sabato 23 luglio 2016

51

Star Trek Beyond - la recensione senza spoiler

star trek beyond poster recensione
Non sei un Trekkie. Lo ripeti ogni volta che parli di Star Trek perché a) ti rendi conto che la tua percezione su un film del nuovo corso di Star Trek potrebbe divergere da quella di un fondamentalista della saga che si è fatto steccare anulare e mignolo per fare meglio il saluto vulcaniano, b) un antico adagio recita Scherza coi fanti, ma non con i guardiamarina. Tutto questo per dire che il primo Star Trek di J. Jonah Jenna Jameson Abrams, quello del 2009 da cui è partito questo reboot-non-reboot della linea temporale alternativa, l'avevi trovato carino. Con un paio di robe supersceme, ma carino. Into Darkness, tre anni fa, ti aveva fatto invece pena e schifo. La domanda, mentre ieri sera al grido Energia! ti facevi teletrasportare nel solito multisala col Tonypiz e il Duffo (un tempo uomini, oggi allevatori di Pokémon), era quindi molto semplice: questo Star Trek Beyond, il primo della nuova serie non diretto da JJCarrarmato, sarebbe tornato sulla carreggiata direzione Rettavìa abbandonata nel secondo? Poteva questo corso reboot-non-reboot ricominciare da tre, come un Troisi dello spazio? E stavi davvero affidando le tue speranze a Justin Lee, il regista dei Fast e Fuja più tamarri? [...]
Gran bel giumbotto. Chekov a un certo punto impugna un phaser, ma non lo usa: Chekov che viola la regola della Chekhov's Gun
In giro ne leggerete di ogni. È bello, è brutto, è così così, è Star Trek, non è Star Trek, chenesoiohovistoTarzan. A te è piaciuto. Non è un capolavoro, e al solito, imperfetto tentativo di dare un nome e un volto a quello che ti è garbato e quello che non ti è garbato arriviamo tra un attimo, ma nel complesso ti è piaciuto. È un'avventura fantascienza con tanta azione, tanta ironia, un paio di momenti epici e - di nuovo - una delle canzoni preferite di quando eri giovine, e quindi anche di adesso (e fanno due film su tre. Un altro po' e ti diventa il nuovo inno della Federazione). Se poi ci metti un paio di affezionati e sinceri omaggi alla serie classica, uno dei quali ha trascinato alla soglia dei lucciconi anche te, il quadro assomiglia in modo impressionante a quello dello Star Trek del 2009 (da noi Star Trek - Il futuro ha inizio). Con tanto di scena smarmittata troppo sborona da buffoncello scherzoso che arriva in piazza con un fifty malaguti truccato con motore ducati, fa le penne davanti agli sbirri della municipale e scende a comprare un pacchetto di camel salutando tutti con un Ciao, Cenzì
Putting the U-hu! in Uhura.
Dopo lo scivolone svicolone e la roba da Khan del secondo film, le dinamiche tra i vari membri dell'equipaggio son tornati a cliccare sui tasti giusti nella tua testa. Bones/Urban e Spock/Quinto sono, da soli, materia per una serie buddy movie in space da cinquanta puntate. Si vede e come che al word processor, al posto di un Lindelof e dei suoi Punti di Non Ritorno™, c'è lo stesso Simon Pegg, che ritaglia meno gag per se stesso e il suo amico mostrillo, e si concentra sugli altri. C'è che dopo tre film, anche se quello di mezzo non ti è andato a genio per nulla, ti frega di questi tizi. Di questa giovanissima crew dell'Enterprise che giovanissima più che altro lo sembra, visto che ora come ora Chris Pine e compagni di merende quinquennali son quasi tutti trentenni come lo erano Shatner e gli altri ai tempi della serie classica. Sì, te ne frega. Senza contare che Zoe Saldana diventa incredibilmente più bona film dopo film. 
Il film e i suoi ingredienti, dicevamo. Si parte anche stavolta con il botto, solo che in Into Darkness era un barbatrucco, un petardo potente sparato subito in un carnevale della tristezza con orchestra del maestro Canello: due minuti di wow e basta, ché se facevi un attimo di ritardo per trovare parcheggio davanti al cinema rischiavi di perderti la cosa migliore del film. Qui, invece, è una partenza pedal-to-the-metal, azione furiosa e battaglia alla BSG che scuote per le spalle con vigore lo status quo. Con alcune soluzioni visivamente di grande impatto e dei grandi impatti che fanno soluzione. Nel senso che va tutto in pezzi. Poi, per forza di cose, arriva la frenata nel secondo atto, solo che è una frenata un po' troppo eccessiva: per zelo, tirano pure il freno a mano e aprono il paracadute da dragster. Quasi tutta la fase sul pianeta è lentissima: serve, vero, a dar spazio alle dinamiche interpersonali e a lasciar campo alle battute di Pegg, ma le vere motivazioni della nemesi del film, del villanzone di turno che dovrebbe reggere sulle spalle il peso della storia in questo punto, dopo un inizio che ti aveva fatto pensare a una metafora sul terrorismo (proprio ieri sera, poi...) e l'anarchia cosmica, le hai lette tra le righe con quell'ora buona di anticipo. Il colpo di scena ti è arrivato telefonato come una pubblicità della Sip dell'84.
Nel terzo atto torna l'azione sfrenata, e anche se non si raggiunge l'epicità o il livello di drammone della prima, il finale funziona. Le solite cazzabubbole tecniche per salvare il mondo, ma oh, è Star Trek, si salva l'universo una levetta e una scazzottata e una bella aliena alla volta. E, ecco, tutto più in generale ti è sembrato frutto di un tentativo di raccogliere lo spirito della serie classica, mimmate comprese (e ce n'è una... da grattacapo): un tentativo, si sarà capito, a tuo modo di vedere abbastanza riuscito. E la canzone di cui parlavi prima? Quella ascoltata in cuffia un miliardo di volte quando eri giovine e già presente nel primo film, sette anni fa? Lì saltellavi sulla poltrona. Cialtronata superammiccante quanto vuoi, ma se senti quel brano sparato a palla dalle casse di una sala con l'audio pUtente, mentre i buoni prendono a calci in culo i cattivi, te ti gasi. Inevitabile. A proposito di cinematografò: dite altolà al 3D come si trattasse di sudore. Ieri ve lo siete dovuto sciroppare così, perché solo a quell'ora avevi la libera uscita, ed è uno di quei 3D non solo inutili, ma pure super-bui, aka Il peggio del peggio. In un paio di sequenze si poteva al massimo intuire cosa diavolo stesse succedendo. Cose che non sono cose.
Divertente per buona parte del suo metraggio, con tanta azione, spirito d'avventura, fantasia, ironia e rispetto per chi c'era prima e ora non c'è più. Star Trek Beyond, cioè oltre: oltre JJJJJJA e il suo maldestro tentativo di cancellare con il secondo quanto di buono fatto nel primo. Siamo ancora al terzo dei cinque anni della missione, c'è ancora spazio per tante nuove avventure. Ah, e la tizia scalciaculi-cecchina alla Ciccio Kojima, una irriconoscibile Sofia Boutella di Kingsman: Secret Service, col trucco un po' Mass Effect e tanto Daryl Hannah in Cro Magnon odissea nella preistoria (The Clan of the Cave Bear), la si vuole a bordo per il prossimo viaggio. Lunga vita e prosperità e manone verdi giganti e un cornetto. Quello, insegna Pegg, serve sempre.


Star Trek Beyond
Recensito da: DocManhattan Data: July 23 2016
Voto: 3,5

51 commenti:

  1. Ottimo, allla fine i FaF son fatti per sgommare, flashare, fare i teppistelli e divertirsi, con il tocco di simon pegg tutto, a quanto pare, raggiunge un certo equilibrio. Ma sono quelle le cose che mi son piaciute di più di questi star trek. Quindi mi hai convinciuto doc

    RispondiElimina
  2. il primo mi piacque per via dell'ottimo escamotage per riscrivere la saga anche se troppo virato a bombardare visivamente lo spettatore sperando che i fan di vecchia data (noi) non notassero una storia senza infamia e senza lode (a parte appunto il perno di tutta la vicenda).
    Il secondo l'ho perso ma visto la continuty alternativa e il solito attaccamento talebano alle vecchie versioni di qualsiasi brand del piccolo-grande schermo non me ne sono fregato nulla. Il terzo devo dire che mi hai incuriosito. ma a questo punto recupero il secondo e il terzo quando sarà che al cinema per ora nisba

    RispondiElimina
  3. Umh a me ha lasciato un po cosi, tante belle scene ma il cattivo non regge, e i colpi di scema sono davvero in teleselezioni, me li ha detti massimo lopez al telefono per allungarsi la vita...nin zo direi sufficiente ma lontano dal primo che anche a me era piaciuto tanto.

    RispondiElimina
  4. Voglio sperare che ci siano i lance flare altrimenti che star trek è??

    RispondiElimina
  5. Metto le mani avanti (o come dico sempre a mia moglie "faccio avantismo"); alle superiori il mio migliore amico era un fan di Star Trek senza se e senza ma e io invece forse forse preferivo Guerre Stellari.
    Sono crescituo e tutte le "seghe mentali" tecniche e la visione futuribile di Star Trek hanno fatto breccia facendomi cambiare idea. Meglio Star Trek.

    Tutto questo per dire che, come dicevo qualche giorno fa, questo film alla fine è un buon film (mi fido del giudizio del Doc) ma non è un film di Star Trek. Che questo sia un male, un sacrilegio o altro non mi interessa e per mettere mano a torce e forconi ci sono cose più importanti.

    Lo vedrò o non lo vedrò, dipende.

    RispondiElimina
  6. A me sono piaciute due citazioni in velocità che fanno tanto continuity: i cattivoni Xindi, visti nella sfortunata serie Enterprise con Scott Bakula, e i MACO, le squadre speciali d'assalto, anche questi visti in Enterprise e in alcuni videogiochi FPS.

    RispondiElimina
  7. ho aperto la pagina sperando in questa rece... grazie, ragazzo!

    (immagino fra qualche giorno quella di Ghostbusters, mi piacerebbe farmi qualche risata)

    RispondiElimina
  8. sto leggendo in giro parecchi pareri positivi, anche da parte di gente che ha, giustamente, odiato i 2 predecessori

    però devo essere onesto, per quanto bello possa essere questo terzo capitolo, quel cast per me è ormai merce avariata (non sto dando la colpa agli attori) perché non fa che ricordarmi gli altri 2 film e quindi rovinarmi l'esperienza

    spero che chiudano questo arco narrativo al più presto puntando ad un'altro equipaggio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sperare è lecito, lo facciamo tutti quando qualcosa non ci piace, ma Hollywood guarda al soldo, e i primi due film hanno incassato in totale più di 850 milioni di dollari. Con questo si buca il miliardo facile-facile.
      Incassi che vanno + cast giovane = taaanti altri film. E infatti il quarto è già in cantiere, con il ritorno di...
      L'unico a non essere a bordo sarà il povero Yelchin (Chekhov), che ci ha lasciato il mese scorso.

      Elimina
    2. beh possono sempre fare un'altro equipaggio gggiovane, alla fine il problema non è mai stato (per quanto mi riguarda) l'età dei personaggi o l'hard-reset della continuity ma il fatto che di star trek quei due orrori non avevano niente, senza contare i buchi di sceneggiatura

      mi fa piacere che siano riusciti a mettere delle pezze hai danni provocati da jar jar abrams, però quelle facce rievocano troppi brutti ricordi sob sob


      chissà se la nuova serie potrà curare il mio cuore malato

      Elimina
    3. Non discuto ovviamente il tuo giudizio, volevo solo dire che, per il cinema, ti conviene mettere l'anima in pace per qualche anno. A meno che il quarto non floppi di brutto, non avrebbe commercialmente senso cambiare equipaggio ora. Andranno avanti fino al prossimo decennio.

      Elimina
    4. eh ma lo so purtroppo, la mia è una pia illusione

      però la speranza è l'ultima a morire, sia mai che qualcuno viaggiando a ritroso nel tempo non modifichi il passato in modo che gli star trek di jar jar non vedano mai la luce asd

      Elimina
  9. doc fatti forza ,credo che io e te non abbiamo gli stessi gusti ..in fatto di donne, zoe saldana mi lascia completamente indifferente,anzi mi pare quasi bruttina.

    RispondiElimina
  10. Se mi sono perso il secondo film posso vedere questo e sperare di capirci qualcosa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yep. Non c'è granché da sapere sui film precedenti.

      Elimina
    2. Beh, però la mia ragazza non aveva visto quelli prima per cui era piuttosto confusa quando vedeva Spock-Quinto guardare la foto di ambasciatoreSpock-Nimoy...

      Elimina
    3. "Non c'è granché" ≠ "non c'è niente".
      È il terzo film di una serie, grazie a Ciccio che ci sono dei rimandi. Ma è una nuova avventura, non è come guardare Episodio V senza aver visto il IV. Andrea, occhio piuttosto agli spoiler, ho dovuto reincollare il tuo commento precedente, vedi sotto.

      Elimina
  11. Qualche giorno fa mi capitò di visitare la pagina di un famoso debunker italiano il quale è anche noto per essere un fervente trekker. Costui detesta i primi due ST ma è stato invitato ad uno screening di Beyond e ne è uscito completamente entusiasta.

    Anche lui, comunque, cita la sceneggiatura di Pegg come la cosa migliore del film, e visto che a Pegg io voglio un bene dell'anima per via della trilogia del Cornetto mi sa che lo vado a vedere.

    RispondiElimina
  12. Piaciutone. Valore aggiunto: il collega che sostiene che la sezione disco si separa solo nelle navi di classe galaxy ma che non sa titolo e autori del brano del momento fomento. Seguita ora abbondante di commenti, come non succedeva da tempo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. É vero,e la prima nave a testarla fu l'ENTERPRISE di Picard.
      Ma qui siamo in una divergenza temporale

      Elimina
  13. Con la destra il saluto vulcaniano mi esce così, effortless, per la sinistra il mignolo va per fatti suoi. Vedrò il film la settimana prossima e grazie per la recensione.
    Menzione speciale al nuovo banner da inchino-ola-e-pinna-finale i Klingon ovviamente muti!

    RispondiElimina
  14. a me e piaciuto godibile in una estate torrida!
    e poi difinire quella canzone "musica classica"

    RispondiElimina
  15. Mezzo convinto di andare a vederlo lo ero già... Ora resta da capire se riesco a convincere qcuno ad accompagnarmi... Magari gli faccio leggere questa recensione XD

    RispondiElimina
  16. Scusatemi, non ho in programma di vedere il film al momento... ma qualcuno potrebbe togliermi la curiosità di quale sia la canzone cui si riferiva il doc? Scrivete pure "spoiler" se volete.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È la stessa del trailer (https://www.youtube.com/watch?v=XRVD32rnzOw)

      cioè l'immortale
      https://www.youtube.com/watch?v=z5rRZdiu1UE

      Elimina
  17. Io non l'ho visto ma gli altri due si,e li ho trovati piacevoli e godibili,non mi perdo in discorsi tipo "non è un film di Star Trek,è un film di Star Trek" idem per il discorso Guerre Stellari.
    Se un film è godibile e mi coinvolge non mi faccio certi problemi,per forza di cose un film girato al giorno d'oggi sarà differente,anche rispettando i canoni di una volta,rispetto a una serie o dei film girati 40 anni fa,per forza di cose,questa è una mia idea,questo genere di reboot li prendo un po' più facilmente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho sbagliato a scrivere il nome,Doc non so cos'è successo ma ?Blogger mi ha cacciato fuori..

      Elimina
  18. Trekker a rapporto… e trekker di lunga data… Beh, non amo affatto l'Universo creato da JJ… che volete farci, il 'mio' Star Trek è Deep Space Nine, pertanto in molti potranno capire quanto lontani si possa essere. Il primo l'ho trovato offensivo, il secondo… stupido. IMHO ovviamente. Su quest'ultimo, ormai ridotte al lumicino le mie aspettative, avevo comunque qualche piccola speranza. Poco mi aspettavo e poco ho avuto, ma poteva andar peggio. Due ore con molti effetti speciali, ridondanti e spesso demenziali, senza dubbio spettacolari (mettendo il cervello in modalità 'aereo')… una sceneggiatura senza ne capo ne coda, qualche siparietto pure divertente e, concordo con il dottore, un piccolo omaggio ben fatto a quello che fu… Considerando inoltre la fissa con i combattimenti 'aerei' del nuovo corso, nel senso che c'é sempre qualcuno che salta sopra i precipizi e cose del genere, ritengo sia errato preoccuparsi della deriva 'guardiani della galassia' tanto temuta da molti fan… a me sembra che sia Super Mario il riferimento… Insomma, due ore innocue ma, della serata, ricordo molto di più, e con molto più piacere, l'ottima cena che mi son fatto dopo… ;) Intanto aspetto che Sisko torni dalla vacanza a Casa Profeti...

    RispondiElimina
  19. le due ore sono passate via lisce, gli attori sono buoni (si, la Zoe è MOLTO BUONA), non c'è grande approfondimento psicologico ma non è che me lo aspettassi, eh. Un po' sprecato SPOILER ....................................................................................................................................

    il buon idris, hai un attore fico e carismatico e gli spari in testa un mascherone, mah ...............................................................................................................................

    FINE SPOILER
    dopodiché potevano fare peggio. il secondo IMHO molto peggio. E ora si aspetta il quarto...


    RispondiElimina
  20. Da quando ho capito che questo non è più Star Trek mi guardo i film più serenamente. Devo sol ripetermi "Assomiglia ma non è! E' solo un caso che abbiano gli stessi nomi" e funziona!
    Infatti mi è piaciuto il primo film. M'è piaciuto il secondo (che non ho mai rivisto...segno che qualcosa che non va ce l'aveva). Mi vedrò anche questo e so che mi piacerà. Ma questo reboot non è Star Trek, è i Guardiani della Galassia con altri personaggi.

    Star Trek ha sempre sofferto sul fronte film. Io ne salvo massimo 4 e solo un paio davvero belli.
    Star Trek ha bisogno dei tempi e della struttura dei telefilm! Punto. Spero con tutto il cuore che la nuova serie prenda dall'originale e non da questo reboot (o che prende il meglio di entrambe almeno).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Assomiglia ma non è!"
      Trattandosi di un universo parallelo, del resto, è letteralmente così :D

      Elimina
  21. Ma che canzone era quella gasante?

    RispondiElimina
  22. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se un commento contiene spoiler, come il tuo, va segnalato all'inizio con un tag apposito, [SPOILER], non basta buttarci una parolina spoiler nel mezzo, perché il tempo di leggerla ed è già troppo tardi. Due parole di troppo e sai già che vuole il cattivo e perché.

      C'è chi si incazza molto per queste cose, e ha ragione. Un po' di rispetto per gli altri, non mi fate ripetere sempre le stesse cose.

      Questo è il commento di AndreaC:

      [SPOILER]
      ...
      ...
      Sono andato a vedere il film ieri alla prima proiezione del primo giorno, senza sapere nulla di nulla di casting o quant'altro, né aver visto recensioni o altro per non essere condizionato da alcunché. Condizione ideale imho.
      Che dire senza spoilerare troppo?
      Che ci sono alcuni aspetti positivi, ma pochi: alcuni dettagli fanservice che mi hanno strappato qualche sorriso (nomi, rimandi, citazioni) o qualche momento di malinconia (i ripetuti omaggi a Nimoy), grandi effetti speciali e soprattutto una colonna sonora curata nei minimi dettagli (finanche negli ultimi secondi dei titoli di coda), con azzeccati rimandi sonori (non solo a TOS). Recitazione ok da parte di tutti (menzione d'onore per Sofia Boutella) e doppiaggio italiano tutto sommato passabile.
      Quello che non va è tutto il resto. L'avversario principale ("il cattivone") qui ha motivazioni non chiare allo spettatore per buona parte del film (nonostante i suoi estenuanti "superspiegoni"). Cosa che non aiuta il coinvolgimento. Spoiler alert ora: alla fine scopo del "cattivo" è la realizzazione di un attentato terroristico con milioni di morti (in una stazione orbitante che ha molto poco di startrekkiano, ma vabbé). Ora tralascio le facili interpretazioni psico-sociologiche per cui l'avversario è sempre la proiezione delle paure del pubblico americano, per cui si passa dai Borg (esempio reale del comunismo estremizzato teorizzati nell'America di fine anni '80) a questo qui, nei DuemilaDieci, che esemplifica la paura del megaattentato terroristico. Non c'è più infatti un esercito nemico col quale ci si confronta (Klingon/Romulani/il Dominio e i suoi Jem'Hadar ecc), ma si ha di fronte alla fine un unico individuo con una avanzata bioarma che vuole fare il massacro. Specchio dei tempi.
      E questa è l'intelaiatura, ma stante questo quello che deve fare un film alla fine è coinvolgere, emozionare, divertire. Questo film purtroppo non fa nessuna delle tre, scorre piatto e prevedibile fin quasi alla fine (il colpo di scena finale ci può anche stare, ma arrivando dopo 2 ore di minestra insipida non può salvare la baracca). In un film ci si aspetta molta più "mitologia" della serie, qualche pietra miliare per lo sviluppo dei personaggi o per l'evoluzione della storia. Questo film invece fa avanzare di pochissimo i personaggi e di nulla la mitologia di Star-Trek-Reboot. Se fosse stata una puntata (con meno mezzi naturalmente) sarebbe stata una puntata dimenticabile di quelle col "cattivo della settimana" che dimentichi alla puntata successiva. Ci sono state puntate indimenticabili in ogni serie di ST (TOS, TNG, DS9, persino in VOY e ENT) quando dovevano scrivere di corsa... possibile che ora con tempo e mezzi non si riesca a trovare il modo di scrivere qualcosa di buono?

      Elimina
    2. [SPOILER ALERT (vedi mai...)]
      Sorry.
      Pensavo potesse andare perché non ho scritto il "perché", ho solo descritto un po' di più il "cosa" a cui tra l'altro accennavi anche tu. Condizione necessaria per introdurre quel confronto psico-sociologico. Pensavo bastasse quello "Spoiler Alert" nel mezzo, ma se così non è ne prendo nota per il futuro, ci mancherebbe. E se quel "Spoiler Alert" l'ho scritto è proprio per rispetto agli altri, a cui non volevo assolutamente mancare di. Proprio per qs del resto del "perché" non dicevo nulla...

      Elimina
  23. Visto ieri sera e purtroppo non mi è mica piaciuto... Piatto... Senza mordente secondo me vai a sapere.. Mi prese di più la serie con Bakula come capitano. Evabe pazienza dai...

    RispondiElimina
  24. Visto ieri sera e purtroppo non mi è mica piaciuto... Piatto... Senza mordente secondo me vai a sapere.. Mi prese di più la serie con Bakula come capitano. Evabe pazienza dai...

    RispondiElimina
  25. Mi chiedo con chi sostituiranno il povero Checov, recentemente defunto in un incidente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo faranno. È stato già precisato dalla cumpa di JJCarrarmato che non ci sarà alcun recast.

      Elimina
  26. Prima o poi doveva succedere: un film che non mi è piaciuto è piaciuto a te, Doc.

    Dopo essermi strappato le vesti (tanto fa caldo), me ne sono fatto una ragione e dico la mia! :)

    Io non sono mai stato un fan di Star Trek, ma il primo film mi era piaciuto e anche parecchio.

    Di questo non salvo praticamente nulla, ma, forse è solo questione di chimica.

    Nel senso che ho avuto un effetto "non sei tu, sono io" dall'inizio alla fine.

    La prima impressione è che l'intero film potesse essere ridotto a tipo 20 minuti. Forse, fosse stato così, lo avrei trovato un bell'episodio della serie. Ma due ore, no.

    Così mi è sembrato un po' un Guardiani della Galassia e un po' un Fast ad Furious senza Vin Diesel.

    In sintesi, mi piace molto questo cast, anche il taglio più action può avere un senso. Ma nel complesso ho trovato questo terzo capitolo povero d'idee.

    Buono spazio a tutti!

    RispondiElimina
  27. Doc, Pine è 30enne da un bel pò, visto che è dell'80...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si parlava degli inizi della saga. Pine nel 2009, quando è diventato il nuovo Kirk, aveva 29 anni, Shatner 35. Non c'era tutta questa differenza, e vale per quasi tutti i membri del cast.

      Elimina
  28. Doc, mi hai fatto sentire così vecchio e obsoleto. Questa ondata di reboot non mi è piaciuta per niente, ho trovato brutte quasi tutte le nuove versioni. Per fortuna che riesco ancora a percepire la bonaggine di Zoe Saldana, almeno gli istinti base mi sono rimasti.

    RispondiElimina
  29. A me sono piaciuti tutti e tre. Visivamente questo l'ho trovato il migliore in assoluto e come storia è stato piuttosto gradevole.



    [SPOILER]






    Bruschette a flotte negli occhi nella scena di spock con la fotografia del vecchio equipaggio

    [SPOILER]

    RispondiElimina
  30. Mi hai dato proprio la bella notizia che speravo, nonostante il trailer mi avesse smorzato un po' l'interesse.
    Ma se si torna come impostazione al primo Star Trek di JJCarrarmato, allora vado sul sicuro!
    Great!

    RispondiElimina
  31. Visto. Personalmente è il miglior film di Star Trek dai tempi di Primo Contatto (e diciamolo, buona parte dei film di ST,anche di quelli prima del reboot, non è sto granchè).

    Cacca a Lindelof, fiori a Pegg e Lin.

    RispondiElimina
  32. Beh...da trekkie, starwarser, duniaco, fantababbano devo dire che alla fine si ricade sempre nella vecchia nenia del "era meglio quando c'era Lui (Shatner of couse)", quando il capitano faceva il cascamorto con tutte le aliene di turno ed il bulletto del quartierino(in fondo non è cambiato poi così tanto).
    Diciamolo, bel film, godibile, questo è sicuramente lo Star Trek di queste generazioni, forse siamo tutti un tantino anziani e preferiamo i sassi in polistirolo piuttosto che le supermegabasi in CG...
    Vediamo invece cosa saranno riusciti a combinare con la nuova serie..
    Discorso sconnesso ma ci sta...

    RispondiElimina
  33. Visto qualche giorno fa. Direi sicuramente meglio di Into Darkness (un occasione mancata, con Cumberbatch come cattivo...). Divertente, scorre via veloce con scene di azione ben realizzate. Un po' tamarra quella con la motoretta scurreggieta ma Kirk che si carica l'aliena di turno e va a fare le penne ci sta :-D confermo l'apprezzamento per Sofia Boutella, che scopro ora avere esattamente 1 giorno meno di me (6 aprile '82. La facevo più giovane vista la ridotta filmografia...direi una delle migliori aliene di sempre! Confermo anche la mimmosità del cattivo, potevano usare un trucco meno pesante, facendo riconoscere il volto di Idris Elba senza per questo svelare il suo passato. MACCOSA per il decollo della nave, manco fosse l'aereo di Golden Eye. Lo metto al pari del primo reboot, niente di cui strapparsi i capelli ma godibile.

    RispondiElimina
  34. a me è piaciuto,ma essendo fan più del Picard che del Kirk preferirei un pò meno action e più filosofia...

    RispondiElimina
  35. Sicuramente questo film è migliore del secondo, ma personalmente anche questo film è un mezzo disastro, come lo è stato anche insurrection.. spero in qualcosa di meglio nel prossimo atto.
    cmq. l'inizio molto BSG :D

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails