lunedì 5 ottobre 2015

84

Le pubblicità fuorvianti di Topolino (stagione V, parte II): dicembre 1986

Come hai raccontato più volte, il 1986 è stato l'anno del tuo massimo avvicinamento al fumetto Disney. L'anno in cui non compravi solo il Topo, ogni settimana, come facevi da tempo, ma anche tutto quello che di disneyano la Mondadori mandava in edicola. Tutto nel senso di tutto. Leggendo e rileggendo le storie nuove e quelle classiche degli anni 70 raccolte in mega-almanacchi e quant'altro, ti facevi una cultura sul mondo di paperi e topi. Questo per dire che del presente numero di Topolino passato al fil di scanner per la rubrica delle Pubblicità Fuorvianti (Topolino 1619, 7 dicembre 1986, 1.300 lire) ricordavi non solo le storie, ma gran parte delle pubblicità e il loro ordine. Gran parte, ma non tutte: gli ingredienti perfetti per un agguato vietcongo di un Genuino Momento Emozione© dietro l'angolo... [...]
Partiamo subito... a cannone. Erano trascorsi già cinque anni dall'uscita di quel film, ma si continuava a parlare di Cannonball Run (il titolo italiano della pellicola era La corsa più pazza d'America). E infatti guardate un po' come inizia il testo di questa pubblicità delle Hot Rods (macchinine sparabili) della MB. Le due scuderie rivali si chiamavano Eliminators e Break Wheels, non Whells come c'è scritto qui.
Alla stessa fonte attingevano anche le BELLISSIME Cannon Ball Automutanti della Polistil, customizzabili con una serie di accessori tamarri da film di Mad Max. Questa qui, il modello più tanto flippotrippissimo in quanto giallonero, si chiamava giustamente Commander. Dov'è che l'hai già sentito? Mah.
E dalle palle di cannone passiamo alle cannonate. O meglio, ai colpi di bazooka esplosi in questo simpatico giochillo chiamato Kommando (con la K di Kossiga, per non trovarsi gli avvocati della Fox davanti la porta), dedicato a tutti i piccoli anarcoinsurrezionalisti o aspiranti terroristi.
In questo ovviamente imparziale marchettone pubbliredazionale, qualche pagina dopo, lo si definisce uno "dei giochi più gettonati del 1986". Sarà. Altro gioco gettonatissimo, nel senso che hanno pagato un bel gettone per piazzarlo lì, il "gioco-realtà" Super Cup Football. Soocare, realtà virtuale, qui si aveva già il gioco-realtà, mica fischiett.
La Cittadella del Serpente dei Masters non era un playset figo quanto il Castello di Grayskull, ma ti piaceva comunque, soprattutto per quei faccioni da muppet show dei malvagi lì a destra. Sulla sinistra, invece Sy-Klone minaccia la testa di "drago" lì accanto. Poco più in basso, una testa di scimmia mostruosa risponde alla minaccia con gesti osceni. Moss Man (qui scritto con due N, in omaggio al cineasta Michael), come sempre, un inutile minchio.
Rubricabili sempre nella categoria bellissimidiretequattro, le costruzioni spaziali Robotix,
e i Sectaurs, mostromarionette da combattimento. In questo caso, la cavalcatura è una moscona incazzatissima. Per forza, le tocca subire ogni volta una rettoscopia molto invasiva da parte del proprietario.
I malvagi Popples, ubiqui Gremlins en travesti. Insieme all'odiatissima cagnolina Poochie, alfieri di un mondo fatto di cartolerie piene di robe kawaii dai colori fluo e gommine profumate che si sarebbe scoperto di lì a poco esser nocive. 
Detto della pubblicità degli Snugglebumms, i folletti del bosco, con filastrocca da sussidiario dell'immediato dopoguerra,
passiamo ai Wuzzles della Hasbro, serie di pupazzi nati dalla fusione di più animali: Apilone, Rinobert, Farforsa, Focalce, MinollMinollo, Eleguro e Conippa, il coniglio della cippa. Questi personaggi erano stati lanciati in pompa magna l'anno prima da una serie animata Disney,
e spinti ai tempi sulle pagine del Topo con un loro fumetto. Il cartone divenne piuttosto popolare nel Regno Unito, ma non nei natii States, dove venne cancellato dopo una sola stagione. Dovessi dire, tutta colpa di Conippa.
Sempre della Hasbro questa zarrissima idea degli orologetti digitali da duemila lire incastonati in dei PRATICISSIMI pelouche da polso. Un orso, un elefante, un tucano, un pavone, un minollo, un topo. Solo negli anni 80.
Baby Skates, "la bambola che schettina tutta da sola". Leggiamo inoltre che "le ruote degli schettini girano davvero". Perché alla Mattel la parola pattino stava sui maroni.
Tolti gli schettini, Baby Skates ti diventa Baby Trottolina, bambola di centrocampo, "allegra e birichina", che "non sta mai ferma un attimo. Ma una buona mamma può insegnarle a camminare bene". Eccola là dietro, la brava mamma, mentre carica un calcioinculo educativo di piatto, pém!
Il bigfoot Flex della Gig, invece, è "aggressivo e ribelle": tu gli dici di andare in una direzione, lui ti risponde Cazzo vuoi? E se ne va da un'altra parte.
E attenzione alla grande meraviglia dei Transformers nel periodo in cui i Transformers erano così fighi che dopo mai più, proprio. Il sontuoso Predaking, con i nomi italiani dei robot bestia messi lì in tre secondi da Gigino lo Svogliato,
 e il superbadassico Tripticon.
Spikkio della Philips, un walkman a forma di trancio di pizza con l'altoparlante, per assicurarti di rompere le balle a tutta la scuola con la cassettina tarocca.
Il castello dei Leoni di Voltron. Ok i leoni, ma mai trovato minimamente interessanti i pupazzini Mattel di questa serie, figurarsi il loro scialbo playset. Ma a te già stava sulle balle il fatto che avessero cambiato nome a Golion, non fai testo.
Ben altro discorso per il gorillone degli Zoids, da sempre una delle più grandi figate astrali mai approdate in pupazzolandia.
Sottorubrica "rivali sgallettate dell'Algida": Jem e le sue Holograms, una grande parata di rocker capaabomba e frontediciuccio,
e She-Ra, la sorella di He-Man, con la sua cumpa di disperate. Qui vediamo la villanzona Catra con Clawdeen, versione gay-pride di Panthor, la pantera di Skeletor.
Qui Mermista, la sirena estetista. "Con un piccolo gesto, puoi farle spruzzare un getto d'acqua". Squirting Mermista è in vendita dal tuo giocattolaio.
Dei tanti redazionali che affollano questo numero dicembrino ne hai scelto solo una manciata, a testimonianza del tempo che fu. Se allora eravate già su questo mondo a far danni, provate ad esempio a scorrere questa selezione di programmi televisivi di fine '86 senza imbruschettarvi in modo grave entrambi gli occhi.
E che dire della rubrica Fantasyland, uno zibaldone settimanale di bioritmi (!), grafologia, storia dei cognomi italiani, analisi dei colori, oroscopo, trivia assortiti e biografia di personaggi Disney minori?
Ma ecco la chicca: un'intervista all'allora ministro dell'ambiente De Lorenzo, una manciata di anni prima di quella bella pagina di storia italiana che avrebbe scritto per Tangentopoli.
I mostruosi Pupottoli, bambolotti del demonio che facevano uso di droghe pesanti. Ma non erano i soli, eh.
Che dire, ad esempio, di Cicciobello Rock, il Cicciobello Billy Idol col catenone d'oro al collo?
L'agghiacciante Famiglia Cuore, nucleo familiare - ricordiamolo - composto da due allucinanti redneck socialmente pericolosissimi, non aveva di questi problemi. Loro il bebè lo gestivano a proprio piacimento. Nella foto piccola è già nato? Due secondi dopo (foto grande), mammina è ancora incinta. Dentro! Fuori! Hop! Hop! Papà Cuore, vestito come al solito dimmerda, ha intanto già pronto "il certificato di nascita". E nessuno che chiamava gli assistenti sociali di plastica. Bastardi! Vergogna!
Ad Algidolandia, intanto, la Malvagia si beava dei suoi arredi. Prego notare che in camera da letto il letto non era incluso. Sulla scatola c'era scritto infatti Camera da.
Una nostra vecchia conoscenza, Rami della Quercetti, il gioco che ti faceva scoprire "come funzionano i computer", giusto perché le levette di questo percorso per palline avevano la posizione 0 e 1. Certo. Oh, almeno imparavi come accenderlo un computer.
L'orologio dei sofficini, legato a un gioco tipo totocalcio (modernariato pure quello). Se potevi andartene in giro con un cacchio di elefante di pelouche sul polso, perché non l'emblema sorridente di un surgelato?
Luciotto, il vermone luminoso da abbracciare la notte, qui in versione con musichetta incorporata. E abbiamo fin...
Il Mattel Magic... Santo cielo. Il catalogone Mattel venduto a tradimento in edicola, con la cassettina delle canzoni di Natale. Che quel Natale lì hai ascoltato fino a consumarla, prima che venisse ingoiata dal feroce abbisso del vaiasapere insieme a quella con l'avventura del Big Jim fantascienzo. Scusate, hai un problema oculare casareccio da due chili da risolvere...

TUTTI GLI ALTRI POST DELLE PUBBLICITÀ FUORVIANTI DI TOPOLINO

84 commenti:

  1. Io tripticon ce l'avevo!!!!!!!!!!!
    Bellissimo!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io!!!! Regalo della Befana del 1986 appunto!!! Il miglior regalo di sempre!!!!

      Elimina
    2. Siamo in 3!
      All'epoca chiesi come regalo Guardian, ma i miei si presentarono con Tripticon e non storsi affatto la bocca, tutt'altro. :-P

      Elimina
  2. in quegli anni leggevo topolino ogni settimana e questo me lo ricordo perfettamente. La pagina con i programmi televisivi è effettivamente da bruschetta nell'occhio: la prima serata iniziava alle 20,30...se c'era il film bello da vedere alle 22,30 finiva e si andava a letto...ora è tutto spostato di un'ora in avanti e mi chiedo "perchè???"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. perché i cattivoni come me che acquistano la pubblicità vogliono più "programmi" contenitori nei quali piazzare i loro spot

      Elimina
    2. ok...ma se avanti così la prima serata inizia il giorno dopo...datevi una regolata, voi malvagi che acquistate pubblicità! :D

      Elimina
    3. "Grazie" alle Iene hanno spostato la nuova serie di Lupin III praticamente all'una di notte, li mortacci loro...

      Elimina
  3. Cicciobello Rock è secondo solo a Cicciobello Napoletano ( tifoso del Napoli) nella classifica Bambole più imbarazzanti della storia dell' umanità. Guardate la pubblicità sul Tubo per credere.

    Quanto al resto, i transformers dell' epoca e i Robotix erano veramente grandiosi, oltretutto erano costruiti con cura e qualità altro chei giochi di adesso.

    I wuzzles non li ricordavo, ma mi sembrano gli antenati di Bing Bong.

    Una richiesta per le prossime Pubblicità Fuorvianti, Doc potresti inserire anche il titolo di una storia del numero da cui prendi lepubblicità ? Sono lacrime anche quelle. Non napulitane come Cicciobello: napulitane normali.

    RispondiElimina
  4. Cercasi Gesù...con BeBBe Grillo?
    La cassetta di Big Jim Fantascienzo era quello in cui il gaio eroe si recava in madagascar, con il lato B un'avventura della cosa dei colori, tipo irridella?
    Nel caso, l'ho consumata pure io...si ringe...il lunedì è il più crudele dei giorni...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. credo di averla consumata anche io quella cassetta :)

      Elimina
    2. Quale amico vuoi per teee? BING BONG! BING BONG!

      Elimina
  5. Si vabbè, attacco nostalgia canalis a tradimento proprio! #mascottediitalia90
    Mi è arrivata una bomba emotiva di dimensione a-b norme al rivivere quello che da seienne in poi (visto che quei libretti me li rileggevo a ciclo infinito per anni) provavo a sfogliare quelle pagine, tralasciando le bruschette a gogo leggendo la programmazione televisiva.

    Arrivato a Mermista però ho avuto un'emoraggia interna per soffocare la risata qui in ufficio, pena licenziamento.

    Grazie Doc, iniziava a mancarmi questa rubrica.

    RispondiElimina
  6. erano anche per me gli anni d'oro da lettore di topolino!
    avevo rimosso la rubrica fantasyland, ma sono bastati i colori psichedelici per farmela riesumare dai meandri della mente... a proposito di colori: un minuto di raccoglimento per giacomina filippetti da udine che non si impegna abbastanza per migliorare la sua triste vita...

    RispondiElimina
  7. Nei programmi tv consigliati spicca nel pomeriggio di Rai Uno un quiz condotto da Umberto Smaila, ma non quello per cui passerà alla storia, e il film "Cercasi Gesù" con "Bebbe Grillo".
    Un errore non voluto?
    Noi di "Deboscia alla ricerca di viaggiatori nel tempo" riteniamo di no.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché "errore"? Coincidenza sospetta si, GOMBLOTTO a 5 stelle!!11!! pure.

      Elimina
  8. Avevo Tripticon.
    Ricordo la sofferenza di mio padre che scucì la somma di 99 mille lire per compralo ma sopratutto che camminò, con 2 belle pilone torcia, per tipo 10 minuti prima di rompersi, fu riparato e funzionò nuovamente per circa 2 minuti.

    RispondiElimina
  9. Sono l'unico a cui la foto della pubblicita degli Snugglebumms suggerisce che stia per accadere qualcosa di osceno?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Comunque super bruschette anche per me... avevo sia le cassettine della "Mattel Magic" che il "Rami".
      Quel che dici a inizio post e' vero, vederli apparire cosi' a tradimento mentre scorro la pagina e' stato DAVVERO un Genuino Momento Emozione©.

      Elimina
    2. ORa che me lo fai notare.... spetta che vado a vomitare XD

      Elimina
  10. E qui si piange...post veramente mariomerolo DOC. Ma perdonate la pidieffata...sul palinsesto la mitica trasmissione Pista! con Nichetti risulta trasmessa da Italia 1...gomblotto-scherzone berluscone o semplice errore? Io la ricordavo sulla RAI

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rai 1, confermo. Alla RAI di Torino (dove si occupano ancora dei programmi per ragazzi, come l'Albero Azzurro) ho visto dei vecchi set di Pista ammucchiati nel magazzino delle scenografie. Superbruschetta.

      Elimina
  11. "squirting Mermista" è un colpo basso il lunedì mattina.

    RispondiElimina
  12. @Ilario well spotted.
    Probabilmente molti dei regazzini che seguivano Smaila il pomeriggio son gli stessi che, anni dopo, gli sarebbero rimasti fedeli seguendolo in "quell'altro" quiz... :D

    RispondiElimina
  13. " il nemico sfreccia veloce sulla pista degli agguati "
    Ora capisco di chi sono figli e nipoti quelli che lanciavano i sassi dai cavalcavia, altro che kenshiro!

    RispondiElimina
  14. "Snugglebumms, i folletti del bosco Post-Atomico"
    Sembrano deformati dalle radiazioni, gesù..... Altro che Fallout.

    RispondiElimina
  15. @Ilario well spotted.
    Probabilmente molti dei regazzini che seguivano Smaila il pomeriggio son gli stessi che, anni dopo, gli sarebbero rimasti fedeli seguendolo in "quell'altro" quiz... :D

    RispondiElimina
  16. Doc, piccolo OT ma doveroso, dato che in cima al post capeggia l'immagine di Tripticon; venerdì esce Transformers Devastation, il gioco che, dalle premesse, sembrerebbe essere ottimo! Lo prenderai?

    Tornando IT, i Wuzzles li adoravo, ho ancora la VHS con tutti gli episodi registrati!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ma ci giocherò tra un po', dopo aver smaltito MGSV e altra roba lì ferma da mesi.
      (#credici che ci riesco...)

      Elimina
  17. Su Robotix bruschetta infilzata sull'occhio. Mi fu regalato a natale esattamente nell''86 e da li divenne il mio gioco preferito almeno fino a ieci anni (quando ormai avevo devastato almeno tutti i pezzi e perso il pratico motorino). Lasciamo stare transformers e Master senno mi metto a piangere in un angolino dalla commozione...

    RispondiElimina
  18. la visione del Pupattolo difficilmente abbandonerà i miei incubi.... Lo propongo come metodo anticoncezionale infallibile...

    RispondiElimina
  19. Doc, probabilmente già lo sai, ma l'avventura del BigJim fantascienzio la puoi recuperare qui: https://youtu.be/Vtt31b2xfZY.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma tu guarda che perle si ritrovano...
      https://www.youtube.com/watch?v=sYd-icXmhYM
      Chissà se è quella cassetta di He-man che avevo io (in questo momento non posso accendere le casse per controllare!)...

      Se non ricordo male, io avevo un'audiocassetta in cui su un lato c'era He-man che finiva sepolto dalle rocce e dei (serpenti?) venivano guidati telepaticamente per scavare dei piccoli cunicoli per portargli l'aria... e sull'altro lato c'era mi pare Big Jim che doveva affrontare dei villanzoni che avevano tipo rubato un sottomarino atomico e minacciavano di provocare tsunami e disastri simili...

      Da bambino andavo a giro con la cassetta nel walkman... poi quando si scaricavano le pile parlavano tutti leeentii, lleeeeennnttiiii... ^_^

      Elimina
    2. @Gig confermo! avevo anche io la cassetta con su di un lato un' avventura di he-man e dall'altra quella di Big Jim.
      Ricordo in particolare che He-Man si trovava in una grotta e veniva attaccato da un ragno gigante!

      Elimina
    3. Ce l'avevo anch'io! ed il pezzo con il ragno mi faceva paurissima..

      Elimina
    4. L'avventura di He-man era proprio quella che mi ricordavo... Mentre quella di Big Jim coi "supercriminali" non era quella che dicevo io, ma ce la avevo anch'essa...
      Chissà come si intitolava invece quella con il sottomarino atomico, a questo punto sarei curioso di riascoltare anche quella...

      Elimina
  20. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  21. Non sapevo che i Wuzzles avessero una loro serie di peluche. Non sapevo nemmeno dell'esistenza dei loro fumetti Disney...

    RispondiElimina
  22. Il Flex ribelle ahaha! Tra l'altro ce l'avevo...
    sempre bellissime Doc.

    RispondiElimina
  23. Bruschetta nell'occhio evocata dalla pubblicità del Rami e dal ricordo delle prime parole di diseducazione dette a causa delle dita incastrate in quelle levette troppo dure per un bimbo di quattro anni. Io comunque il computer ancora adesso non lo so usare.

    RispondiElimina
  24. anni di scuola media...frequenza da Topo settimanale abbastanza alta pure per me....ma che bello!!! questa è sempre una delle rubriche favorite, Doc!

    Anche io non tolleravo l'americanata di Voltron ...e ancor di meno la mancanza del pilota Shirogane/Sven tra i pupazzetti.... poi, il fatto che fosse lui a morire nel cartone, proprio non lo tolleravo... ipotizzai una variante a sei leoni (c'era il leone marrone...poi prudentemente ribatezzato leone bianco) e scrissi una pseudo sceneggiatura da tredicenne....

    Belle pure le Cannon Ball Polistil... anche se erano il tentativo di riciclare i vecchi automodelli in scala 1/25 ....l'Alfa GTV 6 da Euroturismo, la ricorrente Lancia Beta Montecarlo da mondiale Endurance...

    poi arriva Cicciobello Billy Idol....e tutto mi è chiaro....Eyes without a face.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, concordo su Voltron anche se bisogna ammettere che almeno una (ma solo una) cosa bella ce l'aveva: il tema musicale che non solo era migliore dell'originale ma calzava da dio.
      Per curiosità il tuo leone bianco che diventava? Un'arma?

      Elimina
    2. un po' come il Devastator.... una parte del tronco, sdoppiato tra lui e il leone nero (un bellissimo accrocchio)... oh, sempre un tredicenne ero!!! ....però poi, quando ho visto le "squadre a sei" dei P. Rangers, un po' di soddisfazione postuma l'ho avuta....

      Elimina
    3. Mica insinuavo che fosse una brutta idea ;-)

      Elimina
  25. A "Squirting Mermista" mi ha sentito ridere tutto il treno della metro..

    Questa meravigliosa rubrica ha il potere di far riemergere delle cose che nemmeno ricordavo di aver visto, tipo gli orologi pelouche..
    Ma il grazie più grande va per avermi fatto scoprire lo SPIKKIO!! E posso dire fiero IO CE L'AVEVO!! regalo di Natale che la Fiat faceva ai figli dei dipendenti, spesso di una pezzenteria inaudita!
    Con un guizzo di inventiva che neanche "meggaiver" lo trasformai nell'autoradio della mia Uno..torreggiava sul cruscotto e ci ascoltavo a palla le peggio compilesciòn di fine anni 90..ora torno in terapia,grazie Doc!

    RispondiElimina
  26. Bruschetta nell'occhio evocata dalla pubblicità del Rami e dal ricordo delle prime parole di diseducazione dette a causa delle dita incastrate in quelle levette troppo dure per un bimbo di quattro anni. Io comunque il computer ancora adesso non lo so usare.

    RispondiElimina
  27. La cassettina di Big-Jim in allegato ce l'avrei ancora (cioè, ce l'ho), se il tempo non la facesse sembrare all'ascolto una voce alla moviola di Niccolò Carosio.

    RispondiElimina
  28. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  29. Interessante… ero fuori dal tunnel topolinesco da almeno sei o sette anni, questo la dice lunga su quanto sia vecchio, ma più o meno ricordo di averle intraviste queste cose… 'Pupattolo', a parte l'ovvia pelata, ricorda in maniera inquietante il D'Onofrio di Daredevil… Scusa Doc, una domanda per te espertissimo di Nippon: solo a me il RAMI ricorda vagamente il Pacinko (o come si scrive) ?

    RispondiElimina
  30. Le pobblicità MOTU spaccano sempre

    RispondiElimina
  31. La memoria gioca brutti scherzi! Mai avrei detto che Pista era su Italia1. Ero convinto che Nichetti avesse lavorato sempre inRai. Come si chiamava allora quella trasmissione per ragazzi del pomeriggio Rai che aveva per simbolo la manina bianca di Topolino? Credeo fosse quella "Pista!".
    E "C'est la vie" di Smaila? Appena letto mi sono rcordato il nome ma non ho diea di cosa fosse. E che buffo vedere accostati film che fanno ancora oggi (e per sempre) a trasmissioni morte e sepolte. E' un palinsesto "ucronico"...eh eh...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Era su Rai 1. Vedi sopra la risposta al commento di Massimiliano.

      Elimina
    2. Sono anni che cerco nel tubo una stracazzo di sequenza di C'est la vie!! Ricordo solo che a condurlo ci fu anche il buon Corrado Tedeschi e che utilizzava il teleindicatore a palette.
      Aiutatemi a ricordare questa tramissione!!

      Elimina
  32. il Rami... da qualche parte dovrei averlo ancora... mi sembrava bellerrimo!
    non ho il coraggio di andare a ricercarlo...

    Hai ragione, Doc. I transformers così fighi sono solo un pallido ricordo. non avevo Tripticon anche se ci ho sbavato dietro non so quanto. avevo però Scorpion (Scorponok), un bel bersione anche quello. di quella pubblicità, invece, avevo Falcon. quella serie era bellissima ma con nomi da denuncia.... evidentemente bastava mettere una X in coda... l'unico problema di Falcon era farlo stare in piedi in configurazione robot. le ali sbilanciavano non di poco.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mia moglie li ha tirati fuori dalla soffitta per il bambino e devo dire che erano realizzati benissimo, ancora oggi sono divertenti.

      Elimina
  33. C'è da dire che c'è un Transformer della serie Beast Wars che si chiama Rhinox...che abbiano copiato da Gigino lo svogliato? :D

    RispondiElimina
  34. non ricordo esattamente quale anno fosse, probabilmente proprio quello di quest albo...cmq ricevetti guardian! esattamente dall epifania successiva al suddetto natale cominciai a richiedere tripticon...verso novembre ormai vicino alla meta non mi ricordo cosa feci,probabilmente non lo ricorderò mai, cmq mio padre mi disse:
    ok,ora tritticon trttipon o come caxx si chiamm te lo puoi scordare!
    io credevo fosse una minaccia infondata.
    adesso ho piu o meno l etá che aveva mio padre quando mi disse queste parole e ogni natale aspetto ancora tripticon...

    RispondiElimina
  35. Il Conippa vince tutto!!! Ma sono morto anche al Pupottolo, avevo un vago ricordo ma adesso che l'ho rivisto credo che non riuscirò più a dormire.
    Infine Squirting Mermista giocattolo del secolo!!! :)

    RispondiElimina
  36. Piango fortissimo. Robotix era uno dei miei giocattoli preferiti, era troppo figo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quoto! Ci ho fatto di tutto con quel coso, e avevo solo 5/6 anni ;D

      Elimina
  37. La pista Kommando era una cosa veramente agghiacciante, pare un campo d'addestramento per guerriglieri dell'Isis...
    Pure la "barzelletta" su Nerone che giocava coi fiammideri però...

    RispondiElimina
  38. L'intervista a De Lorenzo.
    Mamma mia... me la ricordo...
    cioè non l'intervista, ma di averla ritrovata (con annesso numero di Topolino) dopo tangentopoli.
    E ricordo che mi colpì per quello.

    RispondiElimina
  39. All'epoca avevo 4 anni, ma probabilmente avrò consumato vecchi numeri perché mi ricordo maggior parte delle pubblicità. Transformers uber alles!!!
    Bruschettismo a palate.

    RispondiElimina
  40. Tripticon. Un gigantesco Tirannosauro. Robot. Grigio, viola e melvino. Non credo sia esistito niente di più villanzone e anni 80 in tutti gli anni 80.

    RispondiElimina
  41. Ginny Hermione5 ottobre 2015 18:44

    Io lo Spikkio l'avevo, comodissimo perché il piccolo altoparlante ne consentiva l'uso anche senza cuffia. Però ai tempi più che a un trancio di pizza era paragonato a un formaggino.

    RispondiElimina
  42. Ma quanto erano erano avanti i set Robotix? E Doppio Slalom quanto era bello?

    RispondiElimina
  43. Io avevo una Power Rods e una Cannonball... ed entrambe erano molto meno di quello che la pubblicità prometteva: la prima era semplicemente una macchinina che caricavi e poi (schiacciando il tappo della benzina) partiva per qualche secondo a paletta per scaricarsi subito, la seconda era una bella macchina di metallo con aggiunte in plastica scadentissima che si rompevano dopo 12 secondi di gioco... rimasi malissimo per entrambe.

    RispondiElimina
  44. Ma i Pupottoli li disegnava Rambaldi? Mamma mia che orrore…

    RispondiElimina
  45. I wuzzles!! Completamente rimossi, ma li adoravo... non tanto cartoni e fumetti, quanto i peluches stessi. Ne avevo un paio ed erano veramente ben fatti, pelliccia meravigliosa ed indistruttibili. MA perdibili nei marosi del tempo.

    RispondiElimina
  46. Angelo Coniglio6 ottobre 2015 01:38

    Oddio, Flex!! Lo avevo rimosso dalla memoria: mai avuto ma la pubblicità mi incuriosiva parecchio. E che dire di Predaking e Tripticon? Assshhh, i Transformers... ricordo che sul catalogo omologo (dicono che, a occhio e croce, un catalogo Transformers di quegli anni ad oggi valga... l'occhio e la croce insieme) Tripticon costava 99.000 lire. Che stupore trovarlo al Mega a 20.000 lire di meno! Mega era il paese dei balocchi di noi picceriddi, tutti i più bei giocattoli dell'epoca a costi minori di un buon 20%! Comunque glissai Tripticon e ripiegai su Pentajet: è ancora lì a farmi compagnia, nonostante gli anni passati, la scatola sgualcita e la vernice scrostatasi dagli Aerialbots. Ah, se potessi recuperare Tigre...

    RispondiElimina
  47. Snugglebumms... snuggling bums... mi fanno pensare a quei barboni che si sistemano per la notte vicino a bidoni in fiamme, e poi muoiono assiderati.

    Piccolo OT (ma nemmeno tanto): dopo Kung Fury, un altro film serio sugli anni 80: Turbo Kid! (bmx, corazze, vecchi giochi, mad max...)
    https://www.youtube.com/watch?v=HxyH-adavb8

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehi, ma il tizio col cappello di Indiana Jones è uno degli attori de "Le sorelle McLeod"! XD

      Elimina
  48. la cassettina mattel magic, con le musiche natalizie...quanti sogni ascoltando quella cassettina! mi pare di avercela ancora da qualche parte....
    anni fa mi sono fatta una playlist di canzoni natalizie e ho cercato dappertutto senza trovarle le trasposizioni digitali di quelle canzoncine lì...magari neanche esistono ma se invece quacuno ce le ha mi faccia sapere!
    che momenti...quelle ore a sfogliare i cataloghi di natale e a segnare i regali che mi piacevano, ascoltando quella cassetta...

    RispondiElimina
  49. Nel 1986 io ero una lettrice fissa de "Il corriere dei piccoli", dove leggevo i miei primi manga (ricolorati) e dei simil-anime-book di "Holly & Benji" e "I puffi" XD
    Però la rubrica "Fantasyland" me la ricordo, perché comunque qualche "Topolino" ogni tanto in casa entrava, essendo io una lettrice onnivora e voracissima. Mi piaceva pure molto, come rubrica, anche se a vederla 30 anni dopo fa un po' impressione ^^;

    La pagina col palinsesto mi ha strappato più di un ricordo (Mike con Pentatlon!). In primis il film di Walt Disney fisso il venerdì sera in RAI. Ricordo che proprio quell'anno ne parlai in un tema (anzi, un "testo"!) a scuola. Titolo: "Qual è il tuo giorno della settimana preferito e perché".
    Io risposi che adoravo i venerdì, perché usciva "Il corriere dei piccoli" (appunto!), e perché il giorno dopo non andavo a scuola (alle elementari facevo il tempo pieno) e così la sera potevo restare alzata più del solito, proprio a guardare il film Disney con i miei genitori.
    *commozione* :°-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. EDIT: Che poi lì il film Disney è ascritto a canale5, ma "Al cinema in famiglia" non andava in RAI proprio il venerdì sera a partire dall'autunno 1986? O_o

      Elimina
    2. Si', "Cinema in famiglia" era sulla Rai (aspetta che mi e' partita la sigla nella testa...) mentre il varieta' piu' sotto ("Un fantastico tragico venerdi'") era sulla Fininvest (Rete 4, oggi pare). Devono avere scritto i canali invertiti su Topolino...

      Elimina
  50. Sicuramente qualche altro antrista l'avrà già segnalato, ma...

    Quanto fa "pre-civilizzazione" leggere DISEGNI ANIMATI in quella rubrica?!

    O_o

    RispondiElimina
  51. Mi sono sempre chiesto, ma perchè la Cittadella del Serpente era COM-PLE-TA-MEN-TE diversa dalla Montagna del Serpente?! (in peggio)
    Eppure, la Montagna del Serpente era oramai una realtà della serie TV quando uscì il giocattolo... e faceva la sua porca figura!

    http://2.bp.blogspot.com/-mwNNVLtNpac/UM4Ha8dYPDI/AAAAAAAAkkU/opSb32f_Eo0/s400/1-He-Man-e-i-Dominatori-dell-Universo-Episodio-1.jpg

    RispondiElimina
  52. Ecco, avevo resistito fino alla fine... E tu mi colpisci al cuore con la cassetta del Big Jim fantasc... Non ce la faccio ! Troppi ricordi ! Non ce la faccio...

    RispondiElimina
  53. nelle pagine dei programmi tv hanno sbagliato praticamente tutte le reti televisive...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oltre al Gorillone, fra gli Zoids c'era uno splendido T-REX...
      La cassettina del Big Jim Fantascienzo la ricordo ancora... Ascoltata migliaia di volte in un super radiolone portatile... Che bruschetta agliata ci hai servito!

      Elimina
  54. Comunque Sectaurs e Zoids erano una figata.

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails