lunedì 24 marzo 2014

73

Le pubblicità fuorvianti di Topolino (stagione IV, parte IV): novembre-dicembre 1980

Pubblicità Topolino anno 1980
E rieccoci qui, a far girare la ruota della fortuna mariomerola, in attesa che si fermi su Genuino Momento Emozione© o sulla più turpe pubblicità a doppio senso a senso unico mai vista su un giornalino per ragazzini. Cosa salterà mai fuori spulciando i Topolino dal 1304 al 1307 (23 novembre - 14 dicembre 1980, 500 lire l'uno)? L'impossibile [...]

Flipper Arcofalc
Era arrivato da poco in Italia Goldrake, e la Arcofalc, nota per i suoi biliardini, tira fuori un flipper casalingo dedicato a... Stardrake, il fratocugino del robot di Actarus. Bellissimo il testo della pubblicità di questo flipper, chiamato con grande onestà Flipp FLOP Stardrake: "Se poi il giocatore riuscirà a superare i 100.000 punti, sarà festeggiato da una musica elettronica, prolungata e ripetuta". Fino alla fine dei suoi giorni.
Flipper Superman Mattel
La Mattel rispondeva con un flipperino da tavolo su licenza: Flipper Superman Spinball Pinball. Solo che a Superman c'avevano piazzato un respingente in faccia, ché stava sulle balle pure a loro.
King Atlas Green Baron Micronauti
 I Micronauti, piangiamo...
...e i Micronauti in regalo con l'Ergo Spalma, l'Ergo Cappuccio e l'Ergo Sprint. Ripiangiamo. L'Ergo Cappuccio non era una bevanda come le altre, perché spingeva i futuri giovini degli anni 80 a un uso responsabile della contraccezione. Quella stasera forse ci sta? Ergo cappuccio.
PlayDas
Gli stampini del PlayDas, altro grandissimo momento mariomerolo. Abbiate pazienza, all'epoca avevi cinque anni, succede. Poco dopo ti avrebbero regalato il set per costruirsi gli indiani, riciclato e appositamente moddato da tuo padre per farci dei pastorelli del presepe. True story.
Penny Mangiadischi
Il celebre mangiadischi Penny, icona delle sigle dei cartoni, dei pezzi di Heather Parisi e di quelle cacchio di fiabe sonore strappalacrime portate in giro. "È sempre l'amico che canta, suona, racconta favole e mi segue dappertutto". Ma la ragazzina con le trecce è un'attimo preoccupata per questo mangiadischi stalker.
Con tono da insopportabile, odioso precisino della fungia, il ragazzino al centro si vanta della muturetta a batterie, mentre gli altri gli augurano affettuosamente di cadere di faccia alla prima curva. In caso contrario, basterà una piccola spinta.
Intanto, nella cumpa dei più piccoli, un altro rEgazzino si spara le pose per la sua Ferrarina. A pedali. A giudicare dall'espressione, al bambino seduto dietro con la maglia rossa sta per partire un grandissimo Mavacaca, va'
Il mondo dei Playmobil, in perenne subbuglio. Il pirata vestito da carabiniere viene cacciato a cavucincù in quanto biondino, mentre il re sta per essere aggiso da un colpo di cannone. Del resto, lì c'è scritto "salva il forte e la regina", del re non ha parlato nessuno.
Barbie Bagno di Bellezza
Barbie zozzovintaggia anni 70 comincia la sua giornata con un bagno nelle bolle tipo film con la Fenech,
Barbie Casa Mobile
 e poi via, "in libertà", in giro con la sua Casa Mobile, un camper che... aspetta un attimo...
Big Jim Camper Base Mobile
"L'hai già visto?" MEENCHIA, SÌ, UNA PUBBLICITÀ FA! Ricicloni!
Barbie Corvette
E per chi non amava i camper in multiproprietà c'era anche la "VETTURA DI BARBIE", stranamente molto simile alla Corvette di Big Jim. Ché la Mattel, senza dire niente, ha venduto in pratica per anni veicoli di Big Jim alle bambine e turpi veicoli dell'Algida Stronza ai bambini. "Mi dai uno strappo?", chiede la malvagia: Barbie Strappona è in vendita dal tuo giocattolaio.
Gigetto Pacioccone Bambolotti Gig
Parlando di bambole, ecco Gigetto e Pacioccone della Gig. Pacioccone "è bianco o negretto". Quello nero con la G ovviamente già canta e balla benissimo a 10 mesi, perché c'ha il ritmo nel sangue.
Bambola Mammola
Questa invece è Mammola della Sebino: bambola piagnona che poi smette di piangere non appena accendi la sua lampada da lettino a forma di culo.
E ancora, le "bambole per fare i grandi" (gonfiabili?) della Gadea. Non lasciatevi distrarre dalla mano di un Dottor Manhattan ante-litteram e guardate il bambolotto in basso a destra. "Nonno Pepi", bambolotto parlante con la coppola e la pipa che ti racconta per la quindicesima volta le storie della guerra, ché anche se non te ne frega una cippa devi ascoltarle lo stesso, o a Natale col piffero che ti molla i soldi.
Texanauta figurine Texaco
Mini-bruschette: non ricordavi fossero esistiti anche in Italia i distributori di benzina Texaco, ma hai avuto chissà per quali vie traverse quest'album di figurine pezzenti del Texanauta.
Il pozzo e il pendolo gioco
Il pozzo e il pendolo, un gioco di società chiamato come un racconto di Edgar Allan Poe. Rendiamoci conto di quanto si fosse avanti, negli anni in cui si era ancora parecchio indietro. A Tana delle Tigri andava fortissimo la versione in scala 1:1 con lame oscillanti vere.
Stadio Subbuteo Scalextric
Hai un vago ricordo delle piste Scalextric, ma scusate un attimo lo stadio del Subbuteo. Il solito bambino ricco e viziato, quello che c'aveva tutti i videogiochi, i Lego, i Playmobil e pure i Transformers, aveva nella sua magione una stanzetta del calcio, con il tavolo del Subbuteo completo di tutto: panchine, tifosi, una trentina di squadre. A scuola c'era chi era tentato di chiamarlo Commendatore.
Elicottero Carabinieri Mattel
Ne abbiamo già parlato un'altra volta, ma questo Elicotterino dei Carabinieri attaccato a una mazzarella di plastica ce l'avevi, e allora ti sembrava la più grande pheegata del mondo. "Vola davvero", dice la pubblicità. Più sotto, in inchiostro simpatico, c'è scritto #Credici.
Dribbling Arcofalc
Si parlava all'inizio dei biliardini Arcofalc: a quello di casa avevate sfondato le porte di gomma, a furia di tiri della tigre dalla difesa. Questo però non è un biliardino con le stecche, è il Dribbling, orrendo coso a tastoni. Prego notare la grande sportività con cui la ragazzina con le trecce rivolge allo sconfitto un delicato AruQ!
Radiocomandati Reel 45
Il povero Gilles Villeneuve, testimonial dei mitici "Radiocomandati Reel 45", un anno e mezzo prima del tragico incidente di Zolder.
Dolce forno 80 Harbert
Si diceva l'altra volta di come ogni era delle pubblicità di Topolino avesse il suo Dolce Forno. Eccolo nella versione '80, in grado di sfornare anche torte glassate, pare, e di non esplodere quando ci infilavi dentro le caldarroste.
Master Mind
Il celebre Master Mind della Invicta, in tutta una serie di varianti. Andava forte tra i più grandi, il Master Mind, probabilmente per il suo aspetto da gioco per anziani.
Ma la Invicta produceva anche questo gioco chiamato per qualche ragione "Vagabondo". Tetramini, pentamini e altri cosi-mini, quattro anni prima che Aleksej Pažitnov inventasse il Tetris.
Le armi giocattolo Molgora, inoffensive, ma di un inoffensivo scritto piccolo e tra parentesi. Ché per un rapina in banca andavano sempre benone. Prego notare il fucile da cecchino sparacapsule in plastica, l'ideale per... uh, sniperare l'anziano bucapalloni del quarto piano dal terrazzino?
La marmellata Santarosa ti permetteva di vincere questo simpatico Berrettone, per esser preso per il culo a scuola pure dai bidelli.
Si sottolinea sempre, a queste coordinate, quale trionfo del WTF fossero i fumettini di Barbie, ma quelli del Big Jim mica scherzavano. Provate a dare un senso a questo. O a spiegare perché la nemesi dell'eroe Capaabomba Jim (il Big si riferiva al cranio, chiaramente), il povero Dott. Steel, vada sempre in giro scalzo e a petto nudo, con addosso solo un paio di pinocchietti.
Alice la sfera che predice Harbert
Alice, la sfera che predice, "ha tutto il corredo da zingara: sfera di cristallo, carte della fortuna, foulard, 2 anelli ed un orecchino". E un modulo precompilato per quando vengono gli assistenti sociali a portarti via. In regalo con questa incul... questo simpatico giuoco, i pupazzini Harbert dei super-eroi.
Fonzies
Sei sicuro di aver già incontrato, in una vecchia puntata della rubrica, questa pubblicità per l'arrivo dei Fonzies. Strano però che "impappatarti" non sia entrato nel gergo antristico. Si può sempre rimediare, comunque. Per esempio, quanto si sono impappatati col testo su una scala da zero a mani appiccicose? "Diventa croccante anche tu con Fonzies, i nuovi croccanti croccantini di mais al formaggio". Croccante. Di mais al formaggio croccante.
C1p8 harbert
Il C1P8 (R2-D2 in lingua vintaggiocatanannica) radiocomandato della Harbert: "ogni movimento è accompagnato da un suono elettronico galattico diverso". Tu premi avanti, e quello fa firufirulì. Indietro, e biribiribì. A sinistra, cipucipucì, A destra, emomhairottoicoglioncì.
L'Ape Maia si fa un bagno in stile Barbie, per eliminare le tracce di quello che ha portato a casa "dopo un viaggio nel Perù".
La battaglia sottomarina Polistil, variante della battaglia navale venduta al modico prezzo di 50 carte, ossia CENTO volte il prezzo di Topolino. Fatevi due conti.
Mattel Electronics Basketball Meneghin
Ma c'erano anche i primi videogiochi handheld, i giochini elettronici a led come questi della Mattel: il basket, con Dino Meneghin come testimonial,
Mattel Electronics Calcio Tardelli
e il calcio, con Tardelli. "È più facile segnare un goal con i piedi che con le mani", dice Marcone
Mano de Dios Maradona
#Dipende
Titom gioco
Questo, invece, era il Titom, sorta di incrocio tra il biliardo e il gioco delle pulci, reclamizzato come "il gioco nuovo degli anni Ottanta", con tanto di Federazione Italiana Gioco Titom a supporto. Uh, certo.
E chiudiamo con questa pubblicità della Chiquit... che... "piacere a portata di mano, senza controindicazioni...".
...
...

...
No, cioè.


TUTTE LE ALTRE PUBBLICITÀ FUORVIANTI DI TOPOLINO SENZA CONTROINDICAZIONI. PIÙ O MENO.

73 commenti:

  1. No vabbè. La nonna. Guardate la nonna che gesto fa O__________O

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E infatti è l'unica che di giallo non c'ha solo la mano.

      Elimina
    2. tipo...
      https://www.youtube.com/watch?v=1SKIp36MkXM

      Elimina
    3. è la nonna di sasha grey, QUELLA.

      Elimina
    4. Lol, visto il video :-D
      TheToddTi... ops: TheGrannyTime

      Elimina
  2. Lacrime napulitante per il Dribbling della Arcofalc, intere estati passate intorno a questa meraviglia a fare esattamente quello che fa la bambina con le trecce, umiliare gli amici. A casa dei miei sono rimasti il pallone di ferro ed un ultimo eroico omino!

    RispondiElimina
  3. E con il terzetto mangiadischi+micronauti+mastermind la settimana inizia in lacrime...

    RispondiElimina
  4. Barbie strappona o maiala stile film della Fenech mi ha fatto piangere dal ridere ma soprattutto il bambolotto in versione nero con la G; insomma non sono loro dei pubblicitari razzisti ma sono gli altri ad essere neri con la G.

    RispondiElimina
  5. Bwaahahahahahahahhaah,oddiooo...ma dove le trovavano queste pubblicità della chiquita XD XD XD

    Comunque mitico il giradischi,ce lo avevo da piccolino :)

    Mi ha lasciato abbastanza basito il logo della Giordani...Giordani...il paradiso dei pedofili... O.o

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stavo pensando la stessa cosa... un logo con sei bambine nude che corrono.. non so, mi pare fuori luogo anche in un'epoca dove c'erano meno paranoie di quel tipo.

      Cheers

      Elimina
  6. i micronaaaautiiiiii!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  7. Non ricordavo che una delle facce di big jim fosse quella di Umberto Smaila.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahaha è vero! Finita la missione si faceva un salto dalle ragazze cin-cin

      Elimina
  8. TITOM, il gioco nuovo degli anni 80! Credo che alle pulci giocassero già nel medioevo o giù di lì

    RispondiElimina
  9. No, ora ricordarmi del bimbo-Commendatore-vicino di casa ricco con Subbuteo©, No. Avevo appena finito il periodo di rehab.
    Sei una una brutta persona Doc. Io ci avevo solo il campo con le transenne verdi della polisportiva dell'oratorio....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sbaglio, o si tratta dello stesso bambino altresì in possesso della portaerei U.S.S. Flag dei G.I.Joe?

      Elimina
  10. "Titom" è il Carrom, gioco tradizionale indiano che effettivamente ha tornei e federazioni in Italia e nel mondo.
    http://boardgamegeek.com/boardgame/5072/carrom

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ribattezzato Titom da simpatizzanti del dittatore jugoslavo?

      Elimina
    2. Probabile. Non so per quale perverso motivo abbiano scelto di dare un nome commerciale a un gioco tradizionale... forse semplicemente perché allora "usava così", spacciare per nuovo un gioco già esistente poco conosciuto sperando che nessuno se ne accorgesse...

      Elimina
    3. Volevo fare il precisino della fungia sulla questione Titom/Carrom, ma vedo che qualcuno (che ben conosco!) mi ha già preceduto... :-D

      Elimina
  11. Doc ora ci devici spiegare questo antRefatto:

    " Poco dopo ti avrebbero regalato il set per costruirsi gli indiani, riciclato e appositamente moddato da tuo padre per farci dei pastorelli del presepe. True story."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, ad averci un papà artista-MacGyver quello è il meno.

      Elimina
  12. Aspetta, come ha fatto Big Jeff ha salvarsi? C'è forse un buco di trama? L'hanno fatto volutamente per creare un mistero da risolvere in un eventuale spin-off?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non si è salvato: è morto, ché Big Jim voleva tutta la scena per sé.

      Elimina
    2. Quindi hanno insabbiato la cosa. Poor Jeff.

      Elimina
    3. Ginny Hermione24 marzo 2014 11:04

      Infatti l'avevo scritto nelle storie di Brokeback Mountain: Big Jeff era Heath Ledger :)))

      Elimina
  13. Bello anche il nome del flipper: "Flipp flop Stardrake", fa pensare a Goldrake con gli infradito... "Ciabatta Spaziale!"

    RispondiElimina
  14. Orgoglioso possessore di mangiadischi Penny rigorosamente arancione, ancora funzionante, per riascoltare i mitici 45 giri-audiolibri (qualcuno se li ricorda?) di Black Hole o del Ritorno dello Jedy e altri.. Il pozzo e il pendolo lo ricordo in qualche festa del Pleistocene. Non impappatatevi!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ce l'avevo rosso. Di sicuro avevo i 45 giri con Samarcanda (sentito fino a consumarlo), la "Fiaba sonora" (http://it.wikipedia.org/wiki/Fiabe_sonore) di Aladino e "Capito?" (https://www.youtube.com/watch?v=H1iCb86d58M - la passione per i Gatti di Vicolo Miracoli si è poi convertita in antipatia per Jerry Calà...)

      Elimina
  15. La corvetta di Big...ehm, di Brabie, mia sorella la ereditò dalle cuggine.... La pubblicità della banana alla fine è come minimo agghiacciante!

    RispondiElimina
  16. Ah, la pezzentaggine infinita della Mattel che reciclava le cose di Big Jim a Barbie e viceversa! Strano di non aver mai visto un Big Jim combattere contro qualche canemostro (ma solo lui con indosso la tutina del Billy è tutto un dire :P)

    RispondiElimina
  17. Niente è più forte di me, ogni volta che sento capaabomba mi metto a ridere come un matto. Ora vado a fare uno spuntino e ad impappatarmi tutte le mani!!!

    RispondiElimina
  18. Grande, come sempre...grazie Doc!
    Questa volta nulla mi salta fuori come nuovo...
    Solo un pensiero per l'unico immenso Gilles Villeneuve... che non ha certo vinto sette mondiali, non ha stabilito oltre 50 pole position e giri veloci...ma che era Gilles...

    RispondiElimina
  19. mangiadischi Penny, presente! Mi piacerebbe sapere

    Il Pacioccone bianco era in realtà il modello catanzaroto: più piccolo di giggino il biondo e coi ricci neri. Insomma una via di mezzo tra il nordico finlandese e il nero con la G!
    Non è che nel pacco ci trovavi, al posto del biberon, anche la teglia con dentro la parmigiana di melenzane per la criatura???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mi è saltato un pezzo: "Mi piacerebbe sapere quanti ne hanno venduti, perchè ce l'avevano TUTTI"

      Elimina
  20. Ma dai, i giocattoli di Big cranio e dell'Algida S. uguali nella forma ma diversi nei colori. Geni.

    RispondiElimina
  21. Io avevo una valigetta a soffietto che mi portavo dietro col mangiadischi arancione (rigorosamente!!!) pieno dei dischi di fiabe sonore etc etc ereditati da tutti i vari cugini....mamma mia quante ne ho sentite erano bellissime :( (a mille ce n'è nel mio cuore di fiabe da narrar....LAGRIMONI!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pure iooooooo ** ma il mio mangiadischi era blu ed era di un'altra marca.

      Elimina
  22. Mi hai fatto ricordare dell'amico "cumenda" con il subbuteo montato nei sotterranei della sua magione. Obiettivamente non mi interessava una cippa del fatto che lui lo avesse, però il modo di tirarsela lo odiavo. Poi battei tutti anni dopo, divenendo il primo possessore di Ps1 del quartiere, la mia rivalsa!

    RispondiElimina
  23. Scusate, ma vogliamo parlare del Dottor Steel, eterno arcinemico di Big Jim, ladro di cavalli, piromane, rapitore e probabilmente omicida, che cortesemente indica la strada al primo capabomba impiccione che passa... malvagio sì, ma educatissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non li fanno più i villanzò galantuomini in pinocchietti di una volta.

      Elimina
  24. Le ricordavo tutte. TUTTE. Bruschette a volontà.

    RispondiElimina
  25. L'ultima è raccapricciate. Oddio...

    RispondiElimina
  26. Uhhhhh TUTTI i miei amici avevano il Subbuteo.Tutti ricchi. Ma a me piaceva il modellismo. La Bismark, la Tirpitz, i carri armati, Spitfire i Mustang gli Stukas con motore dentro... o vinto qualche cosa o ero scemo a non cagare il calcio?

    RispondiElimina
  27. Ginny Hermione24 marzo 2014 13:52

    Strano destino quello dei Villeneuve: Gilles non ha mai vinto un mondiale ed è ugualmente passato alla storia come un grande, mentre su suo figlio che un titolo l'ha vinto aleggiano parecchi dubbi. Comunque rivedere Gilles suscita la bruschetta anche a me, anche lui come Senna ci ha lasciati troppo presto :,(

    RispondiElimina
  28. Ginny Hermione24 marzo 2014 13:58

    Piuttosto, per quale oscura ragione il font del Vagabondo è copiato da quello dell'analcolico moro? Dobbiamo chiamare per scoprirlo Daniele Bossari e la sua squadra di indagatori dell'incubo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh all'epoca le scritte "strane" erano generalmente disegnate a manina ricalcando i caratteri dai cataloghi stampati dopo averli ingranditi, e i cataloghi costavano uno sproposito (come le licenze dei font, solo che i font li copi) :D

      Elimina
  29. E io ogni volta muoio
    o dal ridere o dal magone della nostalgia canalis.

    RispondiElimina
  30. Avevo il Penny, giallo! e avevo pure il centauro granata dei micronauti!
    quanti ricordi!!

    Il bilardino Dribbling alla mia scuola elementare spopolava durante l'intervallo!

    RispondiElimina
  31. Hahahahhaahahahahah!!! La mano del Dottor Manhattan ante litteram :-D :-D casco!
    PS: Doc, lo "sniperaggio" è biografico? :-) ... È un apocrifo del "Potere di Grayskull"? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Naa. I miei mi costringevano ad essere educato con gli anziani. Anche quando erano malvagi bucapalloni.

      Elimina
  32. Scopro solo oggi che il mio biliardino si chiamava Dribbling! Ed era fichissimo anche con i tastoni. Io sapevo pure fare i tiri a effetto! Bastava storcere la gamba che calciava a tutti i calciatori prima di iniziare la partita e tiravano tutti effettati. L'altro trucco era tirare immediatamente quando la palla finiva sulla calamita e non aspettare che si fermasse atrimenti andava sempre nello stesso punto esatto!

    RispondiElimina
  33. King Atlas ce l'avevo! (come pure il suo superiore in grado Red Falcon). Costavano uno sproposito, ma erano praticamente indistruttibili. Ci ho giocato io, mio cugino più piccolo, i figli di mio fratello (oggi ventenni) per essere donati alfine al figlio settenne di un altro mio cugino. E i giochini con i led erano fantastici!

    RispondiElimina
  34. Alcune di queste pubblicità, pur comparendo a fine 1980, rappresentano (forse) gli ultimissimi colpi di coda degli Anni Settanta. Mi domando se ci sarà mai dato di rivedere un lettering delizioso come il Millevite Playmobil, oppure piccoli capolavori di design quali le confezioni della linea Ergo.
    Il mangiadischi lo possedevo anch'io, era verde (quella meravigliosa tonalità in voga negli Anni Settanta oggi, ahimè, scomparsa) con inserti beige. Lo usavo poco/nulla; quelle poche sigle di cartoni che avevo non m'ispiravano molto (fin da allora si denotava il mio scarso feeling con la musica)
    Applausi a scena aperta per il Das (all'epoca ancora di colore grigio fango e come scordare quel delizioso odorino?) e per le formine!!!
    Dei Micronauti (e possiamo dire che pure con questa linea sconfiniamo nel campo artistico) possedevo Oberon e Force Commander (che mi era stato ricomprato, non ricordo il primo esemplare che fine avesse potuto fare)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da ex cosplayer il DAS l'ho usato anche negli ultimi anni, e non poco :D

      Ma voi ve li ricordate i set di DAS con le automobili e i bijoux? c'era anche qualcosa con i soldatini o ricordo male?

      Elimina
    2. Oltre alle automobili e bijoux (forse erano i primissimi?) ricordo i set dame/cavalieri settecenteschi (probabilmente hai associato questi ai soldati), oltre ai Puffi e a Isidoro (Itchcliff, non so la grafia corretta)
      Ed erano belle pure le pubblicità del Pongo :)

      Elimina
  35. I'amico cumenda aveva ben DUEcampidisubbuteoDue e oltre una ventitrentaquarantina di squadre tra nazionali e clubbs! esistono ancora (giuro),custoditi gelosamente dall'ormai attempato amicocumenda, quaderni pieni di risultati di tornei giocati alla morte sui suddetti campi da una masnada di lanzichenecchi perennemente accampati a casa del suddetto cumenda.naturalmente, la sorellamaggiore era oltremodo felice di averci tra i gabbasisi praticamente fulltime.

    RispondiElimina
  36. Spettacolo!passi la questione del piacere a portata di mano senza controindicazioni (doc, sicuro che da qualche parte, con font weight nei relativi non ci sia un accenno alla perdita di diottrie?)...ma la frase "Qualcuno cerca di intralciarMI le ricerche" è capabombiano stretto?Doc, è preoccupantemente vicino ad espressioni antristiche..(oltre che a frasi celebri della caratura: "Scendi il cane che lo piscio..")

    RispondiElimina

  37. L'ape maia cubista nei peggiori bar peruviani non mi farà dormire per molte notti a venire. Inquietante come e più delle rispettive teste di Lantaurion e Pegasus.

    RispondiElimina
  38. La mano blu è chiaramente dovuta al fotolitista della Mondadori che si era fatto due cartoni di Tavernello (si, ancora non c'era. Appunto) quando preparava le separazioni :D

    RispondiElimina
  39. Momento mariomerolo pazzesco ed esplosione cerebrale con warp tunnel del tempo istantaneo per le macchinine telecomandate reel 45, ma soprattutto per il TEXANAUTA ... pensavo avessi bruciato quelle sinapsi, invece ancora mi ricordo le sensazioni di quel gigante ovetto kinder plasticolo in mano ... FANTASTICO! Grazie

    RispondiElimina
  40. Io quel nonno Pepi ricordavo si chiamasse nonno Ciccio. Mi ubriacavo già da piccolo?

    RispondiElimina
  41. Sono contenta di essere stata bambina negli anni 80...quando i giocattoli erano sempre scemi, ma con stile! Però il mangiadischi ce l'avevo anch'io, riciclato da qualche cugino più grande, e ci ascoltavo davvero le fiabe sonore, le sigle dei cartoni...e pure Crilù di Heather Parisi!
    Ah, e il nemico di Big Jim secondo me è un giovane Sagat (Street Fighter). E' l'unica spiegazione!

    RispondiElimina
  42. Non ci volevo credere al "negretto" ...
    Almeno mi sono tirata su col Mastermind: avevo quello piccolo, c'avrò fatto tipo millemila partite ... Bellissimo.

    RispondiElimina
  43. Grazie, questo post mi ha rallegrato la giornata :-D

    RispondiElimina
  44. Applauso sul commento del berrettone della marmellata santarosa

    RispondiElimina
  45. Ma avete notato che i Micronauti rossi sono IDENTICI a quelli verdi??? Cambia solo il colore, e li spacciavano come 4 personaggi diversi!

    RispondiElimina
  46. Una delle migliori "pubblicità fuorvianti" finora!

    RispondiElimina
  47. Questo è il post sulle pubblicità fuorvianti più epico di sempre. Doc in gran forma!!!

    RispondiElimina
  48. Ginny Hermione26 marzo 2014 18:44

    Io avevo il Mastermind in versione tascabile e me lo portavo sempre nelle gite scolastiche o parrocchiali, era un ottimo passatempo sul pullman, tranne quella volta che la mia avversaria mi ha fatto imbestialire sfidandomi ad indovinare quattro chiodini rossi. Adesso penso che il Mastermind, il Tetris e tutti gli altri giochini similari potrebbero essere usati nelle scuole, come esercizi di attenzione e concentrazione per quegli studenti che faticano a stare attenti in classe. Non sembra, ma usare questi giochi ti fa ragionare parecchio, è un po' come giocare a scacchi; infatti non mi stupisce che l'inventore del Tetris sia un russo, cioè un nativo di un paese di grandi scacchisti.

    RispondiElimina
  49. Che momento Emozione ! il PLAY DAS ! Perchè non lo fanno piu' ? Eh eh eh eh ? Ora scusatemi, vado a prendere una Chiquita senza Controindicazioni per asciugarmi le bruschette .....

    RispondiElimina
  50. Risate amare anche per "CORRI DAL TUO NEGOZIANTE DI FIDUCIA".

    Razza estinta, un mondo diverso, non necessariamente migliore.

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails