martedì 7 gennaio 2014

95

Capitan Harlock: com'è andata a finire

come finisce Capitan Harlock
È praticamente sin dagli esordi de La prima puntata non si scord... eh?!? che ti è stata richiesta da un frappo di gente una rubrica gemella che si occupasse della fine dei cartoni. Perché quello che c'era nel mezzo lo si ricorda sempre, ma le ultime puntate a volte no. E quando pure si ricordano, un'occasione vale l'altra per tornare a parlare di un cartone figo e/o per riguardartene un blocco di episodi. Prendi Harlock, ad esempio. Un po' è che è sulla bocca di mezza Internet per via di quella sola di film, un po' che il Capitano è il Capitano. Non quello della Pasta, quello senza un occhio. Perciò, se del suo primissimo episodio si era detto qui, oggi ci andiamo a occupare degli ultimi due per rispondere a una domanda molto semplice: com'è finita la prima serie di Capitan Harlock? [...]
Harlock e l’equipaggio dell’Arcadia (allora, per tutti, Alkadia) sono arrivati all’atto finale del loro scontro con le Mazoniane, le donne vegetali che bruciano quando crepano e che hanno dato un nuovo significato all’espressione terrestre pheega di legno.
Dopo aver spatafasciato un frappilione di navi nemiche, l’Arcadia punta verso la fortezza della regina Raflesia, la Doclas. L’episodio, il 41 della serie, c’ha questo titolo da commedia sexy degli anni 70: "Raflesia e Harlock: incontro ravvicinato", e in effetti, a un certo punto... Ma non facciamo i precipitevolissimi.
 La fortezza è enorme e lascia tutti a bocca aperta sull’Arcadia
 Cioè, tranne Mime, che però è esonerata, c’ha il certificato medico.
L’impulsivo Tadashi prova a distruggere la roccaforte nemica facendosi una partita a Pong, ma Harlock lo ferma. Gli scudi della nave Mazoniana assorbono le cannonate dell’Arcadia, non serve a niente, avessi detto Space Invaders. Raflesia manda allora all’attacco le navi superstiti, ma Tadashi e Yattaran
(doppiato da Leo Gullotta, ricordiamolo) notano qualcosa di strano: le Mazoniane li stanno attaccando da dietro e non frontalmente come al solito. È il temibile attacco Sotomayor, occhio!, grida qualcuno.
Segue furioso scambio di trattini laser, tipo una partita all'Impiccato spaziale, quando a un tratto quelle iniziano un attacco suicida. Ma sull’Arcadia non se ne stanno mica con le braccia conserte a guardarle.
Cioè, tranne il Capitano, che però è esonerato, lui è cintura nera di bassismo carismatico e può fare quello che vuole.
Grazie alle manovre di Yattaran, timoniere con la miopia grave, l’Arcadia schiva quasi tutte le navi kamikaze.
Le resta così da affrontare la nave di Raflesia col suo CANNONE GRANDE QUANTO CINQUE ARCADIE. 
Colpita, la nave di Harlock va a fuoco in diversi punti.
Ma Yattaran individua il punto debole della Doclas, così Harlock gli chiede di avvicinarsi, gli molla l’Arcadia e ordina l’abbordaggio
Gli uomini dell’Arcadia entrano nella fortezza, sfondando un vetro, come Batman. All’assalto partecipano proprio tutti,
compresa la vecchia Masu, la cuoca di bordo. Per prendere a padellate in testa le Mazoniane? Forse. O forse è per prepararsi a questo che stava sempre ad affilare quei due coltelli?
Tadashi e Yuki Kei stanno esplorando un’area della nave, e Yuki non fa a tempo a dire che bisogna stare attenti, per non finire in una trappola,
che i due finiscono in una trappola. Sotto il tiro delle Mazoniane col casco del parrucchiere. Meenchia, però. Eghe!, dice uno sconsolato Tadashi, portandosi una mano agli attributi. Ma arrivano le altre navette,
aggidendo le Mazoniane proprio davanti agli occhi di Raflesia. Tadashi lancia allora un pugnale, trafiggendo il cuore della regina per vendicare la morte di suo padre, Aldo Agroppi:
 "Teh, bafangule!"
Ma Raflesia, che c’ha il caschetto di Havok, non la freghi mica così.
E infatti non è Raflesia, ma la sua sottoposta Cleo, ricoperta da un sottile strato di cobalto. Cleo ride felice per aver dato la vita per la sua regina, prima di vrusciare anche lei.
Harlock, intanto, ha raggiunto la vera Raflesia, in un campo innevato popolato da corvi e coperto da nuvoloni, tenuto da qualche parte dentro la fortezza.
Dopo un toccante discorso sul suo popolo da parte di Raflesia, al quale Harlock risponde con una convinta dissertazione ecologista sulle bellezze della Terra, quando cioè finisce il momento Linea Verde,
ci si appresta allo scontro. 
Harlock prova a sorprenderla con un colpo di spadapistola, ma resta di stucco, è un barbatrucco. La vera Raflesia è in alto, su quel montarozzo,
mentre decine di Mazoniane zombie afferrano i piedi del Capitano. Sono gli spiriti delle Mazoniane uccise, tornate a nuova vita. Tipo il concime.
In questa scena, censurata all'epoca dalla RAI per l'eccesso di fucsia molesto, Harlock sta per soccombere, ché quelle ci tirano pure i capelli, le stronze. Ma poi il capitano invoca lo spirito del suo amico Tochiro, dentro l’Arcadia
e Tochiro sfodera il gigacoltellino da tamarro rissoso e sfonda la nave nemica, facendo svanire l’illusione ammucchiatosa.
Ahia ‘cchi maliicàpu, dice il Capitano, riprendendosi.
Poi affronta Raflesia in un duello all’arma un po’ bianca e un po’ laser, e da ufficialeegentiluomo qual è,
la denuda.
 In preda alla più totale delle vrigogne, la regina delle Mazoniane,
la leader del popolo che in un passato remoto (spiega la voce narrante) insegnò agli umani come avviare una propria civiltà e riaccendere la caldaia quando si spegne e devi farti la doccia, decide di morire.
Ma Harlock vede scorrere del sangue sul suo seno, allora rinfodera la spada e vorrebbe trovarle dei cerotti, un po’ di disinfettante, qualcosa.
Il Capitano le offre di andar via "assieme ai civili" ( = con tutto quel che resta della sua flotta), e quella lo fa. Prende e se ne parte con le Mazoniane ancora non vrusciate.
Tornato sull'Arcadia, Harlock sorride. La Terra e salva, la piccola Mayu pure, e ha visto un paio di bocce che buttale via. 
 Arriviamo così all'ultimo episodio della serie, il 42, con un titolo ("Addio, pirata dello spazio!"), che già a leggerlo si preparano aglio e pomodorini per le bruschette.
Costrette alla fuga le Mazoniane, Harlock è rimasto con il suo equipaggio, che sta festeggiando la vittoria.
Nella ciurma, molti si sono già iscritti alla Lega Nord. Bisogna decidere cosa fare, ora che la missione è conclusa.
Alcuni, come il Dottor Zero, non vorrebbero veder sciolto l’equipaggio, ma Harlock non la pensa così. E mentre alcuni gli danno del vigliacco (bestemmia!),
mentre Mime continua ad avvinazzarsi bevendo non si sa come (col naso?), il Capitano spiega che nella vita ci sono tante cose a cui dedicarsi, e che sulla Terra ci vuole brava gente come loro per far andare avanti il pianeta. L’Arcadia torna a casa, ma Harlock continua a pensare alle ultime parole di Raflesia: “Vuoi che io parta, Harlock?”, gli aveva detto. Cosa intendeva?, si chiede Harlock. Forse ce n’era?
Harlock va in Egitto a cercare Mayu, ma non la trova lì. Pare sia tornata in Giappone con gli altri rEgazzini, gli dice un vecchio. Sai come so’ fatti ‘sti giovani.
Yattaran si aspetta una calorosa accoglienza al rientro, e in effetti quando l’Arcadia atterra in Giappone,
ad aspettarli ci sono i carri armati. Il Primo Ministro, il clone ante litteram di Pernascò, ha ordinato che Harlock e i suoi, come premio per aver salvato la Terra dalle Mazoniane, non possono sbarcare e hanno 12 ore per lasciare la Terra, raus.
Harlock va a parlare allora col Nano. Ovviamente non chiede nulla per sé, ma vorrebbe che gli altri venissero lasciati liberi.
Ma il Nano mostra ad Harlock che Tadashi e tutti gli altri sono considerati criminali condannati a morte. Il cugino sbirro di Lupin, intanto, abbozza.
Solo il suo cuore da nobile, tormentato avventuriero dello spazio impedisce ad Harlock di prendere il Primo Ministro a calci in coolo a due a due finché non diventano dispari.
Una volta catalogati come Z, criminali, nel grande archivio sarcacchio, si rimane tali per tutta la vita, perché per apportare una variazione bisognerebbe ricatalogare tutti gli abitanti da capo, spiega il Nano. Harlock ha sconfitto l’esercito Mazoniano, ma con la Burocrazia pure per lui sono razzi.
Intanto comincia a nevicare e il Pennant, la misteriosa sfera delle Mazoniane precipitata lì nel centro della città, inizia a brillare tipo la discoteca di Saint Seiya Omega.
Dal terreno spuntano le Mazoniane ignude, mentre le loro astronavi sbucano da ogni pizzo, bombardando a tappeto la città. Le Mazoniane c’avevano un piano B? A giudicare dai cooli, si direbbe di sì.
Morte e devastazione ovunque, e anche la piccola Mayu è in pericolo.
Il Primo Ministro corre allora a supplicare Harlock sotto l'Arcadia, chiedendogli di fare qualcosa, promettendo la rimozione delle Z e un paio di esibizioni gratis della sua squadra di calcio. Harlock è troppo nobile per rispondergli Sooca, nano bastardo,
 Tadashi, INVECE…
Poi lo spirito di Tochiro prende ancora in mano la situazione, questa volta per salvare sua figlia Mayu, e l’Arcadia si muove da sola, iniziando a spatafasciare le navette Mazoniane a colpi di cannone. Mayu e gli altri rEgazzini vengono tratti in salvo.
Poi Harlock capisce che forse è la gigantesca sfera Mazoniana che emette raggi colorati ad aver causato l’attacco, e la fa prendere a cannonate. Tutto è bene quel che finisce bene. Cioè, a parte i milioni di morti causati dalle Mazoniane.
 E quell'altro mezzo milione che si porta via l'esplosione del Pennant.
Le pheeghe di legno bruciano, urlando Non sei tu, sono io!,
 e un mazinghico fungo atomico segnala la fine delle ostilità.
Tadashi, Yattaran e gli altri tornano tutti felici sulla Terra, in mezzo alle baracche sopravvissute alla devastazione,
ma Harlock, assieme a Mime e all’uccello Torisan, sta per ripartire. C’è un ultimo saluto strappalacrime a Mayu. Resta qui e fai nascere i fiori, le dice il Capitano. Fai amicizia con le piante. Solo, accorta se sono piante coi capelli lunghi alte un metro e ottanta. 
 Una buona parola anche per il pupillo Tadashi, e Harlock va via.
 Piangono tutti,
 pure il gatto del Dottor Zero,
 mentre l’Arcadia accende i motori e issa la sua bandiera pirata.
Mayu insegue l’astronave, che si staglia in volo contro un cielo rosso fuoco, proprio come nella sigla di coda del cartone, ma questa volta con lei ci sono gli altri bambini
e tutta l’ex ciurma, con i nomi dei doppiatori originali. Siamo letteralmente ai titoli di coda, alla fine di una grande avventura, e l’occhio ti si imbruschetta ancora dopo tutti questi anni, porca miseria.
Harlock tornerà, ma non sarà più esattamente lo stesso Harlock. Saranno altri attori calati in una parte simile, con la benda e tutto, ma non sarà la stessa cosa. E allora fallo, dai, Capitano. Fallo per tutti noi. Fai il tuo saluto un’ultima volta.
E lui lo fa. E si piange. Questa rubrica parte MALISSIMO, cacchiarola. Banda dei bucanieri, sigla per piacere.

PS: ma il Nano? Dopo un brindisi simbolico di Harlock con Tochiro, e dopo aver visto gli ex membri della ciurma partecipare alla ricostruzione, per omaggiare anche il suo doppiatore ci viene mostrato un’ultima volta il Primo Ministro. Diventato un palazzinaro/speculatore edilizio. No, davvero. Poi uno dice che.

95 commenti:

  1. Che magnifica idea: dei finali dei cartoni spesso e volentieri non ci si ricorda mai, anche perchè le tv facevano un pò i palinsesti che volevano e 9 volte su 10 spostavano o cancellavano una serie e spesso al fine te la perdevi (vedi Conan ragazzo del futuro, in tv non sono mai riuscita a vedere la fine)
    Che lacrimoni veder finire una serie a cui ci si affeziona ;__;

    Ps cmque la palma di peggior ultimo episodio (nel senso che ti lascia proprio con un "mah") a parer mio va a Daitarn III.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me invece la fine di Daitarn III piacque (e ancor di più in età adulta), ha un suo valido perché.
      Per il resto, plaudo anche io all'iniziativa del Doc: è ora di squarciare il velo di nebbia dovuto ai ricordi e ai palinsesti frammentari. Quante volte abbiamo saltato la fine di una serie che ci piaceva tanto a causa della partita di calcetto o di un immeritato "oggi niente TV"? Anni e anni di crucci e tentativi di recuperare riprendendo daccapo, poi magari non era nemmeno colpa nostra perché le puntate finali non le avevano mai doppiate, ma ai tempi ante internet chi poteva saperlo?

      Grande Ale, sii promotore di cultura e cAnoscenza.

      Elimina
    2. Verissimo, oggi si può recuperare in un attimo un episodio perso, ma una volta se te lo perdevi erano cavoili ;__;
      di Daitarn III non mi piaque il concetto di "Ok, nemici sconfitti, ciao, addio, ognuno per la sua strada e chissene" Ed io pensavo "Ma come, dopo mille puntate insieme separarsi così?" ci rimasi assai male XD

      Elimina
    3. Verissimo, oggi si può recuperare in un attimo un episodio perso, ma una volta se te lo perdevi erano cavoili ;__;
      di Daitarn III non mi piaque il concetto di "Ok, nemici sconfitti, ciao, addio, ognuno per la sua strada e chissene" Ed io pensavo "Ma come, dopo mille puntate insieme separarsi così?" ci rimasi assai male XD

      Elimina
    4. Io ho tentato per tipo 10 anni di vedere l'ultima puntata di Lady Oscar, e non ce l'ho mai fatta. Il resto, l'avrò visto a spizzichi e bocconi almeno tre volte, ma l'ultima puntata mai.
      E dire che nemmeno mi faceva impazzire, ma ormai era una questione di principio!

      Elimina
    5. La fine del Daitarn III è uno dei pomi della discordia del mondo nerd. C'è chi ritiene che sia bellissima e mostri come l'eroe terminata la sua vendetta sia ormai vuoto e venga gettato via perché divenuto inutile, l'umanità non più minacciata quindi non serve più (io sono di questa idea). Altri ritengono che, come dice Elisabetta, "Ok, nemici sconfitti, ciao, addio, ognuno per la sua strada e chissene".
      Letture entrambe legittime su cui ci si è già scontrati a queste coordinate.

      Elimina
    6. Per me il finale del Daitarn e' in linea con il personaggio e con la sua forza di spirito della Vendetta ..... Oltre a commuovermi quando spengono le luci

      Elimina
    7. In tema palinsesti, c'erano due cose che da bambino mi facevano imbufalire:
      A) quando toglievano la sigla di coda per far spazio al programma successivo;
      B) (e questo mi faceva smoccolare sul serio) quando saltava la messa in onda di un cartone per trasmettere un qualsivoglia evento sportivo!!!
      Credo sia per questo che ancora oggi (calcio escluso) tendenzialmente ODIO ogni disciplina sportiva + competizioni motoristiche...

      Elimina
    8. La fine del Daitarn, che a sto punto non tarderemo a vedere su questi schermi, col doppiaggio nuovo e corretto ha ancora più chiavi di lettura.
      Più che altro si capisce che la guerra la ha iniziata Banjo per vendicarsi del padre, che ha trasformato madre e fratello (e forse anche lui?) in cyborg.
      Don Zauker è il padre di Banjo trasformato, Koros l'amante, dopo averli uccisi Banjo dice "ma cosa ho fatto!" e saputo che era stato lui ad armare tutto il casotto i vari compagni lo mollano senza nemmeno salutarlo...insomma ben diverso da quello andato in onda da noi dove banjo alla fine diceva "hai avuto quel che meritavi" al cadavere di koros e non si capiva che zauker era il padre di banjo ma sembrava essere il primo meganoide da lui creato e basta ;)

      Elimina
    9. Quante lacrime napulitante ogni volta che finiva un cartone che mi piaceva: ero veramente inconsolabile! Fortuna che ci sono le repliche.

      Plaudo anch'io all'apertura di questa rubrica, così generazioni di nerd capiranno davvero come finisce Astro Robot Contatto Y, di cui si era già discusso da queste parti.

      Elimina
    10. @Degenerato_al_Massimo: concordo: io da piccola volevo gustarmi la sigla e invece zak, tagliata per la pubblicità o altro, per non parlare di quando trasmettevano altri programmi così di punto in bianco..

      Ripeto, ho dovuto aspettare il dvd per vedere il finale di Conan, e su Lady Oscar, il finale integrale lo vidi una sola volta, poi mandarono in onda sempre la versione censurata.

      Idem per il mistero della pietra azzurra: gli ultimi episodi li avevano talmente tanto censurati che non so se sia mai stato trasmesso per intero O.o

      @Drakkan pomo della discordia sto finale, esatto

      Elimina
    11. Finale del daitarn perfetto, l'eroe di fatto scompare ottenuta la sua vendetta, i coprimari comprendono e tornano alla loro vita senza perdersi in troppi sentimentalismi, ed un finale cinematografico con gherison, il maggiordomo, che pronuncia per l'ultima volta 1 2 3 daitarn 3! Sullo sfondo la villa con una luce accesa e l'arrivo di un pulman che portera' lontano il piu' fedele dei servitori della causa, solo ancora una volta

      1 2 3 DAITRN 3!!!!!!!!!!

      Elimina
    12. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    13. Il finale di Daitarn III per tanto tempo ha intristito anche me. Poi ho riflettuto che Banjo, alla fine, si ritrova giovane, forte, bello, ricco sfondato, con mega villa ed auto trasformabile, a fare quello che vuole e senza più nessun nemico. Ci sono situazioni più drammatiche.

      Elimina
  2. Davvero ottima! Ci sono un sacco di cartoni di cui ci siamo persi la fine (anche se poi li abbiamo cercati anni dopo, con l'arrivo di internet ^_^), però ormai la magia era spezzata. Credo di non aver mai visto neanche questa del Capitano. Lacrimoni!
    Grazie.

    RispondiElimina
  3. L’unica rubrica in cui non puoi dire “no spoiler, per il resto andate brooklyn”

    RispondiElimina
  4. Grande rubrica doc!!!!!! Fammi anche il finale di Jeeg prima o poi, me raccumannoooooo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sia Jeeg che Daitarn III (per rispondere ai commenti di Elisabetta e Kobayashi) sono ovviamente tra le primissime scelte per il prossimo appuntamento con la rubrica. Vediamo.

      Elimina
  5. E in tutto questo io premierei Esmeralda come madre dell'anno. Cioè, sta tizia pensa a spararsi le pose in giro per lo spazio con la sua nave a forma di zeppelin rosso, mentre la sua UNICA figlioletta pativa tutte le rogne possibili e immaginabili del mondo. E anzichè cercarla di persona e farle fare una sacrosanta vita da pirata - che tra l'altro sarebbe stato comunque meno pericolosa di quella che invece ha vissuto - lascia che venga cercata per mari e per monti da un altro pirata e dallo spirito del compagno morto XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma davèro. A cantare Please Don't Let Me Be Misunderstood per il cosmo, invece di pensare a quella povera rEgazzina.

      Elimina
    2. questa mi ha fatto quasi ribaltare dalla sedia

      Elimina
  6. Questa rubrica è partita BENISSIMO. Imperdibile.
    E ci sarebbe spazio e materiale, tempo permettendo, pure per la fine di qualche videogame.
    Grazie intanto per l'ennesima gemma !

    RispondiElimina
  7. bellissimissima rubrica! Anche perchè da piccolo ho sempre avuto problemi con la serialità (l'unico cartone di cui beccai il finale fu Pollon, per dire).
    Aspetto tante altre serie :D

    PS: "Ahia ‘cchi maliicàpu," l'ho riconosciuto! è il dialetto di Yokohama, vero?

    RispondiElimina
  8. gran bella idea per la rubrica

    anche io un buon 90% di finali li ho recuperati con internet! C'è da dire che di molti (vedi Mazinga Z o gackeen) manco arrivarono qui da noi.

    Grande doc e grande Harlock l'unico vero capitano

    RispondiElimina
  9. non so,saranno gli occhiali,ma a me il "nano" ricorda Prodi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però lo svantaggio verticale, l'irrefrenabile tendenza a raccontare palle e la carriera da re del mattone con soldi di dubbia provenienza, spingono FORTISSIMO nella direzione suggerita dal Doc...

      Elimina
    2. A me sembrava De Benedetti...

      Elimina
  10. Volano bruschette oggi ;___;

    RispondiElimina
  11. Sto piangendo.

    RispondiElimina
  12. Altro che bruschetta nell'occhio... :( Riuscii a vedere l'ultima puntata solo a distanza di anni, quando ne avevo già una ventina... avevano ripreso a trasmettere tutta la serie su un qualche canale regionale e l'avevo riguardata per intero, quei venti/venticinque minuti erano sacri e nessuno poteva disturbarmi. Ricordo ancora l'effetto devastante dell'ultimo episodio. Magone assurdo nei cinque minuti conclusivi, che esplose in un pianto dirotto quando la voce narrante enunciò: «Così, Capitan Harlock, il fuorilegge, il pirata dello spazio, scomparve nel cosmo in compagnia del suo migliore amico, tanti e tanti anni fa, nel 2979.»
    Roba che il Niagara in confronto a me sarebbe sembrato un torrentello... :'( Roba che mia madre, vedendomi, si preoccupò da matti. "Oddio, cos'è successo, cos'hai?!" "Mammaaaa, è finito Harloooock! Se n'è andato nello spazio!" "...Ma ti venisse..." (tra l'altro, colpa sua che lo guardava quand'era incinta di me e mi ha trasmesso l'amore per il Capitano via placenta)

    Comunque, finito il momento mariomerolo, bella rubrica: magari è la volta che scopro anch'io com'è andato a finire qualche cartone che non riuscii mai a concludere. :D

    RispondiElimina
  13. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissima rubrica, aspetto anche io Jeeg e il Daitarn che sono i miei preferiti in assoluto relativamente alle saghe robotiche.
      Per Jeeg attenzione che l'ultima puntata è un mega riassunto e il finale vero lo si vede nella penultima.

      OT
      Sono tornato domenica dalla montagna ed ho scoperto che tutti quelli che volevano vedere il film del Capitano sono già andati a vederlo, adesso devo decidermi sul da farsi.

      OT per Doc
      quest'anno ho sciato (poco causa Moglie) in compagnia di un ragazzo che ha imparato a sciare a Camigliatello Silano.

      Elimina
    2. Quindi ha imparato ad Asgard. ;)

      Elimina
  14. Pericolosamente prossima a diventare la rubrica preferita. Per la programmazione criminale di OdeonTv ho desistito dal conoscere i destini dei cavalieri dello zodiaco (c'erano sempre puntate di introspezione coperti di sangue vicino alla casa del toro). Vorrei consigliare però qualche serie da NON includere in questa rubrica;
    - JudoBoy (tutte le puntate ad estinguere monocoli, come andrà mai a finire?!?)
    - Hurricane Polimar (rapina, indagine e botte per ogni puntata)
    - I Superboys (Shingo perde una partita sotto la pioggia e torna ad allenarsi duramente. Tutte le puntate. Mai vinta una partita.)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bhe, su Judo Boy ad un certo punto il protagonista riesce a ritrovare il monocolo che uccise il padre, e ci prende un fracco di botte, con tanto di umiliazione, nel senso che quando affrontò il padre di Sanshiro l'orbo, per averne ragione, dovette arrivare ad ucciderlo, mentre per lui sono bastati i calci in coolo.

      Elimina
  15. Io vorrei il finale di Jungle Taitei, ma tanto quel cartone lo guardavo solo io..... >_>

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si certo come no . Il re leone albino lo guardavano a greggi tutti , nun te preoccupà .

      Elimina
    2. Eh, non dovevo vivevo io! :(

      Elimina
  16. Uh, questa rubrica è brutta perchè mi fa piangere come un vitello. Quella sul Daitarn la salto, se no poi rimango abbacchiato tutta la giornata :(

    RispondiElimina
  17. Uno dei più bei cartoni animati di sempre! Guardi Harlock e trovi stupidi tutti i robottoni di Go Nagai che hai apprezzato per due decenni!

    Per le prossime puntate della rubrica, suggerisco il finale di "Zambot 3".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. concordo, senza togliere nulla a Nagai, ma tra IL CAPITANO e i robottoni nagaiani c'è un abisso colossale sia di qualità della storia sia di tematiche

      Elimina
  18. Nuova rubrica da bruschette nell'occhio .... Il Capitano va' la' dove solo il Lui puo' andare , nel pianeta dei Bassisti Carismatici e poi........

    O.t. A me il film e' piaciuto ... Che faccio, restituisco la Tessera da Antrista ?

    RispondiElimina
  19. Qualche anno fa ad una maratona anime al cinematografo, mi è capitato di vedere un film di Harlock che non saprei dire se fosse originale o farloccato appiccicando più puntate della serie. Fatto sta che di questo film ricordo soltanto un finale grottesco che ruotava attorno alla ricostruzione del pianeta dopo un qualche conflitto che, fra le altre cose, aveva decimato la popolazione femminile. In particolare ricordo un'agghiacciante voce fuori campo che si arrampicava in virtuosistici giochi di parole per dire che per i molti uomini sopravvissuti sarebbero stati lunghi anni di vacche magre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Detto così stai parlando, forse, del film "L'Arcadia della mia Giovinezza".
      Il film narra le origini di Harlock (come perde l'occhio per esempio), è cronologicamente l'inizio della sua carriera di Pirata e da il via alla serie ssx, antefatto sempre della serie classica (quella citata nel post).
      Il popolo che si estingue non è quello della terra ma di un altro pianeta e comunque alla fine muoiono tutti, non solo le donne (quelle poco prima).

      Elimina
    2. Aggiungo che tutto l'altro materiale di Harlock, all'infuori di endless odissey e della serie originale ovviamente,(tipo arcadia della mia giovinezza o anello dei nibelunghi) lo ho trovato davvero molto mediocre e noioso...vedremo il film...

      Elimina
    3. Grazie, il film è sicuramente quello, ne conservo un pessimo ricordo, anche tecnicamente mi pare fosse molto raffazzonato, è effettivamente così?

      Elimina
    4. "L'Arcadia della mia giovinezza" ce l'ho in VHS, e da quanto ricordo, purtroppo (anche se in questo momento mi sta venendo voglia di rivederlo) confermo che anche a me era parso molto noioso. Come qualita' dell'animazione pero' non era affatto male...

      Elimina
    5. Definirlo raffazzonato non mi sembra giusto, poteva essere sviluppato meglio. La trama è talvolta noiosa, lenta e con qualche buco mentre verso la fine la narrazione accelera e condensa molto alcuni elementi.

      Bella l'idea degli antenati che si incontrano e molto molto bassista carismatico l'arrivo di Harlock sulla terra con la Death Shadow (la nave di Harlock quando era nell'esercito).

      Elimina
    6. Di tutto quello che è venuto dopo la serie classica, salvo solo, ma senza particolare entusiasmo, The Endless Odyssey.

      Elimina
    7. Quoto il non particolare entusiasmo su endless, che ha delle sequenze molto molto molto fighe, annacquate purtroppo in un oceano di noia.
      Si poteva condensare tranquillamente ;)

      Elimina
  20. So che non le farai mai Doc , ma le serie animate con i finali più contorti e malati ce li hanno le serie shojo , tipo Georgie .
    Se volete farvi del male andate su wikipedia a leggerlo . Ecco perchè le donne della nostra generazione sarebbero cresciute con così tanti problemi emotivi .

    RispondiElimina
  21. so che molti avranno da ridire ma il finale di harlock non mi piace perché giustifica in qualche modo il genocidio delle mazoniane (secondo me). comunque la rubrica è un'idea carina.

    RispondiElimina
  22. Tutto bellissimo Doc, ma avresti dovuto intitolare la rubrica " Com'è andata a fini... Ah!"

    RispondiElimina
  23. Con in sottofondo la sigla finale di Harlock, non posso che farti i complimenti per questa nuova rubrica.
    E' vero: in molti casi, dopo aver seguitto un frappilione di puntate del tuo cartone animato preferito non sapevi com'era andata a finire la serie perche'... be', o perche' in Italia l'ultima puntata non l'avevano mai trasmessa, oppure perche' il giorno in cui la trasmettevano - mannaggia li pescetti - c'avevi basket/piscina/un frappo di compiti da fare/eri stato punito per una qualche innocente marachella e privato della TV. Ed il giorno dopo, quando ti ricollegavi e vedevi di nuovo la prima puntata (perche' tanto le serie le mandavano a ripetizione) piangevi lacrime napuletane!
    Quindi, ottimissimissima idea!!!! Anch'io non vedo l'ora di ripassarmi la fine (tristissima) di Daitarn o Jeeg, ma anche di tante altre serie. Continua cosi', Doc (saluto alla Harlock!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ginny Hermione9 gennaio 2014 11:48

      Alle cause di perdita delle ultime puntate aggiungerei:
      - prima comunione o cresima
      - gita scolastica
      - arrivo di nonni o zii che vivevano a non meno di 400 km di distanza
      - ricovero al pronto soccorso per incidente di pallone o di bicicletta o per lite con compagno antipatico

      Elimina
  24. Volevo segnalare il finale aperto del manga che, come da tradizione di Gigi Matsumoto, lascia tantissimo in sospeso. L'Arcadia si dirige verso la Flotta Mazoniana... Fine.

    Nel manga non esiste nemmeno Mayu, la bimba di Tochiro e Emeraldas...

    RispondiElimina
  25. Granderrima rubrica!! Soprattutto mi da modo di conoscere meglio (insieme ai post sulla prima puntata) capolavori del piccoloschermò che non mi sono potuto godere per motivi anagrafici. Grande anche la citazione di Elio ahah :D

    RispondiElimina
  26. Granderrima rubrica!! Soprattutto mi da modo di conoscere meglio (insieme ai post sulla prima puntata) capolavori del piccoloschermò che non mi sono potuto godere per motivi anagrafici. Grande anche la citazione di Elio ahah :D

    RispondiElimina
  27. No basta, sono anni che resisto ma dopo questa rubrica ho deciso che mi devo assolutamente comprare un modellino dell'arcadia!
    Quella di questo cartone però non quella verde col teschio (bella comunque). Vado a cercare...mannaggia all'Antro. Altri soldi che spariscono.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La deatshadow blu aoshima la ristampano tra poco (con luci e metallo, tanto), anche se è un pochino più affusolata e meno fedel al cartone anni 70 di alcuni kit di montaggio, è una delle navi migliori in circolazione.

      Se sei interessato comincia a guardarti in giro per i preordini (aoshima arcadia deathshadow anime color) ;)

      Elimina
  28. Alla sua prima messa in onda, parlo del mistero della pietra azzurra, non lo segui con troppa volonta, ma anni dopo alle superiore ho seguito la repliche la mattina dal lunedi' al venerdi' su italia1 prima di andare a scuola, perdevo la puntata del sabato perche' la trasmettevano mezzora dopo, mi sono innamorato di nadia, ho patito la fine del nautilus, compreso il segreto dell'isola misteriosa, apprezato il valore del trio stile time bokan, stupito per l'arrivo del nuovo nautilus, battaglia finale contro i tipi col mascherone, ma vada via che l'ultima puntata me l'hanno fatta sabato e il lunedi' mi facevano gli OAV a pezzi, chissa che sara' mai successo ma soprattutto CHI HA UCCISO LAURA PALMER

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questo l'ho chiesto a Leopaldon ma non mi ha mai risposto

      Elimina
    2. Perché sei raccomandato.

      Bdùm, tshhhh!

      Elimina
    3. occhio a sottovalutare i poteri dei newtype!

      Elimina
  29. le Mazoniane li stanno attaccando da dietro e non frontalmente come al solito. È il temibile attacco Sotomayor, occhio!, grida qualcuno.

    .....lunga pausa....causa risata isterica....ATTENDERE PREGO.....dopo circa 15 minuti ripiglio fiato e continuo la lettura...

    RispondiElimina
  30. Notavo ora la finezza che non ho notato in pausa-pranzo-di-corsa , che il titolo è in backtothefuture style. Bello . Ci sta abbestia.

    RispondiElimina
  31. Grandissima nuova rubrica, personalmente ricorderò a malapena il 10% dei finali di tutti gli anime che seguivo da ragazzino, ci voleva proprio

    RispondiElimina
  32. bella bella bellissima nuova rubrica! Mi sono commosso anche se non ho praticamente mai visto Harlock! (si, ok, ora consegno la tessera dell'antro all'uscita :( )

    parlando di altri cartoni, ricordo troppo con il magone la fine de "I predatori del tempo" Quante lacrime!

    (sai Doc, qual è un cartone che potrebbe meritare, per il suo essere assurdo? Il cartone sulle mini 4wd. Puntata finale al limite dell'immaginabile!.

    RispondiElimina
  33. Grandissimo post Doc, ne avevo bisogno per rinfrescarmi un po di cose su Harlock!

    RispondiElimina
  34. Complimenti Doc, bellissima rubrica, soprattutto per chi, come me, non è riuscito quasi mai a vedere un finale (a parte Zambot 3, ma da quello mi devo ancora riprendere...)

    RispondiElimina
  35. Bellissima rubrica Doc, anche perché da bambina credo di non essere riuscita a vedere un finale che fosse uno.
    Comunque la tecnica per sconfiggere Raflesia Harlock l'ha imparata da Rei di Ken il Guerriero.

    RispondiElimina
  36. Il finale di Zambot è un cazzotto nello stomaco dato da Ivan Drago, Rocky Balboa e Apollo Creed contemporaneamente ma anche una delle ultime puntate non scherza (io ho 35 anni e sono un omaccione ma a quella puntata che non spoilero ho pianto a dirotto e mi sono turbato parecchio)

    RispondiElimina
  37. Finalmente!!! Sai di quante serie all'epoca mi sono perso il finale e non sono più riuscito a recuperarlo, e Capitan Harlock era proprio una di queste!! Grandissimo Doc, continua così!!!

    RispondiElimina
  38. Doc, Mi vien da pensare che, per amor di spettacolo, metti sempre il riferimento al ciglio umido e all'occhio imbruschettato. Poi, per quel che ti si conosce, si realizza che invece, nonostante la buona volontà da uomo di svariati anni e blogger padrone dell'internetto, ti ritrovi a piangere sul serio.

    RispondiElimina
  39. Il manga si conclude esattamente prima dello scontro con le Mazoniane, con Harlock e la sua ciurma che si dirigono con l'Arcadia contro il destino rappresentato dall'infinita flotta di Radesia & Co. Per anni ho creduto che la conseguenza fosse nientemeno che una romanticissima, inevitabile e conscia morte. Un sacrificio per il proprio pianeta.
    Anche perché ancora prima di leggere il fumetto, verso la fine dei '90 di puntate dell'anime ne avevo viste un po' (grazie a mia madre, che negli '80 me ne aveva registrate su vhs dalla tv anni prima che nascessi, assieme a molti altri cartoni e film dell'epoca, apposta per tenermele e farmele vedere quando fossi poi effettivamente esistito), ma erano solo episodi sparsi qua e là, e quindi non sapevo dell'esistenza del finale "non aperto" del cartoon.
    Anni dopo comprai tutta la serie in dvd. Beh, che sorpresa!

    RispondiElimina
  40. Questa diventerà una delle mie sezioni preferite. Se c'è una cosa su cui mi fossilizzo è proprio la fine delle serie e dei cartoni animati.
    Ricordo ancora la fine dello Zambot III (non spoilero ma altro che bruschette!!)

    PS: Doc ti odio! Juve Roma, nonostante le bastonate prese, ogni volta che dicevano "Ci colleghiamo con "GUARDALA'" dalla panchina" io ridevo da solo, sul divano, sotto lo sguardo incredulo della signora!

    RispondiElimina
  41. Ammazza che gnocca Raflesia.
    E non mi si venga a dire, in Italia, che Capitan Harlock è quell'altra cosa lì, che poi il teschio davanti, nella serie tv, ma de che?! Ma quando mai? Nella serie spezzata a episodi su m...aset?
    Il capitano è uno soltanto e nemmeno nell'ultimo episodio vedo teschi enormi sul muso dell'aLkadia.

    RispondiElimina
  42. Bella rubrica, penso che ne possano seguire grandi cose. Chissà in vita mia di quante serie mi sono perso il finale (per colpa mia o perché magari non hanno mai trasmesso in Italia le ultime puntate)...

    Ah, mi è venuto in mente uno spunto che potresti utilizzare per qualche altro post (non so se tu lo abbia già fatto... se sì, scusami):
    Pensando alla figura da "bassista carismatico" di Harlock, pensavo che potresti dedicare un post proprio a tale tipo di personaggio... iniziando da una spiegazione del concetto, per poi passare in rassegna vari esempi, presi magari sia dal mondo della fiction (cartoni, film, ecc.) che dal mondo reale. Magari prendendo sia in considerazione dei veri "bassisti" (musicisti) carismatici, che personaggi che lo sono solo per estensione (tipo Harlock o Phoenix).
    In alternativa (o in complemento), in qualche post parlare di serie che hanno come protagonisti dei gruppi musicali, nei quali potrebbero essere presenti dei "bassisti carimastici" veri e propri (così su due piedi, le prime serie che mi vengono in mente con gruppi musicali sono Beck Mongolian Chop Squad e Nana, che forse però sono un po' recenti per gli standard dell'Antro... negli anni 80 non mi vengono in mente molti gruppi musicali nei cartoon, a parte i Beehive....). Boh!

    Io ho buttato lì un paio di spunti, poi vedi tu se qualcosa ti ispira.

    Ciao e complimenti per tutto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gig. Qualcosa del genere la trovi qui.

      Elimina
    2. Grazie, Doc.

      Post interessante. Certo però che, se come dici in quel post, "Il bassista carismatico non è mai un leader", allora Harlock come lo si può catalogare? :-/

      Elimina
    3. Come l'eccezione che conferma la regola? :D

      Elimina
    4. Ginny Hermione9 gennaio 2014 12:00

      Eppure negli anni 80 le serie musicali non mancavano, il fatto è che erano tutte per ragazze: "L'incantevole Creamy", in cui la protagonista usava la formula magica "pampulu pimpulu parimpampum"; "Jane e Micci", che era ante litteram "Il 7 e l'8" di Ficarra e Picone perché le due protagoniste erano state scambiate in culla, con sigla di Nico Fidenco; e soprattutto "Jem e le Holograms", già citata nell' Antro.

      Elimina
  43. grande rubrica Doc! anch'io nella combriccola dei finali persi nei confusi palinsesti italici o per puntate saltate...

    RispondiElimina
  44. cacchio, questa rubrica ha anche il suo rovescio...
    penso che sarà cosi' per molti cartoni :'(

    RispondiElimina
  45. Signora rubrica, degna compare della prima puntata etc...
    Me gusta :D

    RispondiElimina
  46. Ginny Hermione9 gennaio 2014 10:22

    Ma come finale di Jeeg vale "Fino all'ultimo respiro" (cioè il finale effettivo) o "Verso la vittoria" (cioè la puntata-bignamino che racchiude in una ventina di minuti i punti salienti dell'intera vicenda)?

    RispondiElimina
  47. Maria Luisa
    "......ed ha visto un paio di bocce che buttale via" : mezzora di risate.
    Ma il Capitano può fare quello che vuole <3
    Maria Luisa di Milano
    P.S.: chiedo venia se risulto come anonima, ma sono una totale impedita con registrazioni & c.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria Luisa. Per commentare, loggati (clicca su "Unisciti a questo sito" nel riquadro Club Antristi, colonna destra, in alto. Oppure usa l'opzione "Nome/Url" nel menu a tendina accanto a "Rispondi come", sotto il modulo dei commenti.

      Elimina
    2. ......moh vediamo se ha funzionato l'iscrizione come antrista, sennò confermo la mia totale inettitudine per registrazioni ed affini.
      Membro dell'equipaggio dell'Alkadia a rapporto, già dal '79 (sin da marmocchia, cioè). Guai a chi mi tocca il Capitano, è il mio mentore, se son individualista è tutta colpa sua. Ricordo eccome l'ultima puntata, rivista qualche anno fa su Sky: ho pianto come un vitello.

      Elimina
  48. doc, senza offesa ma sta rubrica è na sega: ma tipo uno che si vuole recuperare vecchie serie perché per motivi anagrafici se l'è perse, entra nel tuo blog e che succede? si vede spoilerato il finale
    Eh no eh, così non si fa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È una serie del '78. Se vuoi, non ti racconto neanche come finisce la Divina Commedia.
      Jokes aside: pure se fosse, il titolo e l'incipit del post sono sufficientemente chiari. Se proprio, basta non leggere.

      Elimina
  49. Ginny Hermione13 gennaio 2014 18:25

    Vorrei far notare che il saluto del capitano è un gesto religioso: è infatti quello con cui i preti ortodossi impartiscono la benedizione. Unica differenza, la vera benedizione alla greca si impartisce con la mano destra, mentre Harlock saluta con la sinistra.

    RispondiElimina

I commenti anonimi vengono eliminati dai filtri antispam e, nel caso superino i filtri, irrisi ed eliminati uguale: non usateli.

Related Posts with Thumbnails