lunedì 2 marzo 2015

67

Cowboy Bebop - Il film

Cowboy Bebop il film poster recensione
Arriva oggi al cinematografò, e ci restera fino a mercoledì, Cowboy Bebop - Il film, il lungometraggio del 2001 tratto da Cowboy Bebop, una delle serie anime più belle di fine anni 90. Una serie diversa da tutte le altre, riuscito frullatone di generi e primo pilastro dell'Anime Night di MTV, ormai sedici anni fa. E si ringe [...]
Cowboy Bebop, serie Sunrise diretta da Shin'ichiro Watanabe, debutta in Giappone nel '98: dei 26 episodi realizzati ne vengono mandati in onda in un primo momento solo 12, perché il network TV Tokyo considera troppo maturo il contenuto. E lo era davvero? Beh, sì, ma più per il mood degli episodi che per quello che mostravano. I tre protagonisti, Spike Spiegel, Jet Black e Faye Valentine, erano una versione 2.0 di Lupin, Jigen e Fujiko, ma forti di una caratterizzazione psicologica molto più definita. Ai ruoli di simpatico sborone, fredda spalla e femme fatale, affiancavano una malinconia di fondo, suntone delle difficoltà del vivere.
C'era poi il discorso del frullatone di generi di cui sopra, perché la storia dei cacciatori di taglie della Bebop miscelava fantascienza, western, noir e film d'azione di Hong Kong, in una miriade di citazioni (da Bruce Lee a Blade Runner) al galoppo sulle note della colonna sonora jazz/blues, anche lì con citazioni a nastro degli autori più vari. Una volta completata la serie, viene messo in cantiere questo film, noto anche con il titolo di Cowboy Bebop: Knockin' on Heaven's Door e collocabile cronologicamente tra gli episodi 22 e 23. Spike e compagni devono affrontare una minaccia terroristica legata a degli esperimenti militari. Temi e caratteristiche dei personaggi son sempre quelli, lo staff anche, e questo rende di fatto Cowboy Bebop - Il film una lunga puntata extra di due ore. In più il fatto che le strade dei personaggi si separino durante la pellicola permette di affrontare meglio la solitudine di ognuno di loro. Fa eccezione, con la sua vocina fastidiosa, Ed l'hacker - il cui nome d'arte, Edward Wong Hau Pepelu Tivrusky IV, merita sempre un applauso - ma oh, Ed è Ed.
A cambiare rispetto alla serie TV era evidentemente il budget, il che ha consentito a Watanabe e al suo team di curare meglio le animazioni (le scazzottate di Spike durante il film sono rese divinamente) e la città che fa da sfondo alla storia. Il quartiere arabo in cui si avventura Spike, ad esempio, è fatto così bene perché Watanabe si sparò un viaggio in Marocco per raccogliere materiale. La storia scorre, con un velo di malinconia extra perché è l'ultima volta che si vede insieme la ciurma della Bebop ("Ormai ognuno va per la sua strada", dice non a caso Jet), anche se la parte centrale del film rallenta quasi fino a fermarsi. Probabilmente una durata complessiva inferiore di quei quindici, venti minuti avrebbe aiutato non poco il ritmo. La colonna sonora - echettelodicoafare - spacca tutto lo spaccabile, il doppiaggio in italiano è buono, nonostante qualche scivolone di traduzione sinceramente imbarazzante. Le voci sono quelle della serie, tranne per Jet Black, qui doppiato da Sandro Iovino (Montgomery Burns nei Simpson e soprattutto Rutger Hauer in Blade Runner).
Con tutti i suoi difetti, un bel film, ché già solo la scena iniziale della rapina levati. Un bel film con in omaggio il magone gratis per il tempo che fu, a guardare gli anime in TV sulla rete che ancora si occupava di musica come promesso dal suo nome, tu pensa.

67 commenti:

  1. Me lo ricordo ancora, purtroppo, sto lungometraggio, ma avrebbero dovuto chiamarlo prolissometraggio perchè la seconda metà è effettivamente di una lentezza allucinante e ingiustificata, laddove nella serie TV certi ritmi erano sempre ben gestiti, soprattutto a livello di regia, anche quando in soldoni accadeva ben poco. Si vede che Watanabe e compagni hanno pensato più a sboroneggiare con le animazioni phaighe dovute all'alto budget che altro. E non parliamo del villain, stereotipato e senza alcun carisma, che ti fa rimpiangere Vicious ad ogni scena.
    Per me una grossa occasione sprecata, come sprecati sarebbero i miei dindini se andassi al cinema a rivederlo. Mi spiace ^_^'

    RispondiElimina
  2. Una delle mie serie preferite con la colonna sonora più bella di sempre per un anime. Yoko Kanno è brava ma qui scalcia culi a nastro; canzoni come Tank, Space Lion, Rain, Green Bird, Knockin on Heavens Door (ipotetica risposta/prosecuzione della canzone di Dylan) ecc.... sono una figata astrale.
    Il film è molto bello e come dice il Doc rallenta un po' troppo nella parte centrale ma merita comunque. Magari rivado al cinema a rivederlo.
    Comunque il film usci ai tempi al cinema anche in Italia, d'estate per poi sparire subito. Ricordo la locandina esposta all'Odeon.

    OT
    tanto per dire mia Moglie guardava ieri il finale di puntata di Master Chef e come musica di sottofondo si sentono chiaramente l'Ave Maria (OST Cowboy Bebop - Blue) e poi Green Bird (OST Cowboy Bebop - No Disc). Green Bird l'ha riconosciuta anche mia Moglie visto il numero infinito di volte che abbiamo ascolatao gli album di Yoko Kanno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a masterchef ho riconosciuto anche dei brani dalla colonna sonora di evangelion, c'è qualcuno che è appassionato da quelle parti xD

      Elimina
    2. Ho sentito chiaramente il brano della OST di Evangelion che veniva messo nei momenti di tensione. Probabilmente tra la regia e/o gli sceneggiatore ci sono degli otaku.

      Elimina
    3. Un brano... In Master Chef quest'anno hanno usato l'intera OST di Eva.
      C'è sicuramente un otaku infiltrato li dentro :D

      Elimina
    4. Ma pure lo Zoo di 105 usa Tank, musiche di Eva, Cardcaptor Sakura e una volta sentii anche il tema di Zelda in versione orchestrale.

      ...ma lo possono fà?

      Elimina
    5. Se paghi i diritti attraverso la SIAE direi di si.

      Mi chiedo però se ci sia un gabolone del tipo "Yoko Kanno non è iscritta alla SIAE in Italia e quindi non le vengono riconosciuti i diritti e tutti possono utilizzare le sue musiche senza pagare nulla".

      Servirebbe un esperto di diritto d'autore in campo musicale, già il Doc è sicuramente più addentro di me in queste cose. Personalmente ho solo una conoscenza epidermica dell'argomento.

      Elimina
    6. Per quanto ne so, le società di rappresentanza dei diritti d'autore di un paese stringono accordi con quelle degli altri stati, altrimenti il problema si ripresenterebbe per ogni autore straniero. Consideriamo poi che le major discografiche, a livello mondiale, quelle sono. La Kanno ha come etichetta la Victor, altrimenti nota fuori dal Giappone come JVC, una multinazionale.

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. mtv ricordo il giorno che arrivò....da telemontercarlo2 con l'uomo tigre e un anime che non ricordo mai il titolo su una coppia di innamorati a cowbot bebop...evangelio... golden boy e tanti altri

    Cowboy bebop ricordo che di Feye avevo una foto appiccicata da qualche parte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'anime che non ricordi è quasi sicuramente "le situazioni di lui e lei" anime abbastanza particolare tratto da uno shojo ma sviluppato in versione animata da quei pazzarelloni della GAINAX...c'è da dire che il loro taglio (alla regia c'era sempre anno se non sbaglio) dava al tutto un bel tocco di particolarità per quella che poi era una alquanto classica storia d'ammmore (in realtà più d'una se ricordo)

      Elimina
  6. Cowboy Bebop.
    Doc, perché vuoi farmi ringere di prima mattina? T_T

    RispondiElimina
  7. Sto guardando la serie per la prima volta proprio in questi giorni.

    RispondiElimina
  8. Ho visto il film secoli fa... ricordo che mi era sembrato semplicemente un "episodio lungo (troppo lungo)" dove stiracchiavano temi e storie perfette per un episodio tv.
    La serie invece (che ho rivisto meno di un paio d'anni fa) rimane uno dei miei capisaldi dell'animazione giapponese di sempre per la grande capacità di regia e per saper gestire e frullare in maniera perfetta i così tanti temi che hai citato nella recensione.

    RispondiElimina
  9. Ho bisogno di un vaso, di un vaso fatto apposta per me

    RispondiElimina
  10. Bel film e bellissima serie, non sapevo fosse stato già passato al cinema.
    Sono favorevole al fatto di programmare film non recenti, d'animazione o meno, come questo che non erano stati distribuiti adeguatamente o per niente all'uscita, però non sopporto che vengano sovraprezzati (10€) perchè mi tolgono tutta la fantasia di andare a (ri)vederli

    RispondiElimina
  11. Non ricordo perché, ma ho sempre rimandato di volta in volta la visione di questo film, che ad oggi mi risulta inedito

    Sarà che forse all'epoca la serie l'amai davvero troppo, e dopo quel finale lì boh, ero (e sono) restio ad andare oltre.

    Conservatorismo fanboysitico spesso tradito dagli spinoff, forse.

    PS: Se questo è uno degli Anime più belli della storia secondo me è anche perché la musica di Yoko Kanno ha la stessa importanza di un personaggio protagonista

    RispondiElimina
  12. Ok devo fare il mea culpa, non ho mai visto cowboy bebop. Esco dal retro e consegno la tessera da antrista. :-( Ommioddio ma ho visto adesso il Mago Mirkos in rovesciata!!!!! Hu hu hu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cioè non hai mai visto la serie ? verrai fustigato a turno da me è da Drakkan, ps si va ?

      Elimina
    2. ho il cofanetto, te lo presto se vuoi.

      Elimina
    3. c'è tutta la serie in streaming legale su vvvid

      Elimina
  13. Questa serie credo sia, se non la migliore serie di animazione giapponese di tipo sempre....no niente, il cazzo, è il meglio del meglio.

    Ciò premesso PURTROPPO, nonostante tutto, questo film, che vidi tantissimo tempo fa in originale, non funziona proprio.
    SI ok delle scene fighissime e animate uatà, faye è ancora più bella, spike che mena con la scopa è fighissimo...ma che DUE PALLE infinite.
    Detto fuori dai denti il "cattivo" non funziona, bidimensionale, la storia prosegue lentissima e noiosissima, il finale lo ho trovato forzatissimo...per me non rende giustizia alla serie da cui è tratto e ciò è molto triste perchè di cose meravigliose (il mercato marocchino...mamma santa) ce ne sono anche, ma forse il troppo successo diede alla testa allo staff e il risultato è solo mediocre alla fine.

    RispondiElimina
  14. Doc, ma un post-nostalgia perlappuntamente dedicato ad MTV Anime Night ce lo hai da qualche parte?
    Scusa se te lo avessi già chiesto...

    RispondiElimina
  15. Premesso che Cowboy Bebop è una delle mie serie preferite di SEMPRE (di qualunque origine, tempo e latitudine), che ogni tanto mi devo riascoltare la bellissima colonna sonora dei Seatbelt (bellissima, l'ho già detto?) e che sono orrendamente tentato dai modelli degli zipcraft della serie, e che devo resistere. Il film: a me piacque, molto. Concordo che non è al livello di alcune puntate della serie, chhe il cattivo, confrontato ad altri, è un po insopportabile (confrontato, ad esempio, col bambino di simpaty for the devil...... AUGGGGG!!!) Comunque rimane piacevole. Che poi non esca in raggioblù, che al cinema da me non la danno, e che mi risparmio così i lacrimoni è un altro discorso. E comunque speriamo si siano dimenticati della minaccia del live action!

    RispondiElimina
  16. Ce l'ho un DVD, ma vandrò (contrazione di vado/andrò) al cinematografò comunque...se celafaccio® ^_^

    RispondiElimina
  17. Il film di Cowboy Bebop, anch'io lo vidi parecchi anni fa... ed aveva degli alti e dei bassi... e dei passaggi che non capii bene (probabilmente all'epoca vidi un fansub inglese, non ricordo)...
    [SPOILER]
    Se il "prezzo" del'immunità di Vincent erano quelle allucinazioni tipo farfalle, e lui ha passato il suo sangue a Faye per renderla immune, com'è che lei non ha continuato ad avere allucinazioni tutta la vita, come era successo a lui?
    [/SPOILER]

    RispondiElimina
    Risposte
    1. [OT]
      Scusate, a proposito di coerenza in Cowboy Bebop...

      mi ricordo che alla fine di un episodio della serie (L'11, secondo Wikipedia) sembravano essere tutti lì lì per morire a causa di un aggeggio nero (forse nato da qualcosa lasciato in frigorifero per anni ed anni) che vagava per la nave e li aveva contaminati tutti... ma nell'episodio successivo avevano dato qualche spiegazione sul come si fossero salvati oppure no?

      Elimina
    2. episodio comico/citazione, sempre visto come un delirio per intossicazione alimentare di spike :)

      Elimina
    3. Per l'altra tua domanda rivediti bene il film,
      MEZZO SPOILER

      non era il "prezzo", lui ha quei problemi per i danni subiti al cervello prima di ricevere "l'antivirus", tanto che non ricorda nemmeno il suo passato.
      Faye non ha fatto in tempo ad avere gli stessi danni cerebrali

      Elimina
    4. [MEZZO SPOILER]
      ... ma non c'era una qualche scenza in cui si vedeva anche uno dei protagonisti (non ricordo se Faye o Spike) che vedeva le farfalle?

      Elimina
    5. Pardon, "scenza" -> "scena", ovviamente. TYPO. :-)

      Elimina
    6. [SPOILER]

      tieni conto che si sta sempre parlando di un modo per far capire le cose a chi guarda, quindi non certo di "scienza esatta", per cui a volte è poco utile cercare il significato di ogni singola scena ;).

      Le farfalle le vedevano tutti quelli infettati dalle nanomacchine a che mi ricordo, sono l'effetto fisico sulle persone dell'attacco al cervello.
      Vincent le vede sempre perchè i suoi danni sono troppo gravi...e perchè PROBABILMENTE faceva figo e piaceva agli autori mostrare questo effetto visuale agli spettatori ;)
      La spiegazione la avranno cercata dopo ;)

      L'idea che mi ero fatto io è che -->virus di nanomacchine-->mentre ti ammazza vedi le farfalle-->se lo fermano a tempo i danni sono reversibili altrimenti o muori o i danni sono così gravi che non distingui più realtà e fantasia come vincent, e ti rimangono le farfalle sovraimpresse :D

      Elimina
    7. Concordo con Wargarv e quello che vede le farfalle è Spike.

      Elimina
    8. Okay, thank you very grazie! ^_^

      Elimina
  18. Concordo, Signora colonna sonora. Il lungometraggio per me rimane sottotono rispetto alla serie regolare per tutti i motivi già detti.

    RispondiElimina
  19. uno dei miei episodi preferiti, omaggio ad Alien, erano stati contaminati dall'aragosta dimenticata in frigo da Spike, alla fine causava "solo" una forte febbre

    see you space cowboy

    RispondiElimina
  20. Veramente grazie, cinema di Trieste. Due spettacoli, Oggi alle 19:30 oppure mercoledì alle 16:30. Martedì salta, probabilmente perché serve un'altra sala per 50 sfumature.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il pomeriggio LOL
      perchè è un cartone e ci vanno i bambini certo...
      (e vedrai quanti ce ne trovi se ci vai...)

      Elimina
  21. Non ho mai pianto tanto come ho fatto per Cowboy Bebop. Al momento, la mia serie preferita resta sempre questa, seguita da Conan, quindi sfondi una porta aperta con questa recensione.

    RispondiElimina
  22. Doc, me la sto vedendo proprio da poco tempo su VVVVID, dove sta tutta in streaming in italiano (legale regazzì) e mi sta intrippando un frappo, poche puntate alla settimana, fantastiche. Poi adoro il blues/jazz di sottofondo, scalcia i coolee come nessuna colonna sonora di anime abbia mai fatto. Il film me lo vedrò a fine fiera di questi 26 episodi, e ho già il magone

    RispondiElimina
  23. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  24. Anche secondo Cowboy bebop è una delle cose migliori che siano mai arrivate in Italia dal Sol levante; il film l'ho visto subbato anni fa e non me lo ricordo molto, il che non è generalmente un buon segno: ricordo solo che mi era piaciuto molto meno della serie.
    Sull'ultima considerazione del post credo ci sia un'incomprensione di fondo Doc: il nome della rete promette solo che lì ci si occupa di qualcosa che inizia con la M: fino agli anni '90 è stata la musica, adesso invece... :)

    RispondiElimina
  25. C'entra poco, ma citando MTV non ho potuto far a meno di ricordarmi quandi andai a visitare gli studi di VideoMusic, la vera pioniera dei video musicali televisivi in Italia, nella collinosa provincia lucchese

    RispondiElimina
  26. Cowboy Bebop è la mi serie preferita su tutti i fronti e ho adorato anche il film, ai tempi me lo persi perchè "giustamente" non lo passarono neanche in mezzo cinema.

    Mi sono rifatto a Lucca dell'anno scorso dove lo proiettarono in anteprima, inutile dire che vedere quello Spike alto tre metri fu una cosa colossale! ora se riesco a incastrarmi con i turni me lo vado a rivedere! *_*

    RispondiElimina
  27. Visto tanto tanto tempo fa, non ricordo i dettagli, ma le sensazioni: un discreto prodotto che nulla aggiunge e nulla toglie alla splendida serie, risultando ai miei occhi un mero esercizio di stile/extra raccattasoldi/quadro da 6 con cornice da 8.
    Piuttosto Doc ti segnalo con entusiasmo (da grande appassionato di Fleming e del Bond conneryano) il film Kingsman, un gran miscuglio di badassismo, ironia, parodia, omaggi/citazioni...due ore di intrattenimento perfetto e di dialoghi intelligenti...ed almeno una scena, ambientata in chiesa, che diventerà cult.

    RispondiElimina
  28. Visto al cinema all'epoca. Che tipo dovetti farmi 75 km in macchina per raggiungere il cine più vicino nel quale lo trasmettessero.
    Non me lo ricordo affatto, proprio nulla, non dev'essermi piaciuto un graché, quindi

    RispondiElimina
  29. Gran serie Cowboy Bebop, forse una delle migliori, se non la migliore, vista in età adulta. Il film lo vidi in dvd quando mi fu regalato a un Natale di quegli anni. Ancora oggi sento la mancanza di Spike, Faye e tutta la ciurma mal assortita del Bebop e quando posso mi sparo la colonna sonora (anche quella in mio possesso nel formato audio del Compact Disc).

    RispondiElimina
  30. Cowboy Bebop è ormai simbolo di tempi andati... Lo vedrò con molta nostralgia

    RispondiElimina
  31. Per chi apprezzato Cowboy Bebop c'è l'ottimo Samurai Champloo sempre di Watanabe.

    Solito mix di generi ambientato nel Giappone durante il periodo Edo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. assolutamente non a livello di CB purtroppo ;)

      Elimina
    2. Non al livello di CB ma comunque nella lista delle serie da vedere imho.

      Elimina
    3. Di Watanabe (cioè, supervisionato da lui, alla fine ci ha lavorato tantissima altra gente e lui ha fatto più che altro il produttore) è molto simpatica Space Dandy!

      Elimina
    4. Molto carina Space Dandy, è nella mia top 3 del 2014.

      Elimina
    5. *coff coff* Non a caso nel nostro articolo sugli anime del 2014 abbiamo detto che è stato uno di quelli che ci sono piaciuti di più *coff coff*

      Elimina
  32. Domanda al volo: devo andarci con degli amici che ancora non hanno visto la serie: mi sapete dire se il film è slegato dagli eventi della serie, o fa qualche spoiler?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Slegato, poi se conosci i personaggi è meglio.

      Elimina
  33. E' slegato, quindi guardalo con tranquillità.

    RispondiElimina
  34. Film già visto e che quindi non riguarderò sicuramente al cinema (non sopporto questo rispolverare vecchie glorie per riempirsi nuovamente le tasche con roba vecchia. Ai prezzi che hanno oggigiorno i cinema poi, 8,70€, sticazzi).

    La serie rimane spettacolare, la colonna sonora è una delle più belle fra tutti gli anime, Faye una delle più fighe e Toshihiro Kawamoto uno dei miei character designer preferiti.
    Il lungometraggio non mi ha fatto impazzire ma è comunque apprezzabile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando uscì al cinema Frankenstein Junior avevo un numero negativo di anni. -2 per essere precisi.
      Aver avuto la possibilità di guardarmelo al cinema l'anno scorso la considero una fortuna, nonostante la chiara e bieca manovra commerciale dei distributori che, non contenti di averci guadagnato un fottio 30 anni prima, mi hanno spillato fior di quattrini di moderna pecunia.
      Ma oh, sticazzi. :D

      Elimina
    2. In effetti il punto è proprio questo, da un lato l'innegabile opportunità di apprezzare come si deve un vecchio classico per chi non ha avuto la possibilità di vederlo prima; dall'altro l'altrettanto innegabile voglia di guadagno facile e veloce da parte dei cinema.

      Non biasimo chi va a vedere vecchi film, ma nel mio caso di solito vince l'indignazione XD

      Elimina
    3. Sul circuito the space, ad esempio, il film in questione costa 10€. Sono per l'opportunità di vedere i classici e non al cinema, ma non sono d'accordo con il sovrapprezzo applicato rispetto al costo del biglietto intero.

      Elimina
    4. Ah, pure di più? Perché 8,70€ non era abbastanza una ladrata.

      Vabbè, lasciamo perdere sennò andiamo ot...

      Elimina
  35. Peccato che al multisala vicino non lo danno , sarei andato molto volentieri. E troppa fatica andare o Arezzo o Firenze.
    Grande film: è sufficiente l'incipit più i titoli di testa per capire che siamo di fronte ad un buon, anzi grande, titolo.

    Chi andrà ( o chi sa) ,le voci e l'adattamento è il medisimo del DVD (e vecchia versione)?

    RispondiElimina
  36. Sto film lo vidi un po ti tempo fa ed è fantastico

    RispondiElimina
  37. Rivista la serie quest'anno. Capolavoro e basta. Sobrio e conciso

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails