venerdì 3 gennaio 2014

122

Robottoni giapponesi, una cronologia (parte I: 1963-1976)

Sull'Internet, di cronologie sull'evoluzione degli anime dei robot giapponesi, ne esistono già tante. Perché iniziarne un'altra, allora? Perché è una roba che volevi infilare da tempo sull'Antro, ma anche e soprattutto perché è un'ottima scusa per spendere due parole su tutte quelle serie a base di magli perforanti e potentissimi cavucinculo robotici. Su quelle che adoravi, su quelle che non ti piacevano, su quelle che non hai mai visto, per scelta o meno (oh, non le davano mica tutte dappertutto). Una sola premessa: ti sei concentrato sulle serie di robottoni classiche, lasciando da parte quelle in cui il robottone era una comparsa (Babil Junior) o di stampo prettamente umoristico-demenziale-tetta-di-Miss-Dronio come le serie Time Bokan. Detto questo, questo, Mach Patrol in configurazione "aerosistema" e date gas, ché si va […]

1963

Tetsujin 28-go
(鉄人28号, Tetsujin Nijūhachi-gō)
Trasmissione in Giappone: 20 ottobre 1963 - 25 maggio 1966
In Italia: /
Episodi: 52

Il primo della stirpe. Un robot gigante controllato da un rEgazzino via telecomando, in una serie in bianco e nero tratta dal manga del '56 di Mitsuteru Yokoyama, in seguito autore Giant Robot e di Babil Junior. Inedita in Italia, Tetsujin 28-go ("L'uomo di ferro 28") arrivò poco dopo negli USA, dove il robottone con la pippa a punta è noto come Gigantor. Il remake del 1980 planò invece anche sugli schermi di quaggiù, col titolo di Super Robot 28.

Fattore di mariomerolitudine, su una scala da zero a quattro capuzzelle di Jeeg, ovviamente inesistente. In Giappone, per altrettanto ovvie ragioni, gli sono molto affezionati, e c'ha pure lui una statua gigante come il Gundam, a Kobe.
Ciàpa, Peter Rei!

1972

Astroganga
(アストロガンガー, Astroganga)
Trasmissione in Giappone: 4 ottobre 1972 - 28 marzo 1973
In italia: dal marzo 1980 (Telemontecarlo)
Episodi: 26

La prima serie di robottoni a colori, per quei due mesetti di anticipo su Mazinga Z, Astroganga è diversa da tutte le altre, perché il suo protagonista è un robot senziente, un essere composto di "metallo vivente" che pensa per conto proprio. L'unico, in buona sostanza, autorizzato a fare le smorfie quando viene colpito. Allo stesso modo, il piccolo Charlie/Kentaro non lo pilota, ma si fonde nel cuore di Astroganga per affrontare i malvagi Blaster, alieni con le radio giganti da rapper old school.

Ne hai solo un ricordo piuttosto vago, ma è uno di quei ricordi preziosi della primissima infanzia, ai confini estremi dell'hard disk mnemonico, e preferisci lasciarlo così com'è.
Mazinga Z
(マジンガーZ, Majinga Z)
Trasmissione in Giappone: 3 dicembre 1972 – 1 settembre 1974
In Italia: dal gennaio 1980 (Rai 1)
Episodi: 92 (in Italia trasmessi solo 52)

Il primo cartone nella grande famiglia dei Super Robot, robottoni pilotati da un essere umano, nonché il primo di Go Nagai. A cui l'idea viene perché, come noto a tutti, imprigionato nel traffico si trovò a desiderare che alla sua auto spuntassero un paio di gambe gigantesche. Da lì all'aliante slittante da agganciare a un robot antropomorfo, il passo fu brevissimo. I primi episodi vennero realizzati a membro di segugio, col design di Mazinga variabile a causa, pare, di uno sciopero dei dipendenti Toei.

Arrivato in un'Italia già assuefatta a Goldrake, Mazinga Z sembrava una roba vecchissima, tanto che, è stranoto anche questo, ne furono doppiate e mandate in onda solo 52 puntate su 92. Ma quella sigla, con la piscina che si spalanca, sprecando una quantità d'acqua pazzesca, resta da grandissimo imbruschettamento oculare.

1974

Space Robot
(ゲッターロボ, Getter Robot)
Trasmissione in Giappone: 4 aprile 1974 – 8 maggio 1975
In Italia: Dal giugno 1980 (varie reti locali)
Episodi: 51

Ah, il Getta Robot. Il primo robot componibile, in comode dispense mensili. Punto di riferimento per decine di serie robotiche giocate sul tema dei velivoli/veicoli da agganciare in volo, ma anche il primo di una inverosimilmente lunga serie di sequel, remake e Getter-qualcosa. Nella lotta contro il Regno dei Dinosauri, il Getta Robot aveva tre configurazioni diverse, dettate dal modo in cui si agganciavano il Getta Aquila, il Getta Giaguaro e il Getta Orso: Getta 1, il segaligno Getta 2 e il cicciobombo Getta 3.

Serie che ancora lovvi abbastanza. Ne torniamo a parlare asap ne La prima puntata non si scord…eh?!?
Il Grande Mazinga
(グレートマジンガー Gureeto Majinga)
Trasmissione in Giappone: 8 settembre 1974 – 28 settembre 1975
In Italia: dal maggio 1979 (varie reti locali)
Episodi: 56

Non sei mai stato un grande fan del Grande Mazinga in sé, ma trovavi molto più tanto flippotrippissimi i suoi nemici, l'uomotigro Duca Gorgon e tutti quegli altri tizi con delle teste in esubero. E poi c'era la bellissima Jun Hono, mica fìschiett.
Credi di aver visto tutta la serie, ai tempi, almeno un paio di volte. Le ultime puntate, in particolare, erano fantastiche. Della prima si è detto invece qui.

1975

Yuusha Raideen
(勇者ライディーン, Yūsha Raidīn)
Trasmissione in Giappone: 4 aprile 1975 – 26 marzo 1976
In Italia: /
Episodi: 50

Raideen, un antico robot risvegliatosi in una piramide, perciò c'aveva quella testa lì. Celebre in Giappone, Raideen e il suo arco gigante non sono mai arrivati in Italia, persi per qualche motivo ai tempi in mezzo all'ondata di cartoni importati da Nippolandia. In America è entrato a far parte degli Shogun Warriors, il che ne ha fatto un personaggio ufficiale del Marvel Universe.

Mai coperto.
Jet Robot
(ゲッターロボG, Getter Robot G)
Trasmissione in Giappone: 15 maggio 1975 – 25 marzo 1976
In Italia: dal giugno 1980 (varie reti locali)
Episodi: 39
 

Jet Robot, ovvero Getter Robot G, seguito diretto del primo Getter Robot/Space Robot. Ryo è sempre lì a fare il Ken l'Aquila (è un caso che gli sia toccato il Getter Aquila? Noigiacobbi crediamo di no), Ayato resta il bassista carismatico della cumpa, ma al posto di Musashi il ruolo di burbero ma buono sovrappeso è affidato a Benkei.
I tre nuovi robot nati dalle configurazioni laocoontiche assuente in cielo dalle tre navette, cioè il Getta Dragon, il Getta Rygar e il Getta Poseidon, possono piacere o meno (te preferisci il Getta 1, con i suoi occhi ad esagono, al Dragon),
ma la serie la ricordi con un moderato ma vivo livello di mariomerolitudine
Jeeg robot d'acciaio
(鋼鉄ジーグ Kōtetsu Jīgu)
Trasmissione in Giappone:  5 ottobre 1975 – 29 agosto 1976
In Italia: dal marzo 1979 (varie reti locali)
Episodi: 46

E si piange. Una delle serie robotiche che hanno marchiato a fuoco la tua generazione, il robot con le gambe a salsicciotto e l'abuso di robe fucsia diventato icona, mito, causa di rivalutazione su scala mondiale dei guanti gialli, nel post-Topolino. Quei mostri,

quella sigla scalciacooli e tiragiùinomi. Lacrime napulitante come se piovessero Mariomeroli in sella a unicorni origami di Blade Runner.
Atlas Ufo Robot
(UFO ボグレンダイザー, UFO Robot Grendizer)
Trasmissione in Giappone: 5 ottobre 1975 – 27 febbraio 1977
In Italia: dal 4 aprile 1978 (Rete 2, l'odierna Rai 2)
Episodi: 74

E si ripiange. Il primo ad arrivare in Italia, per buona parte degli italiani (ma non tutti, sembra. Ne riparliamo nella seconda puntata a proposito di Danguard). Per tanti, il primo cartone giapponese, per molti (quelli che all'epoca erano già grandicelli) anche l'ultimo. Fenomeno di costume, eccetera eccetera, casini per la RAI perché i genitori non digerivano la troppa viulenza, eccetera eccetera.

Una roba giapponese, che diventa un pezzo di storia dell'entertainment e financo del costume italiano. Anche qui, le prime puntate sono ai confini dell'hard disk cerebrale, ma la mania che generarono chi c'era la ricorda bene, in un mix pericoloso con gli ultimi scampoli legali di discomusic che portarono a robe tipo questa:

Uchū enban daisensō
(宇宙円盤大戦争)
Proiezione in Giappone: dal 21 luglio 1975

Non tutti lo sanno, ma la serie di Goldrake nasce da un mediometraggio pilota del luglio '75, Uchū enban daisensō ("La grande battaglia dei dischi volanti"), in cui Duke Fleed ha una tutina diversa, ha come nemici gli Yaban e guida un altro robot, Roboizer,

che qui vediamo assieme a Goldrake e altri robot di Nagai.

1976

Gaiking, il robot guerriero
(大空魔竜ガイキング, Daikū Maryū Gaiking)
Trasmissione in Giappone: 1 aprile 1976 – 27 gennaio 1977
In Italia: Dall'ottobre 1979 (varie reti locali)
Episodi: 44

Il denso 1976 giapporobotico si apre il primo d'aprile con un robot cornuto e con la mascherina antismog, nato da un'altra idea di Go Nagai, che, tenuto fuori dal progetto dalla Toei, le fece causa e se ne allontanò per un bel pezzo. A riguardarla oggi, Gaiking è una serie piuttosto imbarazzante, 

ma all'epoca il Drago Spaziale, enorme astronave da combattimento con la capoccia incapsulabile sul torace del robot, spaccava in due l'immaginario fanciullesco.
Drago Spaziale che, insegnava anni fa Gianfranco Marziano, sbarea nello spazio ed è ca*zo che accire a uno pe' sfizio, ricordiamolo.
Godam
(ゴワッパー5 ゴーダム, Gowapper 5 Godam)
Trasmissione in Giappone: 4 aprile 1976 – 29 dicembre 1976
In Italia: dal 1984 (varie reti locali)
Episodi: 36

L'ennesima squadra di cinque tizi clonati dai cinque tizi della Squadra G di Gatchaman, ma la serie era realizzata dalla Tatsunoko, detentrice dello stampino ufficiale, visto che i Gatchaman erano roba sua. La peculiarità è che a capo della cumpa c'era questa volta una ragazza, Yoko. Il resto lo facevano il solito professore pre-installato in un computer assieme al DOS e a un paio di avventure testuali, il Popolo degli Abissi e un robot brutto forte.

Viste un paio di puntate fuori tempo massimo, in qualche replica postuma, non ti ha detto niente. Fermo lì, muto, a braccia conserte. Gowapper Five sarebbe però un nome tipo perfetto per un panino gigante di burger king.
Combattler V
(超電磁ロボ コン・バトラーV, Chōdenji robo Konbatorā Bui)
Trasmissione in Giappone: 17 aprile 1976 – 28 maggio 1977
In Italia: dal 1983 (varie reti locali)
Episodi: 54

La prima parte della romance trilogy di "Saburo Yatsude", pseudonimo dietro al quale si celava uno staff della Toei, completata in seguito da Vultus V e General Daimos (i due robot alle spalle del Combattler V nella copertina qui sopra). Realizzata dalla Toei, la serie arrivò in Italia nell'83, assieme alla successiva Vultus V.

Il design del robottone ti garbava, ma delle storie non ricordi praticamente nulla. Anche il Combattler entrò a far parte del Marvel Universe come membro degli Shogun Warriors, col nome di Combatra. Il tuo chogokin del robot, lorcordiamolo, non è particolarmente bravo a giocare a pallò.
UFO Diapolon, guerriero spaziale
(UFO 戦士ダイアポロン, UFO Senshi Daiapolon)
Trasmissione in Giappone: 6 aprile 1976 – 28 settembre 1976
In Italia: dall'agosto 1981 (varie reti locali)
Episodi: 26

Tutta questa storia parecchio LOL del football americano, per il robot, il Diapolon, e per chi ci si infila dentro, Takeshi. Quest'ultimo diventa infatti un giocatore di football gigante, tipo, e indossa il Diapolon come armatura. Gli altri tizi invece raus, sulle navicelle di supporto.

Ne hai visto qualche puntata di recente su Man-ga, e LOL al quadrato. Ai tempi ti faceva troppo brutto, perché c'era tanto di meglio in giro. Ah, il doppiaggio italiano fu curato dallo studio del mitico Tony Fusaro, il re indiscusso del bresslinz commentato in fintodiretta.
Groizer X
(グロイザーX, Guroizā X)
Trasmissione in Giappone: 1 luglio 1976 – 31 marzo 1977
In Italia: dal dicembre 1981 (Canale 5)
Episodi: 36

Il robot scarrafone. Brutto lui, inguardabili le tutine dei due piloti, Joe e Rita, con i parafanghi da coscia e il casco con le casse stereo. Tratto da un manga di Nagai e Gosaku Ota,

l'anime Groizer X andò in onda per la prima volta in Italia sulla neonata Canale 5. Credi di averne visto giusto qualche episodio, ma di sicuro ti sembrava brutto pure allora. 
Astro Robot Contatto Y
(ブロッカー軍団IVマシーンブラスター,
Burokkā Gundan IV Mashīn Burasutā)
Trasmissione in Giappone: 5 luglio 1976 – 28 marzo 1977
In Italia: dal settembre 1980 (Rete 2, l'odierna Rai 2)
Episodi: 38

Di quanto e perché tu sia legato agli Astro Robot, hai già detto a sufficienza commentando la loro prima puntata.

Fattore di mariomerolitudine, quindi, per te piuttosto alto. Per chi dovesse averci tempo e voglia, tutti e 38 gli episodi sono ancora visualizzabili in streaming gratuito su PopcornTV.
Gackeen, il robot magnetico
(マグネロボ ガ・キーン, Magune Robo Ga・Kīn)
Trasmissione in Giappone: 5 settembre 1976 – 26 giugno 1977
In Italia: dal novembre 1980 (varie reti locali)
Episodi: 39

Robottone con l'assemblaggio in stile Jeeg, anche perché pure qui c'era qualcuno che diventava di fatto parte del robot, i due protagonisti Takeru e Mai.

Dei 39 episodi di Gackeen, solo i primi 26 vennero mandati in onda in Italia nei primissimi anni 80, gli altri furono doppiati solo in seguito da Yamato Video. Ti piaceva la sigla, ti piaceva abbastanza il segaligno robot. Tutta quella storia del magnetismo, però, prestava il fianco a possibili, disastrosi problemi, come dimostrato un annetto fa da Leopaldon
Robot Taekwon V
Film coreano del 1976
Chiudiamo questa prima parte della rassegna cronologica sugli anime dei robottoni giapponesi, con un altro robottone… che non è giapponese. Clonazzo di Mazinga, il coreano Robot Taekwon V - approdato in seguito negli USA come Voltar the Invincible - ha generato tutta una serie di seguiti e anche un altro eroe robotico, di cui parleremo la prossima volta.
Ah, nel caso ve lo state chiedendo, sì, la serie si chiama Robot Taekwon V perché non solo i suoi personaggi, ma anche lo stesso robot, per sembrare sufficientemente coreani rifilano calci di taekwondo.

E poi è più alto. Non si può parlare di plagio, perché Taekwon V è, uh, più alto di Mazinga.

La seconda parte (1977-1980)

122 commenti:

  1. Che post magnificamente magnifico! :D
    Cmque devo ancora capire perchè in Italia trasmisero le serie di Goldrake, Mazinga e il grande Mazinga praticamente nell'ordine inverso col quale uscirono in Giappone.. Vabbè che agli adattatori italiani dell'epoca fregava assai dei "cartoni animati" quindi avran detto "massi, prendi il primo che ti capita e lo doppiamo"

    RispondiElimina
  2. oddio mi sono fermato ad Astroganga perchè mi è venuto un flash... avevo rimosso quanto mi mettessero strizza i blaster da bimbo. Se non ricordo male erano degli alieni con le facce da clown che rubavano ossigeno argh!

    RispondiElimina
  3. Con questi post ti dimostri come il mio barbera preferito, superiore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Barone barone...hai un nome che mi fa tanto nostalgia...king atlas, force commander, emperor...snif snif

      Elimina
  4. Moolto bello come post,anche se io do un valore di 5 jeeg a tutte le serie di Nagai....a parte Jeeg e Gaiking che se ne prendono 4....oh,de gustibus :)

    3 a Diapolon e Gackeen e 2 a Godam per la sigla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diapolon meritava se non altro per quanto soffriva nella trasformazione...e anche la sigla!

      Elimina
  5. Mi brillano gli occhi. Trivia: Doc, lo sai che vuol dire "ganga" in milanese? Ecco, una serie che parte subito malissimo a livello regionale :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel mio paesino della provincia del Doc vuol dire "dente" lol

      Elimina
  6. io a "tasso di mariomerolitudine" quasi cado dalla sedia!!!!

    RispondiElimina
  7. Doc sto piangendo in metro...

    RispondiElimina
  8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  9. Il Godam mi piaceva abbastanza, era buffo perche' molto tracagnotto, non si capiva come facesse a combattere lento com'era. Fra l'altro mi capito' di vedere proprio la prima puntata, cosa rara all'epoca per me.
    Anche il Diapolon mi piaceva, i giocatori di football mi sono sempre sembrati un po' dei guerrieri in armatura, tipo i samurai.

    Certo che questi robot hanno tutti una fissazione per il numero 5: GOdam, Combattler V, Vultus V, il robot di Seoul, tutti volanti... Seguira' il saggio: "L'esoterismo delle cinquine che volano".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono sicurissimo di averlo letto proprio qui da Doc, ma qualcuno ha fatto notare che, se con la tecnologia dell'epoca fosse stato costruito un robot per quegli scopi, il "modello" più realistico sarebbe stato proprio Godam ;)

      Pure a me Diapolon piaceva, non ci giurerei, ma dovrei averlo visto proprio alla sua primissima messa in onda.

      Elimina
  10. Dopo jeeg niente è stato più come prima.

    RispondiElimina
  11. Dopo jeeg niente è stato più come prima.

    RispondiElimina
  12. Uno di quei post che "Grazie, Doc".

    RispondiElimina
  13. Ecco un altro dei rari post in cui sono d'accordo con te al 100% XD
    (poi ci sono quelli in cui sono d'accordo all'80, 70, ecc ecc..)

    Anche nel mio cuore i primi posti se li sono aggiudicati a mani basse Goldrake e Jeeg, almeno per quanto riguarda questa prima manche. Ma non tanto per una questione di mariomerolitudine - comunque la più alta là in mezzo - quanto piuttosto per il fatto che i robottoni e i piloti erano proprio diversi, ti davano quella sensazione di percepire qualcosa di livello più alto, insomma. Sarà per il fatto che nè Actarus/Duke e nè Hiroshi fossero proprio umani, o magari sarà che i loro robottoni avevano più optional di tutti, con tutti quei gingilli ad hoc per ogni occasione, saranno le sigle italiche che spaccano... I don't know. Ma anche per me, con questi due, non c'è trippa per gatti.
    Quando mi dicono Super Robot, io non penso certo a quella caldaia ambulante del 28, ma proprio a Goldrake e Jeeg.

    RispondiElimina
  14. Il trittico Goldrake, Jeeg e Getter mi ha reso in pochi istanti un magnate della bruschetta nell'occhio .... Grazie Doc per un inizio 2014 nella commozione

    RispondiElimina
  15. Anche Daimos è arrivato in Italia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ma Daimos è del '78. Se ne parlerà nella seconda parte.

      Elimina
  16. Mazinga Zeta ed Ufo Robot hanno un desing incredibile! Sono rimasto a fissare estasiato l'immagine di Mazinga per un bel po'(eh sono giovane, non li ho mai notati davvero i robottoni)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Figurati per noi che a 5/6 anni ci vediamo in diretta e inediti queste serie (in BIANCO E NERO)...

      Elimina
  17. Peccato x le puntate di Mazinga Zeta mai tradotte :-/ solo l'ultima all'interno di uno dei lungometraggi che andavano al cinema!

    RispondiElimina
  18. Brus....chetteeeee!!!

    Buschette già pronte per gli oc....chiiii!!!

    Oggi mi voglio rovinareee!!!

    Bruschette un tanto al chiloooo!!!!

    Le bruschetten di Manhattan!!!

    Doc, mannaggia a te mannaggia.
    E devo confessare che la più grossa era per Daipolon, le rare volte che riuscivo a vederlo da bambino ero contentissimo. Quando si incaxxava sul serio tirava su quella specie di griglia e cominciava a mena', ripiango.
    Non so a cosa servisse e non andrò mai a rivederlo per
    controllare, mai.

    RispondiElimina
  19. ...first stendig rovescion of dumilaeqquartordici

    RispondiElimina
  20. Diapolon però io lo salvo a palla, sigla e trasformazione di Takeshi eccezionali. La storia non me la ricordo e forse è meglio così...

    RispondiElimina
  21. per me il getter è over..non ce n'è per nessuno. cazzo ma stiamo parlando dell'impero dei dinosauri e di un robot che li squarta a asciate come fossero quarti di bue. roba pesissima per un regazzino di 7/8 anni come ero ai tempi in cui lo vidi la prima volta

    RispondiElimina
  22. Doc, ormai sei il mio Eroe!
    Arrivare in ufficio (soprattutto questi giorni morti in cui c'è solo da cazzeggiare) e trovare tuttto sto ben di dio!!!

    GRAZIE DI ESISTERE!!!

    RispondiElimina
  23. Meraviglioso Doc. Si impiegano tre ore a leggerlo tutto... anche perché, pur conoscendoli, non rileggi i Rimandi? Ed i Rimandi nei rimandi? (a me 'sta cosa degli iperlink un pò frega...) ;)
    Comunque post magnificente, grazie! Ma grazie soprattutto per la Baby Music di Stefania Rotolo che, a questo punto, dovrò assolutamente vedere ed ascoltare ancora ;)
    Mariomerlitudine medio alta, e voglia di cazzeggio ai massimi livelli ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E aspetta di vedere cosa arriva nella seconda parte... ;)

      Elimina
  24. Notevole la presenza dello spensierato Darth Vader con scintillino da festa durante il video di Baby Music.

    RispondiElimina
  25. niente, sarò di un'altra generazione, e col rischio di dover lasciare la tessera all'entrata, dico che non ho mai visto una singola punta di questi anime coi robottoni (proprio non mi piacciono).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se sei classe '87 come lascia intuire il tuo nick, Andrea, è pure normale, secondo me.

      Elimina
  26. Di Goldrake vidi poche puntate da piccolissimo, e lo rividi poi attorno ai 10 anni, ma riusci a scolpire indelebilmente il mio immaginario.
    Poi per me viene sicuramente il Grande Mazinga (con il suo finale davvero epico, come non se ne erano mai visti fino a quel momento).
    Da bimbo mi appassionai come un matto allo yo-yo proprio a causa del Combattler V (che aveva il "super yo-yo magnetico") e de "Il fanstastico mondo di Paul". :D
    Una menzione d'onore per i robot di Ayato (così smilzi e sgraziati, li ho sempre amati), per la sigla lisergica di Godam e per il Gackeen (design fighissimo, sigla strepitosa).

    RispondiElimina
  27. La sigla di Gaiking era bellissima pazzesca, mi mette i brividi ancora oggi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ginny Hermione9 gennaio 2014 18:47

      La sigla di Gaiking, a differenza delle altre sigle robotiche, non era composta appositamente per la serie con un testo che ne richiamasse personaggi e temi, era invece un brano dance, "It takes me higher", del gruppo austriaco dei Ganymed.

      Elimina
  28. Il mio primo commento dopo anni che ti seguo, (anche se ci siamo parlati su feisbuc').. Per chiederti:anche tu conosci il mio grande e mitico compaesano, GIANFRANCO MARZIANO?
    PS. Essendo 89 mi sono perso l'ondata dei robottoni, che proprio non mi piacciono..per me gli unici robottoni metallici sono i Power Rangers..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande Gianfranco Marziano. Al mio primo anno di lavoro, in ufficio lo sentivamo a nastro. Salutamelo, se lo incontri :)

      Elimina
    2. Non mancherò di farlo ;) Ora è un pò che non circola niente sulla rete, ma ogni tanto vado a rivedere vecchi spettacoli.. purtroppo sottovalutatissimo come personaggio..

      Elimina
  29. Doc, ti hanno già corretto che Takwon V ( e pure i seguiti) sono arrivati in Italia ?
    Il primo e secondo film all' interno della serie montaggione " 10 Magnifici Eroi" ( io c'ero), doppiati sempre dal mitico Tony Fusaro ( notizie che diedi io al sito di Antonio Genna senza mai ricevere un grazie) , gli altri nei film come "Supermazinga contro Godzilla e i Megarobot" , e gli " AVVENTURIERI DELLA GALASSIA" .
    Bellissimi perché i coreani rubano letteralmente personaggi da svariate serie animate giapponesi e americane su cui lavoravano al tempo e ce li ficcavano tutti dentro a mò di macedonia orientale.
    Fantastici.
    Ah, Combattelr dicono tutti che è arrivato nel 1983, ma io ricordo che arrivò nel 1989- 90 o giù di lì su Italia 7 in prima tv.
    E poi mi citi Taekomesichiama e non mi citi il GOLDRAKE COREANO ?
    Eccolo qua

    https://www.youtube.com/watch?v=1jg1l5Cw3e4

    RispondiElimina
  30. Io li ho visti praticamenti tutti (inediti a parte)
    Ero talmente fissato di robottoni che imparai prestissimo la sintonizzazione manuale dei canali e quando trovavo un canale nuovo (erano gli anni a cavallo tra i 70 e gli 80 spuntavano TV come funghi)anche se dalla ricezione pessima (effeto neve e ondeggiante) vivevo nella speranza di scoprire qualche nuovo "eore".

    Detto questo non so perchè non so come ma io vidi le 3 serie naganiane nel vero ordine e infatti il mio mito assoluto è mazinga z e goldrake non mi ha mai detto granchè (anche se non me ne perdevo neanche una puntata soprattutto la seconda parte con i veicoli speciali)
    Gli altri naganiani a parimerito Jeeg e Space Robot (getter robot ).
    Più avanti arrivarono anche Gundam e Baldios ma troppo piccolo per apprezzarli come li apprezzo ora.

    Grande DOC

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AH di Rydeen si vocifera anche che la serie era già bella e pronta doppiata con tanto di sigla. Per qualche misteriosa ragione è rimasta inedita (così come Saikyo Robo Daioja molto simile a Dalrtanius)

      Elimina
  31. Ok, riprendo in mano l'ultimo salvataggio di "Super Robot Taisen Alpha Gaiden".

    Ho capito il messaggio. :D

    RispondiElimina
  32. Purtroppo io,essendo dell'annata 95,mi sono perso la maggior parte di questi cartoni,ma i robottoni giapponesi,per il poco che ho visto,spaccavano di brutto,peccato che ormai non trasmettessero quasi più niente

    RispondiElimina
  33. @mASSY
    Che io sappia, di Raydeen e Daioja non c'è nulla, anche se sarebbero dovute arrivare in Italia.
    Forse hanno doppiato qualche episodio all' epoca e poi bloccato la produzione per motivi vari.
    Cmq, di Raydeen si vocifera che la Yamato video lo stia doppiano a spizzichi e bocconi ( come è loro abitudine, vedi anche Dancougar) e magari tra qualche anno salta fuori all' improvviso,.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. senza fonti è dura dimostre qualcosa ma mi ricordo secoli fa discussioni su forum diversi in cui di Raydeen erano pronte sigle e il doppiaggio su Daioja invece mi sembra di ricordare solo l'opzione sui diritti che poi son scaduti e quindi ciccia.
      Dovrei andare a ripescare siti e non saprei da dove iniziare :-P

      Elimina
  34. Sono troppo giovane per averli visti nelle loro prime messe in onda, ma jeeg e compagnia Nagaiana sono riuscito a vederli tramite le reti private. Mi ritengo fortunato a conoscerli perchè ormai non li trasmettono praticamente più e la nuova generazione stà crescendo a furia di Peppa Pig e altre amenità simili. Per fortuna mio padre ha scaricato la serie di Daitarn a mio fratello, che almeno tra un cartone demenziale/ritardante e l'altro, si guarda qualche puntata di quel capolavoro spaccaculi.

    RispondiElimina
  35. PdF moment: i casini per la RAI data la viulenza in Goldrake non arrivarono solo dai genitori, ma anche da un parlamentare comunista, Silverio Corvisieri, che scatenò addirittura un'interrogazione parlamentare. Viva la sinistra nemica della censura...

    RispondiElimina
  36. Dai lo ammetto: molti nemmeno li conoscevo!

    RispondiElimina
  37. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  38. Oooooh !
    E benvenuti alla BRUSCHETTERIA OCULARE™ del dottor Manhattan !

    Qui c'è tutta la mia vita . Infanzia ma anche no. I robot giganti non so se sono stati il mio trauma o la mia sindrome di Stendhal .
    Li ho guardati,riguardati e li guardo ancora adesso. (Pacific Rim film dell' anno , vedi post apposito)
    Anime e serie Tv nuove e fantascienze che si guardano obbligatoriamente anche se fanno cagare.
    Ma veniamo ai commentoni non richiesti :

    Tetsujin 28-go : Venutone a conoscenza in tarda età da libri dedicati all' argomento consideravo il design ridicolo. Ora è vintaggio e fa figo.
    Ma la versione dell' 80 spaccava. E via a costruirsi valigette in vero-finto legno per pilotare robot invisibili. Jeeg Level zero

    Astroganga : Si vedeva e basta . A fauci spalancate come per tutti gli altri. Il robot senz' armi . Chettelodicoafare .
    La sigla kickassava di brutto però. Ricordo che ai gloriosi tempi del "regno delle anime" del buon vecchio Ken Falco, il download della sigla aveva fatto furore,e non ci spiegava bene il motivo però un motivo ci sarà stato. Jeeg Level 2

    Mazinga Z : Eseenza Nagaiano in tutto il suo splendore. Il robottone demone-dio in super lega-z per il federalismo del Giappone, che ce l'ha duro ( missile centrale u know ? ) Jeeg Level 2 e mezzo

    Space Robot : Da sempre in lizza per essere il mio robottone preferito. Mi piaceva tutto ma proprio tutto di quest'anime . Ho sempre fatto il tifo per Hayato non so perchè . E maledetti siano coloro che non hanno doppiato all' epoca la puntata finale. Poi c'era Romano Malaspina ,il mio eroe. Jeeg Level 4

    Il Grande Mazinga : più grande , più cazzuto ,armi più fiche , il pilota che un pazzo militarista nato per combattere . Come fai a non amarlo ?
    Jeeg Level 3

    Yuusha Raideen : mai visto. non l 'ho recuperato nemmeno da adulto. però ho visto il remake post 2000 . Che era tutta un'altra roba proprio. Jeeg Level zero

    Jet Robot : Come per la serie precedente amore totale (cit. Johnny Creek) per la serie e la saga in tutte le sue forme . Mutande arancioni a parte adoravo il caro vecchio Getter Dragon . E poi c'era Romano Malaspina , il mio eroe. Jeeg Level 4

    Jeeg robot d'acciaio : capolavoro godibile discretamente anche oggi . Protagonista tormentato e arrogante che si sacrifica per l'umanità e non c'ha tempo per le phighee . Raggio protonico , Antares , moduli a trivella , l'industria della moto che ringrazia del contributo ad ogni puntata. E poi C'era Romano Malaspina , il mio eroe . Jeeg Level 4 .

    Atlas Ufo Robot : qui è storia d' Italia ,e radice del mio trauma . Giovedì 4 Aprile 1978 mi si è aperto un mondo ,e niente è stato più come prima . E poi lì ho conosciuto Romano Malaspina , il mio eroe .

    RispondiElimina
  39. Gaiking, il robot guerriero : Il robot drago mi piaceva un casino ma ho fatto sempre fatica a beccare le repliche . Poco male , ho recuperato da grande . Potevo conservarne un ricordo migliore , scemo io . Ma c'era Romano Malaspina ,il mio eroe quindi non tutto il male .....
    A costo di sembrare sacrilego mi è piaciuto pure il remale post 2000 che ho visto ben due volte subbato . 50 e passa puntate . Jeeg Level due.

    Godam : faceva cagare allora . Pure oggi non scherza . Anche Tatsunoko può sbagliare . Jeeg Level zero

    Combattler V : mi stava antipatico perchè clone di Vultus V . Non so perchè . Jeeg Level 1

    UFO Diapolon, guerriero spaziale : Andavo fuori di testa con il Diapolon ! Da qui la mia passione giovanile per il football americano . Rivisto da grande con trama discutibile ,puntate veramente tutte uguali e doppiaggio bresslinz ad minchiam , delusione totale. Jeeg Level 2 comuque.

    Groizer X : l' ho perso o l'ho rimosso . Davvero l'hanno fatto su Canale 5 dall' 81 ? Jeeg Level zero

    Astro Robot Contatto Y : i Robot erano fighissimi e con i nomi che spaccavano ,il canovaccio principale aveva pure qualche innovazione ,come i protagonisti spesso in disaccordo . Peccato i nemici ridicoli . La sigla è da paura . Rivisto oggi si difende abbastanza ma alla lunga stanca un po' . Jeeg Level 3

    Gackeen, il robot magnetico : Mi piaceva tutto tutto , robot con le caviglie da modella incluso . E poi Mai era una mia vecchia fiamma (Laura Boccanera che voce che ha!) . E non vi dico chi doppiava Takeru . Si lui . Jeeg Level 3

    Robot Taekwon V : non esiste , è un hoax della rete . :D

    Replica più lunga mai scritta qui sull' antro e pure in due parti, ma cosa volete farci ,per me la sostanza di cui sono fatti i sogni è un frullato di robot giapponesi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che il tuo eroe è un nazista dichiarato? Quando l'ho scoperto ci sono rimasto più male di Wonder Woman!

      Elimina
    2. Se vuoi dirmi anche che la Terra di Mezzo non esiste accomodati pure .
      Scherzi a parte . Questa mi giunge nuova ,quindi sono andato in giro ad approfondire in giro per la rete e in effetti ha rilasciato dichiarazioni discutibili .
      Sapevo che discende da una famiglia di militari ,e quindi non mi stupisce che sia posizionato a destra.Tanto a destra.
      Avrà i suoi motivi.
      Poi certo non teme di rendere pubbliche le proprie idee controcorrente. Fa parte del suo carattere burbero e carismatico che gli ha impedito di fare carriera.
      Diciamo che comunque rimane il mio eroe come professionista ,e un po' meno come uomo .

      E che poi, nelle millemila altre instreviste , dove non sminchia con la politica è una persona fighissima.

      Elimina
    3. Come professionista è fenomenale (sua anche l'intro parlato della sigla del Koseidon!), niente da dire! Però, io sono aperto, la destra ha molti valori che, pur non condividendoli, rispetto. Ma non puoi dichiararti nazista con tono lieve, come ha fatto lui, e poi evitare tutta una serie di insulti che non stò qui a scrivere. Ah, ti ringrazio per le tue brevi recensioni alle serie che avevo intenzione di rivedere. Se l'hai rivista, in aggiunta a quella del Doc puoi darmi anche la tua opinione su Gaiking? P.s. La Terra di Mezzo non esiste.

      Elimina
    4. Si Daiku Maryu Gaiking l'ho rivista un po' di anni fa , e diciamo che è invecchiata ma non è tra quelle invecchiate male. Diciamo che il protagonista non fa tutto lui , è un anime corale ,con i personaggi secondari caratterizzati abbastanza bene e che non fanno la solita figura da cioccolatari coi nemici .
      Resta il fatto che il mecha è pazzesco , per l'epoca almeno.
      E lo sarebbe anche oggi come dimostra il famoso trailer in CG che gira da qualche anno,
      p.s. Ti lascio le coordinate gps del mio gatto, se passi di qua investilo pure :)
      p.p.s. a me stranamente è pure piaciuto il remake ( ma non vorrei dover restituire la tessera dell'antro per questo, quindi facciamo finta di niente)

      Elimina
  40. Da anni sono in possesso di un pupazzino plasticoso di un robot che non ero mai riuscito a identificare, regalo di un amico non molto ferrato sull'argomento ma che conosce la mia passione per l'animazione nipponica. E oggi apro questa pagina e scopro che si chiama Raideen! Grazie, Doc, ormai non ci dormivo più!
    Un po' meno grazie perché ora mi è partita in loop nel cervello la sigla italiana di Space Robot e non riesco più a fermarla. E non voglio immaginare cosa succederà quando si parlerà del Vultus V...

    RispondiElimina
  41. русский спамер3 gennaio 2014 13:26

    Il post era anche piacevole.
    Poi il commento su Godam.

    Doc, non ti insulto solo perche' non saprei nemmeno da che parte iniziare ;-P

    RispondiElimina
  42. gianfranco marziano...GRAZIE DOC!!!!

    RispondiElimina
  43. Ginny Hermione3 gennaio 2014 14:45

    Anche i robottoni sono stati rivalutati a posteriori: 30-35 anni fa erano considerati violenti, adesso si scopre che le loro avventure erano ricche di poesia e di valori. Io, tenera e romantica amante dei puffi, amavo però anche jeeg e adesso ho capito perché: proprio la poesia e i valori accomunano l'uomo d'acciaio e gli ometti blu.

    RispondiElimina
  44. I post del 2014 partono per me alla MEGASTRAGRANDE. Doc mi sono commosso fino all'inverosimile!!!! Il genere robotico è da sempre il mio preferito negli anime e condividerlo quì sull'antro è uno spettacolo coi fiocchi! GRAZIE!
    PS: c'è sepre bisogno di una cronologia sui robottoni, che quelle che si trovano ingiro sono spesso incomplete oppure riguardano solo le serie comparse in ItaGLIa

    RispondiElimina
  45. русский спамер3 gennaio 2014 15:13

    Dimenticavo...e' un po' che volevo suggerirtelo per un articolo, visto che il blog e' pieno di riferimenti/articoli sui robottoni: Tech Romancer, gioco arcade di una 15ina di anni fa, portato anche su DreamCast. Emulabile con il MAME, merita davvero un post con digressione su tutti i robot e la loro ispirazione.

    RispondiElimina
  46. Ecco. Questi post (insieme a quelli sulle relative sigle e alle avventure robotiche del DM'sTT) sono la morte mia, svezzato e cresciuto a pane e robottoni.
    I robottoni giappi di allora sono cose che ancora oggi non sono cose (in senso buono).
    A malapena iniziavo a parlare (classe '77. Fine '77) e, a detta di mamma ragno, al sentire la sigla (Albertelli-Tempera-Tavolazzi) sgambettavo per tutta casa fino a raggiungere il televisore e cantare insieme a lui "Ufo o bò, ufo o bò!"
    Per me, nonostante la bruttezza oggettiva di alcune serie, il tasso di mariomerolitudine lacrimenapulitantizzante schizza a valori fuori scala a prescindere.

    Non vedo l'ora di sciropparmi i prossimi post :D
    Di nuovo dènghiu :)

    RispondiElimina
  47. Ci separano pochi giorni Doc, ma io da piccolo me le sono viste TUTTE!
    Tutte tranne ovviamente quelle mai arrivate da noi e il pilot film del Goldrake... Del Gaiking avevo il Jumbo Machinder!
    Ufo Robot Diapolon con Edda, Trangu e Legga, con lui che per caricarsi doveva tirarsi su la gabbia del casco... non nego che quando mi tocco portare l' apparecchio a baffo.... no vabbè sorvoliamo!
    Godam era uno dei robò più brutti, ma essendo un prodotto Tatsunoko, nella sua bruttezza era fico molto assai, Mai sopportato Combattler V, sempre preferito Vultus V, anche perchè; vuoi mettere la sigla? General Daimos arrivato quasi di striscio, ma abbastanza per riconoscere che il cell che ti ho comprato a Tokyo (e che non hai ancora mostrato al popolo antristico negandomi i 5 minuti di fama a cui tutti hanno diritto, LOL) faceva parte della serie, anche se poi ho dovuto confermare su Uichi...
    Per Astroganga mi parte il ciopone di Andrea Roncato/mamma, sempre adorato, sempre amata la sigla, peccato che dopo il passaggio su TMC il nulla... peggio del Gundam o di Robotech...
    Anche io preferisco il Getta al Getta G, poi ha una delle sigle originali più scalciacooli e tiragiùnomi, evaa, Isao Sasaki! Giorgio Vanni fai un favore al mondo, esegui Seppuku!

    RispondiElimina
  48. Mariomerolitudine massima per tutte le serie nagaiane, in particolare per il Grande Mazinga, da sempre il mio preferito. Citazione speciale per Diapolon, ricordo che da piccolo mi piaceva un sacco ma ho paura di riguardarlo e di accorgermi che si trattava di una ciofeca incommensurabile... Pero' la sigla spaccava di brutto, assieme a Daitarn, Baldios e God Sigma (di cui spero parlerai nei prossimi episodi) era la mia preferita!

    RispondiElimina
  49. Io sono dell'89 ed amo i robottoni! sono l'unico!? sigh

    RispondiElimina
  50. Dimmi tu se dopo più di 30 anni devo venire a scoprire di non aver visto quasi metà delle puntate di Mazinga Z e la fine di Gackeen !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con gackeen puoi rimediare prima con le vhs e poi in dvd la Yamato ha rimediato doppiandole ai tempi (anni 90)

      Elimina
  51. O porc.....
    M'è salito un groppo commozionale dalla bocca dello stomaco!
    Super mega post flippotrippissimo!
    Ma anche voi facevate che si faceva la classifica di qnual'era il robottone più forte con tanto di quarti di finale,semi e finalissima???
    Io in finale c'ho messo Daitarn vs Atlas Ufo Robot


    Ha vinto Goldrake.....chiaramente!!!
    Era riuscito pure a far saltare il Tg dell'epoca al mio babbo,ergo c'aveva proprio i super poteri!

    RispondiElimina
  52. Mai di Gackeen, il robot magnetico era ed è troppo strafiga !!! inferiore solo a Cleo di Daikengo
    e te lo dice uno che che ha visto Goldrake in B/N quindi con esperienza decennale in fatto di figaggine di coprotagoniste femminili :)

    RispondiElimina
  53. Antristi robotici, volete rovinarvi l'infanzia tutta in un colpo solo?!

    Guardate questo video: http://www.youtube.com/watch?v=mZo24CKUfqI

    Eh?! Quanto gli vogliamo bene, da 0 a 100, a questo omino qui? ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho visto dal vivo, togliendo il fatto che canta in modo non eccelso, mi ha fatto una bruttissima impressione. Sembrava "leggermente" tossico, occhi rossi e occhiaie. Poi al solo udire le sigle classiche rovinate con quel suo dannato modo di fare da discotecaro, mi è venuta voglia di sparargli in mezzo agli occhi.

      Elimina
  54. Su alcuni ho avuto una visione dell'arcangelo Mariomerolo mormorante "tengo o cuore italiane"

    RispondiElimina
  55. Bellissimo post!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  56. Ho il vago ricordo di un cartone in cui c'era un robottone pilotato da un ragazzino, e il suo maggiordomo o simile che gli faceva le pulci di quanto spendeva in missili e raggi laser. Qualcuno sa di cosa sto parlando?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente Trider G 7!

      Elimina
    2. Confermo solo che non era il maggiordomo era uno degli impiegati della ditta propretaria del robot di cui il ragazzino era il presidente (il padre morendo ha lasciato la ditta e il roboto a lui e lo staff aziendale gli fa da "famiglia")

      Elimina
    3. Il maggiordomo nei robot c'è ed è il mitico Garrison di Daita(r)n 3!!!

      Elimina
  57. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  58. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  59. Bel post, Doc, però Godam non era niente male: qua in Valdarno aretino ai tempi era seguito abbastanza. ;-) [Fattore di mariomerolitudine: 2]
    Concordo: la statua di Tetsujin 28 a Kobe è molto divertente, con annessa strada Tetsujin. ( Ma Momoru Oshii non doveva farci un film?? Dopo Patlabor???)

    RispondiElimina
  60. Sul mio personalissimo cartellino alzo a palla il voto di Diapolon ("Fusione del corpo!") e Gakeen Magnetico Robot. Li porto a 3. Il post ovviamente è da 5!

    RispondiElimina
  61. Post fantastico che capita a fagiolo, tra le lacrimenappulittanee di Starwars su Sky, e mentre ho deciso di regalarmi a 42 anni la mia prima vetrinetta Detolf, con un piano proprio dedicato ai Robottoni! A tale proposito Doc, sto disperatamente cercando qualche "modellino" da mettere per Jeeg e Daitarn 3: per Goldrake ho preso un Revoltech nulla male. Hai qualche suggerimento, info dove prenderli ? Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per Jeeg vai di Takara mentre per Daitan è appena uscito il SoC ma per entrambi ci voglio fior fiore di cucuzze.
      Monìtora qualche sito di annunci (non lo dico esplicitamente perchè i siti molto frequentati come questo generano sciacallagio:true story) online e aspetta l'occasione giusta

      Elimina
    2. Yep. Il Jeeg Takara (riproposta del modello magnetico vintaggio, in stile Micronauti, per intendersi) lo trovi a prezzi decenti. Ma io ti consiglio di metter da parte le cucuzze (tante) e prendere il Brave Gokhin, quello che vedi nel Twisted Theatre. Di Daitarn hanno ristampato un annetto fa il SoC. Come dice Massy, ravana nell'usato dei siti di annunci.

      Elimina
    3. Grazie mille! Mi do da fare e cerco!!!

      Elimina
    4. Allora per Jeeg al momento aspetterei un attimo se esce qualcos'altro perchè io dal jeeg cm's sono stato davvero delusissimo nel rapporto qualità prezzo (all'epoca, ora costa anche di piu...) per cui aspetterei che esca qualcosa di meglio se mai uscirà, senno vivi senza tranquillamente ;)

      Daitarn uscirà a breve in una nuova versione SOC col codice GX 65, ricolorato e con basetta (a 4000 yen in più rispetto la prima uscita) per cui se aspetti un po puoi comprare quello dovrebbero cominciare a breve i preorder, pnso potrai trovarlo a cifre decenti.
      Per Goldrake butta il revoltech e a 39 euro massimo prendi il super robot chogokin (sempre una reinterpretazione, ma meglio del revoltech ;))

      Elimina
  62. vado a letto con la bruschetta, buonissima. son troppo curioso di vedere se ci butti dentro anche i remake vari ed eventuali, e magari il piccolo extra da attacco epilettico che ti avevo mandato ^_^

    ad ogni modo, il qui presente classe '84 era un solitario fan dei robottoni già da piccolo, quando ormai stavano cedendo il passo. nella mia personalissima classifica di mariomerolitudine, la differenza più grande è il Combatter V, che per me è stato un cult, subito dietro Goldrake.

    come al solito, un sentito ringraziamento per il post.

    RispondiElimina
  63. Se sono andati in tv in Italia io li ho visti praticamente TUTTI per cui mi trovo alla grande nelle varie valutazioni dei piu famosi, meno in quelle dei "non famosi" perchè per me, assolutamente non per qualità ma per nostalgia, sono tutti almeno da due capoccette :)
    Per il combattler meglio che non ti ricordi la sua storia....a parte che come per mazinga z, essendo nato prima ma arrivato DOPO il vultus, nella mia testa era "la bruttacopia di vultus 5", ma la trama del combattler è veramente ridicola all'inverosimile, senza contare del mega deus ex machina nel finale che tocca l'apice del "non c'avevo voglia di scrivere una cosa sensata"....insomma meglio che non ti ricordi niente almeno ci hai dato na capoccetta :D :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Idem :anni dopo quando arrivò in Italia (se la memoria non mi inganna ai tempi di junior tv) pensai "ma è Vultus sputato!!!". A parte navicella-testa il resto è praticamente lo stesso.
      100 volte meglio (anche se dal testo LOL ) anche la sigla italiana

      Elimina
  64. Doc, avevo in mente di spararmi sul Tubo tutta la serie di Gaiking perchè ne avevo un buon ricordo, ma mi hai fatto venire dei dubbi:perchè la definisci imbarazzante? (il ricordo è vago, quindi potresti avere ragione).
    Ne approfitto per chiederti quale tra queste vale una visione aggiornata (erano i miei prossimi progetti):Danguard, Gordian, Zambot 3.
    Un'ultima cosa:cioè, nel Grande Mazinga, mentre il mondo è in guerra contro dei mostri millenari, il destino dell'umanità è tutto sulle spalle di un solo uomo, un altro pilota da robot serviva come il pane, e Ryo Kabuto compare solo nelle ultime puntate perché prima era in America a studiare? C'è la fine del mondo, ma non disturbate che c'ho gli esami? se tutto va bene vengo per lo spring break?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guardati la prima puntata, di Gaiking, e vedi... :) Sulle altre tre serie: boh. Ho un buon ricordo di Zambot, ma poi vai a sapere. Per l'assenza di Kabuto: oh, erano esami importanti.

      Elimina
    2. Danguard lo sto riguardando ora . Merita .
      Non lo ricordavo benissimo . E' una serie totalmente diversa.
      Ti dico solo che per almeno 10 puntate il Danguard lo vedi di striscio e sconfiggono i robot nemici con le astronavine . Si quelle che vengono giù come mosche in tutte le altre serie.

      Zambot merita tanterrimamente . Un mecha fighissimo e tematiche vicine a Gundam per quanto concerne le brutalità della guerra e l'incomprensione tra i popoli .
      E poi un finale che ancora si piange.

      Gordian è la più ingenua sicuramente tra le tre, ma è tantissimo che non la rivedo quindi non te la so valutare scientemente.

      Elimina
    3. Ginny Hermione9 gennaio 2014 10:44

      Ho rivisto io la prima puntata di Gaiking, ma non so cosa ci sia di imbarazzante. Forse la scena in cui Sanshiro, Sakon e Bunta si buttano dallo Shinkansen senza farsi neanche un graffio e trovano Yamatake ad aspettarli? Lo capisce anche un neonato che quella scena è finta come una moneta da 3 euro.

      Elimina
    4. Nel manga mi par di ricordare che Koji Kabuto a causa delle ferite riportate alla fine di Mazinga zeta viene reso un simil cyborg come suo padre!

      Elimina
  65. Ma Taekwon V è più alto di Mazinkaiser?

    RispondiElimina
  66. Ginny Hermione4 gennaio 2014 11:27

    Non so perché, ma amavo molto anche Gaiking, forse perché mi piaceva l'idea dell' equipaggio multinazionale (ma non ho mai capito di che nazionalità era Sakon). Di Gaiking mi stava sulle scatole solo Pete, saputello e tritamarroni; fra l'altro, nell' episodio in cui Pete fu protagonista, il suo nome nel cartello iniziale fu scritto erroneamente Peat. Beccati questa, saccentone.

    RispondiElimina
  67. Interessante, quindi la primissima "serie robotica" in assoluto risale al 1963 ciò vuol dire che l'anno scorso andava celebrato il primo cinquantenario dei robottoni :)
    Ciò che mi lascia un attimo perplesso è il fatto che fra Tetsujin 28-go ed Astroganga trascorra quasi un decennio; che si sia rischiato di non avere il concept (format, chiamatelo come volete, alieni-che-attaccano-la-terra-robot-giapponese-che-li-respinge) che possiamo tranquillamente definire la colonna portante per eccellenza dei cartoni animati?
    Mah, a me personalmente Jeeg non mandava in brodo di giuggiole; Atlas, ai tempi, neppure lo guardavo, mi sembrava troppo noioso. Riascoltate adesso, la sua sigla di chiusura + quella di Space Robot le definirei quasi "manifesti" del design Anni Settanta, meritevoli di tutela UNESCO, dài.
    0 su 5 per Godam? Ci sono rimasto un po’ male, a me piaceva parecchio, e pure la sigla.
    Sembrerà un attimo curioso, tuttavia di Gaiking, Combattler V, Groizer X, Gackeen e tanti altri di cui parlerai in seguito, ho saputo soltanto dopo l'avvento di Internet :( Boh, forse ero io che da bambino fruivo della televisione in modo strano...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è che tra Tetsujin 28-go e Astroganga ci sia stato il nulla, intendiamoci: è che qui si parla solo degli anime. In mezzo ci sono stati ad esempio i manga di Giant Robot di Mitsuteru Yokoyama, da cui è stata tratta la serie tokusatsu (quindi live action), col robottone gigante del titolo, nel '67 o giù di lì.

      Elimina
    2. Capito. Risulta davvero affascinante indagare queste dinamiche; ad ogni modo è proprio questo "buco" di 9 anni relativo a questo filone di anime ad accendere la mia curiosità ;)

      Elimina
  68. Ah, il Vultus V... resta il mio preferito assieme a Goldrake. Il secondo per il mech design e la tuta di Actarus. Ma Vultus per il drammone famigliare e perché - incredibile - i nemici pensarono bene "oh, tipo, ma se trovassimo un modo di evitare l'agganciamento dei 5 componenti ?". E drammone di 4-5 puntate in cui la squadra Vultus prende un sacco di shiaffoni... insomma, figo.

    RispondiElimina
  69. È interessante notare come un solo anno di differenza fra te, Doc, e me (io sono del luglio 1974), incida profondamente sulla percezione del passato italorobotico. Fondamentalmente, tutte le prime serie di cui tu hai un ricordo vago, per me sono serie fondamentali, come Astroganga (o Danguard, apparso in Italia pochi mesi dopo Goldrake).
    C'è anche, forse, il fattore “etere”: a Palermo forse la distribuzione in franchising di tutte le serie (tutte-tutte) fu più capillare che non in Calabria. Però tu forse in quegli anni stavi al nord, non ricordo bene la tua biografia. O forse i tuoi ti concedevano meno ore di tv...
    Sta di fatto che nei commenti degli altri cumpari qui sopra, noto così tante diverse percezioni, e la variabile chiave alla fine sono anche solo sei mesi, un anno di differenza anagrafica...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuro, Marco. Ma secondo me la discriminante maggiore è proprio l'area di provenienza. Tornai a vivere giù in Calabrifornia nell'80, nel pieno dell'invasione robotica. E molte serie, dalle mie parti, le reti private non le mandavano. Compensavo trascorrendo le vacanze dai nonni a Sorrento. Resta comunque strano che in tanti non ricordino gli Astro Robot, che andavano sulla RAI. Sarà stata l'abbondanza di offerta di quel periodo...

      Elimina
    2. Ho sempre invidiato ai romani SuperTre che non ha mai smesso di trasmetterle .

      Elimina
  70. applausi per gianfranco marziano (atru ca fibra)
    concordo sulla percezione spaziotemporale di marco
    da 77ero i miei ricordi sono molto più laschi

    RispondiElimina
  71. Ginny Hermione5 gennaio 2014 23:48

    La bambina che balla e canta insieme a Stefania Rotolo è Claudia Vegliante, che dieci anni dopo sarebbe stata Rossella nella leggendaria serie "I ragazzi della terza C", un cult per tutti gli adolescenti degli anni 80.

    RispondiElimina
  72. Il nome "Atlas" è in realtà una cappella dei traduttori italiani. Il cartone fu importato dal Giappone per via Francese, le cui edizioni Atlas pubblicavano dei fascicoli su Ufo Robot. Una lettura rapida delle copertine dei fascicoli e il patatrac è servito. Un po' come se apparisse un'adattamento animato chiamato "Bonelli il Dylan Dog".
    All'epoca ci si curava ben poco dell'aderenza con l'originale, i nostri ricordi sui robottoni sono molto spesso frutto della fantasia degli studi di doppiaggio.

    RispondiElimina
  73. sono rimasto traumatizzato dalla musica di marameo goldrake...

    RispondiElimina
  74. ma nel video di "marameo" che fra il pubblico c'è un darth vader dalla capoccia sproporzionata che pare "balle spaziali"?

    RispondiElimina
  75. Questa delle edizioni Atlas mi giunge nuova. Varie fonti, anche dirette, attestano che al salone internazionale del’acquisto dei diritti cinetelevisivi del 1977 a Milano l’agenzia francese che aveva acquistato direttamente dalla Toei i diritti di Ufo Robo Grendizer, in colaborazione con i giapponesi aveva realizzato delle brochure promozionali/esplicative sulla serie. La brochure presentava in copertina la dicitura «Atlas “Ufo Robot”». In francese, in questo contesto, «Atlas» significa “guida” (insomma, leaflet descrittivo). Trattandosi del 1977, dubito che le edizioni Atlas (con cui ho pure collaborato di recente, quindi chiederò) stessero pubblicando qualcosa con Goldrake, visto che Goldrake sarebbe apparso in televisione solo ad aprile dell’anno successivo in Italia e poi a luglio in Francia. Però se hai fonti precise, fammi sapere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nessuna fonte precisa, andavo a memoria e probabilmente ho preso una cappella. Grazie per la precisazione.

      Elimina
  76. Il mio commento è sparito, il telefono fa casino..riproviamo..

    Anch'io per una serie di incroci tra Italia 7, Junior tv e Odeon riuscii a vedere in ordine Mazinga Z, Il Grande e poi Goldrake..e nonostante lo Z sia il più scrauso dei tre è rimasto il preferito; come trama quello che prediligo è il Grande Mazinga, soprattutto le ultime puntate in cui ritorna Koji; superbo invece Goldrake graficamente;

    Io lo vidi già nelle successive riproposizioni, (sono nato nel 78) ma posso solo immaginare come il suo arrivo sia stato deflagrante per gli occhi e gli animi di chi era già un pò più cresciutello..

    Invece massima soddisfazione per mio figlio che, a poco più di due anni, già canticchia la sigla di Jeeg e quella di Goldrake! ;)

    RispondiElimina
  77. I miei apprezzamenti per le immagini scelte. Tutte grandi, di qualità, non cose scansionate e rovinate.
    Sul voto di Jeeg non avevo dubbi.

    RispondiElimina
  78. Grandissimo post! Ma una domanda: TEKKAMAN non è stato incluso perché non propriamente un robottone? Secondo me Tekkaman merita una menzione speciale, non fosse altro che per la sadica e dolorosissima trasformazione! Tasso di mariomerolitudine altissimo!

    RispondiElimina
  79. Dico spassionatamente che, a parte Jeeg (e Goldrake, va'), questi preferisco ricordarli che rivederli, sennò altro che lacrime di nostalgia: piuttosto fastidio per trame sprecate, buoni vincitori a tutti i costi, errori...

    RispondiElimina
  80. Tra i primi due manca "Frankenstein Jr", che appariva tra due episodi de "Gli impossibili" (1966)!
    Fonte della data.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo post, come da titolo, si occupa della cronologia dei robot giapponesi. Delle serie di Hanna & Barbera, compresa Gli Impossibili, si diceva invece qui.

      Elimina
    2. Siccome ho visto pure un robot coreano (non ho ancora letto la terza parte dove pure campeggia Voltron che è made in USA...), credevo fossero principalmente giapponesi, ma con eventuali inserimenti cronologici significativi...

      Alla prossima. :)

      Elimina
  81. Dr.Manhattan, chiedo una umile informazione (sto con la testa sotto i piedi, zitto;-)).
    Da bimbo avevo il Mazinga giocattolo (oltre a quelli che mi costruivo di cartone), e il coso rosso entrava nella capoccia di punta, tipo aereo. Però, ricordo anche che c'era quello che entrava di piatto, con le due eliche retrattili. È quella la differenza tra i due Mazinga? Illuminamici grazie. Devotamente, Davide ;-)

    RispondiElimina
  82. Quello con l'aereo rosso (Brian condor) che entrava di punta era il grande mazinga, quello con l'hover pilfer (poi jet pilder) con le eliche retrattili era mazinga z

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails