martedì 5 agosto 2014

68

Capitan Cavey, Hong Kong Phooey e gli altri (Tutti i cartoni animati di Hanna & Barbera, parte III: 1972-1979)

Cartoni Hanna Barbera anni 70
Diciamoci la verità: non ci credeva più nessuno. Cioè, manco te. Ma a sorpresa, come i parenti scovati in Argentina dalla Carrà ai tempi che furono, ecco la terza parte del superlistone con tutti i cartoni animati di Hanna & Barbera. Sì, con due anni di ritardo, ma mo' non stiamo a guardare il capello di Napo Orso Capo. Dopo la prima parte sugli esordi flintstonosi e sparalesti (1959-1966) e la seconda sugli anni ruggenti dei Dick Dastardly, dei Banana Splits e degli Erculoidi (1967-1971), oggi ci spariamo la terza parte, dal '72 al '79, con Capitan Cavey, Hong Kong Phooey, i Superamici, La Famiglia Addams e un sacco di altra gente. Chi cambia canale è uno Svicolone […]
IL CLAN DI CHARLIE CHAN
(THE AMAZING CHAN AND THE CHAN CHAN, 1972)
Il Clan di Charlie Chan raccontava le avventure dell'ennesima banda di svelamisteri scoobyduici, in questo caso la famiglia del signor Chan, munita di veicoli trasformabile grazie al figlio genietto e alla bisogna impegnata come band musicale, i Chan Clan. Per la versione originale furono ingaggiati in un primo momento degli attori di origini asiatiche, ma i produttori della CBS temevano che il loro accento rendesse i dialoghi poco comprensibili, perciò vualà, nuova tornata di doppiaggio con rEgazzini che di cinese c'avevano al massimo la camicia.
ASPETTANDO IL RITORNO DI PAPÀ
(WAIT TILL YOUR FATHER GETS HOME, 1972)   
Altra serie del '72, trasmessa da noi dapprima sulla RAI a metà anni Settanta, la domenica pomeriggio, solo per otto episodi e con il titolo di Ribelli in famiglia, quindi integralmente su Retequattro a partire dal 1980 come Aspettando il ritorno di papà. A guardarlo oggi, questo quadretto familiare con problemi di gap generazionale e casini assortiti sembra un progenitore dei Simpson, dei Griffin e di altre serie simili, ma in realtà pare la serie era ispirata ad alcune sitcom dell'epoca, come Arcibaldo (All in the Family).
I FIGLI DEI FLINTSTONES
(THE FLINTSTONE COMEDY HOUR/SHOW, 1972)
The Flintstones Comedy Hour (poi The Flintstones Comedy Show nelle repliche) includeva nuove avventure di Fred e Barney e nuove storie dei Pebbles (Ciottolina, la figlia di Fred e Wilma Flinstones) e Bamm-Bamm (Bam Bam, figlio adottivo di Barney e Betty Rubble) adolescenti, come nel precedente The Pebbles and Bamm-Bamm Show.
S.P.Q.R. - SEMBRANO PROPRIO QUASI ROMANI
(THE ROMAN HOLIDAYS, 1972)
La formula dei Flintstones e dei Pronipoti/Jetsons, ossia consuetudini e oggetti della vita odierna, calati in un altro contesto. Questa volta l'ambientazione era la Roma del 63 d.C. e la storia quella di Gustus Festus, sua moglie Julia e i figli Precocia e Happius. In Italia i tredici episodi della serie (che in originale aveva un titolo che richiamava il Vacanze Romane con Gregory Peck e Audrey Hepburn) sono stati trasmessi a partire dal 1980, su Rai 1 e poi su varie serie private.
SEALAB 2020
(SEALAB 2020, 1972)
Altra serie di soli tredici episodi, terminata in modo brusco, visto che ce n'erano altri tre già pronti ma non furono mai trasmessi. Parte del filone di cartoni avventurosi di H&B, Sealab 2020 era ambientato nella base sottomarina Sealab, i cui uomini erano alle prese con mostri sottomarini e casini molto pesi su una scala da zero a Sharknado. In Italia andò in onda su varie reti private dal 1979.
GLI SPECIALI DI SCOOBY-DOO
(THE NEW SCOOBY-DOO MOVIES, 1972)
24 episodi, secondo capitolo della lunga saga di Scooby-Doo, dopo la serie originale del 1969. A caratterizzare questa nuova serie erano la lunghezza doppia delle puntate (43 minuti)
e soprattutto la presenza in ciascuna di un ospite speciale: la Famiglia Addams, Batman e Robin, Sonny e Cher… In molti casi si trattava di cross-over con serie precedenti o in corso (Harlem Globetrotters, Josie and the Pussycats, Jeannie…), in altre di prime apparizioni animate di personaggi poi protagonisti in seguito dei loro cartoni, come la Famiglia Addams. Il concetto di cross-overoni improbabili di Scooby-Doo è andato avanti peraltro fino ai giorni nostri, con film come Scooby-Doo! WrestleMania Mystery.
 No, DAVVERO.
JOSIE E LE PUSSYCATS NELLO SPAZIO
(JOSIE AND THE PUSSYCATS IN OUTER SPACE, 1972)
Liberamente traducibile con Le pheeghe dello spaz… Serie spin-off per Josie e le Pussycats, questa volta alle prese con un viaggio alla Star Trek: ogni puntata un mondo nuovo e varie razze aliene strane che immancabilmente rapivano una delle protagoniste. Il ratto delle gattine. 
SPEED BUGGY
(SPEED BUGGY, 1973)
All'apparenza un clone di Scooby-Doo, con la macchina del titolo cagnolona che faceva le faccette buffe, ma in realtà Speed Buggy era in pratica un remake di Josie e le Pussycats, visto che riciclava senza vergogna le storie della prima serie delle gattine rockettare (e in un caso pure dell'appena citata seconda, con Josie e le altre nello spazio). Titolo e protagonista ammiccavano comunque al maggiolino tutto matto della Disney (il primo film di Herbie è del '68). Anche questa serie debuttò in Italia nell'80, e prima di buttar giù questo listone l'avevi completamente rimossa. Lacrime napulitante.
BUTCH CASSIDY
(BUTCH CASSIDY AND THE SUNDANCE KIDS, 1973)
Il titolo originale cita il western di George Roy Hill Butch Cassidy and the Sundance Kid, con Rober Redford e Paul Newman (in Italia solo Butch Cassidy, idem per il cartone), ma questa serie animata non c'entra nulla col vecchio West. I Sundance Kids sono una band, hanno un supercomputer (allergico ai cani!) che si chiama Mr. Socrate, e sì, sgamano crimini, smascherano gente, fanno cose. Il batterista del gruppo era doppiato in America da Micky Dolenz dei Monkees.
L'ARCA DI YOGHI
(YOGI'S GANG, 1973)
Seconda serie personale dell'Orso Yoghi: a bordo di un'arca volante, Yoghi e altri personaggi dei vecchi cartoni dello studio (Braccobaldo, Ernesto Sparalesto, Svicolone, la Formica Atomica, Ugo Lupo, Magilla Gorilla, etc) vivono mirabolanti avventure affrontando villanzoni di vario tipo. Magilla Gorilla è nominato in questo istante eroe simbolo dell'Antro fino a fine mese, senz'altra ragione di un perché sì. Sia messo agli atti.   
I SUPERAMICI
(SUPER FRIENDS, 1973)
E qui, solo per parlare dei Superamici, delle tante incarnazioni dei Superamici (in America 9 stagioni e la bellezza di 101 episodi, in onda fino al 1986, con l'avvincendarsi di varie spalle comiche, da Wendy e Marvin ai supergemelli Jayna e Zan, con la scimmia Gleek) potremmo stare delle ore. Ma siccome il listone è lungo e dobbiamo ancora buttarci dentro ventordanta serie, facciamo che si ritorna sull'argomento in un futuro più o meno prossimo, ok? Ok. /selosegna
Per ora ti piace citare i deliranti siparietti finali con i super-eroi che ti insegnavano le cose. Quella volta che hai visto Batman spiegarti in televisione come fare i trucchetti magici di Art Attack con la carta da giornale hai pensato che il mondo sarebbe finito di lì a poco.
GOOBER E I CACCIATORI DI FANTASMI
(GOOBER AND THE GHOST CHASERS, 1973)
Un gruppo di giuvinotti risolve dei misteri misteriosi a base di fantasmi o presunti tali, portandosi dietro un cane che fa ridere. Dice: ma è Scooby-Doo. No, è Goober, che dalla fifa diventa invisibile, parla in modo un po' più urbano di Scooby e… no, niente, il resto è uguale. Goober c'aveva però quell'aria un po' più psichedelica, da tossico della stazione old school. Magari era il berretto.
INCH HIGH L'OCCHIO PRIVATO 
(INCH HIGH, PRIVATE EYE, 1973)
Un detective in miniatura, vecchia fiamma probabilmente della signora Minù e fratocugino del Piccolo Mugnaio, risolve dei casi per conto dell'agenzia Finkerton (parodia della Pinkerton). In Italia è andato in onda sulle TV private.
JEANNIE
(JEANNIE, 1973)
La serie animata di Strega per Amore (I Dream of Jeannie), la sitcom degli anni 60 con Larry "JR" Hagman. Solo che qui il genio della lampada non era la bionda Barbara Eden ma una ragazza dai capelli rossi, ché i legami con il telefilm erano molto vaghi… e Strega per Amore/I Dream of Jeannie lo aveva prodotto un altro canale. In più, in bundle con il genio-pupa, c'era anche Babu, genio energumeno e fifone. Ché il protagonista, il giovane studente Corey, doveva stare molto attento a quello che desiderava se faceva dei pensieri zozzi, ecco.
  LA FAMIGLIA ADDAMS
(THE ADDAMS FAMILY, 1973)
Il summenzionato episodio della nuova serie di Scooby-Doo con la Famiglia Addams come ospite fece da apripista per un cartone tutto per gli Addams, ispirato ai fumetti di Charles Addams più che al telefilm degli anni 60. Tra i doppiatori c'erano però diversi dei protagonisti del serial, come Jackie Coogan e Ted Cassidy, che diedero voce ai personaggi interpretati in TV: rispettivamente lo Zio Fester e Lurch.
LA FURIA DI HONG KONG    
(HONG KONG PHOOEY, 1974)   
Il mitico Hong Kong Phoeey, parodia dei film di kung fu e di menare che andavano tanto all'epoca. L'imbracchiato protagonista, alla guida di un'auto trasformabile come quella dei Chan Clan, è totalmente incapace di combattere il crimine, ma i guai si risolvono sempre da soli. E quando proprio non lo fanno, ci pensa il suo gatto Spot. Sigla dal groove molto anni 70, che ci andiamo ad ascoltare:

DEVLIN
(DEVLIN, 1974)
Serie su un motociclista scavezzacolo ispirata al popolare entertainer Evel Knievel, uomo capace di rimediare in carriera la bellezza di 433 diverse fratture nei suoi salti spericolati. No, sul serio. Ma comunque. Devlin raccontava le avventure di Ernie Devlin, in viaggio con un circo.
LA FAMIGLIA PARTRIDGE 2200 A.D.
(PARTRIDGE FAMILY 2200 A.D., 1974)
Versione fantascienza della sitcom La famiglia Partridge, con i protagonisti spediti nel futuro senza un perché, ché si doveva trovare una roba sostitutiva per l'abortito progetto di un seguito dei Jetsons/Pronipoti. Essendo comunque legata al telefilm, La famiglia Partridge 2200 A.D. è una delle due serie H&B oggi in mano a Sony Pictures, insieme (per gli stessi motivi) a Jeannie.
THESE ARE THE DAYS
(THESE ARE THE DAYS, 1974)
Di questa serie del '74 si trova pochissimo in Rete (dove il pochissimo, avrete intuito, non include un'immagine decente), tanto che non sai se sia stata mai trasmessa in Italia o no. Perché è caduta nel dimenticatoio? Perché insieme a Devlin rappresentava qualcosa di completamente diverso rispetto agli standard Hanna e Barbera: non era né una serie comica, né una serie avventurosa con eroi di qualche tipo, ma aveva un taglio drammatico. These Are the Days raccontava (giuoco di parole) la vita della famiglia Day e i suoi problemi quotidiani, con tanto di pistolotto morale-finale. Solo che non c'era Batman. E non avevano a che fare con la carta di giornale.
LA VALLE DEI DINOSAURI    
(VALLEY OF THE DINOSAURS, 1974)   
E a proposito di robe avventurose. Durante una scampagnata sul Rio delle Amazzoni, la famiglia Butler finisce in un vortice che li spedisce in una valle preistorica, dove fanno amicizia con una famiglia di cavernicoli. Non del tipo che fa casino in spiaggia con i telefonini, quegli altri. Per quel poco che ne ricordi, aveva un suo fascino, forse perché ti ricordava Mighty Mightor o gli Erculoidi. O forse perché dalle tue parti lo davano su una rete molto collateralscusagna, insieme al cartone della Donna Ragno. Boh.
WHEELIE AND THE CHOPPER BUNCH
(WHEELIE AND THE CHOPPER BUNCH, 1974)
Occhio, ché qui scatta il tormentone. Due auto - il maggiolino Wheelie e Rota Ree - alle prese con un'impeditissima banda di motociclette villanzone guidata da Chopper. La serie divenne celebre anche in Italia per la frase pronunciata dalla piccola moto Scrambles: TE L'AVEVO DETTO! TE L'AVEVO DETTO! TE L'AVEVO DETTO!     
 Sulla sinista Scrambles, insopportabile precisino della fungia col berretto.
THE TOM & GERRY SHOW
(THE NEW TOM AND JERRY/GRAPE APE SHOW, 1975)
Tom e Jerry per la prima volta protagonisti di una serie pensata appositamente per la TV… con l'idea originale totalmente sminchiata in favore di un risibile volemose bene. Tom e Jerry, dopo anni trascorsi a cercare di aggidersi, sono diventati infatti amicici e girano il mondo per fare robe, risolvere misteri, smascherare villanzoni. Le solite cose. Gli episodi della nuova serie vennero trasmessi insieme ad altri cartoni in un contenitore che cambiò per questo più volte titolo (The New Tom and Jerry/Grape Ape Show, The Tom and Jerry/Grape Ape/Mumbly Show…). I nuovi personaggi erano IL GORILLA LILLA (GRAPE APE), in giro con il suo amico cane Beegle Beagle,
e MUMBLY, detective fratocugino del Muttley di Wacky Races e Dastardly e Muttley e le macchine volanti.
THE SCOOBY-DOO/DYNOMUTT HOUR
(THE SCOOBY-DOO/DYNOMUTT HOUR, 1976)
Altra serie contenitore, con nuovi episodi di Scooby-Doo e il debutto di BLUE FALCON E CANE PRODIGIO (DYNOMUTT, DOG WONDER), storia di un cane robot dai mille gadget, spalla di un super-eroe in stile Batman, Blue Falcon.
Come tutte quelle sui super-eroi Hanna & Barbera, anche questa, nonostante il tono comico, ti piaceva molto. La serie era una delle tante create per H&B da Joe Ruby e Ken Spears, due anni dopo fondatori della Ruby-Spears Productions, compagnia che merita prima o poi un listone tutto suo. /segna
WOOFER E WIMPER, CANI DETECTIVE
(CLUE CLUB, 1976)
Ennesimo clone di Scooby-Doo, con una banda di peones alle prese con crimini strambi, aiutati dai due cani parlanti del titolo. D'altronde la serie era stata commissionata dalla CBS proprio per rimpiazzare Scooby, passato quell'anno alla ABC. Il titolo italiano non si prendeva alcuna libertà: la serie originale era passata nelle repliche da Clue Club a un più esplicito Woofer & Wimper, Dog Detectives.
LO SQUALO JABBER
(JABBERJAW, 1976)
E anche qui giù applausi, per un'altra deliziosa creazione di Ruby e Spears, lo Squalo Jabber. Sì, la storia era l'ennesima roba riciclona, di una band del futuro, i Nettuno, alle prese con diabolici villanzoni durante la loro tournée delle varie città sottomarine. Ma a) lo squalo anfibio e antropormo Jabber era fortissimo, e b) era una delle serie di FantaSuperMega. Lacrime napulitante nicofidenche:

"Quante avventure… Quante vittorie…". Quante bruschette.

OLIMPIADI DELLA RISATA
(SCOOBY'S ALL-STAR LAFF-A-LYMPICS, 1977)
Dopo Fred Flintstone and Friends, rimpacchettamento di vecchie serie presentate da Fred Flinstones, il secondo cartone del 1977 sfornato dallo studio è Olimpiadi della Risata. Il titolo italiano non ce lo dice, quello originale sì: trattasi di una serie spin-off di Scooby-Doo, parodia di un altro programma della ABC (come detto nuova casa del cagnone), Battle of the Network Stars (una specie di Giochi senza Frontiere con i tizi della TV). La struttura di Olimpiadi della Risata (24 episodi in due stagioni) era perlappuntamente quella di gare sportive a cui partecipavano 45 personaggi Hanna-Barbera, divisi in squadre, come da schema nella foto sopra. Dai gatti di Cattanooga a Jabber lo squalo, da Braccobaldo a Yoghi, da Blue Falcon a Hong Kong Phooey. Come in Wacky Races, c'era ovviamente la squadra di villanzoni (i Really Rottens, capitanati dal cane Mumbly), che se la prendeva sempre in saccoccia.
Serie complementari di Scooby's All-Star Laff-A-Lympics erano i nuovi episodi di Dynomutt (The Blue Falcon & Dynomutt) e soprattutto CAPTAIN CAVEMAN AND THE TEEN ANGELS (da noi Capitan Cavey e le Teen Angels), spassosa parodia di Charlie's Angels con un cavernicolo capace di tirar fuori la qualunque dalla sua barba, come una mazza volante che gli permette di volare, brandita urlando il suo "Capitan Caaaaveeeeyyyyy!". Mito, filoni di pane col tre per due alla cassa.
ORSI RADIOAMATORI
(CB BEARS, 1977)
Altra serie contenitore, che affiancava agli Orsi Radioamatori del titolo, sosia dei protagonisti di Napo Orso Capo impallinati per i baracchini, anche i seguenti segmenti:
BLAST-OFF BUZZARD, clone di Wile E. Coyote e Beep Beep con un avvoltoio e un serpente
HEYYY, IT'S THE KING, clone, uh, di Happy Days, con un leone al posto di Fonzie
POSSE IMPOSSIBLE, su una banda di cowboy con le proporzioni di cappelli e cavalli improbabili
SHAKE, RATTLE, & ROLL, storia di tre fantasmi musicisti che gestiscono un hotel per spettri e altre creature soprannaturali (il titolo sono i nomi tre fantasmi… e un celebre brano rythm and blues degli anni 50, cantato anche da Elvis)
e infine UNDERCOVER ELEPHANT, un elefante e un topo investigatori che (va' che sorpresa!) risolvono misteri. Uff, abbiamo finito. Neeext.
THE SKATEBIRDS
(THE SKATEBIRDS, 1977)
The Skatebirds era una serie in stile Banana Splits, con degli attori in costume da pupazzoni (in questo caso tre uccelli) che presentavano varie serie animate. I nuovi cartoni del contenitore erano:
THE ROBONIC STOOGES, I Tre Marmittoni in versione bionica (don't ask)
e WONDER WHEELS, storia di un ragazzo e della sua moto mutaforma che dava il titolo al cartone. A completare il pacchetto, vecchi episodi di Woofer e Wimper, cani detective e la serie live action Mystery Island.
LE NUOVE AVVENTURE DI BRACCIO DI FERRO
(THE ALL-NEW POPEYE HOUR, 1978)
Nuova serie animata su Braccio di Ferro, che cercava di catturare lo spirito dei vecchi episodi, pur avendo a che fare con dei vincoli molto più stretti in fatto di violenza visiva. Ma comunque: il nome del villanzone nemico di Braccio di Ferro tornò ad essere Bluto (nella serie degli anni 60 era diventato Brutus) e tra i vari personaggi della serie c'erano anche i nipotini di Popeye. Andata avanti fino al 1983, la serie aveva alcuni cartoni complementari, come Private Olive Oyl, con Olivia che entrava nell'esercito (parodia del film Soldato Giulia agli ordini con Goldie Hawn)
e DINKY DOG, le avventure di un canemostro e delle sue proprietarie Sandy e Monica, chiaramente amiche di Barbie.
LA CORSA SPAZIALE DI YOGHI
(YOGI'S SPACE RACE, 1978)
La corsa spaziale di Yoghi riprende ancora una volta il concetto di Wacky Races, con Yoghi, Braccobaldo e altri personaggi alle prese con una serie di gare nello spazio. Lo show includeva anche vari altri segmenti, giusto per allungare all'infinito il presente listone: Galaxy Goof-Ups, con Yoghi e altri protagonisti del cartone nei panni di poliziotti dello spazio,
THE BUFORD FILES, con l'ennesimo cane pigrone affiancato a dei giovani ficcanaso, e THE GALLOPING GHOST, storia di un vecchio fantasma, con tanto di cavallo invisibile, che protegge due ragazzine, Wendy e Rita. Titolo provvisorio del segmento: "Il vecchio fantasma rattuso".
GODZILLA
(THE GODZILLA POWER HOUR, 1978)
Serie coprodotta nel '78 da Hanna-Barbera Productions e Toho, e trasmessa parallelamente anche in Giappone da TV Tokyo. 26 episodi da mezz'ora su una squadra di scienziati che poteva contare sull'aiuto di Godzilla, grazie a un apposito accrocchio.
Oltre a vari mostri giganti, c'era anche il cuginetto combinaguai e rompiballe di Godzilla, Godzuky. Trasmessa in Italia nel citato FantaSuperMega, la serie comprendeva anche i segmenti di JANA OF THE JUNGLE,
tarzanessa alla Shanna, con un'arma da lancio simile a quella poi usata da Xena. Il creatore del personaggio era Doug Wildey, fumettista che per H&B aveva già ideato Johnny Quest.
IL NUOVO FRED E BARNEY SHOW
(THE NEW FRED AND BARNEY SHOW, 1979)
Nuovi episodi dei Flintstones, con Ciottolina e Bam Bam rispediti a calci nella loro infanzia primitiva.
LA COSA
(FRED AND BARNEY MEET THE THING, 1979)
Oltre  alle 17 puntate del The New Fred and Barney Show, vennero prodotti nuovi episodi dei Flintstones anche per alcuni contenitori successivi. È il caso di Fred and Barney Meet The Thing, allucinante accoppiata (ma solo nella sigla, i personaggi non si incontravano nel cartone) di Fred e Barney con la versione H&B della Cosa dei Fantastici Quattro. Ben Grimm è un giovinastro testa calda che si trasforma a piacimento in una variante scamuffa della Cosa, ehr, grazie a un anello e, uh, recitando una formula magica: "Pietra portentosa, divento la Cosa!". Un po' la Cosa, molto Shazam, parecchio ROTFL, la serie venne trasmessa da noi su Italia 1. In seguito, il contenitore cambiò nome e volto negli USA con l'aggiunta di nuovi episodi di The Shmoo/Lady Gomma, diventando Fred and Barney Meet the Shmoo.
CASPER AND THE ANGELS
(CASPER AND THE ANGELS, 1979)
Animo, ché abbiamo quasi finito. E sì, stai parlando con te stesso. Il fantasmino Casper è l'angelo custode di due poliziotte del futuro (don't ask), Minnie e Maxie, e la serie è in buona sostanza un'altra roba alla Charlie's Angels dopo Capitan Cavey e le Teen Angels di due anni prima.
L'IMPAREGGIABILE LADY GOMMA
(THE NEW SHMOO, 1979)
Serie di 16 episodi tratta dalla strip a fumetti di Li'l Abner creata da Al Capp (andata avanti per 43 anni, tra il '34 e il '77). Il tema di fondo è sempre lo stesso, la banda di ragazzi alle prese con misteri di varia natura, da risolvere questa volta grazie all'aiuto di una creatura a forma di cazzetto. Nella versione italiana, The Shmoo diventa Lady Gomma, nonostante la natura asessuata degli Shmoo. E quei baffi.
THE SUPER GLOBETROTTERS
(THE SUPER GLOBETROTTERS, 1979)
The Super Globetrotters è uno spin-off della serie precedente sugli Harlem Globetrotters, qui, esatto, trasformati in super-eroi dai vari poteri e alle prese con una carrellata di villanzoni dai nomi di ridere.
SCOOBY-DOO & SCRAPPY-DOO    
(SCOOBY-DOO AND SCRAPPY-DOO, 1979)
Chiudiamo con questa nuova serie sulla banda della Misteri & Affini, nella quale, come si intuisce dal titolo, debutta il nipote di Scooby-Doo, ovviamente con carattere opposto a quello dello zio, come da tradizione di zii e nipoti di cartoni e fumetti. Per una qualche ragione, Scrappy Doo ti è sempre stato sulle scatole. Ma in effetti, lo stesso vale anche per suo zio. Tranne quando si faceva i sandwich giganti: lì mito.

[CONTINUA. PRIMA O POI]


LE PUNTATE PRECEDENTI:
TUTTI I CARTONI DI HANNA E BARBERA - PARTE I (1959-1966)
TUTTI I CARTONI DI HANNA E BARBERA - PARTE II (1967-1971)

68 commenti:

  1. Tanta roba Capitan Cavey! Uno dei miei preferiti in assoluto. Scooby invece l'ho sempre odiato, lui e quel tossico del suo padrone.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Visto che non c'è il "mi piace": quoto in toto!...Odio H&B!

      Elimina
  2. che bisogno c'era di costringermi ad ascoltare in loop la sigla si fantasupermega?

    RispondiElimina
  3. Alcune serie non le conoscevo e molte altre le ho viste molto distrattamente. Quella dei super amici la ricordo ed era pezzente e molto poco supereroica.
    Se penso al Batman di Adam West e quanto fosse bello ma anche molto risibile come eroe e lo confronto con i super amici sembra Nolan per il patos trasmesso. Nemici mai veramente cattivi e trovate tremende.
    Ricordo che dovevano sconfiggere un fantasma e per sconfiggerlo dovevano puntare verso di lui n bacchette magiche, sembrava Scooby Doo con tutti i personaggi che spuntano dai lati dello scherma e da ogni dove.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rubeus Hagrid5 agosto 2014 12:59

      Scusate ma con l'accoppiata Fantasma/spettro e bacchette magiche devo troppo dire una cosa: EXPECTO PATRONUM!

      Elimina
  4. WOOFER E WIMPER mi ricordano Napoleone e Lafayette...

    RispondiElimina
  5. Bruschette d'agosto per i miei poveri occhi, con Jabber lo squalo, Magilla Gorilla ed il suo improvabile accento, il " Te l'avevo detto " che di nuovo ha un origine, risalita all'improvviso dopo aver rivisto l' immagine , e tante lacrime, e magari gioia. Sara' l'agosto e straparlo, ma dopo me li cerc, magari oggi torno bambino con il Tubo. Grazie Doc.

    RispondiElimina
  6. Diavolo.. come sempre mi hai fatto ricordare alcuni cartoni che ernao finiti nell'angolo più remoto di quel casino che chiamo cervello.

    La Corsa Spaziale di Yoghi me la ricordo perchè il super buono (nella foto il biondone in spandex) era anche il super cattivo dopo una opportuna trasformazione di lui, il suo mezzo e il suo gatto (che da cattivo diventava un cane mi pare).

    Maremma che ricordi. :D

    Ma Capitan Cavey rimane il migliore. :D

    Cheers

    RispondiElimina
  7. doc, i superamici (e millanta titoli alternativi successivi) meriterebbero uno spinoff post tutto suo

    come si fa a non amare questa origine di Lex Luthor? :D
    https://www.youtube.com/watch?v=d0sRrI2m4zE

    PS: a corollario della serie venne prodotto un live action con Adam Wè (cit.) che riprendeva alla grandissima il ruolo di Batman (nel '77!!!)!

    http://youtu.be/Spi9g6F2tlQ

    La justice league al gran completo al netto di Superman e Wonder Woman (che avevano le loro serie cinematografiche/televisive un pizzico più serie)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho scritto che ne riparliamo :)

      Elimina
    2. PDF mode on:
      Io ricordo una serie di Batman come sequel del telefilm con Adam West, ma era della Filmation...
      https://www.youtube.com/watch?v=gtaYhKJmf64

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    4. EDIT:

      http://en.wikipedia.org/wiki/The_New_Adventures_of_Batman

      questo qua!
      Mi ero confuso con una precedente sempre filmation!

      Elimina
  8. e via con le lacrime napulitane, che molte di queste serie sono di una pezzenteria cosmica ma alla nostalgia canaglia non frega 'na cippa

    RispondiElimina
  9. Oddiooooo!!!! Il maggiolino Wheelie, il primo cartone animato che abbia mai visto!! Papà se lo ricorda ancora il tormentone "Te l'avevo detto!!" :D Quello e il "Dammi la medaglia" di Muttley erano i suoi preferiti!!

    RispondiElimina
  10. Domanda Doc!
    Ma nn riesco a capacitarmi del perché delle variazioni dei nomi dal inglese all'italiano. Perché decidono di storpiarli a tal punto creando così delle mimmate immense? Nella tua carriera professionale nn ti è mai capitato di beccare in giro uno di questi signori, prenderlo per le spalle e iniziare a scuoterlo urlando: ma la smettiamo!!!!???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, ne ho conosciuti diversi. E quando partono i discorsi sul taaarget puoi solo fuggire.

      Elimina
    2. Ok almeno ci hai provato XD

      Elimina
  11. Mamma mia! Quei maglioni a collo alto, tanto tanto anni '70.

    RispondiElimina
  12. Wait til your father gets home e fantasupermega. Per me lacrime solide imbruschettate.....

    Apropos, di Wait til your father gets home, qualcuno mi sa dire se si riescono a reperire le puntate della versione italiana? Anni fa trovai lungo i fiumi la prima stagione in lingua originale, ma di quella trasmessa in Italia nessuna traccia.

    RispondiElimina
  13. Il film di Scooby coi bresler l'ho visto e recensito, cioè per essere un film per bambini non è neanche così malvagio, se a qualcuno interessa ne parlo qui: http://jeffoexperience.blogspot.com/2014/03/jeffo-review-3-scooby-doo-wrestlemania.html

    RispondiElimina
  14. scusa Doc io ricordo anche un cartoon dove il protagonista era uno spettro vestito tipo Jeorge Washington, può essere The Funky Phantom?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. The Funky Phantom, il fantasma burlone: se n'è parlato nella seconda parte del listone. Clicca sui link all'inizio o alla fine del post.

      Elimina
    2. aaaahhh grazie mille Doc, era nascosto in uno dei cassetti della memoria ma proprio non ero sicuro di chi diavolo fosse

      Elimina
  15. Allora, varie ed eventuali. Sealab 2020 non sembrava male, pareri? Una curiosità, ma Blue Falcon aveva qualche potere o si limitava a portare in giro il cane? Poi, il il leone simil Fonzie di "Heyyyyyyy! It's the king!" finirà a fare la pubblicità per euronics. E, anche se wikipedia mi dà torto, mi sembra di ricordare che nel cartone de "La cosa" Ben Grimm, dei F4, veniva ringiovanito e reso smilzo da un incantesimo, e l'anello magico gli consentiva di tornare roccioso. Conferme? o sono folle?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Ben Grimm è un giovinastro testa calda che si trasforma a piacimento in una variante scamuffa della Cosa, ehr, grazie a un anello e, uh, recitando una formula magica: "Pietra portentosa, divento la Cosa!"

      Elimina
    2. Lo so, Doc, questo l'ho letto. Ma in una puntata del cartone mi sembra di ricordare che si facesse riferimento al fatto che fosse l'originale Ben Grimm (quello dei F4) ringiovanito per un incantesimo, mentre wiki dice che tra i due personaggi non c'è collegamento. Volevo sapere se me l'ero sognato. Ah, puoi fare qualche esempio, senza inimicarti nessuno, su quella storia degli adattamenti?

      Elimina
    3. No, non sei il solo, anch'io ricordo (nel recap pre-sigla, in un episodio... boh) che si faceva chiaramente cenno al fatto che il ringiovanimento di Ben fosse una conseguenza della tecnica usata per renderlo umano (la pietra portentosa). Va detto che ero rEgazzino e i rEgazzini tendono a riempire i gap logici con spiegazioni meta-mediali.

      Comunque pagherei denaro sonante per vedere in quali lisergiche circostanze sono nati i concept e gli abbinamenti assurdi alla base di queste serie.

      Elimina
    4. Nella versione ita della Cosa, ( che veniva trasmessa all' interno di Fantasupermega ecc...) c'era il tipico preambolo nella sigla di ogni episodio con Reed che tasformava Ben in ragazzino con conseguente ritorno a scuola ecc.. e si, non ti sei immaginato niente ( altrimenti siamo in 2 ).

      Elimina
    5. Evviva, risparmio i soldi dell'analista! grazie!

      Elimina
  16. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  17. Di tutti questi ricordo solo I Superamici, l'Arca di Yoghi e soprattutto La Furia di Hong Kong: quest'ultimo l'unico cartone di H&B, insieme a Whacky Races, a essermi mai piaciuto.

    RispondiElimina
  18. Oh mio Dio il casting Jamie Bell come Ben Grimm del film dei FQ di Josh Trank è perfetto per il Ben Grimm del cartone H&B!

    RispondiElimina
  19. tra questo e i primi due che ho testè scoperto credo di aver battuto il record di lagrime napulitane.

    Negli occhi poi, altro che bruschette. FRISELLE.

    RispondiElimina
  20. THESE ARE THE DAYS me lo ricordo!! O meglio, ricordo di un cartone che aveva quel tipo di disegno e non c'era niente di "fantastico" e non era neanche d'azione ma una sit-com ma senza neanche troppa ironia. E puntualmente cambiavo canale!

    RispondiElimina
  21. maledetto digitale terrestre che ha"spento" varie televisioni locali qui a nordest che trasmettevano a katzo (come orario e giorno) tutte queste serie H&B storiche.. menomale che c'è il tubo e altro per farsi una lacrimuccia bevendo un billy d'annata ogni tanto :)

    RispondiElimina
  22. Scrappy doo era talmente odioso che se sono resi conto da soli e nei film recento/serie si auto prendono in giro XD

    RispondiElimina
  23. Mio Dio, non riesco a smettere di piangere. Doc, non dovevi tirarmi fuori sto post a tradimento, TE L'AVEVO DETTO!!!
    Magilla Gorilla regna sovrano!!! (Ma anche la Cosa non scherza,eh?!?!)

    RispondiElimina
  24. Ma la meraviglioserrima "carineria" che i disegnatori H&B mettevano nelle loro ragazzine, non era qualcosa di... WOW ?!

    Io da piccolo ero innamoratissimo di Ciottolina adulta e di Jeannie *____*

    Piccolo PdF: (lo scrivo qua, anche se andrebbe nella scorsa edizione) mi pare di ricordare che la sigla di "Siamo Proprio Quasi Romani" fosse di produzione RAI e cantata nientemeno che da Jhonny Dorelli.

    RispondiElimina
  25. Un post enorme,in tutti i sensi! La hanna&barbera è stata la compagna americana della mia infanzia molto più della Disney o della Warner.

    Una valanga di serie e passiamo da serie mai sentite a serie che ti fanno venire momenti mariomeroli e lacrime napulitantissime.

    P.S. I supereroi hanna&barbera erano i migliori! posso dire che se oggi leggo fumetti lo devo soprattutto ai cartoni dei Superamici.
    E poi grazie per avermi fatto ricordare l'arca di Yoghi,quando vidi per la prima volta tutti gli eroi hanna&barbera riuniti in un unico cartone rimasi sbalordito.

    RispondiElimina
  26. Uno dei post con il più alto tasso di lacrime napulitante di sempre!
    Da buon classe '76, io questi cartoni me li ricordo quasi tutti! Anche se alcuni sono passati tipo una volta o due, i personaggi mi sono rimasti impressi!
    Ovviamente alcune serie erano più epiche di altre, tipo Speed Buggy (quella voce!!!), le mitiche muturette del Chopper Bunch ("Parapapappa-pa! Caaaarica!". Sooooocare, Cars della Pixar!), Blue Falcon spudoratamente copiato dai Gatchaman, lo squalo più spiritoso mai apparso in tv, la banda dei Cinesi e ovviamente Capitan Cavey!

    Bruschette da 15 chili sugli occhi... :_)

    RispondiElimina
  27. Della famiglia Addams versione H&B mi ricordo l'ORRIDO adattamento italiano (Mortirio e Mortiria per i genitori, zio Ulcera per il Gallianide, Nottola e Nottolo i figli, BRUTO per Lurch!)

    E che Pugsley era doppiato in originale da Jodie Foster e da noi da Fabrizio Mazzotta


    Molti altri cartoni invece (ma quante serie facevano? poi tutti remake in varie salse, invece di continuare quelle storiche come i Jetson) non li avevo mai sentiti nemmeno nominare, ma è anche vero che io sono di una generazione successiva quando le tv locali non trasmettevano poi chissà quali perle... e oggi è sempre peggio! Al limite becco Stanlio & Onlio e qualche cartone WB di pubblico dominio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora devono averlo ridoppiato, perchè su i canali Fininvest si chiamavano coi nomi originali.
      Hanno anche ridoppiato la corsa spaziale di Yoghi ( e pure quella collegata con Yoghi a capo di una squadra di agenti spaziali ) e faceva caghè.
      Non parliamo del ridoppiaggio di Napo Orso Capo, inascoltabile.....

      Elimina
  28. OMG! Doc, devi farci la recensione di "Scooby-Doo! WrestleMania Mystery."!!!

    Ti scongiuro! :)

    RispondiElimina
  29. Domandona:
    ma delle "Olimpiadi della risata" fu fatta anche una serie successiva similare? Ricordo chiaramente un Batman (con Robin?) ma in questa serie non ci sono... boh??

    RispondiElimina
  30. Blue falcon e Dynamutt in effetti compaiono anche come spalla su un film di Scooby. Fanta super mega lacrime napulitane a tutti!

    RispondiElimina
  31. Me ne ricordo tantissimi, che bellezza, c'è da dire che di paragonabile l'industria di cartoon americana oggi fa davvero ben poco.
    Il cane di blue falcon da noi era doppiato da Roberto Del Giudice ;)

    RispondiElimina
  32. Ho un'ideona per una serie animata: un gruppo di amici detective con un animale domestico. Geniale. Come mi vengono ste cose...

    RispondiElimina
  33. Più o meno me li son visti tutti, ma quelli che realmente seguivo erano molti di meno.
    Il cane Dinky mi faceva spaccare già dalla sigla XD
    La Cosa, sebbene sapessi traimete gli albi Corno di mio cugino che era sbagliata, mi piaceva un sacco. Lo so perchè mia madre si ricorda ancora la formula della Pietra Portentosa: povera donna, chissà quanto se lo è sorbito XD
    Mumbly è la parodia di Colombo definitiva.
    Quello che proprio non sopportavo era Jabberjaw. Sarà che avevo già visto lo Squalo di Spielberg, sarà che in famiglia andavano forte i documentari, ma uno squalo bianco enorme che cammina sulla pinna caudale, sottomesso da dio e che si caga sotto per niente, proprio non lo accettavo.

    RispondiElimina
  34. Ginny Hermione5 agosto 2014 15:31

    Doc, se continua ti toccherà anche parlare dei Puffi, perché sono stati proprio Hanna e Barbera ad animarli :)))

    RispondiElimina
  35. IL CLAN DI CHARLIE CHAN era ispirato a una serie di film e telefilm sul capo famiglia

    http://it.wikipedia.org/wiki/Charlie_Chan

    per il resto visti quasi tutti e son sicuro che quelli non visti erano quelli non importati...

    RispondiElimina
  36. Qualcuno ha fatto notare che in Butch Cassidy, il batterista era doppiato nella versione ita da uno dei Cugini di Campagna, quello che fa il doppiatore ( sua era la voce di Bugs Bunny in Space Jam) ?
    Da piccolo guardavo tutti i cartoon di H&B, tanto che di tutti i titoli di questo post gli unici che forse non ho mai visto sono THESE ARE THE DAYS e la famiglia Pardrige.

    RispondiElimina
  37. Quante cose ha fatto l'Hanna-Barbera!
    Un giorno tratterò anche io questi argomento: so già che ci metterò settimane per scrivere tutto!

    RispondiElimina
  38. Efrem Cinci di Ozzano6 agosto 2014 12:02

    Lo si sapeva, vero, che la versione a fumetti di Wheelie (della Charlton Comics) è uno dei primissimi lavori pubblicati di John Byrne?

    Tipo così.

    RispondiElimina
  39. #laFuriadiHongKong tutta la vita

    RispondiElimina
  40. Bel post! Ma non riesco a trovare informazioni su un vecchio cartone, pensavo fosse H&B ma comincio a dubitarne... Protagonista un vecchietto vestito kaki, con cappello coloniale che risolveva tutto soffiando fortissimo (creava un tornado?). Qualcuno ne sa qualcosa? Lo passavano le tv private!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Forse il Comandante Mc Bragg ?

      https://www.youtube.com/watch?v=q4roxM8hUMk&list=PLUtwVXgNx5NdTzVkjryrWdwpAgQvlMVO-

      Elimina
    3. SIIIIIII!!!! :D Grazie Sam! :)

      Elimina
  41. Articolo interessante.Da bambino mi piaceva moltissimo un cartone animato dove c'erano due indiani che cercavano di entrare in un forte di soldati sudisti o nordisti (non ricordo bene),per fregargli le scorte di cibo.Qualcuno ricorda il titolo di questo cartone?Sono anni che lo cerco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non era di H&B.
      Quello di cui parli era una delle serie comprimarie di " The King and Odie Show "
      https://www.youtube.com/watch?v=YfMkRulfAxU

      ovvero Go Go Ghopers,

      https://www.youtube.com/watch?v=J1DP4fcum8A


      che però odiavo, preferivo di gran lunga "Il Cacciatore " ( aka the Hunter )

      Elimina
  42. Mitico come sempre, doc!
    Strana coincidenza, qualche giorno fa avevo pensato di scriverti un post proprio per chiederti che fine avessero fatto i megalistoni sui cartoni Hanna e Barbera, ma non lo avevo ancora fatto...

    RispondiElimina
  43. So che non centra con H&B, ma un bel post sulle avventure di Mr. Peabody no?

    RispondiElimina
  44. Ma quel cartone con la mascotte che è un cane con la cuccia in testa?

    RispondiElimina
  45. Era Mightyman ed il suo cane Yukk!

    RispondiElimina
  46. Te l'avevo detto, te l'avevo detto, te l'avevo detto....
    TACI!!

    Un ricordo bruschettoso di non sapevo cosa che solo oggi ho saputo ricollocare.

    Idem per l'altro cane fricchettone risolvi misteri, che credevo fosse solo un incubo dato dai Cioccorì d'allora...

    RispondiElimina
  47. Butch Cassidy & The Sundance KidS , Sealab 2020, .... I primi mi piacevano/piacciono mooooltooo di più di Scooby e il secondo sembrava la versione sottomarina di Spazio 1999 .... cry in front of the screen ...

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails