mercoledì 4 maggio 2016

51

Altri 20 wrestler dalle gimmick ridicole

Quello dei 15 wrestler pezzenti, scritto nel remoto 2010, è uno dei post a cui sei più affezionato, perché è impossibile non legarsi a gimmick che hanno fatto la storia del wrestlol come Max Moon, Mantaur o The Shockmaster (con la sua epocale figura di palta). Bene, sfogliando la WWE Encyclopedia ti sono venuti in mente/hai scoperto tutta un'altra serie di wrestler che hanno militato nella WWF/WWE e/o di gimmick che al confronto I.R.S. l'uomo del fisco, Doink il clown e Koko B. Ware erano delle robe superserie. Tenetevi. Forte. [...]
PHANTASIO
Il bressler prestigiatore, apparso nella WWF negli anni 90. Sotto il trucco da mimo gianfransuà c'era il newyorkese Harry Del Rios. Poi, come per magia, è scomparso. Puff!
ALDO MONTOYA
Anni dopo, Peter Joseph Polaco si sarebbe fatto un nome sui ring della WWF e soprattutto della ECW come Justin Credible. A inizio carriera, nella prima metà degli anni 90, per via delle sue origini lusitane venne impacchettato nella bandiera portoghese e presentato come Aldo Montoya, "the Portuguese Man O' War". Sembra uno di quei super-eroi Marvel di penultimo ordine che le prendono pure dalla Zia May.
GOLGA
Un wrestler mascherato (con una maschera da pervertito brutta forte) ossessionato da South Park, che si presenta sul ring abbracciando un peluche di Cartman. No, sul serio. Sotto la maschera c'era il mitico Earthquake,
John Tenta, di ritorno in WWF a fine anni 90 dopo esser finito pure lui come tanti in WCW appresso ai soldi di Ted Turner. Golga faceva parte di una stable (gruppo di wrestler) in stile freak show, gli Oddities,
insieme a gente del calibro di The Jackyl, Kurrgan, Giant Silva, gli Insane Clown Posse, Luna Vachon, George "The Animal" Steele e Sable. Che non si è ben capito che ci facesse lì in mezzo, essendo una wrestler superpatonza.
Uno dei momenti più, uh, alti dell'era Attitude in WWF, che ha fatto, uh, impennare gli ascolti.
REPO MAN
Abbastanza noto da averci un suo pupazzino tra gli Eroi del Wrestling Gig/Hasbro, Repo Man era il wrestler che rubava le cose o portava via i veicoli a chi era in ritardo con le rate. L'Uomo Equitalio, va' che heel estremo! Apparso nel '91 e impegnato in una feud col mai dimenticato British Bulldog, anche Repo Man era interpretato da un wrestler famosissimo con un altro nick: 
Barry Darsow, meglio noto come Smash dei Demolition.
TEKNO TEAM 2000
"Ho detto incontriamoci tutti nell'anno 2000", recitava la canzone più famosa dei Pulp, nella speranza che nell'anno Duemila non ci fossero davvero in giro tizi come i Tekno Team 2000. Spinti tantissimo dalla WWF tra il '94 e il '96, i Tekno Team 2000 (Chad Fortune, qui chiamato per esigenze di allitterazione Travis, ed Erik Watts, Troy) erano questi tizi dall'abbigliamento futuristico tipo meccanici della McLaren in spiaggia, con la crema per il sole spalmata male in faccia.
ADORABLE ADRIAN ADONIS
"Adorable" Adrian Adonis, il wrestler truccato da donna e super-effeminato, qui ritratto in tutta la sua IlViziettitudine accanto al manager Jimmy Hart. Anche Adonis ci ha lasciato prima del tempo, e con una fine ancora più tragica: mentre viaggiava con un gruppo di colleghi bressler in Canada, per schivare un alce il loro minivan è finito in un lago.
BEAVER CLEAVAGE
Sui ring della WWE, Charles "Chaz" Warrington è diventato famoso soprattutto come Mosh, in coppia con Trasher negli Headbangers. Nel '99, tenuto fermo da un infortunio al ginocchio, fu reimpacchettato come Beaver Cleavage, un bambinone diversamente intelligente che, uh, aveva un rapporto da complesso di Giocasta con la madre, Mrs. Cleavage (cioe Mrs. Scollatura, la bodybuilder Marianna Komlos), che se ne usciva con robe tipo "i tuoi cereali sono asciutti, Beaver, lascia che ci metta - occhiolino - un po' di latte di mamma...". La gimmick era talmente agghiacciante che questa storia della mamma venne accantonata praticamente subito e Mrs. Cleavage venne riproposta poco dopo come la fidanzata di Beaver.
EUGENE
Parlando di gimmick da diversamente intelligente, una delle più politicamente scorrette era quella di Eugene, il bressler con ritardi mentali interpretato da Nick Dinsmore. Eugene, che veniva presentato come il nipote "speciale" del manager di RAW (ed ex volto della WCW), Eric Bischoff, è tornato di recente per qualche tempo alla WWE, come trainer di NXT tra il 2013 e il 2014.
BIG DICK JOHNSON
Per compensare la foto di Sable seminuda di prima, ecco una bella foto anche per le lettrici dell'Antro che si fossero incautamente avventurate fin qui. Va' che bell'ometto. Christopher DeJoseph è uno degli autori di Smackdown, gettato sul ring a metà anni Duemila per queste, uh, memorabili scenette di lui in perizoma, con la panza tutta lucida, alle prese con movimenti pelvici da spogliarellista. Parlando della qual cosa...
THE DICKS
Tank Toland e Chad Wicks formarono tra il 2003 e il 2006 a Smackdown il tag team dei Dicks. Quando si dice dei caz*oni americani. Ci fosse stato ancora il vecchio Dan a fare le telecronache del bresslinz, sicuro li avrebbe chiamati i Peni. 
THE EXECUTIONER
Terry Gordy, uno dei Fabulous Freebirds (stable entrata quest'anno nella Hall of Fame della WWE), impersonò nel '96 il personaggio di Executioner, il bressler preferito dal Playmobil Boia. Formò per breve tempo anche un tag team con Mankind, con Paul Bearer come manager. Se n'è andato anche lui, nel 2001, per un attacco di cuore.
FRIAR FERGUSON
Tra le varie gimmick utilizzate in carriera dallo scomparso Mike Shaw (come Norman the Lunatic e Bastion Booger) c'era anche quella di Friar Ferguson, il monaco pazzo. La WWF si beccò le lamentele di alcune istituzioni cristiane e abbandonò presto il personaggio. 
GANGREL IL VAMPIRO
Tornato in WWF nel '98, dopo esser stato pure lui in WCW, David William Heath venne presentato come Gangrel, un vampiro che sputava sangue finto sul pubblico, azzannava il collo degli avversari e cose così. Il nome fu preso da uno dei clan del gioco di ruolo Vampire: the Masquerade.
GIANT GONZALES
Jorge González era un ex giocatore di basket argentino dall'altezza semplicemente incredibile, 2 metri e 31, che ne ha fatto il wrestler più spilungone di tutti i tempi. Cercatevi un video dei suoi incontri con Undertaker nel '93, il becchino al confronto sembra un nano. Per dire. La cosa ridicola della sua gimmick era ovviamente la tutina da uomo delle caverne, con finta pelliccia su spalle, gambe... e inguine. Apparso in un episodio di Baywatch e in una doppia puntata di Thunder in Paradise, González è uno dei tanti bressler di questa carrellata che ha salutato tutti ancora giovane (44 anni). 
ABE "KNUCKLEBALL" SCHWARTZ
Steve Lombardi. Come dimenticare il caro, vecchio Steve Lombardi: nei tipici match televisivi della WWF di fine anni 80 c'erano sempre una Superstar e un jobber, uno lì per fare da sparring partner e prenderle. Uno tipo Lombardi. Dopo anni di onorata carriera da tappetino, viene promosso a wrestler che fa qualcosa e diventa Brooklyn Brawler (poi Boston Brawler). In seguito è uno dei bressler a indossare parrucca e pantaloni bracaloni di Doink the Clown quando serve (cioè dopo che Matt Osborne, il primo Doink, lascia la federazione nel '93) e soprattutto la maschera facciale e il completino da giocatore di baseball di Abe "Knuckleball" Schwartz. Santo cielo. Non è tutto... 
KIM CHEE
...perché in quel periodo indossa anche cappello e maschera di Kim Chee, ehr, il cacciatore mascherato.
Il che, ovviamente, comprende le scenette e le litigate con KAMALA, il gigante ugandese, altro ometto bellissimo con i pettorali che ci può palleggiare di ginocchio. Op! Op! Kamala il selvaggio, presentato come l'ex guardia del corpo del dittatore ugandese Idi Amin, era ovviamente nato negli USA (nel Mississippi), e tra un lavoro e l'altro nel circo del bresslinz è tornato a fare il camionista. In seguito alle accuse di razzismo rivolte a Hogan per quelle frasi pronunciate sui neri a proposito della figlia (frasi che gli sono costate la cacciata dalle WWE con un calcioinculo meccanico di Zio Paperone), Kamala è stato tra i wrestler di colore che hanno preso le sue difese.
LITTLE TOKYO
E a proposito di etnie. La WWF/WWE ha una storia lunga chilometri di gimmick basate sugli stereotipi razziali. Tipo che metà dei suoi personaggi sono presentati con qualche stereotipo razziale. Con "Little Tokyo", però, si fece tombola, perché la gimmick abbinava il feticismo per i nani 
da sempre presenti nel circo del wrestling (seems legit), la connotazione geografico-etnica e la citazione di un celebre quartiere di Los Angeles teatro di scorribande in passato tue, del Duffo, di Sole e gli altri. Shigeri Akabane c'aveva quella faccia da vecchietto, sui ring della WWF degli anni 90, perché era già grandicello: ha fatto il wrestler per quasi trent'anni, ritirandosi nel '97 dopo aver collezionato le cinture della categoria Midget in UWF, NWA e WCW. Beh, perlomeno era davvero giapponese e davvero nato a Tokyo, va detto. 
MYSTERY MAN
Sulla WWE Encyclopedia si parla di questo uomo del mistero apparso in qualche match nel '91. Sotto la maschera e quel suggestivo e praticissimo gilet da mobili per il giardino pare ci fosse Brutus "The Barber" Beefcake. E qui apriamo una parentesi. Abbiamo già visto come la pratica di utilizzare dei wrestler con un'altra gimmick, infilandoli sotto una maschera, fosse molto diffusa all'epoca in WWF. Uscendo quindi dal discorso dei bressler pezzenti, ti piace citare al riguardo alcuni dei costumi fighi indossati da Allen Ray Sarven, meglio noto come Al Snow,
utilizzato dalla WWF nei panni dei finti high-flyer giapponesi Avatar e Shinobi,
oppure la stable dei The Machines, che aveva per manager Lou Albano ed era formata fa bressler famosi di metà anni 80 con una maschera da luchador. André the Giant era Giant Machine (rimpiazzato da Ted Arcidi quando impegnato sul set de La storia fantastica), e hanno fatto parte della cumpa in vari momenti Big Machine (Blackjack Mulligan), Super Machine (Ax dei Demolition), Piper Machine (Roddy Piper), Animal Machine (George the Animal Steele), Crusher Machine (Crusher Lisowski) e Hulk Machine, cioè nientedimeno che il pagliazzo Hogan. E parlando di lui...
Ti dispiace non aver inserito nel listone dei wrestler mascherati più fighi The Patriot, perché il costume e soprattutto la maschera da luchador con l'aquila indossati da Del Wilkes in All Japan Pro Wrestling, WCW e WWF erano davvero notevoli. Soprattutto se si pensa che dalla bandiera stelle e strisce è stato tirato fuori, al contrario...
MR. AMERICA
...anche il pezzentissimo costume di Mr. America, usato dal pagliazzo Hogan nel 2003. Dice che poi non era felice dei guadagni, e se n'è andato in TNA. Il sempre amabile Hogan, come ricordano sempre tutti i suoi colleghi. L'hai già scritto che è un pagliazzo? Sì, l'hai già scritto.

51 commenti:

  1. Gran post, Doc! Soprattutto per aver messo la mia gimmick stupida preferita in assoluto, ovvero Phantasio, il wrestler con lo scherzone mutandone (era la sua finisher per davvero: https://www.youtube.com/watch?v=jwmxqEJnzHE )

    Aggiungo due curiosità non da PdF:
    1) La theme di The Patriot è stata riciclata anni dopo per Kurt Angle;
    2) Erik Watts è riconosciuto come uno dei peggiori wrestler di sempre, basti vedere il suo Dropkick: http://www.wrestlecrap.com/induction%20files/teknoteam2000/dropkick.gif

    RispondiElimina
  2. In confronto a sta gente Teo Teocoli e Aldo, Giovanni e Giacomo eran da prendere quasi sul serioXD Io purtroppo il mondo del wrestling l'ho sempre seguito e comunque ero troppo giovane all'epoca per apprezzarne l'epoca d'oro quando militava, ma stavo pensando ci sarebbe abbastanza materiale per un bel post sui wrestler italiani, no perché non tutti conoscono il risibile Capitan Padania ad esempioXD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cosa veramente tragica di Capitan Padania (e Neo Pulcinella) è che il main event di quello show era AJ Styles vs. Petey Williams per il titolo X Division della TNA

      Come passare dalle stalle alle stelle in pochi minuti :D

      Elimina
    2. Per non dimenticare...
      http://www.worldofwrestling.it/it/dettaglio.php?tab=mkp_reviews&id=1761

      Elimina
    3. Ah, ahXD Altro che The Wrestler qualcuno dovrebbe farci su un film su questo scontro leggendario

      Elimina
    4. ma allora il fumetto di capitan padania nasce dalle gesta del wrestler? Che poi qualcuno è riuscito a capire se l'opera fosse ironica o celebrativa?

      nel primo caso l' autore è un genio

      ( è la stessa domanda che mi faccio ogni volta che becco radio padania in macchina,tra l' altro . )

      Elimina
  3. Ci sarebbe anche Irwin R. Schyster, l'uomo del Fisco Statunitense : )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Troppo famoso e per questo citato nell'intro del post: "I.R.S. l'uomo del fisco". I.R.S., al secolo Mike Rotunda, è per la cronaca il padre di Bray Wyatt (il cui vero nome è qualcosachemononricordo Rotunda, appunto).

      Elimina
    2. Per il momento PdF di oggi, anche l'altro figlio lavora in dabliudabliu-E, è Qualcosaltro Rotunda / Bo Dallas.

      Elimina
  4. Risposte
    1. Clone di Rorschach, quindi ci sta. Peccato che Astocoso Wolf-Man, dopo un inizio interessante, sia diventata per me la più fiacca tra le serie scritte da Ciccio Kirkman.

      Elimina
  5. Direi allucinante. Il circo del wrestler con le sue gimmick e tutta la commedia che lo circonda fuori e dentro il ring è un fenomeno che mi lascia sempre basito, non lo capisco. Non me ne vogliano male gli estimatore ma lo percepisco come uno spettacolo superfluo. Logicamente diverte e appassiona molte persone quindi nulla in contrario.

    L'unica cosa che ricordo con affetto è il Guerriero.

    RispondiElimina
  6. ma Mr. America NON era Hulk hogan ( :D) , si diceva che al massimo erano amici! all'epoca circolavano articoli che provavano con foto e molta competenza, quali fossero le differenze tra i due. Chiaramente si capiva che erano due persone differenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pure i baffi erano tipo mezzo centimetro più corti. Era evidente.

      Elimina
  7. Una volta del razzismo becero negli USA si rideva con la WWF , adesso lo prendono sul serio e ci fanno le presidenziali.

    a parte gli scherzi, da piccolo queste gimmick politicamente scorrette facevano veramente ridere , francamente penso che un pò di autoironia non faccia mai male, poi c'è gente che s'inkazza veramente per stupidaggini.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ovviamente sottolineo come adesso siano di cattivo gusto , anche se non mi straccerei certo le vesti se ci infilassero un pizzaiolo italiano col mandolino e i baffoni , o ( più pertinente al mio caso) un gondoliere tutto rosso che beve e bestemmia, ma ci riderei sopra

      Elimina
  8. Risposte
    1. IMHO: Pure troppa, tette rifatte a mappamondo tipo dal mio gommista. So che per il gusto medio americano due Hindeburg di silicone rappresentano il Nirvana, ma a mio avviso non c'era bisogno di impermeabilizzare il frontale aumentando di due carreggiate. preferisco il rifatto indistinguibile dal naturale com'è da noi, SE PROPRIO, o il naturale imperfetto e bene così , chi se ne frega, piuttosto che due invernali Bridgestone .

      Elimina
    2. Naturale imperfetto tutta la vita sinceramente... sennò vado direttamente all'esselunga a cercarmi un manichino...

      Elimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gangrel resta una delle migliori gimmick trash della storia, così brutta da fare il giro e diventare geniale. O forse sono io che, da fan di Edge, sono legato ai suoi esordi nel Brood... la cosa buffa? Nonostante fosse una gimmick idiota, quella del vampiro la ritirarono fuori per quel poveraccio di Kevin Thorne nel 2006... con tanto di aranciata sanguinella sputata contro il monitor nei promo. Son cose...

      Elimina
  10. il migliore è big dick johnson... non riesco a smettere di ridere.
    Ok che nasce come caricatura della caruicatura.. ma dai ragazzi a tutto c'è un limite...

    adesso vado a vomitare

    RispondiElimina
  11. Parlando di gimmick razziste non si possono non citare gli Harlem Heat, alias Stevie Ray e Booker T. Se ad un certo punto diventarono uno dei tag team più apprezzati della WCW gli inizi furono invece più difficili grazie a qualche booker geniale che assegnò loro delle gimmick...da schiavi. Con i nomi di Kole (e qua mi immagino il booker pieno di orgoglio per un gioco di parole tanto raffinato) e Kane, i due si presentavano nell'arena annunciati dal loro padrone (che li aveva vinti giocando a carte), a piedi nudi e con catene alle caviglie. Per fortuna la gimmick fu abbandonata in fretta e furia.

    E parlando di WCW non si possono non citare i 3Count, la boy band di bressler, nonchè uno dei tanti segni di come la federazione che solo qualche anno prima stava battendo la WWF era con l'acqua alla gola. Se non sbaglio uno di loro era Shane "Hurricane" Helms".

    E personalmente sono contentissimo che le gimmick razziste siano meno ben viste rispetto ad una volta altrimenti conoscendo Vince ci saremmo ritrovati Sami Zayn come figlio di Iron Sheik.

    RispondiElimina
  12. e a proposito(autorizzato dal DOC) date un occhio qui
    https://actionspyedisagio.wordpress.com/2016/04/23/wrestlemaniacs/

    RispondiElimina
  13. E il tizio vestito in rosa che faceva il personal trainer? Entrava sempre con un Segway e poi si beveva il classico bibitone del campione, per poi finire per prenderle costantemente.

    RispondiElimina
  14. Di tutti questi mi ricordo Repo-Man (me lo ricordo massacrato una volta da Untertaker) , "gigante" Gonzales (come lo chiamava Dan Peterson) e Kamala (detto da Dan "panzone dall'Uganda" ).. A proposito Doc potresti fare un post col meglio delle telecronache di Dan , erano troppo spassose !

    RispondiElimina
  15. Bellissimi, meriterebbero una storia a fumetti!

    A proposito dei "Vrlestlers" strampalati, ricordo, sarà stato il '96, avevo un amico con un'enorme parabola in grado probabilmente di captare gli UFO, il quale ci invitava regolarmente per vedere cosa di bello offriva questa tv. Una sera beccamma un incontro di lotatori mascherati, dove c'era una specie di Spider-man che tirava le stelle filanti di carnevale contro un lottatore mascherato da Godzilla!?!?!

    Ditemi che non me li sono sognati...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se lo Spider-Man tarocco che lanciava le stelle filanti era giallo e viola, si trattava di Arachnaman della WCW. Così simile all'Uomo-Ragno... che la Marvel ha minacciato le cinquine legali e la gimmick è stata accantonata.

      https://thumbs.gfycat.com/CloudyCheerfulGonolek-mobile.mp4

      Elimina
    2. Si, Doc!!!!
      Era proprio lui, infatti gli incontri facevano riferimento esattamente alla WCW, era in pieno periodo NWO con Hogan che faceva il cattivo Cyborg e il doppio Sting!

      Elimina
  16. Mi sono riletto il vecchio post e purtroppo ho constatato che il video in cui Shockmaster fa la sua prima apparizione é stato rimosso.
    Peccato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eccolo! Miglior ingresso in scena con capitombolo figurimmé di sempre!

      https://www.youtube.com/watch?v=y5oMiqJRVqs

      Elimina
    2. "figurimmé" é un eufemismo. Mi piace che dopo lo sconcerto iniziale vanno avanti a litigare come se nulla fosse.
      Ma doveva combatterci con quel secchio in testa? A parte la visibilitá al primo scappellotto gli volava via...

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  17. Minghi! Molti non li conscevo per nulla... Friar Ferguson mi ha ammazzato dalle risate!

    RispondiElimina
  18. Eugene! "personaggione" delle annate in cui seguivo il wrestling, che si ritrovava intorno gente come HHH, randy orton, batista, quando questi facevano ancora gli sgherri del baffuto tripla acca.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. https://www.youtube.com/watch?v=787ZB76_Hbw ok, qui lo pestano di brutto, in certi momenti fa anche impressione a dire il vero.

      Elimina
  19. In effetti è vero, Doc, proporci nello stesso post Sable e Big Dick Johnson è stato un colpo basso.
    Tra l'altro solo a me Johnson ricorda un Mightypirate obeso? Anche dei Dick avrei voluto dimenticarmene: ricordo ancora il loro esordio a Smackdown quando le telecronache le facevano Valenti e Recalcati.
    "Allora ragazzi, voi nel sottopancia leggete The Dicks, ma non fateci caso: allora, quello a sinistra è Sto e quello a destra è Stoca, insieme fanno gli Stica".
    Assolutamente imbarazzanti.

    RispondiElimina
  20. il mai dimenticato Adrian Adonis...che mi ha subito riportato alla mente l'altrettanto mitico Rico Constantino... molto finemente chiamato "Rico Ricchio", da queste italiche parti...

    RispondiElimina
  21. Huahauahauaua, noooo Repo Man era uno dei Demolition????? Giant Gonzales, Eugene, Grengel........ che personaggi che mi hai fatto ricordare !!!!!

    RispondiElimina
  22. Doc senti, lo avrai certamente spiegato, ovvio sono io che non l'ho trovato ma... mi spieghi perché ce l'hai tanto con HH? Per qualcosa che ha fatto ai tempi o per la sua deriva attuale? Grazie mille mito!

    RispondiElimina
  23. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  24. Un post del genere lo aspettavo tanto non conoscendo l' esistenza della prima parte, però manca all' appello ancora qualche wrestler bello pezzotto...

    Menzione speciale al Kurrgan di quella foto: maglietta hippy, pantaloni da giocatore di baseball anni trenta e quella che sembra una kippah in testa.

    In quegli anni hanno comunque ideato gimmick molto MOLTO peggiori.

    RispondiElimina
  25. Volevo però segnalare che Executioner (Terry Gordy) prima di quel personaggio (anni 80/90) era un cavallo di razza, sia nei Freebirds che in Giappone nella AJPW sia in singolo che in coppia con Steve Williams.

    Purtroppo il suo stile di vita e gli eccessi gli provocarono un ictus (o qualcosa di simile) e quando si riprese non fu piu quello di prima.

    Da li in avanti lo ingaggiarono piu che altro per pietà e per fargli un favore, come dice anche Mick Foley in have a nice day

    RispondiElimina
  26. Praticamente più della metà di loro sono nel rooster della federazione da me fondata in T.E.W. 2013 (mod The Golden Age)che sta soppiantando la WWF nel mio mondo alternativo. Campione intercontinentale Al Snow gestito da George Steel, suo partner in tag Del Wilkes... ma la stella assoluta è il mitico Jushin Thunder Liger. E Steve Lombardi con coerenza prende gli schiaffoni ad libidum anche lì. Tornando alla realtà, l'apparizione di Giant Gonzales nel Wrestlemania di Las Vegas segnò la fine della mia infatuazione per il Wrestling dell'epoca; veramente troppo brutto, impresentabile, e spinto in modo imbarazzante.

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails