venerdì 19 settembre 2014

80

MAME Roulette 2

Aliens Sala Giochi Konami
Secondo giro di MAME Roulette, la nuova rubrica dell’Antro dedicata ai giochi dell'epoca d'oro della sala giochi partita in fellatiomangia la settimana scorsa. Per chi fosse talmente debosciato da non aver letto il primo post e da non averci manco la forza di cliccare sul link di qualche rigo fa, ripetiamo le regole: 9 titoli pescati a caso da un randomizzatore di liste tra tutti quelli nella cartella “Good” (aka funzionanti) del tuo MAME OSX, più 1 scelto da te dalla cartella dei preferiti accuoricinati (“Favourites”). Ah, mahjong, quiz giapponesi incomprensibili, clonazzi brutti e altre mimmate non sono usciti l’altra volta e non usciranno né in questa né nelle prossime, per una ragione molto semplice: per alleggerire il romset, hai buttato via da tempo tutta la rumenta. E sì, la precisazione è ad esclusivo beneficio dei più rompitasche e insanabilmente PDF in ascolto, così possono tornare a dedicarsi alla micologia. Ma veniamo a noi: quali sono i nove titoli decisi questa volta dalla dea bendata della monetina, che immaginiamo con le dolci fattezze del tipico gestore da salagiochi semitossico/capoultrà/con gamba di legno dei primi anni 90? E quale quello jolly scelto da te? […]
1) MIDNIGHT RESISTANCE (1989, DATA EAST)
Ecco, partiamo malissimo, ché Midnight Resistance non credi di averlo mai giocato in sala. L'hai incrociato un paio di volte, negli anni del ginnasio, magro corollario delle sale biliardi dove andavate a perder tempo il sabato pomeriggio fingendo di essere lo Scuro con meno occhiaie, ma non ci hai mai messo manogettone. Però avevi già fatto a tempo a giocare la versione Amiga, quello sì. Il coin-op di Midnight Resistance aveva un joystick con la rotellina in cima, per orientare lo sparo (alla Ikari Warriors), e questa cosa delle chiavi da raccogliere, da super-portiere-d'albergo combattente, per sbloccare tra un quadro e l'altro le altre armi.
VERSIONI DOMESTICHE POSSEDUTE: MegaDrive. Forse, dovresti controllare.
TRIVIA: Midnight Resistance fa una comparsata (e viene cappottato) in Robocop 2, insieme ad altri giochi Data East, licenziataria per i coin-op del robopoliziotto.
2) IVAN IRONMAN STEWART'S SUPER OFF ROAD
(1989, VIRGIN GAMES)
C'è stato un tempo, un tempo lontano, tra la caduta di Atlantide e quella dei Technotronic, in cui le sale erano piene di questi giochi con volante e pedali a schermo fisso. Dovevi girare in tondo come un forsennato, facendo ruotare il volante come un parcheggiatore sotto speed. Titoli come Super Sprint di Atari o questo Super Off Road, giocato un po' di volte in varie sale giochi del tuo quartiere ai tempi, e poi diventato una droga pesante su Amiga. Dove curvare un po' troppo facendo invertire senso di marcia al fuoristrada, bruciando così il vantaggio accumulato, era evento bestemmiogeno frequente e di rara potenza.
VERSIONI DOMESTICHE POSSEDUTE: quella per Super Nintendo.
TRIVIA: di Super Off Road sono usciti diversi seguiti, l'ultimo dei quali, Offroad Thunder, la bellezza di dieci anni più tardi, nel '99.
3) SOCCER BRAWL (1991, SNK)
Una sala giochi di Sorrento, ma non quella dell'altra volta. Un'altra, sul corso principale, bella grande. Troppo grande e luminosa per restare in vita. Questo posto meraviglioso salvava te e tuo cugino dalla rottura di balle cosmica dei pomeriggi di giorni festivi in cui non si faceva niente e il negozio dei giochi copiati per Amiga era chiuso. Andavate lì e vi spaccavate con roba come Soccer Brawl, il calcetto del futuro sette contro sette per Neo-Geo con i supertiri esplosivi di Shingo Tamai, i colpi di testa e le rovesciate per segnare su ribattuta del portiere, gli avversari paralizzati con il raggio ciapasott. Lo Speedball del pallò, e per questo ancora molto più tanto fichissimo. È uno di quei titoli che ti diverti un frappo a giocare ancora oggi.
VERSIONI DOMESTICHE POSSEDUTE: il cartuccione per Neo-Geo AES, di cui vai molto orgoglione.
TRIVIA: la palla utilizzata nelle gare di Soccer Brawl è una sfera di metallo "a propulsione nucleare". meenchia.gif
4) SALAMANDER (1986, KONAMI)
Aaaah, Salamander. Lacrime napuletantissime. A parte l'avere uno degli art più belli della storia del videogioco, Salamander era uno sparatutto a scorrimento orizzontale di quelli punitivi. Di quelli che chi era bravo a giocarci veniva osannato come il primo esponente di una nuova razza di superuomini newtype in grado di prendere a coppini perfino la sbirraglia della municipale o gli anziani bucapalloni, e quelli muti. Non ricordi di preciso i bar, ma giù nel Cretaceo delle medie inferiori te lo trovavi davanti spesso, e non eri particolarmente bravo da far durare abbastanza quella monetina alla guida della Vic Viper, miseria ladrissima.
VERSIONI DOMESTICHE POSSEDUTE: C64, PC Engine, Saturn (Salamander Deluxe Pack Plus), PSOne (idem).
TRIVIA: Nato come spin-off della serie Gradius e noto negli USA come Life Force, a Salamander è stata dedicata tra l'88 e l'89 una miniserie anime di 3 OAV.
5) CABAL (1988, TAITO)
Il bar, questa volta, era in uno sperduto paesino del Pollino. Non ricordi bene come diavolo fosse finita lì la tua famiglia, ma come sempre tu e bro. eravate partiti in modalità automatica search and destroy alla ricerca dei cassoni del bar locale. E lì, in un posto dove era affisso un inquietante cartello in sumero antico ("Non si gioco dopo le VENTOTTO, graziz"), vi siete incollati allo schermo di Cabal. La struttura era molto semplice: un omino dalle capacità atletico-caprioliche, un mirino, tonnellate di nemici ed edifici da tirar giù sparando come se non ci fosse un tra cinque minuti. Il Gears of War del 1988, ma con il protagonista mimmo che camminava come Wile E. Coyote a fine livello. 
VERSIONI DOMESTICHE POSSEDUTE: Niuna.
TRIVIA: Cabal diede vita a un seguito a tema western (Blood Bros., 1990) e a un intero filone di giochi sostanzialmente identici, come NAM 1975, Wild Guns o il G.I. Joe di Konami del '92.
6) DIG DUG (1982, NAMCO)
Ma vorrei farti una domanda, lo sai che io sono un bruschetto. Rieccallà. Dig Dug. Come fai a spiegare la fissa per Dig Dug all'antrismo più guaglionico in ascoltovisione, che guarda questi sgorbietti preistorici con occhio severo e diffidente? Beh, all'alba dei tempi, quando i cassoni colonizzavano ancora il retro dei bar, condividendo spesso gli stessi metri quadrati dei punti telefonici muniti già all'origine di vecchiette, Dig Dug era calamita potente. Tanto per iniziare, perché era meno punitivo di giochi come Pac-Man, e tutti erano in grado di giocarci per qualche minuto senza fare la figura dei pirletti. E via a gonfiare altri nemici alla guida del jennojameson Dig Dug.
VERSIONI DOMESTICHE POSSEDUTE: in Namco Museum per PS2.
TRIVIA: in altri giochi Namco in cui appare, Dig Dug viene chiamato Taizo Hori (anteponendo il cognome al nome secondo l'uso nipponico, si legge "Horitai zo", in giapponese "voglio scavare") e indicato come il padre di Susumu Hori (il protagonista di Mr. Driller) e l'ex marito (!) di Toby "Kissy" Masuyo, dimenticata Samus Aran ante-litteram di Baraduke (1985).
7) X-MEN (1992, KONAMI)
Uno dei tanti picchiaduro a scorrimento (su licenza e non) nati nel post-Final Fight, X-Men di Konami lo si incontrava nelle migliori sale giochi e nei peggiori bar di Caracas anche sotto forma di enormi cassoni da 3 e financo 6 giocatori. I sei X-Men chiamati a legnare una serie infinita di sentinelle mignon, reaver e altro villanzoname - oltre a vari loro antagonisti usati come boss - erano Colosso, Cicoglione, Wolverine, Tempesta, Nightcrawler... e Dazzler. Con altri amici già in fissa per i super-eroi Marvel come te, X-Men era diventato un appuntamento fisso nella gloriosa sala giochi Formula 1 di Piazza Kennedy, piene l'una e l'altra (la saletta e la piazza) di un numero considerevole di giovani vaiasse troppo truccate.
VERSIONI DOMESTICHE POSSEDUTE: Xbox 360 (XBLA).
TRIVIA: Se vi state chiedendo perché diavolo abbiano scelto Dazzler come sesto membro della squadra, anziché, boh, un Gambit, una Psylocke o qualcun altro LEGGERMENTE più famoso, Konami aveva semplicemente preso la formazione di Pryde of the X-Men, il pilot animato del 1989, e tana libera tutti.
8) THE COMBATRIBES (1990, TECHNOS)
Non hai particolari aneddoti riguardo al tuo approccio a The Combatribes, per il semplice fatto che non l'hai mai visto in sale e baretti, ma l'hai scoperto solo una decina di anni più tardi, via MAME. Picchia-picchia della Technos, la stessa dei WWF e soprattutto di Double Dragon, presenta gli omini super-deformed come in quest'ultimo. Tre protagonisti tra cui scegliere, Final Fight-like, moto e flipper da sollevare e scagliare addosso al nemico, e soprattutto delle mosse superviulente come l'afferrare due nemici e tirar fuori un bel testa contro testa alla Bud Spencer. Molto ripetitivo, anche per gli standard del genere, e con poco scorrimento, visto che i livelli sono corti e super-affollati.
VERSIONI DOMESTICHE POSSEDUTE: Super Nintendo.
TRIVIA: Una delle mosse più fighe del gioco consiste nell'afferrare per i piedi un nemico atterrato e fargli un giant wing (aka "l'elicottero") alla Cezaro.
9) ROLLING THUNDER (1986, NAMCO)
Il bar ai confini del quartiere era un bar malfamato e i tuoi non volevano ci mettessi piede. Pare fosse frequentato da ladri di auto, ma tanto che ti fregava, te c'andavi in bicicletta /risateregistrate. Cambiavano spesso i due cassoni accanto al frigo dei gelati, e lì sei sicuro di aver giocato per la prima volta a Rolling Thunder, anche se per un po' sei stato convinto si chiamasse Rolling Tiger. Amore a prima Svista. Alla guida di Albatross della WCPO (World Crime Police Organization) toccava sparare a tutta una serie di tizi incappucciati, provenienti da Vega o forse massoni della grande loggia sbirulina, chi te lo dice. Proiettili contati, due livelli su cui spostarsi con un agile salto, musichina incalzante, Rolling Thunder generò la sua buona fetta di cloni, a cominciare forse dal più noto di tutti, Shinobi.
VERSIONI DOMESTICHE POSSEDUTE: Famicom.

TRIVIA: Rolling Thunder ha avuto due seguiti: Rolling Thunder 2 (arcade e Mega Drive, 1990) e Rolling Thunder 3, quest'ultimo uscito solo su Genesis, il Mega Drive yankee, nel '93.
TITOLO JOLLY: ALIENS (1990, KONAMI)
Il titolo scelto da te è Aliens di Konami, run-and-gun ispirato ad Aliens - Scontro Finale, in cui il giocatore guida Ripley o Hicks. Armati della Smartgun M56 (o di varie armi extra, come lanciarazzi, lanciafiamme e armi laser), i due devono farsi largo attraverso orde di xenomorfi... rosa. O celestinorosapallido. A tratti fin troppo mimmissimo, era però Aliens. E c'era il Power Loader: per voialtri giovani selvaggi maniaci dei mondi fantascienzi all'alba degli anni Novanta era un richiamo troppo forte. Dei tanti baretti in cui l'hai giocato ricordi soprattutto una sala giochi super-scusagna ricavata dietro un bar sul lungomare di Belvedere, non-ridente località-prigione di tante tue estati. Lì si prendeva da bere, ci si appropriava della saletta, e diventava nel tardo pomeriggio territorio della tua cumpa. Al gestore, purché continuavate a buttarci dentro monetine, sai che fregava.
VERSIONI DOMESTICHE POSSEDUTE: Non ne esistono.

TRIVIA: Nella versione giapponese Ripley è meno bionda, gli alieni sono più scuri e mancano alcune parti del gioco. E Newt, hanno tolto pure Newt. Si vede che a qualcuno stava sulle balle.

LA PRIMA PUNTATA DI MAME ROULETTE

80 commenti:

  1. "fellatiomangia" o "fellatiomaGNa" tipo pompa magna?
    Lapsus freudiano del correttore?

    RispondiElimina
  2. No niente, un grazie enorme da un non appassionato, che l'ultima volta che avrà giocato erano ancora in piedi le torre gemelle, per aver dato finalmente un nome al gioco con cui andai in fissa per mesi nei primi 90: Salamander. Erano anni che tentavo di scoprirne il titolo descrivendolo, senza evidentemente efficacia, agli esperti.

    RispondiElimina
  3. ehbè, qui si riesumano robe di un certo livello....
    a Super Off Road ci ho rotto un paio di joystick su pc (286 prima e 386 SX poi, che col tasto turbo disabilitato rendeva i miei riflessi un po' più rapidi :D )
    PS semi-off-topic: a quando due righe sui videogames (hardware) alternativi al mame? Tipo questi cosi qui? :D
    http://www.gohastings.com/product/ELECTRONICS/Atari-Flashback-4-Wireless-Classic-Game-Console/sku/288752307.uts
    http://www.gohastings.com/product/ELECTRONICS/Atari-Flashback-3-Classic-Game-Console/sku/286550511.uts#.VBvpMWPm4oE

    RispondiElimina
  4. Le monetine da 200 L. investite in "Rolling Thunder" e in "Off Road" sono pari al PIL della defunta Cecoslovacchia! Lacrime a più non posso... Se mi tiravi fuori come gioco jolly il calcio di "Mexico '86" potevo chiudere internet per sempre. Grazie Doc. Grazie di cuore per aprire ogni giorno il cassettino dei ricordi... Lacrime. Dissolvenza. Titoli di coda.
    P.s.: non chiedermi perchè ma nella mia mente bacata da ragazzino delle elementari, "Rolling Thunder" credevo fosse il videogioco di Dylan Dog... Mah!
    P.p.s.: qualcuno sa il titolo di uno sparatutto verticale dove un'astronave scrausa a furia di power up si trasformava in un mech sempre più evoluto dal quale spuntavano delle "cose" che sembravano le gambe di un robot (in stile Macross per intenderci...).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dev'essere UFO Robo Dangar:
      http://www.shmups.com/reviews/dangar/index.html
      Mi ricordo che ci stavo in fissa, molto bella la musichetta!

      Elimina
    2. Potrebbe essere Aero Fighters / Sonic Wings? Quando si lanciava "la bomba" c'era quello che si trasformava in robottone gigante http://www.hardcoregaming101.net/aerofighters/03aero3/Aero%20Fighters%203%2005.png

      Elimina
    3. UFO Robo Dangar!!!!!
      Ecco qual'era! Grazie mille mila Azel!
      Erano anni che cercavo di trovarlo! Forse il gioco dove ci ho buttato più monetine di tutti! Troppo una figata, col robot stile Goldrake/Getta con le astronavine che si univano! Vado a cercarmi la rom ora che so come si chiama! :-D

      Elimina
    4. No ragazzi, nessuno dei due... Siamo un po' troppo sul modernio. Il gioco sarà dell'87-88 a memoria.

      Elimina
    5. Mah... Finalizer - Super Transformation? Navicella, si trasforma, scudo, etc...

      http://www.youtube.com/watch?v=01veAEkZTYA

      Elimina
  5. Ma la bionda nel poster di Aliens chi è? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi pare un tantino più "gonfia" rispetto alla Weaver, no? :-/

      Elimina
    2. "gonfia" nei punti giusti.

      Elimina
  6. Tra questi titoli ho un ricordo bellissimo di Off-Road, non nella versione cassone ma in quella per pc. Ci ho giocato fino allo sfinimento ed effettivamente quando ti si girava la macchina tiravi giù una quantità di accidenti pazzesca per poi magari riuscire in un solo giro a rimontare tutti avanzando a colpi di nos che nel gioco veniva chiamato nitro, se non erro.

    Nota 1: Doc rolling thunder non l'avevi citato in vecchio post dove dicevi che c'era uno che te lo spegneva se non pagavi il "pizzo".

    Nota 2: non male la tipa di Alien.

    RispondiElimina
  7. Yep. Era esattamente in quel baretto malfamato lì. Non a caso.

    RispondiElimina
  8. Ed è già il fungissimo momento del precisino: Salamander, aggiungerei 'storicamente', alterna schermi a scorrimento orizzontale con schermi a scorrimento verticale (verticale esteso in riedizioni più moderne).

    RispondiElimina
  9. Bellissima carrellata, io l'unico sparacchio Konami che ancora gioco in tutte le sua versioni è Parodius. Midnight resistance per Megadrive era stato convertito malissimo, lo ricordo pieno di flicker e gambe trasparenti, Combatribes, usando l'antrolinguaggio è uno dei picchiaduro a scorrimento più legno che ricordi. X-men per i tempi era bellissimo ma magnava coin in maniera esorbitante, era pure un po palloso con i nemici sempre uguali, l'intro invece era fantastica con quel magnetone ipnotizzante che ti diceva "Gioca!Gioca!" e con i suoi poteri prelevava le monetine dalla saccoccia. I seguiti di Rolling Thunder in versione home Mega Drive erano bellissimi, giusto una spanna sotto agli Shinobi.

    RispondiElimina
  10. Vediamo cosa riesco a ricordare in base a questi giochi (alcuni dei quali credo di non averci mai giocato).

    Di Soccer Brawl ricordo che ci giocavo poco, sia perchè non ci sapevo giocare molto, sia perchè lo si trovava in uno di quei cabinati Neo-Geo che ti davano la possibilità di cambiare gioco con un pulsante centrale. In quella sala giochi, Soccer Brawl era stato messo con il primo Fatal Fury, uno dei miei giochi preferiti di allora.
    Aliens invece lo ricordo in un cabinato Neo-Geo insieme a Burning Fight, in questo caso l'alternanza era più equilibrata.

    Passando a Cabal, era uno di quei giochi che poi riproducevo a casa con la fantasia e con le mie armi finte. In quel periodo ero un bambino che non poteva permettersi un computer o una consolle, per cui quando stavo a casa giocavo o con la mia collezione di pupazzetti (presi da lego, playmobil, uovo kinder, patatine, ecc) o con la fantasia, fingendo di essere uno di quei personaggi dei videogiochi. Se qualcuno mi vedeva, mi prendeva per esaurito.

    Di Off Road ricordo che nell'attract mode (cioè quando non c'è nessuna monetina e si vede il gioco con la scritta "game over" fissa e "insert coin" lampeggiante), si riusciva lo stesso a pilotare le macchine, non so se qualcuno può darmi conferma su questo.

    X-Men era stato pochissimo nelle sale giochi che frequentavo, lo ricordo appena ma mi piaceva. The Combatribes invece mi esaltava parecchio per le mosse violente che si potevano fare, ma la difficoltà era elevata e il mio entusiasmo andò velocemente scemando.

    Rolling Thunder non sono mai riuscito a vederlo in una sala giochi/bar, ma ho sempre visto il suo clone made in SunA, ovvero "Rough Ranger", il gioco con il più assurdo rapimento della storia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai un ricordo simile al mio, quante scene di guerra immaginaria con tutti quei pupazzi eterogenei ed improbabili. Cabal lo finivo con un gettone

      Elimina
  11. Soccer Brawl, pur con tutti i bug di questo mondo, è un capolavoro senza tempo

    RispondiElimina
  12. Beh, a parte Combatribes direi di averli sverginati tutti.
    Alien un palazzo di 100 piani sopra tutti, giocone.

    RispondiElimina
  13. Sul mitico Dig Dug, mi permetto di consigliare una serie di webcomic celebrativi per il 30simo anniversario.

    http://www.shiftylook.com/comics/digdug/a-birthday-suitable-for-an-8-year-old-writer-artist-matt-melvin

    alcuni ilari, altri strani, alcuni persino profondi.

    Cheers

    RispondiElimina
  14. Piango che non hai nominato TOKI. Momenti EPIQUI

    RispondiElimina
  15. Salamander!!! Appena ho visto la copertina ho avuto un brivido di circa 999999 secondi, tanta nostalgia.
    Cabal l' ho giocato tantissimo prima in sala giochi e poi in versione C64, Rolling Thunder ed Aliens sono altri due gioconi.
    Ma Salamander...

    RispondiElimina
  16. Torneo di Soccer Brawl sul mame in ufficio..fatto!

    Bruschetta rotante (sparata dallo Spacer) per il gioco degli X-Men; incontrato al mitologico Primatist/Playtime di Torino, meta obbligata di ogni fine anno scolastico di medie e liceo, era nella versione 6 giocatori; uno spasso finirlo tutti insieme, mi ha attaccato il morbo dei comics..e non ne sono più uscito..

    Off Road ce l'avevo per win 3.1 e ci consumavo la tastiera; semplice ma, come ovvio, "drogante".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Playtime di Torino!! Mitica. Come l'augusta per giocare a biliardo tra loschi figuri...

      Elimina
  17. Soccer Brawl!!! Ecco come si chiamava quel gioco di calcetto fantascienzo (ma al tempo stesso antidiluviano) che io ed i miei amici avevamo scoperto in una sala giochi romagnola nell'ormai lontana estate del 2002... Era flippotrippissimo, malgrado l'età! Ora però credo sia definitivamente in pensione, sono passati altri 12 anni...

    RispondiElimina
  18. a parte X-Men e Soccer Brawl non ci ho giocato mai a nessuno... era andata meglio la volta scorsa :(

    Di "Pryde of the X-Men" (ahahahahhaah, capito la battutona?) non vedetevi MAI la versione doppiata in italiano, sembra un ridoppiaggio di quelli in dialetto per fare ridere, solo che è in italiano e non fa ridere!

    https://www.youtube.com/watch?v=6SDcDiNwIpw

    RispondiElimina
  19. Che ricordi...

    X-Men l'ho scovato in uno stabilimento in vacanza e ci ho passato vari pomeriggi lasciandoci almeno 10.000 lire in monetine da 500.

    Senza contare le corse in bicicletta per raggiungere il posto dove si trovava (ero al mare, ed il tutto ignorando le tipe (vere) inc ostume da bagno...

    Cabal anche l'ho visto molto in giro, ma non mi è mai piaciuto troppo.

    Rolling Thunder infine l'avevo sull'Amiga ma non l'ho mai finito, sarà che mancavano i trucchi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... e mancava anche tutto il resto, voglia compresa, dato che RT per Amiga è stata la conversione peggiore mai realizzata in assoluto! (Anzi, per ST, dato che ancora una volta la versione Amiga ne era uno squallido port...)

      Elimina
  20. Ottima iniziativa questa del MAME roulette! Nell'infinità di titoli, è comodo e utile avere un punto di riferimento per raccogliere i giochi che più degli altri hanno segnato la nostra infanzia... Una sorta di "memoria collettiva" delle sale giochi anni 80! Di questa prima puntata, quelli da bruschetta nell'occhio per me sono Salamander, Midnight Resistance, Cabal, X-Men e Dig Dug... Mamma mia che ricordi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Di questa prima puntata"
      Ehr...
      ;)

      Elimina
    2. Sig. Ale, la preghiamo di consegnare la tessera di antrista all'uscita e di ricevere il "coppino" di ammonimento.... ;)

      Elimina
    3. Scusate, scusate, avete ragione, sono ancora provato dalle coliche renali che mi hanno piegato in due la settimana scorsa... Mi sono perso qualche post antristico...

      Elimina
  21. La maggior parte dei giochi di questo giro l'ho conosciuta con un lievissimo ritardo di circa 15 anni direttamente via Mame, ma Rolling Thunder ricordo di averlo giocato nella sala giochi del Luneur (pace all'anima sua), mentre Aliens è stato una implacabile voragine mangiaspicci durante il primo anno delle superiori, visto che stava nel bar di fronte al liceo. Tra partite prima della campanella, partite dopo l'uscita e partite quando avevo "la febbre" gli ho dedicato svariate ore di vita. E non me ne pento minimamente, devo dire :)

    RispondiElimina
  22. Giocati tutti tranne OFF Road e Salamander ( i generi non mi piacevano).
    Si Soccer Brawl ricordo il trucchetto per segnare da fuori aerea col tiro potenziato: ti mettevi a un altezza più o meno coincidente col bordo del dischetto centrale e calciando ( non importa da quale distanza ) la palla entrava in rete.
    Funzionava al 100% ma solo nei primi incontri

    RispondiElimina
  23. Salamander!!!
    Figatissima! Insieme a UFO Robo Dangar citato nei commenti qui sopra, è stato uno dei giochi più belli bellissimi della mia infanzia! Ci giocavo nella saletta vicino alla spiaggia dove andavo d'estate, a piedi scalzi e con il Calippo che colava sui tasti... Bruschette a panieri... :_)

    Anche di Off Road ho bei ricordi, con quei volanti fichi per l'epoca ("Sto guidando una macchina!") e i testacoda a tradimento come hai giustamente citato tu! :-)

    RispondiElimina
  24. argh si è cancellato il msg scritto prima...ba beh, niè riscriverò solo la cosa che mi ha colpito. Artwork di combatribes, certo a parte Guile premarina che prima era un picchiatore di strada...e dopo, beh pure. Ma a guardare meglio...ehehe il pavimento è un muro. no sul serio, intonaco con sotto mattoni..ah che bella inegnuità dei tempi andatiXD!
    PS: cabal, sigh...so loooong time ago...

    RispondiElimina
  25. dalla regia mi dicono che "inegnuità" è ingenuità nell'italiano del 2014.

    RispondiElimina
  26. Rolling Thunder!!! ci ho speso non so quanti quattrini a quel gioco,lo adoravo(e lo adoro ancora adesso).
    Lo giocavo quando salivo in vacanza in un paesino dell'Emilia nella sala giochi del paese.E ci gioco ancora adesso sul mame.
    Le musiche sono tra le più belle che abbia mai sentito in un videogame di quei tempi.

    plot twist:non sono mai riuscito ad andare oltre il primo livello :(

    RispondiElimina
  27. Maròòò non me ne ricordo nemmeno uno ;_;

    Ma sei proprio tetragono su questo tuo rifiuto del Mahjong? Nemmeno gli strip mahjong con le studentesse manga? Sicuro sicuro sicuro??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però Sichuan rimane un caposaldo. :)

      Elimina
    2. Sichuan è una versione solitario, giusto? Ma il vero mahjong è una specie di scala 40, solo con regole che sembrano figlie di un amplesso illegittimo tra quelle del baseball e quelle degli scacchi eterodossi, cioè: non ci ho mai capito una mazza.
      E in questa versione, esistevano (esistono) dei giochi hentai tipo strip poker in cui se vincevi la signorina avversaria si metteva in deshabillé.
      Se mi chiedete come faccio a sapere queste cose, mi appello al Quinto Emendamento.

      Elimina
  28. Rassegna di quelli che ho giocato:

    - Midnight Resistance: il coin-op l'avrei scoperto anni più tardi,ma all'epoca la versione per C64 (discretamente fedele e con tutti i livelli del cabinato nonostante qualche taglio inevitabile) mi diede molte soddisfazioni.

    - Cabal: questo invece lo assaggiai prima in versione coin-op,poi arrivò l'altrettanto validissima conversione per C64,che guardacaso era programmata dallo stesso team che si occupò di Midnight Resistance.

    - Dig Dug: la droga. Semplice ma incredibilmente coinvolgente una volta fatta la mano.

    - Rolling Thunder: conosciuto grazie al MAME. Ha una curva d'aprendimento ripida quanto l'Everest ma vale la pena di perseverare,visto che è divertentissimo.

    - Aliens: centinaia di monetine buttate nel cabinato,un vero spasso a parte certe scelte cromatiche improbabili (i gia citati xenomorfi rosa).

    RispondiElimina
  29. In questo secondo giro nei ricordi dell'infanzia videoludica mamesca nn ho molto da dire.... a parte il fatto che Combatribes l'ho scoperto anche io conl'emulatore casalingo..... bellissimo Soccer Brawl, Aliens non malaccio..... mi divertiva.......

    RispondiElimina
  30. Rubrica sempre molto mariomerola, ma questa volta ricordo ben pochi giochi.
    Super Off Road l'avevo snobbato in sala e poi riscoperto alla grande su Amiga/Mame. Soccer Brawl e X-Men non mi appassionavano, magari li recupero.
    Chapeau per fellatiomangia

    RispondiElimina
  31. Ma le ore ventotto sarebbero le 4 del mattino?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse le ore 20, cioè le otto di sera.

      I misteri...

      Elimina
  32. Midnight Resistance: rarissimo caso in cui la conversione per Amiga risultava essere addirittura migliore del coin-op stesso!!! Assolutamente meraviglioso! (... e conversione per Sega Megadrive incredibilmente piena di difetti!)

    Off Road: eccezionale, tante partite al lido balneare dove lo avevano installato. La versione Amiga era molto buona ma un pochino meno frenetica, e soprattutto le musiche erano state peggiorate:/

    Dig Dug: tante partite su C64!

    Aliens: ottimo!

    Rolling Thunder: quante ne avrei da dire... ho conosciuto prima l'orribile scopiazzatura, "Rough Ranger", poi un giorno ho visto l'originale in una piccola sala giochi ed è stato amore a prima vista! Ma lo tolsero subito... e ne individuai un altro solo in un bar su una strada di montagna, montato all'esterno, al freddo! Quella sera feci le mie partite in cappotto, sciarpa, guanti e cappello! Poi mio cugino mi passò la versione per Amiga... e... OH MY GOLD! E' stata la peggior schifo-conversione mai vista su Amiga (E su ST, dato che ne era il solito orrido port), il peggior lavoro mai svolto dalla Tiertex o da chiunque altro! Eppure incredibilmente ci fu una rivista che, nonostante ne elencasse gli infiniti difetti, concluse:"... ma su tutto questo ci possiamo passare tranquillamente sopra, e dire che è un gioco eccezionale e che dovrebbe diventare il riferimento per tutti i giochi futuri!". Non credevo si potessero scrivere bestialità peggiori rispetto a quelle con lui lodarono la successiva conversione di Strider...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella di RT non sara' mica stata una recensione della mitica Guida Videogiochi, traduzione Jackson fine anni 80 di una rivista gianfransua'?
      La leggevo sempre, ma tendeva a dare voti a vanvera!

      Elimina
    2. Non penso... la recensione-spazzatura a cui mi riferisco era quella della rivista inglese "Commodore Computing International".

      Elimina
  33. Midnight resistance, Off-Road e Cabal erano presenti sulla mia Amiga, e sono stati causa del cambio di diversi joystick in plastica... che ricordi... pomeriggi passati a giocare in doppia con la scusa di fare i compiti insieme, con un auricolare a testa (facendo passare l'audio tramite la presa cd-in della radio) e dito pronto a staccare corrente nel caso ci fosse mia mamma nei paraggi.
    Se lo facesse oggi mio figlio gli farei un cazziatone tanto, grazie mamma per aver fatto finta di non accorgertene.

    RispondiElimina
  34. Ricordi stupendi le salette anni 80 e 90 !!!! Ti ricordi anche per caso Doc il gioco Empire City ? Era uno shoot em up con il mirino ambientato nelle N.Y. Anni 30? Sono riuscito di recente a trovare la rom insieme a quella da 17 gb del lasergame superbruschettoso per me Firefox Atari! Un abbraccio da un nerd dai capelli bianchi

    RispondiElimina
  35. Dig Dug era legato indissolubilmente a mio nonno che mi accompagnava, io piccino, in sala giochi sul lungomare di Stabia ed io letteralmente adoravo quel gioco. Rivederlo oggi imbruschetta per le tante mancanze che il tempo ha lasciato.
    Rolling Thunder scoperto piu' tardi ha divorato intere paghette in poche ore ma posdo dire di ricordarlo ancora a memoria.

    RispondiElimina
  36. Discorso a parte per X-men che, con un amico, terminammo in una notte ubriachi come sifoni in attesa che si decidesse dove andare .... Beata gioventu'

    RispondiElimina
  37. Gli incappucciati di Rolling Thunder erano chiaramente della lobby dei tabaccai.
    Bruschettoni su Cabal e Aliens

    RispondiElimina
  38. Quanti bei ricordi. Anzi no, a pensarci e fare 2 conti dei millemila lire spesi respirando il fumo passivo e le fiatelle della gente del bar mi viene il male. Quante giocate a Soccer Brawl. Da notare che, non so se era il video del cassone o il gioco proprio, ma quei colori acidissimi ed accesi dopo 2 partite era da sangue agli occhi. La cosa fighissima era beccare la posizione di tiro da centrocampo, appena sotto il cerchio di metà campo, che garantiva il goal sicuro salva incontro.

    RispondiElimina
  39. Salve Doc ho una richiesta di aiuto per te e tutti gli antriti:qualcuno si ricorda il nome di uno sparatutto a scorrimento verticale dei primi anni 90 di cui hanno pubblicato alcune immagini sulla storica CVG,una in particolare dove si vedeva questo volto enorme di colore blu,somigliante a kenshiro,che lanciava un attacco in stile 100 pugni di hokuto(presumo fosse una smart bomb)per tutto lo schermo).Mi e' rimasta impressa quell'immagine ma non sono mai piu'riuscito a ricordare il titolo...aiutatemi raga lo sto cercando da anni!!!!!!

    RispondiElimina
  40. CABAL!!!
    ALIENS!!!
    OFF ROAD!!!
    Bruschette come se piovessero! Corro a scaricarmeli! La settimana scorsa non sapevo neanche dell'esistenza del MAME, ora ho già passato notti insonni a giocare a Sonic, Ghosts & Goblins e Cadash. E ho pure Altered Beast in rampa di lancio...

    RispondiElimina
  41. Rolling Thunder! Hai aperto un'altra galleria da tempo perduta della mia memoria di giocatore Amiga anzianotto. L'ho riconosciuto dai massoni sbirulini. Quanto è vero poi che Super Off Road era una droga pesante, e nella mia copia c'era un'allegra animazione un tantinello sacrilega durante l'immancabile animazione del crack.
    Proprio questa potente nostalgia canalis mi ha portato ad usare il coupon gentilmente offertomi da Steam per prendere Iron Fisticle, gioioso clone di Smash Tv dalla grafica che ricorda molto da vicino il glorioso tastierone Commodore, che gioco in coppia con Luftrausers, altra perla di retro ispirazione.

    RispondiElimina
  42. Grande rubrica, e via il cappello per la scelta dei giochi.
    Off Road è stato uno dei primi giochi che ho avuto su PC ( dischetto da 720k ) e ci ho giocato ore ed ore.
    Salamander, al tempo, mi impressionò per l'originalità della grafica "organica", ma, come la maggior parte degli spara-spara dell'epoca, ti faceva impazzire quando morivi con una super astronave, mega armi, tutte e 4 le "option", e dovevi riprendere in un livello difficilissimo con lo sparo "base" della mutua ( Slap Fight docet ).

    RispondiElimina
  43. wow, di Midnight Resistence ricordo solo la versione Amiga.. mi aveva talmente appassionato che la mattina mi alzavo prima per qualche partitina prima della scuola (onoreficenza riservata solo a pochi titoli, e principalmente conversioni) Il coin op ho potuto giocarlo solo anni dopo sul Mame, niente di che.

    RispondiElimina
  44. Grazie Doc, mi hai fatto ricordare (come in un flashback spiegone dei peggiori film) la "sala giochi" del lungomare di Belvedere. Lacrime napulitante e anche calabritante.

    RispondiElimina
  45. Genuini MAMEnti emozione.

    Aliens è fra i miei giochi preferiti da sala in assoluto, se non IL preferito, quando ero piccolo ci ho speso un capitale e lo rifarei. Devo decidermi a comprare la scheda Jamma per il mio cabinato...

    A Combratribes ricordo tante botte e tanto divertimento, ma ero piccolo e qualsiasi cosa somigliasse a final fight andava benissimo, ora sarei più selettivo.

    Salamander o meglio Life Force ce l'ho per nes, lì i livelli di scrolling si alternavano uno orizzontale e uno verticale però, era un'innovazione NES only?

    RispondiElimina
  46. Io adoro 'sta rubrica.
    Una delle migliore nuove rubriche! Ogni titolo un ricordo diverso! Un periodo della mia vita
    Beh oddio ogni titolo no, ma alcuni sono bruschette belle grandi negli occhi!
    Great!

    RispondiElimina
  47. E come direbbe Magneto "welcome to die". Bella stà rubrica. Dei giochi citati, ho giocato sicuramente X-Men, Cabal e Soccer Brawl e ovviamente Aliens. Quest'ultimo il più bello senza dubbio. Cabal l'ho giocato dove essermi innamorato di Blood Bros ed è stato eclissato. Soccer Brawl si e no ma c'era sicuramente di meglio. X-Men andrò a rigiocarlo perchè lo ricordo meno.

    RispondiElimina
  48. Aliens... trovato in sala giochi all'uscita delle superiori, iniziato, giocato e finito al primo impatto con buona pace del distributore di gettoni!

    Cabal anche lo ricordo con piacere, mi pare ci fosse anche la versione co-op!

    RispondiElimina
  49. vado OT per un momento...

    è uscito il trailer del prossimo film di Burton. Ricordo che il doc voleva fare un post sul regista poichè a)non ne aveva ancora fatto uno b)la signora manhattan incontrò il regista a venezia.
    Il trailer potrebbe essere un buon incipit

    RispondiElimina
  50. Sto ancora piangendo dalla prima puntata per i giochini (che conosco praticamente tutti) e tu mi tiri fuori Dig Dug. Dico solo una cosa: Atari 2600. Avevo le cassettine di Dig Dug, Pacman, Defender e Moon Patrol.
    Adesso scusami che vado ad affettare il pane per fare altre bruschette con cui cospargermi gli occhi.

    RispondiElimina
  51. Ci credereste che di tutti questi titoli ho giocato solo a Soccer Browl e Alien? Gli altri sono praticamente un mistero e non li conoscevo (potere del mame, vieni a me!!!). Di Soccer B. la cosa che più mi ricordo è che ci giocavo quando veniva per l'estate a trovarmi il mio amico brindisino Igino, che poi non ho più rivisto... scusate ho avuto un grosso momento di bruschetta...

    RispondiElimina
  52. Questa rubrica è un pugno allo stomaco, li conosco veramente TUTTI. Minitrivia per Soccer Brawl: se giocavi contro il computer e premevi il tasto salto del giocatore 2 gli omini del COM si mettevano a saltare. Mi è capitato in almeno 3/4 cassoni, quindi tenderei ad escludere che fosse un falso contatto...

    RispondiElimina
  53. Rolling Thunder...piangiamo!
    Cabal non l'ho mai giocato ma ho giocato fino alla morte il fratello wester, Blood Bros. Tra l'altro Wild Guns per super nintendo e' molto carino...
    Su Alien ricordo anche altri giochi.... c'era alien vs predator , picchiaduro a scorrimento della capcom e una specie di sparatutto sui binari col solito cabinato badass della SEGA.

    RispondiElimina
  54. Grandi titoli in lista! X-men, Aliens e Soccer Brawl... tutti e tre giochi che ho apprezzato all'epoca e che gradirei rigiocare adesso (x-men è fattibile, è disponibile su ios).
    Due appunti: il tizio in bianco di dig dug sembra Turbo di Ralph Spaccatutto e, ritornando in tema ios, c'è il pacchetto di Metal Slug (1, 2, 3 e X) a 6,99 su App Store, se a qualcuno garba...

    RispondiElimina
  55. Lacrime, lacrime, tantissime lacrime. In attesa di veder recensito Super Dodge Ball.

    RispondiElimina
  56. ci credo che i giappi abbiano tolto Newt dal gioco. Sulla copertina fa più paura lei dello Xenomorfo

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails