mercoledì 6 maggio 2015

47

Ramses - Il Faraone d'Oro, i Cavalieri dello Zodiaco egiziani

Ramses Il Faraone d'Oro Giochi Preziosi
Ma che Saint Seiya e Saint Seiya d'Egitto...
Qualche settimana orsono, hai pescato in un negozio di giocattoli dei pupazzini mai visti fisicamente prima, ma dei quali ricordavi un qualche spot in TV, un milione di anni fa o giù di lì. Fanno parte della linea RAMSES - THE GOLDEN PHARAOH / IL FARAONE D'ORO, della Giochi Preziosi, e sono esattamente quello che sembrano: una versione egiziana dei Cavalieri dello Zodiaco, con le armature (purtroppo tutte in plastica) agganciabili sui figurini o assemblabili in un totem. Ed è una roba pezzente? Non esattamente [...]
Il primo dei tre pupazzini, rimediati a meno di dieci carte l'uno, è il protagonista della linea, Ramses il Faraone d'Oro,
 il sovrano assoluto d'Egitto, Saint Seiya raccomandatissimo
della situazione e blablabla.
 Questo è l'interno della scatola, con i vari pezzi e le istruzioni,
e questo è il pupazzino di Ramses, con la sua faccia da pirla venuto da Beverly INPS 90210 e tutti quei buchi e spuntoni sul corpo per agganciare i pezzi dell'armatura, caratteristica comune di tutta la linea. A ogni modo, il pupazzino è pieno di articolazioni.
Ed eccolo con l'armatura addosso. I dettagli non sono male, come i coprispalle a forma di testa di falco, ma il mascherone è abbastanza ridicolo. Dei tre è sicuramente il meno convincente. Non mostri il totem ("la palla di fuoco") perché si tratta semplicemente di un pallone dorato enorme a cui vanno agganciate quelle alette che nella foto sopra vediamo dietro la schiena di Ramses.
Il pupazzino numero 2 è Sebek, il dio delle acque della mitologia egizia,
qui presentato come simbolo "della paura e del coraggio", nonché come testimonial di una nota marca di polo.
Ora, il pupazzino è anche qui brutto e bitorzoluto, ma l'armatura non è affatto malvagia.
 Questa è la configurazione totem, il coccodrillo,
 E questa la versione calata addosso al tipo.
A costo di ripeterti, ci fosse stato un po' di metallo al posto della plastica, sarebbe stata parecchio figa, ma già così non ti dispiace per nulla. Si tratta del resto di pupazzini del 1998, pertanto da paragonare ai bolsissimi Cavalieri dello Zodiaco vintaggi, non ai più proporzionati e dettagliati Myth Cloth. E, in quest'ottica, Sebek dà la birra a molte armature della cumpa di Atena e nemici vari. C'ha inoltre qualcosa, questo pupazzino, di serie di giocattoli supervintagge come i Fantanauti. Magari sarà tutto quel verde in stile Wiscid.
Terzo tipo della comitiva è Anubis, lo sciacallo, divinità del regno dei morti.
Per Anubis valgono più o meno le stesse considerazioni di Sebek: totem guardabile, fantoccino inguardabile,
armatura scalciaculi una volta assemblata. Anubis è il meno posabile dei tre, perché i due gambali alti bloccano l'articolazione delle ginocchia. Un altro paio di foto:
Il retro delle scatole mostra tutte le altre uscite della linea. Ci sono Horus il falco (anche questa un'armatura che sembra piuttosto pheega),
Seth il minollo, Bastet la gatta,
Thot l'ibis, Khepri lo scarabeo (bel design),
Selkhet lo scorpione, Sekhmet la leonessa (per un totale di tre figure femminili su 12),
e infine Apophis, il cobra che gonfia la testa e attacca come Loris Batacchi, e Amun l'ariete, cugino di Alex l'ariete. Ma da dove salta fuori questa linea? Sulle confezioni si legge che è prodotta in Cina (ma pensa) e importata da Giochi Preziosi, e il copyright indica l'anno (1998) e due aziende, Playsoft e Hybrid Pictures. Il nome di quest'ultima dà l'idea di un qualche cartone animato da cui siano stati tratti i pupazzini, e infatti è così. Più o meno. Non hai infatti trovato traccia sull'Internet di una serie animata vera e propria, ma qui si parla del marchio "Ramses" registrato per quello scopo. Hai come l'idea, quindi, che fosse solo un concept pescato e tradotto in pupazzame da Giochi Preziosi. Erano del resto anni, quelli lì, in cui l'antico Egitto andava forte, tra Il Principe d'Egitto della Dreamworks (1998) e Mummies Alive! (1997), senza dimenticare il successo riscosso in precedenza da Stargate di Emmerich (1994).
E insomma, questo è quanto. Ramses finirà nella scatola del pupazzame vecchio e brutto, ma agli altri due un qualche spazio lo si trova. Non fosse altro, per la doppia mazzarella della violenza ossuta utilizzata da Anubis. Tra parentesi: ma quanto era flippotrippissima la mitologia egizia su una scala da zero a greci andatevi a nascondere? Parecchio.

47 commenti:

  1. Trovati sulla Baya tempo fa....mai considerati (anche per via del prezzo, che si aggirava sui 25 euro) e soprattutto perchè privi di foto. Ora, grazie al "reportage dettagliato" agevolato dalla regia forse meritavano più attenzione....Horus rulezza, sembra davvero figo...
    Rhaxs da account lavorativo xD

    RispondiElimina
  2. Con somma ignoranza ...
    Potrebbe essere sta cosa => http://youtu.be/p7C0arR310g.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nope, quello è il citato Mummies Alive! (in italiano: Mummies Alive! - Quattro mummie in metropolitana).

      Elimina
    2. Anche se fuori tempo massimo (avevo già altri interessi e passioni eccetera) ma me lo ricordo, e me ne sarei innamorato se solo fosse uscito qualche anno prima.
      Altro che Street Sharks...

      Elimina
  3. Lo devo fare, lo devo fare!
    Ramses con la maschera di Tutankhamon (quasi) e` una cosa terrificante!
    Come vedere un film dove i nazisti hanno una base sulla luna!
    ...
    Ora mi sento meglio, torno al mio grigiume de PDF.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devi aver letto "The legend of Koizumi", allora...

      Elimina
    2. Devi aver letto "The legend of Koizumi", allora...

      Elimina
    3. nazisti sulla luna non so, ma se vuoi c'è sempre "fascisti su marte"! :P

      Elimina
    4. Per i nazisti sulla luna c'è ovviamente il bellissimo film di Iron Sky! :-D

      Elimina
    5. ma anche il bellissimo videogioco "Wolfenstein - The New Order"!

      Elimina
  4. La linea di giocattoli un po' scusagna presentata qu ha le sue cose positive: Sebek è molto valido, bello il capoccione di Anubis, ma se trovassi in giro Horus lo comprerei, spettacolare (almeno dalla foto)!

    PDF MODE ON
    "Erano del resto anni, quelli lì, in cui l'antico Egitto andava forte[...]" Aggiungerei anche la saga di romanzi di Ramses (dal 1995, in italia dal 1997) all'epoca praticamente ovunque ti girassi c'era qualcuno che la leggeva.
    PDF MODE OFF

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo stavo per aggiungere io.
      Li sto leggendo in questi giorni a tempo perso al ritmo di uno a settimana dopo aver ritrovato il primo in casa mia. Me l'avevano regalato e sebbene adorassi l'Egitto non mi conquistò e anche adesso li trovo appena passabili.

      Elimina
    2. Leggete piuttosto Sinhue L'Egiziano di Mika Waltari, che è stato il primo dei romanzi egizi e che è stato copiato spudoratamente dal quel gianfransuà di Ramses...

      http://it.wikipedia.org/wiki/Sinuhe_l%27egiziano_%28romanzo%29

      Elimina
    3. Concordo in pieno su Sinhue, grande scoperta della mia infanzia, da cui fu tratto un film passabile. Da menzionare un altro grande romanzo di Waltari, Turms l'etrusco un'avventura più "italica". Il terzo delle trilogia, Marco il romano, merita meno.

      Elimina
    4. I romanzi di Christian Jacq invece illeggibili, lenti e troppo enfatici. Non ho finito Ramses e regalato i misteri di Osiride. In my humble opinion, off course

      Elimina
  5. La mitologia egizia rivaleggia alla grande con le altre più sdoganate quali quella greca e quella norrena. E non da outsider che fa la buona stagione e buona lì, proprio da squadra rompiscatole che quando ci giochi contro dici "che palle" anche se sei favorito.

    RispondiElimina
  6. Da piccolinoo avevo Ramses e Horus, li facevo menare con due dei 5 samurai (il ciccio marrone e uno credo blu) e col cavaliere dei pesci (anni '90).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I miei Ramses e Horus combattevano contro Aquarius e Crystal invece! Ricordi di battaglie epiche.

      Elimina
  7. Non ne ho memoria ma spaccano tantissimo *_*, Ovviamente pretendo le pupazzine fimmine.

    RispondiElimina
  8. Peccato non hai trovato quello Battacchi, gli potevi far dire: Fantossi, Fantossi, che ci do che ci do che ci do;-)

    RispondiElimina
  9. Questi pupazzini sono stati per me il primo confronto con la disillusione della vita. Avevo sei anni, e avevo visto la pubblicità su un catalogo di un toys e avevo pregato mia mamma di prenderli, lei da saggia figura materna mi disse che prima dovevo prendere 10 buoni voti a scuola. Così mi feci il mazzo, per quanto si possa fare il mazzo un bambino di sei anni che fa la seconda elementare, e presi 10 ottimi, mica cazzi, e tutto trionfante ricordai della promessa a mia mamma, andammo al Toys più vicino e la tracotanza si trasformò in delusione profonda: non solo a quel Toys non li vendevano, ma erano spariti da ogni Toys di Brescia e dintorni. Tutt'oggi li ricordo con estrema sofferenza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricordo di averli presi alla metalmark a orzi. Però in effetti erano gli ultimi 2.il faraone faccia da pirla e lo scarabeo (armatura notevole...ma la pancia e il viso da muratore dell'est erano pessimi)

      Elimina
  10. Li avevo visti anche io su un qualche catalogo e rimossi totalmente dalla mia coscienza.

    RispondiElimina
  11. Niente, non ho neanche un vago ricordo recognito nel cervello di questi pupini, d'altra parte il '98 fu per me un'anno di cacca, senza contare che andavo per i 18 e le pubblicità di queste cose (non dire cavolate Zione, le pubblicità di action figure te le sparavi comunque, perchè lo sai te...) non attiravano la mia attenzione...ehm...

    Comunque il capo cumpa che quando si mette l'armatura gli viene il capoabomba™ è meraviglioso, mi piacerebbe molto vedere il totem...

    RispondiElimina
  12. "Seth il minollo"
    Finalmente si è scoperto che cacchio di animale fosse.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma il minollo dell'Antico Egitto era CHIARAMENTE diverso dal minollo indoeuropeo moderno. Completamente diverso. :D

      Elimina
  13. Mah, se la GP pensava che stì cosi coi mascheroni dell' antico egitto avrebbero potuto vendere qualcosa, era proprio messa male.

    RispondiElimina
  14. Li ricordo...
    Per me erano troppo plasticosi, mai presi.

    RispondiElimina
  15. Mitologia egizia - l'unica che contempla la non-morte come cosa buona. Andrebbe ripescata a dovere di questi tempi dove si sente solo greci o nordici...

    RispondiElimina
  16. Ed ecco che l'Horus del casting di Icon1 acquista una valenza rabdomantica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti. C'abbiamo già l'action figure pronta.

      Elimina
  17. Essendo nato nel 94 me li ricordo appena, ma sono sicuro di averne avuto uno! Era abbastanza bruttarello e fragile; si rompevano subito gli incastri dell'armatura.

    RispondiElimina
  18. Comunque se ci fate caso il/lo/LA Scorpio di quella schifezza di film in cgi che è Saint Seya Legend of Sanctuary è proprio la copia spudorata di Selkhet.

    RispondiElimina
  19. Visto il contesto "storico" del pupazzame in armatura non erano malaccio. Il totem a scarabeo molto molto bello.

    Sulla mitologia egizia mi trovo un po' impreparato ma recentemente ho letto un fumetto che raccconta alcuni miti della mitologia giapponese. Il fumetto è di Yukinobu Hoshino (sue alcune delle migliori storie di fantascienza nipponiche) e si intitola Kamunabi - Kana Imibe - Miti femminili.

    PS: ho letto tutto ciò che è stato pubblicato in Italia di Yukinobu Hoshino, è un mito della fantascienza.

    RispondiElimina
  20. riguardo alla dilagante moda dell'egitto antico dell'epoca ci tenevo a spezzare un'arancia per Papyrus e i misteri del nilo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma anche un limone e un pompelmo! Gran cartone da domenica mattina.

      Elimina
    2. Mai visto, ma la sigla scalcia i culi!

      Elimina
  21. Il Faraone d' Oro e la Tacchina d' Argento! =D

    RispondiElimina
  22. Confermo gli attacchi un po' debolucci. Per quanto poco costano, potrei davvero finirmi (finalmemte) la collezione. Da bambino a guardare il catalogo volevo tutti tranne le femmine.

    RispondiElimina
  23. Da piccolo mi regalarono Ramses (sono del '93).
    Lo facevo combattere sempre con Crystal il Cigno, la versione ormai pezzente che uscì in Giappone tipo a fine anni '80 ('87 mi pare).
    Questo qui: http://i.imgur.com/KDeXpRP.jpg

    Li conservo ancora entrambi in un armadio, ovviamente con le giunture andate a donnine (Ramses ha stranamente tenuto molto meglio rispetto a Hyoga), e con tipo un terzo dei pezzi dell'armatura ancora intatti e montabili. Maledetta plastica.
    I momenti in cui vorresti andare a rifilare cinquine a 208 bpm al piccolo te del passato. A me un tardis.

    RispondiElimina
  24. e nel caso ve lo foste perso, abbiamo ramses il faraone d'oro in versione rocco siffredi
    http://www.giocattolivecchi.com/public/_forum_pic/1145630/image.jpg
    30 cm di dimensione antristica
    ah! :D

    RispondiElimina
  25. La cosa più importante del post è che adesso sappiamo come è fatto un minollo. Il velo di mistero che aleggia sopra il gesto del minollo sta per essere tolto...

    RispondiElimina
  26. tra gli altri cartoni sull'antico egitto direi anche "Yugi-oh" (o il gioco del "culo delle carte!") sebbene successivo (almeno in italia, in patria non saprei).

    Come videogiochi nel '99 uscì anche Faraon, gestionale della Sierra basato sul motore grafico di Caesar III (l'anno dopo uscì anche "Zeus - Il Signore dell'Olimpo" ambientato in Grecia). Inutile dire che sono stati tra i miei vg preferiti <3

    PS: anche i CdZ nell'Hade si scontrarono contro cavalieri Egizi, ricordo Pharaoh che da noi CASUALMENTE gli venne data la stessa voce del succitato Yugi-ho ( http://saintseiya.wikia.com/wiki/Sphinx_Pharaoh )

    RispondiElimina
  27. Sembra la versione egiziana dei Saint seiya

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails