mercoledì 29 ottobre 2014

86

20 cose che forse non sapevate su I Guardiani della Galassia

Guardiani della Galassia trivia curiosità easter egg
Fino ad oggi, la rubrica 20 cose che forse non sapevate su... si è occupata solo di classici, film degli anni 80 e 90: fatto salvo quel post con le citazioni di Django Unchained, non avevi mai scritto di trivia, easter egg e curiosità di un film ancora nelle sale. Ma c'è che hai ricevuto una quantità ENORME di richieste riguardo a Guardiani della Galassia (qui la recensione), da parte di chi ha visto il film ma non ne conosceva i personaggi, voleva saperne di più o semplicemente voleva la scusa per parlare di questo o quell'elemento della pellicola. E così, detto che a spiegare chi diavolo siano Rocket (Raccoon), Groot, Gamora, Drax, Star-Lord e perfino Yondu ha già pensato quel post sulla storia dei Guardiani della Galassia, oggi pensiamo a tutto il resto. Chi ha visto il film urli forte "Io sono Groot!", ché si parte [...]

20 - Avete presente quando Star-Lord spiega agli altri membri della squadra quello che ha in mente, parlando di "un piano al 12%" (Gamora puntualizza che al 12% non è un piano, ma giusto un'idea)?
Si tratta di una citazione di The Avengers, nella fattispecie di una scena all'inizio del film, quando Tony Stark dice a Pepper che le darà il 12% del merito per la Stark Tower.
19 - Anche se non è facile riconoscerla così, senza capelli e truccata da donna in fin di vita, la madre di Star-Lord, Meredith Quill, è interpretata da Laura Haddock, attrice già vista in un altro film Marvel, Captain America: Il primo vendicatore. Era la ragazza che chiede un autografo al Capitano subito dopo la parata con le ballerine. E il padre di Peter, invece? A lui si fa riferimento più volte nel film. Meredith Quill parla di un angelo, Nova Prime di un essere incredibilmente antico, Yondu ha parole, uh, un attimo meno gentili nei suoi confronti.
Nei fumetti, il padre di Peter è il principe J'son di Spartax, schiantatosi con la sua astronave sulla Terra, dove ha conosciuto Meredith. Il regista del film, James Gunn, ha però precisato in un'intervista che il padre del suo Star-Lord non è il personaggio dei fumetti, il che ha scatenato una ridda di teorie: Warlock? Starfox, il Rocco Siffredi cosmico? Qualcosa di nuovo, un gioco e del cioccolato? Probabilmente ne sapremo di più in Guardiani della Galassia 2 (maggio 2017).
18 - Il Museo del Collezionista è la testa mozzata di un Celestiale (di questi esseri parliamo più avanti). Nei fumetti Marvel, quella stazione interdimensionale si chiama Ovunque (in originale Knowhere) ed è la base dei Guardiani della Galassia.
Cosmo nei fumetti e nel film (accanto al regista James Gunn)
Il capo della sicurezza della stazione è Cosmo, cane spedito nello spazio dai russi per il loro programma spaziale e diventato un essere intelligente e in grado di comunicare con la telepatia. Cosmo appare durante il film e nella sequenza post-titoli di coda.
17 - Il Walkman di Peter è il primo modello del lettore di musicassette Sony, il TPS-L2 (1979, negli USA dal 1980). La produzione ne ha comprati 13 su ebay nell'arco di sei mesi, e solo 3 erano funzionanti (James Gunn ha confermato in un'intervista che quei tre walkman superstiti sono stati tenuti da parte per il sequel). Ora, come sa chiunque abbia letto Per il potere di Grayskull, il walkman fu inventato perché al presidente della Sony giravano le balle e sfondò in Europa per un unico motivo: tutti i ragazzi volevano limonarsi anche loro Sophie Marceau. Gunn è un americano di St. Louis, ma è stato anche lui rEgazzino a quei tempi:
e scusate l'autocit. L'OST del film, "Awesome Mix, Vol. 1", si è piazzata direttamente in cima alla classifica dei 200 album più venduti d'America, la US Billboard 200 chart: la prima colonna sonora senza neanche un brano originale a riuscirci nella storia della classifica.
16 - Guardiani della Galassia è il secondo film con Dave Bautista (aka il bressler Batista) e Vin Diesel nel cast, dopo il pessimo Riddick (2013). Bautista ha ammesso di essere scoppiato a piangere quando ha saputo che l'avevano preso per interpretare Drax: far parte di un film Marvel era un suo sogno. Le sessioni di trucco per trasformarlo in Drax duravano 5 ore, durante le quali era costretto a restare in piedi reggendosi a delle maniglie. Nel corso delle riprese si è riusciti a scendere a circa 3 ore, mentre per levar via tutto quel trucco occorrevano ogni volta 90 minuti.
Si è preso tutti in giro Vin Diesel per quella storia dell'unica battuta recitata in tutto il film ("Io sono Groot"), ok, soldi rubati, eccetera eccetera. Beh, non è stata esattamente la passeggiata che si potrebbe credere: Diesel/Gigioni ha dovuto registrare quella frase più di MILLE volte. Un lavoro che, a detta dell'attore, gli è stato molto utile, perché lo ha aiutato ad uscire dalla depressione in cui l'aveva precipitato la morte dell'amico Paul Walker.
La scena, durante i titoli di coda, in cui il piccolo Groot balla sulle note di "I Want You Back" dei Jackson 5? James Gunn ha voluto lì quel brano perché è il suo pezzo preferito, e pare che per il motion capture dell'alberello danzante sia stato proprio lui a farsi il balletto…
15 - Prima dell'uscita nelle sale USA, la scorsa estate, Guardiani della Galassia è stato mostrato in una proiezione privata a Bill Mantlo, sceneggiatore di tante serie Marvel negli anni 80 e co-creatore di Rocket Raccoon. Mantlo oggi ha 62 anni e dal '92 vive alle prese con i danni cerebrali irreparabili lasciatigli da un incidente (fu investito da un pirata della strada mentre andava sui pattini). Secondo quanto dichiarato dal fratello Michael, a Mantlo il film è piaciuto molto. Guardiani della Galassia cita rispettosamente Bill Mantlo nei credits.
14 - Sì, Stan Lee che fa il playboy dello spazio l'avete visto tutti, ma Guardiani della Galassia è pieno di cameo non così facili da individuare. Nella foto qui sopra, James Gunn è in compagnia di Lloyd Kaufman, fondatore e presidente della Troma e idolo personale di Gunn, che proprio alla Troma ha mosso i suoi primi passi nel mondo del cinematografò. Nel film, Kaufman è uno dei prigionieri che urlano contro Gamora quando la banda arriva nella prigione Kyln.
Altri cameo: l'alieno blu che vuole menare Peter Quill e che si becca una dose di cinquine da Groot e Rocket? La voce è di Nathan Fillion (la serie Castle, ma anche Slither e Super diretti da Gunn). A doppiare Howard the Duck è invece il Seth Green dei Griffin, mentre la voce dell'astronave dei Ravager è di Rob Zombie.
Non abbiamo finito. Lo stesso James Gunn ha un cameo nel film (nei panni di un Sakaaran) e suo fratello Sean è Kraglin, la spalla di Yondu che vediamo accanto a Rooker nella foto qui sopra. Sean Gunn ha fatto anche da rimpiazzo con tutina per due personaggi in CG, Thanos e Rocket, ideando alcune gag usate poi nel film. Ah, dimenticavi: il cameo di Stan Lee previsto da Gunn era molto diverso. Il Sorridente avrebbe dovuto essere uno dei trofei del collezionista e mostrare il medio a Groot, ma l'idea non è piaciuta molto ai produttori…
13 - Dei protagonisti del film, i Guardiani e Yondu, si è parlato a sufficienza in questo post qui, si diceva all'inizio. Occupiamoci allora degli altri personaggi, a beneficio di chi non sia un lettore Marvel e non sappia da dove spunti fuori tutta quella gente.
Ronan l'Accusatore è nato come nemesi dei Fantastici Quattro ed è apparso per la prima volta su Fantastic Four vol.1 #65 (agosto 1967, di Stan Lee e Jack Kirby). Nel corso degli anni è passato dall'essere un villanzone come tanti a un personaggio via via più nobile, tanto da entrare anche a far parte di un super-gruppo insieme a Silver Surfer e altri eroi cosmici (The Thanos Imperative e la miniserie Annihilators, 2011). Nel film, il guerriero Kree viene mostrato con la sua arma tradizionale, il martellone gigante. Sotto tutto quel trucco c'è Lee Pace, il Thranduil de Lo Hobbit.

Thanos lo si era già visto nella scena post-credits di The Avengers. Nativo di Titano, la luna di Saturno, e dalla pelle viola-villanzone, è ossessionato (nel senso di pulsione amorosa) dalla personificazione marvelliana della Morte. Gli piacciono MOLTO magre ed emo, tipo. L'altra sua fissa sono le Gemme dell'Infinito, al centro di varie saghe cosmiche del Marvel Universe (ne parliamo più avanti) e del terzo film degli Avengers
proprio ieri - se ne parlava sulla pagina Facebook dell'Antro - la Marvel ha annunciato date e titoli di una ridda di film per la fase 3, che sarà chiusa appunto da Avengers: Infinity War, un terzo capitolo diviso in due parti, rispettivamente in uscita a maggio 2018 e maggio 2019.

Torniamo ai Guardiani. A prestare la voce originale a Thanos nel film è l'attore Josh Brolin (I Goonies). Prima apparizione di Thanos: Iron Man vol.1 #55 (febbraio 1973, di Jim Starlin). 
Pirata e mercenaria dello spazio, Nebula nasce come avversaria dei Vendicatori (Avengers vol.1 #247, luglio 1985, di Roger Stern e John Buscema). Nei fumetti è la nipote di Thanos, mentre nel film, dove è interpretata da Karen Gillian (Doctor Who), è la sua figlia adottiva.
I Celestiali citati nel film sono antiche entità dai poteri divini. Creati da Jack Kirby sul primo numero de Gli Eterni (Eternals #1, luglio 1976), sono apparsi in varie saghe di altri eroi Marvel, dai Fantastici Quattro a Thor, da Quasar a X-Factor. In particolare, in un ologramma che mostra la storia delle Gemme dell'Infinito, vediamo nel film Eson il Cercatore, Celestiale visto per la prima volta su The Eternals #9 (marzo 1977).

12 - Altri personaggi e citazioni del Marvel Universe apparsi nel film, alla spicciolata. Korath (Djimon Hounsou, Il Gladiatore) e gli altri soldati che danno la caccia a Star-Lord sono Sakaaran, razza aliena vista nella saga Planet Hulk. Gunn avrebbe voluto usare i Badoon, ma non si poteva per un problema di diritti (pare siano in mano alla Fox, perché apparsi per la prima volta su un albo di Silver Surfer). Hounsou si è detto felicissimo della parte, perché suo figlio è un grande fan dei super-eroi (grossomodo come tutti i rEgazzini del pianeta…) e un giorno gli aveva confessato di voler essere bianco come l'Uomo-Ragno. Meno male che c'è Miles Morales, lo Spider-Man Ultimate mezzo nero e mezzo ispanico, buono per tutte le stagioni e le minoranze etniche… Il costume di Korath era così rigido da dare a Hounsou delle movenze molto legnose, ma secondo Gunn lo rendevano più alieno, buona così.
Il pianeta Morag, quello su cui Peter trova il pallone superpUtente l'Orb e fa il suo numero da musical a inizio pellicola, non ti risulta esistere nel Marvel Universe cartaceo. Ma, nei fumetti, Morag è il primo leader della razza Kree, creato da Steve Englehart e Sal Buscema su Avengers #133 (marzo 1975).
Bereet, la gnocca fucsia che Peter, da gran signore, si dimentica di avere a bordo dopo che sono stati intimi (Melia Kreiling), è un personaggio apparso nelle storie di Hulk a partire da Rampaging Hulk #1 (aprile 1977, di Dough Moench e Walt Simonson). La Bereet dei comics era un'artista del pianeta Krylor, intenta a girare con la sua tecnologia aliena dei film sulle avventure del Golia Verde.
Broker, il commerciante interpretato da Cristopher Fairbank, è un'altra piccola citazione del Marvel Universe infilata da Gunn nella storia. Broker è infatti uno schiavista affrontato da Force Works (da Force Works #15, settembre 1995, di Dan Abnett, Andy Lanning e Jim Cheung). Anche la prigione Kyln viene dai fumetti, per quanto lì abbia un aspetto molto diverso.
11 - Rocket è stato modellato sulla base di un procione inglese che vediamo in questa foto:

Quel procione si chiama Oreo: un caso che il personaggio sia venuto così figo? Noi di misterokadmongiacobbovoyager crediamo di no. La sua voce è quella di Bradley Cooper, il che ha permesso un piccolo inside joke: a un certo punto Rocket prende in giro lo zaino di Quill, chiamandolo borsetta; Bradley Cooper faceva lo stesso in Una notte da leoni, prendendo in quel caso per il culo Alan (Zach Galifianakis). Peter restituisce la cortesia chiamando Rocket "Ranger Rick": Ranger Rick è dal 1967 il procione protagonista di una rivista per bambini della National Wildlife Federation.
Ah, come precisano i titoli di coda, non è stato fatto del male ad alcun procione per la realizzazione di questo film.
10 - Parlando di animali, nel film appare anche il cane del regista, ma non si tratta di Cosmo, l'astrocane sovietico: il Dr. Wesley Von Spears (è il nome del cane…), che qui vediamo in una foto scattata da Gunn sul set dell'astronave di Ronan, appare durante la sequenza olografica proiettata da Peter Quill su Morag. È il cane che gioca con la bambina.
"Ahia, oh".
9 - Zoe Saldana ha quasi fracassato le costole di Chris Pratt per girare lo scontro tra Gamora e Star-Lord. Il motivo? Semplice: durante le settimane in cui hanno provato la coreografia del combattimento, i due attori indossavano delle imbottiture protettive, mentre sul set, al momento del ciak, Pratt aveva decido di non farlo. Senza dire nulla alla collega, per far sì che non si trattenesse. Risultato: calcione fortissimo nelle costole, Pratt a terra e con un ematoma a tenergli compagnia per tutto il resto delle riprese e ricordargli quanto era pirla.

8 - Ma è vero, come si mormora da mesi, che c'è anche Beta Ray Bill nel film? Forse. C'è chi sostiene di averlo visto in una delle gabbie del Collezionista, ma non hai visto nulla di vagamente convincente. Un'altra teoria si concentra sul teschio alieno che Peter trova impalato nella struttura in rovina durante il suo balletto su Morag. Con un po' di fantasia potrebbe essere lo scheletro di un korbinita come Beta Ray Bill, alieno con la faccia da cavallo creato da Walt Simonson (Mighty Thor vol.1 #337, ottobre 1983) e sufficientemente nobile da impugnare Mjolnir, il martello di Thor e farsi fare poi da Odino una replica souvenir ("Stormbreaker").
7 - I Nova Corps nei fumetti Marvel sono un corpo di polizia intergalattica simile alle Lanterne Verdi della DC e proveniente dal pianeta Xandar (prima apparizione: Fantastic Four #204, marzo 1979). La loro storia è strettamente legata a quella dell'eroe Nova (Richard Rider). Oltre a Glenn Close, che interpreta la Nova Prime (leader del corpo) rigelliana Irani Rael, nel film incontriamo Rhommann Dey (John C. Reilly) e Garthan Saal (Peter Serafinowicz): il primo nei fumetti era il leader dei Nova Corps che cede il suo potere in fin di vita a Richard Rider, mentre il secondo impazzisce dopo la distruzione di Xandar e diventa il villanzone Supernova. Richard Rider è stato aggiso da Thanos nel 2011, e il Nova attuale è un ragazzino di nome Sam Alexander.
6 - La Presidentessa, Oliviona nostra, ha rifiutato il ruolo di Gamora. Questo film poteva essere incredibilmente più epico. Peccato.
5 - James Gunn non voleva neanche vederlo il provino di Chris Pratt. Non era il suo Star-Lord. Poi però il suo assistente l'ha convinto a dargli una possibilità e dopo 30 secondi di Pratt che leggeva un po' di copione, bam, perfetto per il ruolo. Quella terra delle cose da centinaia di milioni di dollari che succedono un po' per caso chiamata Hollywood. A Gunn Pratt era piaciuto così tanto che gli andava bene pure così, con un po' di ciccia in più, ma l'attore voleva averci il fisico da action hero, e così promise che avrebbe perso 20 kg in 6 mesi. Alla fine, grazie a una dieta rigidissima e a un sacco di palestra, ne ha persi 27. Cotiche.
4 - La collezione del Collezionista (Benicio del Toro) è una delle robe che hanno scimmiato di più i Marvel fan, soprattutto per la sorpresa con i piedi palmati del post-credits.
Di sicuro nelle sue gabbie vediamo un Elfo Oscuro (da Thor: The Dark World), un chitauro (The Avengers), un ologramma del Tesseract e questo bozzolo:
che sì, come confermato da Gunn è proprio il bozzolo di Adam Warlock. Personaggio cosmico creato da Lee e Kirby (Fantastic Four (vol.1 #66, settembre 1967), Warlock c'ha questo vizio di rinchiudersi in un bozzolo quando va in letargo, per farla brevissima. Warlock è ovviamente sopravvissuto alla distruzione del museo del Collezionista (il bozzolo nella scena post-credits era vuoto) e probabilmente risalterà fuori da qualche parte nel Movieverso Marvel, prima o poi. Altro cimelio del Collezionista sono i vermoni del film Slither, diretto dallo stesso Gunn nel 2006. Infine, la tipa rosa che vediamo qualche foto più su si chiama Carina, e nel Marvel Universe Carina Walters è il nome della figlia del Collezionista, compagna di Korvac e protagonista con lui di quella bellissima saga dei Vendicatori, citata più volte qui sull'Antro.
3 - La nave di Star-Lord si chiama Milano: è un omaggio di Gunn a un'attrice di cui era invaghito da rEgazzino, Alyssa Milano. Considerando che Peter Quill è stato portato via dalla Terra nell'88, ha fatto in tempo a vedere la serie Casalingo Superpiù (Who's the Boss?), ci sta.
2 - Guardiani della Galassia è pieno zeppo di citazioni. Al di là di quelle esplicite, come Footloose, I predatori dell'arca perduta e le Turtles, si va dal Rocky Horror Picture Show (quello sbadiglio di Gamora…) alla saga di Star Wars, da Cobra a Terminator 2 (il modo in cui Nebula si impadronisce di un caccia dei Nova Corps), passando per i primi sparatutto come Space Invaders. C'è poi il discorso dei MacGuffin. Con questo termine, Alfred Hitchcock indicava un oggetto che rende dinamica una trama, come la busta con i 40mila dollari di Psyco o la valigetta di Pulp Fiction. Nei film Marvel Studios, per ammissione del produttore Kevin Feige, i MacGuffin sono le Gemme dell'Infinito. Ma quali sono esattamente le gemme viste finora? Esistono più teorie al riguardo. La più accreditata? Il tesseract/Cubo cosmico di The Avengers e del primo Captain America è la gemma dello spazio, l'Aether di Thor: The Dark World potrebbe essere la gemma della realtà, quella viola vista in Guardiani della Galassia la gemma del potere, il bastone di Loki in The Avengers la gemma della mente:
Gemme dell'Infinito film marvel quali sono
schemino riepilogativo trovato già bello e pronto sull'Internet. Ne mancano per il momento due, ma nella foto vista prima da Avengers 3 Thanos le ha tutte e sei sul guantone... La cosa simpatica è che, riconoscendo il ruolo di super MacGuffin delle gemme, Star-Lord descrive la gemma dell'Orb come "l'Arca dell'Alleanza, il Falcone Maltese", citando due film (I predatori dell'arca perduta e I misteri del falco) incentrati su due celebri esempi di MacGuffin.
1 - Chiudiamo, e non poteva essere altrimenti, con l'ultima sorpresa del film, il cameo dopo i titoli di coda di Howard the Duck. Ora, calando un velo di disgustata pietas su tutti i tizi che al cinemò si son chiesti cosa c'entrasse Paperino, Howard the Duck è un personaggio Marvel creato da Steve Gerber e Val Mayerik su Adventure into Fear #19 (dicembre 1973) e noto ai più per il film Howard e il destino del mondo, diretto nel 1986 da Willard Huyck e co-prodotto da George Lucas.
Ribattezzato Orestolo il Papero ai tempi della Corno, Howard è un papero antropomorfo sarcastico e perennemente con un sigaro in bocca, proveniente dal pianeta Duckworld. Protagonista di una sua serie personale a partire dal 1976 e candidato alle VERE presidenziali USA (è una storia lunga…), Howard fu al centro di una serie di beghe legali, dapprima tra Gerber e la Marvel, quindi tra quest'ultima e la Disney (ironico oggi, vero?), secondo cui Howard era troppo simile a Paperino. Proprio la causa con la Disney è una delle ragioni per cui Howard iniziò a un certo punto a usare i pantaloni…

Il sub-trivia conclusivo super-chicca? Uno dei pezzi della colonna sonora di Guardiani della Galassia è "Cherry Bomb" dei Runaways (1976): Cherry Bomb era il nome della band di Beverly Switzler (Lea Thompson) in Howard e il destino del mondo. E sì, prima o poi parliamo anche di quel film, buoni.

GLI ALTRI FILM DI 20 COSE CHE FORSE NON SAPEVATE SU...

86 commenti:

  1. Devo assolutamente vederlo!

    RispondiElimina
  2. Ottimo pezzo, ma la mia precisitutidine della fungia mi obbliga a fatti notare l'inventore di Howard il papero non è Karen Berger, ma il compianto Steve Gerber .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io leggo "Howard the Duck è un personaggio Marvel creato da Steve Gerber e Val Mayerik su...". Quel Karen non so dove l'hai visto :D

      Elimina
    2. Ok, PER IL POTERE DELLA FUNGIA!!!!
      Hai scritto Berger invece di Gerber :-p

      Elimina
    3. Ah, ecco, quello sì, ma solo la seconda volta :D
      Grazie per la segnalazione.

      Elimina
    4. Doc, mi serve una modesta opinione: un omnibus totale di Howard il Papero le vale 50 carte?

      Elimina
    5. Domanda difficile, non perché le storie non siano divertenti, ma perché 50 carte son 50 carte...

      Elimina
    6. Allora, le 50 carte sono un problema ma fino ad un certo punto, perchè ho da giocare il "regalo di compleannoh", il punto è che ci sono cose che costano di meno e sono di qualità uguale-(forse)superiore, come ad esempio l' omnibus di bone a 30 carte

      Elimina
  3. Mannaggia, non ho ancora visto il film, e la mia curiosita' mi ha spinto a leggere lo stesso il fondo, sciupandomi la sorpresina post-titoli.

    WAAAUUUGHHHHH!

    RispondiElimina
  4. Wow Doc,anche avendo letto Annihilation:Conquest non avevo colto un sacco di citazioni.

    Non so te ma io sono scimmiatissimo per la fase 3!!
    E immagino lo sia anche tu dopo le notizie sulla presenza di Pantera nera in Captain America Civil War e poi di un film dedicato interamente a lui.
    Io invece sono scimmiato per il film di Capitan Marvel,se si parla di Carol Danvers spero tengano il costume nero e non quello militare che ha adesso.
    Per non parlare di Benedict Cumberbatch come Doctor Strange.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come scritto in un post un po' di tempo fa, non sono sicurissimo dell'idea di un film su Pantera Nera. Perché, da super bassista carismatico, lo vedo in disparte e con pochissime battute. Detto questo, ieri sera sono bastati titolo e quell'art per farmi vacillare.
      Di sicuro ho già messo da parte il rene buono per tutte le Hot Toys in arrivo, a cominciare da quella di Pantera:
      [IMG]https://lh3.googleusercontent.com/-1ezCVpXcPRA/VEoZ7GrSwzI/AAAAAAABLic/EFk0kgEM2a4/w552-h339-no/21shutupgold.png[/IMG]

      Elimina
    2. Io per Pantera temo moltissimo un pesante rimaneggiamento del costume,perchè il suo costume fumettistico assomiglia molto alle versioni cinematografiche di quello di Batman,spero che i babbani non lo comincino a chiamare Batman Nero(o DiversamenteBianco)

      Elimina
    3. L'art fatto circolare ieri da Marvel sembra molto aderente al costume originale:
      [IMG]https://scontent-b.xx.fbcdn.net/hphotos-xpf1/v/t1.0-9/10734252_853954721304890_8597010700291889309_n.jpg?oh=9543ef753e98ce252d5c53f1ee5ceb03&oe=54EB3065[/IMG]

      Elimina
    4. Ah. Di cumberbarch come il dottore non avevo letto. La scimmia ora forte in me è

      Elimina
    5. ah ma allora è originale,l'avevo visto in rete ma pensavo fosse una fan art,spacca di brutto come costume!

      Elimina
  5. bello questo pezzo, e lacrimuccia per il buon Bill Mantlo, scrittore classico che piu; classico non si puo' che mi ha regalato delle belle storie di Hulk.
    Ho gia' l'acquolina in bocca per Warlock, se poi spunta una sua versione violetta con l'afro, salto di gioia!

    RispondiElimina
  6. Su Howard ci volevo crederci, ma Kevinone non ha annunciato nulla ieri sera. A meno che ci fanno il sopresone e ce lo piazzano nel 2020, ecco.

    RispondiElimina
  7. русский спамер29 ottobre 2014 10:14

    Due cose due, doc:
    - L'ologramma di Eson e' un easter egg annidato: nei fumetti Eson pare essere il nonno di Star Lord :-)

    - Pidieffata sul discorso Beta Ray Bill e lo scheletro con la testa a forma di cavallo di un korbinita: questi ultimi non hanno la testa cosi', e' solo BRB ad averla a causa delle manipolazioni genetiche che ha subito per diventare, appunto, Beta Ray Bill.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hipster Beta Ray Bill andava in giro con la faccia da cavallo prima che diventasse di moda XD

      Elimina
    2. Intendevo proprio quello con "potrebbe essere un korbinita come Beta Ray Bill". Nel senso che lo scheletro potrebbe essere il suo, restando nei margini della citazione scherzona en passant.

      Elimina
    3. русский спамер29 ottobre 2014 11:20

      Compreso :-)

      Elimina
  8. [BISOGNA DIRE ROVINATORE? NEL DUBBIO: ROVINATORE]
    Ma -- nella mia ignoranza totale di fumetti e sotto trame ecc -- io sono uscito ieri dal cinema convinto che il padre di Starlord fosse Yondu, perché se non sbaglio alla fine descrive se stesso nello stesso modo in cui lo descrive la mamma all'inizio ("bello come un angelo", una roba così). Poi, a ripensarci, lei dice anche che dovrà aspettare che il padre venga a prenderlo e tac, arriva l'astronave di Yondu a prenderlo. Poi, il fatto che non si incazzi per lo scambio delle pallette finale...boh, io ero talmente convinto che ero stupito a doverlo spiegare agli amici dopo al film, ma vedo che il dubbio permane anche qui perciò magari mi sono inventato tutto. Ripeto: a) ignorante; b) film visto una volta, impossibile ricordare frasi di preciso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Yondu dice che l'ha rapito per conto del padre di Peter. Io almeno ho capito così.

      Elimina
    2. Sì sì, però mi aspettavo che alla fine dicessero "ah, non era vero, ero io!"

      Elimina
  9. Mi sono spoilerato un paio di cose (che si, ancora non l'ho visto), ma pazienza, non ho resistito :D

    RispondiElimina
  10. Grandissimo post e, punto d'ingordigia, non vedo l'ora di leggere quello su Howard The Duck (che a propò è uno dei migliori fumetti di tipo sempre).
    Restando in tema spaziale, sai che ieri praticamente Feige ha lasciato intuire che Skye di AoS è un'inumana? Ha detto , testuali parole " Nei prossimi film troverete elementi che getteranno le basi di Black Panther, il Wakanda [sarà in Avengers: Age of Ultron]… addirittura in cose che potreste aver già visto potrebbero esserci indizi sugli Inumani".
    Antro 1 - Resto del Mondo 0

    RispondiElimina
  11. Per chi non lo sapesse dal 28 Novembre L'"Awesome mix, Vol. 1" sarà in vendita come musicassetta (vera e funzionante).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai dove posso comprare la musicassetta?

      Elimina
  12. Mi rendo conto che un errorino scappa ogni tanto - sono il chirurgo plastico con il maggior tasso di Jigsaw cosplayers di tutta Cartoonia - ma Beta Ray Bill è del 1983 come il Let Dance del Duca Bianco ( che magro ha qualcosa di equino, ma probabilmente è una coincidenza ).Nel 1989 Walt disegnava lo X-Factor sui testi non memorabili - opinione personale -di sua moglie. Se non ricordo male Walt ha lavorato sulla testata di Thor x 4 anni ( x quanto riguarda i testi, i disegni sono stati spesso di Our Pal Sal Buscema ).

    RispondiElimina
  13. Ottimo post, molto istruttivo.

    Mi permetto di aggiungere una nota che Voi massa incolta, per cui il cinema esiste solo dal 1976/1977 in poi, non coglierete mai: la scena in cui la schiava del Collezionista tenta di impossessarsi di quel... boh... quel coso, e poi succede tutto quel casino, è una citazione letterale del finale allucinato di "Un bacio e una pistola" di Robert Aldrich del 1955, già parafrasata nel finale dei "Predatori dell'arca perduta".

    RispondiElimina
  14. Scusate, scusate ma mi scappa una precisinata starliniana:
    Anche nel fumetto Nebula non è veramente discendente di Thanos, in realtà racconta in giro di essere sua nipote per procurarsi, diciamo "street cred cosmica". Inizialmente la cosa funziona e tutti la temono, ma quando Thanos lo impara non la prende bene e se non sbaglio la tortura lasciandola in bilico tra vita e morte per tutta la saga del guanto (poi però lei si vendica, ecc. leggetevi la saga Infinity Gauntlet che è un gioiello) (ah ah gioiello, capita?). Thanos coglie anche l'occasione per ribadire che essendo lui innamorato di Lady Morte di conseguenza disprezza la vita, per cui non genererà mai una progenie.
    Spero di non essermi confuso, e scusate ancora.

    RispondiElimina
  15. Io ho aspettato la fine dei titoli di coda perché SAPEVO che ci sarebbe stato howard. Alla fine ho applaudito, felice come una bambina. Mi giro verso il mio ragazzo tutta elettrizzata... e ricevo lo sguardo interrogativo del "E quindi..?" e che mi ha fatto capire che la sua infanzia sia stata MOLTO infelice, priva di Howard il papero.

    Grande post, Doc! Un buon 60% delle informazioni le avevo trovate anche io per il mio post (soprattutto quelle sui doppiatori "eccellenti") ma grazie a te ora posso fare anche qualche collegamento coi comics, un'impresa che non avevo il coraggio di sobbarcarmi visto che della Marvel leggo solo roba mutante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una ragazza fan degli X-Men che conosce Howard il papero!!!
      Sposami, ti prego!!!
      Azz... sono già sposato...

      Elimina
    2. a me da piccolino Howard fece paura XD

      Elimina
    3. Ti spaventavano gli Occulti Supersovrani dell'Universo?
      Vabbè, dai, da piccolino ci sta...

      Elimina
    4. più che altro la versione intermedia dello scienziato posseduto

      Elimina
    5. premetto che sono un novello dell'universo Marvel in quanto il primo film visto è stato tipo Hulk (o cmq film che riguardano gli Avenger del film...pensavo che la storia fosse collegata solo a loro..invece a quanto vedo la cosa è molto più ampia e compassata)...........cmq sia in tt questo il papero nella parte post titoli di coda che cazzo ha detto al Collezionista?!?!?!?!? io ho visto il film in streaming ed ammeno che al cinema non abbiano messo dei sottotitoli il papero che ho visto io parla tipo in Koreano stretto,,,,(ps. sn aperto a qualsivoglia tipo di insulto,,sono consapevole di essere un ignorante per quanto riguarda i fumetti quindi perdonatemi il termine "papero")

      Elimina
    6. L'ho visto al cine ma non ricordo bene (la gGgente indicava Howard e Cosmo come Paperino e Laika, la gGgente...): Howard commentava qualcosa circa lo schifo provocato dal leccare in volto il suddetto collezionista. ;)

      Elimina
  16. Commento che non c'entra un'infiocchettatissima: Chris Pratt lo vedrei bene nel ruolo di Swan in un ipotetico film su Hammer (opinione molto personale...)

    RispondiElimina
  17. Bellissimo e interessantissimo post, Doc!!
    Per la fase 3 mi auguro di vedere anche Warlock e Nova (magari nel sequel dei Guardiani), mentre per Howard penso si tratti più di una citazione estemporanea...
    Mi spiace che nel film di Capitan Marvel non ci sia Mar-Vell ma Carol Danvers, comunque per il resto sono scimmiatissimo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ma un film con una super-eroina donna ci voleva, dai. :)

      Elimina
    2. Anche il Marvel Cinematic Universe vuole le sue quote rosa...
      Io avrei preferito She-Hulk ;)

      Elimina
    3. She-Hulk è un personaggio che vedo più adatto ad una serie televisiva che ad un film...però sì,nemmeno a me dispiacerebbe vedere Jen in versione live action.

      Elimina
  18. Ho iniziato a leggere il post, e Grooveshark mi piazza di sottofondo "Hooked on a feeling". Sarà stato un caso?

    Noi di misterokadmongiacobbovoyager pensiamo di no...

    RispondiElimina
  19. Non conoscevo ,ne conosco i Guardiani e quindi l'attrazione verso il film è quasi nulla. Mi rendo conto leggendo il post che facendo parte del movieverso Marvel avrei potut/potrei apprezzare i riferimenti al mondo Marvel cartaceo.
    Ma la voglia rimane zero. Beh mi rileggo il post sui guardiani versione comics

    RispondiElimina
  20. oddioooo!!! Howard lo vidi da ragazzina, c'era pure forse mi sbaglierò l'ex marito di Susan Sarandon e anche quell'attrice di cui ora non mi sovviene il nome che faceva un sacco di film negli anni 80 e che aveva fatto mi sa la mamma di Marty mc Fly in Ritorno al futuro, qui in questo film era cotonatissima.

    Uh ma Chris Pratt non è quello che faceva Everwood? voglio andare a vederlo, chi lo ha visto mi ha detto che ne val la pena....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eccola, proprio lei...ah già che ci sono mi è venuta in mente una roba che col film non ci appiccica 'na cippalippa, Visto che mi hai fatto venir gli incubi son sta dr. pepper ho pensato bene di assaggiarla (per la cronaca dove vivo io c'è un supermercato che ha un piccolo scaffale tutto di queste bibite, ci son persino le due coca vaniglia e cherry più il famigerato succo di guaranà e la fanta mi sa all'uva forse), credo che non la berrò mai più, anche perchè 1.56 francamente non li vale, la coca vaniglia invece non era male, devo assaggiare ancora il guaranà e la coca cherry...

      Elimina
  21. "Cherry Bomb" non l'avevo mai sentita prima e ora me la ritrovo in breve tempo qui e anche in una puntata di Warehouse 13. E' un caso?!

    RispondiElimina
  22. Contro inside curiosity su Pratt. Il nostro Starlord è anche regular nella spassosissima serie Parks and Recreation da cui ha dovuto assentarsi per le riprese del film. Per giustificare l'assenza viene impiegato temporaneamente a Londra alle dipendenze di un Lord inglese interpretato dal suo compagno di merende Peter Serafinowicz.
    Nella serie viene anche giustificato il suo incredibile dimagrimento dicendo che il suo personaggio aveva smesso di bere birra ... tanta tanta birra.

    RispondiElimina
  23. Gentile Dottor Manhattan, TI ODIO! Adesso voglio vedere questo film che consideravo una str... stranezza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, già la rece era da "fuori scala" sulla scala W.I.L.D.E.
      Per dire ;)

      Elimina
  24. Secondo me c'è anche un'altra citazione degna di nota: la scena in cui Drax lancia il fucile a Rocket. Ricorda molto la scena del film ''L'armata delle Tenebre'' quando il mago lancia la motosega ad Ash.

    RispondiElimina
  25. Doc, magari me lo sono perso, ma commenti al nuovo film delle Turtles?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ci sono sul blog ma te lo posso sintetizzare con un nipponico termin:

      Nakakata

      :D

      Elimina
    2. Non l'ho visto, non conto di farlo. Poi magari in home video, per farsi due risate. Ma poi poi ;)

      Elimina
    3. La recensione di Ciak dice che bisognerebbe mettere all'ingresso del cinema l'avviso "Vietato ai maggiori di 12 anni"...
      Mio figlio si ferma sempre a fissare le locandine, ma lui ha 2 anni quindi rientra nella casistica di cui sopra.

      Elimina
  26. Segnalo che ieri - oltre al già citato svelamento della programmazione della fase 3 - hanno trasmesso (con Agents of Shield 1x06) un altro filmato di Age of Ultron. La gara del Mjolnir!

    RispondiElimina
  27. Segnalo anche che devo ancora vedere i Guardiani e quindi mi sono fatto spoilerare troppo :-)

    RispondiElimina
  28. Una chicca che ho notato (suppongo non solo io, ma non l’ho sentita citare):
    Per tutto il film Drax ripete fino allo sfinimento che “vuole uccidere Ronan”, il che mi ha fatto un po’ storcere il naso perché nelle saghe di Starlin la missione finale di Drax è uccidere Thanos (è stato creato appositamente da Kronos di Titano). Però, però! Alla fine, dopo aver battuto Ronan, Drax col solito piglio autistico esclama qualcosa tipo “ora voglio uccidere Thanos!”.
    E nella mia testa tutto è tornato a posto. Son piccolezze che per i nerd fanno la differenza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. русский спамер29 ottobre 2014 14:51

      Notata anche io, si.

      In effetti per tutto il film mi sono chiesto come mai avessero messo Drax contro Ronan, invece che contro Thanos, pero' alla fine (proprio a causa del cambio di rotta che dici) credo di averne capita la logica: se Drax ha l'imperativo genetico di uccidere Thanos, perche' perde tempo a dar retta ad un gruppo di "sfigati" dietro a Ronan, considerato oltretutto che non gli interessano i soldi? Andava a cozzare un po' con la determinazione del personaggio e lo avrebbe reso un po' distante dagli spettatori, se si capisce cosa intendo.
      In questo modo invece ha un obiettivo immediato che lo rende comprensibile per tutto il film, ed alla fine rimediano alla cosa in modo anche piuttosto elegante.
      Secondo me nel prossimo film salterà fuori che il bagno nel liquido di origine "Eterna" lo avra' mutato riportandolo al suo livello di forza originaria e che si sara' ricordato di tutto il suo vero background. Tra l'altro spesso mostra una sorta di empatia verso le cose terrestri...probabile anche che rivelino il suo "vero" background ;-)

      Elimina
    2. Le origini terrestri le ho sempre trovate forzate, ma spero che tu abbia ragione sul power-up, ché vedere un Drax così debole fa proprio dispiacere. Va detto che non ho ancora letto le saghe cosmiche dal 2006 in poi e non so come sia il Drax attuale, ma quello di Starlin a un certo punto era praticamente un Hulk in grado di volare nello spazio, quello del film è “solo” un wrestler.

      Elimina
    3. русский спамер29 ottobre 2014 16:38

      Beh, le origini terrestri ci stavano in un contesto anni '70, alla fine gli danno una drammaticita' tutta sua ed aiutano i lettori ad impersonarsi in lui.

      Per la debolezza...beh, Drax e' da sempre un bel casino al proposito :-D
      Tecnicamente è stato creato da uno degli essere più potenti dell'universo per uccidere un altro essere altrettanto potente (Thanos), e tra l'altro ogni tanto ci riesce pure, quindi Drax teoricamente dovrebbe essere a livello di Thanos stesso o poco meno, altrimenti ciccia :-D
      In realta' non e' mai stato a livello di Thanos, almeno rispetto agli altri personaggi Marvel...ed ultimamente e' stato molto molto ridimensionato, ma comunque e' sensibilmente piu' potente della media...mentre quello del film e' comunque una mezza cacchetta, si. Pero' alla fine non mi lamento, eh: dell'universo Marvel i personaggi cosmici sono ormai gli unici che mi interessano in qualche modo, avere un film su alcuni di loro e' stata una bella soddisfazione.

      A me cmq ha dato piu' fastidio in assoluto il Ronan rachitico e privo di verve. Quello dei fumetti e' un armadio a sei ante e, sia quando e' buono sia quando e' cattivo, ha un modo di fare spettacolare...questo del film l'ho trovato un po' pezzente: secondo me e' quello che c'ha rimesso di piu' di tutti.

      Elimina
    4. русский спамер29 ottobre 2014 16:42

      P.S. riguardo le saghe cosmiche:
      Sono poche e sono tutte delle figate assurde, con personaggi ben caratterizzati, storie nuove ed un certo realismo, conviene davvero recuperarle e leggerle. Anche perche' alla fine il tutto si incanala nelle saghe degli Annihilators (o come cavolo si scrive) e li' i personaggi sono davvero caratterizzati divinamente :-)

      Elimina
    5. Mea culpa. Le ho ehm, comprate tutte sul defunto filecrop ma è un pezzo che devo mettermi in pari. Rimedierò.

      Elimina
  29. Che dire, stasera torno a vederlo arricchito di tante curiosità! Grazie Doc :)

    RispondiElimina
  30. Ci stava tutto un episodio della rubrica sui Guardiani. Amato tanto tanto il film, mi sono goduto il post senza la paura degli spoilerazzi. E secondo me la battuta su Footloose e la città di tizi con le scope nel culo è una citazione a Servi della gleba, si sa che Gunn è un grande fan degli Elii.

    RispondiElimina
  31. Il tipo blu di cui al punto 14, assomiglia molto al Toxic Avenger della Troma.

    RispondiElimina
  32. Visto. Tenendo conto che non sono un particolare fan Marvel, che non conoscevo personaggi e trama, che non me può fregare di meno nemmeno adesso che l'ho visto di saperne di più, gli dò un bel 6.5. Girato bene, divertente e indolore (che di 'sti tempi a questi blockbuster equivale a fare un complimento), becca quel mezzo in più perché, sì, sono sempre parecchio prevenuto. Diciamo anche che aspettare tutti i titoloni per vedere Howard mi ha un po' deluso; io, comunque, mi sono innamorato di Nebula.
    Sarà mica che vogliono fare che Starlord sia figlio di Captain America, no?! Oppure di David Hasseloff (chi sa, sa).

    RispondiElimina
  33. Però Nathan Fillion, più che per Castle, Slither e Super, in un film del genere va ricordato prima di tutto per Firefly/Serenity...

    RispondiElimina
  34. Grande film, grande articolo.
    Spero di vedere Cosmo piazzato meglio nel seguito, nei fumetti mi è sempre piaciuto, per molti versi mi ricordava Nick Fury.
    E comunque... IO SONO GROOT!

    RispondiElimina
  35. Sempre belli sti trivia. Comunque, personalmente, credo che l'Aether sia la Gemma dello Spazio, l'Orb la Gemma della Realtà ed il Tesseract la Gemma del Potere.

    RispondiElimina
  36. una curiosità su howard ...negli anni 70 in italia è stato rinomato come orestolo per via di uno scherzo della compianta Maria GraziaPerini (direttora di Eureka e traduttrice dei primi 6/7 anni dei Marvel Corno )nei confronti di Oreste Del Buono (giornalista )...(aneddoto dettomi di persona da MGP di cui mi ho avuto l'onore di essere amico)

    RispondiElimina
  37. Doc non so se possa trattarsi di una Citazione, ma - ROVINATORE -

    nella scena della battaglia finale, con Rocket al comando della Milano, lui esclama "dobbiamo impedire alle astronavi di giungere a terra!!" od una cosa del genere ---> a nessuno la cosa ha ricordato... SPACE INVADERS??

    Se ci pensate, la Milano e le altre astronavi si dispongono stranamente in fila anziché ovunque, e cominciano a sparare alle navicelle che precipitano verso di loro.........

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Guardiani della Galassia è pieno zeppo di citazioni. Al di là di quelle esplicite, [...] omissis [...] passando per i primi sparatutto come Space Invaders."

      Elimina
  38. Relativamente al Nova dei fumetti, Richard Rider:nella storia in cui muore, in teoria tiravano le cuoia anche Thanos, Starlord e Drax, e visto che questi ultimi sono tornati tra i vivi senza spiegazione alcuna, io terrei qualche speranza anche per il buon Richie.

    RispondiElimina
  39. Paolo Pugliese30 ottobre 2014 08:40

    Post, come al solito, molto interessante. Mi stavo chiedendo infatti quando sarebbe riapparsa la rubrica "le 20 cose che..." e me la ritrovo stamattina, svelandomi tra l'altro un bel po' di cose di GoG che mi erano sfuggite (tipo il bozzolo di Adam Warlock, oh my God!). Un paio di considerazioni:

    Ho trovato molto ben caratterizzato il personaggio di Ronan, da un lato calzante a quello dei comics, ma dall'altro anche molto più inquietante. Va da sé che, poi, nonostante la simpatia di Chris Pratt e Zoe Saldana, i personaggi digitali del film Rocket e Grooot sono a mio avviso i più riusciti del film, tanto a livello di design che a livello di caratterizzazione: una coppia che si sostiene e si completa a vicenda, aggressivo il primo, reattivo il secondo.

    Drax, a mio avviso, è il personaggio meno riuscito, descritto (volontariamente o involontariamente?) come uno stupidotto e di certo l'interpretazione di Battista non ne aumenta lo spessore. Io lo avrei visto di più sulla falsariga di Riddick, ma vabbè, un furiano basta e avanza. Piccola precisionata della fungia: Battista, in realtà, è al suo terzo film, visto che ha interpretato anche The Man with the Iron Fist accanto a Lucy Liu e Russell Crowe.

    Sono stato contento della scelta di Peter Gunn, avendo visto i suoi Slither e Super, lo consideravo un tizio sardonico/appassionato di fumetti che sa il fatto suo e non mi ha deluso. Il film dei Guardiani è davvero un sacco di roba divertente.

    La citazione finale di Howard the Duck, secondo me, è un omaggio preciso e voluto da parte del regista: non dimentichiamoci che, nel bene o nel male, il suo è il primo Marvel Movie ufficiale.

    Spero in una fase 4 con i film sui Nova Corps e Richard Rider (una pellicola su una polizia galattica? Perché no?) e poi, naturalmente Adam Warlock (che spero mettano in Avengers: Infinity War).
    Saluti e buona Lucca a tutti i fortunati che sono/saranno lì.

    RispondiElimina
  40. Ho pianto dalla gioia quando ho visto Howard the Duck... ahhh stupendo!

    RispondiElimina
  41. Allucinante come tu non abbia ancora visto Firefly... parli di Nathan Fillion E NON CITI Firefly....

    RispondiElimina
  42. secondo me la gemma della mente (la rossa) ce l'ha yondu.

    RispondiElimina
  43. Secondo mè 'l'obelsco' di Agent of Shield è una gemma!

    RispondiElimina
  44. Il nobile Korbinita Beta Ray Bill sarebbe un personaggio epico in un film Marvel

    RispondiElimina
  45. Secondo me la gemma che ha incastonata in testa "Visione" (visto per la prima volta in "The avenger, age of ultron" è da tenere in considerazione come una delle gemme dell'infinito

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails