mercoledì 9 aprile 2014

94

Gattaca - La porta dell'universo

Gattaca film recensione
Succede così, quasi per caso, che il film d'esordio di un regista neozelandese che risponde al nome di Andrew Niccol sia uno dei migliori film fantascienzi degli anni 90. O probabilmente la migliore pellicola sulle tematiche di Dick non tirata fuori da un racconto o romanzo di Dick. Quel film si chiama Gattaca - La porta dell'universo (in originale solo Gattaca) e al cinematografò è stato un floppone di quelli pesi. Ché se al pubblico del poppicorno non gli dai cagate come Independence Day, non è contento. Ma comunque: Gattaca. Questo film dal nome strano, da sciroppo per la tosse, che è un film di fantascienza ambientato nel futuro ma fa di tutto per sembrare un film noir ambientato negli anni 50... [...]

Gattaca Ethan Hawke
Il nome, comunque, deriva dalle iniziali delle quattro basi
azotate del DNA: guanina, adenina, timina e citosina.
È un mondo semplice e terrificante, quello di Gattaca. Un mondo in cui l'eugenetica ha trasformato gli esseri umani in carpe giapponesi da esposizione e reso il pregiudizio legge, spedendo chi nasce col DNA sbagliato in fondo alla piramide. Un mondo al quale serve l'eroe fantascienzo che non ci sta e combatte per liberarsi dalle pastoie sociali, e infatti arriva, e si chiama addirittura Vincent Freeman. Solo che non è un eroe. A Freeman, che ha l'espressione vuota da pugile stordito di Ethan Hawke, interessa solo gabbare il sistema. Determinare il proprio destino e non affidarlo a una sequenza di DNA. E, già che si trova, farsi un giro con la bionda (Uma Thurman) che di cognome fa Cassini, come l'astronomo.
Gattaca Jude Law
E come si fa largo in un mondo che non lo vuole questo Uomo Libero nato da concepimento naturale, orrore, e con un codice genetico da scarsone? Prendendo, con il suo consenso, il posto di un tizio che non gli somiglia per niente, Jerome Eugene Morrow (Jude Law). Jerome che suona come Genoma, Eugene come Eugenetica, Morrow come Domani. Ma tanto, in quel mondo lì di astronauti in giacca e cravatta che smanettano furiosamente su delle tastiere troppo anni 90, la faccia non interessa a nessuno. Come in American Psycho conta solo il nome stampato sul bigliettino da visita, qui conta solo il patrimonio genetico stampato in una goccia di sangue. Al resto non fa caso nessuno. Basta strofinare forte-fortissimo nella doccia-forno crematorio la tua pelle per raschiare via tutto quello che sei, e stare attento a dove fai cadere le tue ciglia. O con chi limoni.
Alla fine, il tema centrale dell'eugenetica portata agli estremi è un tema molto semplice, ma basta per conferire a Gattaca quell'aura da fantascienza vintaggia che tanto ti piace, quanto e molto più di quei tagli di capelli e di quelle ambientazioni elegantemente retro. Una fantascienza che, proprio come nelle migliori opere di Dick, è traccia e non svolgimento, elemento caratterizzante sullo sfondo, come le missioni spaziali che nel film di Niccol hanno il fascino dell'irraggiungibile di razzi sparati a tutte le ore verso il cielo. È un domani che serve a farti notare e soppesare i rischi dell'oggi, avvolgendoli per di più nel confortante look pulito, moderno e asettico del futuro immaginato ieri.

Non ha incassato grossomodo una well-loved, Gattaca di Andrew Niccol, dicevamo. Dopo S1mone e Lord of War, il regista neozelandese sarebbe tornato ad affrontare tematiche simili, da fantascienza sociale, con In Time, film dalle buone premesse che annega presto in un bicchierino d'acqua piccolo così, seguito dall'altrettanto deludente The Host. Ma tanto un posto nella storia del cinema sci-fi Niccol se l'era già guadagnato con questo suo primo lavoro. Visivamente bellissimo, con un'ottima colonna sonora, ricco di tanti piccoli dettagli di cui ti accorgi sono a una seconda visione e che ne accrescono il fascino, Gattaca è il film di fantascienza perfetto da far guardare anche a chi non sopporta la fantascienza, convinta che sia solo quelle robe lì di badabùm. 
Se non l'avete visto, guardatevelo. Se l'avete visto, bravi. Se l'avete visto e l'avete trovato troppo lento o noioso, siete un po' delle brutte persone, ma va bene lo stesso. Basta non siate dei fan di Independence Coso, lì. 

GLI ALTRI FILM DI SUPERFANTASCIENZO, IL CLUBBINO
DEL CINEMA SCI-FI


94 commenti:

  1. Credo di averlo visto ormai più di 10 anni fa per la prima ed unica volta e lo ricordo davvero molto bello Gattaca. Effettivamente uno dei film fantascienzi più sottovalutati a causa della sua atipicità. Se però si è appassionati del genere va assolutamente visto.

    RispondiElimina
  2. Visto tanti e tanti anni fa, credo nemmeno tutto, una sera sul tardi. Avevo rimosso il ricordo forse perchè come dicevi è stato 1 film mai citato, riproposto nei palinsesti o comunque di cui se n'è parlato in tivvù, però da quel che ricordo era interessante perchè molto ben dettagliato per certe cose e quindi "difficile" ed interessante. E concordo con Independence Day, che ritengo più ridicolo e meno serio di Mars Attacks!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Invero in TV è passato diverse volte. Era uno di quei classici film che mandavano in seconda serata su Rete Quattro.

      Elimina
  3. Grazie Doc, me lo guarderò, melo

    RispondiElimina
  4. OT. E' Morto Ultimate Warrior DOC!!!! :**********(

    RispondiElimina
  5. Si tratta di un film meraviglioserrimo, nonchè uno dei primissimi dvd che ho comprato in assoluto!

    RispondiElimina
  6. ...ma allora non avrebbe dovuto intitolarsi GUADCITI?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, perché è una SEQUENZA di basi.

      Guanina, Adenina, Timina, Timina, Adenina, Citosina, Adenina... ;)

      Elimina
  7. Bisogna anche dire che Niccol ha scritto quel capolavoro del Truman Show.

    RispondiElimina
  8. Gattaca per me è una domenica pomeriggio in famiglia che inizia con 5 persone sul divano che guardano il film e finisce dopo 2 ore con solo il sottoscritto che guardano il film e gli altri 4 a giocare a carte perché il film è noioso. E io che non li capivo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi è successa la stessa cosa cosa con dei coinquilini all'università

      Elimina
  9. Bellissimo film...la scena del tapis-roulant è IMHO una di quelle da antologia.

    RispondiElimina
  10. Io l'ho visto dopo aver letto quel post dei film fantascienzi sfigati e, beh, l'ho adorato, bellissimo e accompagnato da atmosfere e colonna sonora per me da brivido. Altro che flop.

    RispondiElimina
  11. Purtroppo il mondo è fatto di troppi fan di quell'altra robazza lì.

    RispondiElimina
  12. Scusa Doc, sono completamente OT.
    Volevo chiederti... si sa nulla di come butta ad Asgard? È da un po' che mancano, quei riassuntoni!
    Stavamo aspettando il duello da Vero Uomo (credici!) con Andromeda protagonista...

    RispondiElimina
  13. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  14. Visto grazie a un tuo post precedente sui film fantascenzi che meritano e non hanno avuto successo...
    Entrato prepotentemente tra i miei film preferiti! STUPENDO!
    Ti sarò per sempre riconoscente per questo Doc... :)

    RispondiElimina
  15. L'avevo visto durante il primo passaggio televisivo, ormai un trilione di anni fa. Essendo rEgazzina l'avevo trovato difficilissimo, pesante e, ça va sans dire, lento come la muerte.
    Adesso mi hai fatto tornare la voglia di vederlo, metto in lista :)

    RispondiElimina
  16. Ginny Hermione9 aprile 2014 10:10

    In una scena di Gattaca, Uma Thurman guida una splendida Citroen DS, l'auto nota anche come Squalo. Un veicolo progettato a metà del XX secolo con una linea che è avveniristica anche sessant'anni dopo. Quindi Doc, ti suggerisco come spin-off di questo articolo un qualcosa sulle auto nei film, partendo anche magari dalla DeLorean di Ritorno al Futuro. Quanto all'assunto di partenza del film, cioè che la natura è imperfetta e la scienza è perfetta, non ne sarei così sicura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà no, l'assunto, se vogliamo, è che attraverso la scienza puoi controllare qual è la perfezione evitando la "casualità" della natura. E non mi pare proprio che la cosa sia presentata come positiva ;)

      Elimina
    2. Niccol ci infila le auto vintagge anche in In Time, la splendida E-Type che guida Giustino, le Challenger della polizia e le Mercedes berline "pullman" dei ricchi.

      Elimina
  17. La scena della tipa che, dopo aver baciato un tizio X, si fa fare il tampone alle labbra per avere in tempo reale il profilo genetico del "potenziale" compagno... rimane una delle scene più semplici e più forti del film e della fantascienza buona.

    Con una scena ha inquadrato, spiegato e condannato un intero world-building. Capolavoro.

    Cheers

    RispondiElimina
  18. Io lo vedrò, e probabilmente mi piacerà, ma sono un fan di Indipendence Day: è talmente brutto da essere sublime, non riesci mai a toglierti il dubbio, dato il regista, che sia una presa per il culo del suo pubblico d'elezione di redneck poppicorni.

    RispondiElimina
  19. Gran film, ma non scomodiamo Dick, per favore. Di dickiano non c'è proprio niente se non l'ambientazione. Sparati tutta la prima produzione di Cronenberg fino ad Existenz, dove la realtà non esiste o è stratificata, quelli si film dove Dick scorrazza in lungo e largo,

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che faccio, mi offendo? Per quel fatto che secondo te non avrei visto i film di Cronenberg. :)
      Tornando a Dick. "Se non l'ambientazione". E il tema dell'identità e del concetto di oggettivo sfuggenti. Del controllo sociale. Dei viaggi spaziali come pretesto per parlare d'altro. Dell'uomo che sfida quotidianamente la macchina. Se vuoi, continuo :) Più in generale, quasi tutta la produzione di Niccol è secondo il mio modestissimo parere debitrice di Dick, in un modo o nell'altro.

      Elimina
    2. Concordo con il Doc: c'è molto Dick in Gattaca; dopotutto Niccol è un ottimo saccheggiatore di Dick, vedere "the Truman show" per credere. ;-)

      Ottimo recupero & grande film, Gattaca.

      Elimina
    3. Vero, The Truman Show è un plagio clamoroso di "time out of joint" di Dick.

      Elimina
  20. Visto e mi piacque davvero molto.

    Anche se però a rischio di fare il bastian contrario o l'unpopular opinion puffy per me i veri cattivi del film sono i genitori Vincent Freeman.Con una tecnologia che permette di offrire il meglio del meglio ai tuoi figli loro scelgono di concepire nel vecchio modo per un desiderio ed una filosofia totalmente egoisti,senza curarsi minimamente del futuro e delle difficoltà del loro figlio che partirà svantaggiato in quel mondo e che infatti dovrà passarne di ogni per coronare i suoi sogni.
    Visto con gli occhi di oggi sembra una cosa giusta quello che hanno fatto i genitori di Vincent ma se lo guardate da un'angolazione diversa è come una famiglia moderna che odi la tecnologia per vivere "in modo naturale" e che impedisce al figlio di avere tv ,pc e cellulare ma che poi quando è grande lo manda allo sbaraglio nel mondo moderno senza alcuna possibilità di un futuro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono perfettamente d'accordo. In una società in cui l'eugenetica è legale, allora, sarebbe più giusto renderla obbligatoria? Per tutelare i bambini, che non possono decidere, dalle decisioni ideoloiche dei genitori?

      Elimina
    2. Assolutamente si,così come sarebbe giusto rendere obbligatorio il consumo di carne per i bambini in età di sviluppo per proteggerli dalle decisioni di genitori vegetariani integralisti.

      Elimina
    3. The Ugly Trilogy tratta di una società in cui la chirurgia estetica è obbligatoria in modo che tutti siano uguali, tutti belli, tutti sani. Le cose non vanno poi così bene. Sono romanzi Young Adult ma sinceramente in questo genere trovo cose più interssanti che nella fantascienza contemporanea.

      Elimina
    4. Purtroppo non sono un grandissimo appassionato di fantascienza a livello narrativo,prediligendo il fantasy,ho cercato il romanzo che mi hai consigliato su wikipedia e ne ho letto la trama e l'aspetto sociale di quel mondo futuristico e mi ricorda molto la società del mondo della moda e del fashion,mischiato con le insicurezze adolescienziali di un corpo che cambia.
      Come detto sopra non sono un grande appassionato di fantascienza a livello narrativo ma cinematografico,potrei consigliarti Il Mondo dei Replicanti e In Time ma so già che ti insulterei perchè sicuramente li avrai visti.

      P.S. Ho dato un'occhiata al tuo blog,mi è piaciuto molto e mi ha fatto davvero ridere.
      Complimenti :)

      Elimina
    5. Il Mondo dei replicanti avrei voluto vederlo quando è uscito ma poi me lo sono perso, adesso me lo hai fatto tornare in mente e lo vedrò. In Time invece visto.
      Queste tematiche ovviamente sono affrontate spesso, fin dagli anni 60, c'è anche un episodio di Ai confini della realtà, si chiama "Number 12 looks just like you" o qualcosa del genere :D.

      PS: Grazie pe i complimenti ^_^

      Elimina
  21. Lo vidi con i miei un botto di anni fa "ingannato" aspettandomi un film con le astronavi e le battaglie spaziali. D'altronde avrò avuto sì e no otto anni.
    Insomma all'inizio rimasi un po' deluso ma mi colpii subito per l'atmosfera atipica e il continuo (lo ricordo così) senso di pericolo che perseguitava il protagonista.
    Ma non mi annoiò e mi è in qualche modo rimasto dentro.
    Non l'ho più rivisto,credo proprio mi tocca recuperarlo :D

    RispondiElimina
  22. Moon ed ora Gattaca, mi inchino.
    Adoro entrambi come film della fantascienza più vera.
    Tra l'altro ricordo ancora che la prima volta che lo vidi non l'avevo mai sentito nominare e lo presi a caso in videonoleggio insieme a The Game (con Michele Douglas): una gran bella serata filmica

    RispondiElimina
  23. cultissimo!
    e confermo che sì, è uno di quei film di fantascienza perfetti anche per chi come me non è troppo patito del genere. e soprattutto per chi non è patito di independence coso lì :D

    RispondiElimina
  24. L'ho visto che ero alle superiori (quindi quei buoni 15 anni fa), l'avevano dato in tv e mi ricordo perfettamente che mi era piaciuto talmente tanto che ho passato le due ore di educazione fisica della mattina dopo a raccontarlo a una mia compagna di classe ed a discutere di eugenetica ...

    RispondiElimina
  25. mai visto. ma è già da un pò che mi sono ripromesso di vederlo. comunque in time non era così pessimo dai. era uno di quei film in cui rimpiangi solo un minimo di spiegone..ma vabbè. godibile. the host si. lammerda proprio

    RispondiElimina
  26. Fantastico!! sto scrivendo or ora la tesi su questo film!! capita nel momento giusto il tuo articolo.

    RispondiElimina
  27. Non che c'entri una welloved, ma a questa settimana è la terza volta che vedo Jude Law in tre screenshots diversi: uno da Gattaca, uno da Existenz e uno da RepoMan. ed è solo il mercoledì. temo per i prossimi giorni...

    RispondiElimina
  28. Ho vaghissimi ricordi di Gattaca, però ho il dvd a casetta
    E' il caso di rivederlo!

    RispondiElimina
  29. "Se l'avete visto e l'avete trovato troppo lento o noioso, siete un po' delle brutte persone, ma va bene lo stesso. Basta non siate dei fan di Independence Coso, lì."
    Eccomi! Sono io! Sì, l'ho trovato lento e noioso (non molto meglio di In Time) ma del resto nemmeno IndipenCoso m'è piaciuto (come non m'è piaciuto Armageddon, ad esempio). Un saluto all'anima di PhDick, e mi riguardo Abatantuono in Nirvana.

    RispondiElimina
  30. Ne vidi alcune scene all'università (giuro!) a lezione di bioetica. Non mi era sembrato un gran film, ma se lo consiglia il Doc è il caso di dargli un'alta chance

    RispondiElimina
  31. sono un grande fan di Independence ay e trovo Gattaca un delicato ed intelligente capolavoro.
    ..quindi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. magari *Independence Day.
      tastiera di m**da.

      Elimina
    2. Ah menomale! Pensavo di essere l unico a cui piacessero entrambi!
      Non paragonabili chiaro..ma se presi col giusto spirito (alcolico?!) mi lasciano sempre entrambi qualche bella soddisfazione!

      Elimina
    3. Diciamo che indipendence day è un gran bel spettacolone, ma ha delle storture nelle sceneggiatura davvero ridicole: l'ubriacone pilota di aerei spargi pesticidi che si incula l'atronave galattica con un f18 è sublime, da questo punto di vista. Per non parlare del coordinamento planetario tramite telegrafo e codice morse, del virus creato su due piedi che che mette in ginocchio la flotta spaziale, dell'eroe che trova la fidanzata spogliarellista con figlio e cane in mezzo al nulla... ecc.

      Elimina
  32. Questo film è un piccolo capolavoro, proprio perchè è ambientato in un contesto fantascientifico ma, come hai detto tu Doc, potrebbe essere tranquillamente un noir in b/n. I personaggi reggono grossomodo i 3/4 del peso della pellicola, e per quanto non sia un fan sfegatato di Jude Law, devo dire che in questo film se la cava benissimo. La trama tocca tematiche attualissime ancora oggi, la fotografia e la sceneggiatura sono curate e danno al film uno spessore che non appartiene alla fantascienza "per le masse". Come spesso accade, purtroppo, è un film talmente bello che a molti non piace.

    RispondiElimina
  33. Visto e gia in altro post confermato che è un capolavoro che mi sono goduto dovendolo riguardare due volte di fila, dato che la prima fu occasione per un incontro torrido con la fidanzatina dell'epoca (che nonostante la vena di follia aveva un gusto cinematografico molto più maturo e buono del mio dell'epoca :D). La seconda visione, dopo essersi ricomposti, fu obbligata perchè il film mi piaceva molto e non volevo perderne la fne....bello nulla da aggiungere ma non mi stupisce che non sia stato un film da botteghino, soprattutto negli anni 90...

    RispondiElimina
  34. Visto nel lontanissimo 2000 o 2001, trovato molto dickiano e molto fiquo. Peraltro, adesso mi sto rileggendo le raccolte dei suoi racconti, c'è robba per fare filmi fantascienzi di qualità da qua al 40000 (lì penso ci sarà il passaggio di consegne con Barbarella, lol).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. purtroppo per i figli, molti sono stati scritti in un epoca pre-diritti di autore scaduti...

      Elimina
    2. Ti dirò... non lo vedo affatto come una pessima cosa. :D Ho solo il terrore di adattamenti puzzoni, Dick non se li meriterebbe.

      Elimina
    3. Si, ma tanto ci saranno sempre...

      Elimina
  35. Io avrei detto Cassini come Nadia :-)

    RispondiElimina
  36. Concordo su tutta la linea! penso cmq che sia diventato un film di culto negli ultimi anni.

    RispondiElimina
  37. Visto e rivisto svariate volte, coincidenza stavo pensando ieri cosa prendermi per quanto torno in Italia qualcosa al raggioblu dall'Amazzonia per testare il mio nuovo lettore Pioniere. All'inizio avevo optato per il cofanone BSG (Doc ma c'è verso di un bel "20 (e più) cose che non sapevate su..." questa serie?), ma visto l'adattamento da pezzenti pensavo di andare sul raggioblu di questo Spettacolo. Arigato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È un bel po' che ci penso a quel 20 cose su. Appena ho un po' di tempo ;)

      Elimina
    2. Vai (Brooklyn) :)

      Elimina
    3. Bsg di cui è finalmente entrato in produzione il film cinematografico...chissà cosa ne uscira...

      Elimina
  38. Bellissimo, sí. Poi, a livello personale, mi ricorda gli anni dell´universitá (non per lo stile anni ´50, non sono cosí vecchio), insieme ad un paio di altri film che ci flipparono a noi cricca di studentelli debosciati, ma flopparono al botteghino.

    RispondiElimina
  39. Quoto tutti i commenti positivi e non aggiungo altro ma.... faccio notare una cosa che in pochi sanno, tra i produttori del film figura un certo DannyDeVito...un vero vincent freeman. Credo che nessuno più di lui avrà creduto nello script.

    RispondiElimina
  40. Non c'entra niente, ma... poppicorno non sarà una citazione del grande Tony Tammaro?! O lo conosco/ricordo solo io?

    RispondiElimina
  41. Doc il mio film preferito!!!
    Il monologo finale è stato un monito per tanto tempo. Lurv it.

    RispondiElimina
  42. Gran film, bella Doc! Ricordo di averlo visto registrato da un mio amico dal D+ in VHS..quanti anni sono passati?! Ambientazione splendia e curatissima e personaggi che ti si stampano nel cervello.
    Niccol lo reputo veramente un ottimo regista, a me sono piaciuti molto anche S1m0ne, Lord of War e In Time.
    Con The Host considerando che è tratto da un romanzo di Stephanie Meyer ha fatto un miracolo...è quasi guardabile!

    RispondiElimina
  43. Bel film! Ricordo che mi colpì molto il personaggio del fratello del protagonista, che ATTENZIONE; SPOILER! preferiva crederlo "colpevole" e poterlo così salvare, in modo da riscattare la sconfitta patita per mano di un imperfetto!

    RispondiElimina
  44. Gran bel film. Visto ennemilavolte.

    RispondiElimina
  45. Solo per far capire al mondo lo spessore culturale degli antrisi: "Alla fiera della casa, per milla lira, un poppicorno papà mi comprò.." (ho la musicassetta da qualche parte)! Gran film Gattaca, anche se all'epoca mi sembrò un po' lento, ma ho il sospetto che sia come Siddharta, va rivisto (o riletto) ogni tot anni..... Ah e comunque a me Indip Coso mi allappa!

    RispondiElimina
  46. L'ho visto più di qualche volta in TV e sempre volentieri, ogni tanto al lavoro con una collega salta fuori qualche citazione o commento sul film ma gli altri ci guardano come fossimo due nerd alieni. True story.
    Independence Coso non l'ho mai voluto vedere già dai trailer a suo tempo mi aveva dato una sensazione di fastidio.

    RispondiElimina
  47. Ennesimo titolo pero per strada del listone giordano personale "poi lo recupero".
    il mio io ventenne se potesse mi sputerebbe negli occhi ...

    RispondiElimina
  48. L'ho visto e lo trovo proprio bello ma bello bello... Tanto che tutte le volte che lo danno in Tv me lo riguardo. Tematiche non facili (Jude Law che volontariamente butta nel cesso il suo privilegio, la vita degli imperfetti, il fratello nemesi di Hawke...) bello! E a me la fantascienza fa venire la vaginosi al solo pensiero :)

    RispondiElimina
  49. Bellissimo! di quelli che ti lasciano qsa, da biologo molecolare non potevo non amarlo :-)

    RispondiElimina
  50. Bello e sconosciuto a molti.

    La sfida a nuoto con il fratello perfetto a me ha fatto commuovere.

    Tra l'altro, é stata la prima ed unica per un film.

    RispondiElimina
  51. Mesi fa, mentre cercai consigli su film di fantascienza con gli attributi, cado sul tuo post "Film Fantascienzi Sottovalutati". Il primo che guardai fu Gattaca e da allora sono un assiduo antrista cronico....GRAZIE

    RispondiElimina
  52. L'ho visto ieri, interrompendo in tempo la lettura di questo post, e poi tornando qui: davvero un ottimo film, grazie del consiglio! ^__^

    RispondiElimina
  53. Grande Doc! Alla fine l'hai fatto!

    RispondiElimina
  54. Beccato un paio di mesi fa su Sky, gran bel film!

    RispondiElimina
  55. Andrew Niccol ha diretto e sceneggiato gran bei film, alcuni capolavori assoluti. Anche In Time, alla fine, non è male, anzi: lo trovo un buon film. Però "The Host" è davvero una cagata pazzesca, a parte il viso carino di Saoirse Ronan, e non riesco a capire come abbia soltanto preso in considerazione l'idea di girarlo, se non per soldi, immagino. È come far girare a Ozpetek un film tratto da un romanzo di Moccia.

    RispondiElimina
  56. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  57. Io l'avevo visto, quindi sono bravo.

    Me ne sono innamorato? Sì, lo capisco dal fatto che il film mi è sembrato troppo corto......volevo continuasse.

    RispondiElimina
  58. Io lo vidi al cinema e ricordo che mi era piaciuto tanto.
    Me lo rivedrei volentieri!

    RispondiElimina
  59. Gattaca lo considero un genere a sè stante. Semplicemente meraviglioso. Splendida fotografia, splendida sceneggiatura, splendidissima scenografia (le scale della casa di Jerome che richiamano la doppia elica), splendiderrima musica (il minimalismo di Nyman qui calza a pennello).

    RispondiElimina
  60. uff, io indipendencoso l'avevo pure visto 2 volte al cinema (tutt'ora mai successo)
    avevo pure il poster...

    comunque questo gattaca mi ricorda un pochino anche code 46
    a giorni tentero' di tornare una buona persona vedendolo :)

    RispondiElimina
  61. Calcolando poi che, A scanner Darkly a parte (e il recente Radio Free Albemuth che pare essere una cosa seria ma che è da quanto ho capito un lavoro ai limiti del fan-made), non c'è un film ispirato a Dick che non ne tradisca\si distanzi in maniera sconcertante dalla fonte (parlando di tematiche).

    Lo stesso BR, gran film per carità, c'entra pochissimo con DADOES, dove il messaggio era ben diverso (e sicuramente più edificante per l'Uomo).

    Cmq Gattaca è semplicemente un film molto bello, ai limiti del 'bellissimo', che nella mia scala di valori è alla pari, se non un pizzico più in su, del 'capolavoro comunemente riconosciuto'.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che anche Impostor e Screamers idealmente non si discostano troppo dall'originale. Purtroppo la qualità è scadente.

      Elimina
  62. Visto soltanto oggi, bellissimo. Doc, ti sono debitore per questo e per Strange Days. Grazie davvero

    RispondiElimina
  63. Visto un pomeriggio su Deejay TV. Interessante l'idea del mondo diviso tra "valid" e "invalid", purtroppo, dopo la seconda volta che la vedi, regge un po' meno tutta la faccenda dei controlli continui sull'identità genetica, come se fosse una cosa che puoi cambiare in un giorno.

    Per il resto, ben costruito e a suo modo avvincente: ti lascia lì a chiederti "ma ce la fa a non farsi scoprire?" fino all'ultimo.

    RispondiElimina
  64. Mi dichiaro membro della specie Homo Horribilis.
    Un'idea molto bella, mandata a fanzùm da una regia alla Camomilla Filtrofiore. Una Uma Turman inguardabile, sembrava un manichino avanzato dalla fiera della scontistica cinese. Lui, con l'espressività di una tortora, interezze da zero a omino Bassetti.
    Unico sorrisetto strappato sul finale: per andare nello spazio basta scomode tute, MARZOTTO fà la differenza!

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails