venerdì 21 agosto 2015

66

L’albero degli uomini con gli zoccoli

Ogni località balneare italiana ne ha una piccola riserva. Un ristretto manipolo incapace di evolvere in qualcosa d’altro, accrescere il proprio numero o estinguersi. Immobili nei decenni come zanzare nell’ambra, insensibili alle mode e al comune senso del pudore. Contrariamente a quanto potrebbe sembrare, non hanno niente a che fare con l’Homo sapiens, in quanto discendenti diretti dell’Homo neanderthalensis. Sono gli uomini con gli zoccoli di legno (Homo plinthulignum), e niente e nessuno è in grado di fermarli [...]

L’uomo con gli zoccoli di legno nasce con i baffi di magnumpiài, così, già trentenne, e/o con capello riccio stile Ninetto Davoli prima maniera.

L'uomo con gli zoccoli di legno non indossa magliette, camicie, pantaloncini, cappellini, bermuda, fa cioè a meno di tutto l’abbigliamento tipico da vacanziero: in quanto autoctono, l’uomo con gli zoccoli di legno non ha bisogno di nulla, se non dei suoi zoccoli di legno, di un costumino a slippino bianco di due taglie più piccolo e di una collana d’oro da mezzo chilo e dal diametro di un cavo del telefono, con crocefisso e/o medagliette varie appese.

L’uomo con gli zoccoli di legno esce di casa in tarda mattinata, sale sulla vespa 50 dell’85 con l’adesivo nero John Player Special, l’accende al primo colpo imprimendo al pedale d'avviamento una forza di 9mila newton, e si dirige al bar. Salutando per strada tutti gli amici con un impercettibile flessione di sopracciglio, l'alzata del mignolo e dell'anulare della mano destra dal manubrio e la frase “Ciao, Cenzì”. Anche se quelli non si chiamano Vincenzo ma Mimmo o Filippo. È uguale. 


La meta dell'uomo con gli zoccoli di legno è sempre il bar-tabacchi-edicola, tipico esercizio commerciale da località balneare in cui si vendono tutti i beni di prima necessità, dal calippo all’ultimo numero di Zagor, passando per le cartoline residuati bellici dell'immediato dopoguerra. Arrivato a destinazione, l’uomo con gli zoccoli di legno smonta, poggia la vespa al muretto perché il cavalletto s’è scassato, entra e ordina una peroni e un pacchetto di camel strike, o altre sigarette con un tasso di catrame superiore al 99%. A questo punto, qualcuno si chiederà da dove tiri fuori i soldi, l’uomo con gli zoccoli di legno, visto che è uscito di casa con addosso solo il costumino bianco a slippino. Ma certe domande è meglio non porsele.

La consumazione della peroni è uno dei momenti tipici della vita sociale dell’uomo con gli zoccoli di legno. Per bere la birra, infatti, l'Homo plinthulignum si sfila uno degli zoccoli, poggiando il piede nudo sul dorso dell’altro piede. Un gomito per puntellarsi allo spigolo del bancone, il busto ruotato di 45 gradi per salutare quelli che entrano. Dopo aver terminato la birra, e almeno sette, otto "Ciao, Cenzì" più tardi, l’uomo con gli zoccoli di legno abbandona il bar-tabacchi-edicola, producendo con i suoi zoccoli un armonioso rumore a metà fra il flamenco e una fresatrice all'opera. Si aggiusta il contenuto dello slippino, rimette in moto la vespa, infila il pacchetto di sigarette sotto il sellino e parte.

Di sera, l'uomo con gli zoccoli di legno non si vede in giro, per una ragione molto semplice: lasciato il bar-tabacchi-edicola, entra in una sacca spaziotemporale che lo inghiottirà fino alla tarda mattinata del giorno dopo.

Sergio Leone una volta disse: "Quando un uomo con gli zoccoli di legno incontra un uomo con le crocs, quello con le crocs è un uomo morto". Per forza.


66 commenti:

  1. Meraviglioso...cmq io alla veneranda età dei 40 ho preso le mie prime infradito...era meglio il cilicio!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei ancora in tempo .
      Bruciale su di un altare su cui traccerai con della spuma il logo delle Superga ,e non verrai inghiottito dagli spiriti del malefizio.

      Elimina
    2. Io invece le trovo solo comode. O, meglio, fino a più o meno i 24 anni rifiutavo di indossarle perché mi davano l'idea di un modo di vestire troppo zingaresco; arrivato ai 24 anni un giorno le ho messe per uscire per pigrizia non avendo voglia di infilarmi le scarpe e con mia sorpresa le ho trovate così comode che le ho elette seduta stante a mia calzatura definitiva per l'estate. Adesso che ho 36 anni sto incominciando ad avere dei ripensamenti su tutto il mio look estivo (che "è fisso, come quello dei personaggi dei fumetti") infradito comprese.

      Elimina
    3. Ma porca... Mi ero registrato sul blog scegliendo come nick "DannyTheDog" ed ora i miei commenti compaiono con il mio nome e cognome...

      Elimina
    4. Cosa devo fare? Tra l'altro non sono riuscito a caricare un'immagine... ogni volta che ci provavo mi diceva che il file era troppo grande. Comunque, Ciao a tutti sono uno dei nuovi follower del Doc e sono classe 78!

      Elimina
    5. Benvenuto tra noi, nuovo antrista!! Ti divertirai da matti con il Doc!

      Elimina
    6. Questo pezzo mi ha fatto piegare in due dalle risate, ma per la lunga sequela di luoghi comuni che circondano questa calzatura così tanto odiata. Ammetto che nel periodo del boom, chi indossava gli zoccoli di legno, in 7 casi su 10 lo faceva in modo improprio e senza rispetto per gli altri (dall'abbigliamento, fino al casino nel camminare). Grave errore eleggere a calzatura di massa un sandalo ortopedico che, utilizzato in quanto tale, nel mio caso ha svolto il suo dovere recuperandomi da un infortunio muscolare. Premetto che all'epoca d'oro non ho mai fatto uso di zoccoli e quando li ho scoperti giusto un paio d'anni fa, ho realizzato che si tratta di calzature come tante altre, senza particolari note di rilievo se non un'inaspettata comodità che alla fine mi ha spinto a sostituirli a quelle infradito piatte che lentamente mi stavano distruggendo piedi e gambe. Portandoli di persona, ho pian piano smontato uno dopo l'altro tutti i luoghi comuni perché ho scoperto che è possibile camminarci senza far casino (basta aver cura della gomma sotto e non biascicarli per terra), che se tenuti bene danno un aspetto pulito (al contrario del truzzo che li riduce in bianco e nero, oppure di quelli che in infradito vanno in giro coi piedi nero fumo) e che alla fine possono anche essere ben abbinati con un paio di bermuda o pinocchetti color sabbia con tasconi (giusto per non doverli per forza portare con mutanda scaccia-fi.ga e canotta sia di cotone che di peli) e andarci tranquillamente al mare. Non so gli esteti, ma io mi trovo bene così: le donne hanno giusto mugugnato all'inizio, salvo poi riconoscere che ben portati e contestualizzati non fanno così schifo, tanto meno danno nell'occhio. Detto questo, a me sta bene che a portarli siano pochi ma buoni, ma pensa te se dovessero ritornare di moda come tanti altri vintage (occhiali, vestiti, capigliatura, ecc.) ...

      Elimina
  2. La sceneggiatura di un corto. E uns grande verità u_U

    RispondiElimina
  3. Qualche giorno fa ho comprato su amazon un picchetto metalicco per evitare che il vento mi porti via l'ombrellone. Non ho ancora provato a infilarlo nella sabbia ma ho letto fra i commenti degli utenti che basta dargli un paio di martellate con un sandalo. Mi sono chiesta se le mie infradito gommose funzioneranno come martello! se non funziona ho due possibilita': chiedere il prestito lo zoccolo di legno a un uomo con lo slip bianco :s o diventare una donna con gli zoccoli di legno!!!

    RispondiElimina
  4. Da noi ci sono gli uomini con i sandali ahaha
    Gli zoccoli si stanno piano piano estinguendo...

    RispondiElimina
  5. Quanta verità, considera che io sto in Toscana come animatore e sono circondato da questi buffi esemplari di ominide!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dove fai l' animatore nella mia bella regioncina ;)? Doc bel pezzo.. ROTFL!! Bellssimo!

      Elimina
    2. Non vedo uomini con gli zoccoli sulle spiagge Toscane minimo dal 1989, mi sa che sei a fare l'animatore in un paradosso temporale...
      :-)

      Elimina
  6. Sono peggio quelli che vanno in ufficio in infradito e bermuda. Perché non sono in una località balneare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando studiavo alll' università ( ingegneria a Padova ) , nella seconda sessione estiva se ne vedevano di ogni. Mandarono a casa solo un tipo che si presentò agli orali in costume.

      Elimina
  7. L'uomo con gli zoccoli lo si riconosce soprattutto quando va a piedi, lo si sente a distanza per il rumore della sua camminata a striscio. E la birra la beve rigorosamente tenendo il mignolo alzato

    RispondiElimina
  8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  9. Pure le crocs però non hanno senso di esistere su una spiaggia eh

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le Crocs non hanno senso di esister. Punto.

      Elimina
  10. Che poi, sembra la descrizione di un uomo X 365 giorni l'anno al porto di Bari.

    RispondiElimina
  11. Hai ragione non è homo sapiens , ma homo superior.. Solo che non c'è ne siano ancora accorti ! Quanto ai soldi , no problem : ha il bancomat .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Roberto, 92 minuti di applausi per te...con lancio di fiori integrato!

      Elimina
  12. Gli zoccoli di legno non si estingueranno mai finchè la Scholl li continuerà a produrre, senza contare le imitazioni più pulciare. Ma dopotutto è soltanto uno dei tanti piani di conquista del mondo da parte degli USA.

    RispondiElimina
  13. E pensare che negli anni '80/90 qui nella bassa Calabria, in spiaggia le Dr. Scholl venivano rubate più della Golf e la Uno. :-p

    RispondiElimina
  14. Gli uomini con gli zoccoli non si levano mai gli zoccoli in quanto se li levassero, e la gente udisse che il suono prodotto dal loro caprino incedere è il medesimo ,capirebbe la loro vera natura e strapperebbe il velo che nasconde la mefistofelica guisa.

    RispondiElimina
  15. zoccoli, infradito, crocs, espadrillas...inutile non sono ancora state inventate delle calzature adatte per l'estate

    RispondiElimina
  16. Bellissima, e te lo dice un uomo con gli zoccoli!

    RispondiElimina
  17. A quando l'uomo con le zoccole?


    Lo so, ma non ho resistito. Sceimonmì. :P

    RispondiElimina
  18. tutto vero!grande doc!!
    p.s. è tropp bell che fai post anche ad agosto! grazie!

    RispondiElimina
  19. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  20. Dr.Manhattan, ci tenevo a dirti una cosa: io ti stimo molto ed i blog li ho sempre trovati interessanti e divertenti, c'è solo una cosa che veramente mi ha lasciato secco. Proprio non avrei immaginato che anche tu saresti sceso tra quei fan che odiano il nuovo film di "I Fantastici 4" ancor prima dell'uscita del trailer (non negarlo, mi ricordo bene i tuoi vecchi post), per questo ci tenevo a copiare ed incollare un post che ho già messo su fb e che riassume quasi tutto ciò che penso:
    Discorso di Christopher Nolan mentre prepara i suoi film di Batman:"Farò un Batman che è molto diverso dal fumetto, ma non tradirò il suo spirito, sarà sempre Batman, farò solo in modo che sia perfettamente credibile inserirlo nel mondo reale cambiando un pò di storia. Stessa cosa farò con i suoi nemici, non saranno uguali al fumetto, ma saranno sempre gli stessi, solo più realistici.
    Reazioni della maggior parte dei fan:"Bravissimo Nolan, siamo tutti con te, i film saranno bellissimi!"
    Discorso di Josh Trank mentre prepara il film sui Fantastici 4:"Farò dei Fantastici 4 che sono molto diversi dai fumetti, ma non tradirò il loro spirito, saranno sempre i Fantastici 4, farò solo in modo che siano perfettamente credibili inserirli nel mondo reale cambiando un pò di storia. Stessa cosa farò con il Dottor Destino, non sarà uguale al fumetto, ma sarà sempre lo stesso, solo più realistico.
    Reazioni della maggior parte dei fan:"No, i Fantastici 4 devono rimanere come il fumetto! Fai schifo Trank, e questo film farà schifo!"
    Coerenza, dove sta? Anzi, domanda migliore: che cos'è?

    Spero che tu abbia capito cosa intendo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è da dire una cosa: non so se si possa pretendere coerenza da due prodotti così diversi.

      Batman, di riffa o di raffa, non si è mai basato sui superpoteri, a partire dal protagonista che ne è privo, mentre i F4, nelle loro avventure ne vedono, più o meno letteralmente, di cotte e di crude.

      In sintesi, un Batman realistico va bene... ma non si può pretendere realismo dai F4, IMHO.

      Elimina
    2. C'è da dire una cosa: non so se si possa pretendere coerenza da due prodotti così diversi.

      Batman, di riffa o di raffa, non si è mai basato sui superpoteri, a partire dal protagonista che ne è privo, mentre i F4, nelle loro avventure ne vedono, più o meno letteralmente, di cotte e di crude.

      In sintesi, un Batman realistico va bene... ma non si può pretendere realismo dai F4, IMHO.

      Elimina
    3. Non c'entra nulla, comunque è un supereroe che nei film di Nolan ha subito un sacco di cambiamenti. Ovvio che I Fantastici 4 non possono essere super realistici, ma ciò non vuol dire che non possano essere inseriti in un contesto realistico (per esempio la loro reazione alla loro trasformazione e quella del governo ed il loro trattamento psicologico). Molti non capiscono che non è il look a dover essere fedele al personaggio, ma lo spirito. Molti si lamentano che Spider-Man nei film di Raimi non spari le ragnatele con i lancia ragnatele, ma cos'è più credibile in un film, un adolescente che realizza da solo una tecnologia che neanche i grandi scienziati riescono a fare o un potere avuto dalla mutazione del DNA? Raimi ha preso un'altra scelta ma se il look è diverso lo spirito è quello giusto: Spider-Man spara le ragnatele dalle mani e per di più con la stessa identica posa, nessuno dovrebbe lamentarsi. E lo stesso vale per questo nuovo Fantastici 4: il gruppo non fa il viaggio nello spazio ma il viaggio in un'altra dimensione, ma comunque fanno un viaggio in qualcosa di totalmente estraneo al loro pianeta e li apprendono i poteri. Poi sta storia del Dr. Destino che non ha il look del fumetto: non importa che non porti la maschera (che poi nei film precedenti era uguale ai fumetti ma di certo non era intimidatoria, anzi), comunque è un uomo totalmente sfigurato e mutato che è diventato qualcosa di completamente potente, malvagio e pericoloso che deve essere fermato (ovviamente mi baso sugli script che ho letto e sui trailer che ho visto, visto che il film non è ancora uscito). Lo stesso discorso su Destino vale sulle sentinelle di "X-Men: Giorni di un Futuro Passato": hanno un look totalmente diverso da quello del fumetto, ma sono sempre i robot assassini programmati per uccidere i mutanti (e nessuno se ne lamenta mentre per Destino si, per questo dico che manca la coerenza) e se devo dire la mia sono anche più riusciti. Ma la cosa peggiore è la vostra reazione: avete odiato questo film ancor prima dell'uscita del teaser, magari chi lo sa, è brutto, ma è il principio che è sbagliato, vi basate solo sul pregiudizio, un pregiudizio inutile e ingiustificato per le cose che ho appena scritto.

      Elimina
    4. Tutto il mondo nerd, nel profondo, spera di sbagliarsi ma gli indizzi puntano tutti in una direzione. La torcia umana è un ragazzo di colore e ci sono mille motivi che spingono a dire che sia una pessima scelta. La cosa sembra l'uomo sterco di mucca. Per fare due esempi.

      Elimina
    5. Barone, 1) sei OT, e gli OT lunghi due chilometri sono una cosa sgarbata. Non basta scrivere "non c'entra nulla" all'inizio.
      2) Io non "odio" niente. Al massimo una cosa mi fa schifo, ma "odiare" è roba da rancorosi dell'Internet, e la lascio volentieri a loro.
      3) Il film non l'ho ancora visto, ma mi fanno ridere il cast, la sinossi, il regista, le puttanate che il regista sta raccontando per addossare alla Fox la colpa di questo enorme buco nell'acqua. Detto questo, ho ripetuto più volte che il film lo andrò a vedere COMUNQUE, perciò ci sarà tempo e modo per parlarne dopo la sua uscita. Fine dell'OT. Nel senso di fine dell'OT, grazie.

      Elimina
    6. Chiedo scusa se sono sembrato sgarbato, ho completamente scordato il fato degli OT, quindi chiedo ancora scusa, hai ragione tu, ne parleremo quando uscirà il film.

      Elimina
  21. Molto bello 'sto pezzo.
    Non so nel resto d'Italia ma qui nel Lazio l'uomo con gli zoccoli ha quasi sempre la canottiera rossa o blu traforata! E rigorosamente l'occhiale da sole tipo rayban sollevato sulla fronte! E' proprio obbligatorio, non è una sua scelta.

    RispondiElimina
  22. Scusate lo spoiler ma il film dei f4 pare sia una merda assoluta. Il film ha bombato di brutto in america e le recensioni parlano di peggior cinecomic mai fatto. Vedete un po voi. Poi che mania è di attaccare il doc per la critica ai trailer? Fai parte del marketing fox? Il blog è suo e ci scrive quello che vuole

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Luca, grazie per la difesa, ma vedi quanto scritto sopra. Non diamo carburante all'OT. Thanks.

      Elimina
  23. I loschi figuri in slippino bianco, slip in parte eclissato dalla panza, e dalla pelle color ebano sono una fauna tipica delle località di mare.

    Mia Moglie mi ha convertito a forza alle infradito e regolarmente rischio di ammazarmi.

    RispondiElimina
  24. Pareva anche a te, Doc, che l'uomo con gli zoccoli fosse abbronzato color cuoio anche a dicembre (pur non vedendolo di persona) e che sulle gambe non avesse mai, spontaneamente, neanche un pelo?
    Oh, almeno a Strongoli Marina lo si vedeva così.

    RispondiElimina
  25. io da rEgazzino li avevo e il "clac clac" mentre si camminava mi piaceva.
    odiavo gli infradito spessi un millimetro che duravano una settimana e poi il coso li se ne usciva e amen
    detto ciò w le ciabatte

    RispondiElimina
  26. Gigi e Andrea docet😆 I minerva, minervoni😊

    RispondiElimina
  27. Ti seguo da un po': monumentale (suono armonioso tra flamenco ed una fresatrice)😂😂

    RispondiElimina
  28. Bellissimo post, non si potrebbe descrivere meglio l'uomo zoccolomunito.
    Domanda che mi son sempre posto sugli zoccoli, dato che non ne ho mai calzato un paio, in quanto solitamente vado di infradito o, quando voglio fare l'alternativo, piedi nudi: ma sono comode? viste cosi' mi danno l'idea della calzatura piu' scomoda che si possa immaginare: rigide, pesanti, lignee, appunto. Poi oh, magari mi sbaglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dipende da tuo piede ... In quanto rigidi, gli zoccoli di legno non sono fatti per piedi piatti o larghi verso i quali risulteranno scomodi, poiché non si adattano alla profilatura della suola. Se invece hai un piede tutto sommato normale, diventano incredibilmente le calzature più comode mai viste, nonostante l'aspetto suggerisca il contrario. A me in particolare piace da morire la sensazione che si ha nell'appoggiare il piede appoggiato su un fondo rigido ma allo stesso tempo di forma esattamente complementare. È un toccasana specialmente per la postura eretta o per chi passa tanto tempo in piedi in quanto è molto riposante. A seconda del tipo di zoccoli potrebbe esserci cmq qualche problemino di ammaccatura causata dal cinturino, come ho già scritto nel mio commento sopra. Ma dipende dalla sua rigidità: i pescura originali hanno un cinturino molto morbido che riduce il problema al minimo, mentre in certi zoccoli non originali (ad esempio quello in foto che ho io) è molto rigido e può dare un po' di fastidio. Cmq tutto si risolve attendendo che la pelle a contatto si indurisca. Poi è solo una goduria di comodità. È opinione condivisa che chi abbia provato gli zoccoli e si sia trovato bene, poi non riesca più a farne a meno. Condivido in pieno.

      Elimina
  29. Tale personaggio è , immagino , caratteristico del Sud; qui nella laguna veneta è presente una variante locale che presenta la seguente differenza; invece di sussurrare " 'Cenzì" , urla " TONI! " a 105 dB, ed invece della birra ordina un bianco . Quale sia il legame tra le due specie è materia da definirsi.
    Vorrei comunque sottolineare come nelle nostre zone giri una specie forse meno misteriosa ma parecchio più nociva denominata Mosè .
    Tale personaggio , regolarmente uomo di mezza età che svolge lavori manuali o preferibilmente li fa in nero in quanto è in pensione, migra al mare con tutta la famiglia composta da moglie ( cessa in tutti i casi ) e bambini di varia età indifferentemente figli o nipoti , includendo sempre come minimo un paio di poppanti e di preadolescenti.
    Tle personaggio svolge in villeggiatura le stesse identiche attività che lo caratterizzano durante il periodo lavorativo; sveglia in orari antelucani , quindi spesa al panificio quando la pasta sta ancora lievitando, poi piccoli lavori da maschio fino che si alza il sole ( oliare le ruote del carretto per il mare, cambiare le lampadiene alle bici con la dinamo, lubrificare le cerniere dell' ombrellone, riparare il coperchio rotto del frigorifero da spiaggia, avvitare a dovere i parasole della sua utilitaria)
    e poi via in spiaggia con carretti, biciclette, tricicli e un carico di bagagli degni dei goti di Teodorico quando vennero a stabilirsi nel Belpaese; il tutto portandosi appresso tutta la famiglia allargata, in silenziosa ( loro ) processione . Ma il peggio deve ancora venire, infatti quando il nocivo essere individua un essere umano - preferibilmente un lavoratore manuale come lui -scatena il tornado compresso dell' autocompiacimento , sottolineando come egli abbia già oliato le ruote del carro, cambiato la lampadina della bici con la dinamo, lubrificato le cernienre dell' ombrellone, riparato il coperchio rotto del frigo da spiaggia, avvitato a dovere i parasole della sua utilitaria). ; sottolineando come invece chiunque altro non lo abbia fatto. La famiglia si esprime con un sorriso inebetito e condiscendente , stordita a loro volta dallo sproloquio incontenibile del capofamiglia.

    Il quale, se fosse per lui , starebbe tutto il giorno a rompere i c... al povero cristo lavoratore, peggio delle sirene dell' Odissea ma con un bel pò di tette in meno.

    Se volete evitarlo, cercate di non lavorare al mare, mai per nessun motivo; e se proprio, di farlo di pomeriggio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanto alla povera famiglia, in genere quando uno dei piccoli raggiunge l' adolescenza, ecco che cade il castello di carte; il padre- padrone divene lo zimbello- minchione, la famiglia fa casino , dormono fino a tardi e gli parlano sopra. Allora come il bruco diventa farfalla, egli muta in qualcos' altro... ma questo lo vedremo nellaprossima puntata.

      Elimina
    2. Confermo la preferenza degli esemplari per il vino bianco, ordinato spesso assieme ad un bicchiere di Spuma destinata al nipote a seguito (Toni, un bicér de bianco par mi e na spuma pal bocia - Toni, un calice di vino bianco per me ed una Spuma per l'infante).

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  30. In quella fettina di nord Italia nella quale ho trascorso quasi tutta la mia esistenza, la divisa d'ordinanza del signore di mezz'etá era il sandalo con calzino grigio a metá stinco e la polo infilata nei pantaloncini blu con finta cintura. Immagino dipenda da differenze climatiche e di temperatura. Il chiamare amici e conoscenti con un nome generico rimane concettualmente invariato - per ragioni tradizional-culturali 'Cenzí' diventa 'Nane' (Giovanni).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho visto che sei anche tu del circolo di pietra... grandioso !!!
      comunque concordo sull' abbigliamento dello zoccolaio balneare nordista; calzino a mezza caviglia , polo e mezza cintura ; che la temperatura sia polare o sahariana, non importa.

      Tra parentesi, parlando di casi umani; ma quanti geometri indossano le polo ? Circa il 99% , a quanto mi risulta.

      Elimina
    2. Credo che la polo sia un prerequisito per la certificazione...
      Meno sbracata delle t-shirt ed al contempo piú trendy della camicia a maniche corte, niente trasuda professionalitá e pragmatismo piú della polo. Col golfino sulle spalle la sera che c'é bavetta...
      Eh si, sono stato un membro del Circolo fin dalla creazione - letteralmente - finché la vita mi ha spinto su altri lidi :)

      Elimina
  31. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  32. Ametrano! Rifatte la foto che sei peggiorato!

    RispondiElimina
  33. Provati una volta sola... Mai più!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La prima volta è sempre la più traumatica: chi si basa solo su quella finisce per desistere. Ma in generale se hai un piede regolare e persisti, alla fine il disagio iniziale sparisce progressivamente. Si tratta tutto di abituarti ad una calzatura rigida. Idem per la pelle a contatto con la tomaia.

      Elimina
  34. Tutti avete parlato di signori di mezza età, io conoscevo una bambina al mare che girava sempre con gli zoccoli. SEMPRE. E quando si incazzava li usava pure come arma impropria XD

    RispondiElimina
  35. Fantastico post! Ricordi d'infanzia. Mi hai fatto vivere un flashback niente male. Quando, a cavallo fra la seconda metà degli anni '80 e pirmi '90 andavo al mare con i miei genitori in puglia, a trovare i parenti di mia madre. Mi pare ancora di sentire il rumore cadenzato delle zoccolette di legno con tanto di Homo che le calza.... :D

    RispondiElimina
  36. Avrei voluto essere io il protagonista

    RispondiElimina
  37. Mai più senza!
    Avevo forse 10/11 anni e credo fossero rossi.. i cosiddetti flat!
    E da lì, non ho più smesso.. è come una droga, non puoi resistere, non puoi non averli in casa e a volte, anche fuori..
    Dai 12 anni il modello è pescura, quello col tacco per intenderci e gli do la caccia anche su ebay, perchè ormai e soprattutto in Italia, i colori sono praticamente solo due: beige e blù!
    Mentre io che di rosso ho l'auto, il divano e il 90% dell'armadio, non potrei averli diversi ma, si trovano solo reperti archeologici nati per il mercato inglese o americano.
    Gli ultimi, presi ad un'asta, sono fucsia: bellissimi e le mie gambe ringraziano!

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails