giovedì 7 aprile 2016

78

Le pubblicità fuorvianti di Topolino (stagione VI, parte IV): 1994-1995

Dopo il salto nel 1992 dell'ultima volta, restiamo con la macchina del tempo delle Pubblicità Fuorvianti di Topolino agli anni 90. Grazie all'antrista Carla, che ti ha spedito una pila di Topolino di quel decennio lì (thanks, Carla!), ci andiamo infatti a spulciare i numeri 2033 e 2056 (15 novembre 1994 e 25 aprile 1995, 2500 lire cadauno). The Rhythm is Magic di Marie Claire D'Ubaldo (quel gran pezzo della) a palla e seguitemi [...]
Partiamo dagli orologi Casio. In un bieco tentativo di agganciarsi alla cultura metropolitana, al mondo dei graffiti e del bellaraga, yo, per raccontarti che ora ci sono gli orologi che ti ricordano oltre ai numeri di telefono anche gli appuntamenti, si parte da un terrificante "Faccio cose vedo gente sono il più giusto" e da un "Heyman, per controllare la città...". Proseguite pure nella lettura del testo, se vi va, ma occhio ché se vi pizzicano i vigili scatta il verbale.
Tra parentesi, questi Casio sono tutti brutti (tranne il DBX-103, forse) e uno qualsiasi di quelli che hai a casa, nuovi e vintaggi, li prende a cinquine in faccia molto metropolitane, heyman, yo, mani sotto le ascelle e spalla alzata, bellaraga.
Ma sempre da Casio arrivava anche il Magic Diary, qui oggetto di un concorso da banco frigo. Erano tempi, quelli, in cui le agendine elettroniche andavano tantissimo, sembravano il futuro. Poi è finito in mano a tutti un cellulare e ciao futuro, goditi l'interno di un cassetto per il resto dei tuoi giorni.
Action Man, "il più grande degli eroi", in quanto dotato di 30 cm di dimensione artistica. Un Big Jim degli anni 90 però più alto, meno capaabomba e con una serie di tutine e di nemici improponibili. Ecco Action Man Anfibius (sic) Man, man!, opposto al malvagio e tricoticamente svantaggiato Dr. X, che per suggerire velatamente questo fatto che è cattivo l'hanno reso orbo, col mustazzo iracheno e una tutina color viola villanzone.
Qui invece Action Man c'ha il pantalone tigrato che si mette quando va a ballare al Blue Oyster Bar il venerdì sera, mentre Dr. X s'è fatto un trapianto e ti è diventato punk in due secondi. E in regalo con l'Action Man tigrato, i tatuaggi per diventare uominisessuati.
Sempre nel regno del pupazzismo Gig troviamo le action figure di Conan, ispirate al cartone animato del barbaro. Qui il Cimmero mostra orgoglioso al mondo il proprio pacco foderato nel pellicciotto con cinta, mentre agita furiosamente il polso. Il mostro verde, atterrito, fugge. Onan il Barbaro.
Il pupazzame di Robocop, come un Robocop Audiotronic da 32 cm che sembra figo, vari pupazzini più piccoli e la macchina di Robocop, perennemente senza assicurazione e con le ruote a terra. Prego notare il claim sotto al logo: "l'invincibile poliziotto-ROBOT". Hai capito tutto, amico pubblicitario, hai capito bravo.
La Giochi Preziosi, che aveva inglobato lo storico marchio Ceppiratti, risponde con le action figure degli X-Men. E per quanto possa sembrare banale ora del pupazzame sui mutanti ispirato al cartone, all'epoca trovare nei negozi di giocattoli delle action figure Marvel era una roba nuova e meravigliosa. Da segnalare, oltre al Blackbird trasformabile, l'agghiacciante moto di Wolverine con gli artigli, di cui si diceva in questo vecchio post sui pupazzini Marvel mostruosi.
Le pagine dei videogiochi, con la solita roba improponibile a prezzi agghiaccianti (il gioco educativo di Scooter a sole 130mila lire? Sicuro). Degni di nota la grande novità delle nuove stampanti a colore a getto d'inchiostro (al modico prezzo di "poco più di 900 MILA LIRE") e il gioco per Philips CD-I dell'Albero Azzurro. Per trascorsi professionali, quando senti parlare del pupazzo Dodò rispondi con un AAAAAAHHHHHHHHHHH!!!!, e fuggi.
Del fortunatissimo (/emoticon di ridere) Philips CD-I si parla anche qui, visto che la console del futuro supersfighé era in palio in un concorso con Archimede, sinceramente messo in ombra dalla notizia, nell'angolo in basso a destra, del venticinquesimo compleanno e della svolta rap di Mietta. Il mondo non sarebbe stato più lo stesso.
Con gli yogurt Danone si vinceva uno zarrissimo "Game Watch" con cuffiette, il videogame da polso di Super Mario Bros. Conan era un campionissimo a questo gioco.
Junior TV, con i Cavalieri dello Zodiaco e gli altri programmi mandati in onda in quel 1994 lì, come il Baby Show (ecco da dove arriva quel coniglio).
Tra i giocattoli femminili, troviamo l'ennesima linea di minchiatine collezionabili Gig, nella fattispecie i cuccioli tascabili, apripista dei cagnolini veri da borsetta arrivati dieci anni dopo.
Questi sono i Folly Magic,
e questa invece Tanya Cabrio Byutic, con la sua macchina da petroliere anziano e la ruota di scorta per nasconderci la bamba.
Truccosella era invece una bambola che, grazie a una serie di trucchi e colori, diventava in un attimo una bambola battona da locale di lapdance.
La fabbrica dei mostri, che aveva aperto giù in città, sfornava intanto animali, mostri, insetti giganti, vespe guerriere, tupinari, biondi di Luzzi, dinosauri e perfino Power Rangers,
gli eroi tutinati nippoamericani che erano nel pieno del loro boom fatto di codici colore razzisti e Megazord.
I regali a puntate da montare, negli anni 80 un grande classico estivo di Topolino (quella maledetta macchina fotografica in plastica speciale derivata dal mais, che non ha mai voluto saperne di funzionare...), negli anni 90 saltavano evidentemente fuori anche in altri periodi dell'anno. Nel novembre '94 c'era ad esempio la mystery pen, la penna che faceva le cose, usata da Topolino nelle sue avventure da insopportabile ficcanaso re dei PdF.
I libri Disney regalavano invece, raccogliendo i punti, i premi del Re Leone, come la borraccia, la tenda nascondiglio o lo zaino gilet avventura, che ha vinto anche dei premi come regalo più brutto e tamarro del mondo.
In rappresentanza del settore giochi da tavolo, l'astratto Acchiappachicchi, incentrato su "spericolati chicchi da corsa". Chicchi d'uva, ché il suo ideatore era in preda ai fumi dell'alcol.
Ma a dividersi il mercato con Acchiappachicchi c'era anche l'immortale Gino Pilotino, il celebre rubagalline amico di Moggi, qui reclamizzato con una foto ad altissima risoluzione scattata al televisore con una macchinetta polaroid, tipo.
La tamarritudine su gomma delle Gig Nikko spaziava dall'aggressiva Megatrophy al Go-Kart F.1, fino al Drago Dragster, che "nelle strade metropolitane" fa "super impennate". E gli sbirri di plastica muti.
Spazio pubbliredazionale dedicato al Meccano, ora in mano a Giochi Preziosi, che lo presenta come "un gioco... prezioso". Fantasia al potere. Ah, "il gioco di papà" è diventato nel frattempo il gioco di nannuzzo.
Delle Micro Machines di Star Wars hai parlato qui. In questa doppia pagina, alcuni mini-playset che riproducono dei luoghi simbolo della prima trilogia.
Ma si diceva all'inizio dell'imperante moda metropolitana, heyman, yo, bellaraga, mani sotto le ascelle e spalla alzata. I graffiti, gli skate, il rap. E si adattavano un po' tutti, eh, come potevano. Così se il Nesquik al posto delle trottole spaziali, delle mazzarelle di Superman o della mini slot machine regalava Skatequik, lo skateboard a molla,
Topolino si scopriva rapper con il pantalone bracalone e il cappellino Boy girato al contrario, che indica elegantemente la propria cippa. "Topolino e la sua banda si danno al rap. Una fantastica compilation di 12 brani al ritmo incessante del Gangsta Rap". Ripetiamolo ancora: TOPOLINO GANGSTA RAPPER. Yo. Bellaraga. Mani sotto le ascelle e spalla alzata.

TUTTE LE ALTRE PUBBLICITÀ FUORVIANTI DI TOPOLINO

78 commenti:

  1. a parte le micro machines di guerre stellari si può tranquillamente dire che la qualità dei giochi fosse precipitata... ad esempio Onan il barbaro sembra veramente brutto e molto peggio dei " nostri " masters

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I giocattoli di Conan li ho potuto toccare con mano all'epoca. Li aveva il figlio dell'attuale compagno di mia madre e posso dirlo senza mezzi termini: erano una vera merda ed i cari vecchi Masters potevano ridergli tranquillamente dietro, indicandoli col dito.
      Erano tozzi, anatomicamente orrendi e con quelle action feature che ti impedivano di posarle in maniera normale. L'unica cosa bella era il cavallo di Conan: ben scolpito e da quel che ridordo, gigantesco.

      Elimina
  2. negli anni, dopo Topolino GANGSTA RAPPER troveremo Topolino Cantante Grunge Suicida, Topolino Narcotrafficante, Topolino Bin Laden e più recentemente Topolino Attentatore dell'isis... per non perdersi nessuna fetta di mercato!

    RispondiElimina
  3. Quel Robocop ho idea che derivi dal 3° orribile film della serie, quello con robot giappo e Robocop sempre mezzo morto perché danneggiato.
    Topolino che si bulla di rappare canzoni su droga, degrado sociale, lotta tra bande e gente sparata è qualcosa di sublime.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    3. e sappiamo anche che tutta la roba finirà nel becco di Pippo e Paperoga !

      E nella prossima puntata... cosa c'è sotto il cappello da Giovane Marmotta?

      Elimina
    4. no, quel RoboCop (all'anagrafe Robert Cop) proviene dal telefilm di quegli anni lì

      https://en.wikipedia.org/wiki/RoboCop:_The_Series

      Elimina
    5. grande Robert Cop. Ho cercato sulla baia tutti i giocattoli tarocchi , specie Spider Man pescatore, ma niente da fare.

      Elimina
    6. Infatti, ho riconosciuto il pupetto del Comandante Cash Superhero, protagonista delle pubblicità fuorvianti della OCP...

      Elimina
    7. Confermo, la linea è stata lanciata con l'arrivo della serie TV (come si nota dal pupazzo di Bubble Morgan, il villain mutuato male da Freddy Krueger) ma anche dal terzo film, dal quale proviene l'armamento inutile montato sul braccio del RoboCop gigante.

      Da bimbo la serie mi sembrava bella, ma vai a sapere...si sa, senza un allenato "occhio del paragone"...

      Elimina
    8. Effettivamente guardando l'immagine si può leggere sulle confezioni, sotto la scritta Robocop, un altra scritta in giallo: "The Series".

      Detto questo avevo detto 3° film perché, come ha fatto notare MisterZoro, il robo montato al posto della mano viene da quello.

      Elimina
    9. Io quel Robocop c'è l'ho e funziona ancora. Probabilmente ha le batterie all'uranio impoverito.
      https://www.youtube.com/watch?v=ifR3RBuLxig

      Elimina
  4. Cronologicamente parlando mi duole molto realizzare che nel 1995 andavo verso i 17 anni... Caxxo...
    Infatti questo post è più in target con mio fratello che è nato nel 1990,comunque ricordo che lui era un felice possessore di Action Man e vari soci e ricordo che aveva anche la macchina,enorme,rossa,spider. E dal baule a molla sparava i missili,spettacolo.
    Poi aveva anche la fabbrica dei mostri,dalla quale mi sono dilettato anche io a sfornare qualche bestiaccia multicolore,caso vuole che con Gino Pilotino ho giochicchiato l'altra settimana perché un mio amico lo ha preso a un mercatino a suo figlio.
    Non ci avevo mai giocato in vita mia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Faccio notare che Tanya oltre alla macchina da petroliere anziano si diletta anche in un saluto tristemente famoso...

      Elimina
    2. e le amiche purtroppo rispondono uguale

      Elimina
    3. la povera Tanya sta salutando con la sinistra ! Non facciamo di tutta una barbie un fascio .

      Elimina
  5. mi sarei venduto la madre per l'aereo degli xmen

    RispondiElimina
  6. La macchina fotografica di mais di Topolino... cosa mi hai ricordato, anche la mia non ha mai funzionato. Ricordo ogni settimana c'era una storia in cui i protagonisti avevano la macchina fotografica di topolino e si salvavano usandola, quasi a dire "ah, hai visto che funziona? Come? Non sei riuscito a farla funzionare? Pezzente.". Una cosa simile la fecero (non ricordo se prima o dopo) anche con l'agghiacciante TOPOBINOCOLO.
    Il Topolino rapper é terrificante ne convengo, ma niente puó battere la sua controparte paninara di una decina d'anni prima...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma difatti la macchinetta era famosa per essere biodegradabilee, mica per essere funzionante.
      io ricordo anche il " mitico " toporologio. Era talmente biodegradabile che all' uscita dell' ultimo pezzo , il primo ( la cinghia in sughero di resistenza pari a burro e marmellata ) era già biodegradato .

      Elimina
    2. La macchina fotografica di mais! È vero l'avevo anche io,ho dimenticato di scriverlo prima,e ovviamente non sono mai riuscito a farla funzionare. Però il topobinocolo ricordo che mio fratello lo aveva e le sua funzione la espletava nel suo piccolo

      Elimina
    3. Io mi ricordo fortemente la delusione col walkie-talkie. Non funzionava e io, bambina, ci sono rimasta malissimo. Anche perché mi aspettavo che uno rispondesse (come era poi descritto su Topolino) e invece niente

      Elimina
    4. Il topobinocolo era multifunzione se non ricordo male, oltre al binocolo fungeva anche da bussola, lente d'ingrandimento e forse qualcos'altro.
      L'orologio lo avevo rimosso, ma ricordo piuttosto bene che quei gadget ecologici avevano la tendenza a rompersi prima di avere tutti i pezzi e qualche speranza di provare a montarli...

      Elimina
    5. la stessa cosa con il gommone di paperinik..portato al mare e distruttosi appena entrato in acqua...in compenso però la sveglia blu con le orecchie da topolino faceva dei "tic-tac" che svegliavano mezzo palazzo...

      Elimina
    6. Sarà che quell' estate lì fu a dir poco FANTASTICA per me, ma il topobinocolo non posso che ricordarlo con bruschette; anche se ripensandoci era agghiacciante.. ma che magone che m' è salito a ripensarci... spettacolo!!

      Elimina
    7. Io ho avuto tutto, macchina fotografica che HO FATTO FUNZIONARE (e faceva schifo :D), orologio che mi è durato abbastanza e topobinocolo che aveva bussola e altri gadget minchiotti

      Elimina
    8. Io non ero neanche riuscita ad assemblarla tutta: credo di essermi stufata e/o aver perso i pezzi tra un'uscita e l'altra.
      Il Topobinocolo, almeno come lente d'ingrandimento, mi pare funzionasse. Grazie per avermi fatto ricordare quei due aggeggi malefici :)

      Elimina
    9. Uuuuhh, anch'io avevo il Topobinocolo ma soprattutto il Topowalkie! Ricordo che su Topolino avevano dato un appuntamento per accenderlo, ed a me ha risposto la bambina che al mare stava nel palazzo di fronte! Che ricordi..

      Elimina
    10. Mi viene da piangere: anche a me quella maledetta macchina fotografica di mais (ehm) ha fatto ammattire! Avevo rimosso quel ricordo tremendo!
      In compenso il Topobinocolo funzion(icchi)ava! 8)

      Elimina
    11. i gadget di Topolino! Mamma mia che mi avete ricordato! Ne avevo diversi...e nessuno riusciva a svolgere la sua funzione! In pratica delle...lo dico? No, meglio che non lo dico :P
      il topobinocolo, la macchina fotografica "ecologica" (sprecai un rullino intero mi
      ricordo), il topowalkie (che non mi funzionava), l'orologio di topolino, i motoscafi con i vari personaggi e, nessuno mi pare l'abbia menzionato, IL TOPOKIT! (ovvero un contenitori a scomparti di plastica da tenere al collo con dentro una clessidra, una penna e altri aggeggi da esploratore de noantri inutili)....che tempi!!!!!!

      Elimina
  7. Non ho mai sopportato (MAI, nemmeno all'epoca da bambino) l'immagine che Topolino dava del RAPPER: la posa del "mi abbraccio da solo", quelle mani "con le corna" che si incontravano, il cappellino al contrario...
    Mi sapevano di pezzente senza neanche sapere nulla della "cultura hip hop".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E la pubblicità martellante al "loro" piccolo rapper Luca T?
      Il ritornello di "Rapparecchio" (L'apparecchio? Rapparecchio!!!) ancora mi tormenta negli incubi notturni…
      https://www.youtube.com/watch?v=sLUyfeEE-Es

      Elimina
    2. spero per lui che sia andato eremita.. io non mi farei vedere in giro dopo una canzone del genere ! terrificanti gli anni ' 90... ridateci nino d'angelo

      Elimina
  8. Io del cartone di Conan ho un buon ricordo. Mi sembra che lo trasmettessero in accoppiata con Prince Valiant.

    Certo, era un cartone e del cimmero Howardiano non aveva nulla, ma per me funzionava.

    Non so perché non l'abbiano più trasmesso. A chi aveva pestato i piedi, per Crom?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aveva crushato tutti i suoi nemici e li aveva visti trascinati davanti a sé. Non c'era più una Crominchia da fare.

      Elimina
    2. Ginny Hermione9 aprile 2016 09:34

      Purtroppo i Conan in circolazione sono troppi: al cimmero si sono aggiunti il ragazzo del futuro che gira con la sua amichetta Lana per un mondo post apocalittico e il superdetective con gli occhiali che dà la caccia ai criminali. Tre personaggi con lo stesso nome, quindi Conan soffia a Valentina il record di nome più sfruttato dall'universo fumettistico (loro infatti sono due, c'è la Mela Verde e quella di Crepax).

      Elimina
  9. Nel novanta4/5 ero giovincello, perso completamente (ma per finta) l'interesse per gli action figure, spremevo tutte l'energie del mio essere nel recuperare fumetti, vhs anime e nel tentare di beccare la gnocca.
    Un periodo di passaggio: nuova scuola, nuovi compagni, nuovo modo di intendere le cose ecc...
    Tuttavia grazie a questo post ho ricordato che:
    - Il Cartoon di Conan non era male male
    - I Dr X su una pubblicità di Action Man voleva "affamare il mondo" accoltellando sacchi di grano tutto da solo T_T
    - I telefilm di Robocop mi piaceva, anche se era abbastanza mimmo
    - Il cartoon degli X-man era in concomitanza con lo storico cambio di passaggio della Marvel dalla Star Comics alla Panini

    RispondiElimina
  10. Ahh! L'agenda elettronica, una delle cose più inutili dell'universo..ne avevo ben due,regalatemi da parenti vari,ed erano complicate quanto scomode..

    Di Action Man ricordo il cartone con lui che sfonda muri,rifila cinquine,vede gente,fa cose..e poi alla fine un allucinante "tabbozzo" (omino muscoloso) che, dal vero, faceva i pippotti come He-Man..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi accodo alla discussione sulle agendine elettroniche, io ho avuto il Giocatraduci della Mulino Bianco, anni passati ad ingurgitare Pan Di Stelle mi hanno portato a mettermi in casa LA QUALUNQUE. L'ho "googleato" adesso dopo aver letto il post del Doc e ho scoperto che lo faceva la Sanyo o.O

      Elimina
  11. Posso dirmi tutt'oggi fortunato possessore del Robocop da 32cm.

    RispondiElimina
  12. Del cartone di Conan e della serie di Robocop ho dei bei ricordi! Non le hanno più trasmesse, chissà se sono recuperabili con una qualità almeno decente...

    Junior TV: compiantissimo canale dove trasmettevano alcuni dei cartoni meraviglia della mia infanzia.
    Devo avere ancora il 45 giri della sigla del Baby Show...

    ...se ne andò, cantando Rosvita! (chi è Teddy?), e nessuno ne seppe più nulla...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ginny Hermione9 aprile 2016 09:25

      Se vai a letto presto ma non sai perché,
      se apri la finestra e verde non ce n'è,
      non te la devi prendere perché, e-e-e-e
      Rosvita, Rosvita, quanti Teddy ci tocca inventare per tutta la vita
      che lenza, che lenza, se vuoi prendere il pesce più grosso ci vuole pazienza...

      Elimina
  13. il robocop grande ce l'avevo, la cosa più bella era che potevi riporre la pistola nel vano che si apriva sulla coscia destra, i personaggi di conan erano molto statici e legnosi, però li collezionavo perché fin da piccolo ero un appassionato del barbaro,complice il film di Milius visto a 5anni; poi col tempo ho letto i fumetti e tutti i racconti di Howard. Mi sa che di conan non ho mai visto in giro action figure fatte bene...
    I personaggi degli xmen erano folgoranti, anche perché di giocattoli supereroistici prima se ne trovavano pochi... mi ricordo solo dei pupazzi di gomma di superman batman e l uomo ragno, e lì ero davvero piccolo, e tempo dopo qualcosa di batman dopo il film di tim burton. per quanto riguarda i playset di star wars l'inchino è d'obbligo, finalmente potevo ricreare alcuni combattimenti dei film... peccato solo che il mio grande sogno: la spada laser, che adesso possiede ogni bambino, io non l'ho mai avuta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io me la sono fatta fare l'anno scorso :-)
      Se il Doc vuole cerco il link

      Elimina
  14. andrea FRM ferrazzoli7 aprile 2016 11:41

    Te fuggi al pensiero di Dodò, ma almeno quello sta solo all'albero azzurro.
    Io detesto Gipo e me lo becco in tutte le salse :(
    A meno che non ti riferissi al Dodò che vive nell'albero (ner)azzurro: in tal caso, essendo io romanista ci starebbe una troll face :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti compatisco.
      Gipo è il motivo per cui ad un anno dal trasloco non ho ancora montato l' antenna. neanche la presenza della fata bonazza riesce a rendermelo sopportabile.

      Elimina
    2. Ma infatti. Era molto meglio il barista gay delle prime stagioni. Ridateci Tonio Cartonio!

      Elimina
    3. Personalmente di Rai YoYo odio Peppa Pig. Oltre al comparto grafico volutamente di mxxda, la cosa che mi irrita sono le costanti figure da maitre chocolatier dei papà e il fatto che la maggior parte dei luoghi è sita su di un montarozzo, perché?!

      Parlando di Tonio Cartonio un piccolo omaggio: https://youtu.be/DjmPI9nRKcs

      Elimina
    4. Si la Peppa è utile solo per fare salamini.
      Adesso animalisti potete offendermi

      Elimina
    5. Comunque a noi ci rompono gli attributi che the witcher 3 è maschilista perchè le donne anche popolane sono tutte pheeghe e gli uomini panzoni a parte geralt , ma vi siete visti rai yoyo?

      di ominidi c'è lo sclerato della Melevisione che parla in teatrese spinto con gli occhi da schizzato fuori dalle orbite , ciccio panzo Gipo che è più basso dei bambini ospitati e largo come mezzo studio, e poi l' abominevole harry potter di Coloreria Italiana ; di contralto hai Greta Pierotti e Carolina che sebbene sia vestita da emerita deficiente è la ragazza della porta-finestra accanto.

      Ok allora dico: mi sta anche bene la disparità , ma non rompetemi i maroni per the witcher poi vi pare?

      Elimina
    6. Confido che il Doc quando toccherà a lui vedersi YOYO ci delizierà con una bella antrata a gamba tesa su costoro

      Elimina
  15. casio DBW 32g. mi fu regalato a natale del 1990 da mia nonna e da allora è stabilmente tuttora al mio polso,25 anni abbondanti più tardi. con due soli cambi di batteria (e innumerevoli di cinturino) all'attivo.
    e finchè avrà vita mai un altro orologio toccherà il mio polso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ginny Hermione9 aprile 2016 09:29

      Come Robert Langdon e il suo orologio con il Topo ;)

      Elimina
  16. Il coniglio del Baby Show di Junior Tv mi ha fatto lo stesso effetto di una madeleinette proustiana. Scaduta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe bello un post sul vecchio Baby Show dell'86: il bebe', Cin Ciao Lin, i video (Star Trekkin'), Jocelyn come presentatore, e i biscotti Ringo vintaggi come sponsor.

      All'epoca avevo anche la compilation stile "Mixage", ovviamente ancora oggi sullo scaffale vicino al vinile dei Bee Hive di Love Me Licia. True story.

      Elimina
  17. BimboMix!! Cos'hai tirato fuori!

    RispondiElimina
  18. Avevo 9-10 anni e quindi sono i "miei" Topolini per eccellenza!
    Action Man era ritenuto ridicolo già all'epoca (non conosco nessuno che ci giocasse) però la serie animata non era male. Il Magic Diary devo averlo ancora da qualche parte! Un pezzo di archeologia digitale oggi.

    RispondiElimina
  19. Credo di essere uno dei pochi al mondo (probabilmente l'unico in Italia) ad avere ancora il CD di Mickey Unrapped!

    RispondiElimina
  20. Vorrei far notare come nella prima immagine di Action Man mentre il buon Action Anfibius Man spara con il mitra il Dr X fa il gesto del "Ciuuupaa!!" stringendosi il pacco!!!
    Onan il barbaro vince su tutti comunque! :)

    RispondiElimina
  21. Doc cosa ti ha fatto il povero Dodo' ? Raccontaci che mi hai incuriosito assai - se non sono indiscreto :-)

    RispondiElimina
  22. Queste pubblicità me le ricordo bene... Ci sono tutte le cose che hanno caratterizzato la mia infanzia. Sembra ieri :D

    RispondiElimina
  23. A quel Topolino gangsta rapper m'è venuta l'immagine di Topolino (con la voce classica che dice) "Ha-ha! Paga il pizzo o do fuoco alla tua casa!"

    RispondiElimina
  24. OMMIODDIO questi sono gli anni della mia infanzia: l' orripilante cartone di C-Onan e quello degli X-Men (che poi secondo qualcuno era molto meglio dei film usciti negli anni 2000), gli orologi Casio, la meravigliosa Fabbrica dei mostri, c'è anche la tenda de Il re leone, scusate ma in questo momento ho un bruschettone aglio e olio calabrese bello grosso.

    Doc, trascorsi professionali in che senso? Sei stato un autore dell' Albero azzurro? Marionettavi Dodò? Qui siamo molto curiosi.

    RispondiElimina
  25. Devo ammetterlo, Doc. Io quel cd con i rap di Topolino, Pippo (DJ Goof!) ecc lo ebbi. Poi passo in eredità al fratello minore e sarà finito tritato..

    RispondiElimina
  26. Forza Doc, ancora qualche anno e anche io vedo giochi che conosco! :D

    RispondiElimina
  27. Prima del Rap Mietta cantava "dududadada" ed io volevo essere il suo trottolino amoroso perché la trovavo bellissima... E volevo aggidere Minghi per gelosia...

    RispondiElimina
  28. Mitico il Blue Oyster Bar :-)

    Notare che l'Acchiappa Chicchi è il gioco più Sguash! del mondo, mentre - più banalmente - Gino Pilotino il più Vroooum! del mondo. MB giochi e Parker si rifornivano dallo stesso "creativo"...

    RispondiElimina
  29. Ieri sera ho letto X-men '92 (uno degli infiniti spinoff di secret wars) e sul finale Gambit usa come arma proprio QUELLA moto di wolverine :°)

    RispondiElimina
  30. Ginny Hermione9 aprile 2016 09:20

    Marie Claire D'Ubaldo fu protagonista di un mio misunderstanding sul suo nome, all'inizio sentendo la sua canzone alla radio credevo che il suo cognome fosse Duval, ma non vedevo niente di strano che un'argentina avesse un cognome gianfransuà, laggiù non sono tutti di origine italiana. Essendo poi gianfransuà anche il nome di battesimo dell'artista, si può fare due più due e capire perché lo pensassi. Comunque se sento "The rhythm is magic" ripenso a uno dei miei esami universitari più tosti, perché la sentivo proprio mentre preparavo quell'esame, quindi verso qualche lacrima napulitanta per la Ginny studentessa.

    RispondiElimina
  31. Sono troppo vecchio. A questa età Topolino lo avevo già mollato...

    RispondiElimina
  32. In casa ho una cinquantina di numeri di Topolino della prima metà degli anni '90 e volevo venderli, ma ora so cosa farne.

    RispondiElimina
  33. IL MY MAGIC DIARY....ardentemente desiderato e mai avuto. Al suo posto, per la promozione della licenza elementare, mi arrivò il CARO DIARIO. E volarono i primi vaffa della mia vita XD

    RispondiElimina
  34. Scusate, ma cosa c'entra Place de Vosges sullo sfondo di Tanya???

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails