionista, però) il Colonnello Wullf Yularen
quel tipo con i baffi bianchi a bordo della prima Morte Nera.
10 - In Rogue One vediamo per la prima volta Darth Vader a bagnomaria nella vasca medica piena di bacta, una sostanza che accelera la guarigione, 
già usata per Luke nella trilogia originale e apparsa varie volte nell’universo espanso. 
Qui ad esempio, su Lando #5 (Marvel, 2015), albo pubblicato anche in Italia da Panini e parte del nuovo canon, Lando Calrissian lo usa per salvare l’amico Lobot. L'hai scoperto esaminando giornali tipo Lando, appunto.
Tornando a Vader, non solo scalcia culi a nastro per quel poco che appare sullo schermo, ma è anche l’unico a maneggiare una spada laser in Rogue One. Questo significa di conseguenza che si tratta anche dell’unico film canon senza spade impugnate dai buoni, oltre che senza Jedi. 
9 - L’assoluto mattatore del film? Il fighissimo K2 (nome completo K-2SO), il robot interpretato grazie al motion capture da Alan Tudyk
Non un'esperienza nuova per l’attore, visto che nel 2004 era già stato il robot Sonny in Io, robot con Will Smith. K-2SO è un droide di sicurezza classe KX, o “enforcer droid”, droidi imperiali apparsi per la prima volta in un gioco per iOS del 2014, Star Wars: Commander
8 - Nell’alleanza ribelle appaiono due personaggi della trilogia originale, interpretati però - a differenza di Tarkin e Leia, vedi sotto - da altri attori. Il primo è Mon Mothma, la leader dei ribelli, che ne Il ritorno dello Jedi aveva il volto di Caroline Blakiston. Nel 2005, Genevieve O’Reilly era stata chiamata a interpretare una Mon Mothma più giovane per Star Wars: Episodio III - La vendetta dei Sith, anche se quella scena era stata tagliata in fase di montaggio. Undici anni dopo, la O’Reilly è tornata al personaggio per Rogue One
L’altro è il generale Jan Dodonna, che in Una nuova speranza era Alex McCrindle e in Rogue One è invece Ian McElhinney.
Esatto, il Barristan Selmy di Game of Thrones
Alla riunione di condominio dell'alleanza ribelle ritroviamo anche il senatore Bail Organa (Jimmy Smits), padre adottivo della principessa Leia visto in Episodio II ed Episodio III. Prima di tornarsene ad Alderaan, pianeta che resterà sulle cartoline galattiche solo per qualche giorno, Organa parla di un suo amico Jedi (Obi-Wan), menziona una donna di cui ha fiducia per nascondere i piani trafugati (Leia) e chiede al “Capitano Antilles” di preparare la sua nave.
Il capitano in questione non è Wedge, ma Raymus Antilles, che è di Alderaan come Organa e verrà strangolato poi da Darth Vader in Una nuova speranza. Lui e il più noto Wedge Antilles non sembra siano parenti (non hai trovato da nessuna parte una conferma in tal senso). In compenso, come noto, Denis Lawson (Wedge) è lo zio di Ewan McGregor (Obi-Wan nella seconda trilogia).
7 - E veniamo a una delle faccende più spinose di Rogue One, la resurrezione digitale del Grand Moff Tarkin, oltre vent’anni dopo la scomparsa di Peter Cushing. La sua faccia in CGI è stata appiccicata su quella dell’attore Guy Henry (Harry Potter e i doni della morte). L’altro volto digitale è quello della giovane Leia Organa - incollato sul corpo di Ingvild Deila, attrice norvegese apparsa anche in Avengers: Age of Ultron - ma il caso di Leia è chiaramente diverso: Carrie Fisher non solo è viva e vegeta, ma ha preso anche parte al nuovo corso cinematografico della saga, Cushing è passato a miglior vita nel ’94
La domanda è: basta un ringraziamento nei titoli di coda per consentire un’operazione di tal genere? Se ne discuteva anche qui sull'Antro, nei commenti in calce alla recensione, e se n’è discusso molto in tutto l’internet nell’ultima settimana. Dunque. Cushing non ha lasciato eredi e delle sue proprietà si occupa il suo ex segretario, che ha firmato l’accordo con Disney per l’utilizzo del volto dell’attore. Legalmente è quindi tutto ok, ma moralmente? Boh. I dettagli in questo articolo di Variety, dove si citano anche i tanti precedenti, come Forrest Gump.
6 - Un altro personaggio già visto altrove è Saw Gerrera (Forest Whitaker), che è apparso per la prima volta in "Guerra su due fronti" (A War on Two Fronts), secondo episodio della quinta stagione di The Clone Wars, in cui si vede anche la sorella minore, Steela Gerrera.
5 - Quando Jyn e Cassian scorrono l’archivio di Scarif alla ricerca dei piani della Morte Nera (registrati sotto un nome in codice), viene citato anche il nome “Darksaber”, che è sia il titolo di un romanzo di Star Wars (da noi ribattezzato L’arma segreta. Il Darksaber, l’arma segreta in ballo, è un superlaser come quello della Morte Nera), sia il nome del tipo di spada laser usata dai Mandalorian in The Clone Wars e Star Wars Rebels.
4 - I Death Trooper, gli assaltatori d’elite di Krennic, presumibilmente tutti schiattati su Scarif, visto che nella trilogia originale non ce n’è traccia, non sono i primi trooper con una corazza nera: 
nel videogioco per PC e Xbox Jedi Knight II: Jedi Outcast (2002), ad esempio, c’erano gli Shadowtrooper
3 - Non vi piace Felicity Jones (aka “occhioni e dentoni”)? Poteva andare peggio. Anche molto peggio. Per il ruolo di Jyn Erso sono state provinate Tatiana Maslany (Orphan Black. E fin qui), Rooney Mara e soprattutto sua sorella Kate. Basta e avanza la sua Susan Storm, grazie.
2 - Il nome “Rogue One” viene buttato lì dall’ex pilota imperiale Bodhi Rook (Riz Ahmed, Lo sciacallo - Nightcrawler, Jason Bourne) quando il suo gruppo ruba la nave imperiale e deve tirar fuori un codice identificativo al volo. 
Esiste però anche un Rogue Two: è il pilota di Snowspeeder che trova Luke Skywalker e Han Solo su Hoth ne L’Impero colpisce ancora.
1 - Ora sappiamo che i progettisti della Morte Nera non erano dei totali idioti: è stato Galen Erso (Mads Mikkelsen) a inventarsi quel leggerissimo “errore” di progettazione grazie al quale Luke farà saltare in aria tutta la baracca. 
È lui in definitiva a dare “una nuova speranza” a tutto l’universo; lui e i compagni di sua figlia Jyn, che ne condividono la stessa fine.
Perché Rogue One è anche l’unico film di Star Wars in cui TUTTI i protagonisti schiattano. Com’era quella storia di Disney che fa solo commedie?









102 commenti:

  1. Un buon post, alcune cose in effetti mi erano sfuggite.

    RispondiElimina
  2. All Hail K-2SO (Torno a ribadire che il suo modello Lego è strepitoso, ma voglio un'altra storia su come si siano conosciuti Zatoichi ed Alfiere.

    Una chicca uscita in questi giorni è che Edwards ha potuto usare delle scene tagliate dall'apertura di Ep. IV per integrarle col finale di Rogue One.

    Un'altra più vecchiotta è il mitico Warwick Davis che interpreta il mostrillo ribelle scimmiesco.

    RispondiElimina
  3. Grazie, Doc, ero in astinenza per questa rubrica.
    Aggiungerei la ventunesima curiosità, proprio in coda. Inizialmente, secondo la prima scenografia, i protagonisti avrebbero dovuto sopravvivere. In seguito Edwards e cumpa, leggendo e rileggendo il copione si sono resi conto che non poteva funzionare. Quindi, con il pannolone pieno per la paura, sono andati dai vertici Disney a chiedere se si potessero cordialmente fare fuori. La cosa incredibile è che, come è ormai noto pure ai cristalli kyber, gli hanno detto si.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A riprova c'è proprio il trailer, nel quale si vedono scene mai usate nel film finale, tra cui Jyn che corre sulla spiaggiona di Scariff in mezzo alle esplosioni con in mano un hard disk degli anni 70.

      Elimina
    2. Sì, e non è l'unico caso. I film i cui primi trailer mostrano scene poi assenti nel cut finale sono tanti, anche in casa Disney. Cambi di direzione in fase di montaggio, scelte del regista, whatever. Qui si sono resi semplicemente conto che l'hard disc gigante con i piani di "Stellina" non aveva senso in un mondo in cui hai i balzi nell'iperspazio. Così, anziché portarsi l'HD gigante dietro, Jyn sale sulla torre per spedire quella gigantesca email. E la quantità di scene tagliate per l'home video s'impenna!

      Elimina
    3. E la quantità di scene tagliate per l'home video s'impenna! (cit.)
      Ah, gli sketch del "buon Carcarlo Pravettoni! Ora mi scende una lacrimuccia.

      Elimina
    4. Me lo dovrei riguardare, ma sbaglio o in Episodio IV Vader cita appunto una trasmissione diretta alla nave come prova del loro coinvolgimento quando Leia tenta la carta dell'immunità diplomatica?

      Elimina
  4. E' tornata alla grandissima la mia rubrica preferita! Ottimo post Doc.

    Domanda: qualcuno sa se la Disney pagando Lucas per i diritti su Star Wars si è assicurata pure la possibilità di rigirare a proprio piacimento gli episodi I, II, III? Perché, secondo me, può "cavalcare" l'onda dell'entusiasmo dei fan e comprarseli per l'eternità rifacendo bene i primi 3 tasselli della storia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un reboot di Episodio 1 2 e 3? Non sarebbe una cattiva idea.
      Per gli episodi 4 5 e 6 invece vorrei una ri-edizione originale senza ritocchi.

      Elimina
    2. Una versione di Episodio VI con tanti ribelli (o Wookiee, com'era nei piani originali) in sostituzione di quei maledetti Ewoks si può avere invece?

      No?

      No, vero?

      Peccato, ci ho provato.

      Elimina
    3. Io invece sarei curioso di vedere una edizione ridoppiata di IV-V-VI con i nomi originali e i termini come Guerra dei Quoti e Stella Pilota adattati come La Forza comanda.

      Elimina
    4. Io cestinerei tutto e partirei con personaggi nuovi... c'è tanto materiale buono, a partire dall' universo espanso.

      Elimina
    5. Con un doppiaggio filologico e rispettoso come "Pianeta Killer", certo, come no.

      Elimina
    6. Concordo con Camilo, la trilogia originale viene additata da detrattori del doppiaggio come pessima perchè han cambiato i nomi dei personaggi e perchè si usa "Guerra dei quoti", peccato che per tutto il resto l'adattamento sia molto ben curato, termini che oggi vengono usati anche in italiano come "blaster" lì venivano chiamati "fulminatori" o "folgoratori" (nomi che adoro), non c'erano inglesismi inutili e i nomi furono cambiati per farli suonare meglio alle orecchie degli italiani, cosa su cui si può discutere, ma che viene fatta ancora oggi in molte saghe fantasy o fantascientifiche.
      Poi, diciamocelo, Leila suona molto meglio di Leia per un italiano, così come Fener al posto di "Veider".

      Elimina
    7. Sarebbe bello vedere 3 nuovi prequel: né reboot né remake, proprio 3 film diversi, più oscuri e più coerenti con l'opera magna, che parlino del braking bad di Anachino ...lasciando come solo easter egg la splendida duel of fate, unica dedica ispirata dall'anima di Guerre Stellari presente nei prequel, in assenza del contributo visionario del compianto Mcquarrie.
      ...anche se credo che dopo 6 anni di star wars inediti la scimmia potrebbe saziarsi rendendolo uno stucchevole accanimento terapeutico. Magari lo vedranno i nostri figli.
      Per la trilogia classica rimasterizzata come mamma l'ha fatta invece, lo chiedo a Gesù ogni sera prima di andare a letto e secondo me la ristamperanno, ma temo sarà inevitabile il ridoppiaggio con inglesismi per sistemare la storia dei quoti.
      Per allora, mai acquisterò in 4, 8 o 16K lo stupro incestuoso e recidivo messo in atto da Lucas senile avido e servo, i miei VHSrip resteranno vergini e lontane dalle sue dita tozze e sudate.

      Elimina
    8. Se vuoi una trilogia classica rimasterizzata come mamma l'ha fatta prova la Despecialized, ci si avvicina parecchio.

      Elimina
  5. Bellissimo post, e attesissimo ritorno del "20 cose che...", grande!
    Mi rendo conto che è uno sbatti (oltre che un divertimento, certo) metterti lì a cercare info a destra e a manca su un film, ma spero riprenderai la rubrica più o meno con continuità nel prossimo futuro: credo sia la mia preferita in generale qua sull'antro ^^

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. Ero indeciso se leggermi l' articolo qui o sulla Gazzetta dello Sport.. ;) grande doc e gli pigli un paparicchio ai plagi malvagi


    comunque , aggiungo un 21 molto gustoso.
    [spoiler]
    Felicity jones ha nel contratto la clausola per un altro film di star wars, e nella sceneggiatura originale non doveva crepare, tant'è che se non sbaglio è stato pure girato un finale altrnativo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appena hanno visto uscire questo post alla redazione della Gazzetta hanno stappato lo spumante.

      Elimina
    2. Se la gazzetta o la Litizzetto ci copiano il Doc dobbiamo fargli la guerra dei cloni!!!

      Elimina
    3. Secondo me la faranno apparire nel film su Han Solo.

      Elimina
  8. Dopo questo post apprezzo ancora di più il film,che già mi è piaciuto un casino.
    Bello davvero,soprattutto la fine quando Vader fa il cinema per recuperare i piani e gli sfuggono di un soffio. Era da una vita che volevo capire perché ep 4 inizia così,ed ora lo so.
    Interessante anche la storia che lui abita in un castello,ho sempre dato per scontato che vivesse sull'Executor
    Le uniformi imperiali bianche stando ai romanzi erano quelle dei grand'ammiragli,ad esempio Trawn.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Comunque gli imperiali sono i solito rimbambiti.. Morte Nera.. Star Destroyer.. E poi non hanno nemmeno un Grumman EA 6-B Prowler per la guerra elettronica..
      Così potevano bloccare l'invio dei piani rubati..

      Elimina
    2. hahaha grande !! Non hanno manco il Firewall dell' AVG ;) ...

      Elimina
  9. oh avrò gusti pessimi, ma a me l'attrice che fa Jyn piace parecchio :D
    Voglio una sitcom con protagonisti: Iron giant, K-2SO e il buon vecchio HK-47 di kotor!!!

    RispondiElimina
  10. Che gran petardo Genevieve O’Reilly!
    Dai, Rooney Mara non è proprio bruttina, ed è pure brava (vedi Millenium di Fincher).

    RispondiElimina
  11. Gran poste e straviva K-2SO il migliore di tutta la cumpa :D

    RispondiElimina
  12. Grande Doc! Ma solo per me K2 assomiglia un pochino al Gigante di Ferro del vecchio bellissimo film?

    RispondiElimina
  13. per il ruolo di Grand Moff Tarkin ci potevano mettere Marco Travaglio. E' uguale (fisicamente) a Peter Cushing...

    RispondiElimina
  14. Splendido articolo,avevo beccato il nome Syndhulla detto all'altoparlante ma anche se sono un accanito fan di Rebels non avevo notato nè la Ghost,nè Chopper,dovrò rivedermelo.

    Sulla questione di Cushing se chi gestisce la sua immagine ha fatto un accordo con la Disney per me va benissimo,trovo molto più corretto omaggiare un attore con la tecnologia moderna che non rimpiazzarlo e creare una stonatura nella saga.

    Un'ultima cosa:non capisco bene il ruolo vitale di
    Galen Erso per la costruzione,i progetti della Morte Nera comparivano già in Ep II e la costruzione inizia alla fine di EP III.
    Io personalmente l'ho interpretato come un problema inaspettato che si è venuto a creare in fase di costruzione e che solo lui poteva risolvere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché senza di lui, e la sua ricerca sui cristalli Kyber (alla base del funzionamento del superlaser), la Morte Nera sarebbe stata solo un inutile pallonedimaradò spaziale.

      Elimina
    2. Ah ok,ora ho capito grazie,è per lui che da pallone di maradona è diventato una bomba di maradona spaziale XD

      Elimina
  15. Doc, mi permetto un appunto su quanto detto riguardo a "Rogue 2". Tutta la squadriglia degli snowspeeder su Hoth era chiamata squadriglia Rogue in cui Luke era Rogue Leader, Zav era Rogue 2 e via dicendo. Rogue Squadron é anche il titolo di un noto videogame di Star Wars.

    F

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non l'ho scritto perché credevo fosse scontato. Le callsign di Star Wars funzionano tutte allo stesso modo. Ho solo menzionato cosa veniva dopo "Rogue One", in tutti i sensi :)
      La serie Rogue Squadron, soprattutto i capitoli su GC, la ricordo con affetto
      http://docmanhattan.blogspot.it/2014/02/tutti-i-videogiochi-di-star-wars-1994-1999.html

      Elimina
    2. Scusami non avevo intenzione di fare il solito "Precisino della M.....a". Semplicemente mi era sfuggito il senso di quello che intendevi dire :)

      Elimina
    3. Nessun problema!
      Con i 20 cose ogni aggiunta è ben gradita!

      Elimina
  16. a me felicity piace. e pure parecchio.
    però la faccia scavata e lo sguardo triste di rooney mara, forse avrebbero reso il tutto ancora più dark.

    RispondiElimina
  17. Doc, lungi da me fare il PdF per quello che pensavo essere un refuso, lo chiedo più perché mi stupisce che tu lo abbia scritto due volte, quindi mi chiedo se non ci sia altra conoscenza sotto a me ignota... alla 12 citi il planetoide di Alien come LV-246, che però ricordo essere LV-426 (LV-223 è quello di Prometheus), dove sta la verità?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, il nome giusto è LV-426, l'ho scritto male :)

      Elimina
  18. Salve Doc! Uscendo dalla sala mi è rimasto in mente un piccolo dubbio, forse dovuto a qualche particolare che mi è sfuggito: se (come citi nel post) il senatore Organa parla di affidare a sua figlia il compito di contattare Obi-Wan, com'è possibile che lei si trovi nei pressi di Scariff (zona di guerra), rischiando la vita, per poi ritrovarsi i piani tra le mani? Forse è solo un espediente narrativo, ma mi ha lasciato dubbioso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non tutto combacia alla perfezione, in effetti, se vai a vedere la logica dietro a delle scelte. Ma è così per tutta la saga, Rogue One non fa eccezione. Da Vader che si lascia sfuggire i ribelli in modo abbastanza da babbo alla miopia delle navi dell'alleanza che non ci arrivano da sole al fatto devi distruggere quel cacchio di scudo, le cose poco o per nulla logiche sono tante. Ma è fantascienza che spunta pur sempre al fantasy, fa niente. I fan integralisti che gridano ai buchi logici (e ce ne sono tanti, eh) evidentemente non guardano da parecchio tempo la prima trilogia :)

      Leia l'hanno piazzata lì per chiudere il cerchio, tutto lì :)

      Elimina
    2. E' una domanda che hanno fatto in tanti fra i miei amici.
      Aspettando il Doc, mi permetto di dire che forse è sfuggito ai più che c'è più di una trasmissione fra nave e nave: trae forse in inganno il fatto che la corvetta corelliana che fugge dall'abbordaggio di Vader sia identica a quella abbordata subito dopo. Ma da quella nave viene inviata una trasmissione ricevuta poi dalla nave di Leia.
      Difatti, in apertura di episodio IV Vader dice a Leia "Non mentite, principessa. Questa nave ha ricevuto una trasmissione da parte dei ribelli!"

      Elimina
    3. La corvetta che si vede alla fine che fugge è la stessa che poi verrà riabbordata all'inizio di ep 4,i piani su questa infatti vengono trasmessi e Vader per un soffio non riesce a prendere il dischetto,che finisce a Leia che poi lo carica in R2 e lo spedisce su Tatooine

      Elimina
    4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    5. A dir la verità la presenza di Leia lì ha perfettamente senso,già da prima Bail Organa dice di volerle affidare l'incarico di portare i piani alla Ribellione,era quindi necessario che lei stesse vicino al luogo della trasmissione per riceverli e partire immediatamente.
      Poi sul fatto che suo padre la mandi a rischiare la vita ricordiamoci che entrambi hanno deciso di sacrificare tutto per la causa ribelle.

      Elimina
    6. Concordo con Itlas, la cosa viene esplicitata da Bail durante il dialogo con Mon Mothma, e il fatto che non vi siano salti nell'iperspazio dà a intendere che Scariff e Tatooine siano effettivamente a un tiro di blaster l'uno dall'altro (relativamente, ovviamente)

      Elimina
    7. "Era quindi necessario che lei stesse vicino al luogo della trasmissione per riceverli e partire immediatamente" E questo perché? Se era più lontana ci metteva di più? Cos'è, un pacco di poste italiane?

      Non mi convince neanche il fatto che siano lì a sacrificare tutto per la causa ribelle, e quindi stica dei rischi: se schiatta Leia è stato tutto inutile e quei poveri cristi sono morti per niente.

      Ma oh, ognuno la veda come meglio crede :)

      MisterZoro ha ragione comunque sulla vicinanza dei due pianeti: http://tinyurl.com/jjn5mtz

      Elimina
    8. In effetti pensandoci bene: le trasmissioni sub-luce sono sempre esistite nell'universo di Guerre Stellari (anche ai tempi della vecchia Repubblica, vedi ordine 66 e varie comunicazioni olografiche tra pianeti anche molto distanti nella sec...nella trilogia-che-non-esiste) quindi a conti fatti potevano teoricamente mandarle i files pure su Alderaan, mentre lei se ne stava in salotto a tracannare latte blu alcolico...

      Si, effettivamente farsi troppe domande su un collegamento un po' forzato come questo rompono la magia, quindi Lei(la) DOVEVA per forza di cose essere lì. Punto XD

      Elimina
    9. Forse Vader con "avete ricevuto una trasmissione" si riferisce al dischetto.. Visto che sulla corvetta a fine film portano fisicamente il disco e non arriva una trasmissione radio ma suddetta trasmissione arriva alla nave madre dove la corvetta è attraccata.
      Bisognerebbe chiedere a lui

      Elimina
    10. Dallo script di episodio IV:
      DARTH FENER: Dove sono quelle trasmissioni che avete intercettato? Che ne avete fatto di quei piani?
      RIBELLE: Non abbiamo intercettato nessuna trasmissione. Questa è un'astronave consolare. Siamo... siamo in missione diplomatica...
      DARTH FENER: Se questa è una nave consolare, dov'è l'ambasciatore? Comandante, faccia a pezzi questa nave finché non ha trovato quei piani! E mi porti i passeggeri! Li voglio vivi!

      In effetti può essere interpretato sia che la nave su cui sta Leila sia quella vista fuggire, sia che abbia ricevuto i dati in un secondo momento e li abbiano scaricati su un dischetto per maggiore sicurezza.
      Io mi accontento della seconda opzione, per me riempie il buco e sto a posto così ^_^ poi è giusto che ognuno se la interpreti come vuole, se vuole.
      La magia di Gurre Stellari è anche scatenare milioni di leggende metropolitane e ipotesi fra i fan :D

      Elimina
    11. Anzi:
      LEILA ORGANA: Darth Fener! Solo tu potevi osare tanto! Non la passerai liscia con il Centro Imperiale. Quando sentiranno che hai attaccato una missione...
      DARTH FENER: Non siate così sorpresa, Altezza. La vostra non era una missione di soccorso. Parecchi segnali sono stati diretti a questa nave da spie ribelli. Voglio sapere che fine hanno fatto i piani che vi hanno trasmesso.
      LEILA: Non so neanche di che cosa parli. Sono un membro del Senato Imperiale in missione diplomatica ad Alderaan.
      DARTH FENER: Voi fate parte dell'Alleanza Ribelle, siete una traditrice. Portatela via!

      Ecco, dopo questa basta. Ognuno tragga le sue conclusioni ^^

      Elimina
    12. Ora la logica non è che sia mai stata l'aspirazione massima di star wars, però rogue one riesce a trovare una spiegazione plausibile ( anche se ovviamente space operosa) a tutti gli interrogativi che mi sono posto.
      Leia era sulla nave per raccattare il dischetto e portarlo a mano a obi wan. Non lo han spedito via etere ... perchè? qui andiamo nello pseudofantascienzo ma le spiegazioni sono plurime e plausibili. Perchè probabilmente il messsaggio sarebbe stato intercettato sulle lunghe distanze ( e non sulle brevi).Oppure perchè il file era troppo grosso. Oppure perchè Yavin era al momento ancora segreta e non volevano rivelare la posizione della base.

      Oltretutto la presenza di Leia mette anche in luce l'urgenza di ottenere i piani; nella trtilogia originale non si sa per quanto tempo li abbiano avuti in mano ma aggiungendo il tassello di rogue one appare evidente che i tempi sono strettissimi, per cui anche rischiare la senatrice Organa ha perfettamente senso perchè o qui ed ora o mai più.

      Altri esempi; Erso non aveva con sè i piani della nave e di qui la necessità di andarli a rubare.

      Jyn era necessaria per contattare saw guerrera perchè era stata il suo braccio destro/protetta fino a pochi anni prima e la paranoia di gerrera lo rendeva inavvicinabile.

      La madre di jyn non muore per grandi piani ma perchè semplicemente non può accettare di vedere il marito rapito senza fiatare.

      Insomma, per un film di fantascienza le ragioni che muovono gli evennti ci sono , hanno una spiegazione un minimo verosimile, non siamo a livelli della dimostrazione matematica dell' esistenza del paradiso , ma insomma a mio avviso han fatto un buion lavoro riordinando oltretutto le assurdità prese in eredità da Lucas.


      E se ancora non siete convinti guardatevi pure il risveglio della forza perchè lì coincidenze, buchi logici , personaggi che non sono dove dovrebbero , eventi senza senso sono più frequenti dei colpi mancati daglii stormtrooper.

      Elimina
    13. Giovanni Motroni: hai ragione effettivamente.

      Elimina
    14. Se già il file era troppo grosso per essere trasmesso facilemente da un pianeta ad un'astronave che era vicino figuriamoci nello spazio,i piani DOVEVANO essere portati a mano alla base ribelle appena scaricati.
      Quindi si,se il messo fosse stato più lontano ci avrebbero messo più tempo.
      Perchè Leia?Perchè in quanto membro del Senato contavano che avrebbe avuto l'immunità diplomatica e la sua nave non sarebbe stata abbordata o perquisita.
      Peccato che i Ribelli non sapessero che nel frattempo l'Imperatore stava abolendo il Senato Galattico proprio in quei giorni.

      Elimina
    15. p.s. grazie della mappa,è veramente interessante vedere dove si trovano tutti i pianeti

      Elimina
    16. A me piace pensare che la corvetta che scappa alla fine sia la stessa che viene abbordata ad inizio ep 4,giusto per dare una continuità,forse hanno messo la storia del dischetto per creare un po' di cinema nel finale,tipo Vader che irrompe a fa il macello per recuperarlo

      Elimina
    17. E' la stessa corvetta, prima Bail dice che manderà qualcuno fidato a raccattare il suo "amico Jedi" perché con la Morte Nera la situazione è disperata, poi succede l'attacco improvvisato su Scarif e sfugge con un soffio a Vader. Qualche minuto e Vader ritorna sul suo Star Destroyer e traccia il vettore iperspaziale della corvetta verso Tatooine e parte all'inseguimento, togliendo il tempo del salto nell'iperspazio (ore? minuti? giorni?) si può dire che il Guerre Stellari del 1977 inizia subito dopo la fine di Rogue One.

      Elimina
  19. Mi ero dato anche io una risposta simile, ma ho preferito comunque rivolgermi ad un parere più esperto, grazie mille!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma figurati ^_^ fra l'altro ognuno penso si darà una spiegazione più o meno logica, o non se la darà affatto.
      In Guerre Stellari anche questo è bello :D

      Elimina
  20. Ahhhh, colpa mia, lo avevi scritto in tutte le salse ma non resistevo a leggere il 20 cose di..., mi piacciono troppo questi articoli e mi sono auto-spoilerato il finale sciopatorio di tutta la cumpa prima di vedermi il film!
    No problem, peccato, però.
    Di Alan Tudyk lo sapevo, sembra che sia specializzato nel ruolo di dare vita ai robot. Io lo ricordo anche in Dodgeball dove faceva il pirata, troppo divertente!

    RispondiElimina
  21. Essendo tra coloro che hanno apprezzato il film ma DETESTATO un fanservice tanto sfacciato da far scandalizzare persino gli anime porcellosi, il #17 conferma la mia pessima opinione.

    Evazan e Baba si trovano su Jedha e GUARDA CASO riescono a prendere proprio l'ultima corriera intergalattica prima che venga ristrutturato a colpi di raggio della morte.
    Ma tu guarda a volte la fortuna...

    RispondiElimina
  22. Figata di post, come tutti quelli sulle 20 cose.
    Tanta roba e adesso devo per forza mettermi a vedere le tre stagioni di Rebels!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E quelle di Clone Wars,dato che Rebels è il seguito diretto.
      (no seriamente,se non hai visto CW rischi di non capire un sacco di colpi di scena di Rebels)

      Elimina
    2. Ma Clone Wars alla fine è canon?
      Non era sparito dalla lista con l'arrivo della Disney?

      Elimina
    3. Ma valgono la pena? io ancora devo vedere il clone wars di tartakowski, quindi di perdere tempo a vedere roba in cg per bambini ho un po' di dubbi... dai datemi dei buoni motivi per vederli

      Elimina
    4. Clone Wars nonostante sia effettivamente bimbi-oriented è un sacco figo e approfondisce in maniera molto interessante molti rapporti fra i vari personaggi, rendendolo interessante anche per gli adulti.
      Rebels non l'ho seguito, quindi non so dirti. Però so che siamo quasi agli stessi livelli di Clone Wars, quindi ne può valere la pena. Io penso che me lo guarderò.

      Elimina
    5. Giovanni,Andrea si Clone Wars verso le ultime stagioni diventa molto adulto e si,rimane canon visto che un sacco di personaggi ritornano in Rebels che è della Disney.
      Clone Wars per me è la VERA saga prequel,ha tutto quello che I-II-III non hanno:avventura,eroi,canaglie e battaglie sia di terra che spaziali.
      Riesci davvero a vedere la sottile predisposizione al lato oscuro di Anakin senza il "guardalà" di episodio III.
      Clone Wars riesce anche a far capire meglio la Repubblica e i Clonetroopers,vi assicuro che in alcune puntate è adulto quanto Rogue One.

      Rebels riprende anni dopo Clone Wars,ci trovate alcuni dei vecchi personaggi cresciuti o invecchiati,è affascinante vedere la nascita della Ribellione,prima come piccole cellule che non si conoscono tra loro,via via che passano le stagioni poi diventa qualcosa di sempre più grande e coeso.

      Elimina
    6. Clone Wars di Tartakowski non è più canon, ma io lo consiglio vivamente: è una BOMBA. Azione adrenalinica e jedi che fanno le cose che dovrebbero fare.

      Elimina
  23. http://i.imgur.com/6BIVW9B.jpg

    non capisco però cosa tu abbia contro kate mara :D secondo me è una patonza di dimensioni stellari.

    in house of cards recita pure bene...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda patonza stellare anche no, se vuoi te ne trovo meglio per strada in qualsiasi città :D

      Elimina
  24. Bellissimo articolo, Doc. I bozzetti originali del castello di Vader sono pura emozione!

    RispondiElimina
  25. Una parola sul difetto della Morte Nera:
    Ma i progettisti hanno preso paro paro il progetto di Galen Erso per creare il pianeta killer di Episodio VII? Con tanto di errore di progettazione? Peggio dei tarocchi cinesi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. secondo me il progetto della superarma di episodio 7 faceva schifo di suo.. pensati quanti permessi comunali han dovuto chiedere per edificare una roba del genere !

      Elimina
  26. nel punto 19 sapevo che i volti erano stati creati digitalmente e non che fossero riprese tratte dagli archivi. boh...

    RispondiElimina
  27. Io sono convinto di aver visto, nel gruppo di ribelli STONE COLD STEVE AUSTIN

    RispondiElimina
  28. Ottimo post Doc, come sempre.
    Sul punto 1 mi trovo d'accordo al 100%

    RispondiElimina
  29. Ciao a tutti, complimenti Doc veramente un bel post, ho un dubbio da quando sono uscito dal cinema.
    A proposito di Bail Organa, non vi sembra che ci sia troppa differenza di età tra lui e l'Obi Wan che si vedrà in Episodio IV? Del resto lo Jedi era più giovane di Organa mentre ora lo ritroveremo molto più vecchio. Ho solo io questa impressione?
    Non voglio essere il PdF di turno è solo una domanda oziosa che non smuove per nulla il giodizio estremamente positivo che ho sul film :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In quel caso è colpa di Lucas,è stato lui a stabilire che tra ep III e IV passassero 19 anni,se ha scelto un attore troppo giovane per Obi Wan nella trilogia prequel la colpa è sua,non di Rogue One.
      Poi c'è da considerare che Bail Organa ha passato 19 anni negli agi di una vita di ricchezze nel bucolico pianeta di Alderaan,mentre Obi Wan li ha passati nascosto in una caverna nell'inospitale pianeta di Tatooine,le condizioni ambientali influiscono molto sul fisico di una persona.

      Elimina
  30. Io volevo solo dire che, pur avendo amato alla follia l'apparizione di Tarkin, non credo che la creazione in CGI sia stata migliore della soluzione a suo tempo usata in EP III: prendere un attore che gli somiglia e truccarlo. Anche perché non penso che nessuno sia rimasto insoddisfatto di Mon Mothma. Penso che si tratti solo di dimostrazione tecnologica un po' fine a se stessa. Nel link, la scena con Tarkin.

    https://www.geek.com/wp-content/uploads/2015/08/sith-are-shady.jpg

    RispondiElimina
  31. in ogni caso, fortezze laseroni e cattivoni sono tutti stati copiati dal Dottor Male di Austin Powers :-)

    RispondiElimina
  32. Appena visto. Perdonatemi, ma non ho capito una cosa: ma quindi Mon Mothma (lei perlomeno) in EP IV sapeva già tutto della falla della Morte Nera, ma semplicemente non ci credeva? L'aver mandato la flotta in soccorso alla Rogue One non era già di per sè un atto di fiducia nelle parole di Jyn?
    O forse (cosa più probabile) la diffidenza non era tanto verso lei quanto piuttosto verso suo padre?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No niente. Mon Mothma compare in VI. Come non detto. :P

      Elimina
  33. Poi gli eredi di Anakin hanno venduto il castello Sauron, ma quella è un altra storia...

    RispondiElimina
  34. Non voglio discutere sugli aspetti etici di riportare in vita digitalmente un attore, ma parlando del risultato finale........no, non mi ha convinto per niente, scusate, ma in certe scene sembrava davvero incollato allo schermo.

    RispondiElimina
  35. Che bello, non pensavo apparisse ancora questa rubrica e per di più in un film dove fosse così necessaria! Grazie, Doc!

    Detto ciò ho sudato freddo nei punti in cui si parla di Star Wars Rebels perché lo sto guardando ora. Sì, sono un paio d'anni indietro. Tra l'altro mi piace molto!

    Detto ciò, quello sulla spada laser, l'avevo scritto prima io sull'Antro nel precedente articolo del film. Me ne bullerò con gli amici! :)

    Ultima cosa, ho visto un'intervista del regista e i tanti riferimenti citati rendono giustizia ad un vero fan della saga, che ha fatto davvero un buon lavoro, considerando che la sceneggiatura era parecchio rischiosa per un film disney e su SW. Chapeau!

    RispondiElimina
  36. AAAAAAAAAAAARGH.
    Doc, ma porc... le ultime due frasi, anche se molto intuibili, potevi evitarle.
    Io sono un amante dei lieto fine :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, c'era scritto all'inizio che arrivavano gli spoiler :D

      Elimina
  37. L'unico personaggio che non mi è piaciuto per niente, ma proprio per niente, è Saw Gerrera ... come bere acqua di cocco misa ad acqua di mare.

    RispondiElimina
  38. Ma... ma... a me è piaciuta Felicity Jones... non so perché la faccia che fa quando riesce a raddrizzare l'antenna alla fine mi ha fatto un sacco ridere.

    RispondiElimina
  39. Commento sentito al cinema quando è spuntata Leia: "Però! Hanno preso una che le somiglia un casino..." :D
    A me invece la CGI per la principessa e Tarkin non sono piaciute molto (il Gran Moff mi è sembrato con una testa enorme rispetto al corpo...)

    RispondiElimina
  40. >>>ma il caso di Leia è chiaramente diverso: Carrie Fisher non solo è viva e vegeta

    doc, questa battuta sembra portare sfiga... per fortuna adesso si è ripresa!

    RispondiElimina
  41. Io ci ho visto anche un'altra citazione: A un certo punto Darth Fener dice a Krennic qualcosa come "Chi ti ha detto di essere al comando?" per poi farlo stramazzare a terra grazie alla forza. Nessuno, oltre me e i miei amici, ci ha vista un tributo alla scena di The Dark Night Rises in cui lo stesso Ben Mendelsohn viene umiliato e poi ucciso da Tom Hardy? Secondo me è voluta, la cosa.

    RispondiElimina
  42. Ciao, dopo la riunione in cui si decide di NON andare a prendere i piani della morte nera il senatore Organa dice di dover contattare un jedi .. Immagino Obi-Wan ma perche? Quella discussione in quel momento non ha senso, é solo un espediente o mi son perso qualche cosa?

    RispondiElimina
  43. Segnalo che nel IV prima di essere quasi soffocato l'ammiraglio Motti parla di "nastri rubati" (ma anche Vader qui, una volta: qui tutto torna), mentre qui ci sono i file di cui però non si dice il sistema operativo, eh eh ;-)

    Sempre sul doppiaggio, nel IV Luke diceva a Ben "Là troverai un mezzo per Mos Aisley" poi Ben dice "Il porto spaziale di Mos Eisley", così come prima Luke dice a D-3BO "Ci sono due BEntha laggiù" però poi dirà a Ben "impronte di Bantha"

    RispondiElimina
  44. Solo il giorno prima leggevo "Carrie Fisher viva e vegeta"... che tristezza.
    Bon Voyage.

    RispondiElimina
  45. Bellissima la recensione, bellissime le 20 cose che forse...
    Molto Bello il film che mi ha decisamente riappacificato con il mondo Stars Wars.
    Mi senbrava di essere tornato a 7 anni quanto mio padre mi portò a vedere The empire strikes back.
    Non pensavo che la Dinsey avrebbe dato il lasciapassare definitivo ai contenuti drammatici di questo film quindi grazie, bravi ed il pubblico ha mostrato di avere decisamente gradito.

    RispondiElimina
  46. Film bello mi a dato fastidio la voce da vecchio di Darth Fener

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non capisco come mai siamo stati (sembra) in pochi a esserne infastiditi

      Elimina
  47. in questo Rogue, oltre allo spiegone testuale dell'incipit, mancano anche i classici cambi di scena con le "tendine"

    RispondiElimina
  48. ciao Doc e buon 2017. grazie del post. Ma solo a me il look di K2 ha ricordato tantissimo Miyazaky? Tipo i robot visti in conan, per dire, o certi robot visti in qualche puntata di lupin.

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails