sabato 9 maggio 2015

132

Giocattoli perduti che solo a pensarci piangete un fiume (Saturday night sondaggismo)

Ci si è passati tutti. Giocattoli meravigliosamente meravigliosi che nel cortile della nostra giovinezza (cit), distratti e menefreghisti come sanno essere solo i rEgazzini, si è abbandonati da qualche parte. O, peggio, che son finiti gettati da genitori senza cuore durante un trasloco, regalati a vicini di casa rompiballe, dispersi in quei luoghi sottratti alle regole dello spazio e del tempo noti come "ripostigli". Insomma, avete presente. Di quelli che poi, quando da adulto scopri di aver buttato via qualcosa che con scatolo e tutto vale centinaia di euro, ti senti anche un po' (poco) pirla. Perché non è il valore, è che erano giocattoli bellissimi, o che si ha piacere a ricordare tali, che poi è lo stesso. Erano, perché non ci sono più, infilati in uno di quei bivi del destino ingrato di cui sopra. A questo pensavi poco fa dopo aver incrociato in un negozio l'uomo delle domande da pistola alla tempia. La domanda era chiara, la risposta boh. Perché di giocattoli meravigliosi, nell'ormai lontana gioventude, ne hai perso/te ne hanno persi tanti. Quale scegliere? Di quale ti dispiace di più? [...]

Sì, il Terremoto Stellerare degli Astrorobot Jumbo, quei carriarmati meraviglievoli telecomandati, tutti quei soldatini Atlantic con gli eserciti interi, i Masters con playset e veicoli regalati da tua madre a un moccioso del palazzo che li ha buttati qualche mese dopo, maledetto ingrato (oh, non puoi assentarti un attimo per quella cosa chiamata "università" che ti fregano), la nave di Capitan Futuro. Ma in assoluto, il giocattolo di cui ti dispiace di più è quel robottino di Baldios in plastica e metallo, orientativamente simile a quello nella foto qui sopra. Era poi proprio quel Baldios o un qualche tarocco hongokongo? Vallo a sapere. Eri a Sorrento con tuo padre, e quanto tuo padre ti portava con sé a una mostra di quadri ti comprava sempre qualcosa per farti stare buono. Una pila di giornalini (Topolino, Soldino, Provolino, Braccio di Ferrino, Tiramollino) o un giocattolo, in genere un robot. Ricordi come se fosse oggiuntrentaquattroannifa l'odore del polistirolo mentre tu e un altro rEgazzino tiravate fuori le armi dalla scatola. La faccia del proprietario della galleria mentre sparavate pugni in giro. Non hai più memoria di quel giocattolo, nell'immediato dopo-mostra. Probabilmente, per il casino piantato, tuo padre l'ha mollato da qualche parte. Malvagio proprietario della galleria non-amante dei robot giapponesi.

E insomma, fine del raccontino mariomerolo. E voialtri, baldi(os) giovani? Qual è il giocattolo della vostra infanzia che vi dispiace di più aver perso da qualche parte? Le regole: una sola scelta a testa (no listoni giordano), una spiegazione vagamente convincente del perché vi dispiace, niente commenti anonimi (finiscono nello sgabuzzino), niente rotture di balle alle scelte altrui, niente videogiochi.

132 commenti:

  1. Ricordo che da piccolo persi il pupazzo di Captain Simian della serie "Captain Simian & the Space Monkeys". Ancora oggi ho la presa a male...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io ce l'ho a casa, però ho perso la liana mi sa (spettacolare comunque)

      Elimina
    2. Me la ricordo: quella bella frusta di plastica gommosa verde trasparente :)
      Beato te eeh

      Elimina
  2. I micronauti. Avevo quello che sembrava un Jeeg nero, e mi piaceva proprio perché somigliava a Jeeg (ai tempi non ricordo di aver mai visto un pupazzino di Jeeg, quindi ciò che più gli si avvicinava era quello).
    Forse avevo anche il cavallo, ma non ne sono sicuro...
    *heavybreath*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si chiamava Baron Karza ed era uno dei giocattoli più amati nella storia italiana. Come tutti gli altri micronauti ovviamente.

      Elimina
    2. Io lo avevo con scatola e tutto...chissà che fine ha fatto.... sigh....

      Elimina
  3. un ispettore gadget (non ricordo quale versione) che cadde in mare dal pontile, ho quest'immagine straziante di quel coso in plastica che galleggia in mezzo agli scogli e il me quattro o cinquenne disperato per la perdita irrecuperabile.
    (il vero trauma comunque sono i topolini strappati da mia madre per castigo)

    RispondiElimina
  4. Ho perso uno degli sci montati su questa nave. Una rosicata assurda.

    http://www.1000steine.com/brickset/images/6973-1.jpg

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io ne ho uno in piu =) sarà il tuo?

      Elimina
    2. Ma quanto rullavano i lego anni 90 nella loro semplicità?

      Elimina
  5. Antonio PoggioComics9 maggio 2015 14:52

    Tutti i "pupazzielli" dei Filmation Ghostbuster (fantabuggy in primis) e Bravestarr (che ti piacevano un casino perchè erano molto più grandi e snodabili dei Masters) che ti sono stati rubati da non so chi (anche se sospetti dell'ex di tua madre che li ha portati dai suoi marmochietti come ha fatto con l'atari, il nes e così via), ci tenevo particolarmente perchè oltre al fatto che insieme ad He-man erano le action figures dei tuoi cartoni animati preferiti dell'epoca ma erano tutti regali che ti fece tuo padre nei tuoi primi quattro anni di vita (prima che morisse) e che hai conservato come reliquie fino alle superiori prima che scomparissero magicamente. Della Fantabuggy (credo sia stato il suo ultimo regalo o quasi) ho un ricordo particolare, in quanto mio padre a Natale mi fece lo scherzone dicendomi che ero stato cattivo ecc. ecc. e poi trovai sta "mega cosa" (all'epoca mi pareva enorme) sotto al letto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti può consolare ho ripescato dal box Eddie e Jack dei Ghostbusters Filmation e mi sono accorto che la plastica che li compone è divenunta appiccicosa.

      Elimina
    2. Pure il mio grunt è diventato appiccicoso, fa senso

      Elimina
  6. Il giocattolo perduto che più mi fa dispiacere è un Gundam, della serie Gundam Wing. Al tempo non avevo neanche idea di che modello si trattasse e solo in tempi recenti sono venuto a conoscenza del suo vero nome: Gundam Sandrock Kai. Non sono sicuro di sapere come lo ho perso, però penso sia finito in uno scatolone in cantina e poi buttato durante i lavori di ristrutturazione. Il solo fatto di dover ricordare questo giocattolo mi ha fatto venire voglia di riacquistarlo.

    RispondiElimina
  7. Il set completo di macchinine di Super Car Gattiger, tutte in metallo e agganciabili! çOç AMAVO quella serie da piccolo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Idem ... maledizione ... erano spettacolari e fatte davvero bene.

      lacrime&bruschette

      Elimina
  8. Un transformer (di cui non ricordo il nome), quello viola scuro che diventava 5-6 cose tra cui una pantera. Me lo portai nel cortile dove bazzicavo da novenne per bullarmene...poi si organizzò una scapoli e ammogliati col Tango e lo diedi a mia sorella. Lei lo lasciò in un cesto di un negozio di "Scampoli" (senza ammogliatoli) li vicino e inspiegabilmente qualcuno se lo ciulò... Ancora lo piango.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti può aiutare, il nome era Iperbot (in originale Sixshot)

      Elimina
  9. Commander (sì, per me è ancora Commander) G1 regalatomi per l'esame della primina. La motivazione è nella natura stessa della perdita.

    RispondiElimina
  10. Non c'è bisogno di pensarci neanche mezzo microsecondo, scelgo il caro vecchio Computron G1. Il brutto è che essendo un combiner lo andavo perdendo pezzo dopo pezzo, anno dopo anno. Alla fine mi rimase soltanto la macchinina che diventava la gamba destra, poi passata anche lei al fratellino che fece tabula rasa di quasi tutti i miei vecchi giocattoli.
    Anche se il mio preferito era il Grimlock tarocco supergigante (che era molto più figo dell'originale perchè non aveva tutte quelle parti dorate) distrutto da mia madre in un momento di berserk da "sistema la cameretta".

    RispondiElimina
  11. persi un batman con relativa moto alla festa di fine scuola nel '94/'95. regalo ricevuto per natale. la dimenticai su un tavolo per pochi minuti, distratto da un lavoretto manuale e lasciata incustodita venne presa da qualcun'altro. era bellissima, forse era della mattel/kenner della linea dedicata a batman il ritorno o di batman forever. ho sempre odiato perdere le mie cose.e a distanza di 22 anni mi chiedo ancora se chi l'ha presa l'abbia trattata bene e ci si sia almeno divertito almeno quanto me per quei brevi 6 mesi in cui l'ho posseduta.

    RispondiElimina
  12. La fanta buggy... dove sei ora? chissa....
    Insomma era il 1988, i miei decidono di ristrutturare casa. Abitavo alla Garbatella allora e tutto, dico tutto, fu spostato in un garage provvisorio. Avevo una buona dose di masters, la famosa fantabuggy, qualche macchinina telecomandata...
    Alla fine dei lavori un buon 75 percento dei gioccatoli non tornò piu... ancora mi immagino un bambino tutto contento che entra di straforo in questo box e si porta via il mio he-man, skeletor col drago sputa acqua, la fanta buggy e altre cose di cui ho perso memoria...
    Si salvo il masters quello con le molle, un coso obbrobbrioso, il castello di Grayskull e poco altro.
    Dolore...

    RispondiElimina
  13. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  14. Tutta (o quasi) la prima serie dei giocattoli STARCOM, veicoli e pupazzetti, penso siano stati tra i più bei giocattoli mai realizzati, soprattutto per quanto riguarda il design (questo è un pensiero che ho adesso, all'epoca manco sapevo cosa fosse il design), mi piacevano un botto. Tutti persi durante un maledettissimo trasloco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stavo per scrivere la stessa cosa.
      Avevo l'astronave ( http://www.therobotspajamas.com/wp-content/uploads/2011/06/starcom_starmaxbomber_1.jpg ) e uno dei veicoli,
      Uno dei giocattoli fantascienzi migliori che abbia mai avuto, l'avessi ancora lo esporrei orgoglioso su una mensola.

      Elimina
    2. Devo controllare in cantina...in teoria dovrei averli ancora tutti ma chissà...magari sono stati regalati.
      Avevo (mai saputi i nomi finora)
      -Stamax Bomber
      -Star Wolf Stafighter
      -Shadowbat Battlecruiser
      -Shadow Vampire (molto James-Cameroniano!)
      -Shadow Upriser (il carroarmato ENORME...)
      -Starbase Command HQ (con la camera di compensazione...inutile ma fighissima)
      -Shadow spy
      -Battlecrane

      Quasi quasi vado a vedere se ci sono ancora...

      Elimina
    3. @Uno_Qualunque
      Guarda, io ho ancora degli Starcom, ma se può esserti di conforto non erano stati fatti per durare nel tempo: nonostante li abbia sempre tenuti con molta cura, le plastiche bianche sono ingiallite, i motorini erano fragili e le placche metalliche (non colorate) prone alla ruggine.
      Quindi è probabile che anche se li avessi conservati, non sarebbero in buono stato.

      Elimina
  15. I micronauti. Tutti. Persi pezzo dopo pezzo da mio fratello piccolo. Ancora glie lo rinfaccio. 30 e rotti anni dopo.

    RispondiElimina
  16. Il cavaliere di Libra della Giochi Preziosi..... il primo della mia collezione, il mio segno..... beh, perso non ricordo come, forse in uno dei miei numerosi traslochi..... lo piansi talmente già all'epoca, che mia madre volle ricomprarmelo.... ma non trovandolo lo sostituì con il cavaliere d'acciaio Lear...... ma ci rendiamo conto??? Era pure pezzotto........ signore dei balocchi, perdona l'ignoranza dei genitori....

    RispondiElimina
  17. Direi i miei micronauti e il castello di Greyskull.Persi inesorabilmente nel buco nero di un trasloco

    RispondiElimina
  18. Un pupazzino di plastica rossa trovato nelle patatine - era VENUS ALPHA, la trovai tre o quattro anni PRIMA che in italia arivasse ufo robot!!!! Chissà chi cavolo l'aveva importata e messa nelle patatine... Non avevo ovviamente idea di cosa fosse, mi piaceva un casino comunque, pensavo fosse un'amazzone (su suggerimento di mia madre), mai visto niente del genere... la conservai gelosamente per qualche anno, poi ci fu il trasloco e ciao, persa per sempre. Ci vollero altri due anni prima che scoprissi chi fosse quel pupazzetto delle patatine, ancora adesso sono lacrime all'idea di averla persa ogni volta che ci penso...

    RispondiElimina
  19. Io colleziono statuette dei Puffi... Mio cugino mi rubò un Puffo Giocoliere... L'ha perduto quel ladruncolo! Dovrei trovarlo su ebay, ma ho pochissima voglia bhuah

    RispondiElimina
  20. Una jeep dei Transformer (apprendo ora che si chiamava Hound, e in Italia Canguro - ?!?). La trovai in un uovo di Pasqua, ebbi la malaugurata idea di portarmela a scuola, la maestra me la sequestro' per mai piu' restituirmela. La signora lavora ancora, uno di quei giorni potrei andare a trovarla: "allora, questa jeep?" "Non sei ancora pronto, aspetta altri trent'anni".

    RispondiElimina
  21. Risposte
    1. Accidenti, quello è sempre stato uno dei miei sogni proibiti (proibiti dal costo che avevano quei robot all'epoca), prima o poi me lo dovrò prendere, ai tempi ci passavo ore guardandolo nelle vetrine e sui cataloghi...

      Elimina
  22. Piango (moltissimo) per il veliero dei pirati Lego,quello con le vele rosso-bianche,sparito durante una ristrutturazione della casa,chi era regazzino a metà anni novanta può capirmi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io, in preda a forte nostalgia ho ripreso la scatola dei lego e l'ho ricostruito, le vele sono misteriosamente scomparse

      Elimina
    2. Posso capirti

      Elimina
  23. baccalaiuolo errante9 maggio 2015 16:36

    credevo di essere l unico a soffrire di questa sindrome! da bimbo ero morbosamente legato ai miei gioccattoli(quando a casa arrivavano cugini indesiderati, figli di amici o scassa mink...vari ed eventuali io correvo a chiedere nel ripostiglio tutto!! ; p) ma poi un brutto giorno anche io fui vittima della legge secondo la quale un pelo pubico femminile...e così regalai la mia collezione ma TUTTA LA MIA COLLEZIONE di transformers al fratello bimbominkia di un mio amico di allora...tra cui vantavo pezzi come commander (si...lo chiamerò x sempre anche io così! !) tigre giaguaro bufalo guardian (bellissimo :(( ) e tanti altri... ma chi porterò sempre nel cuore e quindi mia scelta x il sondaggio è, o meglio sono: gli escavators ... erano magnifici...mio regalo di natale di...boh troppo tempo fa...quando li ho rivisti in un post qui nell antro nella loro nuova versione...lacrime. ..

    RispondiElimina
  24. Se me l'avessi chiesto qualche mese fa avrei detto Brivido ma nello smontare il box l'ho trovato insieme ai mezzi delle Tartarughe Ninja, ai Ghostbusters Filmation Eddie e Jack, alcune Tartarughe Ninja.
    Adesso ripensandoci non saprei, rimpiango più che altro di aver rotto molti giocattoli e non averli conservati.
    Arrivando al sondaggio vorrei proprio sapere che fine a fatto il caccia dei G.I.Joe, l'avevo pitturato di nero per renderlo più figo.

    RispondiElimina
  25. Un mostriciattolino di gomma alto 2 cm color verde acqua comprato in Svizzera quando avro' avuto 5 anni. Sparito dopo un giorno che l'avevo. L'ho cercato per anni, e ancora ci penso :(

    RispondiElimina
  26. Senza dubbio la collezione di Micronauti con tanto di base. Avevano resistito per 30 anni in uno scatolone e alla fine son finiti chissà dove dopo un trasloco.

    RispondiElimina
  27. Big Jim agente 004, per dio. Quello che cambiava faccia, aveva l'impermeabile da maniaco sessuale e la valigetta con le facce intercambiabili. Comprato dopo settimane di lagne faticose abbestia e parziale perdita dei bulbi oculari per il pianto forzato annesso.
    Non l'ho perso, sospetto di essere stato derubato da uno di quei cugini che vedi sei volte in vita tua è che quando li vedi ti stanno sul cazzo perché s'accollano e ti chiedono "mi regali qualcosa?" ogni tre minuti.
    Un giorno venne che io ero fuori e quando tornai Big Jim era sparito.
    Un giorno lo farò confessare e gli cambierò la faccia come facevo col pupazzo del mio cuor.

    RispondiElimina
  28. fortunatamente i miei giocattoli si sono salvati tutti (al limite ho perso qualche sparuto pezzo di qualche scatola lego più vecchia).

    Però rimpiango la mia collezione di fumetti che avevo fino a 10 anni e "persa" durante il trasloco tra la calabria e la sicilia (in verità credo che il genitore li regalò-vendette a qualche mercatino dell'usato per non dover portare ulteriori scatole)...
    non tanto i topolini che erano facili da ritrovare (infatti oggi ne ho 100 volte tanto), ma proprio i Superman ed. Play Press post morte della grande S... sono solamente riuscito a trovare le scan da poco grazie a qualche anonimo eroe!

    RispondiElimina
  29. Ciaoa tutti!
    Per me c'è l'album calciatori 91 - 92 distrutto da mia sorella neonata e tutti i Magazine del sabato Gazzetta dal 95 all'annoscorso dovuta smantellare causa trasloco in una casa più piiccola.
    Non saran giocattoli ma per me son state tragedie senza pari!

    RispondiElimina
  30. Il mio è forse la moto di Testuya... si Doc, quella vintage che hai visto in Giappone che adesso vale uno sproposito. Però va beh, mi consolo pensando che avevo due anni quando me l'hanno regalata e non avevo voce in capitolo sulla fine dei giocattoli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  31. Un carroarmato in metallo scala 1/24 (bellissimo) ,comprato in un viaggio a Paola un milione di anni fa..mi è rimasta solo una foto che mi ritrae mentre ci gioco...Non ho la benché minima idea di che fine abbia fatto!!!

    RispondiElimina
  32. Montagna del serpente con tanto di confezione originale (insieme a qualche Masters + accessori vari). Perduto (O volutamente dato via? Mah...!) durante il trasloco dal quartiere in cui sono nato e cresciuto, al quartiere nuovo. Resterà per sempre l'icona della mia infanzia.

    RispondiElimina
  33. Praticamente tutti, dal Lego ai Masters, ma di più questi ultimi... ora quando vedo le nuove versioni mi scende sempre una lacrimuccia!

    RispondiElimina
  34. Beh Doc. in questo caso tu sai bene cosa risponderò, anche se quel dannato Soundwave sono sicuro che è a casa di mia mamma da qualche parte o al massimo in cantina e prima o poi lo troverò e allora finalmente lo alzerò al cielo e potrò realizzare la promessa fatta ad un amico ;)

    RispondiElimina
  35. Quale devo scegliere...

    Tutta la collezione dei Transformers....?

    Tutta la collezione dei Masters....? (complessivo del playset Eternia)

    Tutta la collezione dei Puffi...?

    Bene,ora che ho ricordato tutto questo dovrò tornare in terapia per altri 10 anni!!! :(

    RispondiElimina
  36. Tutta (quasi) la collezione dei Masters data via nel '96 insieme a MIcronauti, Dianauti, Playmobil e un bellissimo Daltanius in metallo!

    RispondiElimina
  37. Molto probabilmente il frutto della relazione segreta tra Darth Vader e Jeeg, il mitico Baron Karza con tanto di cavallo nero.

    RispondiElimina
  38. tutte le mie action figures di Batman, la maggior parte tratte dalla serie animata, ma una era di Batman Returns, veramente figa!! mannaggia i traslochi

    RispondiElimina
  39. Credo di essere ancora in possesso di più o meno tutti i giochi (tranne alcuni volontariamente ceduti ai nipoti) anche se non più in perfetto stato.
    L'unico gioco che considero effettivamente "missing in action" è un caccia tipo F14 trasformabile in robot che, all'epoca, credevo fosse uno strano transformer che non appariva uguale nella serie animata.

    Qualche anno dopo ho scoperto che si trattava del caccia Valkyrie di Hikaru il protagonista di Macross... ma orami era sparito nei meandri di chissàdovelandia.

    era più o meno come questo:

    https://images-na.ssl-images-amazon.com/images/I/61wWWSuwH9L._SL256_.jpg

    RispondiElimina
  40. oddio Doc non ci crederai ma vedere il tuo "giocattolo perduto" mi ha riportato alla mente un episodio dell'infanzia che avevo praticamente rimosso: avevo chiesto ai miei (anzi a Babbo Natale,all'epoca ero un virgulto:) ) quel Baldios per Natale (proprio quello della foto, un paio di miei amici ce lo avevano e, complice anche il cartone e la sigla fantascienza, ero convinto che fosse il robot più fighissimo di sempre) ed ero sicuro che me lo avessero regalato visto che una scatola delle medesime dimensioni era comparsa misteriosamente sotto l'albero. Il regalo poi si rivelò essere invece un microscopio (che negli anni 80 andava molto di moda) con conseguente delusione... ricordo però che feci buon viso a cattivo gioco e alla fine mi ci divertii pure (quante mosche sezionate, poverine). Per rispondere invece al sondaggismo direi che rimpiango il mio primo Transformer, Hound/Canguro regalatomi per la comunione..

    RispondiElimina
  41. due cose:
    - un personaggio che si chiamava "beta man l'incendiario" non so di che serie, era una specie di soldatino di metallo, vestito di rosso e nero, lo adoravo. e poi è sparito. :(
    - una serie di bambolette di plastica profumate alla frutta, ognuna aveva in testa un frutto, invece dei capelli. erano di una plastica morbida bellissima e profumavano tanto... non so che fine abbiano fatto e non le ho mai viste spuntare in rete nei siti di giocattoli anni 80. ne hanno fatto una serie recentemente ma mi sembra siano di peluche e non sono le stesse.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eccolo qui http://www.finalfrontiertoys.com/media/catalog/product/cache/1/image/9df78eab33525d08d6e5fb8d27136e95/e/a/eagle_force_beta_man_moc_c-6.jpg

      ;-)

      Elimina
  42. Devo trattenermi a stento dal fare un listone giordano e quindi cito solamente il Super Car Gattiger completo, con tutte le singole vetture in metallo che si agganciavano a formare appunto il Gattiger. Con permesso, vado un attimo di là a piangere...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Frank, vedo solo ora il tuo post. Quel kit era magnifico. Una qualita' dei pezzi che all'epoca non avevo mai visto.
      Ti sono vicino nel pianto.

      Elimina
  43. Il combiner di Devastator,ma non l'ooriginale, il suo clone..era bello uguale ma sulla scatola riportava il logo "MetaMorphs"..era il primo ed unico combiner che abbia mai avuto,e l'indiziato numero uno è il fottuto trasloco..

    RispondiElimina
  44. Il kit di Supercar Gattiger, regalo della nonna.
    Ancora adesso mi chiedo come abbia fatto a sceglierlo, visto che il cartone non era ancora trasmesso (o io non lo avevo mai visto).
    Le macchine si saldavano insieme, sparavano i missili (che in quegli anni erano un classico, col sistema a molla-grilletto), la macchina blu aveva dei ganciozzi che si incastravano in quelle frontali.
    Le macchine frontali avevano le ruote che si piegavano sotto la scocca, tipo la DeLorean di ritorno al futuro. Era un capolavoro.
    Le ali del modulo giallo sono state le prime ad andarsene, visto che non sempre le piegavamo nella direzione corretta. Poi a poco a poco le auto si sono disperse nel mondo. Credo di avere ancora la macchina centrale nel cestone dei giochi "random" in montagna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. era bellissimo quel kit... io adoravo le macchine laterali, sembravano quasi dei jet e avevano una turbina che si agganciava alla macchina blu... ne esisteva anche una versione più piccola con molti meno dettagli e l'auto centrale e quella blu fuse in un blocco unico.

      Elimina
    2. Spero di farti cosa gradita con questa mia versione dell'auto laterale "rivisitata".
      http://www.giannisoldati.com/anime/gattiger/gattiger_sidemachine_00.jpg

      Elimina
    3. meenchia che bella! proprio lei :) bravissimo!

      Elimina
  45. L'Arcadia del Capitano scambiata nel cortile di casa ( tipo un 30 e circa anni fa) con non so più quale robottone che al tempo parmi figherrimo e che a sua volta scomparve a breve.... ?_?'

    RispondiElimina
  46. I Micronauti che avevo ereditato da mio fratello.

    RispondiElimina
  47. Un fichissimo goldrake con tanto di disco volante in cui si infilava ed armi a profusione.

    RispondiElimina
  48. Un fichissimo goldrake con tanto di disco volante in cui si infilava ed armi a profusione.

    RispondiElimina
  49. L'hanno detto in tanti, lo dirò anche io: i Micronauti, L'ora Commander e Baron Karza con relativi cavalli, Oberon e Nonricordoilnone. Ci ho lasciato il cuore e li ricordo ancora con affetto anche se ho rimosso il momento esatto in cui sono spariti. Insieme a loro c'era anche Prince Qualcosa, che era un Micronauta azzurro e rosso con le ali. Ah e non dimentichiamo la Micronite, sorta di cingomma che schiacciata su un quotidiano o sulle pagine gialle assorbiva l'inchiostro e ti faceva vedere le scritte riflesse (cioè era praticamente l'unica cosa che faceva).

    RispondiElimina
  50. Chiedo venia per il correttore automatico :(

    RispondiElimina
  51. Tanta roba Trasformer data via mentre non c'ero, mannaggia alle genitrici. Ho sublimato recuperando nel tempo tutto quello che all'epoca non potevo permettermi.

    RispondiElimina
  52. Gli Inter squadra mia con i fumetti con Nicola Berti andati al macero? Il tutù e corona di barbie ballerina f**tuti dalla vicina stronza? La scelta e' ardua ma direi la valigetta beauty case di Candy candy,la portavo ovunque e anche se era già mezza disastrata quando me la regalarono per me era favolosa ... Dopo il trasloco non e' più saltata fuori ...

    RispondiElimina
  53. I due robottoni di Mazinga e Goldrake che hai messo in foto. Buttati dai miei chissà dove. Gli volevo bene come a dei fratelli maggiori (anche perchè erano più alti di me). Ma proprio quelli quelli, con la mano farlocca di Mazinga e i missiletti sulle spalle e sulle gambe. Mi si stanno imbruschettando gli occhi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. All'epoca avrei ucciso per averli (anche adesso...)

      Elimina
  54. Il Gaiking della foto, regalato a mio cugino del 1978, quando ho iniziato le medie nell '81, perché ero grande, dicevano... Coglion... è più appropriato, direi... Sigh!

    RispondiElimina
  55. Il leone giallo di Voltron. Le gradinate in tubi innocenti della parrocchia erano la base di lancio di tutti i componenti del robot, finché quello stupido leone giallo non decise di incastrarsi da qualche parte (o fu rubato da qualche bambino all'altra estremità del tubo, chi potrà mai dirlo?)

    RispondiElimina
  56. Senza dubbio la stronzissima action figure del "Malvagio proprietario della galleria non-amante dei robot giapponesi ma che gioca col Baldios fregato al giovane Doctor", e dice pure "manco dottore 'o chiameno, dottorino". Perché è uno str... un villain coi controcacchi.

    No scherzo... Pur se qui non si butta niente e si archivia tutto (o quasi),da quando mi ci hai fatto pensare con quel post (e foto), direi decisamente il "Capitan Harlock" artritico in gomma, con l'anima in fil di ferro, tutto tempeshtato di mantello e pistola smangiucchiati e/o persi. Prima o poi lo troverò... Un motivo? Mi commuove :-D . In me ha un effetto infanzia su una scala da zero a sigla d'apertura del "Bosco dei Perché" (quella con l'Amico Gufo di cartone, chi ricorda?)

    RispondiElimina
  57. In realtà non ci soffrii moltissimo, ma ogni volta che penso a 'giochi perduti' (la casa produttrice della sofferenza sorella di quelli preziosi) mi viene in mente un banalissimo Paperino vestito da esploratore, che ovviamente viveva mille favolose avventure principalmente tra il caos dell'enorme libreria di casa mia. Un giorno decise di esplorare il buco di un faldone di cartone, e sparì per sempre. Come tutti i grandi esploratori :P
    Probabilmente avrei potuto semplicemente tirare fuori il faldone, il fatto è che ero troppo piccolo, tipo 4 o 5 anni per riuscirci (plus vedendo ancora attualmente il delirio della libreria di famiglia, sarei rimasto sotto la valanga di carte, coraggiosamente ucciso da 'bollette sip annata '91')

    RispondiElimina
  58. Questo set lego
    http://img3.toysperiod.com/img/cache/22/800x600/d4e4o5g414p4n5x5m444v2y2a4p2q2w214i4w5d41433v234t20314x2.jpg

    Ottenuto ad un natale e rotto il giorno stesso da un bambino figlio di amici dei genitori (rotto, non smontato) a distanza di 30 anni alcuni dei suoi pezzi affiorano ancora nello scatolone dei lego causando infinita tristezza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per curiosità: come si rompe un lego???

      Elimina
    2. Applicandoci infinita cattiveria. Era un pezzo fragile, ovvero le vetrate inclinate.

      Elimina
  59. Io tutti questi "Giochi Perduti" voglio immaginarli come in una versione alternativ di Toy Story 3, tutti insieme in una soffitta a fare enormi battaglie spaziali, dove i Transformers combattono al fianco dei Micronauti contro Baron Karza riunito al figlio illegittimo Jeeg e ai cattivi della Starcom (Shadow), dove navi pirata Lego assaltano dal mare il castello di Greyskull, dove le micromachine fanno a gara con le macchinine Polistil su una pista a giro della morte Hotwheels...

    RispondiElimina
  60. Allora, visto che trattasi di sondaggismi, leggi ad personam, plotoni di esecuzione, sparo il numero uno: sfracellamento di braccio sinistro di secondo velivolo di Zambot 3 junior della Ceppi Ratti da parte di quel mona di mio fratello che me l'ha fatto volare da un metro a piombo, guardandomi neglio occhi e mollandolo sulle piastrelle di plutonio del soggiorno. Ziocheeeeeeeen.
    Poi ci tenevo a sfogarmi qui, tra gli anonimi malinconici, con:
    - Moto di big jim, ciulata da pseudo amico con il trucco del gatto e la volpe "la nascondiamo sotto la sabbia dei lavori in corso e nel pomeriggio torniamo a prenderla"; vabbè avevo quattro anni, ma lo odio ancora.
    - Trappola del trono del Castello del Teschio Grigio: incapacità totale di attaccarci sopra la decalcomania che poi va, infine, gettata perché distrutta, stroppicciata, rovinata.
    - Cesto immenso della qualsiasi, con dentro: micronauti, lego spazio, pupazzi goldrake della fabian plastica, vari big-jim e vestiti, masters come se piovessero, regalati al bambino del piano di sotto (che ancora adesso avrà un poster in cameretta della mia faccia), perché veniva a trovarmi la ragazzina bella di classe mia e volevo sembrare più fico. Spero che adesso sia una grassona inaffrontabile.

    RispondiElimina
  61. quella Pista Champio Polistil del 1979...con le macchinine "Can Am"....perchè era la prima pista in assoluto....e il calcetto a pulsanti "Dribbling"....perchè è finito in garage troppo presto ...e poi non ne ho saputo più nulla!!!

    RispondiElimina
  62. I chiodini della Quercetti... da bambina ci giocavo tantissimo, li adoravo! E ogni volta che finivo di giocarci li riponevo con cura nei loro contenitori, in ordine per dimensione e colore.
    Un giorno mia madre li diede via (in realtà non so se li regalò o lì buttò)... non la perdonerò mai per questo! ;__;

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci ho giocato tantissimo anche io e forse per colpa loro che mi sono appassionato di grafica (il passo è breve dal chiodino al pixel).
      Ancora sento sui polpastrelli la sensazione di tenere in mano quei pirulicchi lisci e tondeggianti. Memoria sensoriale!

      Elimina
  63. Il vecchio castello giallo della Lego (questo: http://lego.wikia.com/wiki/375_Castle ): tecnicamente di mio fratello, usucapito praticamente appena regalato, e poi tristemente perso in un trasloco nel 1987...

    RispondiElimina
  64. Mai dare i giocattoli... mai... io avevo il goldreiccone alto sei metri (sessanta cm invero) e mia madre lo diede "ai cuginetti" li mortacci loro... distrutto e bruciato in tre giorni
    sono ancora traumatizzato

    RispondiElimina
  65. Voltron. Quello in plastica e metallo. Quello che, quando era tutto agganciato, faticavo a tirare su. Cuginastri e amici fetenti hanno disperso dapprima i vari accessori, poi fatto sparire i leoni interi.

    A distanza di ventisette anni, la mia dannazione su di voi.

    Agevolo contributo fotografico:
    http://sonofrocklandcounty.com/wp-content/uploads/2014/02/Voltron-toy.jpg

    RispondiElimina
  66. Il giocattolo che da qualche anno in qua mi dispiace di aver perso (ma prima o poi rispunterà da qualche scatolone) è la Mach Patrol della Clover. Era graffiata perch'è l'amavo alla follia ma non mi capacito di dove sia andata a finire.
    E dico solo che ho regalato ai bambini del vicino rova che oggi in tutto varrà sui 600 euro..porca di quella tr....tra cui un rarissimo Mechander in metallo preso a Marostica in viaggio! Regalato perchè era una merda di giocattolo rigidissimo e di un root che non conoscevo. Oggi vale una fortuna!

    RispondiElimina
  67. Un giocattolo in particolare no, ma mi dispiace un casinissimo di non aver trattato meglio i miei lego, molti pezzi persi e cose del genere.
    Perché? Beh, perché sono lego.

    RispondiElimina
  68. Tralasciando tutti i personaggi di Guerre Stellari, perchè smarriti tutti nel sud dello scarpone, direi il Voltron enorme componibile, comprato, se non sbaglio, per 70.000. Non che abbia mai avuto regali di quella portata, sia chiaro: è solo che rompevo da mesi per averlo (costringendo mio padre a girare tutti i negozi di giocattoli di Napoli e provincia) e poi, una volta trovato, non lo volevo più perchè avevo capito che andava oltre le nostre possibilità di spesa per un giocattolo. "E ora te lo tieni", forse anche per farmi sentire in colpa. Finì nelle mani del figlio di un'amica di mia mamma, senza mai venire apprezzato a dovere.

    RispondiElimina
  69. Il Capitan Harlock di gomma. Credo buttato dai miei per motivi di sicurezza Vista l'anima in fil di ferro esposta. Perdonami Capitano!

    RispondiElimina
  70. Il Capitan Harlock di gomma. Credo buttato dai miei per motivi di sicurezza Vista l'anima in fil di ferro esposta. Perdonami Capitano!

    RispondiElimina
  71. a me mia mamma ha fatto sparire tutto.
    Ma proprio tutto eh, non che avessi tantissime cose, ho visto bambini con molta più rumenta di me, ma nemmeno ne avevo pochi...essendo figlio unico e nipote unico per tanto tempo tra nonni e genitori ho avuto per le mani sin troppa roba (anche se sempre i comprimari, che costavano meno :D, oh era una famiglia dove si facevano e fanno sacrifici :))
    Il giocattolo che più rosico di aver visto sparire penso sia il voltron con le cabine, rigorosamente sofferto per più di un anno, dato che me lo regalarono un leone alla volta.
    Me lo hanno comprato 5 persone differenti di cui 4 ora non ci sono più e non ho idea di che fine abbia fatto, come il resto.

    i non giocattoli che più rosico di aver visto sparire nel nulla sono tutti i miei BELLISSIMI giochi da tavolo: addio brivido, isola di fuoco e hero quest, comprati tutti coi miei risparmi di compleanni e natali.

    Vista la giornata direi GRAZIE MAMMA :D :D :D
    Ti si vuol bene uguale ma quelle cazzo di mani te le taglio :D

    RispondiElimina
  72. Il Mazinga in cui il coso rosso si infilava di punta, non con le eliche. Era il più bellissmo giocattolo che avevo :-(

    RispondiElimina
  73. Arthurdentchevola11 maggio 2015 00:03

    Io, allora questo non mi fa dispiacere fa si perse in modo tanto folle da valere una citazione dopo, direi, vent'anni? Il mio zio vigile urbano ritenendo di farmi contento mi regalò una specie di pupazzo gommoso vagamente richiamante Shido dei Cinque Samurai (vaghissimamente), cioè l'armatura, che tolsi presto denudandolo...e sotto restava uno smidollo gommoso del color del caramello (cit.da Bocca di rosa) richiamante, stavolta meno vagamente, lo stato di non-umano in Dark Soul. Era una cosa che a me faceva ribrezzo pure a toccarla di quanto era senz'ossa al tatto. Quindi, bagnatolo, lo scaraventai verticalemente sul soffitto. Restò attaccato lì per mesi. Poi abbiamo cambiato casa. Stavolta niente nostalgia canaglia. Sta bene dove sta.

    RispondiElimina
  74. Arthurdentchevola11 maggio 2015 00:07

    P.S. Almeno di questo me ne sono sbarazzoto io e non sono state le mani da Houdinessa di mia mamma :)

    RispondiElimina
  75. le micromachines. pista inclusa. ;-(

    RispondiElimina
  76. Sicuramente il transformer Shockwave, quello che si trasformava in pistola e che nel cartone stava sempre nello spazio, era bellissimo e mi ricordo che si illuminava la punta della pistola quando premevo il grilletto.

    RispondiElimina
  77. Mi unisco mestamente alla lista dei "Supercar Gattiger", aggiungendo addirittura un particolare leggermente fetish: non so se fosse il metallo usato, o le vernici, ma mi ricordo ancora l'odore fantastico che aveva quel set, che adoravo alla follia.

    "Mio cuggino" idiota mi distrusse due pezzi ed io, ancora più idiota, per la rabbia tirai tutto nel cestino.

    Avevo 8 anni, non capivo una SEGA®

    RispondiElimina
  78. Col trasloco sono stati regalati da mia madre (complice il mio disinteresse di quasi ventenne imbambito dalla figa) i seguenti giocattoli ancora praticamente nuovi:
    - i soldatini della Britains e quelli dell'Atlantic.
    - le AF di Guerre Stellari Kenner (la prima serie di 12 pezzi), praticamente nuove poiché prese quando ero già grandicello (10 anni) più per collezionarle che per giocarci.
    - la Batmobile e l'Aston Martin di 007, entrambe della Corgi (vedi sopra).
    - qualche Big Jim.
    - alcune squadre del Subbuteo.
    - i Micronauti Baron Karza e Force Commander coi relativi destrieri.
    Tutto il resto era davvero messo malissimo,
    Giocattoli massacrati da ore e ore di gioco.
    Assolutamente ammortizzati senza rimpianti

    RispondiElimina
  79. Avrei detto Scorpion dei distructors (transformers), ma la verità è che la cosa che mi manca di più è il "Robotix". Una sorta di costruzioni futuristiche dotate di tanti motorini elettrici con cui potevi costruire astronavi, mostri robotici ecc... all'epoca ci feci un ED 209 per giocarci a robocop (senza Robocop). Lo ricevetti per natate 6 anni (doveva essere l'86 o giù di li) e da quel momento l'ho usato per farci tutto, ma proprio tutto! Se ci penso, me la piango come se stavo ancora lì...

    RispondiElimina
  80. Questo Daitarn 3 http://digilander.iol.it/videocartoni/images/Daitarn3/Daitarn%20Dx.jpg

    Mi é venuto un magone pazzesco... :(

    RispondiElimina
  81. Questo Daitarn 3 http://digilander.iol.it/videocartoni/images/Daitarn3/Daitarn%20Dx.jpg

    Mi é venuto un magone pazzesco... :(

    RispondiElimina
  82. Mai, mai, e ribadisco, mai abbandonato o lasciato qualcosa per strada.

    Ero religiosamente certosino nella conservazione dei miei robot.. non tenevo sempre la scatola originale, ma avevo tutta una serie di contenitori con etichetta per tutte le parti extra (che non erano montate in display sulle mensole) e non ne persi mai una.

    Poi un giorno, quando ero all'università e i giochi tutti riposti in accurati scatoloni per attendere il mio ritorno, mia madre fece la "donazione" agli stramaledetti "bambini poveri" e tutta la mia collezione evaporò da un giorno all'altro.

    Nota curiosa smisi di frequentare la chiesa proprio in quel periodo.. mi chiedo come mai. :D

    Cheers

    RispondiElimina
  83. Un plastico enorme dell' Atlantic , talmente grande che lo scatolo copriva l' albero di natale , probabile dissanguamento del mio povero papà , regalo per me e mio fratello. Di lì a poco una cuginetta chiappona e malvagia ( adorava le Barbie ) si sedette su tutti i rilievi montuosi del plastico , distruggendolo. Ancora lo piangiamo assieme. Se a qualcuno intereressa , visto che è spuntata varie volte fuori , dovrei possedere la macchina componibile del Gattiger , completa e componibile giù in magazzino , forse mancano solo i missili. Se riesco la riesumo e posto una foto. Tra i giocattoli vecchi che ancora mi porto dietro dall' infanzai ci sono Baron Karza e Force Commander ( senza pugni ) con relativi Antares e Oberon , e una scorticatissima e consunta Aquila di Spazio 1999 della Dinky Toys , che chi la tocca muore. ( tranne me ) (=^___^=)

    RispondiElimina
  84. Di giocattoli rimpianti ce ne sono un gazillione, ma uno continua a riaffacciarsi in mente.
    Primissimi anni '80, paesino della Toscana con solito emporio venditutto, dai gambaletti per nonna ai giocattoli: nella vetrina compare un esemplare unico del Grande Mazinga in una confezione abbastanza misera (con la scritta "Mazinga Z"), a un prezzo ridicolo. Io e mio fratello scassiamo i cabasisi fino a farcelo comprare.
    Era di gomma pesante, quasi dura, ma con un livello di dettaglio incredibile (dipinto meglio delle statuine della Gazzetta, per dire, a parte una tonalità azzurra troppo intensa per le parti che sarebbero dovute essere color acciaio), alto una dozzina di cm, braccia rotabili, spada estraibile, boomerang separabile e impugnabile, e (credo, ma qui il ricordo si fa confuso) lo Scrander, ma -soprattutto- un microscopico Brain Condor in plastichetta rossa estraibile. Quello che sembrava un pupazzo da due soldi si rivelò una figata pazzesca. Purtroppo gli snodi delle braccia, in gomma, non sopportavano bene lo stress da gioco ripetuto imposto da me e da mio fratello e cedettero abbastanza presto, e il Brain Condor si perse, inevitabilmente.
    Impossibile trovarne un altro esemplare, né allo stesso rivendugliolo né altrove, ogni volta che ci ripenso sono bruschette.

    RispondiElimina
  85. Il persi il Black Ranger della prima serie dei Power Ranger, mi cadde in una grata che dava sull'Abisso mentre andavo in giro con la nonna, perso per sempre...lagrime infinite

    RispondiElimina
  86. Indubbiamente il mio monopattino: in un'epoca nel quale non era ancora diventato un oggetto di culto, e dunque non si trovava in nessun negozio, io lo desiderai a lungo in quanto era il mezzo sul quale si spostavano Qui, Quo e Qua coprendo in maniera inspiegabile grandi distanze in poche vignette, gratuitamente e piacevolmente. Avevo già nove-dieci anni quando ne trovai uno in un negozio di giocattoli, e fortunatamente si avvicinava il mio compleanno: me lo feci comprare e trascorsi pochi mesi di beatitudine a ruote, fino al giorno in cui mia madre lo regalò proditoriamente al fratellino di una mia cara amica "al quale piaceva tanto". E perché, a me no? E dovetti pure dare pubblicamente il mio assenso, perché non ebbi il coraggio di rispondere negativamente a mia madre che diceva "Ma naturalmente glielo regalerai, vero? Ormai tu sei grande..." di fronte agli occhioni speranzosi del bimbetto, i cui genitori chiusero quasi subito il monopattino in cantina. Periodicamente rinfaccio ancora l'accaduto a mia madre, così come a mio padre continuo a rimproverare le annate di "Grandi Classici Disney" regalati alle cuginette che li buttarono subito dopo la lettura.

    RispondiElimina
  87. i carri armati dei soldatini atlantic.... anche il lanciamissili... svaniti.....

    RispondiElimina
  88. Non dico di averli avuti tutti, ma gran parte dei Micronauti erano miei. Erano. Fino a quando mio nonno non ha seguito mia nonna nelle Grandi Praterie del Cielo e i miei zii hanno dovuto liberare l'appartamento in tutta fretta, che era in affitto. Lacrime napulitante per ovvi motivi, ma proprio tante.

    RispondiElimina
  89. Questo era vintaggio ai miei tempi...

    http://www.mysteryisland.net/major7.jpg

    RispondiElimina
  90. Anzi, no. Il mio capolavoro lego: un Eagle Transporter di Spazio 1999 in scala 1:72, compatibile con gli astronauti Airfix.
    Mai più creerò qualcosa di così assolutamente bello. :'-)

    RispondiElimina
  91. Salve a tutti. Ogni volta che ci penso mi viene una nostalgia Canalis e vorrei tanto ritrovarli, quei 2 giocattoli (forse gli unici originali che ho avuto da bambino [ho 37 anni e mezzo...]
    Sono certo che erano entrambi della Ceppiratti perché ricordo la scritta e il logo sulle scatole. Uno era il set completo di Gundam, una scatola non troppo grande che aveva dentro l'RX78 Gundam, il Guntank, il Guncannon e addirittura il CoreFighter minuscolo ma trasformabile. Era un set meraviglioso. L'altro giocattolo era il Trider G7 trasformabile e pieno di accessori, e questo lo ricordo perché aveva la testa staccabile dal corpo (era calamitata) e trasformabile in astronave! Magari a riaverceli...

    RispondiElimina
  92. Cicciobello. Passato prima alle sorelle più piccole è poi sparito nei meandri dei traslochi per riapparire magicamente nelle infantili, e assassine di bambole, mani di mia nipote, una quindicina d'anni fa, che l'ha letteralmente fatto a pezzi.
    R.I.P. Cicciuzzo.

    RispondiElimina
  93. Un vecchio ufo robot goldrake con spacer, parte metallo e disco in plastica che mio fratello minore lancio' dal terzo piano per vedere se volava.
    Un momento di infinita tristezza, del quale ho raccolto la mattina dopo i pezzi trovati per strada . Forse è per questo che non parlo con mio fratello. Ora scusate , vado a piangere in un angolo

    RispondiElimina
  94. la match patrol. ancora mi domando come sia potuto succedere... ho sempre conservato con religiosa cura tutti i miei robot... anche per sopravvivere a numerosi traslochi. tutti ancora nella loro confezione originale all'interno di uno scatolone. ogni tanto li tiro fuori tanto per fargli prendere aria. un giorno mentre ero intento ad "arieggiare" la collezione scopro che la confezione della match patrol era minacciosamente leggera... e vuota. tragedia. inutili ricerche e altrettanto inutili richieste di informazioni a mia matre non hanno svelato il mistero. a tutt'oggi non me ne capacito ancora. SOB!

    RispondiElimina
  95. Un Megaloman con parti in metallo. Ma non una roba tarocca, bensì una di quelle riproduzioni fedeli all'inverosimile che io non mi sarei mai potuto permettere, ma un'amica ricca di famiglia si. La stessa tempo addietro mi regalò anche le macchine componibili di Supercar Gattiger, che pure ho perso, ma mi dispiace meno. anche perché quelle volendo su ebay si trovano, ma il Megaloman non l'ho mai più visto da nessuna parte e mi manca più di qualsiasi altra cosa possa mancare a un essere umano nella vita.

    RispondiElimina
  96. Ginny Hermione17 maggio 2015 16:15

    Io rimpiango le Dawn Dolls, sorta di Algide Stronze bonsai, che come la maggior parte dei miei giocattoli finirono al mercatino dell'usato. Adesso le rivorrei perché non esistono più, quanto meno in Italia. Eccone qualcuna:
    http://daniellesserendipity.blogspot.it/2014/06/oh-you-beautiful-dawn-doll.html

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails