venerdì 23 gennaio 2015

81

Le pubblicità fuorvianti di Topolino (stagione IV, parte VIII): dicembre 1992

Tenetevi tutti idealmente per mano e cantate forte-forte-forte la canzone di Topolino al contrario: sentirete un messaggio satanico che recita chiaramente le parole Ciaomammaguardacomediverto e Ohohhoohoooo. Segna, Adamcoso. Quali altri misteri verranno svelati sfogliando le pagine di due Topolino di fine '92 (Topolino 1932 e 1933, 6 e 13 dicembre 1992, 2300 lire)? Come diceva il cappellino di Benji in Holly e Benji, lo scopriremo solo WinGenzo [...]

Partiamo dai 5 Samurai, nel loro corpo pupazzinico che si avvinghiava nelle "mosse mitiche" dell'amore dei maschi. Qui vediamo il bianco e sbiancante Hariel e il villanzone Aragon con le spade sulle tibie, così, per masochismo caviglico. In regalo nella confezione "l'anello dai magici poteri per il bambino". Solo per il bambino, se lo usava un adulto non funzionava, ciccia, circolare.
Il Canta Tu, cascione per il karaoke sull'onda del successo delle giacche colorate di Fiorello in TV. Prego notare il gilet da cabarettista di lui, gli orli alti dei jeans come rigurgito paninaro e soprattutto la cantante ventriloqua.
Dopo il Mulino degli Artisti, visto qualche puntata fa, ecco un altro Mulino in regalo con i punti di quando i mulini erano blandi, il Mulino di Archimede. Tutta roba da scienziati, tipo gli occhiali bicromatici (volgari occhialini 3D di cartone col nome più figo), l'auto transformer, la giostrina degli scienziati infantili. Grazie al funzionamento a energia solare tipo Daitarn 3, di notte si illumina, di giorno sbocciano i fiori, alle quattro del pomeriggio si intravede dalla finestra Clementina messa a formula uno, ma solo per qualche secondo.
Una polaroid della deriva superbellaraga delle MicroMachines, da miniature collezionabili a piste esagerate come questa "Doppia spirale fluorescente" prematurata con scappellamento a destra.
Tah, attacco vietcongo a tradimento con l'onda di piena di lacrime napulitante che si porta dietro anche solo una semplice menzione al volo dell'Isola di Fuoco della MB. Semplice menzione come questa: L'Isola di Fuoco della MB.
I Coccodritti sembravano solo una delle tante collezioni di pupazzini che hanno spinto una generazione di italiani a consumare un quantitativo procapite di cioccolato Kinder pari al loro pesox120, studiando tutta una serie di metodi approssimativi e mai a prova di errore per riconoscere dall'esterno gli ovetti giusti agitandoli,
ma in realtà, in combutta con la RAI, era nato anche un servizio di scambismo coccodrittico. Dallo scambiarsi pupazzini al finire da adulti in locali zozzi dove la gente ti saluta con l'altra mano, purtroppo, per molti giovini il passo è stato breve come la popolarità di Gedeone il Secchione.
Anche qui personaggetti, ma su adesivi imbottiti: formaggini antropomorfi della Bel Paese che si chiamavano tutti Gino e Gina: dallo Skater Gino a Gino il Terzino, dalla lavandaia Candeg e il podista Passeg al surfista Gino il Portento, fino a Gina la vrinzula l'autostoppista. Gli sportelli del frigo di mezza Italia non sarebbero più stati gli stessi.
Bibbidi BobbiSolodi Bu: Cenerentola in VHS, "l'incantesimo più amato di tutti i tempi". Dopo il viagra.
Pubblicità di Topolino dei primi anni Novanta vuol dire naturalmente carrellata di videogiochi, a cominciare dalle fighissime pubblicità del Mega Drive. Qui però, al posto di Jerry Calà o dei suoi predecessori Mancini e Zenga, troviamo Gigi Lentini vestito come Willy il Principe di Bel Air. Per un caso della vita, anni dopo il suo discusso trasferimento multimiliardario al Milan, Lentini finì a giocare al Cosenza, e a ora di pranzo te lo trovavi spesso davanti nel centro commerciale di Rende in cui all'epoca andavi a mangiare con i colleghi. 
Ancora console Sega, con l'abbinamento in totale trasparenza abbiamopresoisoldi redazionale + pubblicità. Qui si parla anche delle console minori, Game Gear e Master System, e del Sonic Badge, la spilla da indossare davanti alla TV, che se le lampeggiavano gli occhi avevi vinto o venivi ipnotizzato e ti ritrovavi nudo in un fosso senza un reno e le console di casa. Una delle due.
Ma l'approccio ecumenico del Topo dell'epoca alla console war, l'applicazione rigida della declinazione "datutti" del principio abbiamopresoisoldi, regalava pubbli e redazionale gemello anche al Super Nintendo, allora non ancora console, ma consoLLe,
al vecchio Nintendone 8-bit
e al Game Boy, il videogioco più compatto di tutti. "Nello spazio di una mano, un divertimento grande come la fantasia": e tutti quei poveri giovani italiani che hanno capito male e hanno imboccato il tunnel che conduce inesorabilmente alla cecità.
Tra i redazionali di questo numero c'era la mitica rubrica di Perry Naso, alias Francesco Salvi, personaggio alla cui grande carriera musicale dovrebbe esser dedicata prima o poi una delle retrospettive curate qui sull'Antro da quei critici musicali dai nomi strani. Ma nel frattempo, come antipastino mooolto volgaaare, sentiamoci questa, branco di budini molli:

L'altro redazionale mariomerolo riguarda Teocoli e Gene Gnocchi a Mai Dire Gol, l'epoca d'oro di Mai Dire Gol, che ancora per qualche anno (edizione 94-95 su tutte, forse) sarebbe stato tipo il tuo programma preferito e stop.
Ma l'abbiamopresoisoldi accoglieva sotto le sua ali materne anche gli spottoni redazionali del PS/1 IBM, computer dal costo ragguardevole di cui abbiamo già discusso in passato.
E siccome il software d'appeal guaglionico quello era, si parlava settimana dopo settimana sempre degli stessi titoli, come il gioco di Roger Rabbit e la Disney Software Collection.
Piano con quell'oca, o arriva la Gabbanelli e ti piglia a cinquine.
Il Baby Show di Junior TV, ma soprattutto il bambino con la tuba, simbolo dei dischi della Baby Records con la voce camuflaggia alla Leopaldon. Chi c'era, ricorderà.
I mezzi delle Turtles avevano ormai imboccato la china che scivolava dolcemente verso Superzarrolandia: hammer, navi pirata, big foot, caccia intamarrato, carrarmato vagamente con pratici accessori truzzi.
Grazie al suo pratico passeggino con dei manubri da culturista al posto delle ruote, Sbrodolina Dolce Nido ti segue ovunque. Tu vai, lei ti segue. E sbrodola. E poi la mamma vuole ucciderti, ché quella stronza ha sbrodolato tutto il tappeto, mortacci sua e di chi non ce lo dice col braccio alzato.
L'inquietante Luciana, la bambola gigante che cammina, c'ha il fisico della scaricatrice di porto e si veste come una casalinga americana di quelle con le malattie strane, e Karnak, il gioco dell'oroscopo e dell'astrologia basato "sulle tradizioni e sui misteri dell'antica cultura egizia". Il gioco che ha cambiato la vita di Giacobbo.
Vari giochilli analogici della Tomy, tra cui quello del Tetris. Che potrebbe anche essere quello che vendono ancora nei negozi di giocattoli, ventitre anni più tardi, ma non ne sei sicurissimo.
Una volta placatosi il coro di MAVAFFANCUORE alzatosi all'unisono in tutta Italia per la prima, maledetta generazione di Gig Tiger, che ti garantivano le emozioni della sala giochi e invece erano dei giochilli della cippa supersola, i malvagi si erano gettati sul pubblico più giovine, con altri giochilli infami ispirati a vari cartoni animati. I perfidi. Gli sfaccimmi.
Bebi Mia, la "bambola bambina della nuova generazione elettronica", che "si comporta come una bambina vera". Tipo che ti sveglia alle tre urlandoti in un orecchio perché devi farlamangiarecambiareilpannolinocullarla finché lei non si riaddormenta e tu ormai ciao.
Le patatine Chipsy King, quelle che mentre le mangiavi ti cantavano i loro grandi successi tipo Camboléo.
La grande, grandissima perversione del divertirsi facendo schiantare quei poveri Sbullonati contro un muro. Il mestiere più infame mai toccato a un pupazzino dopo quello di fidanzatofriendzonabile dell'Algida Stronza.
Di 2-XL, il robot che ti raccontava un sacco di chiacchiere e un po' di barzellette, con quel tono da precisino della fungia plasticoso che lasciava i bambini della foto, soprattutto quello con la camicia blu, terrorizzati, abbiamo già parlato in qualche precedente puntata di questa rubrica. Ti preme sottolineare però un particolare. Guardate la sua posa. Con le mani sui fianchi, l'aria del precisino della fungia cosmico supremo. Guardatela, e abbiate paura. Tanta: l'era delle macchine era molto più vicina.

LE ALTRE PUNTATE DE LE PUBBLICITÀ FUORVIANTI DI TOPOLINO

81 commenti:

  1. ...finalmente un'altro episodio del "core" dell'Antro :)

    RispondiElimina
  2. I Gig tiger ammazza polpastrelli!

    RispondiElimina
  3. beh DOC, per lavoro due anni fa ho avuto accesso al magazzino di un negozio che era fallito. Ho trovato una pila di almento 25 audiocassette invendute del 2XL, oltre a svariate confezioni di Lady Lovely Rocks e i ciuffetti...ho presumibilmente attribuito la causa del fallimento dell'attività all'acquisto smodato di giocattoli della cippa!!!

    RispondiElimina
  4. Mamma mia quanti ricordi! Queste erano le pubblicità della mia infanzia :)

    Domando al Doc e al antro tutto :
    Qualcuno sa che fine hanno fatto le MicroMachine? Nel senso fanno ancora o sono finite nel vortice del dimenticatoio? Dio quanto le amavo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi unisco alla domanda, qulcuno sa che fine hanno fatto?

      Elimina
    2. Anche le mie! XD Ricordo anche "Batman il ritorno" per l' Atari mi pare citato nei videogiochi del cavaliere oscuro.
      Io dei videogiochi GIG avevo "Batman il ritorno" mentre le mie cugine quello di Duck tales!
      "L' isola di fuoco"! ^^ Vero! Che giochi che c' erano. Il robot con cassetta da piccolo non ricordo di averlo visto in giro ne in TV! Boh! Ma li fanno ancora giochi da tavolo come questo, brivido, il tempio maledetto o roba simile, occhio alla strega, la spaghettata... ricordo che avevo un gioco superfigo d' intrighi ambientato durante il carnevale a Venezia!
      Vero, le micromachine che fine hanno fatto!?!

      Elimina
  5. L'Isola di fuoco! Pomeriggi interi a casa degli amici delle vacanze a schivare quelle maledette palle di fuoco! I coccodritti! I mezzi tamarri delle Turtles (tra cui il bombardiere che dev'essere ancora in qualche cantina allagata lo scorso novembre). Oddio, piovono bruschette!

    RispondiElimina
  6. Ma, questo fantomatico 2-XL, cos'è il gemello malvagio del Robot Emilio? Non mi pare di ricordarlo; forse perché anche lo stesso Emilio mi ha sempre schifato. Delucidazioni in merito?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il 2-XL esisteva sul serio, ed era un giocattolo stupendo!
      Io ci ho passato un sacco di pomeriggi portandomelo dietro praticamente ovunque, perché funzionava anche da mangianastri e quando non ci giocavo ascoltavo la musica insieme agli amici... Tra le altre cose, il mio 2-XL troneggia ancora sulla mensola della mia libreria. Ha battuto persino le Barbie. :D

      Elimina
    2. m'han fatto venire in mente i mezzi di jayce (il cavaliere dello spazio), sarà il verde.

      Elimina
    3. argh, errore, rispondevo ad eduardo

      Elimina
  7. "si comporta come una bambina vera". Tipo che ti sveglia alle tre urlandoti in un orecchio perché devi farlamangiarecambiareilpannolinocullarla finché lei non si riaddormenta e tu ormai ciao. Sembra quasi che tu ne sappia qualcosa...

    RispondiElimina
  8. La mia epoca. Avevo un sacco di queste "stupidate". Quante lacrime ,eccetto per i TMNT, io avevo il set completo piu il bellissimo furgoncino fine anni 80.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. profondissima invidia per il party van, purtroppo i miei non me l'hanno mai comprato :/

      Elimina
    2. Quello radiocomandato? Ce l' avevo anch' io! ^^

      Elimina
  9. Ahhhh il Baby Show ! Ogni volta che io e mia moglie sentiamo "Rosvita" ci si imbruschettano gli occhi.

    Doc, tu ormai la Beby mia ce l'hai full optional in casa e mette alla prova la tua insonnia tutte le notti immagino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. русский спамер23 gennaio 2015 13:36

      "...rosviiiita, rosviiita, quanti Teddy ci tocca inventare per tutta la vitaaaaa

      Che leenza, che leenza, per prendere il pesce piu' grosso ci vuole pazienzaaaa"

      Mio dio, sono passati ennemila anni ed ancora me la ricordo. Follia :-)

      Elimina
    2. Ginny Hermione23 gennaio 2015 18:47

      Se vai a letto presto ma non sai perché,
      se apri la finestra e verde non ce n'è,
      non te la devi prendere perché-e-e-e-e!

      Tanto per dire che anch'io me la ricordo ;)

      Elimina
    3. русский спамер24 gennaio 2015 08:51

      Siamo gente malata :-D

      Elimina
  10. Il mulino... quanta nostalgia! Questo mi mancava ma quello dei giochi e quello dell'artista li avevo ottenuti a forza di ammazzarmi di merendine XD
    Ammazzandomi di cioccolata (meenchia, ero una ragazzina cicciona allora!) avevo finito anche i Coccodritti, ai quali avevo aggiunto un pizzico di wicca: ad ogni verifica mi portavo a scuola, in tasca, il corrispondente per la materia.
    Rimanendo in tema sfiga, gli sfacimmi Gig Tiger avevano poi corrotto anche me, col tristissimo giochillo "acchiappalacarota" di Bugs Bunny mentre Beby Mia l'aveva la mia vicina di casa e diceva una roba come "Dài, GINGAMI". Non ho mai capito cosa volesse dire. Vabbé.
    E L'isola di fuoco..... T___T Lacrime napulitaNtissime!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ce l'avevo questo mulino, ed era fichissimo! Che un giocattolino funzionasse ad energia solare nel '92 era una cosa molto avanti

      Elimina
  11. Nuooo, ma tipo il Gig Tiger della Bella e La Bestia ce l'ho ancora e dopo un bel pò di anni funziona ancora.. Un pò come i telefoni Nokia..
    Sull'isola di Fuoco sto ancora piangendo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono un fiero possessore dell'Isola di Fuoco, quando viene a casa mia per una partita :P

      Elimina
  12. Da piccolo avevo l'Allegro Cantiere della Tomy. Ora passo le giornate a guardare i lavori stradali e commentando le manovre dello scavatore.

    RispondiElimina
  13. andrea ferrazzoli23 gennaio 2015 12:50

    "Il Baby Show di Junior TV, ma soprattutto il bambino con la tuba, simbolo dei dischi della Baby Records con la voce camuflaggia alla Leopaldon. Chi c'era, ricorderà."

    io c'ero, io ricordo e io apprezzavo (molto :)

    RispondiElimina
  14. Massimo rispetto per Gigi Lentini (PS suo figlio è l'attuale terzo portiere del Toro): nella foto sfoggia un vestito ancora sobrio, qui a Torino l'abbiamo visto vestito mooooolto peggio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già! Ah, per sul figlio!
      Non sapevo di Lentini e Mancini. Ricordavo solo Calà in TV e Zenga sul Topolino.
      Ricordiamo che fino a metà anni 90 andavano forte ancora i giochi sui Trasformers! ^^ Tra gli altri avevo gli aeriobot al completo! ^^
      Nel 90 mi pare, quindi in un periodo di transizione, mia nonna e i miei zii mi regalarono un megacarroarmato dei G.I. Joe che però mi pare però forsse dei cobra. Non ricordo bene.

      Elimina
  15. Il commento alla Babi mia è proprio da genitore che vive certe cose in prima persona. :D
    Vero Doc? ;)

    RispondiElimina
  16. La pubblicità della Sega me la ricordo. In quel momento ho capito di essere giunto alla fine dell'infanzia e all'inizio dell'adolescenza...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. (speaker)...con il gioco di sonic!
      (Calà) LIBIDINE!
      (jingle) seeeegaaaaaa!


      ok la smetto, ma solo perchè sono appena uscito dallo psichiatra dopo queste violenze infantili xD

      Elimina
  17. a proposito dei coccodritti, qualche anno dopo uscirono una serie sui Leoni Esploratori e, abbinati, dovevi raccogliere un fottilione di punti delle merendine per farti mandare a casa il diorama, che era tipo un parco safari fighissimo (almeno lo era per me che per la prima volta avevo vinto qualcosa). Ve lo ricordate?

    La cosa "divertente" è che per raccogliere tutti i punti, quel povero cristo di mio padre dovette fare il giro di tutti i bar della zona per mendicarlidai negozianti che vendevano le merendine sfuse... e nonostante tutto raggiungemmo la fatidica soglia solo nell'ultima settimana del concorsone! non oso immaginare un bambino che giocava pulito quante scatole di merendine avrebbe dovuto comprare, penso che avrebbe potuto sfamare tranquillamente per un anno la popolazione del biafra!

    PS: a sgamare le sorprese non ero tanto bravo, al limite ad orecchio riuscivo a riconoscere i soldatini di ferro... voi avevate più fortuna?
    PPS: che peccato vedere che tra le nuove generazioni gli ovetti kinder non sono più così iconici :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dio mio se lo ricordo il plastico safari dei Leoni! C'erano un sacco di cose stupende dentro, gli alberi e la jeep... Ancora non ho perdonato mia madre per aver regalato la jeep a un bambino piagnone che la vide e la voleva. Il padre disse a me e i miei fratelli "domani ve ne porto un'altra più bella!". Lo stiamo ancora aspettando, il bastardo. Da tipo 20 anni.

      Elimina
    2. E gli happy hippo? E le tartallegre? In un se ondo momento uscirono anche i coccodritti taka taka......

      Elimina
    3. Ginny Hermione23 gennaio 2015 18:48

      Il Leone più simpatico era Dante Vigilante che dormiva invece di vigilare :D

      Elimina
    4. Non mi ricordare il villaggione? Ma era a estrazione? Perché a me non è mai arrivato.

      Elimina
  18. La pubblicità dei mezzi tabarri delle TMNT mi ha fatto venire in mente un'altra linea di giocattoli violentemente zarra, i Food Fighters!

    Non so se qualcuno se li ricorda o se sono già passati per questi lidi, ma dopo una veloce googlata li ho trovati ancora più Tamaricifolia di come li ricordassi all'epoca -.-

    Sulla baia però vendono bene...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, autocorrettore della mia fava, correggimi pure tamarri in Tamaricifolia, perché no?

      Dopotutto vendo piante, vero? Chissà cosa usciva, se avessi commerciato in sex toys >.>

      Elimina
  19. Mamma mia gli Sbullonati! avevano fatto un cartone se non sbaglio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. avevo il gioco per il Game Boy degli sbullonati... non so quante carte buttate nel cesso...

      Elimina
    2. No, non sbagli, è stato fatto un cartone, che ho visto per più puntate ma poi ho smesso, era atroce.

      Comunque con gli sbullonati c'ho rovinato i battiscopa della mia camera, a son di sfracellarceli contro! ^^

      Elimina
  20. "Karnak...il gioco che ha cambiato la vita di Giacobbo"...applausi...

    RispondiElimina
  21. Stavolta c'ero e ricordo, oltre il Baby Show, i Gig Tiger, di cui ho una piccola raccolta limitata ai film Disney di quegli anni (mi sta venendo voglia di recuperarli).

    RispondiElimina
  22. ero già troppo grande....ma il ricordo è nitido...
    io mi beavo dell'Amiga e letteralmente snobbavo le console tutte!!!
    ...ero davvero incapace di usare un joypad e non potevo fare a meno del joystick.... come cambiano le cose!!!
    Ma il nome di quel gioco della Tomy: "Tranfilone"!?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io avevo un favoloso joystick rossonero che, se non mi ricordo male, si chiamava Albatros. particolarità: un bottone da un lato e uno dall'altro. mai capito perchè i cabinati li facevano giusti (con la leva da tenere con la sinistra e i pulsanti a destra) e la maggior parte degli stick per amiga al contrario. io poi che sono pure mancino...

      Elimina
  23. La bambola Luciana sembra uscita da un film horror

    RispondiElimina
  24. Huahuahua "Clementina messa a formula uno"........ vai piccolo fornaio, vendetta è fatta........... Doc, anche io ero Maidiregoldipendente...... alle medie i compagni di classe erano intimoriti da questa mia ossessione !!!

    RispondiElimina
  25. Il mio io dell' 83 aveva solo il vago sentore che ci fosse qualcosa di malato nell 'i nfante della baby records ma ora ci sono arrivato: quel tenero bambino col cilindro FUMAVA IL SIGARO!
    Ecco le prove

    RispondiElimina
  26. Aragon ce l'ho ancora, scatola e tutto. Il mio breve dubbio all'epoca fu... a parità di prezzo mi conviene l'Armatura Bianca con le due spadine, oppure lui che ha una tonnellata e mezzo di armi? Eh....

    Nota per Baby Mia: ce l'aveva una mia amica del campeggio e mi rivelò di averle tolto le pile a un certo punto, perchè non la sopportava più XD

    Lo scambismo per coccodritti mi ha lasciato senza parole O.O

    Salvi è una istituzione, mi inchino a lui. Mi ricordo all'interno di un suo programma, uno spazio chiamato "Le nuove Frontiere della Bresaola", nel quale spiegava ogni volta nuovi modi originali per mangiare la bresaola (tipo arrotolata a mo di sigaretta)

    RispondiElimina
  27. Ah, già che siamo in argomento... https://www.youtube.com/watch?v=X85N6JFqepY

    RispondiElimina
  28. "Tipo che ti sveglia alle tre urlandoti in un orecchio perché devi farlamangiarecambiareilpannolinocullarla finché lei non si riaddormenta e tu ormai ciao."

    LOL ti aspettavo al varco.... :D :D :D

    RispondiElimina
  29. Mariomerolitudine violenta.
    I miei 8 anni su Topolini che avevo e i giochi che subdolamente mi convinceva a comprare.
    Gli incaprettamenti dei 5 Samurai, il Mulino di Archimede, gli Sbullonati!
    La magnifitudine dell'Isola di Fuoco! Le mie prime consolLe! Il meraviglioso Mai Dire Gol quando ancora era meraviglioso!
    Il Baby Show con Rosvita Rosvita!

    Ci penso e dico: quanto sono fortunato ad aver avuto un'infanzia negli anni 80... Sorringere =')

    RispondiElimina
  30. Porca miseria! Queste sono coltellate nel cuore sul serio.
    Troppi ricordi, troppi...devo chiuedere la pagina di corsa altrimenti ringo (voce del verbo ringere intendo).

    RispondiElimina
  31. Finalmente un Topolino che ricordo! Avevo 8 anni e giocattoli vari tra cui:
    Collezione di coccodritti sotto ogni forma: pupazzini, righelli e squadre con ologrammi, astuccio. Se penso a tutte le mie vecchie collezioni kinder finite chssaddove acchissacchì mi viene il magone...
    Personaggi dei formaggini mai avuti visto che non li mangiavo però ricordo i personaggini dei sofficini con i vestiti di diversi sport e epoche storiche. E anche questi misteriosamente..cof cof....spariti dal mio armadio del ciarpame...
    Il game gear è stata la mia prima console...sfigatissima perché tutti i miei amici (e credo il resto del mondo in generale) aveva il game boy ed era un problema trovare giochi da scambiare. Vedendo queste pubblicità riesco ancora ad abbinare faccia del compagno di classe alla rispettiva console. Bruschette drops keep fallin' on my head...
    Un gig tiger me lo portò mio papà durante uno dei vari ricoveri in ospedale della mia infanzia. Era un gioco di calcio uber pezzente ed era perennemente sbiadito da batterie scariche ma è un ricordo a cui sono affezionata.
    Baby Mia ce l'avevo. Mi era stata regalata da una zia pettegolissima che continuava a farmi regali indesiderati e costosi, tipo decine di algide stronze con cui mettere su un esercito della salvezza in miniatura. Di questa bambola ricordo: i capelli che dopo un po' diventano stopposi tipo tappeto infeltrito, il peso di una neonata che si nutre di sacchi di sabbia, le 4 frasi ripetute in loop con un'ossessione per il "girami...girami...girami". La poverina venne ri-regalata a tempo record.
    Ultimo genuino momento emozione con il baby show, le barzellette di cin ciao lin, il baby oroscopo e una cassetta di bimbomix che è ancora sepolta in casa dei miei. Ma erano loro che trasmettevano i Fruttini?

    Grazie Doc per questi Topolini di fine millennio, anche perché oggi sono riuscita a scartavetrare la macchina nuova (tanto nuova) contro un muretto (troppo muretto) ed è stato bello non pensarci per almeno 15 minuti (T_T)

    RispondiElimina
  32. I Topolino quel periodo li ricordo bene, un po' perché li avevo sempre per le mani e un po' perché alcuni numeri sono rimasti in Calabria dalla nonna e sono stati per anni l'unica cosa da leggere (leggi "fare") nei periodi di "vacanza" estiva. Sugli scudi Perry Naso, gli Sbullonati, l'Isola di fuoco. Gli ultimi due li ho sempre voluti, ma avendo dei genitori che a regalare sempre qualcosa di quel genere, di marca, ma il meno costoso possibile, otteni solo Brivido tipo 8 anni dopo il picco di popolarità e lo sfigatissimo Sbullonato Daryl, il cui unico movimento a molla era la testa saltava su in movimento avvitato. Talmente sfigato che aveva solo un pulstante sul petto rispetto ai due dei fratelli semina-arti...

    RispondiElimina
  33. Ecchecavolo, Doc... ora come le tolgo le bruschette formato famiglia dagli occhi (anzi, dagli occhiali)?

    RispondiElimina
  34. Mammamia il PC Jr. uno dei peggiori fiaschi dell'intera storia dell'IBM dopo OS/2....

    E Salvi e un grande :D

    RispondiElimina
  35. Gli sbullonati e il mulino di Archimede... lacrime lacrime, fiumi di lacrime.

    RispondiElimina
  36. grande il baby show di junior tv, tra l'altro la prima tv dove vidi le puntate di dragonball senza censure (dove goku faceva pat pat alla cosina di bulma) solo odiavo da morire quel cinese quando rideva a matula, roba da chiamare Sandrino il mazzolatore...

    RispondiElimina
  37. I Coccodritti, L'Isola di Fuoco, il Baby Show di Junior Tv, gli Sbullonati, il Mega Drive e il Karaoke...
    Fottuta nostalgia di gioventù :)

    Grazie Doc!
    Ti voglio davvero bene :)

    RispondiElimina
  38. Ora che sei papà scoprirai (forse avrai già visto...) che i molti giochi di ieri sono riproposti oggi. Un po' come il tetris che hai citato sopra. Mi chiedo se sia una mancanza di idee o magazzini pieni :D

    RispondiElimina
  39. Io ci avevo il Cantiere. Gioco semplicemente geniale, il mezzino interno a batteria faceva tutto da solo, diventava camion e scaricava le palline nella torretta in alto, che poi venivano raccolte da un altro mezzo (cambiava da un mezzo all'altro sotto i ponticelli) che poi cambiava ancora, la ruspa raccoglieva le palline e le scaricava nel camion, e il ciclo ricominciava all'infinito.
    Unica pecca era la completa impossibilita' di interagire, tu non facevi ne' potevi fare un cacchio, guardavi solo le cose che si facevano tutte da sole. :D

    RispondiElimina
  40. Questo Topolino lo ricordo benissimo...10 anni e la S.Lucia imminente, con regali annessi...nostalgia e imbruschettamento ai massmi livelli!

    RispondiElimina
  41. Finalmente un Topolino dei Miei Tempi!
    Comunque, per trovare i Coccodritti c'era un metodo infallibile (anche se un po' disonesto): comprare le confezioni da 3, in uno dei 3 ovetti c'era un Coccodritto di sicuro (e in più avevi 3 ovetti da magnare). Ad ogni modo, anche facendo così la collezione non l'ho mai finita :(

    RispondiElimina
  42. Il carro armato dei Turtles pare quello dei secessionisti veneti. Che l'avessero da bambini e vi siano ispirati per la costruzione del loro mezzo?

    RispondiElimina
  43. Quella dei Coccodritti è stata l'UNICA serie di sopresine Kinder che sia mai riuscito a finire! E ricordo anche che ero in seconda elementare, e la mia maestra di matematica di allora si chiamava Lina esattamente come la coccodritta (Lina Tabellina)... Che tra l'altro fu l'ultima che trovai per completare la collezione! :-D

    RispondiElimina
  44. Essendo nato nel 1984, questa volta Doc me le ricordo tutte, bruschette a non finire!

    Gli "sbullonati" su tutti, come ho già scritto in risposta ad un commento, c'ho rovinato la maggiorparte dei battiscopa della mia camera, e ne vado fiero! :D

    Esattamente come Roberto 85 qua sopra, i Coccodritti sono stati gli unici di cui abbia mai completato la collezione, ci sono quasi riuscito di nuovo solo per gli Happy Hippo ... quasi.

    La Pista California non l'ho mai avuta, io ho avuto il Camper, che si apriva ed era una città, il mio gioco preferito di sempre.

    RispondiElimina
  45. ma la colonna con capitello corinzio era compresa nel karaoke?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nella nostra versione non c' era. Forse la davano con plus. XD

      Elimina
  46. La TV dei ragazzi! Quando ancora c' era! Addirittura un circuito tutto per bambini e ragazzini! Pensare che su Junior TV, ormai inglobata ad odeon, ho letto qualche anno fa che negli ultimi tempi trasmettevano balli di liscio! Sic!

    RispondiElimina
  47. Chipsy king! :lol: Ma dai! XD

    "Che potrebbe anche essere quello che vendono ancora nei negozi di giocattoli, ventitre anni più tardi, ma non ne sei sicurissimo."

    :lol:

    RispondiElimina
  48. I Gig Tiger erano divertenti come prendersi a padellate sui denti. Ma hanno quel nonsochè che ancora li vorresti avere tutti...

    RispondiElimina
  49. I Gig Tiger mi riportano indietro nel tempo all'estate del 93 quando passai una decina di giorni all'ospedale pediatrico. Una bambina con cui feci amicizia ne aveva due: uno era sicuramente Cip e Ciop perché a me toccava sempre quello e non mi piaceva.
    Bebi Mia ce l'aveva la mia migliore amica ed è stata anni in bella mostra in camera sua tipo reliquia XD

    RispondiElimina
  50. La parte su Bebi Mia mi sembra un po' autobiografica :D

    RispondiElimina
  51. CantaTu: come si direbbe a Torino, una giargiattola. Non sono torinese, me l'ha insegnato un mio amico che vive lì. Meccaniche mediocri. Poi fu rilasciata la versione video con cassette audio ma che contenevano una traccia con informazioni digitali testuali.

    La giostra ce l'aveva mio cugino. Funzionante ma rumorosa da morire.

    Sonic Badge...cercate cercate su Youtube e troverete che pacco era.

    GIG Tiger...gli "schiacciapensieri" proposti negli anni '90 non avevano più senso. Stessa tecnologia di quelli Nintendo e Polistil di dieci anni prima. E poi c'era il GAME BOY...con cartucce intercambiabili e ottimo suono stereo (in cuffia).

    Chipsy King: vista esposta ma non in uso. L'idea era interessante: dalla patata cruda (che dovevi sicuramente lavare e far asciugare) alla patatina fritta. Non ebbe successo e la Rete tace. Nome volutamente in assonanza con un gruppo che a me stava sulle scatole.

    2-XL: giocattolo sofisticato, visto dagli occhi di un presente "scienziato informatico" e di un futuro ingegnere informatico.

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails